Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La ‘cultura X'. Mercato, pop e tradizione

 | 
Simone Cattaneo

Quel che resta di un naufragio

Texte intégral

1Riprendendo la metafora del labirinto utilizzata nel prologo, una volta riavvolto il filo di Arianna e ormai prossimi all’uscita con una mappa su cui si è delineato a poco a poco il tracciato dei sentieri percorsi, ecco che ci si trova di fronte a un disegno complesso. Le lettere spagnole, a partire dallo snodo socioeconomico e culturale a cavallo degli anni ’80 e ’90 – vero e proprio punto di rottura e frammentazione di ideologie, filosofie, dogmi, teorie, correnti, stili, ecc. –, hanno amalgamato più che mai gli interessi letterari con quelli pecuniari e si sono aperte a un’ibridazione tra generi e ambiti semiotici differenti, perdendo consistenza e correndo il rischio di tramutarsi, secondo un’immagine che Valls (2009: 195-211) mutua da Zygmunt Bauman, in una sostanza vischiosa, restia a lasciarsi modellare dalle mani del critico o dello studioso.

2Nel corso di queste pagine si è cercato di individuare e analizzare l’istante in cui tale passaggio dallo stato solido a quello liquido ha iniziato a essere palese, per osservarne le modalità, le cause e gli effetti. Il brodo primordiale della ‘Cultura X’ è stato sintomatico di una nuova concezione del narrare e, soprattutto, del pubblicare poiché sono sorte implicazioni extraletterarie che attualmente, lo si voglia o meno, sono ineludibili qualora si decida di occuparsi di letteratura contemporanea: il fatto culturale è ormai sottoposto in maniera sistematica a un processo mediatico che lo snatura e lo converte in spettacolo, alla ricerca dell’assenso di un pubblico non più considerato una massa da educare, bensì un potenziale bacino di utenti o compratori. La letteratura però non è un materiale che si possa estrarre dal nulla, ma richiede un atto creativo che, seppur debole o fiacco, ha bisogno di retroalimentarsi e così, nell’impetuoso Maelström generato dal desiderio di lauti guadagni, oltre alle previsioni di profitto, sono confluite varie tendenze formali e concettuali già abbozzate da autori inseriti appieno nella tradizione spagnola (barocchismo, gusto per la metafora a effetto, autoficción, apertura nei confronti dell’immaginario cinematografico e musicale, umorismo, ammirazione per l’asciuttezza della prosa anglosassone, ecc.) o appartenenti a realtà straniere (crudezza del realismo statunitense, abulia giovanile, presenza invasiva dei mass media, ecc.).

  • 1 «lo más preocupante quizá haya sido la dificultad para encontrar un relevo esperanzador a aquel ext (...)

3Nel decennio 1990-2000 vari aspiranti scrittori si sono afferrati a queste possibilità – offerte dall’integrazione della Spagna nel contesto mondiale e al contempo dal dissolversi del complesso di inferiorità patito nei confronti di altre letterature durante l’epoca della dittatura – come se fossero tavole di una nave spezzata da una tempesta: c’è chi ha tentato di costruirsi una zattera riunendo vari frammenti; molti, riluttanti a mollare un appiglio sicuro, sono affogati tra il Cariddi della gioventù e la Scilla della maturità; qualcuno ha sfidato il ribollire del mare con una barca leggera, approntata con la consapevolezza dei materiali a disposizione; altri, infine, hanno preferito essere issati a bordo di enormi e lussuosi transatlantici. Con il presente saggio si è cercato di porre ordine nel turbolento passato prossimo della letteratura spagnola contemporanea, con l’intento di dimostrare che persino in un periodo considerato da molti una terra desolata vi sono motivi di interesse e che non si è trattato di una mera parentesi a se stante, poiché in quegli anni si è consumata la piena modernizzazione della cultura iberica, all’insegna di un livello letterario forse non eccelso1, ma comunque con il sorgere di un modo di narrare eclettico, sensibile a un ampio spettro di stimoli e in grado di fornire una chiave di lettura di quanto avviene oggigiorno e avverrà in futuro, tanto che Valls, fermissimo detrattore della ‘Generación X’, nel tratteggiare un quadro complessivo del romanzo attuale, cita correnti, tecniche, influenze e soluzioni formali accolte, saggiate o semplicemente lambite, dai tre autori di cui abbiamo seguito le tracce nell’arco di quasi un ventennio:

La novela, en suma, se ha caracterizado por su realismo, en sus versiones enriquecidas o complejas de que dicha estética viene valiéndose en estas décadas, pero también en la definitiva asunción de un cierto experimentalismo, que pasa por la natural asimilación de las aportaciones técnicas y estilísticas de la novela estructural y del lenguaje poético, así como por la asunción plena, tanto de la propia tradición narrativa, de los maestros de la literatura española e hispanoamericana, como de la foránea, en especial de los prosistas en lengua inglesa (de Phillip Roth al fallecido David Foster Wallace) y los escritores centroeuropeos. (Valls 2009: 204)

4Questo libro prende corpo dalla rielaborazione della tesi presentata a conclusione del Corso di Dottorato di ricerca in Iberistica presso l’Università di Bologna ed è frutto di un percorso costellato di incontri e amicizie, di discussioni e chiacchierate. Sarebbe impossibile citare tutte le persone che hanno contribuito in maniera diretta o indiretta alla sua stesura, però vorrei ringraziare, in modo particolare, la prof. ssa Emilia Perassi per aver dato abbrivio alla presente Collana di Dipartimento; la prof. ssa Mariateresa Cattaneo per la fiducia e l’interesse riposti nelle mie ricerche; il prof. Danilo Manera, maestro di scrittura e viaggi; il prof. Domingo Ródenas de Moya per aver condiviso con me, con estrema generosità, il suo tempo e la sua immensa cultura; Miguel Ángel Cestao per la sua acutezza critica e la sua ironia; Barbara e Natalia per avermi indicato il cammino con i loro passi; Emily e Giada per le difficoltà affrontate insieme; Gonzalo e Johanna, per avermi donato Barcellona; Raúl per la pazienza e la precisione d’artigiano; e, soprattutto, Sonia e Daniele, per aver sempre assecondato le mie passioni, e, ovviamente, Luisa, per l’appoggio costante nonostante i sacrifici.

Notes

1 «lo más preocupante quizá haya sido la dificultad para encontrar un relevo esperanzador a aquel extraordinario grupo de muy diferentes narradores que inició su trayectoria en los setenta y primeros ochenta (Mendoza, Luis Mateo Díez, Pombo, Fernández Cubas, Javier Marías, Merino, Chirbes, Millás y Vila-Matas), aunque otros muchos de aquellos que tanto prometían hayan acabado fracasando o sucumbiendo, en diversos grados, claro está, frente a la instantaneidad del mercado.» (Valls 2009: 201-202).

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable