Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Au carrefour des routes d’Europe : la chanson de geste. Tome I

La tesi di bedier e le prospettive attuali della storiografia sui pellegrinaggi

III Le due France

Fiorella Simoni

Texte intégral

  • 1 J. Bédier, Les légendes épiques. Recherches sur la formation des chansons de geste, I, Le cycle de (...)
  • 2 Ibid., pp. 100-109, 364-429, ma si vedano le fondamentali osservazioni di U. Mölk, La liturgie de (...)

1E' noto che la tesi di Bédier si è andata formando a partire dall'esame del ciclo di Guglielmo d'Orange, la cui leggenda -secondo Bédier originata dalle memorie locali sul Guglielmo conte di Tolosa resosi monaco ad Aniane e morto a Gellone nell'anno 806- si sarebbe sviluppata in forma poetica intorno ai centri di culto e pellegrinaggio di Saint-Guilhem-le-Désert o Gellone (Hérault), Saint-Gilles (Gard), Brioude (Haute-Loire), in connessione più o meno diretta con il grande movimento di pellegrini verso S. Giacomo di Galizia1. Il ricordo pressocché costante, pur se circoscritto in pochi versi, di queste località nelle varie chansons su Guglielmo, ha costituito per Bédier uno dei punti di appoggio alla sua teoria2. Ma la presenza -o l'assenza- di tale ricordo, se esaminata con un diverso taglio di attenzione in connessione con la presenza di ulteriori menzioni territoriali, invia segnali che non riguardano solo i movimenti di uomini e di idee lungo le varie vie lattee, ma arrivano a coinvolgere la realtà e l'immagine politico-territoriale della Francia, registrando e promuovendo, per più di un secolo, una trama di raccordo continuo tra le terre a nord ed a sud della Loira.

2Come primo parziale saggio di una ricerca che dovrebbe assumere proporzioni più vaste, estendendosi ad altre chansons de geste, segnalo qui di seguito, in maniera sintetica, l'emergere di questo raccordo tra nord e sud in alcune delle chansons del ciclo di Guglielmo, soffermandomi sull'eventuale ruolo giuocato in questo raccordo dalle menzioni delle località di S. Giacomo di Galizia, Saint-Gilles, Gellone, Brioude.

1) Chanson de Guillaume3

  • 3 La Chanson de Guillaume, ed. D. McMillan (Société des anciens textes français), 2 voll., Paris 194 (...)
  • 4 Cfr. J. Frappier, Les chansons de geste du cycle de Guillaume d'Orange, I, La Chanson de Guillaume (...)
  • 5 Una messa a punto sulla questione in Wathelet-Willem, Recherches cit., I, pp. 603-609.

3Il nome tradizionalmente designa l'insieme del testo di Londra, formato peraltro da due parti comunemente note come G1 e G2 che, rispettivamente, narrano della battaglia ove trova la morte il nipote del protagonista e della spedizione di rivalsa da questi organizzata4. Di tale discussa chanson -il cui testo nel suo insieme è fatto risalire ad un'epoca circoscritta entro la prima metà del xii secolo- uno dei punti più discussi riguarda la identificazione territoriale dell'enigmatico Archamp o Larchamp, centro ideale della chanson ed elemento di unificazione tra G1 e G2 oltre che terreno di battaglia dove per tre volte si affrontano cristiani e saraceni5.

  • 6 Per una informazione sul dibattito erudito sulla geografia del Guillaume cfr. Frappier, Les chanso (...)

4Molto è stato scritto, con toni talvolta anche aspri, sulla geografia del Guillaume, sulle contraddizioni tra G1 e G2 (Guglielmo che in G1 parte da Barcellona in G2 torna ad Orange), sulle incoerenze nell'ambito di G1, e soprattutto sulla indeterminatezza dell' Archamp, che di volta in volta appare presso la Gironda, presso Bourges nel Berry, presso Barcellona, luogo dello spirito più che dello spazio ed anche, più prosaicamente, nome comune piuttosto che nome proprio6.

  • 7 Wathelet-Willem, Recherches cit., I, pp. 686-717. Cfr. anche Wathelet-Willem, Réflexions sur la Ch (...)

5Jeanne Wathelet-Willem, sulla scorta anche di numerosi studi di Rita Lejeune, attribuisce l'incertezza geografica del Guillaume (e dei testi correlati) ai diversi nodi narrativi confluenti nell'opera. A suo avviso G1 costituirebbe infatti l'ampliamento di una precedente fusione (attuata nella seconda metà del secolo xi) fra due narrazioni distinte, relative alle gloriose disfatte subite rispettivamente da Guglielmo di Tolosa nel 793 e da un Viviano di Tours nell'anno 851 ; G2 a sua volta rappresenterebbe il rimaneggiamento di una precedente storia di rivalsa che, forgiata agli albori del xii secolo, avrebbe fatto acquisire al Guglielmo di Tolosa l'identità di un leggendario conquistatore di Orange (che l'A. tende ad identificare con Guglielmo il Liberatore di Provenza, vittorioso sui saraceni nel 972), già a sua volta verosimilmente oggetto di materia epica7.

  • 8 La Chanson de Guillaume, ed. cit., I, v. 1789.
  • 9 Ibid., v. 963.
  • 10 Ibid., vv. 2261-2262, 2511. Cfr. Wathelet-Willem, Recherches cit., I, p. 597.
  • 11 La Chanson de Guillaume, ed. cit., I, vv. 2424, 2586, 2803.

6Ma sia che si tenda a moltiplicare, sia che si tenda a ridurre gli elementi di stratificazione presenti nel Guillaume, resta comunque il fatto, cosi ovvio da poter ancora rivelare qualcosa, che nella chanson nel suo complesso l'azione bellica si svolge tutta in una terra meridionale, che in G1 è sentita come unità indistinta (la mobilità stessa dell' Archamp lo conferma) dall'Atlantico e dall'ansa della Loira fino al versante sud dei Pirenei. In G1 nessuna località a nord della Loira è menzionata. Unico legame con il nord è la figura stessa del sovrano, Luigi, di cui viene detto che risiede in Francia8, una Francia che è un referente ideale e mentale ma che in concreto, come territorî del nord, non ha alcuno spazio in G1, dove peraltro Francia è anche tutto il sud esposto alla invasione saracena9. In G2 le coordinate geografiche si diversificano alquanto : cosi Tours è considerata Francia mentre la zona di Orange (nella quale si stabilizza l'Archamp) è denominata Spagna10 ; inoltre la Francia di Luigi, che è ancora un referente ideale e mentale, si concreta nelle località di Laon, Parigi e Saint-Denis, Aix-la-Chapelle11. Ma mentre si attua questa diversificazione, un legame diretto con le terre del nord, assente in G1, assurge in G2 a motivo dominante del poema, nel viaggio di Guglielmo a Laon per chiedere soccorso all'imbelle e riluttante Luigi.

