Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Euboica

 | 
Bruno D'Agostino
, 
Michel Bats

Zancle: un aggiornamento

Giovanna Maria Bacci

Texte intégral

1Ringrazio il prof. Bruno d’Agostino ed il Centro Jean Bérard per avermi consentito di tenere questo breve aggiornamento sulla situazione di Zancle.

  • 1 Vallet, 1958. Per la ricerca posteriore si veda in sintesi: G. Scibona, ’Punti fermi e problemi di (...)

2Benché la città abbia subito nel corso del tempo lievi spostamenti territoriali, l’insediamento archeologico nel suo complesso giace totalmente al di sotto della città moderna, all’incirca entro l’area compresa tra i torrenti Boccetta a nord e Camaro ο Zaera a sud. Negli ultimi decenni i risultati delle ricerche condotte all’interno dei cantieri edilizi a cura della Soprintendenza Archeologica di Siracusa e, a partire dal 1987, della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Messina, hanno arricchito ed anche modificato il panorama proposto nel 1958 da Georges Vallet, tuttora fondamentale, in Rhegion et Zancle·. tuttavia, per la casualità e la limitatezza degli interventi, le conoscenze sulla topografia e l’assetto urbanistico della città antica restano assai lacunose1.

  • 2 P. Orsi, in NSc 1929, pp. 38-46.

3Il primitivo insediamento coloniale occupava fino al V sec. a.C. un breve tratto della pianura alluvionale alle spalle della penisola falcata ed a sud del torrente Portalegni che fino al XVI secolo sfociava all’interno della baia. A partire dall’età tardo-classica l’abitato tende ad espandersi ed a spostarsi verso l’interno e verso nord-est finché nel corso dell’età imperiale esso appare sostanzialmente circoscritto all’area situata alle spalle dell’insenatura portuale mentre a nord lungo il Boccetta ed a sud-ovest si sviluppano grandi aree cimiteriali. Nell’area dell’insediamento più antico (fig. 1) sembra potersi ipotizzare, almeno a partire dal VI sec. a.C., un impianto regolare con isolati disposti in senso est-ovest (o meglio nordovest/sud-est) in modo da assecondare il pendio naturale del terreno: si è infatti osservato che tutte le strutture, dall’età protoarcaica fino alle soglie dell’età imperiale, mantengono un orientamento costante perpendicolare alla linea di costa ed all’incirca parallelo all’andamento delle fiumare. Tutte le esplorazioni sono state sinora condotte nell’area dell’abitato mentre è ancora ignota l’ubicazione della necropoli arcaica e l’unico complesso votivo conosciuto resta quello di S. Raineri recuperato all’inizio del secolo2.

  • 3 L. Bernabò Brea, in Kokalos 18-19, 1972-1973, p. 176; Scibona 1992, p. 28.
  • 4 Per un primo aggiornamento sulle produzioni ceramiche cfr. Bacci Spigo 1986, pp. 247-273.

4Uno scavo effettuato nel 1971 nel cuore di quest’area, l’isolato 224, ha restituito un lembo dell’abitato arcaico con una delle sequenze stratigrafiche più interessanti di Messina3, sia per la presenza di livelli molto antichi che per la varietà delle produzioni ceramiche, sia di importazione che di ambito locale ο coloniale4.

  • 5 Bacci Spigo 1986, pp. 251-252, 262-263.

5In particolare si erano potuti isolare pochi frammenti di coppe tardo-geometriche di origine euboico-cicladica, fra cui due ο tre del tipo “a chevron” (fig. 4), classe tipica in genere degli orizzonti precoloniali, ed un gruppo più consistente di ceramiche fenice ad ingubbiatura rossa, alcune probabilmente di imitazione coloniale, rinvenute anche in altri punti dell’abitato ma con minore frequenza5 (fig. 2.a-f).

Fig. 1 - Testimonianze dell’insediamento di Zancle dall’VIII al V sec. a.C.

6Già Vallet aveva evidenziato la presenza di ceramica corinzia tardo-geometrica e protocorinzia che costituisce la percentuale più rilevante di materiale importato, come di consueto in ambiente coloniale.

  • 6 Vallet 1958, pp. 140-141; Bacci Spigo 1986, pp. 257-262.

7Di recente si è potuto riconoscere una abbondante produzione locale che imita le fabbriche corinzie: le forme più comunemente riprodotte sono le coppe tipo Thapsos cone senza pannello, le oinochoai, e soprattutto le coppe sub-geometriche, molto diffuse per tutto l’arco del VII sec. a.C.6.

