Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Les « bourgeoisies » municipales italiennes aux IIe et Ier siècles av. J.-C.

Assisi: problemi urbanistici

Maria José Strazzulla

Texte intégral

  • 1 In generale per i dati sino ad ora noti cfr. G. Antolini, Il tempio di Minerva in Assisi, Milano, 1 (...)

1La presentazione di Assisi come «caso italico» può costituire per molti versi una novità, visto il silenzio della letteratura archeologica di questi ultimi anni e la scarsa attenzione che, salvo sporadiche eccezioni, anche in passato è stata dedicata alla città umbra della quale è nettamente prevalso, a livello conoscitivo, il momento medievale. Una rivalutazione di Assisi dal punto di vista archeologico è oggi opportuna e necessaria, sia a seguito di nuovi elementi emersi nel corso di recenti indagini, sia, soprattutto, se si considera la documentazione archeologica fornita dal centro nella sua globalità1. Il che giustifica il taglio parzialmente analitico di questo testo e rende necessarie alcune premesse generali esplicative al tema centrale, pur facendo presente l’assoluta provvisorietà dei dati qui presentati, in attesa di chiarimenti che solo ulteriori, più precisi rilevamenti potranno fornire.

  • 2 Propert., 4, 1, 125: scandentisque Asisi consurgit vertice murus/murus ab ingenio notior ille tuo; (...)

2Assisi vanta una serie di persistenze monumentali, numerose e continuative, all’interno dell’attuale centro storico, caratterizzate da un eccezionale livello di conservatività. Abbondante è anche la documentazione epigrafica, con un corpus di circa duecentocinquanta epigrafi, di cui circa 100 provengono, sparse, dal territorio ed oltre 70 sono state rinvenute all’interno della città; di queste ultime, numerose hanno carattere funerario e si devono considerare frutto di reimpieghi effettuati nel corso dell’età medievale. Rimane un gruppo di circa 15 epigrafi, prevalentemente a carattere pubblico, in molti casi ancorate a precisi contesti monumentali, le quali costituiscono un sussidio fondamentale, ad integrazione dei dati archeologici, per una ricostruzione delle vicende del centro, dall’età repubblicana, su cui si concentrerà in questa sede la nostra attenzione, sino a quella tardo-imperiale. Al contrario le fonti scritte tacciono quasi totalmente su Assisi, se si eccettuano le testimonianze di Properzio, una rapida menzione da parte di Plinio e di Tolomeo, e quella, molto tarda, di Procopio afferente agli episodi umbri del bellum gothicum2.

  • 3 Cfr. W.H. Harris, Rome in Etruria and Umbria, Oxford, 1971, p. 100.

3Molti aspetti della sua storia istituzionale restano pertanto in ombra. È probabile che il centro, sorto sulle pendici nord-occidentali del Subasio in area geograficamente e politicamente umbra, fosse legato a Roma da un foedus analogamente ad altre numerose piccole entità locali e che come queste sia divenuto un municipium autonomo dopo la guerra sociale3.

  • 4 Per la documentazione archeologica di Arna cfr. essenzialmente A. Paoletti, Perugia. Delimitazione (...)

4Il suo territorio a settentrione confinava direttamente con quello della sua più importante vicina, l’etrusca Perusia; i limiti dovevano correre in prossimità del piccolo centro satellite di Arna, che diverrà municipio autonomo dopo il bellum Perusinum e che riflette, nei documenti archeologici superstiti, il ruolo di cerniera ricoperto tra area etrusca ed umbra4.

5Municipia vicini erano inoltre Vettona, Urvinum Hortense, Hispellum, Nuceria Camellaria.

  • 5 A tale periodo sono riferibili ritrovamenti sporadici effettuati a Bastia, Palazzo, S. Martino di A (...)
  • 6 Materiali ritrovati nel territorio di Bastia (a Bastiola, S. Anna, Costano, Roma Vecchia, Madonna d (...)
  • 7 A tale periodo può essere probabilmente datato un gruppo di oggetti in bronzo (dischi, anelli, armi (...)
  • 8 Per tale periodo abbiamo l’indicazione di alcune terrecotte architettoniche da S. Maria degli Angel (...)
  • 9 In età romana resti di probabili insediamenti rustici sono segnalati sul Subasio, a S. Maria degli (...)
  • 10 La cronologia dell’epigrafe, oltre che su elementi interni, è fondata su criteri di relatività, ris (...)

6La documentazione archeologica relativa al territorio assisano, per quanto sporadica, indica una frequentazione della piana sottostante il centro a partire almeno dall’eneolitico tardo5, con una continuità di attestazioni che dall’età del bronzo e dalla prima età del ferro6 giungono al VI secolo a.C.7, proseguendo in età ellenistica8 ed infittendosi nel corso dell’età romana9. Di particolare rilievo, ai fini della conoscenza della storia istituzionale di Assisi nella fase umbra, è l’iscrizione CIL XI, 5389 (cfr. Appendice n. 2), rinvenuta nella pianura tra Bastia ed il piccolo agglomerato di Ospedalicchio. Redatta in lingua umbra, ma con caratteri latini e datata all’avanzato II sec. a.C., essa si riferisce all’acquisto ed alla conseguente delimitazione di un’area a destinazione sacra da parte delle massime magistrature cittadine, uhtur e marones, ciascuna rappresentata da due coppie di magistrati10.

  • 11 Lo scavo è stato condotto, per conto della Soprintendenza archeologica dell’Umbria, da M.A. Tomei, (...)

7Una situazione in parallelo, almeno a partire dal VI sec. a.C., è riscontrabile nell’area corrispondente al successivo centro urbano. Un recente intervento di scavo in via Arco dei Priori, nel pieno centro storico, poche decine di metri più a valle del tempio c.d. «della Minerva» (tav. I, 8), ha portato al rinvenimento di un ricchissimo accumulo di materiale fittile, molto probabilmente scaricato dall’alto, il quale comprende ceramica d’impasto, buccheri e soprattutto ceramica a vernice nera, talvolta con graffiti, le cui forme sono databili tra il III ed il II sec. a.C.11, il che presuppone un’intensa frequentazione dell’area anche in fase «pre-urbana».

  • 12 Un’antefissa con testa di Ercole con leontè è attualmente murata in piazza S. Rufino; una seconda a (...)
  • 13 La testa fa parte della collezione privata del dott. Lazzari di Assisi, insieme ad alcuni altri pez (...)
  • 14 Cfr. M. Cristofani, Volterra e Roma, Hellenismus in Mittelitalien. Abhandlungen der Akademie der Wi (...)

8Molto sporadica, ma significativa, è la presenza di alcune terrecotte architettoniche che, nell’esemplare più antico (IV-III sec. a.C.) manifesterebbero una dipendenza da modelli diffusi nell’area orvietano-perugina12. L’esemplare più recente (II sec. a.C.) — una testina frontonale di cui purtroppo non è documentabile la sicura origine locale13 — ci offre la testimonianza di un classicismo, espresso a livelli qualitativi estremamente alti, i cui modi ricorrono anche nella produzione della non lontana Volterra14 (tav. VIII).

Lo sviluppo urbanistico

  • 15 M.L. Manca, Osservazioni sulle mura di Asisium, Annali Facoltà Lettere Perugia - Studi Classici, XV (...)
  • 16 I nuclei principali, individuabili sulla base dei ritrovamenti di carattere epigrafico e sulle indi (...)
  • 17 La dizione è basata sul rinvenimento, nelle immediate vicinanze del tempio, di una grande statua fe (...)
  • 18 Ad una serie progressiva di terrazze, digradanti dall’alto verso il basso, sono riferibili i tratti (...)

9Il centro era compreso entro una cinta muraria, costruita con blocchi quadrangolari in calcare rosa del Subasio. I blocchi hanno dimensioni irregolari, sono accostati per contatto e solo raramente legati con malta. Il tracciato della cinta, (tav. I, 1) che si conserva per ampi tratti, abbraccia la sommità del colle, includendo l’area inedificata attualmente occupata dalla Rocca Maggiore15. Esso sembra aver costituito un limite per l’espansione della città destinato a non essere mai superato nel corso dell’antichità, come confermerebbe l’andamento delle necropoli dell’immediato suburbio16. È molto probabile che la sua costruzione debba essere ricollegata, come momento preliminare, al programma di strutturazione urbanistica dell’intero centro, secondo un progetto organico di vasto respiro. Le falde del colle, all’interno della cinta, vengono occupate da un grande complesso edilizio di carattere pubblico che dà al centro una nuova veste monumentale. Esso ha il fulcro nel tempio impropriamente detto «della Minerva»17 e nel piazzale immediatamente sottostante, tradizionalmente identificato con il foro della città. Una serie di terrazzamenti si sviluppano a valle e si rintracciano nelle aree circostanti, a Nord e a Sud del tempio stesso. La necessità di adattare il progetto urbanistico alla morfologia del colle senza operare grandi sbancamenti, ma seguendo piuttosto l’andamento naturale del declivio, ha portato all’adozione di uno schema non simmetrico, bensî ritmico delle architetture che si dilatano a ventaglio a monte del nucleo centrale. Ciò è particolarmente evidente sul lato orientale dove il colle saliva rapidamente alle spalle e ad oriente del tempio e dove resti, sia pure frammentari, di strutture murarie permettono di stabilire che le terrazze si organizzavano su non meno di tre livelli, con un impianto scenografico concepito in funzione della vista dalla valle, ma contemporaneamente rivolto anche verso il nucleo centrale interno18 (cf. tav. I, nn. 5 - a - g).

