Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Les statuettes aux parures du sanctuaire de la Malophoros à Sélinonte

 | 
Martine Dewailly

Introduction

Sebastiano Tusa

Texte intégral

1Quando iniziammo a costruire il progetto di ricerca “Malophoros” ci proponemmo quale principale imperativo quello di offrire alla comunità scientifica una completa e aggiornata edizione dell'immenso corpus di marteriali che a più riprese era stato portato alla luce dalla fine del secolo scorso nel corso delle varie campagne di scavo condotte nell'area del santuario della Malophoros di Selinunte. Come è noto, infatti, al di là della monumentale opera del Gabrici, equilibrata e completa, ma pur sempre sintetica, le numerose ed abbondanti serie materiali restavano pressocché inedite. Pertanto, quando iniziammo a pensare alla Malophoros per impiantare una moderna ed esaustiva proposta di indagine archeologica a vasto spettro, non tralasciammo di valutare quale poteva essere il vantaggio scientifico di riprendere l'esame delle vecchie collezioni. Ma, oltre alla possibilità di estrarre dati e conoscenze da materiali la cui contestualità poteva risultare spesso assente ο dubbia, ci premeva anche obbedire ad una sorta di imperativo morale che ci imponeva anche di colmare una grave lacuna documentaria. Un lavoro che si suole spesso definire “senza gloria”, ma che, oltre alla indubbia validità e necessità, costituiva anche un atto di doverosa deferenza verso coloro che ci avevano preceduto nella ricerca sul campo e verso le istituzioni che ci aiutavano ed ospitavano.

2Questa vasta opera di documentazione ed edizione aggiornata e completa delle vecchie collezioni provenienti dagli scavi effettuati nell'area del santuario della Malophoros di Selinunte è stata accuratamente programmata ed è potuta progredire grazie alla liberalità dell'allora Soprintendenza Archeologica di Palermo (oggi Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali - Sezione Archeologica) e del competente Assessorato Regionale per i Beni Culturali ed Ambientali e P.I., ma anche grazie ad un concreto contributo del Banco di Sicilia che ci ha permesso di coprire le spese di viaggio e soggiorno dei vari ricercatori che si sono avvicendati nello studio dei materiali conservati presso il Museo Archeologico Regionale di Palermo.

3Di questi studi ripartiti per classi di materiali ne stanno per essere pubblicati alcuni (ceramica a vernice nera, corinzia, modellini fittili, askoi etc.) e questo ottimamente elaborato da Martine Dewailly ne è uno dei più rilevanti per completezza e profondità di analisi. Come il lettore potrà facilmente constatare non si traita di un mero catalogo, bensî di un vero e proprio studio analitico che non tralascia alcunché di intentato per inquadrare non soltanto cronologicamente, ma anche sociologicamente e tecnicamente questa classe di coroplastica.

4Discorso a parte merita la prima parte del lavoro rivolta ad un inquadramento generale delle problematiche connesse con il santuario selinuntino. All'interno di questa sezione di estremo interesse risulta la sistematizzazione ricostruttiva delle varie operazioni di scavo effettuate nell'area in questione, resa possibile grazie allo studio analitico dei vecchi giornali di scavo messi a disposizione dalla Soprintendenza Archeologica di Palermo. In tal modo, oltre ad avere un chiaro quadro dei luoghi e delle modalità dello scavo effettuato (difficilmente desumibile dalle pubblicazioni passate), si è talvolta potuta ricostruire la contestualità di rin venimento di importanti gruppi di materiali ο di singoli oggetti. Anche questo, come si può intuire, va inquadrato nei cosiddetti “lavori senza gloria”, ma che abbiamo ritenuto importante e doveroso compiere come servizio ai colleghi ed all'istituzione. Si tratta, infatti, di uno strumento di continua consultazione per chi volesse cercare di recuperare notizie al di là delle pubblicazioni esistenti e senza doversi sobbarcare il peso di una lunga consultazione dei giornali di scavo passati. È inutile dire che tutto ciò Martine Dewailly ha condotto con rigorosa professionalità e grande competenza sicché risulterà arduo per tutti noi componenti del gruppo di ricerca “Malophoros” imitare la completezza e la profondità di questo lavoro, ma certamente ci proveremo nell'ambito delle prossime pubblicazioni delle altre classi di oggetti sottoposte ad uso intensivo.

© Publications du Centre Jean Bérard, 1992

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable