Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Da Sibari a Thurii

 | 
Maurizio Bugno

Capitolo III. Siracusa e Sibari nel 476/5 a.C.

Texte intégral

1. Premessa

  • 1 Diod. Sic. XI 48, 3-5: anno attico 476/5.
  • 2 Schol vet. Pind. Οl. II 15 29b; 29d = Didym. p.215 (Schmidt) = Tim. fr.93b (Jacoby); schol. rec. a (...)
  • 3 Cfr. Piccirilli 1973, 74-79; Bruno Sunseri 1987, 52-62; Pearson 1987, 131s.; Vattuone 1991, 178-18 (...)

1Nel contesto della crisi dinastica per l’eredità di Gelone, Diodoro Siculo1 e taluni scolî all’Olimpica II di Pindaro2 indirettamente ricordano l’ingerenza di Siracusa in un conflitto, tra Crotone e Sibari rifondata, che ha trovato spazio in studi anche recenti3. L’ottica siracusana che ispira queste fonti guarda alla situazione interna della polis anche in rapporto alla politica estera, ed è ovviamente priva di considerazioni dall’osservatorio sibaritico, tutt’affatto degno di qualche nuova riflessione che privilegi il suo «punto di vista».

  • 4 De Sensi Sestito 1981, 617-642.
  • 5 Kraay 1958, 14-16, pl. III, 3 e pl. IV, 2-5: stateri (tre esemplari dalla stessa coppia di coni), (...)
  • 6 De Sensi Sestito 1981, 628-637; cfr. Eadem 1987, 251-262; cfr. inoltre Laroche-Jacquemin 1990, 299 (...)

2In uno studio dedicato alla valutazione della politica basso e medio-tirrenica di Gelone e Hierone, G. De Sensi Sestito4 ha pensato che la missione siracusana avesse respinto l’assalto crotoniate a Sibari e che l’indipendenza di quest’ultima fosse durata forse dal 480 circa fino al 470 -secondo quanto ipotizzato da C.M. Kraay sulla base della documentazione numismatica5-, ο più verosimilmente fino al 468, vale a dire fino alla morte di Hierone6.

  • 7 Diod. Sic. XI 90, 3-4; XII 10, 1-3.
  • 8 Kraay 1958, 18-21; Idem 1967, 113-135. A Poseidonia dopo un venticinquennio di inattività della ze (...)
  • 9 Bicknell 1976, 22s., ha datato queste monete a prima del 511/0 e particolarmente gli stateri, per (...)
  • 10 Cfr. Lombardo 1994, 259 e 282s.

3Tuttavia, l’eventuale presenza di monete della nuova Sibari non obbliga a prolungare la durata dell’indipendenza a molto dopo il 476/5. Talune emissioni il Kraay ha potuto attribuire -per la tipologia- a una Sibari diversa da un lato da quella caduta nel 511/0 e dall’altro da quella rifondata nel 453/2-448/7 ripresa poi nel 446/5,e datarle -per la tecnica incusa- entro la metà del V secolo a.C. Egli ha pensato dunque all’attività della zecca di una Sibari progressivamente autonoma da Crotone nell’arco di tempo che va da poco prima del 500 a quando soccombe sotto un nuovo attacco crotoniate, tra il 476 e il 453 (l’anno cioè di una nuova rifondazione)7 -momento che il Kraay ha collocato nel 470 circa8-. Ma poiché mancano elementi per fissare una data assoluta e per calcolare la durata dell’emissione, peraltro non lunga e di controversa attribuzione9, l’ipotesi del Kraay dipende più dalle fonti scritte che ricordano i Sibariti assediati da Crotone nel 476/510 che da argomenti strettamente numismatici: è quindi unicamente all’esegesi della tradizione che resta ancorata non solo la cronologia assoluta della durata dell’anoikismos sibaritico ma anche la verifica delle ipotesi del Kraay,e non viceversa.

4Al contrario, una dilatazione eccessiva della rifondazione di Sibari pare ostacolata da ciò che documenta la tradizione.

5Che questo primo tentativo fosse fallito era, alla metà del V secolo, sicuramente un ricordo vivo nella memoria degli stessi Sibariti. Infatti, la seconda delle tre catastrofi che Apollo aveva loro vaticinato doveva contemplare proprio ciò che avvenne in tale occasione: l’oracolo (Plut. Mor. = De ser. num. vind. 557c) annunzia ai Sibariti la liberazione dalle sventure e una rinascita di Sibari come tale dopo tre olethroi, che non possono essere se non quelli del 511/0, del 476e infine del 448/7.

  • 11 Bicknell 1976, 22.
  • 12 Cfr. Torelli 1987, 594s.; Lombardo 1994, 322-324 e 523s. (dibattito); Camassa 1994, 581s. e 500 (d (...)

6Invece, secondo P. J. Bicknell le tre catastrofi cui allude l’oracolo sarebbero quelle del 511/0, del 448/7,e del 445/4 quando i Sibariti furono espulsi dopo la lotta civile con i nuovi apoikoi ellenici. In questo caso l’oracolo ignorerebbe l’anoikismos nel 476/5e legittimerebbe l’esistenza di Sibari sul Traente11. Ma va ricordato che l’oracolo non sembra ammettere l’esistenza dei Sibariti in un’altra Sibari né prospetta una tale soluzione, esso sembra piuttosto garantire continuità per un’unica e sola Sibari. La Sibari che l’oracolo vuole legittimare è quella rifondata nel 446/5, con aiuti ateniesi,e la profezia ignora l’esito che ebbe il sinecismo tra Sibariti e apoikoi venuti dall’Hellade12.

7Questa di Plutarco è allora la tradizione più vicina ai fatti, più antica, e di marca chiaramente sibaritica: essa conferma la tradizione siracusana relativa alla rifondazione del 476/5 e in particolare quella che alludeva a un sostanziale insuccesso dell’iniziativa, dei Sibariti come di Polizelo (Diodoro). Infatti, se da una parte, a detta di Timeo, la guerra ebbe buon esito (fr.93b Jacoby; cfr. schol. Pind. Ol. II 29b), dall’altra Diodoro scrive che Polizelo disattese gli ordini del fratello (XI 48, 4-5).

8Ma c’è di più: all’ambiguità si aggiunge il silenzio.

  • 13 Cfr. Deas 1931, 19-27. Lo scolio a Pindaro 29b, che risale anch’esso a Didimo di Alessandria, è co (...)
  • 14 Cfr. Van Compernolle 1992, 61-75.
  • 15 Cfr. Arrighetti/Calvani Mariotti/Montanari 1991, passim.
  • 16 Per questa rifondazione cfr. anche Diod. Sic. XI 90, 3-4: anno 453/2.

9Mentre gli scolî di Didimo (schol. Pind. Ol. II 29b; 29d = Tim. fr.93b Jacoby) -risalenti entrambi a Timeo13- si ricordano di Sibari per la disputa intorno all’eredità di Gelone che da Siracusa si allarga poi fino a coinvolgere gli Emmenidi14, un terzo scolio (29c), al medesimo luogo pindarico e nello stesso contesto degli altri due, ignora del tutto l’interesse siracusano per Sibari, ulteriore episodio dello scontro Hierone-Polizelo15. Analogamente, Diodoro Siculo pur raccontando l’assedio ai Sibariti -come sappiamo- nel libro undicesimo (XI 48, 3-5: anno 476/5), lo ignora per ben due volte nel libro dodicesimo, dove pure si dilunga in un excursus sulla precedente storia di Sibari nel contesto italiota della fondazione di Thurii. In effetti, la trama diodorea (XII 10, 1-2: anno 446/5) salta direttamente dalla prima grande sconfitta (511/0) a una rifondazione avvenuta dopo cinquantotto anni (453/2) e, ricordato il fallimento di questa dopo altri cinque16, continua (XII 10, 3) con l’intervento ateniese, invocato dai Sibariti cacciati per la seconda volta dalla loro patria (cioè nel 511/0 e nel 448/7, quando Crotone vanifica anche il tentativo del 453/2). Infine, anche Strabone (VI 1, 13 C.263), nel tracciare la storia di Sibari, passa dal racconto della distruzione (fine VI secolo) a una rifondazione collegata all’intervento ateniese (446/5), senza alcun riferimento a contesti della prima metà del secolo quinto: non solo il 476/5 ma neanche il 453/2.

10Dunque, è interessante notare come l’assedio a Sibari nel 476/5 venga ignorato, oltre che nello scolio 29c -in contrasto con gli scolî 29b e 29d-, proprio dove ci si aspetterebbe di trovarlo citato: vale a dire nel contesto italiota dei racconti sulla preistoria della fondazione di Thurii, in Diodoro XII (contro l’ottica siceliota di Diodoro XI) e in Strabone, contro ciò che ha tramandato un’oracolo dato agli stessi Sibariti (Plut. Mor. = De ser. num. vind. 557c).

11Allora -tenendo conto non solo della difformità con cui Timeo e Diodoro ricordano l’esito dell’intervento di Polizelo, ma anche del silenzio di Diodoro XII, di Strabone e dello scolio a Pindaro Ol. II 29c- occorre chiedersi quale sia stata l’entità di questo anoikismos di Sibari e per quanto tempo esso sia rimasto in vita, resistendo all’assedio che Crotone gli aveva posto.

  • 17 Lombardo 1994, 281-293 e 322-324.
  • 18 Vd. anche infra Appendice I.

12Più di recente, questa problematica è stata da M. Lombardo discussa nel contesto di una presenza sibaritica posteriore al 511/0 a.C. Nel riesame della documentazione, il Lombardo per un verso ha dato puntuali risposte e d’altra parte ha riaperto il dibattito con opportune osservazioni17. Pertanto, la disamina di M. Lombardo costituirà il punto di partenza delle pagine che seguono. Qui si approfondirà la tematica sulle questioni sollevate, guardando da un triplice osservatorio: la storiografia (allargando il quadro delle testimonianze)18; la cronologia (rafforzando con ulteriori riflessioni la possibilità che l’episodio sibaritico fosse ristretto nel tempo); il luogo dell’azione (riconducendo alla Sibaritide gli avvenimenti).

  • 19 Secondo Freeman 1891, 525-530: gli avvenimenti raccontati da Diod. XI 48, 3-8 e dagli schol. Pind.(...)

13Nell’interpretazione delle fonti verranno ben distinti due momenti: da un lato l’effetto che l’ingerenza siracusana nell’episodio di Sibari e lo sviluppo della crisi dinastica tra Dinomenidi ed Emmenidi hanno avuto nella storiografia,e dall’altro le ragioni storiografiche che in séguito hanno potuto deformare la tradizione sull’avvenimento19. Ma, prima di ogni operazione di Quellenforschung, soffermandoci particolarmente su dissonanze relative a più punti, è opportuno capire subito la tendenza e l’atteggiamento che, nei riguardi dei protagonisti e degli eventi, ciascuna testimonianza assume: dall’eredità di Gelone al rapporto Hierone-Polizelo, fino al conflitto dinastico col coinvolgimento degli Emmenidi, per tornare poi al vero tema di quest’analisi, vale a dire l’episodio di Sibari, variamente raccontato proprio in funzione dell’ottica da cui ognuna di loro parte.

2. L’eredità di Gelone e la contesa dinastica siracusana

  • 20 Vd. anche Diod. Sic. XI 67, 3. Sulla basileia a Siracusa vd. Luraghi 1994, 354-361.