7Il senso di questo episodio, per i fini che qui ci proponiamo, diviene particolarmente esplicito nelle parole con le quali uno dei sostenitori di Guglielmo, Baldovino di Fiandra, riesce infine a convincere Luigi ad accordare il suo aiuto :

  • 12 Ibid., vv. 2584-2586. Cfr. Wathelet-Willem, Recherches cit., I, pp. 358-359 n. 417, p. 619.

"S'il [i saraceni] unt Orenge, puis unt Espaigne quite,
Puis passerunt as porz desuz Saint Gille ;
S'il unt Paris, puis avront Saint Denise"12.

  • 13 La Chanson de Guillaume, ed. cit., I, vv. 2414-2416. Si tratta dei versi nei quali Guglielmo, dopo (...)

8E' da notare che la menzione di Saint-Gilles, nella Chanson de Guillaume, non è legata in alcun modo ad una dimensione di culto o di pellegrinaggio (dimensione che peraltro e totalmente estranea a G1 e che in G2 affiora solo in connessione con Mont-Saint-Michel e con Roma)13, ma ha una sua ragione di essere in un ideale collegamento diretto della zona pireneico-mediterranea con Parigi e Saint-Denis, località cuore della monarchia francese.

  • 14 Chronicon S. Petri Vivi, in Académie des Inscriptions et Belles-Lettres. Recueil des historiens de (...)
  • 15 Ibid., p. 282.
  • 16 Sulla via Regordane cfr. C. Brunei, Le nom de la voie Regordane, in "Romania" 79 (1958), pp. 289-3 (...)

9Di questo ideale collegamento abbiamo una significativa testimonianza, per gli albori del xii secolo, nella Chronique de Saint-Pierre-le—Vif de Sens, ove il cronista, all' anno 1109, riferisce di aver incontrato ad Orcet, "in pago Arvernico", "in publica via qua ad Sanctum Egidium itur", il vescovo di Barcellona che tornava dall'aver chiesto l'aiuto del re Luigi VI in favore della Catalogna minacciata dagli Almoravidi14. In quell'occasione il vescovo ed i suoi compagni avevano narrato che gli Almoravidi si erano spinti fino a due o tre giornate di marcia da Barcellona ; ed avevano aggiunto anche "quod suprascriptae gentes [gli Almoravidi] a Montepessulo non longius erant, quam itinere quinque dierum, similiter et de Sancto Egidio"15. Per quanto inefficace per ottenere l'aiuto di Luigi, preso negli affari interni del suo regno, è ovvio che nell'intento del vescovo la menzione di Saint-Gilles e di Montpellier doveva essere ritenuta atta a risvegliare la coscienza di un pericolo comune ed a suscitare sentimenti di solidarietà. Le parole del vescovo di Barcellona, e la sua stessa presenza su di una strada (la via Regordane)16 che attraverso il Massiccio Centrale offriva un collegamento diretto tra la Francia del nord e Saint-Gilles, costituiscono dunque un esempio di una duplice funzione di raccordo attribuita a Saint-Gilles, sia tra il nord ed il sud della Francia, sia tra la Francia stessa e l'orbita pireneico-mediterranea.

  • 17 Cfr. pp. 62 sgg.

10Su questa duplice funzione di raccordo, specialmente nel suo primo aspetto, si soffermerà poi a lungo lo Charroi de Nîmes, dove l'ideale collegamento diretto tra Saint-Gilles e Parigi (nel Guillaume prospettato come possibile via di penetrazione mussulmana) si preciserà secondo un itinerario, una strada, delle tappe di marcia : in una prospettiva tuttavia ribaltata -di attacco cristiano ai territori saraceni- che muove dal nord verso Saint-Gilles ; e con una mutata attenzione, volta anche alla configurazione interna della Francia17.

  • 18 Cfr. F. Lot, Etudes sur les légendes épiques françaises, IV, Le cycle de Guillaume d'Orange, in "R (...)

11In sintesi la Chanson de Guillaume, mentre dal punto di vista specifico dei pellegrinaggi non sembra registrare alcun segnale18, dal punto di vista più ampio della attenzione territoriale presenta una immagine della Francia che in larga misura prescinde dalla sua configurazione interna, per cogliere quasi esclusivamente una funzione di polarità contrapposta al mondo islamico. Il Guillaume sostanzialmente non modifica mai questo angolo di visuale, e se è vero che la rappresentazione della regalità in G2 registra il segnale di una regalità debole, la funzione di collegamento tra il nord ed il sud affidata all'eroe eponimo non è - come avverrà in altre chansons - quella di un raccordo tra la corona e le entità territoriali limitrofe, in particolare del mezzogiorno. Nel Guillaume lo spessore immaginario (e quindi la consistenza storica) del protagonista poggia sulla funzione complessiva di baluardo attribuita al Guglielmo epico -e per suo tramite ai territori del sud-nei confronti di un mondo islamico che nel secolo xi condizionava pesantemente la penisola iberica e che, come ricordo e come minaccia, ancora coinvolgeva intimamente i territori francesi.

2) Couronnement de Louis19

  • 19 Les Rédactions en vers du Couronnement de Louis, ed. Y.G. Lepage (Textes littéraires français), Ge (...)
  • 20 Per un analisi dell'opera cfr. Frappier, Les chansons cit., II, Le Couronnement de Louis, Le Charr (...)
  • 21 ... Couronnement de Louis, ed. cit., Rédaction AB, vv. 1368-2200, pp. 195-333 ; Rédaction C, vv. 1 (...)
  • 22 Ibid., Rédactions AB, vv. 1990-2021, pp. 297-303 ; Rédaction C, vv. 1769-1809, pp. 296-302.

12Di questa chanson, la cui composizione è generalmente collocata intorno alla metà del xii secolo, e che narra le vicende della gioventù di Guglielmo20, si prende qui in considerazione il terzo episodio21. Dall'Italia dove si era recato pellegrino -trovandosi poi coinvolto in una guerra contro i saraceni- Guglielmo torna in Francia per soccorrere Luigi che, a Tours, corre il rischio di venire spodestato dal duca di Normandia ; assicurato nuovamente il trono a Luigi, Guglielmo conquista il Poitou con tre anni di continue lotte, quindi assoggetta il re "Amaronde" a Bordeaux ed il re "Dagoubert de Cartage" a "Pierrelarge" (Peralada nei Pirenei orientali o Pierrelatte, Drôme), si dirige poi verso "Amadore" (forse Andorra) ed assale infine Saint-Gilles risparmiando la chiesa ed assoggettando "Julien, qui gardoit la contree"22 ; al termine di questa serie di imprese Guglielmo decide di recarsi "vers douce France" seguendo un itinerario che dal Poitou, costeggiando la Bretagna e con una sosta a Mont-Saint-Michel (un pellegrinaggio ?), lo conduce, attraverso il Cotentin, fino a Rouen e quindi a Lyons-la-Forêt dove sfugge ad un imboscata tesagli dal duca di Normandia che, nuovamente sconfitto, è da Guglielmo condotto prigioniero ad Orléans presso il re.