10La coerenza dell’intera organizzazione indica chiaramente che essa è frutto di un progetto unitario che però, proprio a causa della sua grandiosità, dovette essere realizzato in tempi lunghi; sulla base della documentazione archeologica superstite, in parte integrata dai dati forniti dall’epigrafia, possiamo risalire agli anni antecedenti la creazione del municipium romano, e, più precisamente, agli ultimi decenni del II sec. a.C. per l’inizio dell’attuazione del progetto, ai primi anni del principato augusteo per il suo completamento.

La terrazza superiore

  • 19 J. Whatmough, A New Umbrian Inscription of Assisi, Harvard Studies in Classical Philology, 50, 1938 (...)

11Numerose indicazioni concorrono a sottolineare l’importanza, nel quadro urbanistico generale, della terrazza superiore (tav. I, 2). In primo luogo da essa provengono le uniche attestazioni relative a preesistenze monumentali: un’epigrafe umbra databile al II, se non addirittura al III sec. a.C., apposta sopra l’architrave di una porta, ed alcuni elementi modanati, rinvenuti in corrispondenza della chiesetta di S. Lorenzo19.

  • 20 Cfr. Brizi, p. 411 s., nn. 12-14.
  • 21 E. Stefani, N.Sc, 1935, pp. 19 ss. Alcune indicazioni relative alla presenza della gradinata sono c (...)
  • 22 Cfr. L. Shoe Meritt, The Geographical Distribution of Greek and Roman Ionic Bases, Hesperia, 38, 19 (...)

12L’andamento della terrazza è ricostruibile su tre lati: a sud, dove è conclusa dal grande muro in opera quadrata inglobato nel lato lungo settentrionale della chiesa di S. Rufino (tav. I, 2 a); a nord, dove resti di un altro grande muro in opera quadrata con la fronte rivolta verso il retrostante declivio si conservano al di sotto degli stabili tra la via del Comune Vecchio e la via di Porta Perlici (tav. I, 2 b). Ad est il muro è segnalato, a tratti, sotto i palazzi prospicienti la piazza Nuova20; qui, in corrispondenza dell’estremità settentrionale, ma in posizione più arretrata, venne scavato (e parzialmente distrutto) un grosso bastione quadrangolare, affiancato da una scalinata e da un porticato di cui si conservavano, in situ, i basamenti di quattro grandi colonne di travertino (tav. I, 2 c)21. Queste costituiscono il primo, importante indizio cronologico relativo all’edificazione del complesso: la base ionico-attica di un tipo molto particolare, confrontabile — a quanto mi risulti — solo con quelle del tempio repubblicano di Gabii22, è databile nella seconda metà del II sec. a.C. (tav. III, fig. 1).

  • 23 Brizi, p. 412 s., nn. 14-16.

13La terrazza così individuata era profonda circa 140 metri. È molto probabile che sul lato settentrionale e su quello orientale il suo andamento coincidesse con i limiti della città e che i muri di terrazzamento, qui molto meno rifiniti che non lungo il lato meridionale, sostituissero in tale tratto il muro di cinta23.

14Che alla terrazza superiore sia stata data la precedenza, dal punto di vista cronologico, nella realizzazione del programma monumentale pare certo sulla base di un altro elemento, estremamente significativo a questo proposito, costituito dall’iscrizione CIL XI, 5390 (cfr. appendice n. 3). Conservata all’interno della cattedrale di S. Rufino, sopra il muro in opera quadrata di travertino, nel quale si apre una fontana, essa menziona sei personaggi, marones, i quali, d(e) s(enatus) s(ententia) provvidero alla costruzione di un murum ab fornice ad circum et fornicem cisternamq(ue).

  • 24 Per la bibliografia completa cfr. avanti Sensi, p. 165 note 1 e 2; si vedano in particolare le ulti (...)
  • 25 E. Campanile-C. Letta, Studi sulle magistrature indigene e municipali in area italica, Pisa, 1979, (...)
  • 26 Cfr. Sensi, Appendice, nn. 4 e 7; vedi avanti p. 173.
  • 27 Per una datazione dell’epigrafe all’età pre-sillana si sono pronunciati il Beloch, Römische Geschic (...)

15Il più grosso problema interpretativo è costituito dall’uso della lingua latina in relazione ad una magistratura, quella dei marones, caratteristica della struttura politico-amministrativa umbra, e dal numero dei personaggi, sei. In ambiente umbro la magistratura dei marones si configura con connotazioni tecniche - il più delle volte in connessione con interventi di carattere edilizio e si esprime in coppia24. La comparsa di sei marones in un testo latino ha suggerito peraltro l’ipotesi che quest’ultimo sia databile ad età municipale e che in tale periodo i marones si siano trasformati in un collegio di sei magistrati, legati ad interventi edilizi di carattere straordinario25. Tra le difficoltà incontrate da tale interpretazione, non ultima quella che ad Assisi è documentata un’altra magistratura collegiale, quella dei quinquemviri, con analoga funzione26. È forse preferibile pensare che l’epigrafe si riferisca ad un momento, di transizione per quanto riguarda l’uso pubblico della lingua latina, di poco precedente la creazione del municipium e che vi siano state menzionate tre diverse coppie di magistrati, responsabili della realizzazione dell’opera nell’arco di tre successivi mandati27.

  • 28 Cfr. De Ruggiero, Diz. Ep., II, 1, p. 251 s. Il termine compare nell’epigrafia sia riferito ad oper (...)
  • 29 Cfr. N. Neuerburg, L’architettura delle fontane e dei ninfei nell’Italia antica, Napoli, 1965, pp.  (...)
  • 30 Idem, p. 171, n. 96, fig. 29; p. 174 s., nn. 100-103, figg. 26, 28.
  • 31 Cfr. U. Tarchi, L’arte nell’Umbria e nella Sabina, cit., tavv. CLXXXVI-CLXXXVII; M. Matteini Chiari(...)
  • 32 Manca, art. cit., p. 104, f. 1; p. 112 ss., fig. 5. Il confronta più diretto in ambito perugino è c (...)

16Anche dal punto di vista strettamente topografico il testo solleva alcune questioni; dei quattro monumenti menzionativi infatti (murum, fornicem, circum, cisternam) solo due sono identificabili di primo acchito: il muro, evidentemente il medesimo su cui corre l’epigrafe, e la cisterna, ovvero la grande fontana che si apre su di esso (tav. IV, fig. 2). L’uso del termine presuppone una funzione eminentemente utilitaria del monumento, legato alla raccolta delle acque ed al loro attingimento28. Dal punto di vista tipologico, la cisterna rientra tra quelle a semplice camera rettangolare, frequentemente ricavate da terrazzamenti, confrontabile con la c.d. «porta degli Idoli» di Anagni29 e con analoghe strutture del santuario prenestino30. Numerose particolarità costruttive riflettono tecniche e moduli decorativi diffusi nella vicina area perugina31: il grande arco che sottolinea l’apertura esterna per l’attingimento è decorato da una cornice a gola dritta che si ricollega direttamente a quella dell’unica porta urbica conservatasi (tav. I, 1 a; fig. 2), a sua volta confrontabile con modelli perugini32.

  • 33 Cfr. Brizi, p. 424 s., n. 41: i resti sono oggi parzialmente visitabili nella cripta della chiesa.

17Più problematica è invece la localizzazione del fornix: dal momento che il muro prosegue sicuramente anche verso settentrione, in corrispondenza del piazzale antistante la chiesa33, è molto probabile che esso debba essere ubicato più a valle, al termine del muro stesso.

  • 34 A. Cristofani, Dette storie di Assisi, Assisi, 1902, pp. 15 s.
  • 35 Necropoli: resti di un grande mausoleo (tav. I, 4) si conservano in via del Torrione (M. Matteini C(...)
  • 36 Forse ad una tribuna più tarda, (tav. I, 3 c) impiantata sopra la terrazza prospiciente l’area del (...)
  • 37 Cfr. T.P. Wiseman, The Circus Flaminius, PBSR, 42, 1974, p. 3 ss.
  • 38 CIL X, 5807 = CIL I2, 1529. Cfr. F. Zevi, Alatri, Hellenismus in Mittelitalien, cit., pp. 84 ss.