14Narra Diodoro Siculo che Gelone, in punto di morte, affidò la basileia al fratello Hierone che divenne quindi il nuovo basileus dei Siracusani (XI 38, 3; 7: anno 478/7; XI 48, 3: anno 476/5)20. Ma da Timeo (schol. Pind. Ol. II 29b; 29d = Tim. fr.93b Jacoby) sappiamo che Gelone, prossimo a morire, dette a Polizelo la strategia e la moglie Damareta. Da qui alcune considerazioni: Diodoro ricorda Hierone quale unico erede, mentre Timeo, al momento di raccontare la successione di Gelone, pone in risalto che Polizelo aveva ereditato la strategia e sposato la vedova del fratello, cioè del precedente detentore del potere.

  • 21 Schol. rec. Pind. Ol. II 29 (p.l13s. Abel); cfr. Steph. in Arist. Rhet. 1373a 23. Vd. Piccirilli 1 (...)

15A tal proposito va ricordato che nello scolio recente al medesimo luogo pindarico (una parafrasi della testimonianza di Timeo nella quasi totalità) si legge che Gelone affidò a Polizelo la basileia: forse il tardo commentatore, ignorando le complete disposizioni testamentarie, capiva, dal racconto timaico sulla successione, che Polizelo avesse ereditato la basileia da Gelone21.

  • 22 Cfr. Luraghi 1994, 255-258 e 321-328.

16Diversamente, schol. Pind. Ol. II 29c passa sotto silenzio le disposizioni testamentarie di Gelone, anzi le contraddice ricordando che fu Therone a dare la propria figlia in sposa a Polizelo. L’elemento che distingue questa versione da quella timaico-diodorea è che il matrimonio di Polizelo con la vedova di Gelone qui non vuole sembrare una disposizione testamentaria ma una iniziativa indipendente di Therone22.

  • 23 Cfr. Xen. Hier. VII 10. L’espressione «πρὸς τὴν στρατείαν οὐχ ὑπακούσαντος» (Diod. Sic. XI 48, 5) (...)
  • 24 Piccirilli 1971, 66, ha pensato che Polizelo fosse al comando di pochi soldati: questo potrebbe es (...)
  • 25 L’autonomia di Polizelo e la soluzione della crisi trovano confronti diretti con lo schol. Pind. Ο (...)
  • 26 Anche nel giudizio finale negativo (XI 67, 3-4) s’intravede traccia di tradizione filo-hieroniana (...)

17Anche per il rapporto Hierone-Polizelo nell’immediato dopo-Gelone, Timeo e lo scolio 29c sono agli estremi: l’uno è infatti vicino alle ragioni di Polizelo, l’altro è solidale con Hierone e ostile a Polizelo. Diodoro (XI 48, 3-5) da parte sua, per un verso si presenta favorevole a Polizelo laddove questi viene elogiato ed è vittima del sospetto di Hierone, a cui non dà ascolto per motivi fondati23. Ma d’altra parte lo stesso Hierone viene presentato quale basileus dei Siracusani; ci sono poi le grandi forze mercenarie reclutate in vista della campagna militare in Italia, che evidentemente tale tradizione non doveva ritenere così trascurabile24 ; seguono poi l’ira motivata per il comportamento di Polizelo; la lealtà dimostrata nei confronti di Therone; infine la risoluzione di una crisi oramai ampia e manifesta25. Questi elementi mettono in evidenza Siracusa e il suo basileus, connotandosi invece come eco di tradizioni filo-hieroniane: le stesse che d’ora in avanti -come si vedrà- vengono negate26.

  • 27 Tim. fr.93 (Jacoby); cfr. schol. Pind. Ol. II 29b; Steph. in Arist. Rhet. 1373a 23. Cfr. Luraghi 1 (...)
  • 28 Eco in Xen. Hier. VII 10; II 10; III 8.

18Il precipitare della crisi siracusana, estesasi poi fino a coinvolgere gli Emmenidi di Agrigento, è da Timeo ricondotta al risentimento di Therone per come Hierone si era comportato nei riguardi di Polizelo, suo genero e suocero27. Ma a detta di Diodoro l’aspetto più acceso si manifestò in conseguenza della fuga di Polizelo ad Agrigento (XI 48, 5). D’altra parte lo scolio 29c, totalmente favorevole a Hierone, mette in evidenza gli accordi segreti Thrasideo-Polizelo in funzione anti-hieroniana, il tutto all’insaputa anche di Therone28.

19Prima della conclusione delle ostilità tra Siracusa ed Agrigento ebbe luogo il tradimento di Himera. La frammentarietà della tradizione non consente di conoscere la versione che di questi avvenimenti Timeo aveva dato. Diodoro ricorda la cospirazione degli Himeresi: stanchi dell’intransigenza che ispirava il governo di Thrasideo, essi, non ritenendo sufficiente accusarlo dinanzi al padre che poteva rivelarsi parziale, decisero di presentare a Hierone le accuse nei confronti di Thrasideo e di consegnare nelle sue mani Himera, pronti a combattere contro Therone che però era all’oscuro di tutto (XI 48, 6-7). Non è dato sapere come lo scolio 29c ricordasse questi avvenimenti a causa della lacuna che presenta al suo interno: data la tendenza, è molto probabile che la sua fonte li narrasse in funzione filo-hieroniana.

20Tale lacuna può tuttavia in qualche modo essere colmata. Gli scolî fino adesso commentati spiegano tutti una glossa al verso 15 dell’Olimpica II di Pindaro, in cui si fa riferimento al fatto che nessuna azione umana, giusta ο ingiusta che sia, può risultare irrealizzabile,e che neppure Chronos, padre di ogni cosa, potrebbe porre termine alle azioni; ma una sorte favorevole potrebbe farle dimenticare. Pindaro prosegue spiegando che per il nobile effetto della gioia la sofferenza, che proviene da chi è ostile, muore domata, allorquando la Moira divina eleva al cielo la felicità (Ol. II 15-22). Quest’azione ingiusta, realizzata, dolorosa per Therone, è stata connessa dagli scolî all’episodio Polizelo-Thrasideo e alle sue conseguenze.

21Altrove, nella stessa ode, Pindaro allude ai torbidi accaduti intorno a Therone. Siamo ormai alla fine dell’epinicio e, dopo l’ennesimo encomio al destinatario del componimento, i versi recitano come l’arroganza che non è compagna della giustizia investì la gloria di quello, ma essa venne da parte di uomini insolenti, con lo scopo di diffondere maldicenze e di far dimenticare le belle azioni degli eroi: tuttavia solo la sabbia non si lascia contare, e chi -conclude Pindaro- potrebbe enumerare quante gioie quell’uomo ha dato agli altri? (Ol. II 95-100). Alcuni scolî al verso 95 si rivelano molto interessanti per capire chi sono questi uomini arroganti, ingiusti verso la gloria di Therone, insolenti, maldicenti e invidiosi.

  • 29 Cfr. schol. rec. Pind. Ol. II 173 (p.143 Abel).
  • 30 Altrove, in schol. Pind. Ol. II 8a, Capi e Hippocrate sono definiti semplicemente consanguinei, ma (...)

22Gli scolî 173a e 173c si limitano a dire che l’arroganza di uomini insaziabili, che volevano provocare scompiglio, attaccò la lode di Therone, al fine di porre oscurità sulle azioni dei nobili. Da un altro scolio si apprende che qui Pindaro allude al guastarsi dei rapporti tra Hierone e Therone (173i). Lo scolio 173d racconta che Pindaro scrisse quest’ode quando Therone era in lotta a causa della parentela con Hierone,e lo scolio 173k precisa che i due erano in lotta per Polizelo, accolto da Therone dopo che Hierone lo aveva espulso da Siracusa. Ancora in riferimento al dissidio Hierone-Therone, lo scolio 173f aggiunge che quelli che lo tradivano in favore di Hierone erano philoi29. Ma quest’ultimo scolio adombra la possibilità che Pindaro si riferisca anche alle insidie tese a Therone dai seguaci di Capi, i quali presero le armi contro di lui, non tollerando di vederlo così illustre. Dettagli maggiori si apprendono dallo scolio 173g: Capi e Hippocrate erano cugini di Therone30; costoro, dopo essere stati beneficati in più cose, non appena videro che la sua tirannide aumentava di prestigio, furono presi dall’invidia e presero a desiderare una guerra contro di lui. Ma Therone lì assalì presso Himera e li vinse.

  • 31 Vd. Diod. XI 48, 6-8. Secondo Vattuone 1991, 181, la protezione da Therone offerta a Polizelo crea (...)
  • 32 Sulla data del soggiorno di Simonide presso Hierone vd. Marm. Par. 54 (Jacoby); Syrian. Comment. i (...)
  • 33 Cfr. Xen. Hier. II 17s. Sull’accordo cfr. Bengtson 1962, 33s. nr. 133. Lo scolio 29c narra che The (...)

23Dunque, all’intricata situazione che ormai vedeva fra loro variamente alleati ο contrapposti gli eredi di Gelone e gli Emmenidi, e alle già note manovre di Polizelo e Thrasideo ai danni di Hierone, va ora aggiunto il tentativo destabilizzante che Capi e Hippocrate -fiduciosi nell’appoggio di Hierone- andavano tramando contro il loro cugino Therone,e che fu sedato proprio nei pressi di quell’Himera la quale -oppressa dal dispotismo di Thrasideo- era pronta a consegnarsi nelle mani di Hierone e ad opporsi allo stesso Therone, come ricorda Diodoro31. In séguito a questi fatti la crisi giunse a conclusione. L’attrito tra Hierone e Therone fu secondo Timeo dissolto da Simonide32, mentre Diodoro (XI 48, 8) e lo scolio 29c33 dànno valore al ruolo giocato da Hierone (29c con la mediazione di Simonide) che, in occasione del tradimento degli Himeresi, informò lealmente dell’imminente pericolo Therone a sua volta dotato di buon senso verso Hierone.

  • 34 Cfr. Musti 1990a, 18. L’atteggiamento che si va delineando per gli scolî al verso 95 doveva essere (...)

24Le tradizioni, di Timeo da una parte e di Diodoro e dello scolio 29c dall’altra, si conoscono e tentano di modificarsi reciprocamente. Gli scolî al verso 95, favorevoli a Therone, raccontano del tradimento di Capi e Hippocrate come dovuto a ingrati ed invidiosi. La tendenza generale che distingue questi scolî è il silenzio su Thrasideo e sulle sue colpe, essi screditano invece i traditori di Therone e quindi implicitamente giustificano il comportamento di Hierone che denuncia il complotto34. C’è dunque il sospetto che quella degli scolî al verso 95 sia la parte di una tradizione, giuntaci frammentaria, che in origine doveva spiegare questi avvenimenti da un’ottica filo-hieroniana poiché ne giustificava in tutto l’operato. Essa ricordava il tradimento di Capi e Hippocrate e le benemerenze implicite di Hierone: posizioni estreme queste che non hanno riscontro nell’anti-hieroniano Timeo.

3. Siracusa e Sibari

  • 35 Piccirilli 1971, 66, ha pensato che Polizelo sia stato inviato a combattere contro i Sibariti; cfr (...)
  • 36 Cfr. Str. IX 2, 17 C.406; Hdn. III 6, 9; Plut. Lucull. 29, 5. Strabone usa il sostantivo per indic (...)
  • 37 Pensano ad uno scenario tirrenico (Laos e Skidros) per questa rifondazione di Sibari Lombardo 1994 (...)