  • 23 Bédier, Les légendes cit., I, pp. 270-271.
  • 24 Frappier, Les chansons cit., II, p. 104.
  • 25 Si vedano ad esempio i versi nei quali Guglielmo manifesta l'intenzione di recarsi in Francia, con (...)

13E' molto difficile, anche se alcuni hanno saputo farlo con grande abilità, competere con l'oratoria di Bédier, particolarmente incalzante nello smantellare punto per punto la storicità del terzo episodio del Couronnement : "Jamais Tours n'a été le théâtre d'événements qui rappellent en quoi que ce soit les incidents du poème. - Jamais, à Tours ni ailleurs, aucun roi de France, qu'il s'appelât Louis ou autrement, n'a été le prisonnier des moines d'un monastère. - Jamais aucun Guillaume n'est venu, de Rome ni d'ailleurs, délivrer de captivité aucun roi de France. - Jamais aucun roi de France, prisonnier de vassaux rebelles, n'a été tiré de prison par un combat livré dans les rues d'une ville quelconque. - Jamais aucun personnage, qu'il se nommât Guillaume ou autrement, n'a entrepris pour un roi de France quelconque la conquête du Poitou ; - ni celle de Bordeaux et de son roi fabuleux Amarmonde ; - ni la conquête de Saint-Gilles et de son comte chimérique Julien ; - ni celle de la terre inconnue d'Annadore ; - ni celle de Pierrelate et de son roi au nom singulier, Dagobert de Carthage"23. Tale requisitoria è forse tra le pagine più citate delle Légendes épiques, né si può non condividerne il senso generale, tenendo però presente l'avvertimento di Frappier, che "il ne faut pas pousser trop loin l'interprétation "ahistorique" de ce troisième épisode"24. Senza smarrirsi alla ricerca di punti di contatto con eventi storici che fatalmente andrebbero a collocarsi nell'arco di almeno tre secoli e mezzo -dalla nomina del quattren-ne figlio di Carlomagno a re di Aquitania (781) fino alla associazione al trono di Francia dell'undicenne Luigi VII (1131), o meglio fino alla data dello scioglimento del matrimonio di questi con Eleonora d'Aquitania (1152) -, ci si può allora limitare a constatare che nel Couronnement il Guglielmo epico garantisce al suo sovrano i confini meridionali, occidentali e nord-occidentali del regno, un regno che nel suo complesso è denominato Francia, anche se poi la Francia viene identificata con il territorio di Orléans, con la sede della monarchia25 cui solo tramite guerre vengono assoggettate Normandia (e verosimilmente Bretagna), Touraine, Poitou, Guascogna, Marche pireneiche e Provenza.

  • 26 Per questi episodi cfr. A. Fliche, Le règne de Philippe Ier roi de France (1060-1108), Paris 1912, (...)

14In questo quadro d'insieme si colloca la conquista armata di Saint-Gilles la cui menzione, pur mostrando di registrare una sacralità connessa al luogo, è anche qui, come nel Guillaume, scollegata da una qualsiasi dimensione di culto o di pellegrinaggio per acquisire unicamente una rilevanza politico-strategica, ma questa volta non in funzione antiislamica bensi in una dimensione di coesione e pacificazione interna. Per incidens si puo notare che nel primo quarto del xii secolo Saint-Gilles era stata fatta oggetto di numerose aggressioni da parte dei conti tolosani della omonima dinastia : così negli anni tra il 1101 ed il 1107 Bernardo di Tolosa aveva a più riprese attaccato il borgo e l'abazia ; mentre nel 1121 era stata la volta del fratello di Bernardo, Alfonso Giordano, di impadronirsi a mano armata di Saint-Gilles, probabilemente per punirla di essersi schierata dalla parte del suo rivale, Raimondo Berengario III conte di Barcellona e di Provenza26. In entrambi i casi in difesa dell'abazia erano intervenuti i pontefici, rispettivamente Pasquale II e Callisto II.

  • 27 Si fa qui riferimento, rispettivamente, alle ipotesi avanzate da R. Louis, L'épopée française est (...)
  • 28 F. Lot, Fidèles ou vassaux ? Essai sur la Nature juridique du lien qui unissait les grands Vassaux (...)
  • 29 J.F. Lemarignier, Le gouvernement royal aux premiers temps capétiens (987-1108), Paris 1965, pp. 2 (...)
  • 30 Lemarignier, Le gouvernement cit., pp. 141-176.
  • 31 A. Luchaire, Histoire des institutions monarchiques de la France sous les premiers Capétiens (987- (...)

15Dal punto di vista della attenzione territoriale nel terzo episodio del Couronnement, piu che l'eco delle azioni belliche della prima età carolingia o delle travagliate vicende istituzionali dell'ultima, della crisi della successione di Luigi VII o della crisi del passagio di mezza Francia ad Enrico Plantageneto27, c'è forse da cogliere, su tempi lunghi, il senso del distacco dal regno dei grandi principati territoriali di Normandia, Bretagna, Aquitania, Guascogna, Marca ispanica e Gothia, e la coscienza dell'allentamento dei vincoli con i territori della Francia minore come Anjou e Touraine28. Pur se in maniera imperfetta, sembra stratificarsi nel Couronnement la lunga memoria, dalla successione di Ludovico il Pio in avanti, di una progressiva perdita di potere della monarchia, sotto Filippo I (1060-1108) ridotta, in una specie di minimo storico, lungo l'asse Orléans-Parigi-Senlis29. Sempre nel Couronnement emergono però nel contempo anche i segni della coscienza di una ripresa del potere monarchico : ripresa avviata con la fine della minorità di Filippo I (1067)30 e culminata nel xii secolo con Luigi VI e (prima della crisi del 1152) con Luigi VII31, ma ancora soggetta ad oscillazioni e ad inversioni di tendenza, come appariva nella frettolosa associazione al trono, nel 1131, dell'undicenne Luigi VII, e nella crisi che un ventennio dopo si apriva con la fine del suo matrimonio.