  • 7 Vallet 1958; Bacci Spigo 1986, pp. 264-268. Già Sabbione rileva una maggiore presenza di materiali (...)

8Tra le importazioni greco-orientali, complessivamente abbastanza ricche e variate, si segnala una serie abbastanza numerosa di coppe “ad uccello”, riscontrate nell’area dello Stretto soprattutto a Matauros7.

  • 8 Bacci Spigo 1986, pp. 248-257.

9Mentre le importazioni dalla area euboico-cicladica appaiono finora piuttosto limitate, in rapporto ad esempio alla vicina Naxos, si è invece evidenziata una produzione locale ο colo-niale, che presenta affinità con quella delle fondazioni euboiche della Sicilia orientale, della Calabria ed anche del golfo di Napoli8. I materiali che si presentano provengono quasi tutti da pozzi rinvenuti presso l’isolato 158, un’area intensamente abitata dalla fine dell’VIII fino almeno al IV sec. a.C. ma i cui livelli archeologici sono stati quasi completamente asportati dalla costruzione di un mercato novecentesco.

  • 9 Cfr. M. C. Lentini, ‘Un secondo contributo sulla ceramica di Naxos: idrie e anfore’, in BdA 72, 19 (...)
  • 10 M.C. Lentini, ‘Le oinochoai “a collo tagliato”. Un contributo alla conoscenza della ceramica di Na (...)
  • 11 Si avvicina ad alcuni esemplari da Mylai: L. Bernabò Brea - M. Cavalier, Mylai, Novara 1959, tavv. (...)
  • 12 Cfr. Pelagatti 1982, pp. 150-151, fig. 13-14, tav. XXXVI.

10Vediamo una tipica hydria, affine ad esemplari di Mylai e di Naxos9 (fig. 3.c), una oinochoe che nelle proporzioni e nella sintassi decorativa trova stringenti confronti con esemplari di Naxos del tipo “a collo tagliato”10 (fig. 2.m), una brocchetta ο “bottiglietta” monoansata (fig. 3.b) variante della nota classe che sembra così tipica di un ambito “euboico-occidentale”, diffusa a Reggio, a Mylai, a Matauros, non ignota a Naxose Pitecusa, in centri anellenici del Tirreno come Pontecagnano ed anche in area etnisca11. Assai variegata è la classe delle lekanai e quella dei piatti, di dimensioni assai variabili, decorati in genere con maggiore complessità sul lato esterno con motivi talvolta presi in prestito dal repertorio euboico ed insulare e, spesso, anche sul piede, a somiglianza di alcuni esemplari di Naxos12 e di quelli delle fabbriche insulari. Il pezzo che qui si presenta, quasi certamente di produzione locale, è interessante perchè al profilo molto vicino a quello dei piattelli fenici “red slip ware” unisce una decorazione dipinta assai corrente che sembra comprendere un motivo di corna di consacrazione (fig. 2.g).

Fig. 2 - Zancle: a-f, ceramiche fenicie ad ingubbiatura rossa (1:2) ; g, piatto di fabbrica locale (1:2); h-l, coppette di produzione locale (1:2) ; m, oinochoe di produzione locale (1:3).

Fig. 3 - Zancle: a, dinos di produzione coloniale (1:3); b, brocchetta monoansata di produzione locale (1:3); c, hydria di produzione locale (1:4).

  • 13 Bacci Spigo 1986, p. 260, tav. XV. La produzione di questa classe in area messinese ο comunque del (...)
  • 14 Cfr. ad esempio Pelagatti 1982, tav. XXXV n. 9, da Naxos; G. Buchner - D. Ridgway, Pithekoussai I,(...)
  • 15 Si rinvia alla relazione del dott. P. Coppolino sulla ceramica da fuoco in Da Zancle a Messina cit (...)

11Sicuramente di produzione locale è una serie molto numerosa di coppette che si distribuiscono lungo il corso del VII sec. a.C., caratterizzate da vasca poco profonda, fortemente carenata, con labbro estroflesso13 gli esemplari tipologicamente più antichi presentano una decorazione sub-geometrica mentre quelli più recenti, della fine del secolo ο dell’inizio del successivo, sono caratterizzati dalla vasca assai bassa con carenatura rigidae da un breve labbro inspessito (fig. 2. h-l). Si tratta di una produzione tipica dell’area dello Stretto, probabilmente anche essa dipendente da prototipi di ambito euboico-occidentale, riscontrata da Sabbione anche a Matauros14. Anche la ceramica di uso comune e da fuoco si può prestare a considerazioni interessanti: di recente è stata isolata una classe di fornelli di forma cilindrica arrotondata, con superficie decorata ad incisioni, che sembrano avere una vita piuttosto lunga, dal VII fino almeno al V sec. a.C.15 materiali identici si ritrovano a Pitecusa, a Naxos ed a Himera.