18Resta infine il problema del circo: dal testo dell’iscrizione emerge chiaramente la sua preesistenza, quale punto di riferimento topografico, rispetto alle opere di terrazzamento realizzate dai marones. La sua ubicazione è in un certo senso obbligata: esso va collocato al termine del muro, come ci dice l’epigrafe, ed in uno spazio che possieda gli indispensabili requisiti, fondo pianeggiante e lunghezza, quest’ultima non inferiore perlomeno a quella di uno stadio greco (180/190 metri). L’unica area rispondente a tali prerogative è la Valletta di forma stretta ed allungata (mt. 250 circa), corrispondente all’attuale piazza Nuova (tav. I, 3), che si addossava al muro di terrazzamento orientale e che gli eruditi locali di età umanistica avevano chiamato «foro sessoriano»34. Numerosi elementi — l’impiantarsi di una necropoli in età tardo repubblicana, la successiva costruzione dell’anfiteatro nell’estremità settentrionale35 (tav. I, 3 a) — fanno ritenere che il circo non abbia avuto lunga durata nel tempo. È in realtà molto probabile che esso consistesse in una semplice spianata del terreno, priva di strutture stabili36, in ciò analogo a molti altri circhi repubblicani di cui non ci è rimasta traccia nella documentazione archeologica: il circo Flaminio (almeno nella sua fase più antica), del quale sembrerebbe aver ripetuto le sorti37, ο il «campus ubei ludunt» ricordato nella nota epigrafe di Alatri che si riferisce ad una serie di opere pubbliche realizzate intorno alla fine del II sec. a.C.38. Se è plausibile che alla sequenza dei monumenti di cui Betilieno Varo dotò il centro ernico debba essere attribuito anche un preciso valore topografico, — il campus segue in ordine discendente la porticus qua in arcem eitur e precede gli edifici relativi al foro — merita di essere sottolineata la corrispondenza tra l’arx di Alatri e la terrazza superiore di Assisi, probabilmente non molto dissimili nell’impianto generale, entrambe aventi nelle loro vicinanze un’area destinata a giochi. La collocazione del circo nella parte alta della città può infine riflettere modelli di organizzazione dello spazio, mutuati dalla tradizione dei grandi santuari greci non soltanto a livello funzionale, ma anche ideologico.

La terrazza centrale

  • 39 Di quella all’estremità settentrionale, oggi completamente inglobata nelle successive strutture med (...)

19La terrazza centrale (tav. I, 6) fa perno sul tempio c.d. «della Minerva», intorno al quale si articolavano vari terrazzamenti. Il tempio è inserito in una terrazza corta ed irregolare, delimitata sul fondo da un alto muro di contenimento in opera quadrata, che piega ad angolo ottuso in corrispondenza del lato orientale dell’edificio (tav. I, 6 a). La soluzione adottata per la fronte è particolarmente efficace dal punto di vista scenografico: al posto della grande scalinata di accesso al tempio, se ne è sostruita la fronte con un alto muro in opera quadrata (mt. 5,70) (tav. V, fig. 2) nel quale vennero ricavate, simmetricamente, due scalette laterali di accesso al piano superiore. Più all’esterno, alle due estremità del muro, si aprivano due grandi fontane39. La lunga iscrizione (appendice n. 4), conservata solo parzialmente all’estremità orientale del terrazzamento recava i nomi dei magistrati che sovrintesero alla sua realizzazione, i quattuorviri (ora perduti) ed i quinquemviri, magistratura questa di carattere straordinario, probabilmente delegata all’attività edilizia. Una serie di fori, disposti con estrema regolarità lungo tutta la parete centrale del muro, presuppone l’originaria applicazione di elementi decorativi in bronzo (ghirlande, clipei, a giudicare dall’andamento).

20Il piazzale sottostante, pavimentato con lastre di calcare, era circondato su tre lati da un portico con colonne doriche. Una serie di piccoli vani, probabilmente botteghe, chiusi sul fondo da un muro di terrazzamento obliquo, limitava il lato corto orientale (tav. I, 6 b).

  • 40 Cfr. G. Abate O.F.M., La casa natale di S. Francesco e la topografia di Assisi nella prima metà del (...)
  • 41 Gli ambienti pertinenti al terrazzamento inferiore, recentemente scavati da chi scrive nell’ambito (...)

21Non è leggibile al contrario la situazione sull’opposto lato corto occidentale, forse destinato ad ospitare edifici di carattere pubblico, per via di una serie di sbancamenti operati in età medievale in corrispondenza dell’attuale via Portica40. Il ritrovamento di alcuni ambienti, che sicuramente fungevano da sostruzione al soprastante piano della platea (tav. I, 6 c), conservati a due diversi livelli, permette di calcolarne le esatte dimensioni, sia nel senso della lunghezza (mt. 105) che in quello della larghezza (mt. 35)41. Se ne ricava pertanto che il tempio era collocato in posizione asimmetrica, leggermente spostato verso sud-est, rispetto al piazzale sottostante; un’analoga asimmetria si riscontra nella posizione delle due fontane, quella settentrionale più distante dall’asse centrale del tempio rispetto a quella meridionale.

  • 42 Vedi avanti Sensi, p. 166, nota 16.

22Sulla piazza, perpendicolare al tempio e perfettamente in asse con il medesimo, sono visibili i resti di un’iscrizione conservata molto malamente (appendice n. 5). Dalla posizione dei fori per il fissaggio delle lettere in bronzo e da alcuni resti ancora in situ si ricostruiscono i nomi di quattro personaggi, caratterizzati dalla formula completa del cognomen in tutti i casi. L’iscrizione che si svolge su un’unica riga, inizia in corrispondenza del basamento dell’altare e termina sotto il tetrastylum dedicato ai Dioscuri da Galeo Tettienus Pardalas42; si può sicuramente escludere quindi, per motivi di spazio, che essa comprendesse altri nomi ed è dunque molto probabile che nei quattro personaggi menzionati siano identificabili i quattuorviri responsabili della pavimentazione del piazzale.

  • 43 Per il tipo cfr. C.G. Yavis, Greek Altars, St. Louis University Studies, 1, 1949, pp. 185 ss.
  • 44 L’uso del termine tetrastylum che qui appare in diretta connessione con la struttura architettonica (...)
  • 45 Cfr. Sensi, Appendice n. 10; p. 171, nota 61.
  • 46 P. Vittucci, Cori, Quaderni dell’Istituto di Topografia Antica dell’Università di Roma, 2, 1966, pp (...)

23Perfettamente in asse col tempio, con ciò dimostrando il loro diretto rapporto con esso, sono due basamenti, sicuramente pertinenti ad una fase successiva, dal momento che si sovrappongono parzialmente all’iscrizione pavimentale. Il primo, a lungo identificato col tribunal del foro, molto più probabilmente coincide con la piattaforma dell’altare del tempio rettangolare in antis (tav. V, fig. 2)43. Il secondo, una grande base quadrangolare decorata con specchiature di calcare, reggeva, come ci informa l’iscrizione sulla fronte, un tetrastylum44 entro il quale erano le statue dei Dioscuri, eretto a spese di una coppia di liberti della gens Tettiena, probabilmente nella seconda metà del I sec. d.C.45. La soluzione tempio-terrazzamento-piazzale adottata ad Assisi sembra direttamente confrontabile con quella che ritroviamo applicata a Cori nel tempio di Castore e Polluce situato nella parte bassa della città46. Le analogie riguardano tanto la posizione leggermente decentrata del tempio, quanto la presenza dell’alto muro di sostruzione e del sottostante piazzale, di forma stretta ed allungata, a sua volta retto, almeno parzialmente nel caso di Assisi, da concamerazioni voltate.

  • 47 Una datazione del tempio all’età sillana è fondata sui caratteri epigrafici dell’iscrizione dell’ar (...)
  • 48 H. Kähler, Die römischen Kapitelle des Rheingebietes (Römisch-Germanische Forschungen, 13), Berlin, (...)
  • 49 Heilmeyer, cit., p. 42, tav. 4:2 (S. Omobono); p. 39, tav. 4:4 (S. Costanza); p. 27 ss., tav. 2:1 ( (...)

24Dal punto di vista cronologico, l’esempio di Cori sembra aver anticipato, sia pure di non molto, la realizzazione assisiate47. Riguardo a quest’ultima, non è possibile precisare in via diretta il momento in cui venne edificata la terrazza centrale; possiamo soltanto indicarne la cronologia relativa, compresa tra l’ultimazione della terrazza superiore da un lato e l’erezione del tempio dall’altro. Le magistrature menzionate nei testi epigrafici infatti — quattuorviri e quinquemviri — si riferiscono sicuramente alla fase municipale e risultano alternative ai marones ricordati sopra il muro di S. Rufino. Di quest’ultimo in ogni caso si mantiene la tecnica, un’opera quadrata molto accurata, con anathyroseis simili in entrambi i casi. Piazzale e terrazza centrale, d’altra parte, dovettero essere ultimati prima della costruzione del tempio (tav. V, fig. 1): questo, esastilo con ante, venne realizzato in piccoli blocchetti di calcare legati con malta, ad opera di due fratelli, i quattuorviri Cn. e T. Caesii, e quindi venne stuccato e dipinto a spese di C. Attius C.f. Clarus, il cui nome, privo di indicazioni relative a cariche magistratuali, venne aggiunto in appendice alla epigrafe del muro di terrazzamento inferiore (appendice n. 4). Una datazione abbastanza puntuale alla primissima età augustea ci viene dall’analisi della decorazione architettonica, in particolare da quella dei capitelli di ordine corinzio che sono tipologicamente inseribili a ridosso di alcuni esemplari del secondo triumvirato (capitello di S. Omobono e di S. Costanza) e sembrano anticipare, per una maggiore durezza nell’intaglio, le forme, destinate quindi a divenire canoniche, dei più plastici esemplari del tempio di Marte Ultore48, con una conseguente, presumibile datazione intorno al 30 a.C.49 (tav. VI, figg. 1-2).