25In Diodoro -come è noto- si trova notizia della poliorkia crotoniate ai Sibariti ma estrapolata dal suo contesto italiota: il progetto della spedizione siracusana a Sibari è connesso unicamente al dissidio interno tra Hierone e Polizelo e ai suoi sviluppi sicelioti, dopo la morte del loro fratello Gelone. E su di essa Diodoro non offre ulteriori particolari. Timeo, da parte sua, racconta di un polemos contro i Sibariti35, proprio come nel passo diodoreo, solo in riferimento al dissidio tra Hierone e Polizelo con il coinvolgimento degli Emmenidi, per documentare l’effetto dell’invidia di Hierone. Di un certo interesse è lo scolio a Pindaro Ol. II 29b che definisce Sibari, mèta di Polizelo, con il termine ἀνοικισμός: cioé «rifondazione; reinstallazione; ripopolamento»36. L’indicazione di Sibari indica che allora sull’antico sito -e non altrove37- la comunità si era raccolta e resa indipendente da Crotone. Purtroppo lacunoso nella parte finale, lo scolio ricorda l’anoikismos solo in collegamento con le vicende siracusane e in relazione al tentativo di allontanare Polizelo dalla Sicilia, senza dare altre indicazioni sulla spedizione e sul suo esito perché s’interrompe. Infine, ciò che più interessa dello scolio 29c al medesimo luogo pindarico è il silenzio sulla spedizione in Italia, che viene sostituita da una lotta in Sicilia e quindi intenzionalmente taciuta.

26La tradizione filo-hieroniana (scolio a Pindaro 29c e Diodoro in parte) pare assumere dunque due posizioni sull’intervento militare nella Sibaritide nel contesto della crisi per la successione di Gelone: sottolinea l’insubordinazione di Polizelo ignorando però la spedizione (scolio 29c), oppure -tenendo fermo il dato dell’insubordinazione- la ricorda assieme alle ingenti forze reclutate dallo stesso Hierone e alla sua ira motivata per il comportamento di Polizelo ché tale impegno aveva reso vano (Diodoro). Lo scolio a Pindaro 29c ricorda solo la guerra contro i Siculi perché da quel momento si intorbidiscono i rapporti tra gli eredi di Gelone, e la colpa ricade solo sul comportamento di Polizelo, autonomo rispetto ai programmi di Hierone. La versione diodorea si sofferma sul solo episodio di Sibari perché da allora la crisi si accende e si allarga ad Agrigento e Himera: le responsabilità ricadono prevalentemente su Hierone che progetta perfino l’eliminazione di Polizelo, ma non viene taciuto che quest’ultimo potesse costituire una minaccia, e inoltre il suo comportamento appare già molto prudente. D’altra parte, anche per Timeo è importante solo l’ultima fase della crisi: egli in tal modo può mettere meglio in evidenza i progetti oscuri di Hierone, ma qui Polizelo è all’oscuro di tutto.

  • 38 Cfr. l’atteggiamento della tradizione filo-hieroniana che per un verso tace dell’evento in schol. (...)

27Una prima conclusione pertanto è possibile. L’anoikismos acquisiva rilevanza nel contesto italiota solo per i Sibariti (Plut. Mor. = De ser. num. vind. 557c), ed era funzionale per le sue implicazioni con la storia siracusana, specialmente con le vicende della successione di Gelone. Questo spiegherebbe, da una parte, il motivo per cui talune fonti lo ricordano, oltre tutto contraddittoriamente, solo in rapporto al conflitto dinastico a Siracusa,e in particolare nell’ambito di una versione in cui Polizelo figurava quale vittima del fratello;38 dall’altra, il silenzio nella versione totalmente favorevole a Hierone e nella trattazione del periodo compreso tra la fine di Sibari e l’impianto di Thurii.

  • 39 Cfr. Diod. Sic. XI 90, 3-4; XII 10, 1-3; Str. VI I, 13 C.263; Plut. Mor. = De ser. num. vind. 557c
  • 40 Cfr. von Fritz 1940, 68s. Raviola 1986, 21-34, -seppure con molta prudenza- pare sostenere l’ipote (...)
  • 41 Sembrerebbe troppo alto anche un inizio intorno al 480, ipotizzato da De Sensi Sestito 1981, 631 n (...)
  • 42 Sull’argomento vd. Schenk Graf von Stauffenberg 1963, 208-220, e l’ampia trattazione di De Sensi S (...)

28Se Siracusa avesse ottenuto un successo pieno, Sibari non sarebbe stata rifondata ancora una volta nel 453/2,39 l’episodio non avrebbe determinato ambiguità, e non sarebbe sfuggito non solo alla tradizione dello scolio 29c all’Olimpica II di Pindaro, ma neanche a Diodoro XI 90, 3-4 e XII 10, 1-3 né a Strabone VI 1, 13 C.26340 al momento di raccontare l’antefatto della fondazione di Thurii. Tutto lascia supporre che dovette trattarsi di una rifondazione di poco conto e di breve durata, più irrilevante di quella del 453/2-448/7 anch’essa ignorata dallo stesso Strabone41: si può pensare a una insurrezione per la riconquista dell’autonomia ad opera dei superstiti ancora residenti nella regione, pronti a sfruttare autonomamente un periodo critico per Crotone che, oltre alla Sibaritide, pare in difficoltà anche nella Temesiade, sul versante tirrenico42.

  • 43 Vd. Diod. Sic. XI 48, 5.

29Le due versioni divergenti sul comportamento di Polizelo (Timeo fr.93b Jacoby; Diod. XI 48, 5) possono trovare un punto di confronto con la testimonianza dello scolio filo-hieroniano (29c) laddove si legge che, mandato a combattere contro i Siculi, Polizelo stesso pose fine alla guerra in modo autonomo rispetto alle intenzioni del fratello. E’ a tal proposito estremamente interessante il passo «ἔπαυσε τὸν πόλεμον χωρὶς τῆς τοῦ ʽΙέρωνος γνώμης» (schol. Pind. Ol. II 29c) che potrebbe definire in tal senso anche il luogo diodoreo «πρὸς τὴν στρατείαν οὐχ ὑπακούσαντος» (XI 48, 5): quando cioè i due fratelli sospettavano ormai l’uno dell’altro, Hierone provò a liberarsi di Polizelo affidandogli l’incarico della campagna a Sibari, ma quest’ultimo non seguì le disposizioni avute. L’ambiguità della tradizione farebbe pensare che, a causa dei contrasti con Hierone, Polizelo sia intervenuto nella vicenda risolvendo la situazione a modo proprio e non secondo gli ordini del fratello43.

  • 44 Vd. infra Appendice I.
  • 45 Hierone prima teme la fama acquisita da Polizelo per i successi ottenuti in Sicilia, e poi lo accu (...)

30Di interpretazione a prima vista molto problematica risulta la notizia secondo cui Polizelo «κατώρθωσε» il conflitto, soprattutto perché questa versione è tanto favorevole a lui quanto è ostile a Hierone, così da sembrare tendenziosa. Il frammento timaico presenta infatti qualche differenza rispetto alla tradizione diodorea, in cui vi sono -come si è notato- anche elementi filo-hieroniani44. Timeo esalta dunque l’operato di Polizelo stratego ma senza ulteriori particolari, vantando un successo che lo sviluppo successivo degli eventi nella Sibaritide sembrerebbe non confermare: non va escluso che qui vi siano interessate ambiguità. Il luogo timaico («καὶ τοῦτον κατώρθωσε τὸν πόλεμον») potrebbe allora indicare una risoluzione autonoma anche di questa a Sibari, alludendo con «καὶ τοῦτον» alla guerra contro i Siculi, gestita a modo suo da Polizelo45. Per Timeo l’episodio rivestiva importanza solo per la crisi dinastica e non doveva configurare un successo di Polizelo tale da garantire continuità all’anoikismos: il successo è personale, relativamente all’evoluzione del rapporto con Hierone.

  • 46 Polizelo dovette risolvere la vicenda con un intervento di entità minore rispetto a quello, pure n (...)

31Queste considerazioni portano a concludere che Polizelo si interessò alla vicenda, ma senza dare un contributo durevole. Egli dovette risolvere tutto «disattendendo» gli ordini del fratello e venendo a patti con i Crotoniati, forse salvando i Sibariti ma comunque non assicurando loro l’autonomia46.

4. La cronologia

32Occorre riflettere -cosa mai fatta finora- su ciò che documentano i due scolî (schol. Pind. Ol. II 29b; 29d) risalenti a Timeo (fr.93b Jacoby) in relazione all’anoikismos (rifondazione di Sibari), al polemos (assedio crotoniate) e al presunto intervento di Polizelo. Finora l’attenzione sulla cronologia è stata sempre focalizzata ο solo su quella diodorea ο su elementi esterni alla tradizione senza mai esaminarla nella sua globalità al fine di avere indicazioni da essa.

  • 47 Cfr. Deas 1931, 19-27; Irigoin 1952, 67-75.

33Didimo di Alessandria (p.215 Schmidt) -mediatore di Timeo negli scolî 29b e 29d- e gli scoliasti posteriori47, hanno usato indistintamente i sostantivi anoikismos e polemos per indicare l’obiettivo della spedizione siracusana. Questo fa pensare che il racconto di Timeo doveva rendere interscambiabili i due eventi. Sembra allora che si possa determinare una cronologia relativa.

34Lo scolio 29b, collegando infatti l’intervento di Polizelo all’anoikismos (e non al polemos come lo scolio 29d), pare indicare tempi non lunghi per i due avvenimenti che delimitano la cronologia relativa, il cui terminus ante quem assoluto risiede proprio nell’ingerenza di Siracusa, effetto dell’assedio crotoniate, in un periodo dell’anno attico 476/5 (secondo Diodoro). L’assedio crotoniate a Sibari (il polemos) è ovviamente interposto tra la rifondazione e l’ingerenza siracusana. Se dunque, come sappiamo, non solo l’anoikismos ma anche il polemos (scolio 29d e Diodoro XI 48, 4) viene collegato all’intervento siracusano quale suo immediato riflesso, significa che tali eventi sono non distanti nel tempo e che Crotone dovette attaccare non molto dopo la rifondazione di Sibari. Ma sul terminus ante quem occorre discutere ancora.

  • 48 Diod. Sic. XI 38. Cfr. Samuel 1972, 206.
  • 49 De Sensi Sestito 1981, 628-630; cfr. Luraghi 1994, 328s.

35Sulla cronologia degli avvenimenti G. De Sensi Sestito ha giustamente ricordato che, per l’anno attico 476/5, la storia siceliota in Diodoro è il continuo del racconto interrotto sotto l’anno 478/7 con la morte di Gelone,48 e che fra gli eventi riportati sotto il 476/5 potrebbero essercene alcuni relativi al 477/6. La studiosa d’altra parte pensa che, se Therone partecipa all’Olimpiade nel 476, per la primavera di quell’anno doveva essersi conclusa la contesa che lo aveva visto contrapposto a Hierone a causa di Polizelo: quindi l’assedio a Sibari e la richiesta di aiuto a Siracusa andrebbero collocati nel 477. La De Sensi Sestito propone poi di datare la spedizione siracusana in soccorso dei Sibariti anche nel successivo anno attico 476/5, dopo la riappacificazione fra i contendenti49.

  • 50 Vd. Pind. Οl. I.
  • 51 Vd. Pind. OlII; III.

36La partecipazione di Therone (ma anche di Hierone50) all’Olimpiade nel 47651 non riduce alla sola primavera di quell’anno il limite ultimo per la risoluzione della crisi: poiché le Olimpiadi venivano disputate con la luna piena tra la fine di agosto e l’inizio di settembre, senza tener conto del mese di ekecheiria sacra, alla primavera vanno aggiunti altri due mesi.