  • 16 Per il motivo a semicerchi contrapposti cfr. D. Ciafaloni, ‘Dinoi a decorazione geometrica dall’In (...)
  • 17 Per la fabbrica attribuita ad una bottega siracusana probabilmente originaria di Argos, in sintesi (...)

12Esiste infine una percentuale di materiali di produzione coloniale, non sempre ben distinguibili da quelli prodotti nell’area dello Stretto: alcuni pezzi sembrano influenzati da tradizioni decorative eterogenee, come questo dinos (fig. 3. a) che sembra arieggiare motivi del repertorio del Fusco ο dell’area metapontina16. Una testimonianza eccezionale è costituita da alcuni frammenti di un grandioso cratere figurato attribuibile alla bottega siracusana dei “crateri del Fusco”, apparentemente gemello del notissimo esemplare della T. 500 databile entro la prima metà del VII sec. a.C.17. La presenza a Messina di questa fabbrica finora mai rinvenuta al di fuori di un ambito assai limitato, e con un esemplare di prestigio, testimonia un interesse assai precoce di Siracusa per l’area dello Stretto.

Fig. 4 - Coppe tardo-geometriche.

  • 18 Ma anche le divergenze: Naxos in effetti sembra rivestire un ruolo particolare, meno spiccatamente (...)

13Le prime considerazioni che emergono da questa disamina forzatamente incompleta e sintetica mettono in evidenza in primo luogo le affinità con Naxos18 ma soprattutto con gli altri centri dello Stretto alla cui fondazione Zancle aveva contribuito, e cioè Mylai, Rhegione Matauros.

14Tenuto conto della diversità dei contesti finora noti (necropoli per Mylai e Matauros, abitato per Zancle), è evidente che questi centri devono avere costituito almeno fino a tutto il VII sec. a. C. una unità culturale abbastanza compatta, basata su comuni interessi economici e politici, e di cui Zancle potrebbe essere stata il centro egemone.

  • 19 Alcune delle osservazioni qui contenute erano già anticipate nella bella disamina di Claudio Sabbi (...)

15Si conferma anche a nostro parere la notizia riportata da Solino secondo il quale Matauros era all’origine una fondazione zanclea, e non locrese19.

16I rapporti col mondo coloniale appaiono estesi assai precocemente anche ai centri di origine non eu-boica: particolarmente significativa ci pare la presenza di Siracusa.

  • 20 Oltre a quanto già noto sulle necropoli di Mylai e Matauros, vedi due aryballoi da recenti scavi n (...)
  • 21 Vedi C. Ciurcina, ‘Rapporti tra le terrecotte architettoniche della Sicilia orientale e quelle del (...)

17Più sfuggente e complesso da definire è il rapporto con l’area tirrenica e con le colonie del golfo di Napoli, che non è tuttavia limitato ad una più ο meno generica coloritura “euboica occidentale” di tanta parte della produzione di Ζancle, come degli altri centri dello Stretto20. In un’età posteriore a quella qui presa in esame, ed in un contesto “geopolitico” sicuramente modificato, tale rapporto è ancora percepibile ad esempio nella frequenza a Zancle di antefisse nimbate e di un tipo di antefissa con palmetta pendula comune a Lipari, Himera ed in vari centri della Campania21.

  • 22 A. Mele, Il commercio greco-arcaico. Prexis ed emporte, Napolpoli 1979, p. 32. E. Greco, ‘Pithekou (...)

18A nostro parere, per analogia con la situazione di Pitecusa, la relativa frequenza dei materiali fenici (tanto da dare origine ad imitazioni) potrebbe costituire indizio della presenza stabile di un gruppo di orientali e forse della vicinanza di un emporion. Vi è in effetti una tendenza recente a considerare il primitivo insediamento dei lestai che precede la fondazione ufficiale di Zancle dipendente non da Cuma ma da Pitecusa, collocandosi quindi nel medesimo orizzonte cronologico22 a questa fase potrebbero problematicamente attribuirsi i pochi frammenti di coppe “a chevron” rinvenuti presso l’isolato 224.

