Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Il fascino inquieto dell'utopia

 | 
Lidia De Michelis
, 
Giuliana Iannaccaro
, 
Alessandro Vescovi

Premessa

Texte intégral

1Nel dedicare un volume sull’utopia a Marialuisa Bignami è inevitabile che la mente vada ai suoi molti, incisivi interventi in questo campo, più volte citati anche nei saggi che seguono, tra i quali ricordiamo almeno il volume Il progetto e il paradosso: saggi sull’utopia in Inghilterra, pubblicato nel 1990 per i tipi di Guerini, e le voci nel Dictionary of Literary Utopia, curato da Vita Fortunati e Raymond Trousson e pubblicato da Champion nel 2000. Tuttavia, per noi, suoi amici ed allievi, che ci troviamo a curare l’edizione di questi contributi, parlare di utopia ha una valenza ironica: nella quotidianità Marialuisa Bignami è infatti una persona estremamente concreta, dal temperamento forse più vicino a quello del Dr Johnson che a quello di Thomas More. Un carattere deciso, che è stato un esempio per coloro che hanno avuto il piacere di associare, nella conoscenza di Marialuisa ‘Dindi’Bignami, la sfera intellettuale dell’esperienza accademica con quella affettiva, e che oggi uniscono all’ammirazione per la studiosa la gratitudine e l’amicizia per la maestra.

2Magistero e ricerca sono stati infatti attività complementari, che Marialuisa Bignami ha saputo far dialogare nutrendo l’uno con l’altra. Quando gli studenti della professoressa Bignami – laureandi, dottorandi, post-doc – entravano, spesso un po’intimoriti, nel suo studio, si trovavano di fronte un paesaggio dipinto a olio (dono di una laureata di molti anni fa), le locandine di alcuni convegni, pile di libri e, a guardare bene, un po’defilato vicino alla porta dell’armadio, un quadretto con un ricamo a punto croce. Si tratta di uno dei molti cimeli che si accumulano in una vita di lavoro. Il ricamo consiste in un albero stilizzato, un po’sbiadito dal tempo, e una scritta in caratteri da ‘vecchia Inghilterra’che recita «Teachers sow seeds of knowledge that grow forever». Una studiosa tanto affascinata dall’antico quanto attratta dal nuovo – che ha seriamente riflettuto su scrittori diversi come Milton e Conrad, Defoe e Iris Murdoch, l’Utopia e la Storia – non poteva che spargere i suoi semi di conoscenza su terreni assai diversi. Come inevitabilmente accade, non tutti destinati a portare frutto, ma certo tutti egualmente riconoscenti alla mano che per prima li ha interrati e innaffiati. Speriamo dunque che questo piccolo omaggio sia egualmente gradito alla studiosa e all’amica.

3I contributi che seguono esplorano il termine ‘utopia’non come concetto, ma piuttosto come archetipo, che nelle sue diverse declinazioni letterarie giunge a trasformarsi in vero e proprio mito culturale – sia pure con cronotopi diversi da quelli della mitologia classica. Cifra caratteristica del termine utopia è infatti la sua instabilità tanto etimologica quanto semantica. Grazie all’etimo incerto tra ‘eu-topia’(luogo del bene) e ‘ou-topia’(non-luogo/nessun-luogo) ingegni diversi ne hanno diversamente interpretato il potenziale evolutivo. A livello semantico, poi, il termine ha assunto tanto la connotazione positiva di progetto salvifico in chiave più o meno laica, quanto quella negativa di assurdità folle e potenzialmente letale, passando per il livello intermedio di progetto di riforma sociale concretamente realizzabile. Parallelamente, ha un posto d’onore anche l’utopia intesa come genere letterario, con la sua sorella siamese, la distopia. Proporre una riflessione sull’utopia, come quella cui abbiamo invitato gli autori dei saggi che seguono, a quasi cinquecento anni dalla pubblicazione dell’“aureo libretto” di Thomas More, significa invitare una pluralità di approcci e di interpretazioni della dimensione utopica.

4Il volume che presentiamo raccoglie, quindi, contributi molto diversi. I colleghi coinvolti nell’iniziativa hanno aderito con generosità ed entusiasmo, e anche coloro che, per vari motivi – ma soprattutto per mancanza di tempo, che affligge ormai a livello cronico la nostra professione – non hanno potuto prendere parte al volume hanno espresso il loro affetto per Dindi con la partecipazione attiva a un convegno tenutosi il 3 maggio 2010 presso l’Università degli Studi di Milano, intitolato «Il fascino inquieto dell’utopia. Percorsi storici e letterari in onore di Marialuisa Bignami». Sia in quell’occasione, sia nella costituzione di questa raccolta di saggi – indipendente dall’occasione del convegno – è stato possibile parlare di utopia non solo in onore di Marialuisa, ma anche e soprattutto con lei, discutendo le metamorfosi del genere utopico dal Cinquecento ai giorni nostri e valutando la ‘tenuta’del concetto stesso di utopia di fronte ai grandi cambiamenti della Storia.