37In assenza per il 477/6 di storia siceliota, quali eventi allora, fra quelli raccontati sotto l’anno 476/5, possono essere riferibili all’anno precedente?

  • 52 I rapporti di parentela, rivoluzionati dalle disposizioni testamentarie di Gelone, dovettero assum (...)

38In tutte le fonti già discusse -fra cui Diodoro stesso- si è notato come Polizelo sia unanimamente ricordato come famoso e illustre, a Siracusa e in Sicilia, ancor prima di ricevere l’ordine di recarsi a Sibari. Ciò può essere la conseguenza di più cose che però in Diodoro non leggiamo: il matrimonio con la vedova di Gelone, l’eredità della strategia, e la parentela con Therone;52 ma anche il successo ottenuto, ormai da stratego, nelle operazioni contro i Siculi insorti dopo la morte di Gelone, fatto a cui va ricondotta la causa dei sospetti di Hierone. Estendere il racconto di Diodoro dal 476/5 al 477/6 porta ad appiattire ο peggio ad affidare all’oblìo tutti questi ed altri eventi che Diodoro non cita.

39Lo scolio a Pindaro Οl. II 29c collega infatti direttamente l’episodio dei Siculi all’inizio del regno di Hierone, che diviene sospettoso verso Polizelo proprio in séguito allo sviluppo di tale fatto; le fonti che ricordano l’interessamento siracusano per l’assedio di Sibari presentano Hierone già sospettoso. Si è così in presenza di due momenti: uno legato all’intervento contro i Siculi e alle sue ripercussioni interne a Siracusa, nell’immediato dopo-Gelone, e l’altro alla vicenda di Sibari che sfocia poi nella crisi aperta tra gli eredi con il coinvolgimento degli Emmenidi. Tra i due va collocato il periodo di sospetto di Hierone verso Polizelo e i contatti di costui con gli stessi Emmenidi.

  • 53 Simonide mediatore tra Hierone e Therone: schol. Pind. Οl. II 29c; 29d (= Tim. fr.93b Jacoby); la (...)
  • 54 Per la cronologia al 476 vd. anche Zambelli 1952-1954, 164s. L’importanza della data 476/5 è stata (...)
  • 55 Vd. Pind. Pyth. II 18-20 et schol. 36a-c; 38; schol. Pyth. I 99a; Iustin. XXI 3, 2. Hierone affidò (...)
  • 56 Su Diod. Sic. XI 49 vd. Van Compernolle 1960, 360-362; Consolo Langher 1988-1989, 235s. e 250-252; (...)

40Ora si può concludere sul terminus ante quem. Diodoro (XI 48-49) narra l’assedio di Crotone a Sibari perché il relativo piano di Hierone innesca quello che in realtà è l’evento più importante di storia siceliota nell’anno attico 476/5: lo scoppio violento della crisi che investe Dinomenidi prima ed Emmenidi poi, e che alla fine vede anche l’intervento pacificatore di Simonide53. Assedio a Sibari e ingerenza siracusana possono dunque essere agevolmente datate nella primavera del 476,54 e vanno correlate innanzi tutto all’intervento di Hierone che aveva fermato un’aggressione di Reggio contro Locri (477/6)55, ma anche alla guerra da Polizelo condotta contro i Siculi (schol. Pind. Ol. II 29c), eventi tutti inquadrabili nel dopo-Gelone e ignorati da Diodoro. Nel corso dello stesso 476/5 iniziano le operazioni di Hierone contro i Calcidesi e la rifondazione di Catania-Etna, e il ripopolamento di Himera ad opera di Therone (Diod. XI 49: anno attico 476/5)56.

5. La testimonianza di Polieno

41Le dissonanze della tradizione sull’intervento siracusano per Sibari rifondata nel 476 e, in particolare, la faziosità di Timeo e il fatto che Diodoro -dopo XI 48, 5- non torna sull’episodio, gettano ombre sulla comprensione delle conseguenze di quell’episodio.

  • 57 De Sensi Sestito 1981, 628 n. 43 e 633s.

42G. De Sensi Sestito dubitando della reale partecipazione di Polizelo all’impresa italiota, ha avanzato quattro ipotesi sull’esito della vicenda: una rinuncia definitiva della spedizione; una sua conduzione da parte di Polizelo ma dopo la riappacificazione col fratello; oppure, un affidamento temporaneo ad un’altra persona,e qui propone Cromio, marito della sorella di Hierone; infine, un intervento dello stesso Hierone ma sempre dopo la crisi57.

43A conforto di quest’ultima ipotesi viene chiamata in causa una notizia di Polieno (I 29, 2) in cui si racconta che «ʽIέρων ʽIταλιώταις πολεμῶν, ὁπότε λάβοι τινὰς αἰχμαλώτους τών εὐγενῶν ἢ πλουσίων, οὐκ εὐθύς ἀπεδίδου τοῖς λυτρουμένοις, ἀλλὰ πολλάς ἡμέρας κατασχὼν κοινωνήσας αὐτοῖς ἑστίας καὶ τιμήσας προεδρίᾳ τηνικαῦτα προσιέμενος τὰ λύτρα τοὺς ἄνδρας ἐξεπέμπετο. οἱ δὲ ἐπανελθόντες ὕποπτοι παρὰ τοῖς πολίταις ἦσαν ὡς φιλίας ʽIέρωνι κεκοινωνηκότες» (Ε. Woelfflin-J. Melber, Lipsiae, 1887).

  • 58 Eadem 1987, 260.

44Per la De Sensi Sestito, i Crotoniati (e i loro alleati) sono gli unici Italioti contro cui Hierone pote’ essere in guerra: pertanto gli Italioti prigionieri di Hierone sarebbero Crotoniati, e il brano di Polieno registrerebbe un intervento personale di Hierone contro i Crotoniati in aiuto dei Sibariti, da collocare dopo la soluzione della controversia interna con Polizelo. Nel ritrattare poi l’argomento, la studiosa non ha escluso che la medesima testimonianza possa essere riferita a un appoggio militare siracusano in favore di Locri, ma sempre contro Crotone, per la conquista di Temesa58.

45Queste conclusioni creano difficoltà in qualche punto: l’identificazione degli Italioti di Polieno necessariamente con i Crotoniati; la presenza diretta di Hierone in un conflitto contro Crotone; la durata del conflitto stesso.

  • 59 Hdt. I 24; 145; III 136; 138; IV 15; V 43s.; VI 127; VIII 62. Vd. Lepore 1963, 89-100 e ibidem bib (...)
  • 60 Per i passi di storia siceliota in Polieno cfr. Melber 1885, 484-520.

46Per il riconoscimento degli Italioti la De Sensi Sestito si è basata sulla posteriore accezione erodotea che, direttamente legata agli interessi turini, voleva l’Italia ristretta alle sole poleis sulla costa ionica da Taranto a Crotone59. Ma Polieno avrebbe potuto intendere per Italioti i Greci da Taranto a Crotone solo se avesse usato fonti turine: il passo necessita allora di una rilettura metodicamente diversa che, prima di ogni altra cosa, tenga conto delle fonti da Polieno seguite per la storia della Sicilia al tempo dei Dinomenidi60.

47I tattici si servivano di fonti scritte: escluso, come s’è visto, Erodoto e fonti thurine, oltre tutto perché il primo non ricorda alcuna impresa contro Italioti da parte di Hierone, Polieno (metà II secolo d.C.), come sembra dall’esame dei passi relativi a Gelone, Therone e lo stesso Hierone (vd. Appendice II), pote’ attingere notizie sui Dinomenidi utilizzando fonti che in qualche modo risalivano ad autori di storia siceliota e italiota che cominciarono a scrivere dalla metà del secolo quinto a.C.

  • 61 Sulla possibilità che tradizioni orali siano confluite nelle fonti scritte di seconda metà V secol (...)

48Fra gli Italiotai di Polieno -o nell’ottica di tradizioni risalenti alla seconda metà V sec. ο nell’accezione dell’età dei Dinomenidi, ma confluita per tradizione orale sempre in quelle stesse61- non possono essere esclusi gli abitanti di Reggio.

  • 62 Lepore 1980, 1331-1344; Idem 1988, 127-144. Cfr. Prontera 1986, 295-320; Musti 1987, 34-40.
  • 63 Su Ecateo vd. anche Ronconi 1993, 45-51.
  • 64 Sul passo sofocleo vd. anche Raviola 1986, 100s.
  • 65 Per il concetto di Italia nel V secolo vd. anche ibidem, 92-94. Fantasia 1994, 151-168, ha difeso (...)

49Il Lepore62 ha avanzato l’ipotesi di un’estensione ampia di Italia già in Ecateo (Hecat. fr.62 Jacoby: Capua; fr.63 Jacoby: Capri; fr.86 Jacoby: Iapygia; cfr. fr.80-85 Jacoby) al quale potrebbe riferirsi Strabone (V 1, 1 C.209: per gli antichi l’Italia andava dalla punta dell’odierna Calabria fino ai golfi di Taranto e Poseidonia; cfr. V 4, 13 C.251; VI 1, 15 C.265)63; una persistenza della dimensione ecataica potrebbe essere riscontrabile in due frammenti di Ferecide (fr.54 e 156 Jacoby) e in una citazione dal Trittolemo di Sofocle (fr.598 Radt) in Dionisio di Alicarnasso (A.R. I 12)64. Con la fine di Sibari si avrebbe poi una frantumazione del concetto prima unitario di Italia65. In tutti quei casi Reggio è inclusa ma non solo con essa l’Italia si identifica.

  • 66 II passo aristotelico deve essere riletto: dall’analisi di Lombardo 1994b, 261-281, pare infatti c (...)
  • 67 Sull’Italia di Antioco vd. Luraghi 1990, 61-87; Prontera 1992, 109-135.

50Con Antioco di Siracusa (seconda metà del V sec.) abbiamo tre estensioni settentrionali del coronimo Italia, ma è fuori discussione il suo confine meridionale, ben attestato sulla punta meridionale dell’attuale Calabria: 1) fr.3 e 5 Jacoby: golfo napetino-scilletico (cfr. fr.2 Jacoby; cfr. Arist. Pol. 1329b8-1866); 2) fr.3 Jacoby: Laos-Metaponto (cfr. fr.12 Jacoby; Str. VI 3, 1 C.277: l’Italia al tempo di Antioco); 3) fr.6 Jacoby: Poseidonia-Taranto (cfr. Str. V 1, 1 C.209; 4, 13 C.251; VI 1, 15 C.265)67.

  • 68 Per Crotone-Sibari vd. supra, passim.
  • 69 Per Reggio-Locri vd. Pind. Pyth. II 18-20 et schol. 36a-c; 38; schol. Pyth. I 99a; Iustin. XXI 3, (...)
  • 70 Pind. Pyth. I 71-80 et schol. 137a-c; 142; 146a-b; 152a-b; 153; 155a-b; schol. Pind. Pyth. II 2 (c (...)
  • 71 Vd. De Sensi Sestito 1982, 205-208; Eadem 1987, 260; cfr. Mele 1983a, 848-888; Maddoli 1996, 193-2 (...)

51Sembra chiaro adesso che, per capire in quale occasione Hierone pote’ fare prigionieri degli Italioti, bisogna esaminare gli interventi di Siracusa, e di Hierone in particolare, non solo contro Crotone ma anche contro Reggio. Tuttavia, Hierone non è mai personalmente intervenuto in Italia: non per Sibari contro Crotone (Polizelo)68, non contro Reggio a favore di Locri (Cromio)69, né a Cuma contro gli Etruschi70; l’appoggio militare di Siracusa al fianco di Locri contro Crotone per la conquista di Temesa resta come ipotesi71.