La terrazza nord-occidentale

25Un’altra grande terrazza si stendeva a nord-ovest del tempio, a livello del suo piano di base (tav. I, 7). Essa era preceduta da un ingresso monumentale che, probabilmente, costituiva anche l’accesso principale all’intero complesso. L’andamento dell’epigrafe pavimentale n. 5, orientata in questo senso e, più in generale, tutta l’impostazione urbanistica del settore orientale, parzialmente gravitante verso tale lato, lo confermerebbero indirettamente.

  • 50 Le strutture, ancor oggi perfettamente conservate all’interno dello stabile di via S. Paolo 12 a, s (...)
  • 51 F. Fasolo - G. Gullini, Il santuario della Fortuna Primigenia di Palestrina, Roma, 1953, p. 58 s., (...)

26Della terrazza si conservano integralmente i due muri di contenimento: quello inferiore in opera quadrata, percorribile in tutta la sua lunghezza sul fondo dell’attuale via Portica, (tav. VII, fig. 1) costituiva il diretto prolungamento di quello antistante il tempio (tav. I, 7 a). Quello superiore, destinato a reggere il retrostante strapiombo, corre lungo l’attuale via S. Paolo (tav. I, 7 b). Il piazzale così delimitato aveva una lunghezza di 65 metri ed una profondità di 40; non sembrerebbe, a giudicare dall’insieme dei dati, che esso ospitasse edifici in alzato. La fronte verso valle era probabilmente chiusa da un porticato. Esattamente al centro del muro di fondo era incassata una fontana quadrangolare (mt. 5×4) le cui pareti si concludevano ad un’altezza di circa 10 metri con una grande volta a botte in conci di travertino50. La nicchia stretta e slanciata al centro di un’alta parete liscia è un modello che ritroviamo variamente applicato nel santuario della Fortuna Primigenia di Praeneste, nei grandi nicchioni simmetrici alla base delle rampe oblique di accesso alle terrazze superiori, parzialmente coperti dalle rampe stesse e nel grande arcone centrale51 di cui la terrazza di Assisi ripeteva probabilmente l’effetto scenografico. Più in generale, la concezione dalla grande piazza inedificata, con portici che corrono lungo i lati, si ricollega a criteri urbanistici tipici dell’ellenismo.

  • 52 I restauri sono visibili nel muro di terrazzamento trasversale del piazzale nord-occidentale (tav.  (...)
  • 53 L’epigrafe CIL XI, 5392 è stata rinvenuta nelle vicinanze del piazzale. La 5391, identica, con l’ec (...)
  • 54 Cfr. sopra nota 18.

27Il muro posteriore di contenimento marca una svolta nel campo della tecnica edilizia dei monumenti di Assisi: esso è sempre costruito in blocchi squadrati, che però sono più stretti ed allungati della precedente opera quadrata, legati con malta cementizia per uno spessore interno di circa un metro, non più in travertino, ma in calcare locale (tav. VII, fig. 2). Questa stessa tecnica è impiegata per restauri dell’opera quadrata in punti diversi52 (tav. VII, fig. 2). Sarebbe oltremodo tentante, per quanto purtroppo destinato a restare a livello di pura ipotesi, riferire a tali interventi di restauro il testo dell’iscrizione tardorepubblicana pervenutaci in duplice copia (appendice n. 7), da cui apprendiamo che due quattuorviri ed i quinquemviri «murum reficiundum curarunt probaruntque»53. Certo è che la medesima tecnica, che qui ha verosimilmente trovato la sua prima applicazione, caratterizza anche tutti i resti di terrazzamento conservati nel settore sud-orientale (tav. I, 5 a-g)54. Essa rappresenta quindi un’innovazione, intervenuta nel corso dei lavori e mantenuta sino al loro successivo completamento.

Il quartiere meridionale

  • 55 CIL XI, 5371, 5395, 5399, 8018.
  • 56 Brizi, p. 428 s., nn. 49-50.

28Numerosi resti archeologici sono localizzati infine nella fascia meridionale della città, compresa tra i terrazzamenti in opera quadrata e la cinta urbica. Le strutture conservate in questo settore sono caratterizzate dalla comparsa dell’opus caementicium con paramento di laterizio, indicativo di una datazione della fase edilizia nell’età imperiale. Alcune di esse sono molto probabilmente da riferire ad edifici di carattere pubblico. Un’area di particolare interesse è quella dell’ex convento di S. Antonio (tav. I, 9), dove si sono rinvenute alcune epigrafi pubbliche della media ed avanzata età imperiale, tra le quali una dedica onoraria a Gordiano III55. Nello stesso punto fu rinvenuta una statua di Ercole, successivamente perduta, donde l’identificazione, a livello di erudizione locale, del luogo come tempio della divinità56.

  • 57 M. Bizzarri, Contributo all’aggiornamento della carta archeologica del municipio romano di Assisi, (...)

29Più ad occidente, resti di una grande abside con paramento laterizio, inglobati nell’attuale clausura di S. Quirico (tav. I, 10), sono pertinenti ad un edificio di grandi dimensioni, di cui sarebbe però azzardato voler definire la funzione (terme? basilica?)57.

  • 58 L’ipotesi è stata avanzata da M. Guarducci. Domus musae. Epigrafi greche e latine in un’antica casa (...)
  • 59 Cfr. Brizi, p. 427, n. 46; A. Cristofani, Delle storie di Assisi, cit., p. 13, CIL XI, 8020. Ad una(...)

30Un certo spazio doveva essere infine lasciato all’ediliza privata. Nell’area sono documentate alcune lussuose abitazioni di I sec. d.C., quali la domus nota come casa di Properzio sotto la chiesa di S. Maria Maggiore (tav. I, 11)58 ο quella, scavata nel secolo scorso nella via Rocchi, nota soprattutto per il rinvenimento di un’epigrafe in onore di Vibio Sabino59 (tav. I, 12).

Il culto

  • 60 Cfr. sopra nota 56. Una aedem Herculis è citata anche nell’epigrafe CIL XI, 5400, relativa alle num (...)

31Alla numerosa serie di dati archeologici, monumentali e scritti, sui quali abbiamo basato il tentativo di ricostruzione del complesso assisiate, fa riscontro una deprecabile scarsità di informazioni circa i culti in esso praticati, culti cui certamente spetta un ruolo tutt’altro che irrilevante nella genesi e nello sviluppo del complesso medesimo. Dall’epigrafia ricaviamo solo alcuni elementi: un’iscrizione menziona Minerva (CIL XI, 5376); provata è l’esistenza di una aedes Herculis, forse da localizzare nella parte bassa della città60; un’epigrafe ricorda la costruzione, da parte di un servo pubblico, di una aedem cum porticibus dedicata a Giove Paganico (CIL XI, 5375), molto probabilmente riferibile ad un culto extra-urbano. Dalla cattedrale di S. Rufino proviene una rara dedica a Ianipatri (CIL XI, 5374). Abbiamo infine l’iscrizione di Galeo Tettienus Pardalas che si riferisce all’erezione del tetrastylum contenente le statue dei Dioscuri: si tratta di un’indicazione che, a mio parere, non andrebbe sottovalutata e che può forse costituire una traccia per l’identificazione del culto praticato nel tempio che, sia per monumentalità, sia per la collocazione topografica, si configurava indubbiamente come il santuario di maggior importanza nell’ambito cittadino. Si è già sottolineato in precedenza come l’assialità del tetrastylum rispetto al tempio soprastante ne implichi la dipendenza: Castore e Polluce sono quindi in connessione col culto pratico nel tempio.

  • 61 F. Coarelli. Architettura ed arti figurative in Roma, Hellenismus in Mittelitalien, cit., p. 27, fi (...)
  • 62 F. Chapoutier, Les Dioscures au service d’une déesse, Bibl. École Franc., 137, Paris, 1935, p. 183, (...)
  • 63 Idem, p. 183, nota 3.
  • 64 Idem, pp. 180 ss.; Ph. Bruneau, Recherches sur les cultes de Délos à l’époque hellénistique et à l’ (...)

32Per una serie di considerazioni che seguiranno, mi sembra tutt’altro che impossibile che, come di frequente avviene, in questo caso ci si trovi di fronte ad una duplicazione, all’esterno del tempio, delle divinità venerate all’interno della cella. Nel caso dei Dioscuri, possiamo ricordare senz’altro l’esempio di Roma, dove le statue arcaistiche dei due fratelli a cavallo sorgevano su di un piedistallo al centro della fons Iuturnae, di fianco al tempio, a commemorare la loro prodigiosa comparsa dopo la battaglia del lago Regillo61; ma anche gli esempi più lontani di Samotracia e di Delo, dove rispettivamente statue identificate con i Dioscuri62 ed un naiskos ligneo contenente le statue, pure lignee, delle divinità a cavallo63 si innalzavano davanti ai due santuari, comunemente dedicati in età ellenistica «ai Grandi Dei Dioscuri Cabirii»64.

  • 65 Cfr. E. Petersen, Die Dioskuren auf Monte Cavallo und Juturna, Rom. Mitt., 1900, pp. 338 ss.; Chapo (...)
  • 66 F. Coarelli, L’“area di Domizio Enobarbo” e la cultura artistica in Roma nel II sec. a.C., Dialoghi (...)
  • 67 Brandizzi Vittucci, Cora, cit., p. 51, nota 3.
  • 68 G. Ghirardini, N.Sc., 1916, p. 379.