5Il dialogo costante con Marialuisa Bignami si manifesta infatti nella struttura stessa di questo volume, che accoglie, in coda agli interventi dei colleghi, un’intervista, nella quale Francesca Orestano discute con lei la dimensione utopica presente nella progettazione di un luogo a tutt’oggi ancora indispensabile per gli studi umanistici, la biblioteca. Dai ‘grandi orizzonti’dei saggi precedenti – utopia e letteratura, utopia e storia – si passa quindi all’illustrazione di un progetto concreto, che Bignami ha definito la sua «utopia della ‘Biblioteca ideale dell’Anglista’». Un progetto che, al pari di qualsiasi realizzazione, pratica si è scontrato con le difficoltà e gli ostacoli della realizzazione, ma che Bignami ha comunque portato a compimento nel corso dei molti anni in cui si è occupata, con competenza e passione, della progettazione e dell’organizzazione funzionale della Biblioteca di Anglistica dell’Università degli Studi di Milano.

6Apre la raccolta il saggio di Carlo Pagetti, Amare Utopie, che si costituisce come una vera e propria introduzione agli interventi che seguono per l’ampio respiro della sua ricognizione sull’utopia come genere narrativo. Pagetti spazia dai fondamenti del genere letterario alle sue realizzazioni contemporanee, passando attraverso l’esperienza distopica del Novecento, che, nella sua dimensione apocalittica, sembrava aver raggiunto il punto di non ritorno dell’immaginazione ‘utopica’, oltre il quale si poteva ipotizzare soltanto la fine del concetto stesso di utopia. Eppure, scrive Pagetti alla fine della sua disamina, «l’inizio del XXI secolo non ha rifiutato il pensiero utopico, e tenta, anzi, nuove strade per riaffermare la sua attualità: si parla di utopia multiculturale, per individuare comunità in cui etnie e culture diverse coesistono in modo pacifico e reciprocamente benefico; di utopia informatica, che porterebbe a forme di consultazione, di informazione, di partecipazione, quindi di democrazia capaci di coinvolgere ogni utente della Rete; di utopia ecologica, in cui il rapporto compromesso tra l’uomo e le altre creature della Terra – la natura nel suo complesso – viene recuperato e valorizzato».

7Del rapporto fra utopia e futuro si occupa il contributo di Franco Marenco, Utopia vs. Storia?, che proprio per questo abbiamo voluto porre a chiusura della raccolta. In un dialogo serrato fra Utopia e Storia, Marenco riflette sugli ultimi vent’anni e si interroga sulla sopravvivenza stessa del «ragionamento sull’utopia», che la mancanza di idealità ha costretto a una condizione di stallo. Per restituire all’utopia – in un futuro che può già prendere l’avvio dal nostro presente – il «pieno ruolo di evento», è necessario porre di nuovo in dialogo «idealità e contingenza», «principî e prassi». Progettualità, idealità, desiderio: è l’Utopia il motore della Storia. Fra i due termini lo scontro può anche essere molto duro, ma non si dà l’uno senza l’altro – soltanto la loro tensione dialettica consente di ipotizzare un futuro che non assuma i contorni di un incubo.

8Fra questi due contributi si collocano gli altri saggi della raccolta. Vita Fortunati, che ha dedicato tanti anni della sua vita professionale allo studio dell’utopia come genere letterario, esplora l’immaginario legato all’isola in quanto «metafora strutturale per designare l’ altrove» nel suo contributo L’ambiguo immaginario dell’isola nella tradizione letteraria utopica. Fortunati discute la complessità di un simbolo (l’isola in quanto spazio autonomo e ben definito) soggetto a una forte tensione tra gli aspetti positivi del luogo racchiuso e protetto e l’elemento invece di minaccia insito nel concetto stesso di reclusione, che, da «cerchio magico» di pace e serenità, può trasformare l’isola in una «trappola claustrofobica».