19Si tratterebbe tuttavia di problematiche ancora aperte.

Annexes

Abbreviazioni supplementari:

Apoikia = Apoikia - Scritti in onore di G. Buchner, AION ArchStAnt n. s. l, 1994.

Bacci Spigo 1986 = G.M. Bacci Spigo, ‘Aspetti della ceramica arcaica dello Stretto’, in Lo stretto crocevia di culture.

Lo stretto crocevia di culture = Lo stretto crocevia di culture, ‘Atti XXVI Convegno Taranto 1986’, Napoli 1987

Pelagatti 1982 = I. Pelagatti, ‘I più antichi materiali di importazione a Siracusa, a Naxos e in altri siti della Sicilia orientale’, in La céramique grecque ou de tradition grecque au VIII siècle en Italie centrale et méridionale, Napoli 1982.

Sabbione 1981 = C. Sabbione, ‘Reggio e Matauros nelSabbione 1981 l’VIII e VII sec. a.C.’, in ASAtene 1981.

Sabbione 1981 = C. Sabbione, ‘La colonizzazione greca: Matauros e Mylai’, in Lo stretto crocevia di culture.

Scibona 1992 = G. Scibona, ‘Storia della ricerca archeologica’, in BTCGI X, 1992.

Vallet 1958 = G. Vallet, Rhegion et Zancle, Paris 1958.

Notes

1 Vallet, 1958. Per la ricerca posteriore si veda in sintesi: G. Scibona, ’Punti fermi e problemi di topografia antica a Messina 1966-1986’, in Lo Stretto crocevia di culture, pp. 433-458; Idem, 1992, pp. 16-36; G. M. Bacci, in ‘Atti VIII Congr. Int. Studi Sicilia Antica’, Kokalos 39-40, 1993-1994, II 1, pp. 923-943; eadem, ‘Archeologia: dalla Preistoria all’Età Romana’, in AA. VV., Messina storia e civiltà, Messina 1997, pp. 99-105. Per le schede dei materiali, per la topografia urbana e per problemi particolari, specialmente in rapporto alla produzione in età arcaica, si rinvia inoltre al catalogo della mostra Da Zancle a Messina. Un percorso archeologico tenutasi al Teatro Vittorio Emanuele di Messina, dicembre 1997-aprile 1998, in corso di pubblicazione a cura di G. M. Bacci e G. Tigano.

2 P. Orsi, in NSc 1929, pp. 38-46.

3 L. Bernabò Brea, in Kokalos 18-19, 1972-1973, p. 176; Scibona 1992, p. 28.

4 Per un primo aggiornamento sulle produzioni ceramiche cfr. Bacci Spigo 1986, pp. 247-273.

5 Bacci Spigo 1986, pp. 251-252, 262-263.

6 Vallet 1958, pp. 140-141; Bacci Spigo 1986, pp. 257-262.

7 Vallet 1958; Bacci Spigo 1986, pp. 264-268. Già Sabbione rileva una maggiore presenza di materiali greco-orientali nella necropoli di Matauros rispetto a quella di Mylai, mettendola in rapporto con la possibile esistenza di due diverse rotte, in direzione della Campania e dell’Etruria, oppure della Sicilia punica e della Sardegna: Sabbione, 1986, p. 232.

8 Bacci Spigo 1986, pp. 248-257.

9 Cfr. M. C. Lentini, ‘Un secondo contributo sulla ceramica di Naxos: idrie e anfore’, in BdA 72, 1992, p. 16, figg. 31-32, p. 14 e p. 25, figg. 24-25, p. 15, da Naxos. Questa classe è presente a Zancle con numerosi esemplari quasi sempre assai frammentari.

10 M.C. Lentini, ‘Le oinochoai “a collo tagliato”. Un contributo alla conoscenza della ceramica di Naxos di VIII e VII secolo a. C.’, in ASAtene 60, 1990, p. 67, fig. 1, p. 72, figg. 13-16, p. 79.

11 Si avvicina ad alcuni esemplari da Mylai: L. Bernabò Brea - M. Cavalier, Mylai, Novara 1959, tavv. XLII, 1 - XLIII, 3; inoltre Sabbione 1981, fig. 3 da Reggio, fig. 8, esemplare a destra, da Matauros.