  • 32 Raoul Glaber, Les cinq livres de ses histoires (900-1044), ed. M. Prou, Paris 1886, 1. IV, p. 89 : (...)
  • 33 Cfr. ad esempio A. Luchaire, Les premiers cit., p. 304, ma anche Pacaut, Louis VII cit., pp. 25-27

16Ma soprattutto interessa rilevare, nel terzo episodio del Couronnement, la funzione di raccordo - tutto interno questa volta- attribuita a Guglielmo tra il potere monarchico del nord ed i territori del sud e dell'occidente che di volta in volta vediamo garantiti o conquistati alla corona dal protagonista, i cui itinerari seguono coordinate prevalentemente trasversali, prima con la partenza da Tours verso sud e sud-est (e Saint-Gilles è il termine ultimo delle sue fatiche di conquistatore nel mezzogiorno), successivamente muovendo dal Poitou verso nord e nord-ovest. Quel mezzogiorno di Francia che alla metà del secolo xi (dalla Borgogna !) un Rodolfo il Glabro vedeva cosi ostilmente diverso e straniero32, e che gli storici, nell'età moderna, hanno teso a ricondurre in una sfera di interesse e di cultura prevalentemente mediterranea33, nelle chansons del ciclo di Guglielmo (e non solo in esse) viene tenacemente riallacciato, sotto l'egida in una immagine carolingia, alle radici stesse della monarchia francese, in un legame stretto con il triangolo (Aix)-Laon-Parigi-Orléans, punti costanti di partenza o di arrivo dell'infaticabile Guglielmo.

  • 34 Cfr. Frappier, Les chansons cit., II, pp. 78-95.
  • 35 Cfr. ibid., pp. 105-111 (ma nella presentazione che di questo episodio viene fatta in Le Charroi . (...)
  • 36 Questa nota -breve e limitata- non pretende certo di entrare nel vivo di questioni lungamente diba (...)

17Nel Couronnement nel suo insieme la funzione di raccordo attribuita a Guglielmo segue una logica aderente alle dinamiche di potere della Francia del xii secolo, considerata prevalentemente nella complessità delle sue strutture interne piuttosto che nella monolitica opposizione ad un mondo diverso. Non a caso la funzione di coesione e di polarità in antitesi al mondo mussulmano, primaria nel Guillaume, perde qui alquanto di consistenza con la trasposizione in territorio romano della guerra contro i saraceni34, che viene quindi percepita più come scontro ideologico che come minaccia territoriale. E sostanzialmente come scontro ideologico viene percepito anche il problema del rapporto con il mondo tedesco, un problema che si era riproposto con grande immediatezza nel 1124, allorché la Francia aveva dovuto far fronte alla minaccia di una invasione da parte delle armate di Enrico V, ma che nel Couronnement è presente solo come una ipotetica contesa sulla eredità romana, che non coinvolge quindi minimamente l'integrità territoriale né i confini della Francia35. Una volta estromesse dal regno le tensioni conflittuali con il mondo islamico e con l'impero germanico, la preoccupazione principale che emerge nel Couronnement sembra essere quella di un controllo delle forze centrifughe attive all'interno della Francia stessa. In questo senso, ad esempio, Saint-Gilles non e più quindi la possibile strada di una penetrazione mussulmana, bensì il punto terminale di una azione di conquista nei territori sud-occidentali, un'azione forse legittimamente raffrontabile con il consolidamento ed il rafforzamento territoriale che -operato dai duchi di Aquitania a partire dalla metà del x secolo- con il matrimonio di Luigi VII era sembrato per qualche tempo rifluire ad esclusivo vantaggio della corona di Francia36.

3) Charroi de Nîmes37

  • 37 Le Charroi de Nîmes. Chanson de geste du xiie siècle, éditée d'après la Rédaction AB avec introduc (...)
  • 38 M. Tyssens, La geste de Guillaume d'Orange dans les manuscrits cycliques (Bibliothèque de la Facul (...)

18E' forse il poema più significativo per i fini che questo studio si propone, anche se l'esame del testo si complica per le numerose e sostanziali varianti che la tradizione manoscritta presenta proprio intorno ad alcune menzioni territoriali : in proposito è anzi opportuno precisare che, se non si fa esplicito richiamo a redazioni diverse, si tiene qui presente il testo della vulgata, ovvero, secondo le indicazioni di Madelaine Tyssens, la redazione tradita dalle famiglie di manoscritti A (A1-4) e B (B1-2)38.

  • 39 Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, vv. 384, 474, 481-505, pp. 77, 81-83.
  • 40 Frappier, Les chansons cit., II, pp. 220-221 nn. 2-3.

19Quando si entra nel vivo della azione dello Charroi -che narra della conquista di Nîmes, che Guglielmo, mal ricompensato dal sovrano, strappa ai saraceni per conquistarsi un feudo - il polo dell'attenzione è subito focalizzato in una dialettica tra il nord ed il sud/sud-est della Francia. Ferma restando una logica connessione tra il mezzogiorno francese e la penisola iberica, va notato che se in G1 e nel Couronnement la dimensione meridionale è quella del sud /sud-ovest, nello Charroi, come in G2 e nella Prise d'Orange, la dimensione meridionale è invece quella tolosana e provenzale. Al re Luigi che gli offre "de France un quartier" e quindi metà del regno, Guglielmo richiede invece "Espaigne le regné", nominando poi singolarmente "Tortolose et Portpaillart sor mer", "Nymes", "Orenge", "Nauseüre la grant", "Valsoré et Valsure", "Et Neminois et tote la pasture, / Si con li Rosnes li cort par les desrubes"39 : nel complesso una zona che viene territorialmente distinta dalla Francia e denominata Spagna (e comprende almeno due città, Tortolose e Portpaillart, effettivamente identificabili con città spagnole)40, ma che è rigorosamente ricondotta nell'orbita della corona di Francia - tanto da venire richiesta in feudo- e che in effetti coincide in gran parte con la Languedoc. La dialettica tra il nord ed il sud è resa particolarmente viva in D, dove è instaurato un rapporto di collegamento tra Parigi e le terre da conquistare, che sono qui indicate per regione (Settimania, Cevennes, Marca ispanica) oltre che per città :

  • 41 Das altfranzösische Epos cit., ed. Lange-Kowal,vv. 548-552, p. 22.

"Done moi, rois, Semaine et Sevane,
Et Bellegues et toute Marcotaine,
Les tors de Nimes qui sont et fors et grandes.
Servirai t'en a molt riche conpaigne,
Droit a Paris, a Saint Denis en France"41.