9L’idea di utopia cui siamo abituati è ovviamente legata al concetto di umanesimo, ma il contributo di Stefano Simonetta, Costretti all’utopia. Wyclif e il movimento lollardo, ci ricorda che, ben prima che Moro coniasse il termine, idee utopiche circolavano in Inghilterra in ambito religioso. Il saggio, dedicato alla visione di Wyclif, mette bene in luce un passaggio chiave nel progetto riformatore del teologo inglese. Wyclif ipotizzò infatti in un primo momento una comunità ecclesiastica ideale, in cui ciascun uomo fosse dotato di infinita libertà e infinito dominio, da esercitarsi con evangelica condivisione insieme agli altri fedeli. Data la difficoltà di coniugare il livello ideale con la realtà – in particolare la necessità di includere o escludere membri dell’ecclesia in base al loro comportamento esteriore – Wyclif modificò il livello progettuale per adattarlo alla contingenza. Ne nacque un progetto ‘realizzabile’ di comunità di Dio in Terra, che potesse essere guidata da un sovrano che derivasse il suo potere da Dio e riportasse la chiesa ai tempi del primo apostolato. Tuttavia il potere temporale non accettò in nessuna forma nemmeno il compromesso di Wyclif, il quale ritornò dunque ad una formulazione più intransigente, che si vide però costretto ad affidare alla posterità.

10Nel saggio Il bosco come utopia: “A Midsummer Night’ s Dream” e “Comus” a confronto, Filippo Falcone propone un’utopia individualistica piuttosto che sociale. I due autori utilizzano lo spazio del bosco come un luogo della mente nel quale si possano sperimentare istanze a loro care. Per Shakespeare il bosco è un microcosmo umanistico dominato dal caso, mentre Milton ne fa un luogo oscuro, quasi dantesco, nel quale possa risaltare la luce della purezza individuale.

11In una linea di continuità ideale con l’insegnamento di Marialuisa Bignami – che a Defoe ha dedicato tante pagine illuminanti, analizzandone non solo le istanze più propriamente utopiche, ma anche quelle più empiricamente ‘progettuali’ –, «Augusta Triumphans»: Daniel Defoe e l’utopia civica di Londra di Lidia De Michelis si discosta dal terreno del novel per concentrarsi su alcuni pamphlet pubblicati tra il 1725 e il 1730. In essi, assunta la veste fittizia di Andrew Moreton – un attempato brontolone coetaneo dello scrittore −, Defoe raccoglie la sfida, «a metà strada tra il didascalico e il progettuale, di contribuire sino all’ultimo alla moralizzazione e al progresso della sua Londra ideale, la città risorta dall’incendio del 1666, attraverso un processo di riorganizzazione urbanistica ed etica in cui si innestano nuove percezioni della vita sociale come pratica spaziale situata». Se questi scritti delineano tutti un territorio ibridato tra progettualità e didatticismo, Augusta Triumphans (1728) si segnala per alcune proposte concrete in cui si afferma con particolare evidenza quella «caratteristica ideale di ‘progetto’» che, cifra distintiva dell’intero corpus defoeviano, costituisce alla fine il tratto più genuinamente utopico della sua scrittura.

12In L’esperimento utopico di Sir Daniel nei Sundarbans, Alessandro Vescovi sposta l’attenzione per il concetto di utopia dal mondo letterario a quello storico e da quello occidentale a quello orientale, studiando un tentativo più unico che raro da parte degli inglesi di creare comunità utopiche e villaggi modello in India. L’esperimento sociale di Sir Daniel Hamilton ebbe luogo nei primissimi anni del XX secolo nell’arcipelago dei Sundarbans in Bengala. Qui egli affittò tre isole dal governo con lo scopo di stabilirci una comunità che producesse prosperità grazie a un innovativo sviluppo dell’agricoltura e del credito. L’idea di Hamilton si basava sul principio allora rivoluzionario che la ricchezza delle nazioni stesse nel capitale umano e non nelle riserve auree. Così Hamilton arrivò a fondare una banca cooperativa, a battere una moneta propria e a utilizzare il microcredito, come faranno molte ONG decenni dopo. Purtroppo la costruzione era destinata a crollare alla morte di Hamilton, pochi mesi prima dell’indipendenza indiana. Nei villaggi da lui fondati, tuttavia, il suo ricordo è ancora vivo e la sua memoria onorata.

13Il saggio di Giovanni Cianci Sulle istanze utopiche delle avanguardie storiche pre e postbelliche è una disamina dell’idea utopica nell’età modernista. Contrariamente a quanto vorrebbe lo stereotipo di un modernismo impegnato a rappresentare ed elaborare una crisi di valori spirituali e quindi poco incline alla progettualità, istanze utopiche si possono rilevare in molti autori legati alle varie forme del modernismo. Lo studio si concentra in modo particolare sul teatro di Craig e sulla sua Übermarionette, sul travagliato rapporto di Wyndham Lewis con l’architettura, soprattutto all’indomani della seconda guerra mondiale e sulle proposte utopiche di D. H. Lawrence. Il pensiero di Lawrence, pur mutando profondamente col maturare dell’uomo, ha sempre mantenuto componenti utopiche, dal giovanile desiderio di ritorno alla vita agreste, all’idea, più volte espressa nel suo epistolario, di fondare una comunità di persone felici, chiamata Rananim, che lo scrittore colloca ora in Florida, ora sulle Ande, ora in un luogo imprecisato. Questa tensione utopica si riflette, secondo Cianci, nei romanzi della maturità di Lawrence, in particolare Women in Love, in cui la dimensione utopica è ben visibile «nonostante gli ubiqui lividi orizzonti apocalittici e nichilistici che pervadono il romanzo».