33Un eventuale culto dei Dioscuri ad Assisi ben si accorderebbe inoltre con il ruolo terapeutico che sovente rivestono le due divinità, i cui templi sono in molti casi in diretta connessione con sorgenti, fontane e corsi d’acqua65: a Roma il tempio del foro sorge accanto alla fons Iuturnae ed un secondo tempio, prospiciente le rive del Tevere, era stato eretto agli inizi del I sec. a.C. nell’area del circo Flaminio66. Resti non meglio precisati di vasche e piscine erano visibili sino al secolo scorso davanti al tempio di Castore e Polluce di Cori67. Infine nel tempio tardorepubblicano dei Dioscuri a Este, sorto sopra un alto terrazzamento affacciato sull’antico corso dell’Adige, il carattere terapeutico del culto è documentato dai numerosi ritrovamenti di strumenti di uso chirurgico all’interno della stipe68.

  • 69 Un piccolo lacus è stato rinvenuto da M.A. Tomei nello scavo di via Arco dei Priori. L’esistenza di (...)
  • 70 M.S. Arena, FA, 1900, in corso di stampa. Medici e medici ocularii sono inoltre attestati epigrafic (...)

34Ad Assisi la presenza di ricche ed abbondanti acque sorgive risulta, oltre che dalla rilevanza data alle grandi fontane all’interno del complesso monumentale, anche dai numerosi resti di cisterne, pozzi e canalizzazioni rinvenuti in più parti della città69; poco al di fuori delle mura, in località Santureggio, sono stati recentemente scoperti i resti di un grande ninfeo a facciata di età repubblicana, che forse potremmo immaginare in connessione con un santuario extraurbano, da cui sgorgavano acque termali ancor oggi sfruttate per le loro qualità terapeutiche70.

  • 71 Cicero, Verr., LI, 1, 55.
  • 72 Frank, The first and second temples of Castor at Rome, MAR, 5, 1925, pp. 90 ss., figg. VII-IX.

35Resta infine un terzo argomento, più strettamente inerente le caratteristiche monumentali. Si erano sopra sottolineate le analogie tra lo schema della terrazza centrale di Assisi e quello dei terrazzamenti relativi al tempio dei Castori di Cori. Confronti forse ancor più stringenti si possono istituire col tempio del foro romano, nella fase successiva ai restauri apportatigli nel 117 a.C. da Q. Cecilio Metello Dalmatico. Il tempio era caratterizzato da un alto podio, frontalmente liscio, cui si accedeva, come nel caso di Assisi, mediante due piccole scale laterali. Da un livello più alto partiva una breve scalinata che portava al piano delle colonne — probabilmente sei nella fase pre-tiberiana — che una testimonianza di Cicerone ci dice ricoperte di stucco (dealbatas)71. Sulla parte anteriore del podio erano forse applicati dei rostri ed è probabile che il suo piano superiore venisse utilizzato come tribuna72.

36Mura e terrazzamenti sembrerebbero in realtà una costante nei luoghi di culto dedicati ai Castori, come nel già ricordato caso di Este, ο in quello di Capua, dove un collegio di magistri nel 106 a.C. erige a proprie spese un murum et pluteum a Castore e Polluce (CIL I, 678), al punto da rendere legittima la supposizione, non proponibile altrimenti che a livello di ipotesi di lavoro, che al culto delle due divinità corrispondesse, in ambito italico, una ben delineata tipologia architettonica, nella cui definizione molto può aver giocato il modello romano.

  • 73 CIL XI, 5472; cfr. Sensi, p. 169, note 42-47, fig. 4.
  • 74 Cfr. Sensi, p. 167, nota 24.

37Mi rendo perfettamente conto dei limiti e dei rischi che comportano simili procedimenti di carattere induttivo; varrebbe però forse la pena di ricordare che un preciso rimando all’iconografia dei Castori in ambiente assisiate è leggibile nel rilievo funerario di Nero Egnatius ritto al fianco del suo cavallo73; e si potrebbe inoltre sottolineare la coincidenza per cui un personaggio molto probabilmente di origine assisiate, C. Olius, nel 100 a.C. fa a Delo una dedica proprio agli dei di Samotracia, sicuramente assimilati ai Dioscuri in tale periodo74.

  • 75 Ph. Bruneau, cit., p. 398 s.
  • 76 Cfr. in generale Chapoutier, cit.; un culto alla Fortuna è attestato ad Arna (CIL XI, 5607-5611); a (...)

38Tale chiave interpretativa si accorderebbe perfettamente inoltre col carattere delle altre divinità che ad Assisi risultano venerate, soprattutto Ercole, cui i Dioscuri sono spesso complementari. Una collocazione abbastanza logica potrebbe inoltre essere attribuita anche alla grande statua di culto rinvenuta nelle vicinanze del tempio, rappresentante una figura femminile seduta in trono (Tav. IX), i cui caratteri tardo-ellenistici ben si accordano con una datazione del tempio alla prima età augustea: l’accostamento dei Dioscuri ad una divinità femminile, che varia a seconda delle località e delle circostanze, è un fatto ben noto e documentato a partire dall’età ellenistica75 e potrebbe ipoteticamente documentare in ambito locale l’associazione al culto di una divinità di carattere uranio che sotto forme diverse (Fortuna, Afrodite etc.) risulta attestata anche nei centri più vicini76.

Conclusioni

39Riprendendo in sintesi quanto sopra delineato, il complesso sistema di terrazzamenti che caratterizza l’urbanistica di Assisi appare focalizzato sui due principali nuclei che lo compongono: quello superiore — arx fortificata / circo — e quello centrale nella sua triplice composizione — piazzale nord-ovest / tempio / terrazza sottostante. Attraverso l’analisi della documentazione si è tentato di determinare con sufficiente approssimazione i termini cronologici entro i quali l’opera venne iniziata e condotta a termine: all’interno di un periodo di circa un secolo, le singole parti sono state via via realizzate seguendo il filo di un disegno unitario di cui, riassumendo, ripetiamo qui le principali scansioni:

  1. mura urbiche

  2. terrazza superiore

  3. terrazzamento centrale, muro di contenimento inferiore della piazza nord-ovest

  4. muro di contenimento superiore della piazza nord-ovest, terrazze sud-orientali

  5. tempio.

40Il programma urbanistico sembrerebbe essersi concentrato su un’architettura di prestigio, privilegiando l’aspetto monumentale-religioso e tralasciando, almeno apparentemente, quello più utilitaristico e funzionale che sembrerebbe essere stato delegato a successivi, meno vincolanti interventi. Singole questioni filologiche, quali la localizzazione del foro, sino ad ora identificato con la platea sottostante il tempio — forse dedicato ai Dioscuri, secondo l’ipotesi espressa in questa sede — dovranno essere riconsiderate in futuro solo all’interno di un esame globale, tenendo però sin d’ora ben presente che non abbiamo a che fare con un modello canonico di città, bensi con un’urbanistica che elabora i suoi progetti di volta in volta, adattando a situazioni specifiche i duttili modelli dell’architettura ellenistica.

41Se in linea generale l’urbanistica di Assisi riflette le grandi esperienze maturate nelle città e nei santuari dell’oriente greco e mediterraneo, più specificamente i confronti che si sono via via addotti per i singoli particolari riportano ad Alatri, Cori, Praeneste etc., al fiorire cioè della grande architettura più ο meno contemporanea di ambiente laziale, cui il caso assisiate si ricollega direttamente dal punto di vista culturale.

42Tale preciso riferimento ha tutto il valore di un’opzione innovatrice: esso sancisce infatti un processo di progressiva ed irreversibile differenziazione del centro umbro rispetto al retroterra etrusco sino ad allora politicamente e culturalmente dominante. Basti accennare, a titolo di esempio, a come ciò si riflette, sin dal II sec. a.C., nella costante menzione dei nomi dei magistrati impegnati nelle singole realizzazioni, in contrapposizione all’anonimato che contraddistingue le precedenti grandi imprese edilizie nei centri dell’Etruria interna, Volterra, Arezzo, Perugia. Da un punto di vista formale, ciò non toglie che il rapporto con le proprie passate tradizioni venga mantenuto, anzi sottolineato: ciò si traduce, tra l’altro, nell’immissione di elementi conservativi nelle nuove forme architettoniche — si ricordi il modulo decorativo della porta urbica, di estrazione perugina — e, soprattuto, nell’uso costante dell’opera quadrata che, sia pure con una sua evoluzione tecnica, viene mantenuta senza mai ricorrere all’incertum nella costruzione dell’intero complesso.

  • 77 P. Defosse, art. cit. a nota 32, pp. 725 ss., in particolare p. 759 e 779 con datazione alla fine d (...)

43Certo il «caso» di Assisi si configura con un unicum rispetto agli altri centri umbri che, forse con l’eccezione della sola Todi dove però sembrerebbero prevalere tendenze più tradizionali, non presentano modelli di sviluppo che le siano in qualche modo confrontabili. Gran peso in questo processo, di cui Luigi Sensi analizzerà qui di seguito le premesse economiche e sociali, può aver avuto l’esistenza di un luogo di culto, certamente attivo ancor prima dell’avvio dell’impresa urbanistica: molto significativamente i Dioscuri al fianco di Giove si affacciano da una balaustra guardando in direzione di Assisi sulla perugina porta Marzia77.