  • 42 Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, vv. 678-760, pp. 90-94 ; Das altfranzôsische Epos cit., ed (...)
  • 43 Cfr. M. Defourneaux, Les Français en Espagne au xie et xiie siècles, Paris 1949, specialmente pp. (...)

20Nello Charroi, come in G2, il legame tra il nord ed il sud, quale comunanza di interessi, è espresso anche nella violenta polemica (forse in D più violenta ed esplicita che nella vulgata) contro gli oppositori ad un intervento nel mezzogiorno42, oppositori ritratti, in D, attraverso la figura di "Hernais d'Orliens" il quale insinua nel re il dubbio che la spedizione di Guglielmo possa risolversi in un vano massacro, che provocherebbe infermità e miseria ai cavalieri, e che priverebbe il re di sostegno nel suo reame. Uno dei motivi ispiratori dello Charroi sembra dunque consistere, come in G2, nella confutazione delle forze che consideravano estranea e contraria agli interessi della corona una politica di presenza della feudalità francese nell'orbita ispanica : politica che con alterne vicende (si pensi alla disastrosa sconfitta di Fraga nel 1134) doveva invece costituire una costante per tutta la prima metà del xii secolo, e che nel 1159, in coincidenza con l'alleanza castigliana, doveva coinvolgere lo stesso re Luigi VII in un progetto, mai realizzato, di crociata in terra di Spagna43.

  • 44 Ibid., pp. 174-177, 222-223.
  • 45 Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, vv. 548-579, pp. 85-86 (pp. 139-140 sulle varianti di ques (...)
  • 46 Frappier, Les chansons cit., II, pp. 53-57 ; Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, pp. 41-49. Pe (...)
  • 47 Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, vv. 783-784, p. 95.
  • 48 Ibid., v. 1093, p. 111. Sulle differenze che le diverse versioni dello Charroi presentano relativa (...)
  • 49 Su questo itinerario, il suo significato e la sua funzione nella leggenda di Guglielmo cfr. Bédier (...)
  • 50 Luchaire, Louis VI le Gros cit., pp. 147-148, 170-171, Pacaut, Louis VII cit., pp. 85-90, 187 sgg.
  • 51 Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, vv. 875 sgg., pp. 99 sgg. ; Das altfranzösische Epos cit., (...)

21Particolarmente è comunque da rilevare che nel poema la singolare richiesta di un feudo da conquistare ai saraceni (richiesta non poi tanto singolare, ove si pensi che nel 1136 Raimondo Berengario IV di Barcellona assicurava per contratto a Guglielmo VI di Montpellier il possesso della città di Tortosa, che solo nel 1148 sarebbe stata occupata dai cristiani)44 venga motivata con il racconto di un voto, fatto a Dio (A : ed a s. Gilles) da Guglielmo dopo aver assistito, in occasione di un pellegrinaggio a Saint-Gilles, alle violenze perpetrate dai saraceni sui cristiani nelle terre intorno45. Se si accetta la comune interpretazione che considera lo Charroi una della più antiche chansons del ciclo di Guglielmo, ma tuttavia posteriore al Guillaume ed al Couronnement46, allora nell'ambito dei poemi che hanno Guglielmo per protagonista la dimensione del pellegrinaggio a Saint-Gilles (secondo Bédier essenziale per il costituirsi del ciclo) sembra emergere in una fase precoce ma non precocissima, e comunque si presenta inscindibilmente connessa ad una dimensione di raccordo tra nord e sud nella prospettiva di un attacco ai saraceni. Questo aspetto si precisa meglio nello svolgersi del poema allorché Guglielmo, deciso a conquistarsi il suo feudo nel sud, si mette in marcia lasciando "France et la Chapele, / Paris et Chartres, et tote l'autre terre"47, con un itinerario che da Parigi, attraverso il Massiccio Centrale, passando per Brioude e Le Puy, lo conduce a Nîmes, che nei manoscritti della famiglia A è definita la città che "est en la terre de mon seignor Saint Gile"48. Nello Charroi l'itinerario di Guglielmo contempla alcune località di pellegrinaggio ma è pur sempre un itinerario strategico. Il collegamento tra Parigi e Saint-Gilles, già emerso in G2, è qui sdoppiato in un collegamento con Nîmes, ed è precisato nei passaggi di Berry, Auvergne, Clermont e Montferrand, Brioude, Le Puy ed infine, (nel tratto più a sud), nelle varie tappe lungo la via Regordane, ma non muta la sua essenza di raccordo politico-militare49, per di più con centro in quella Auvergne che dal 1122 in poi è ripetutamente fatta oggetto di spedizioni 0 interventi ad opera di Luigi VI e di Luigi VII50. Da segnalare, accanto alla dimensione politico-strategica, la novità della grande attenzione accordata - in connessione con Saint-Gilles e Nîmes - all'elemento mercantile, introdotto con la figura del villano di Lavai, che si imbatte in Guglielmo mentre torna a casa con le mercanzie acquistate a Saint-Gilles e che, in un voluto equivoco di incomprensione tra esponenti di ordines diversi, a Guglielmo che chiede informazioni su Nîmes risponde con notizie relative al prezzo del pane51.

  • 52 Frappier, Les chansons cit., II, p. 235 n.2 ; Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, pp. 146-147.
  • 53 Tyssens, La geste de Guillaume cit., p. 431 (cfr. pp. 30-31, 101 sgg.).
  • 54 Ibid., pp. 113-123.
  • 55 Das altfranzôsische Epos cit., ed. Lange-Kowal, passim. Cfr. supra, nn. 45, 48.

22La sola versione C dà alla dimensione del pellegrinaggio uno spazio ed un rilievo maggiore. L'itinerario indicato da Guglielmo ai suoi in direzione di Brioude e Le Puy è designato infatti in C come "cemin de saint Gille" ed in seguito è fatta menzione della "voie de mon seignor saint Gille" e del "voiage saint Gille"52. Tuttavia, anche se, secondo le indicazioni di Madeleine Tyssens, si considera la redazione C "le remaniement d'une version ancienne"53, questa accentuazione della dimensione del pellegrinaggio ad opera di un rimaneggiatore non puo costituire un elemento a favore della tesi béderiana. D'altro canto la presenza di Saint-Gilles come luogo di culto, privilegiata in C, viene invece completamente mortificata in D che pure risale ad una versione antica54 : a proposito della motivazione dell'impresa di Guglielmo manca infatti in D la menzione del pellegrinaggio (e del voto) a Saint-Gilles, sostituita con la menzione di un pellegrinaggio a Roma ; il villano di Lavai non parla affatto di Saint-Gilles (mentre a proposito di Nîmes afferma che vi risiedono i mercanti che da S. Giacomo di Galizia si recano in Francia) ; ed infine in connessione con l'arrivo di Guglielmo a Nîmes manca l'ulteriore raccordo tra Saint-Gilles e Nîmes, variamente presente nella vulgata ed in C55.