52Tuttavia, volendo salvare la tradizione di Polieno, si può pensare a operazioni militari condotte in nome di Hierone e non direttamente da lui. Ma anche entrando in quest’ordine di idee, va rilevato che gli interventi di Hierone contro i Greci d’Italia (Reggio e Crotone) sembrano piuttosto diplomatici; nel caso di Sibari, si è notato come l’interesse siracusano per l’evento fosse stato marginale e non decisivo, dall’esito contraddittorio, e come una parte della tradizione tacesse dell’episodio. Le fonti scritte sono però concordi nel ricordare che a Polizelo fu affidata la missione e che dallo stesso fu conclusa, senza lasciar adito a incertezze. D’altra parte, la versione a lui favorevole si divide, nel difenderlo, tra mancata obbedienza (ma per colpa di Hierone: Diodoro) e felice soluzione (Timeo): essa dunque risponde ad un’accusa di colpevolezza,e ammette al pari della tradizione avversa che la spedizione venne affidata a Polizelo. Il suo ruolo era insomma un dato indiscusso per l’uno come per l’altro versante della tradizione.

53Vediamo allora cosa si può ricavare dall’analisi filologica di Polieno I 29, 2 (cfr. Excerp. Polyaen. 42, 1). C’è una prima parte relativa al polemos e alla cattura dei prigionieri/ostaggi: «πολεμῶν» (part. pres.) azione continua; «ὁπότε λάβοι» (prop. temp., ott. aor.) azione passata ripetuta ed eventuale; «ἀπεδίδου» (impf.) azione continua nel passato. Una seconda parte relativa al periodo di detenzione fino al rilascio: «κατασχών», «κοινωνήσας» e «τιμήσας» (part. aor.) azioni momentanee; «προσιέμενος» (part. pres.) azione continua; «ἐξεπέμπετο» (impf.) azione continua nel passato. Infine, il ritorno in patria dei prigionieri: «ἐπανελθόντες» (part. aor.) azione momentanea; «ἦσαν» (impf.) azione continua nel passato; «κεκοινωνηκότες» (part. pf.) azione compiuta. In relazione alla prima parte si può dire che il polemos ha avuto una certa durata e che la cattura si è ripetuta; sul secondo punto si può dire che la restituzione degli ostaggi ha avuto una durata; infine, al ritorno in patria di questi il sospetto ha avuto una durata.

54La proposizione temporale «ὁπότε λάβοι» sta ad indicare, nel passato, un’azione ripetitiva (eventuale ο possibile) e fa pensare a una consuetudine di Hierone nelle operazioni contro gli Italioti. Si può pensare allora ο a una lunga guerra, ma nulla dice che si tratti di una sola campagna militare; ciò che si richiede è però un conflitto che abbia una certa ampiezza poiché l’espediente aveva senso a guerra in corso, non a guerra finita; tuttavia tali ipotesi non vengono ammesse dalle fonti. C’è allora la possibilità che si tratti di più guerre, più di una campagna, viste nell’ottica di un’unica guerra che, in tal caso, ha coinvolto non solo i Crotoniati.

  • 72 Cfr. l’uso di πολεμέω in Xen. Cyr. I 3, 11; Plat. Resp. 440a 7; Demosth. XVIII 31.
  • 73 Cfr. Ducrey 1968, 16-20; 92-105; 171-189; 238-246; Kendrick Pritchett 1974, 127-133; Idem 1974a, 1 (...)
  • 74 Italia e Italioti in Polieno in relazione al periodo greco: VI 22 (patto Locresi-Siceli alla fonda (...)
  • 75 Sugli schieramenti in campo a Himera vd. De Sensi Sestito 1981, 617-633. Che Crotone fosse allinea (...)
  • 76 Hdt. VII 170, 3; Diod. XI 52, 3-5 (473/2). Due anni dopo Micito invia una colonia a Pyxous: Diod. (...)
  • 77 Sulla seconda Megale Hellas pitagorica vd. Mele 1983, 33-80; Idem 1986, 52-69; cfr. Musti 1989, 13 (...)

55A questo punto è possibile che nel brano di Polieno il verbo πολεμέω vada inteso non in relazione a un polemos preciso ma a più campagne72; «ὁπότε λάβοι τινὰς αἰχμαλώτους» farà riferimento a prigionieri occasionali, nell’ottica diplomatica che i Dinomenidi riservavano agli aristoi73. Tanto più che si parla di Italiotai, e non di cittadini di una sola polis74, il termine non combacia solo con Crotoniati né solo con Reggini se solo di essi si trattava, ma fa pensare a provenienze diverse ο a una coalizione. Nell’età dei Dinomenidi abbiamo le alleanze che hanno determinato gli schieramenti al conflitto di Himera (480 a.C.)75, l’alleanza Reggio-Taranto contro gli Iapigi (473/2)76 e la seconda Megale Hellas pitagorica (secondo quarto del V secolo a.C.) come emerge dagli studî di A. Mele77. Ma forse c’è di più.

56È forte il sospetto che la spiegazione di Polyaen. I 29, 2 potrebbe risiedere più in un fatto storiografico che storico.

  • 78 Su Leptine vd. Sabattini 1989, 7-65.
  • 79 Cfr. Philist. fr.46 (Jacoby) ; cfr. Vanotti 1994, 75-82, particolarmente 79-82.
  • 80 Situazione parallela in Diod. XV 15, 2-3 che tace della conquista di Crotone da parte di Dionisio  (...)
  • 81 Secondo Melber 1885, 509 Timeo è fonte di Polieno. Cfr. Diod. XX 89: sulle fonti di Diodoro per la (...)
  • 82 Vd. Polyb. I 6, 2; cfr. Xen. Hell. V 1, 26; 28; Diod. Sic. XIV 44, 2; 70, 1-3; vd. anche Isocr. Ep (...)
  • 83 Vd. Diod. XIV 90, 4-91, 1; 100-102, 3; 103-106; cfr. Dion. Hal. A.R. XX 7, 2; vd. Diod. 107, 2-108 (...)

57Polyaen. I 29, 2 ricorda -anche se come stratagemma- il trattamento onorevole che Hierone riservava agli «aristoi» italioti che cadevano nelle sue mani. Questa sembra essere stata, nei confronti degli Italioti, la politica che ispirò Leptine (fratello di Dionisio I)78 e che dovette trovare un sostenitore in Filisto79, come la possiamo ricostruire dalla testimonianza diodorea a XIV 102, 1-3 (anno attico 390/89) e XV 7, 3-4 (anno 386/5). Un modo questo di vedere il rapporto con gli Italioti che era pronto ad acclamare ogni azione di Dionisio in tal senso come vuole la tradizione confluita nello stesso Diodoro XIV 105 (389/8)80 da confrontare con Polieno V 3, 281, e che non poteva non guardare all’alleata Sparta, alla sua politica estera e ai terni della pace di Antalcida (386)82; ma che andava a scontrarsi con gli interessi dello stesso Dionisio I (Diodoro XIV 102, 2-4) che seguiva una linea di intervento duro contro gli Italioti, come tutta una tradizione ci testimonia: particolarmente nei passi di Polibio II 39, 7 (cfr. I 6, 2), e di Diodoro stesso che va confrontato con Dionisio di Alicarnasso83.

  • 84 È più evidente in Polibio e Dionisio di Alicarnasso che in Diodoro, sulle fonti dei quali vd. Sord (...)
  • 85 Cfr. Iambl. V.P. 267: Leptine di Siracusa pitagorico. Vd. De Sensi Sestito 1987, 281s.; cfr. Mele (...)
  • 86 Theopomp. fr.73 (Jacoby); Diog. Laert. VIII 1, 39; Iambl. V.P. 260s.; Tertull. Apol. 46, 13; cfr. (...)

58La tradizione ostile all’intervento di Dionisio in Italia è profondamente influenzata dal desiderio di dimostrare come la politica dei tiranni portò le poleis alla rovina84; essa implicitamente contrapponeva l’opera di Pitagora e dei pitagorici che avevano salvato e liberato poleis85, e rispondeva a quelle tradizioni che volevano gli stessi accusati di tirannide86.

  • 87 Sordi 1980, 10.
  • 88 Cfr. supra. Nel caso del rapporto con Gelone è interessante la lettura di tre testimonianze. La pr (...)

59Dionisio I non disponeva di tradizioni che lasciavano intravedere una politica più concreta di Hierone in Italia. Se l’azione di Hierone in Polieno I 29, 2 rispecchia un punto di vista della Siracusa di Dionisio I, ciò vuol dire che tale episodio -se non ideato- fu sottoposto a una nuova lettura per un confronto tra Dionisio I e Hierone. Se riflettiamo su delle osservazioni di M. Sordi secondo cui Gelone e Hierone furono modelli di Dionisio I rispettivamente contro i Cartaginesi e poi contro gli Italioti87, è possibile che la storia politica dei Dinomenidi sia stata sottoposta a revisione da Dionisio I e dalle fonti a lui vicine, a partire da Filisto88.

  • 89 Vd. De Sensi Sestito 1981, 617-642. Su Gelone in Italia vd. Duris fr.19 (Jacoby) apud Athen. XII 5 (...)
  • 90 Cfr. supra nt. 75.

60È tempo di concludere. Gelone e Hierone appaiono piuttosto come nemici di Reggio e amici di Locri89. La dilatazione dell’azione di Hierone in Italia, vista la scarsa rilevanza dell’episodio Crotone-Sibari, coinvolge necessariamente tutta la politica dei Dinomenidi contro Reggio oltre che contro Crotone e dilata altresì le alleanze cui le stesse Reggio e Crotone godettero nel V secolo90 sul tipo di quelle di cui godette sotto Dionisio I di Siracusa.

  • 91 Vd. Sordi 1978, 1-16; Mele 1993, 235-263.

61In conclusione, Polieno I 29, 2, presenta un aggravamento dell’azione politica di Hierone che interviene militarmente in Italia come Dionisio; una politica accorta verso gli «aristoi» prigionieri improntata su quella di Leptine, Filisto, e dello stesso Dionisio dopo la vittoria dell’Helleporo. È una guerra non contro singole città (Reggio ο Crotone) ma contro «Italioti»: una vera anticipazione rispetto alla tradizione di «Italioti» collegati contro Siracusa91. L’Italia avversaria di Hierone sembra piuttosto riallacciarsi alla nozione della seconda Megale Hellas pitagorica ma per trovare i due concetti avvicinati occorre attendere ps.-Scymn. 300-304 (Eforo).

62Se dietro Polieno I 29, 2 c’è una tradizione che risale a Filisto, bisogna ricordare che Filisto ignorava -come si è visto- l’episodio di Polizelo e Sibari. Dunque il passo di Polieno non va immediatamente riferito a quell’episodio, poiché, in tal caso, la tradizione si oppone a quella che voleva Hierone disinteressato verso Sibari mentre è in sintonia con quella che ricorda l’arruolamento di molti soldati per la spedizione in Italia (Diod. XI 48, 4).

Notes

1 Diod. Sic. XI 48, 3-5: anno attico 476/5.

2 Schol vet. Pind. Οl. II 15 29b; 29d = Didym. p.215 (Schmidt) = Tim. fr.93b (Jacoby); schol. rec. ad loc. p.l13s. (Abel).

3 Cfr. Piccirilli 1973, 74-79; Bruno Sunseri 1987, 52-62; Pearson 1987, 131s.; Vattuone 1991, 178-185; Luraghi 1994, 349-351.