44L’enfatizzazione, nel corso del I sec. a.C., del culto per le due divinità, le quali, per il loro collegamento con la cavalleria, si presentavano anche come le tradizionali protettrici della nobiltà, potrebbe peraltro aver voluto significare, nella nuova realtà municipale, un simbolo di promozione sociale da parte delle nuove classi emergenti in via di progressiva integrazione.

Notes

1 In generale per i dati sino ad ora noti cfr. G. Antolini, Il tempio di Minerva in Assisi, Milano, 1828; A. Brizi, Tracce umbro-romane in Assisi, Atti Accademia Properziana del Subasio, II, 1908, pp. 405 ss. (di qui in poi Brizi); U. Tarchi, L’arte etrusca e romana nell’Umbria e nella Sabina, Milano, 1936, tavv. CLXXI-CLXXXVIII; C. Pietrangeli - U. Ciotti, voce Assisi, EAA, I, p. 741.

2 Propert., 4, 1, 125: scandentisque Asisi consurgit vertice murus/murus ab ingenio notior ille tuo; Plin., N.H., 3, 113, ricorda gli Asisinates nell’elencazione delle città umbre; Ptol., 3, 1, 46: ’Aσίσιον; Procop., Bell. Goth., VII, XII, 12-18.

3 Cfr. W.H. Harris, Rome in Etruria and Umbria, Oxford, 1971, p. 100.

4 Per la documentazione archeologica di Arna cfr. essenzialmente A. Paoletti, Perugia. Delimitazione del territorio archeologico, Bdpu, 30, 1932, pp. 126 ss.; L. Banti, Contributo alla storia e alla topografia del territorio perugino, SE, 10, 1936, p. 101 ss. Una bibliografia completa è in L. Rosi Bonci, Resti di klinai in bronzo da Arna, Studi in onore di Filippo Magi - Nuovi quaderni dell’Istituto di Archeologia dell’Università di Perugia, 1, Perugia, 1979, pp. 183 ss.; Eadem, Una fibula romano repubblicana con l’iscrizione di un officinator celta, PP, 135, 1979, pp. 148 ss.

5 A tale periodo sono riferibili ritrovamenti sporadici effettuati a Bastia, Palazzo, S. Martino di Assisi.

6 Materiali ritrovati nel territorio di Bastia (a Bastiola, S. Anna, Costano, Roma Vecchia, Madonna di Campagna), a Castelnuovo di Assisi, Palazzo, Petrignano, S. Maria degli Angeli e Rivotorto. I materiali in questione, prevalentemente inediti, fanno parte della collezione Bellucci, attualmente conservata presso il Museo Archeologico di Perugia. Della loro esistenza mi ha cortesemente informata la dott.ssa L. Ponzi Bonomi, che ne ha in corso la revisione.

7 A tale periodo può essere probabilmente datato un gruppo di oggetti in bronzo (dischi, anelli, armille etc.). ora al Museo Archeologico di Firenze, rinvenuto tra Bastia ed Assisi e forse di destinazione funeraria: A.L. Milani, Il r. museo archeologico di Firenze, Firenze, 1923, p. 298.

8 Per tale periodo abbiamo l’indicazione di alcune terrecotte architettoniche da S. Maria degli Angeli (A. Paoletti, art. cit. a n. 4, p. 127), ma la notizia è generica e il materiale non è stato rintracciato nei depositi del museo di Perugia dove, secondo la Paoletti, esso sarebbe stato depositato. Sono inoltre segnalate alcune tombe da S. Maria degli Angeli (N.Sc., 1878, p. 128) e dal territorio di Bastia: di un rinvenimento casuale, in località Sterpaticcio, dà notizia «La Nazione», 7 Gennaio 1975, (cronaca locale) che parla del ritrovamento di urne cinerarie in travertino con corredo costituito da alcune gioiellerie e da numerosa ceramica a vernice nera. L’esistenza di un luogo di culto sulla sommità del Subasio è attestata inoltre dal ritrovamento di un gruppo di bronzetti votivi miniaturistici (cfr. A. Paoletti, Statuetta in bronzo: Guerriero del Subasio, Perugia, 1952).

9 In età romana resti di probabili insediamenti rustici sono segnalati sul Subasio, a S. Maria degli Angeli (loc. Tor d’Andrea) e in località Roma Vecchia di Bastia (cfr. D. Manconi. La situazione in Umbria - Catalogo dei ritrovamenti riferibili ad insediamenti rustici, Società romana e produzione schiavistica, I, Bari, 1981, p. 401). Esistono inoltre diversi toponimi di origine prediale, ad es. la località Petrignano, esito moderno di un precedente Petrognano, direttamente collegabile con la presenza ad Assisi della gens Petronia, ampiamente attestata epigraficamente (cfr. F. Santucci, Note di toponomastica assisana, BDPU, 73, 1976, pp. 224 ss.). Numerosi sono infine i ritrovamenti di carattere epigrafico, quasi esclusivamente funerario, particolarmente frequenti nella fascia che, formando un ampio arco, si stende nella immediata base del declivio (loc. S. Vittorino, Valecchio, S. Masseo, S. Damiano e S. Potente). Probabilmente in relazione con ville rustiche ο con insediamenti sparsi, alcuni nuclei di epigrafi provengono da Bastiola, S. Maria degli Angeli, Capodacqua, Castelnuovo, S. Petrignano e intorno alla località di Rivotorto.

10 La cronologia dell’epigrafe, oltre che su elementi interni, è fondata su criteri di relatività, risultando strettamente legata a quella della sicuramente più tarda iscrizione CIL XI, 5390 della cisterna di S. Rufino (appendice n. 3). Nei due testi infatti ricorre un’omonimia: Ner. Babrius T.f. che ricopre la carica di uhtur nella prima e di maro nella seconda: un T. V. Voisinier compare inoltre nell’epigrafe di Bastia, un V. Voisienus T.f. in quella di Assisi, entrambi con la carica di marones. È probabile che in entrambi i casi esista una relazione di parentela padre/figlio tra i personaggi in questione, con uno iato di circa venti-venticinque anni tra le due iscrizioni; per i termini uhtur e maro cfr. avanti L ensi, p. 165, note 1 e 2.

11 Lo scavo è stato condotto, per conto della Soprintendenza archeologica dell’Umbria, da M.A. Tomei, che ringrazio per tali informazioni.

12 Un’antefissa con testa di Ercole con leontè è attualmente murata in piazza S. Rufino; una seconda antefissa a testa femminile con corona di perle e nimbo in parte conservato, forse decorato con foglie è murata in via Dono Doni. Per quest’ultima cfr. A. Rastrelli, Un’antefissa a testa femminile da Orvieto, Studi in onore di F. Magi - Nuovi quaderni dell’Istituto di Archeologia dell’Università di Perugia, Perugia, 1979, pp. 149 ss., in particolare n. 6.

13 La testa fa parte della collezione privata del dott. Lazzari di Assisi, insieme ad alcuni altri pezzi (urne, etc.) che sicuramente si possono considerare di provenienza locale.

14 Cfr. M. Cristofani, Volterra e Roma, Hellenismus in Mittelitalien. Abhandlungen der Akademie der Wissenschaften in Göttingen, Göttingen, 1976, p. 111, fig. 2.

15 M.L. Manca, Osservazioni sulle mura di Asisium, Annali Facoltà Lettere Perugia - Studi Classici, XV, n.s. I, 1977/78, pp. 98 ss.

16 I nuclei principali, individuabili sulla base dei ritrovamenti di carattere epigrafico e sulle indicazioni topografiche desunte dal CIL, sono localizzabili in corrispondenza dell’odierna chiesa di S. Pietro, nell’area sottostante il tratto di muro visibile nella chiesa di S. Maria Maggiore, nella zona attualmente occupata dal giardino del convento di S. Chiara ed infine presso l’attuale piazza Nuova (per quest’ultima vedi avanti nota 35).

17 La dizione è basata sul rinvenimento, nelle immediate vicinanze del tempio, di una grande statua femminile in marmo (cfr. tav. IX) interpretata come Minerva: cfr. G. Antolini, cit., p. 14, tav. X.

18 Ad una serie progressiva di terrazze, digradanti dall’alto verso il basso, sono riferibili i tratti di muro conservati in via Dono Doni (tav. I, 5 a) (cfr. Brizi, p. 425, n. 42), all’angolo tra via S. Gabriele dell’Addolorata e vicolo dei Nepis (tav. I, 5 b) (Brizi, p. 425, n. 43) e in via Mazzini all’interno dell’albergo Sole ed in corrispondenza del vicolo Oscuro (tav. I, 5 c); (Brizi, p. 426, n. 45). Forse anche il lungo tratto di muro conservato in via S. Agnese (Brizi, p. 410 s., n. 9-10; Manca, art. cit., p. 110), piuttosto che non alla cinta muraria della città, appartiene ad un più basso terrazzamento, caratterizzato da una tecnica costruttiva del tutto simile a quella dei precedenti (tav. I, 5 d). Tratti di muro con andamento trasversale sono inoltre visibili in via della Fortezza (tav. I, 5 e) ed all’interno del convento della Chiesa Nuova (tav. I, 5 g).

