Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Glenn Gould. Politica della musica

 | 
Marco Gatto

Epigrafe

Texte intégral

L’esecutore interpreta per il pubblico: egli si trova perciò singolarmente stimolato a una maggiore penetrazione e rivelazione dell’opera, perché deve farne operare l’effetto non solo su di sé, ma anche sugli altri, e deve aumentarne l’evidenza estetica per guidare e facilitare l’esecuzione che l’ascoltatore o spettatore deve darne per conto proprio. Inoltre il pubblico è sempre determinato e concreto, e l’esecutore deve abituarsi a sentirlo e a prevederne le capacità e le esigenze: questa sensibilità e questa previsione si ripercuotono sul suo modo d’interpretare e d’eseguire, non solo nel senso ch’egli darà interpretazioni diverse a seconda dell’uditorio, ma soprattutto nel senso che i diversi intenti ch’egli propone a seconda del diverso pubblico, sia ch’egli voglia soddisfarlo e secondarlo e venirgli incontro, o piuttosto convincerlo e persuaderlo e educarlo, gli si trasformano in diversi modi di accedere all’opera; sì che l’intervento del pubblico è esso stesso, nella concreta coscienza dell’esecutore, un nuovo organo di penetrazione dell’opera.

Luigi Pareyson, Estetica. Teoria della formatività [1988]

 

Vera è la cultura solo in quanto è implicitamente critica, e lo spirito che di ciò si dimentichi si vendica di se stesso nei critici che ha allevato. La critica è un elemento irrinunciabile dell’in sé contraddittoria cultura e, pur nella non verità, ancor sempre vera quanto non vera è la cultura. Non in quanto dissolve la cultura, la critica opera falsamente – sarebbe ancora il meglio, questo – bensì in quanto obbedisce attraverso il non obbedire.

Theodor W. Adorno, Critica della cultura e società [1949]

© Rosenberg & Sellier, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540