4 De Sensi Sestito 1981, 617-642.

5 Kraay 1958, 14-16, pl. III, 3 e pl. IV, 2-5: stateri (tre esemplari dalla stessa coppia di coni), trioboli e oboli (in due serie), tutti incusi. Cfr. Wick 1976, 290.

6 De Sensi Sestito 1981, 628-637; cfr. Eadem 1987, 251-262; cfr. inoltre Laroche-Jacquemin 1990, 299-323, per l’interpretazione di una epigrafe purtroppo frammentaria, su un’offerta monumentale dei Crotoniati a Delfi, che Jeffery 1990, 258, ha datato al secondo quarto del V secolo.

7 Diod. Sic. XI 90, 3-4; XII 10, 1-3.

8 Kraay 1958, 18-21; Idem 1967, 113-135. A Poseidonia dopo un venticinquennio di inattività della zecca, il nuovo corso della monetazione (stateri a doppio rilievo di peso acheo divisi in tre dracme, col tipo di Poseidone sul diritto e toro stante sul rovescio) è stato dal Kraay datato intorno al 470, in relazione a un presunto arrivo a Poseidonia di profughi sibaritici dopo il fallimento dell’anoikismos che la tradizione ricorda sotto l’anno 476/5. Posidonia aveva coniato monete con la tecnica incusa secondo il sistema ponderale «fenicio», in uso nel Tirreno, basato su uno statere con addensamento ponderale intorno a gr.7,50 (ma dal peso teorico di gr.7,76) diviso in due dracme; il tipo usato era un Poseidone col tridente. La cronologia per il Kraay andava dall’ultimo quarto del VI secolo fino al 500 circa. La monetazione a doppio rilievo si presenta invece totalmente differente, non solo per tecnica ma anche per sistema ponderale, per divisionale e per tipologia: i nuovi stateri sono di peso «acheo» e non «fenicio», sono divisi in tre dracme e non in due, sul diritto vi è sempre il tipo di Poseidonia ma sul rovescio compare un toro stante. Vd. Parise 1975, 97s.; Idem 1987, 307 e 315; Idem 1988, 15-18; Taliercio Mensitieri 1992, 133-164. L’introduzione della tecnica a doppio rilievo a Poseidonia è stata dal Kraay datata alla fine del terzo decennio del V secolo. Ciò sarebbe stato causato dall’arrivo a Poseidonia stessa di esuli da Sibari dopo l’infelice riuscita della rifondazione documentata per il 476 dalle fonti letterarie; non prima, poiché dopo il 511/0 i primi profughi si sarebbero rifugiati principalmente a Laos e Skidros (Hdt. VI 21, 1); inoltre, la connessione che la documentazione numismatica lascia intravedere tra Poseidonia e Sibari rifondata nel 453/2, attesterebbe -a giudizio del Kraay- che rapporti diretti tra Sibariti esuli e Poseidoniati sarebbero stati instaurati solo tra la prima e la seconda rifondazione di Sibari. Ma almeno due osservazioni, dagli stessi argomenti del Kraay, inducono a ritenere insoddisfacente la sua teoria. L’ipotesi dell’arrivo, al 470 circa, di un grosso contingente di Sibariti a Poseidonia, tale da portare notevoli modifiche all’assetto economico e monetario, è molto simile a quella di P. Zancani Montuoro (1950, 65-84; 1954, 183-185; 1979, 9s.; 1980, 149-156), relativa però all’ultimo decennio del VI secolo. Sembra che entrambi non abbiano valutato bene lo status dei Sibariti che, dopo il 511/0 così come per dopo il 476/5, era quello di profughi e non di conquistatori. Ciò è importante in particolare per la monetazione a doppio rilievo di Poseidonia, dovuta all’interessamento di questa polis non solo all’area achea della Sibaritide ma forse agli stessi superstiti Sibariti, ovunque fossero residenti: solo una precisa volontà politica poseidoniate pote’ introdurre questa innovazione, impostando così nuove relazioni esterne, e non solo di tipo commerciale. Per quanto riguarda poi la presenza di Sibariti a Poseidonia dopo la disfatta nel 511/0, è possibile che gruppi di esuli vi risiedessero sin dalla fine del VI secolo, anche se in maniera molto dissimile dalla ricostruzione della Zancani Montuoro; allo stesso modo è possibile che dopo il 476 Poseidonia fosse stata nuovamente mèta di profughi, senza peraltro attribuire a costoro il nuovo corso della monetazione poseidoniate, come il Kraay vuole. La chiusura e la successiva riapertura della zecca di Poseidonia, con l’emissione di monete che si richiamano a Sibari per sistema ponderale, per divisionale e indirettamente per tipologia, sono due fenomeni collegabili ai cambiamenti politici che sconvolsero tra VI e V secolo i tradizionali traffici mediterranei, dando inizio a un nuovo assetto che allora era in via di definizione; alla fine della polis achea e ai tentativi di rifondazione nella prima metà del V secolo per il controllo politico ed economico della Sibaritide: al tentativo del 476 innanzi tutto. Cfr. Torelli 1990, 194s.; Mele 1990, 31s.; Taliercio Mensitieri 1992, 146-164; Ampolo 1996, 230-234; Mele 1996, 17s.

9 Bicknell 1976, 22s., ha datato queste monete a prima del 511/0 e particolarmente gli stateri, per il tondello largo e lo stile raffinato del toro che vi compare come tipo; le frazioni sarebbero state coniate al tempo della tirannìa di Telys per il pagamento delle spese necessarie ai preparativi della guerra contro Crotone. Zancani Montuoro 1979, 4, pur condividendo la cronologia e l’assegnazione a Sibari proposte dal Kraay, ha pensato che le monete siano state coniate dalla zecca di Laos, per il fatto che Sibari non era più in vita dal 511/0 (cfr. Hdt. VI 21, 1; Str. VI 1, 1 C.253). Ma lo studio sistematico di tutta la monetazione in argento di Laos, condotto da Sternberg 1976, 143-162, non offre alcun argomento per ritenere queste monete come coniate da Laos.

10 Cfr. Lombardo 1994, 259 e 282s.

11 Bicknell 1976, 22.

12 Cfr. Torelli 1987, 594s.; Lombardo 1994, 322-324 e 523s. (dibattito); Camassa 1994, 581s. e 500 (dibattito); Lucca 1994, 50.

13 Cfr. Deas 1931, 19-27. Lo scolio a Pindaro 29b, che risale anch’esso a Didimo di Alessandria, è contestualmente molto vicino alle posizioni di Timeo. L’atteggiamento di 29b è praticamente parallelo alla testimonianza timaica, laddove l’invidioso Hierone progetta pretestuosamente di liberarsi del fratello, genero di Therone, erede del comando dell’esercito, glorioso e illustre. Ed è molto probabile che i due scolî abbiano come fonte comune Timeo, mediato da Didimo. A tal proposito va notato che in questo scolio 29b, dopo la prima lacuna testuale, si legge di Therone e Polizelo divenuti reciprocamente generi: tale particolare è trascurato nello scolio 29d ma lo si ritrova puntualmente nel frammento timaico 93a (Jacoby) che ricorda il matrimonio tra Therone e la figlia di Polizelo. Cfr. inoltre Steph. in Arist. Rhet. 1373a 23 (parafrasi di Timeo).

14 Cfr. Van Compernolle 1992, 61-75.

15 Cfr. Arrighetti/Calvani Mariotti/Montanari 1991, passim.

16 Per questa rifondazione cfr. anche Diod. Sic. XI 90, 3-4: anno 453/2.

17 Lombardo 1994, 281-293 e 322-324.

18 Vd. anche infra Appendice I.

19 Secondo Freeman 1891, 525-530: gli avvenimenti raccontati da Diod. XI 48, 3-8 e dagli schol. Pind. Ol. II 29b-d non sono inventati ma confusi a tal punto da non poter cavare fuori qualcosa di univoco e sicuro.

20 Vd. anche Diod. Sic. XI 67, 3. Sulla basileia a Siracusa vd. Luraghi 1994, 354-361.

21 Schol. rec. Pind. Ol. II 29 (p.l13s. Abel); cfr. Steph. in Arist. Rhet. 1373a 23. Vd. Piccirilli 1971, 77s. : lo scolio recente presenta una parafrasi degli scolî antichi 29d e 29c, in cui è detto del matrimonio di Hierone con la nipote di Therone; vd. anche Zambelli 1952-1954, 155-165; Luraghi 1994, 322 n. 205; cfr. inoltre Deas 1931, 65-72; Irigoin 1952, 195-197.

22 Cfr. Luraghi 1994, 255-258 e 321-328.

23 Cfr. Xen. Hier. VII 10. L’espressione «πρὸς τὴν στρατείαν οὐχ ὑπακούσαντος» (Diod. Sic. XI 48, 5) non risulta immediatamente comprensibile. Potrebbe essere interpretata in due modi: ο Polizelo si rifiutò di partire per Sibari oppure condusse la spedizione secondo fini proprie non secondo gli ordini del fratello. Il comportamento autonomo di Polizelo verrà notato anche nello scolio 29c: di tradizione filo-hieroniana. La tirannide di Gelone era fondata sulla strategia: vd. Diod. Sic. XI 26, 5-6; XIII 94, 5; Ael. V.H. 6, 11 ; 13, 37; Polyaen. I 27, 1; cfr. Bacchyl. V 1-2. In tal modo pare che vengano a chiarirsi la posizione di Polizelo e i sospetti di Hierone nel clima del dopo-Gelone. Cfr. Musti 1990a, 15-18; Luraghi 1994, 321-325 e 328-334.

24 Piccirilli 1971, 66, ha pensato che Polizelo fosse al comando di pochi soldati: questo potrebbe essere confermato dalla sottolineatura diodorea dei molti soldati. Cfr. anche Bruno Sunseri 1987, 56-58.

25 L’autonomia di Polizelo e la soluzione della crisi trovano confronti diretti con lo schol. Pind. Οl. II 29c: anch’esso filo-hieroniano. Ma cfr. schol. Pind. Ol. II 173k, nel quale si legge -contro la tradizione diodorea- che fu Hierone a cacciare Polizelo da Siracusa. Cfr. inoltre Xen. Hier. II 17s.

26 Anche nel giudizio finale negativo (XI 67, 3-4) s’intravede traccia di tradizione filo-hieroniana laddove viene ricordata una benevolenza verso tutti i Sicelioti.

27 Tim. fr.93 (Jacoby); cfr. schol. Pind. Ol. II 29b; Steph. in Arist. Rhet. 1373a 23. Cfr. Luraghi 1994, p.260s. Su questa stessa linea pare orientato sia schol. Pind. Ol. II 173d secondo cui Therone era in lotta a causa della parentela con Hierone, sia 173k che vuole Polizelo espulso da Siracusa ad opera di Hierone. Cfr. Xen. Hier. VII 10.

28 Eco in Xen. Hier. VII 10; II 10; III 8.

29 Cfr. schol. rec. Pind. Ol. II 173 (p.143 Abel).

30 Altrove, in schol. Pind. Ol. II 8a, Capi e Hippocrate sono definiti semplicemente consanguinei, ma da schol. Pind. Pyth. VI 5a, si apprende che essi erano i figli di Senodico, fratello del padre di Therone; messi al bando dallo stesso Therone, occuparono poi Camico. Cfr. Musti 1992, p.38; Luraghi 1994, 245 e 251s. Sulla genealogia di Capi e Hippocrate vd. Van Compernolle 1960, 380-382; Lapini-Luraghi 1996, pp.213-220.