19 J. Whatmough, A New Umbrian Inscription of Assisi, Harvard Studies in Classical Philology, 50, 1938, pp. 89 ss.; L. Sensi, SE, 47, 1979, pp. 349 ss.; A.L. Prosdocimi, ibidem, pp. 376 ss.

20 Cfr. Brizi, p. 411 s., nn. 12-14.

21 E. Stefani, N.Sc, 1935, pp. 19 ss. Alcune indicazioni relative alla presenza della gradinata sono contenute in una pubblicazione di carattere locale: M. Angeli, Assisi pre-romana, Assisi, 1981, pp. 13 ss.

22 Cfr. L. Shoe Meritt, The Geographical Distribution of Greek and Roman Ionic Bases, Hesperia, 38, 1969, p. 199, fig. 5. Per una datazione del tempio di Gabii alla seconda metà del II a.C. cfr. da ultimo J.L. Jimenez Salvador, Enea nel Lazio - Archeologia e mito, Roma, 1981, p. 43 s.

23 Brizi, p. 412 s., nn. 14-16.

24 Per la bibliografia completa cfr. avanti Sensi, p. 165 note 1 e 2; si vedano in particolare le ultime considerazioni di A.L. Prosdocimi, SE, 49, 1981, pp. 558 ss.

25 E. Campanile-C. Letta, Studi sulle magistrature indigene e municipali in area italica, Pisa, 1979, pp. 49 ss.

26 Cfr. Sensi, Appendice, nn. 4 e 7; vedi avanti p. 173.

27 Per una datazione dell’epigrafe all’età pre-sillana si sono pronunciati il Beloch, Römische Geschichte, Berlin und Leipzig, 1926, p. 605; A. Rosenberg, Der Stadt der Alten Italiker, Berlin, 1913, pp. 46 ss.; U. Coli, L’organizzazione politica dell’Umbria preromana, Atti I Convegno di Studi Umbri, Gubbio, 1964, p. 145 s. Una sintesi della questione in E. Gabba, Urbanizzazione e rinnovamenti urbanistici nell’Italia centro-meridionale del I sec. a.C., Studi Classici e Orientali, 21, 1972, p. 96. Da segnalare infine la posizione di J. Heurgon L’Ombrie à l’époque des Gracques et de Sylla, Atti I Convegno di Studi Umbri, cit., pp. 127 ss. il quale prospetta la possibilità di tre magistrature successive nel tempo, datando però l’iscrizione tra l’80 ed il 70 a.C. In sospeso resta inoltre il problema della durata della carica magistratuale, annuale (per cui l’opera sarebbe stata realizzata nel corso di un triennio) ο quinquennale (sarebbero in tal caso occorsi quindici anni).

28 Cfr. De Ruggiero, Diz. Ep., II, 1, p. 251 s. Il termine compare nell’epigrafia sia riferito ad opere pubbliche che a parti di sepolcri (CIL III, 1750; VI, 3867, 9404; X, 3157; XI, 3895, 4593, 5399). Nelle fonti letterarie (Varro, r.r., I, 11; Columella, 1, 5; Plinio, N.H., XXXVI, 173) esso indica concordemente strutture chiuse e con copertura superiore, destinate alla raccolta delle acque per l’uso degli uomini, in contrapposizione ai lacus per gli animali.

29 Cfr. N. Neuerburg, L’architettura delle fontane e dei ninfei nell’Italia antica, Napoli, 1965, pp. 167 s., n. 91, f. 23.

30 Idem, p. 171, n. 96, fig. 29; p. 174 s., nn. 100-103, figg. 26, 28.

31 Cfr. U. Tarchi, L’arte nell’Umbria e nella Sabina, cit., tavv. CLXXXVI-CLXXXVII; M. Matteini Chiari, La tomba del Faggeto in territorio perugino, Quaderni dell’Istituto di Archeologia dell’Università di Perugia, 3, 1975, pp. 33 s., tav. XLIV 1-3.

32 Manca, art. cit., p. 104, f. 1; p. 112 ss., fig. 5. Il confronta più diretto in ambito perugino è con il c.d. arco etrusco: per quest’ultimo cfr. recentemente P. Defosse, Les remparts de Pérouse, Mefra, 92, 1980, p. 742 ss.

33 Cfr. Brizi, p. 424 s., n. 41: i resti sono oggi parzialmente visitabili nella cripta della chiesa.

34 A. Cristofani, Dette storie di Assisi, Assisi, 1902, pp. 15 s.

35 Necropoli: resti di un grande mausoleo (tav. I, 4) si conservano in via del Torrione (M. Matteini Chiari, La tomba del Faggeto, cit., p. 34. tav. XLV, 1-2). È inoltre documentato nell’area il ritrovamento di alcune epigrafï funerarie (CIL XI, 5488, 5437, 5544 (?). Una ventina di urnette cinerarie tardo repubblicane sono state rinvenute infine all’estremità opposta della piazza, nel corso della costruzione del collegio «Principe di Napoli»: P. Romanelli, N.Sc., 1935, pp. 25 ss. Anfiteatro: costruito in opus caementicium si sovrappose probabilmente al lato curvo del circo nel corso del I sec. d.C. La decorazione ad opera della Gens Petronia è ricordata nell’epigrafe CIL XI, 8023 (5406 + 5432). Cfr. L. Sensi, Epigrafia e ordine senatorio, Colloquio AIEGL. Roma 1981, in corso di stampa.

36 Forse ad una tribuna più tarda, (tav. I, 3 c) impiantata sopra la terrazza prospiciente l’area del circo, appartengono le strutture costruite in piccoli blocchetti di calcare legati con malta e consistenti in tre cunei a due ordini sovrapposti, solitamente interpretate come i resti del teatro (Brizi, p. 422, n. 38). Tale identificazione è in realtà impossibile in quanto i cunei sono esattamente paralleli tra loro e non presentano il minimo accenno di curvatura. Essi inoltre sono troppo vicini al muro di terrazzamento di S. Rufino perché si possa mantenere il posizionamento della cavea che è solitamente accettato. Il problema resta aperto in attesa di auspicabili indagini nel settore.

37 Cfr. T.P. Wiseman, The Circus Flaminius, PBSR, 42, 1974, p. 3 ss.

38 CIL X, 5807 = CIL I2, 1529. Cfr. F. Zevi, Alatri, Hellenismus in Mittelitalien, cit., pp. 84 ss.

39 Di quella all’estremità settentrionale, oggi completamente inglobata nelle successive strutture medievali, è visibile solo l’apertura esterna, col parapetto formato da grandi lastre di travertino superiormente stondate. Più complessa è la struttura di quella all’estremità meridionale, costituita da due camere comunicanti tra loro mediante un’apertura ad arco. Scavi recentissimi (Sopr. Arch. 1981) hanno permesso di individuare parte della complessa opera di canalizzazione destinata ad alimentare la fontana, costituita da un sistema di cunicoli in parte scavati nella roccia, in parte costruiti.

40 Cfr. G. Abate O.F.M., La casa natale di S. Francesco e la topografia di Assisi nella prima metà del secolo XIII, BDPU, 63, 1966, pp. 40 sgg.

41 Gli ambienti pertinenti al terrazzamento inferiore, recentemente scavati da chi scrive nell’ambito delle attività della Soprintendenza Archeologica per l’Umbria in via dei Macelli Vecchi, sono tre, comunicanti tra loro in senso longitudinale, per una profondità complessiva di mt. 17,50. Addossati direttamente alla roccia con i muri esterni, essi sono costruiti in opera quadrata di travertino, con blocchi di dimensioni analoghe a quelle del muro di terrazzamento del tempio. Nell’ambiente più interno si conserva una pavimentazione, probabilmente riferibile ancora alla fase originaria, costituita da tessere quadrangolari di cotto in cui sono inserite, ad intervalli regolari, tessere di travertino. Il dislivello tra il piano della pavimentazione ed il soprastante piazzale è di oltre sei metri. Un altro muro, pertinente ad un ulteriore, più basso terrazzamento è stato rinvenuto più a Sud; esso rientra di mt. 10,50 rispetto alla fronte della terrazza soprastante e costituiva pertanto una sorta di avancorpo più stretto e più basso rispetto ad essa. Si rilevano nell’insieme alcune precise corrispondenze metriche: la misura di mt. 10,50 corrisponde esattamente all’eccedenza della piazza verso settentrione rispetto all’asse del tempio.