  • 56 Ch. Pfister, Etudes sur le règne de Robert le Pieux (996-1031) (Bibliothèque de l'Ecole des Hautes (...)
  • 57 Pacaut, Louis VII cit., pp. 179 sgg.

23In sintesi nello Charroi è uniforme in tutti i manoscritti la citazione di Brioude e di Le Puy, ed uniforme (con la sola, importante eccezione di D) è pure la connessione tra l'impresa di Nîmes ed un pellegrinaggio a Saint-Gilles. In complesso è dunque proprio con lo Charroi che nella leggenda di Guglielmo comincia ad assumere una qualche rilevanza - con le già segnalate oscillazioni al positivo ed al negativo rappresentate da C e da D - il fenomeno del pellegrinaggio a Saint-Gilles ed a Brioude, di cui si trova ancora traccia -e questa volta in connessione con il profilarsi di un culto indirizzato allo stesso Guglielmo - nella Prise d'Orange e nel Moniage I (dove finalmente viene per la prima volta citato, anch'esso come meta di pellegrinaggio, l'eremo di Saint-Guilhem-le Désert). Nello Charroi rimane però ancora in gran parte legata a Saint-Gilles, come in G2, l'immagine di una sorta di capo ideale del mezzogiorno, in collegamento diretto con Parigi ed in una dimensione strategica che ora procede in senso inverso rispetto a G2, con un itinerario preciso, che ricorda molto da vicino il pellegrinaggio a Brioude, Puy, Saint-Gilles e Tolosa compiuto da Roberto il Pio nel 103156, ma che in parte coincide anche con gli itinerari delle spedizioni in Alvernia di Luigi VI e, volendo superare il crinale della metà del xii secolo, con gli itinerari degli ulteriori interventi nel sud di Luigi VII, dopo lo scioglimento del suo matrimonio con Eleonora e le nuove alleanze matrimoniali, contratte con la dinastia tolosana di Saint-Gilles e con il regno di Castiglia in opposizione alla influenza normanna ed aragonese57.

  • 58 Frappier, Les chansons cit., II, pp. 182-186.
  • 59 Cfr. La bibliografia indicata supra, nn. 28 e 31 e cfr. Ch. Higounet, Un grand chapitre de l'histo (...)

24La teoria del ponte, tante volte ripresa e modificata per lo Charroi58, potrebbe venire rilanciata allora per l'ennesima volta nel senso che lo Charroi -dove sembrano sedimentarsi memorie ed emozioni relative alla presenza della feudalità francese in terra di Spagna-istituisce un raccordo tra nord e sud motivato insieme da un atteggiamento aggressivo nei confronti del mondo islamico e da una istanza di avvicinamento tra la monarchia ed i territori meridionali della zona tolosana e provenzale, dove nel corso del xii secolo la corona andava lentamente accrescendo la sua influenza, nell'ambito della endemica conflittualità che opponeva i conti tolosani di Saint-Gilles alle dinastie rivali di Aquitania e di Barcellona59.

Notes

1 J. Bédier, Les légendes épiques. Recherches sur la formation des chansons de geste, I, Le cycle de Guillaume d'Orange, Paris 19142.

2 Ibid., pp. 100-109, 364-429, ma si vedano le fondamentali osservazioni di U. Mölk, La liturgie de Saint Guillaume et la Geste de Guillaume aux 11e et 12e siècles, in VIII Congreso de la Société Rencesvals, Pamplona-Santiago de Compostela, 15 a 25 de agosto de 1978, Pamplona 1981, pp. 353-357.

3 La Chanson de Guillaume, ed. D. McMillan (Société des anciens textes français), 2 voll., Paris 1949-1950.

4 Cfr. J. Frappier, Les chansons de geste du cycle de Guillaume d'Orange, I, La Chanson de Guillaume, Aliscans, La Chevalerie Vivien, Paris 1955, pp. 113-233 ; J. Wathelet-Willem, Recherches sur la Chanson de Guillaume. Etudes accompagnées d'une édition (Bibliothèque de la Faculté de Philosophie et Lettres de l'Université de Liège, 210), 2 voll., I, Paris 1975.

5 Una messa a punto sulla questione in Wathelet-Willem, Recherches cit., I, pp. 603-609.

6 Per una informazione sul dibattito erudito sulla geografia del Guillaume cfr. Frappier, Les chansons cit., I, pp. 141 sgg., 168 sgg. ; Wathelet-Willem, A propos de la géographie de la Chanson de Guillaume, in Congrés de la Société Rencesvals (21-25 juillet 1959) in "Cahiers de civilisation médiévale", 3/1 (1960), pp. 107-115 ; Wathelet-Willem, Recherches cit., I, pp. 603-625. Un diverso approccio al problema in D.P. Schenk, The Finite World of the Chanson de Guillaume, in "Olifant" 10/2 (1973), pp. 13-20.

7 Wathelet-Willem, Recherches cit., I, pp. 686-717. Cfr. anche Wathelet-Willem, Réflexions sur la Chanson de Guillaume, in La chanson de geste et le mythe carolingien, Mélanges René Louis, 2 voll., Saint-Père-sous-Vézelay 1982, II, pp. 607-621.

8 La Chanson de Guillaume, ed. cit., I, v. 1789.

9 Ibid., v. 963.

10 Ibid., vv. 2261-2262, 2511. Cfr. Wathelet-Willem, Recherches cit., I, p. 597.

11 La Chanson de Guillaume, ed. cit., I, vv. 2424, 2586, 2803.

12 Ibid., vv. 2584-2586. Cfr. Wathelet-Willem, Recherches cit., I, pp. 358-359 n. 417, p. 619.

13 La Chanson de Guillaume, ed. cit., I, vv. 2414-2416. Si tratta dei versi nei quali Guglielmo, dopo la sconfitta, manifesta l'intenzione di ritirarsi in romitaggio "en estrange regné, / A Saint Michel al Perii de la mer, / U Saint Pere, le bon apostre Deu". Sia pur con cautela, Bédier, Les légendes cit., I, p. 102, considera questi versi un segno della conoscenza, da parte dell'autore, della tradizione del moniage di Guglielmo.

14 Chronicon S. Petri Vivi, in Académie des Inscriptions et Belles-Lettres. Recueil des historiens des Gaules et de la France, 12, Paris 18772, pp. 281-282.

