Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Recherches sur les cultes grecs et l’Occident, 1

Prefazione

Ettore Lepore et Roland Martin

Texte intégral

1Questo primo quaderno di « Ricerche sui culti grecie l’Occidente », specialmente coloniale, raccoglie con l’introduzione allo studio del culto di Eracle in Sicilia di R. Martin, tre studi di componenti l’équipe che lavora presso la cattedra di Storia Grecae Romana dell’Istituto di storiae antichità dell’Università di Napoli Certe osservazioni di R. Martin (in Contribution à l’étude de la société et de la colonisation eubéennes, Cahiers du Centre]ean Bérard, II, Naples, 1975, pp. 51-52) hanno suggerito di riprendere la serie di incontri che avevano dato luogo, presso il Centre]ean Bérard in Napoli, ai contributi italo-francesi sulla societàe colonizzazione euboiche, mettendo a frutto le esperienze di lavoro che il gruppo napoletano va conducendo su alcuni culti grecie il loro rapporto con ambiti coloniali,e quelle che la Scuola di R. Martin, presso l’École Pratique des Hautes Études,IVe Section, è andata a sua volta intraprendendo in un’analoga prospettiva.

2Questi primi studi pubblicati vogliono appunto costituire preambolo ad un confrontoe ad uno scambio di vedute che si profila promettentee che può portare ad altri nuovi contributi.

3I due primi lavori di R. Martine N. Valenza Mele convergono da punti di vistae ambiti differenti sulla figura dell’Eracle « dio »,e vogliono porre le basi per un’analisi di questo culto in Greciae nell’Occidente, siceliota ed italiota (che almeno in quest’ultimo,e a Cuma, recupera livelli particolari che ne sottolineano il rapporto con quello di Hera: cfr. N. Valenza Mele, Hera ed Apollo nelle colonie euboiche di Occidente, in MEFRA 89, 1977, pp. 493 ss., spec. 498 ss.). Del resto per la Sicilia stessa si possono approfondire i problemi relativi alla doppia personalità di Eracle, dio ed eroe,e studiarne il ruolo nei mitie culti delle città siceliotee loro metropoli nonché nel rapporto con il mondo non greco dell’isola, recuperando anche, non solo livelli molto antichi di ambiti metropolitanie coloniali — com’è il caso analogo per l’Eracle euboicoe la Gigantomachia ambientata nella pianura cumanae in Calcidica — ma addirittura la realtà di un « pluralismo culturale eterogeneo », legato da una parte a tradizioni religiose precoloniali (le « origini » cretesi)e dall’altra agli apporti del mondo dei « barbari » (Fenici).

4Gli altri due studi, pur non investendo ancora ambiti coloniali, ma ancora quelli della Grecia propria (l’Atticae l’Eubea), tendono anch’essi a stabilire livelli diacronici meno noti ο inediti per i culti di Demetrae di Artemide, quello di L. Breglia Pulci Doria con la comparazione tra due ambiti metropolitani, l’ateniesee l’eretriese, per un unico ritualee festa (le Tesmoforie), l’altro di Cl. Montepaone tra due serie di testimonianze sul mito di fondazione di un unico ritualee culto, quello del tempio di Artemide Munichia. Anche questi, come i precedenti, sfiorano elementi di eterogeneità culturale (elementi « eolici » in Eubea, e « sopravvivenze » teriomorfe nelle tradizioni enologiche sul sacerdozio munichio), e convergono con i precedenti a proiettarsi sul contesto culturale, strutturalee sociale stratificato in cui si radica un culto ο un rito, individuando livelli diversi, gentilizie « pre-politici » ο « politici »e cittadini, per i vari fenomeni religiosi studiati.

5I fenomeni di conservazione in area coloniale documentano, come ci ha insegnato in pagine esemplari il compianto Angelo Brelich (cfr. Kokalos, X-XI, 1964-65, pp. 34-54), proprio per la Sicilia, una religione greca ancora in piena formazione, per un’epoca in cui « i fattori salienti dell’àmalgamazione di una coscienza religiosa greca », i culti panellenici di Delfi, Olimpia ed Eleusi, « non hanno ancora incominciato a svolgere la loro funzione storica ». L’analisi contemporanea di culti greci nelle metropolie nelle colonie si spera conduca a recuperare fasi poco ο meno conosciute di essie insieme i fattori determinanti, nelle prime come nelle seconde, del loro svolgimentoe trasformazione.

6Queste ricerche (anche nei contributi che seguiranno, periodicamente, questo primo quaderno) continueranno a studiare i culti di Heracles, di Demetrae di Artemide, per ora,e si propongono di aggiungervi presto quello di Apollo, un Apollo tessalo-euboico, cicladico, egeo — come fu detto in altra occasionee quale già si affaccia, in taluno degli attuali contributi — non solo l’Apollo della tradizione delfica.

7Gli estensori di questa prefazione sono grati al Centro Jean Bérarde alla sua direzione per l’attenzione amichevole, la sollecita curae la generosità con cui han voluto accogliere questi primi fruttie quelli che verranno, di un lavoro loroe delle loro équipes, teso a soddisfare — sia pure in piccola parte — quell’« optimum ideale per le future ricerche » che il Brelich appunto identificava, come « il compito più immediato », or sono quindici anni, « nella più possibilmente precisae dettagliata ricostruzione » del processo di formazione dei culti greci in rapporto alla loro diffusionee presenza vivente nell’Occidente coloniale.

© Publications du Centre Jean Bérard, 1980

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540