42 Vedi avanti Sensi, p. 166, nota 16.

43 Per il tipo cfr. C.G. Yavis, Greek Altars, St. Louis University Studies, 1, 1949, pp. 185 ss.

44 L’uso del termine tetrastylum che qui appare in diretta connessione con la struttura architettonica cui si riferisce, contribuisce a chiarire la tipologia dei monumenti per i quali esso viene adoperato: si tratta, nella maggior parte dei casi, di edicole con un baldacchino sorretto da quattro colonne, una per ciascun lato (per l’uso del termine cfr. in generale W. Rupp, Greek Altars of the Northern Peloponnese, Bryn Mayr College, Diss., 1972, pp. 250 sgg.). Tale doveva essere, tra l’altro, la forma del tetrastylum Augusti che sorgeva nell’area del tempio di Apollo Palatino a Roma (cfr. N.Sc., 1931, p. 331) il quale è stato recentemente addotto come confronto per il tempio di Assisi: cfr. F. Coarelli, Hellenismus in Mittelitalien, cit., p. 130; M. Verzar, Umbria Marche, Guide archeologiche Laterza, Bari, 1981, p. 163. In tal caso esso potrebbe essere identificato col monumento a doppia scalea in asse col tempio e antistante il pronao, noto da frammento della Forma Urbis concordamente riferito al tempio di Apollo Palatino. Si veda da ultimo E. Rodriguez Almeida, Forma Urbis Marmorea, Aggiornamento generale 1980, Roma, 1981, p. 99 s., tav. XIV, il quale ricorda a questo proposito l’esistenza, all’esterno del tempio, di una seconda statua di Apollo di cui ci parla Properzio (II, 31, 5-6), che avrebbe potuto essere ospitata appunto entro tale edicola.

45 Cfr. Sensi, Appendice n. 10; p. 171, nota 61.

46 P. Vittucci, Cori, Quaderni dell’Istituto di Topografia Antica dell’Università di Roma, 2, 1966, pp. 13 ss., in particolare fig. 13; P. Brandizzi Vittucci, Cora - Forma Italiae Regio I, V, Roma, 1968, pp. 58 ss.

47 Una datazione del tempio all’età sillana è fondata sui caratteri epigrafici dell’iscrizione dell’architrave (CIL I2, 1507). Anche per la datazione dei capitelli, generalmente riferiti alla metà del secolo (cfr. Brandizzi Vittucci, cit., p. 65) è stato recentemente proposto un rialzamento agli inizi del secolo: H. von Hessberg, L’ordine corinzio in età tardo repubblicana, L’art décoratif à Rome à la fin de la république et au début du Principal, Coll. École Française de Rome, 55, 1981, p. 22, figg. 5-6.

48 H. Kähler, Die römischen Kapitelle des Rheingebietes (Römisch-Germanische Forschungen, 13), Berlin, 1939, p. 7, b. 2, 2, con datazione alla metà del secolo circa; W.D. Heilmeyer, Korintische Normalkapitelle. Studien zur Geschichte der römischen Architekturdekoration (RM, XVI Supp.), Heidelberg, 1970, p. 42 (con datazione al periodo del secondo triumvirato). Ancora H. Kähler, Der römische Tempel, Berlin, 1970, p. 38, tavv. 42-45, fig. 24, abbassa la datazione al penultimo decennio del I sec. a.C.

49 Heilmeyer, cit., p. 42, tav. 4:2 (S. Omobono); p. 39, tav. 4:4 (S. Costanza); p. 27 ss., tav. 2:1 (Marte Ultore).

50 Le strutture, ancor oggi perfettamente conservate all’interno dello stabile di via S. Paolo 12 a, sono state fatte oggetto di uno scavo da me condotto nell’ambito della Soprintendenza archeologica per l’Umbria. Nel corso dell’indagine si è raggiunto il piano di fondo della fontana, a mt. 2,70 sotto l’attuale livello stradale, con pavimentazione in cocciopesto e si sono individuati il pozzo di caduta retrostante ed un cunicolo, interamente costruito con blocchetti di calcare e piccola volta in travertino, che passa sotto le strutture.

51 F. Fasolo - G. Gullini, Il santuario della Fortuna Primigenia di Palestrina, Roma, 1953, p. 58 s., figg. 74-76.

52 I restauri sono visibili nel muro di terrazzamento trasversale del piazzale nord-occidentale (tav. I, 7 c), nel porticato a Nord del tempio (tav. I, 6 d) e negli ambienti di sostruzione di via Macelli Vecchi (tav. I, 6 c).

53 L’epigrafe CIL XI, 5392 è stata rinvenuta nelle vicinanze del piazzale. La 5391, identica, con l’eccezione dell’inversione nell’ordine dei primi due nomi, si conserva a Bettona, dove probabilmente è stata trasportata da Assisi.

54 Cfr. sopra nota 18.

55 CIL XI, 5371, 5395, 5399, 8018.

56 Brizi, p. 428 s., nn. 49-50.

57 M. Bizzarri, Contributo all’aggiornamento della carta archeologica del municipio romano di Assisi, BDPU, 44, 1947, pp. 42 ss., fig. 2.

58 L’ipotesi è stata avanzata da M. Guarducci. Domus musae. Epigrafi greche e latine in un’antica casa di Assisi, Mem. Acc. Lincei, s. VIII, 23, 1979, pp. 269 ss. che interpreta come riferiti al poeta alcuni graffiti tardoantichi leggibili sulle pareti. Lo scavo della domus, parzialmente effettuato già nel secolo scorso (Brizi, p. 429 s., n. 53), venne ripreso negli anni’50 ed è rimasto tutt’ora inedito. Gli ambienti rinvenuti sono decorati, tra l’altro, da pitture di IV stile, per cui sembrerebbe difficile l’attribuzione della casa al poeta latino, vissuto circa un secolo prima, nella seconda metà del I sec. a.C. (per tali osservazioni cfr. M. Verzár, Umbria Marche - cit. p. 163 s.). Resta comunque da verificare, mediante lo studio scientifico della domus, se tale discordanza cronologica non sia peraltro spiegabile con l’esistenza di più fasi decorative.

59 Cfr. Brizi, p. 427, n. 46; A. Cristofani, Delle storie di Assisi, cit., p. 13, CIL XI, 8020. Ad una domus L(uci) Muti(i) fa riferimento l’epigrafe CIL XI, 5399, relativa alla pavimentazione di una strada dalla parte del medico P. Decimius Merula. Purtroppo non abbiamo elementi sicuri per stabilire se l’epigrafe, rinvenuta sotto la chiesa di S. Antonio nella parte bassa della città, si riferisse certamente a opere situate nelle vicinanze.

60 Cfr. sopra nota 56. Una aedem Herculis è citata anche nell’epigrafe CIL XI, 5400, relativa alle numerose benemerenze del medicus ocularius Ρ. Decimius Merula nei confronti del municipium di Assisi.

61 F. Coarelli. Architettura ed arti figurative in Roma, Hellenismus in Mittelitalien, cit., p. 27, figg. 15-20.

62 F. Chapoutier, Les Dioscures au service d’une déesse, Bibl. École Franc., 137, Paris, 1935, p. 183, nota 2.

63 Idem, p. 183, nota 3.

64 Idem, pp. 180 ss.; Ph. Bruneau, Recherches sur les cultes de Délos à l’époque hellénistique et à l’époque imperiale, Bibl. École française, 117, Paris, 1970, pp. 379 ss.

65 Cfr. E. Petersen, Die Dioskuren auf Monte Cavallo und Juturna, Rom. Mitt., 1900, pp. 338 ss.; Chapoutier, cit., p. 302; F. Altheim, Juturna und die Dioskuren, Griechische Götter in alten Rom, Giessen, 1930, pp. 4 ss.

66 F. Coarelli, L’“area di Domizio Enobarbo” e la cultura artistica in Roma nel II sec. a.C., Dialoghi di Archeologia, II, 1968, p. 308, nota 46.

67 Brandizzi Vittucci, Cora, cit., p. 51, nota 3.

68 G. Ghirardini, N.Sc., 1916, p. 379.

69 Un piccolo lacus è stato rinvenuto da M.A. Tomei nello scavo di via Arco dei Priori. L’esistenza di una grossa cisterna è segnalata sotto la chiesa di via S. Antonio. Su resti di vasche e di acquedotti immediatamente fuori della cinta urbica cfr. Brizi, p. 430 s., nn. 54-55.

70 M.S. Arena, FA, 1900, in corso di stampa. Medici e medici ocularii sono inoltre attestati epigraficamente ad Assisi (CIL XI, 5399, 5400, 5441) ed un “cahier d’oculiste” è stato rinvenuto nella campagna di S. Masseo, sottostante la città (CIL XI, 6714, 2 = XIII, 10001, 154).

71 Cicero, Verr., LI, 1, 55.

72 Frank, The first and second temples of Castor at Rome, MAR, 5, 1925, pp. 90 ss., figg. VII-IX.

73 CIL XI, 5472; cfr. Sensi, p. 169, note 42-47, fig. 4.

74 Cfr. Sensi, p. 167, nota 24.

75 Ph. Bruneau, cit., p. 398 s.

76 Cfr. in generale Chapoutier, cit.; un culto alla Fortuna è attestato ad Arna (CIL XI, 5607-5611); a Spello è attestato epigraficamente il culto di Venere (CIL XI, 5264); la dea Northia, era qui venerata in un grande santuario, oggetto di particolare cura ancora ai tempi dell’imperatore Costantino (cfr. M. Gaggiotti-L. Sensi, Epigrafia ed ordine senatorio, colloquio AIEGL, Roma, 1981, in corso di stampa.

77 P. Defosse, art. cit. a nota 32, pp. 725 ss., in particolare p. 759 e 779 con datazione alla fine del II sec. a.C.

© Publications du Centre Jean Bérard, 1983

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540