15 Ibid., p. 282.

16 Sulla via Regordane cfr. C. Brunei, Le nom de la voie Regordane, in "Romania" 79 (1958), pp. 289-313 ; R.H. Bautier, Recherches sur les routes de l'Europe médiévale, I., De Paris et des foires de Champagne a la méditerrannée par le Massif Central, in "Bulletin philologique et historique du Comité des travaux historiques et scientifiques" (1960), pp. 99-143 : 111-126 ; M. Girault, L'itinéraire du Charroi de Nîmes. Chemin de Saint-Gilles et Chemin de Regordane, in Mélanges René Louis cit., II, pp. 1105-1116. Sulla Regordane cfr. anche infra, n.49.

17 Cfr. pp. 62 sgg.

18 Cfr. F. Lot, Etudes sur les légendes épiques françaises, IV, Le cycle de Guillaume d'Orange, in "Romania" 53 (1927), pp. 449-473 : 454 "Or, elle [la Chanson de Guillaume] ne renferme aucune allusion, si faible soit elle, à un sanctuaire ou à un pèlerinage quelconque". Ibid., p. 473 "J'admets que toutes les chansons de la geste de Guillaume s'expliquent par la Voie Regordane, par Gellone etc., sauf une, la plus ancienne, l'ancêtre, la Chanson de Guillaume" (i corsivi sono dell'A).

19 Les Rédactions en vers du Couronnement de Louis, ed. Y.G. Lepage (Textes littéraires français), Genève-Paris 1978.

20 Per un analisi dell'opera cfr. Frappier, Les chansons cit., II, Le Couronnement de Louis, Le Charroi de Nîmes, La Prise d'Orange, Paris 1965, pp. 47-178. Cfr. infra, n. 27.

21 ... Couronnement de Louis, ed. cit., Rédaction AB, vv. 1368-2200, pp. 195-333 ; Rédaction C, vv. 1060-2041, pp. 194-332.

22 Ibid., Rédactions AB, vv. 1990-2021, pp. 297-303 ; Rédaction C, vv. 1769-1809, pp. 296-302.

23 Bédier, Les légendes cit., I, pp. 270-271.

24 Frappier, Les chansons cit., II, p. 104.

25 Si vedano ad esempio i versi nei quali Guglielmo manifesta l'intenzione di recarsi in Francia, contrapposta alle terre del sud, da cui proviene, ed al Poitou : "Li quens Guillelmes au cort nes le guerrier / Vers douce France pense de chevauchier ; / Mes en Poitou lesse ses chevaliers" (... Couronnement de Louis, ed. cit., Rédaction AB, vv. 2022-2024, p. 305 ; cfr. Rédaction C, vv. 1804-1815, pp. 302-304). La meta ultima del viaggio è Orléans dove si trova il re Luigi (ibid., AB, vv. 2192-2193, pp. 331-333 ; C, vv. 2020-2021, pp. 330-332).

26 Per questi episodi cfr. A. Fliche, Le règne de Philippe Ier roi de France (1060-1108), Paris 1912, pp. 381-382 ed U. Robert, Histoire du pape Calixte II, Paris-Besançon 1891, pp. 123-125.

27 Si fa qui riferimento, rispettivamente, alle ipotesi avanzate da R. Louis, L'épopée française est carolingienne, in Coloquios de Roncesvalles, Agosto 1955, Universidad de Zaragoza, Zaragoza 1956, pp. 326-460 : 411-435 ; E. Langlois, Le Couronnement de Louis, chanson de geste publiée d'après tous les manuscrits connus, (Société des anciens textes français), Paris 1888, pp. lii-lix : lviii-lix (ma l'A. manifestava in seguito scetticismo in A propos du Coronement Looïs, in "Romania" 46 (1920), pp. 330-375 : 364-365) ; R. Van Waard, Le Couronnement de Louis et le principe de l'hérédité de la couronne, "Neophilologus" 30 (1946), pp. 52-58 ; K. -H. Bender, König und Vasall. Untersuchungen zur Chanson de Geste des XII. Jahrhunderts, Heidelberg 1967, pp. 49-67. Per la tesi che scorge nel Couronnement l'eco della crisi del 1152 cfr. anche A. Varvaro, Letterature romanze del medioevo, Bologna 1985, pp. 229-236. Cfr. infra, nn. 35, 46.

28 F. Lot, Fidèles ou vassaux ? Essai sur la Nature juridique du lien qui unissait les grands Vassaux à la Royauté depuis le milieu du ixe jusqu'è la fin du xiie siècle, Paris 1904 ; J. Flach, Les origines de l'ancienne France, xe et xie siècles, III, La renaissance de l'état. La royauté et le principat, Paris 1904, pp. 505-568 ; IV, Les nationalités régionales. Leurs rapports avec la couronne de France, Paris 1917 ; A. Luchaire, Les premiers Capétiens (987-1137), in E. Lavisse, Histoire de France …, II/2, Paris 1911 ; J. Dhondt, Etudes sur la naissance des principautés territoriales en France, ixe-xe siècles, Brugge 1948 ; F. Lot-R. Fawtier, Histoire des institutions françaises au Moyen-Age, I, Institutions seigneuriales ..., Paris 1957 ; II, Institutions royales, Paris 1958.

29 J.F. Lemarignier, Le gouvernement royal aux premiers temps capétiens (987-1108), Paris 1965, pp. 25-139 ; Lemarignier, La France médiévale : institutions et société, Paris 1970, pp. 110-114, 153-160.

30 Lemarignier, Le gouvernement cit., pp. 141-176.

31 A. Luchaire, Histoire des institutions monarchiques de la France sous les premiers Capétiens (987-1180), 2 voll., Paris 1883, 18912 (reimpr. 1966), II, pp. 254-301 ; Luchaire, Louis VI le Gros. Annales de sa vie et de son règne (1081-1137) avec une introduction historique, Paris 1890, pp. xi-cc ; M. Pacaut, Louis VII et son royaume, Paris 1964.

32 Raoul Glaber, Les cinq livres de ses histoires (900-1044), ed. M. Prou, Paris 1886, 1. IV, p. 89 : "Olim igitur circa millesimum incarnati Verbi annum, cum rex Rotbertus accepisset sibi reginam Constantiam a parti-bus Aquitaniae [ma Costanza era figlia di Guglielmo il Liberatore di Provenza] in conjugium, coeperunt confluere gratia ejusdem reginae in Franciam atque Burgundiam ab Arvernia et Aquitania homines omni levitate vanissimi, moribus et veste distorti, armis et equorum faleris incompositi, a medio capitis comis nudati, histrionum more barbis rasi, caligis et ocreis turpissimi, fidei et pacis foedere omni vacui".