12 Cfr. Pelagatti 1982, pp. 150-151, fig. 13-14, tav. XXXVI.

13 Bacci Spigo 1986, p. 260, tav. XV. La produzione di questa classe in area messinese ο comunque dello Stretto è stata provata da una serie di analisi chimiche e fisiche a cura del Dipartimento di Fisica dell’Università di Messina, tuttora in corso con lo scopo, tra l’altro, di determinare i caratteri distintivi di una produzione che possa definirsi locale.

14 Cfr. ad esempio Pelagatti 1982, tav. XXXV n. 9, da Naxos; G. Buchner - D. Ridgway, Pithekoussai I, Roma 1993, tav. 106 nn. 5-6, p. 327 ss., da Ischia. Su Matauros cfr. Sabbione 1981, fig. 13 e nota 30; idem 1986, pp. 234-235.

15 Si rinvia alla relazione del dott. P. Coppolino sulla ceramica da fuoco in Da Zancle a Messina citato alla nota 1. Per un esemplare completo cfr. C. Gialanella, ‘Pithecusa: gli insediamenti di Punta Chiarito. Relazione preliminare’, in Apoikia, figg. 31, 5-6, p. 192: “contenitore fittile di uso incerto”.

16 Per il motivo a semicerchi contrapposti cfr. D. Ciafaloni, ‘Dinoi a decorazione geometrica dall’Incoronata di Metaponto’, in BdA 30, 1985, pp. 43 ss. Vedi inoltre la nota 17.

17 Per la fabbrica attribuita ad una bottega siracusana probabilmente originaria di Argos, in sintesi: P. Pelagatti, ‘Siracusa: le ultime ricerche in Ortigia’, in ASAtene XLIV, 1982, pp. 147 ss. Sui frammenti di Messina cfr. G.M. Bacci Spigo, appendice a U. Spigo, ‘Corinto e la Sicilia’, in Corinto e l’Occidente, ‘Atti XXXIV Conv. Studi Magna Grecia, Taranto 1994’, Napoli 1997, pp. 583-584, fig. 1.

18 Ma anche le divergenze: Naxos in effetti sembra rivestire un ruolo particolare, meno spiccatamente “commerciale” rispetto agli altri centri dello Stretto: cfr. M. C. Lentini,’Naxos nel quadro dei rapporti tra Egeo e Tirreno: gli apporti delle esplorazioni più recenti’, in Lo Stretto crocevia di culture, pp. 415 ss.

19 Alcune delle osservazioni qui contenute erano già anticipate nella bella disamina di Claudio Sabbione sulle necropoli di Mylai e Zancle.

20 Oltre a quanto già noto sulle necropoli di Mylai e Matauros, vedi due aryballoi da recenti scavi nella necropoli di Mylai uno dei quali probabilmente di importazione cumana: G. Voza, in Mostra della Sicilia Greca, 1984, n. 42, pp. 110-111; Sabbione l986, p. 233.

21 Vedi C. Ciurcina, ‘Rapporti tra le terrecotte architettoniche della Sicilia orientale e quelle dell’Italia centrale’, in Deliciae fictiles, Sockholm 1993, p. 38.

22 A. Mele, Il commercio greco-arcaico. Prexis ed emporte, Napolpoli 1979, p. 32. E. Greco, ‘Pithekoussai: emporion ο apoikìa?’, p. 15 e B. d’Agostino, ‘Pitecusa. Una apoikìa di tipo particolare’, pp. 20-21, in Apoikia, 1994. Per una recente ripresa del problema dal punto di vista esclusivamente storico vedi L.Antonelli, ‘La falce di Crono’, in Kokalos 42, 1996, pp. 315-325.

Table des illustrations

Légende Fig. 1 - Testimonianze dell’insediamento di Zancle dall’VIII al V sec. a.C.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/679/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 317k
Légende Fig. 2 - Zancle: a-f, ceramiche fenicie ad ingubbiatura rossa (1:2) ; g, piatto di fabbrica locale (1:2); h-l, coppette di produzione locale (1:2) ; m, oinochoe di produzione locale (1:3).
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/679/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 2,1M
Légende Fig. 3 - Zancle: a, dinos di produzione coloniale (1:3); b, brocchetta monoansata di produzione locale (1:3); c, hydria di produzione locale (1:4).
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/679/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 278k
Légende Fig. 4 - Coppe tardo-geometriche.
URL http://books.openedition.org/pcjb/docannexe/image/679/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 110k

© Publications du Centre Jean Bérard, 1998

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540