Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Kaulonia 1

 | 
Henri Tréziny

Premessa

Elena Lattanzi

Texte intégral

  • 1 Occorre ricordare che anche dopo gli anni settanta e prima della ripresa sistematica delle campagne (...)

1Dopo la recentissima pubblicazione delle monografie archeologiche relative alle ricerche condotte negli ultimi anni a Locri Epizefiri e a Laos, è per me grato compito presentare un volume di studi che segna anche il ritorno della Soprintendenza Archeologica della Calabria a Kaulonia, a circa un decennio dagli scavi affidati da G. Foti ad E. Tomasello1.

2La ripresa della ricerca archeologica a Kaulonia aveva due obiettivi principali, quello di chiarire la problematica dell’organizzazione urbanistica della colonia, compito affrontato direttamente dalla Soprintendenza con il funzionario archeologo responsabile di quel territorio, M. T. Iannelli, e il secondo, strettamente collegato, di studiare la cronologia dell’impianto delle fortificazioni, affidandone le indagini ad H. Tréziny e collaboratori. Dal 1982, quindi, si affianca alla Soprintendenza, negli scavi effettuati con fondi ministeriali, una équipe scientifica coordinata da H. Tréziny del Centro Camille-Jullian di Aix-en-Provence, con J. Rougetet del Centro Jean Bérard, Chr. Van der Mersch dell’Università di Louvain-la-Neuve e S. Collin Bouffier dell’École Française de Rome, creando le premesse per l’impostazione di un programma di lavoro ampio e interdisciplinare, che, come si vedrà, non ha mancato di dare significativi risultati scientifici. Alle ricerche hanno dato il loro contributo il CNRS, l’École Française de Rome, oltre i già citati Centri Camille-Jullian e Jean Bérard, che qui si ringraziano.

3La storia delle ricerche a Kaulonia inizia, come sempre, con Paolo Orsi, cui si deve la localizzazione ed i primi, fondamentali scavi, editi nelle due note monografie dei Monumenti Antichi dei Lincei degli anni 1916 e 1924. Dopo una breve sintesi delle ricerche fino al 1985, gli Autori presentano i risultati dei nuovi scavi delle fortificazioni (1982-1985), illustrando le strutture messe in luce, le stratigrafie che hanno permesso la ricostruzione delle vicende edilizie e storiche, i materiali di scavo, comprendenti ceramiche, coroplastica, anfore, monete e fauna. Segue un’ampia discussione dei problemi relativi alle fortificazioni e all’impianto urbanistico di Kaulonia, che non ha pretese di conclusioni definitive, ma solo di una prima messa a punto, in considerazione della complessità dei problemi messi a fuoco.

4Il quadro che se ne ricava presenta approfondimenti di problemi ed elementi di novità, come la scoperta, durante lo scavo della Torre D di epoca ellenistica, nella cinta settentrionale, di un tratto delle fortificazioni di età arcaica, fortificazioni che saranno restaurate nel V a.C. e distrutte da Dionisio il Vecchio nel 389 a.C. L’esplorazione della Neapolis della seconda metà del IV a.C. ha rivelato che la vita e la prosperità della colonia perdurano nel secolo successivo, come testimonia la nuova organizzazione urbanistica, i contatti con le popolazioni osche dei Brettii, le grandi e sontuose case ellenistiche, come la nota « casa del Drago ».

5Di grande interesse è soprattutto l’analisi delle anfore, che getta nuova luce sulla cultura materiale di Kaulonia. Il piano programmatico delle prossime ricerche è illustrato da M. T. Iannelli.

6In un sito dove permane ancora, quasi intatto, nonostante le immancabili difficoltà dell’azione di tutela, il paesaggio agrario, è stata cura della Soprintendenza seguire ed indirizzare il progetto di parco archeologico che il Comune di Monasterace ha voluto predisporre per accedere ai finanziamenti regionali, fortunatamente sopraggiunti a completare quelli dello Stato. Nel momento in cui si apprende il buon esito del finanziamento, si auspica che il parco possa definitivamente assicurare la salvaguardia e la valorizzazione dell’importante area archeologica. Occorre anche riconoscere che, grazie all’impegno di tutela della Soprintendenza e alla collaborazione dell’Ente locale, il centro antico non ha subito le gravi manomissioni toccate ad altri siti archeologici calabresi.

7Fuori del centro, a rispettosa distanza e immerso nel verde degli oliveti, sta anche sorgendo un piccolo museo, divenuto ormai strumento indispensabile per un lavoro di ricerca che richiede una programmazione a lungo termine, museo destinato ad ospitare sul luogo stesso ove sorse Kaulonia la documentazione archeologica restituita dalle campagne di scavo, insieme ai futuri rinvenimenti.

Notes

1 Occorre ricordare che anche dopo gli anni settanta e prima della ripresa sistematica delle campagne di scavo negli anni ottanta, si ebbero interventi di scavo. distanziati nel tempo per carenze di uomini e mezzi di cui la Soprintendenza soffriva. Sulle ricerche più recenti della Soprintendenza a Kaulonia si veda Iannelli-Rizzi 1986, p. 281 ss. (per le abbreviazioni, cfr. p. 1).

© Publications du Centre Jean Bérard, 1989

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540