33 Cfr. ad esempio A. Luchaire, Les premiers cit., p. 304, ma anche Pacaut, Louis VII cit., pp. 25-27.

34 Cfr. Frappier, Les chansons cit., II, pp. 78-95.

35 Cfr. ibid., pp. 105-111 (ma nella presentazione che di questo episodio viene fatta in Le Charroi ... Rédaction AB [éd. cit. infra, n. 37], vv. 203 sgg. : 205-206, la minaccia sembra invece riguardare anche l'integrità territoriale della Francia, in quanto al sovrano tedesco viene attribuita l'intenzione di togliere a Luigi "François et Borgoignon, / Et la corone et la cit de Loon"). Sul problema del rapporto con il mondo tedesco nel Couronnement, oltre a Frappier, Les chansons cit., II, pp. 150-158 (e alla bibliografia ivi citata), cfr. Bender, König und Vasall cit., p. 57 ; T. Hunt, L'inspiration idéologique du Charroi de Nîmes, in "Revue belge de philologie et d'histoire" 56 (1978), pp. 580-606 : 584-585, 588.

36 Questa nota -breve e limitata- non pretende certo di entrare nel vivo di questioni lungamente dibattute da filologi e medievisti. Sono comunque da considerare con grande attenzione gli elementi presentati da R. Lejeune a testimoniare una centralità delle case di Aquitania (e di Provenza) nella elaborazione della leggenda del Guglielmo epico : cfr. R. Lejeune, Le rôle littéraire d'Aliénor d'Aquitaine et de sa famille, in "Cultura neolatina" 14 (1954), pp. 5-57 ; Lejeune, Le camouflage de détails essentiels dans la Chanson de Guillaume, in Congrés de la Société Rencesvals (21-25 juilliet 1959), in "Cahiers de civilisation médiévale" 3/1 (1960), pp. 42-58 ; R. Lejeune, La naissance du couple littéraire "Guillaume d'Orange et Rainouart au tinel", in "Marche romane" 20/1 (1970), pp. 39-60.

37 Le Charroi de Nîmes. Chanson de geste du xiie siècle, éditée d'après la Rédaction AB avec introduction, notes et glossaire, ed. D. McMillan (Bibliothèque française et romane, Sér. B, 12), Paris 1972. Per la redazione D si è seguita l'edizione di E. E. Lange-Kowal, Das altfranzösische Epos vom Charroi de Nîmes. Handschrift D, Jena 1934.

38 M. Tyssens, La geste de Guillaume d'Orange dans les manuscrits cycliques (Bibliothèque de la Faculté de Philosophie et Lettres de l'Université de Liège, 178), Paris 1967, p. 39 : "La vulgate comprend donc les quatre mss A et le modèle de ce groupe, les deux mss B et le modèle de ce groupe, et le prototype x. d'où sont issues les deux branches A et B).

39 Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, vv. 384, 474, 481-505, pp. 77, 81-83.

40 Frappier, Les chansons cit., II, pp. 220-221 nn. 2-3.

41 Das altfranzösische Epos cit., ed. Lange-Kowal,vv. 548-552, p. 22.

42 Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, vv. 678-760, pp. 90-94 ; Das altfranzôsische Epos cit., ed. Lange-Kowal, vv. 695-782, pp. 26-28.

43 Cfr. M. Defourneaux, Les Français en Espagne au xie et xiie siècles, Paris 1949, specialmente pp. 125-182.

44 Ibid., pp. 174-177, 222-223.

45 Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, vv. 548-579, pp. 85-86 (pp. 139-140 sulle varianti di questo brano nell'ambito di AB, in C ed in D, per cui cfr. anche Frappier, Les chansons cit., II, pp. 224-226). La menzione di Saint-Gilles, presente in C, è invece totalmente assente in D.

46 Frappier, Les chansons cit., II, pp. 53-57 ; Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, pp. 41-49. Per la datazione dello Charroi ed i problemi della relazione con il Couronnement cfr. anche le opere citate supra, n. 27, e cfr. T. Hunt, L'inspiration idéologique cit., pp. 580-589.

47 Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, vv. 783-784, p. 95.

48 Ibid., v. 1093, p. 111. Sulle differenze che le diverse versioni dello Charroi presentano relativamente alle località citate lungo l'itinerario da Parigi a Nîmes cfr. la tavola sinottica di Frappier, Les chansons cit., II, pp. 234-237. Sulle varianti nel brano dell'arrivo a Nîmes cfr. ibid., pp. 243-244 e Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, pp. 146-148.

49 Su questo itinerario, il suo significato e la sua funzione nella leggenda di Guglielmo cfr. Bédier, Les légendes cit., I, pp. 369-377 ; Frappier, Les chansons cit., II, pp. 189-191, 230 sgg. ; M. Mancini, Società feudale e ideologia nel Charroi de Nîmes, Firenze 1972, pp. 39-47. Per l'aspetto più propriamente geografico dell'itinerario cfr. supra n. 16.

50 Luchaire, Louis VI le Gros cit., pp. 147-148, 170-171, Pacaut, Louis VII cit., pp. 85-90, 187 sgg.

51 Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, vv. 875 sgg., pp. 99 sgg. ; Das altfranzösische Epos cit., ed. Lan-ge-Kowal, vv. 901 sgg., pp. 30 sgg.

52 Frappier, Les chansons cit., II, p. 235 n.2 ; Le Charroi de Nîmes cit., ed. McMillan, pp. 146-147.

53 Tyssens, La geste de Guillaume cit., p. 431 (cfr. pp. 30-31, 101 sgg.).

54 Ibid., pp. 113-123.

55 Das altfranzôsische Epos cit., ed. Lange-Kowal, passim. Cfr. supra, nn. 45, 48.

56 Ch. Pfister, Etudes sur le règne de Robert le Pieux (996-1031) (Bibliothèque de l'Ecole des Hautes-Etudes. Sciences philologiques et historiques, 64), Paris 1865, p. 294.

57 Pacaut, Louis VII cit., pp. 179 sgg.

58 Frappier, Les chansons cit., II, pp. 182-186.

59 Cfr. La bibliografia indicata supra, nn. 28 e 31 e cfr. Ch. Higounet, Un grand chapitre de l'histoire du xiie siècle : la rivalité des maisons de Toulouse et de Barcelone pour la prépondérance méridionale, in Mélanges d'histoire du Moyen Age ... Louis Halphen, Paris 1951, pp. 313-332 ; J. -P. Poly, La Provence et la Société féodale (879-1166). Contribution è l'étude des structures dites féodales dans le Midi, Paris 1976, specialmente pp. 320-359. Si veda la raccolta di saggi di A. Lewis, Medieval Society in Southern France and Catalonia, London 1984.

Auteur

(Université de Rome)

© Presses universitaires de Provence, 1987

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540