31 Vd. Diod. XI 48, 6-8. Secondo Vattuone 1991, 181, la protezione da Therone offerta a Polizelo crea un fattore di destabilizzazione e indebolimento interno a Siracusa, a cui Hierone sembra reagire puntando su Himera, settore critico per Agrigento. Cfr. Barret 1973, 24 n. 4; Luraghi 1994, 246 e 270s.

32 Sulla data del soggiorno di Simonide presso Hierone vd. Marm. Par. 54 (Jacoby); Syrian. Comment. in Hermog. p.86, 2-11 (Rabe); cfr. Plut. Them. 5, 5-7. Vd. Holm 1896, 414-417; Podlecki 1979, 5-16 (contro le fonti letterarie); Culasso Gastaldi 1986, 157-163; Eadem 1990, 244-251.

33 Cfr. Xen. Hier. II 17s. Sull’accordo cfr. Bengtson 1962, 33s. nr. 133. Lo scolio 29c narra che Therone rinunciò ad agire ai danni di Hierone e in séguito riebbe la tirannide da Hierone. Secondo Zambelli 1952-1954, 163s., fu Polizelo ad abbandonare l’ostilità contro Hierone e a riavere poi la tirannide di Gela; ma la costruzione del passo esclude totalmente tale ipotesi: gli unici protagonisti della vicenda sono Hierone e Therone. La difficoltà potrebbe nascere dal fatto che secondo tale scolio Therone avrebbe riottenuto la tirannide da Hierone: ma se c’era stata congiura che faceva passare al potere di Hierone i territori sottoposti a Therone, non c’era pericolo che Therone perdesse sconfitto la tirannide? La frase bene si attaglia al contesto filo-hieroniano dello scolio. Cfr. Freeman 1891, 529s.

34 Cfr. Musti 1990a, 18. L’atteggiamento che si va delineando per gli scolî al verso 95 doveva essere stato già di Pindaro, ché era amico di Thrasideo: schol. Pind. Pyth. II 132b; cfr. anche schol. Pind. Pyth. I 99b; ma vd. Pind. Ol. I-III. Su Pindaro in Sicilia vd. Holm 1896, 417-436; Arnson Svarlien 1990-1991, 103-110; sull’Olimpica II vd. Boeckh 1821, 114-134.

35 Piccirilli 1971, 66, ha pensato che Polizelo sia stato inviato a combattere contro i Sibariti; cfr. Pearson 1987, p.132. Ma le fonti parallele ci dicono che era Crotone a fare guerra contro Sibari e che Siracusa interviene in suo aiuto (Diod. Sic. XI 48, 4; schol. Pind. Ol. 29b). Il «τὸν πρς Συβαρίτας πόλεμον» di Timeo (fr.93b Jacoby) è dunque quello che Crotone mosse contro i Sibariti in Diodoro. Appare inoltre significativo l’atteggiamento favorevole all’indipendenza di Sibari che la tradizione dimostra. Cfr. Lombardo 1994, 286.

36 Cfr. Str. IX 2, 17 C.406; Hdn. III 6, 9; Plut. Lucull. 29, 5. Strabone usa il sostantivo per indicare la reinstallazione e il rifacimento di città site in zone paludose ο alluvionali, da parte degli abitanti stessi; in Erodiano il termine è usato a proposito di fondi per la ricostruzione di città devastate in guerra; in Plutarco compare il verbo e indica, genericamente, il ripopolamento delle città. Per il significato cfr. anche Virgilio 1972, 370; Casevitz 1985, 100 e 111-113.

37 Pensano ad uno scenario tirrenico (Laos e Skidros) per questa rifondazione di Sibari Lombardo 1994, 288-293; Maddoli 1996, 198.

38 Cfr. l’atteggiamento della tradizione filo-hieroniana che per un verso tace dell’evento in schol. Pind. Ol. II 29c; mentre in Diod. XI 48, 3-5, ha necessità di essere polemica con Polizelo.

39 Cfr. Diod. Sic. XI 90, 3-4; XII 10, 1-3; Str. VI I, 13 C.263; Plut. Mor. = De ser. num. vind. 557c.

40 Cfr. von Fritz 1940, 68s. Raviola 1986, 21-34, -seppure con molta prudenza- pare sostenere l’ipotesi di una durata dell’anoikismos oltre il 476/5.

41 Sembrerebbe troppo alto anche un inizio intorno al 480, ipotizzato da De Sensi Sestito 1981, 631 n. 49. Propende per una cronologia ristretta anche Lombardo 1994, 284 e 289-293.

42 Sull’argomento vd. Schenk Graf von Stauffenberg 1963, 208-220, e l’ampia trattazione di De Sensi Sestito 1981, 617-642; cfr. Mele 1983a, 848-888; Maddoli 1996, 193-202. Cfr. inoltre Laroche-Jacquemin 1990, 299-323, per l’epigrafe frammentaria, su un’offerta monumentale dei Crotoniati a Delfi, datata al secondo quarto del V secolo da Jeffery 1990, 258.

43 Vd. Diod. Sic. XI 48, 5.

44 Vd. infra Appendice I.

45 Hierone prima teme la fama acquisita da Polizelo per i successi ottenuti in Sicilia, e poi lo accusa apertamente di neoterismos dopo la felice conclusione delle operazioni per Sibari rifondata (vd. Tim. fr.93b Jacoby). Cfr. Luebbert 1880, 10. Per Zambelli 1952-1954, 161, Polizelo avrebbe avviato le operazioni in favore dei Sibariti interrompendole dopo qualche tempo: quindi la testimonianza diodorea ricorderebbe una insubordinazione di Polizelo relativa alla condotta della guerra, mentre quella timaica indicherebbe una felice soluzione del conflitto ma secondo le intenzioni di Polizelo e non secondo quelle di Hierone: in tal modo Polizelo avrebbe adattato la propria condotta di guerra a circostanze che ci sfuggono. Cfr. anche Bruno Sunseri 1987, 58.

46 Polizelo dovette risolvere la vicenda con un intervento di entità minore rispetto a quello, pure non militare, che aveva visto Siracusa intervenire contro Reggio a favore di Locri. Cromio, per ordine del cognato Hierone, intervenne non militarmente contro Reggio fermando l’attacco contro Locri, subito dopo la morte di Gelone: vd. Pind. Pyth. II 18-20 et schol. 36a-c; 38; schol. Pyth. I 99a; Iustin. XXI 3, 2. Cfr. Hdt. VII 170, 4; Philist. fr.50 (Jacoby); Tim. fr.97 (Jacoby); Diod. XI 66, 1-3; Paus. V 26, 4-5. Sulla sorte dei Sibariti cfr. Pugliese Carratelli 1972-1973, 23s.; Luraghi 1994, 349-351 e 353. Anche in conseguenza della battaglia di Cuma nel 474/3, la diretta presenza siracusana nel golfo di Napoli non pare sia stata lunga: vd. Diod. XI 51, 2 (le navi fanno ritorno a Siracusa dopo la battaglia); Str. V 4, 9 C.248 (quelli inviati da Hierone a Pithekoussai abbandonano il teichos da loro costruito sull’isola). Solo in questo senso si possono accettare le conclusioni di Vickers 1986, 267, secondo cui le monete emesse da Sibari in questo periodo rappresenterebbero il risultato dell’imperialismo siracusano nel sud-Italia; cfr. De Sensi Sestito 1981, 617-642; Luraghi 1994, 350s. La fine dell᾿anoikismos esclude inoltre ogni possibilità che la zecca sibarita avesse coniato, fino al 470 ο al 468, monete con tipi e legende che invece connotano autonomia e indipendenza: vd. Stazio 1978, 126. Le monete presuppongono l’esistenza concreta della polis di Sibari e della sua zecca, non altre: cfr. Lombardo 1994, 282-284 e 290s. Persino Laos e Poseidonia, le più vicine alle sorti dei Sibariti superstiti, in assenza di Sibari in quanto polis, non hanno mai emesso moneta a nome di Sibari; inoltre, il sistema ponderale e le allusioni tipologiche, ma mai l’etnico di Sibari, fanno comunque distinguere assai bene la moneta di Laos e Poseidonia da quella di Sibari: vd. Sternberg 1976, 143-162; Taliercio Mensitieri 1992, 133-183. Sulla funzione della moneta vd. Austin/Vidal-Naquet 1977, 56-58; cfr. Parise 1975, 116-123; Musti 1987a, 84-88; Lepore 1989, 122.

47 Cfr. Deas 1931, 19-27; Irigoin 1952, 67-75.

48 Diod. Sic. XI 38. Cfr. Samuel 1972, 206.

49 De Sensi Sestito 1981, 628-630; cfr. Luraghi 1994, 328s.

50 Vd. Pind. Οl. I.

51 Vd. Pind. OlII; III.

52 I rapporti di parentela, rivoluzionati dalle disposizioni testamentarie di Gelone, dovettero assumere un ruolo di primo piano nella crisi dinastica. Cfr. schol. Pind. Οl. II 173d (Pindaro compose l’ode quando Therone era in lotta a causa della parentela con Hierone); ibidem, 173k (Therone era in lotta con Hierone a causa di Polizelo che aveva accolto in Agrigento dopo che Hierone lo aveva espulso da Siracusa); Philist. fr.50 (Jacoby), Tim. fr.97 (Jacoby) e schol. Pind. Οl. II 29c ricordano che alla conclusione delle ostilità Hierone sposa una nipote di Therone. Vd. Vallet 1980, 2141-2156; Luraghi 1994, 329s., 255-258 e 260s.

53 Simonide mediatore tra Hierone e Therone: schol. Pind. Οl. II 29c; 29d (= Tim. fr.93b Jacoby); la presenza di Simonide in Sicilia è posteriore al 477/6: Marm. Par. 54 (Jacoby); Syrian. apud Hermog. Comm. pp.85, 2 - 86, 11 (Rabe); cfr. Plut. Them. 5, 5-7. Le riserve espresse da Podlecki 1979, 5-16, non intaccano affatto i dati della tradizione. Vd. supra.

54 Per la cronologia al 476 vd. anche Zambelli 1952-1954, 164s. L’importanza della data 476/5 è stata sottolineata da Van Compernolle 1960, 237-241.

55 Vd. Pind. Pyth. II 18-20 et schol. 36a-c; 38; schol. Pyth. I 99a; Iustin. XXI 3, 2. Hierone affidò le operazioni al cognato Cromio: su Cromio vd. Luraghi 1994, 338-340. Tale intervento è presumibilmente databile al 477/6, prima della morte di Anassilao, ricordata da Diod. XI 48, 2 (476/5). Cfr. Busolt 1895, 798; Luraghi 1994, 348s.

56 Su Diod. Sic. XI 49 vd. Van Compernolle 1960, 360-362; Consolo Langher 1988-1989, 235s. e 250-252; Luraghi 1994, 248-250 e 335-347.

57 De Sensi Sestito 1981, 628 n. 43 e 633s.

58 Eadem 1987, 260.

59 Hdt. I 24; 145; III 136; 138; IV 15; V 43s.; VI 127; VIII 62. Vd. Lepore 1963, 89-100 e ibidem bibliografia, 104-113; Idem 1980, 1331-1344. Cfr anche Nafissi 1985, 189-203; Raviola 1986, 97s.; Mele 1991, 237-239 e 246-249.

60 Per i passi di storia siceliota in Polieno cfr. Melber 1885, 484-520.

61 Sulla possibilità che tradizioni orali siano confluite nelle fonti scritte di seconda metà V secolo ο anche nell’opera di Timeo vd. Pearson 1991, 26-29.

62 Lepore 1980, 1331-1344; Idem 1988, 127-144. Cfr. Prontera 1986, 295-320; Musti 1987, 34-40.

63 Su Ecateo vd. anche Ronconi 1993, 45-51.

64 Sul passo sofocleo vd. anche Raviola 1986, 100s.

65 Per il concetto di Italia nel V secolo vd. anche ibidem, 92-94. Fantasia 1994, 151-168, ha difeso la lezione «᾿Ιταλίας» nel fr.63, 6 (Kassel-Austin) dei Phormophoroi (ante 424 a.C.) di Hermippo comico contro «Θετταλίας» proposto da T. Kock, identificando l’Italia di Hermippo con l’ager Cumanus in Campania e dando contemporaneamente valore ad altre due citazioni di Sofocle relative all᾿Italia: Ant. 1115-1152 e il fr.600 (Radt) apud Plin. N.H. XVIII 65, che testimonierebbero l’inclusione dell’ager Cumanus nel concetto di Italia in Sofocle. Il Fantasia ricorda inoltre come nel fr.1 (Kassel-Austin) di Demetrio comico (400 circa a.C.) Artas re dei Messapi sia localizzato in Italia.

66 II passo aristotelico deve essere riletto: dall’analisi di Lombardo 1994b, 261-281, pare infatti che Aristotele non seguisse Antioco per la cronologia mitica di Italo.

67 Sull’Italia di Antioco vd. Luraghi 1990, 61-87; Prontera 1992, 109-135.

68 Per Crotone-Sibari vd. supra, passim.

69 Per Reggio-Locri vd. Pind. Pyth. II 18-20 et schol. 36a-c; 38; schol. Pyth. I 99a; Iustin. XXI 3, 2. Cfr. Philist. fr.50 (Jacoby) e Tim. fr.97 (Jacoby): Hierone diviene genero di Anassilao; Diod. XI 48, 2 e Iustin. IV 2, 5: Micito succede ad Anassilao; ingerenza di Hierone per i figli di Anassilao: Hdt. VII 170, 4; Diod. XI 66, 1-3; Paus. V 26, 4-5; sui figli di Anassilao vd. pure schol. Pind. Pyth. II 38; Dion. Hal. A.R. XX 7, 1; Athen. I 3e; Iustin. XXI 3, 2-3. Cfr. Schenk Graf von Stauffenberg 1963, 208-220.

70 Pind. Pyth. I 71-80 et schol. 137a-c; 142; 146a-b; 152a-b; 153; 155a-b; schol. Pind. Pyth. II 2 (cfr. Plut. Mor. = Reg. et imp. apophth. 175a; = De ser. num. vind. 552a; Porph. De abstin. II, 56); Diod. Sic. XI 51; Str. V 4, 9 C.248. Cfr. Pind. Nem. IX 28-32 et schol. 67b-e; Bacchyl. III 61-66; Theopomp. fr.193 (Jacoby); schol. Aristoph. Ran. 1028. Evidenza epigrafica: Dittenberger 1915, nr. 34; 35b; 35c; Meiggs/Lewis 1969, nr. 28; 29; Supplementum Epigraphicum Graecum, XXXIII, 1983, nr. 328; XXXVII, 1987, nr. 415. Evidenza numismatica: Babelon 1907, nr. 2140-2142.

71 Vd. De Sensi Sestito 1982, 205-208; Eadem 1987, 260; cfr. Mele 1983a, 848-888; Maddoli 1996, 193-202. Recenti indagini archeologiche nell’area temesiaca documentano distruzioni che lasciano intravedere scontri: vd. La Torre 1998, 366-372; e in «Il mondo enotrio tra VI e V sec. a.C.», Seminario di Studi (C.N.R. Progetto Strategico «Sistema Mediterraneo», Napoli 1996-1998) in corso di pubblicazione nelle Monografie della Rivista Ostraka, diretta da M. Torelli.

72 Cfr. l’uso di πολεμέω in Xen. Cyr. I 3, 11; Plat. Resp. 440a 7; Demosth. XVIII 31.

73 Cfr. Ducrey 1968, 16-20; 92-105; 171-189; 238-246; Kendrick Pritchett 1974, 127-133; Idem 1974a, 156-189; Ducrey 1985, 233-235; 241-243; 253-255; 280-282; Kendrick Pritchett 1991, 169 e 203-312; Vattuone 1991, 167-178.

74 Italia e Italioti in Polieno in relazione al periodo greco: VI 22 (patto Locresi-Siceli alla fondazione di Locri); V 2, 15; 2, 22; 7 (Dionisio I di Siracusa); 3, 2 (Agatocle di Siracusa); VI 6, 1 (Pirro epirota). Cfr. Idem VIII, 18 (Diomede morto in Italia); 25, 2 (le donne dei Troiani profughi bruciano le navi presso il fiume Tevere in Italia).

75 Sugli schieramenti in campo a Himera vd. De Sensi Sestito 1981, 617-633. Che Crotone fosse allineata con Reggio, Himera, Selinunte e Cartagine pare evincersi da due episodî. Il primo è la condanna di Astilo di Crotone che si proclamò siracusano in occasione delle vittorie olimpiche nel 484 e 480: Paus. VI 13, 1; cfr. Pap.Ox. CCXXII; Dion. Hal. A.R. VIII 77, 1. Vd. Moretti 1957, nn. 178s.; 186s.; 196-198; cfr. n. 219; Sordi 1972, 52. Il secondo è che solo un crotoniate, Phaÿllos, partecipò alla battaglia di Salamina: Hdt. VIII 47; Plut. Alex. 34, 2; Paus. X 9, 2. Vd. Cagnazzi 1996, 11-19.

76 Hdt. VII 170, 3; Diod. XI 52, 3-5 (473/2). Due anni dopo Micito invia una colonia a Pyxous: Diod. XI 59, 4 (471/0); Str. VI 1, 1 C.253.

77 Sulla seconda Megale Hellas pitagorica vd. Mele 1983, 33-80; Idem 1986, 52-69; cfr. Musti 1989, 13-56; Idem 1990, 35-65; Idem 1994, 20-31 e 61-94: (seconda metà del V secolo).

78 Su Leptine vd. Sabattini 1989, 7-65.

79 Cfr. Philist. fr.46 (Jacoby) ; cfr. Vanotti 1994, 75-82, particolarmente 79-82.

80 Situazione parallela in Diod. XV 15, 2-3 che tace della conquista di Crotone da parte di Dionisio I: vd. Mele 1993, 256-259.

81 Secondo Melber 1885, 509 Timeo è fonte di Polieno. Cfr. Diod. XX 89: sulle fonti di Diodoro per la storia di Agatocle vd. Consolo Langher 1991, 153-186 con bibl. prec. (Duride); contra: Meister 1991, 187-199 (Timeo).

82 Vd. Polyb. I 6, 2; cfr. Xen. Hell. V 1, 26; 28; Diod. Sic. XIV 44, 2; 70, 1-3; vd. anche Isocr. Ep. I 7-9 in cui Dionisio I viene invocato quale difensore della grecità. Cfr. Meloni 1949, 190-203; Sordi 1978, 13s.; Eadem 1980, 3-13; Sanders 1987, 55-58; Sordi 1990, 159-171.

83 Vd. Diod. XIV 90, 4-91, 1; 100-102, 3; 103-106; cfr. Dion. Hal. A.R. XX 7, 2; vd. Diod. 107, 2-108; 111s.; cfr. Dion. Hal. A.R. XX 7, 3. Cfr. inoltre Plut. Mor. (De exil.) 605c; Dion 11, 4-7: esilio di Filisto. Su Dionisio I cfr. anche Heracl. Pont. fr.133 (Wehrli); Aeschin. II 10; Tim. fr.29 (Jacoby). Anche se nel particolare Diod. XIV 105 è favorevole a Dionisio I, l’intero contesto diodoreo ne risulta sfavorevole e in generale anche il suo atteggiamento nei confronti degli Italioti. Sulle fonti diodoree per la storia di Dionisio I cfr. Sartori 1966, 3-12 e 3ls. ; Sordi 1978, 1-16; Pearson 1987, 185-191. Su Dionisio I e la lega italiota vd. Sartori 1973-1974, 631-642; Caven 1990, 131-146; Mele 1993, 235-263. Sulla guerra e la politica economica del tiranno siracusano vd. Mele 1993a, 18-23 e 32. È al programma politico di Filisto piuttosto che a quello di Dionisio I che sembra guardare Alessandro Magno: vd. Plut. Alex. 8, 3 (cfr. Onesicrit. fr.38 Jacoby); 34, 3; cfr. Brown 1967, 359-368; Sordi 1983, 14-23.

84 È più evidente in Polibio e Dionisio di Alicarnasso che in Diodoro, sulle fonti dei quali vd. Sordi 1978, 12-15; ma vd. pure Aristox. fr.31 (Wehrli); Neanth. fr.31b (Jacoby); Polyaen. V 2, 22; Iustin. XX. Cfr. inoltre Luraghi 1988, 172-179; Vattuone 1991, 205-236; Musti 1994, 14-16; 42-48; 117-120.

85 Cfr. Iambl. V.P. 267: Leptine di Siracusa pitagorico. Vd. De Sensi Sestito 1987, 281s.; cfr. Mele 1983, 33-80; Idem 1986, 52-60. Sul rapporto Dionisio I-Pitagorici vd. Mele 1993, 247.

86 Theopomp. fr.73 (Jacoby); Diog. Laert. VIII 1, 39; Iambl. V.P. 260s.; Tertull. Apol. 46, 13; cfr. App. Mithr. 2, 8.

87 Sordi 1980, 10.

88 Cfr. supra. Nel caso del rapporto con Gelone è interessante la lettura di tre testimonianze. La prima è di Diod. Sic. XIII 94-96. Dionisio I, chiedendo all’assemblea dei Siracusani di essere nominato strategos autokrator nella lotta contro i Cartaginesi, ricorda che Gelone con la stessa carica aveva già vinto a Himera (XIII 94, 5). Tuttavia la tradizione diodorea tende a sottolineare le macchinazioni di Dionisio per carpire la fiducia del popolo e quindi implicitamente a contrapporre l’operato di Dionisio a quello di Gelone (cfr. Diod. XI 26, 5-6; Polyaen. I 27, 1; Ael. V.H. 6, 11; 13, 37). Tale posizione appare più evidente nel secondo brano: Diod. XIV 64, 5-69. Qui il cavaliere Theodoras prende la parola in assemblea per esortare i Siracusani a liberarsi dalla tirannide e a non comparare Dionisio al vecchio Gelone, e prosegue con un paragone infamante per Dionisio rispetto a Gelone. L’ultima testimonianza è in Plut. Dio 5, 8-10. A Dionisio II che faceva ironia su Gelone, Dione ricorda il debito di riconoscenza dovuto a Gelone e la magnificenza -ormai perduta- di Siracusa al tempo di quello (cfr. Mor. = De se ipsum citra invid. laud. 542d).

89 Vd. De Sensi Sestito 1981, 617-642. Su Gelone in Italia vd. Duris fr.19 (Jacoby) apud Athen. XII 542a; Diod. Sic. XI 22, 5; 26, 1 (cfr. schol. Pind. Pyth. I 112).

90 Cfr. supra nt. 75.

91 Vd. Sordi 1978, 1-16; Mele 1993, 235-263.

© Publications du Centre Jean Bérard, 1999

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540