14In Metamorfosi moderne: utopia e fiaba nei racconti di Angela Carter, Giuliana Iannaccaro esplora l’intersezione tra i due generi narrativi nella rielaborazione di alcune fiabe tradizionali per mano di Angela Carter (The Bloody Chamber, 1979). Poetiche e affascinanti, le riscritture di Carter abitano uno spazio liminare «fra tradizione e innovazione, ingredienti fiabeschi e istanze contemporanee, simbolismo e personaggi che non si lasciano ridurre a concetti» – non ultimo, fra prosa e poesia. In dialogo con le molteplici metamorfosi che hanno rivitalizzato, nel corso dei secoli, il genere letterario dell’utopia, le fiabe di Carter propongono una versione moderna dello spazio utopico, che si può identificare nel viaggio di scoperta dell’identità individuale, intesa come «uno spazio del sé potenziale […] come ‘luogo di bene’, insieme inafferrabile e potente».

15Una sensibilità attenta all’universo interiore e alle istanze delle donne informa il contributo di Mirella Billi, che nel suo Utopia al femminile: eutopie, distopie e fantasie compensatorie propone una disamina delle utopie da una prospettiva di gender studies. Dopo aver rivisitato le prime forme di «fantasie eutopiche» femminili, dal Rinascimento al Settecento, l’autrice si concentra sulle utopie sociali, o già apertamente femministe, del XIX e XX secolo, analizzando scrittrici come Perkins Gilman e Ursula K. Le Guin, che ritraggono mondi più rispettosi delle esigenze e delle aspirazioni delle donne. Tali visioni sono per lo più percorse da una marcata vena distopica, che tende a intensificarsi in tempi caratterizzati da conservatorismo e repressione, sino a culminare in vere e proprie distopie, come nell’opera di Margaret Atwood. L’ultima parte del saggio guarda all’assertività e all’emancipazione apparente delle donne in una società che ancora oggi sotto troppi rispetti si rivela patriarcale e discriminatoria. Volgendosi a considerare la perdurante impossibilità di forme autentiche di “utopia al femminile” – troppo facilmente scambiate, soprattutto nei modelli liberatori della fiction televisiva, con fantasie compensatorie e consumistiche –, Billi conclude la sua disanima con un’acuta analisi della serie americana Sex and the City. In essa, a fronte di una acquisita liberazione sessuale e del successo professionale ed economico, continuano a perpetuarsi cliché culturali e convenzioni del passato, che a mala pena si mascherano attraverso il maquillage idealizzante dei media.

16Infine, in «Self projected London». La reinvenzione di Londra secondo Will Self, Nicoletta Vallorani esplora l’immaginario distopico urbano contemporaneo che sostanzia The Book of Dave (2006) e lo inserisce in un ricco filone di narrazioni che affrontano l’immaginario di Londra come postmetropoli. Intrecciando due diversi narrati, l’uno specchio di un recente passato e l’altro situato in un futuro distante, il romanzo sviluppa un paradigma distopico che si nutre della complessa psicologia del protagonista, un tassista londinese la cui progressiva discesa nell’inferno della depressione e della psicosi viene documentata in un diario. Originato dal desiderio di lasciare una guida al figlio, il testo, perduto e ritrovato cinquecento anni più tardi, viene considerato il libro sacro di una nuova religione. Concepito da un immaginare malato e fallimentare che è ab origine «un atto capovolto», The Book of Dave traccia la mappa labirintica e idiosincratica di una Londra del futuro in cui «ogni positività è resa impossibile dall’errore che vizia la personale fantasia utopica» e apocalittica del protagonista, intrappolato per sempre nel «luogo interstiziale che abita, fatto di realtà e di immaginario».

17Ispirati ad approcci critici diversi e trasversali a più ambiti di ricerca, i percorsi attraverso le mutazioni spazio-temporali dell’utopia raccolti in questo volume testimoniano della necessità di parlare ancora oggi di questi argomenti, anche sperimentando nuove interazioni e nuovi linguaggi. Giunto il momento di congedare il nostro omaggio collettivo a Marialuisa Bignami, desideriamo stringerla in quello che ci piace considerare il nostro più affettuoso abbraccio letterario.

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable