Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Oltre l’istituzione

 | 
Davide Lasagno

Capitolo III. L’istituzione superata: verso la riforma (1971-1978)

Texte intégral

Un nuovo cda per l’Opera pia

La Fabbrica della follia

  • 1 AGP TO, VCP, anno 1970, vol. i., Presidente della Giunta provinciale, «Relazione programmatica sul (...)

1«In questo campo dobbiamo agire con prontezza e con fermezza mirando ad un obiettivo: la liquidazione del vigente sistema. Esso potrà essere conseguito solo attraverso una ristrutturazione dei servizi fondata sulla crescente espansione delle strutture preventive e ricuperative, articolate in équipes di settore, e sul progressivo ridimensionamento ed il successivo superamento delle istituzioni manicomiali»1.

  • 2 La frase è di Luciano Brean. Cfr. AGP TO, VCP, anno 1970, vol. i., p. 374.

2Iniziava così la relazione programmatica sull’assistenza psichiatrica del nuovo presidente della Provincia, il democristiano Elio Borgogno, che dopo le consultazioni elettorali del 7 e 8 giugno 1970 aveva sostituito l’eporediese e collega di partito Giovanni Oberto Tarena, eletto alla Regione, dove nel ’73 sarebbe divenuto a sua volta presidente dell’ultima Giunta di centro-sinistra. Una relazione accolta con moderato favore persino tra le fila dell’opposizione, innanzitutto per il suo sano «realismo» ma poi anche per «la più precisa individuazione dell’obiettivo»2 cui avrebbe dovuto tendere l’azione del Consiglio, cioè appunto l’abolizione dei manicomi. Si trattava certo di una dichiarazione d’intenti, che però segnava già un deciso balzo in avanti rispetto alle strategie della vecchia Giunta, rimasta sempre ostinatamente legata – malgrado l’opinione contraria di alcune forze politiche e di praticamente tutto il movimento di contestazione – ai progetti di edificazione manicomiale da essa stessa sviluppati a partire dall’inizio degli anni Sessanta e poi peraltro interrotti in corso d’opera proprio a causa delle proteste popolari susseguitesi lungo tutto il biennio 1969-70.

3Al principio del 1971 venne rinnovato anche il Consiglio di amministrazione dell’Opera pia. La nomina di Andrea Prele a presidente rappresentò un ulteriore segnale non solo di come la Provincia avesse ormai imboccato con decisione la strada del rinnovamento ma anche della maggiore coesione creatasi tra le sue varie componenti politiche intorno ai temi dell’assistenza psichiatrica. Prele, democristiano di sinistra, era infatti un personaggio gradito anche all’opposizione comunista, soprattutto per le posizioni da lui assunte nei mesi della contestazione, quando si era schierato, in qualità di consigliere presso il Comune di Grugliasco, contro il “manicomio modello” da 500 posti letto che la Giunta provinciale di allora intendeva costruire in quella città.

  • 3 “La Stampa”, Il manicomio ha invitato i suoi medici e infermieri a difendersi in Tribunale, 8 otto (...)

4Il nuovo cda non iniziò però il suo mandato sotto i migliori auspici. La pubblicazione, a settembre, de La Fabbrica della Follia innescò infatti un turbinio di polemiche quali non si vedevano dai momenti più intensi della crisi. Il presidente Prele fu addirittura costretto a minacciare provvedimenti disciplinari a carico di tutti i dipendenti dell’Opera pia che non si fossero tutelati in sede giudiziaria contro le accuse mosse nei loro confronti dagli autori del libro: «se non lo faranno – aveva dichiarato alla stampa – l’amministrazione considererà come contestazione di addebito»3 i fatti riportati.

  • 4 ALMM (a cura di), La Fabbrica della Follia cit., p. 7.

5Ma di che genere di fatti si trattava? In primo luogo – lo si ricorderà – La Fabbrica della Follia era il frutto delle indagini che la Commissione di tutela istituita su iniziativa della ALMM aveva effettuato nella sede manicomiale di Collegno tra l’ottobre del 1969 e la fine dell’anno successivo. Era dunque un libro di «denuncia e di testimonianza», scritto – come rivela la nota introduttiva – allo scopo di «portare aiuto alle migliaia di persone chiuse in un’istituzione» considerata «repressiva», una sorta di fabbrica per l’appunto, in cui «gli scarti del proletariato urbano e contadino ven[ivano] convertiti, attraverso un opportuno trattamento, in pazzi ufficialmente riconosciuti, offerti con garanzia al consumo dei sani»4.

6Al di là della metafora industriale – che risultava comunque piuttosto pregnante per una città come Torino e con la quale gli autori avevano voluto affermare il duplice carattere patogeno e classista del manicomio – quel che colpisce del libro, e che colpì all’epoca, è l’estrema dovizia di particolari con cui vi era stata descritta una serie interminabile dicarenze a livello strutturale, igienico e sanitario. Tutti problemi in parte già noti, di cui, sia pure in modo frammentario, nei due anni precedenti si era avuta notizia sui giornali, nei racconti dei ricoverati, durante le assemblee pubbliche e di reparto, ma che adesso venivano presentati in una forma più completa, capace finalmente di offrire al lettore una visione d’insieme dello stato in cui si trovava allora il più grande ed affollato tra gli ospedali psichiatrici cittadini.

  • 5 Ivi, p. 44.

7Le informazioni contenute nel libro mettevano in luce innanzitutto il carattere fatiscente e ormai tristemente noto degli ambienti, dei servizi igienici e delle attrezzature cliniche. Non mancavano, tuttavia, – ed era soprattutto per tale ragione se l’Opera pia si era poi persuasa ad invitare, sotto la minaccia di misure disciplinari, tutti gli interessati a difendersi in sede giudiziaria – anche riferimenti precisi e circostanziati a episodi di violenza e più spesso ancora a comportamenti radicati e abituali, che nel loro insieme sembravano dimostrare l’esistenza, tra il personale sanitario ed infermieristico, di una propensione piuttosto diffusa a violare i regolamenti interni: «il dottor A. – ed è un esempio scelto a caso – […] trascorre in reparto un periodo di tempo irrisorio: l’atteggiamento degli infermieri al riguardo è evasivo mentre i ricoverati dicono chiaramente che non si trattiene più di dieci, quindici minuti»5.

  • 6 Ivi, p. 57.

8Ad altri sanitari, invece, si imputava di trascurare soluzioni terapeutiche che non si limitassero alla somministrazione indiscriminata di psicofarmaci o comunque di svolgere la propria mansione con uno spirito di rassegnata sfiducia, senza alcun apparente interesse per la sorte dei malati: «il medico non prende iniziative […]; egli stesso, infatti, ammette che» il miglioramento del reparto è merito del «capoinfermiere. Pratica una terapia strettamente farmacologica. Ritiene i suoi malati non dimissibili e afferma l’inutilità di qualsiasi colloquio con loro, giudicandolo “un inconcludente scambio di idee. Nulla servirebbe a tirarli su, quindi mi limito all’assistenza clinica”»6.

9La Fabbrica della Follia tracciava poi anche un bilancio dell’esperienza settoriale, che come si è detto stava muovendo proprio allora i suoi primi passi. Il giudizio espresso dagli autori al riguardo era forse ancor più negativo di quello riservato alla situazione intraospedaliera:

  • 7 Ivi, p. 106.

sulla strutturazione dell’assistenza psichiatrica settoriale a Torino, se attuata con una reale volontà di rinnovamento, si poteva raggiungere l’accordo di tutti coloro che, come l’Associazione per la lotta contro le malattie mentali, si erano battuti per l’abolizione del manicomio […]: “settore” poteva voler dire, infatti, il principio, l’inizio di quella assistenza sociale capillare che dovrebbe in futuro essere attuata dalle istituende unità sanitarie locali, le quali, se ben effettuate e realmente gestite sulla base della partecipazione degli utenti, potrebbero rivoluzionare i vecchi concetti di malattia, cura, recupero e prevenzione, permettendo ai cittadini di seguire direttamente e quindi di controllare politicamente i problemi della salute e dell’assistenza […]. Il settore nella provincia di Torino non solo non è stato nulla di tutto ciò ma non è stato nulla neppure dal lato meramente organizzativo: non si sono create nuove strutture extraospedaliere; non si sono avuti cambiamenti sostanziali nei vecchi manicomi (fuorché un frenetico quanto assurdo sballottamento di malati da un settore all’altro, sulla base di una selezione di comodo piuttosto che per ragioni di appartenenza topografica); non si sono instaurati nuovi rapporti tra il personale sanitario e tanto meno tra quest’ultimo e i degenti7.

10Si deve però sottolineare – ad onor del vero – come quelle affermazioni si riferissero ad una realtà che al momento dell’uscita del libro, nel settembre del 1971, era ormai vecchia di alcuni mesi e che nel frattempo aveva fatto registrare alcuni piccoli cambiamenti. Erano già stati nominati, ad esempio, i direttori delle zone di Torino-Centro e di Torino-Est, nelle persone, rispettivamente, dei dottori Edoardo Balduzzi e Gustavo Gamna, ed erano entrati in funzione, o sarebbero stati aperti di lì a poco, alcuni nuovi ambulatori, precisamente quelli di via Sant’Ottavio e di via Piffetti per il settore Torino-Centro, quelli di via Paisiello, di San Mauro e di Settimo torinese per la zona Est, quelli di piazza Nazario Sauro, di via Cardinal Massaia, di Venaria e di Pianezza per la zona nord e infine quello di via Tunisi per la parte Sud.

11L’istituzione manicomiale, d’altro canto, aveva essa stessa subito alcune sensibili trasformazioni. Il suo carattere tradizionalmente omogeneo ed uniforme era stato attenuato almeno in parte dal rinnovamento delle pratiche ospedaliere conseguente alla diffusione delle comunità terapeutiche. Permanevano – è vero – molti reparti “chiusi” e gestiti con i vecchi criteri, nei quali si potevano ancora osservare sbarre e inferriate alle finestre, ma c’era anche una fascia di operatori, forse numericamente minoritaria ma senz’altro animata da una sincera volontà di cambiamento, che lottava affinché negli ospedali si affermassero metodi di cura e stili di lavoro più liberali.

  • 8 La missiva si trova in AST TO, Fondo Gabinetto di Prefettura, Mazzo 713, fasc. 3.

12Quello del dopo-crisi era poi un manicomio più “aperto”, in cui i malati godevano di una maggiore libertà di movimento, sia all’interno, tra le varie sezioni, sia all’esterno, verso una società che peraltro non si rivelava sempre preparata o disposta ad accoglierli: «i sottoscritti abitanti di Collegno – recita una delle tante lettere di protesta fatte pervenire in quel periodo al Prefetto – si permettono di richiamare l’attenzione delle SS.LL. sulla situazione insostenibile che è venuta a crearsi in seguito alla continua presenza degli ammalati di mente in giro per le vie cittadine […]. In proposito facciamo presente che non passa giorno senza che si assista a scene contro la morale, a tentativi di adescamento di bambini, a scene di ubriachezza molesta […]»8.

13Al termine della contestazione, infine, il manicomio si presentava come un luogo decisamente meno affollato di quanto non fosse mai stato lungo tutto il secondo dopoguerra: nel giro di soli tre anni, infatti, la popolazione ricoverata era scesa di circa 1.000 unità, passando dai 4.508 individui del 1969 ai 3.634 del 1971 (nel 1952 i degenti ammontavano a 3.700). Una diminuzione dovuta in primo luogo alla politica di sfollamento attuata dalla direzione sanitaria degli OO.PP., che con il sostegno dell’amministrazione provinciale aveva provveduto a trasferire un certo numero di degenti anziani in case di riposo o in cliniche convenzionate. Anche le comunità terapeutiche avevano giocato però un ruolo tutt’altro che marginale: basti pensare – tanto per fare un esempio – che alla fine del 1971 meno di 10 malate sulle oltre 100 che avevano partecipato continuativamente all’esperienza comunitaria dell’ex reparto 5 risultavano ancora ricoverate in manicomio. Per tutte le altre il percorso riabilitativo si era invece concluso con una dimissione in famiglia o, più frequentemente, in uno dei molti istituti di assistenza presenti in quel periodo sul territorio della provincia.

14Quello che il nuovo cda si apprestava a governare era dunque un manicomio più dinamico e complesso rispetto al passato, attraversato sì da grandi processi di cambiamento ma ancora segnato da una profonda conflittualità interna e afflitto soprattutto da un’enorme mole di problemi organizzativi che non sembravano potersi risolvere se non nel lungo periodo; era un manicomio, inoltre, divenuto apparentemente più “vivo” proprio nel momento in cui andavano moltiplicandosi gli sforzi per superarlo. Non si trattava però di un paradosso. Anzi, sotto la presidenza di Prele, l’Opera pia avrebbe più e più volte sostenuto la tesi secondo cui il miglioramento della qualità delle strutture e dei servizi ospedalieri era un passo necessario per pervenire all’abolizione definitiva dell’istituzione manicomiale. Di qui i sempre più frequenti attriti con la Provincia, che invece pareva intenzionata a raggiungere quello scopo convogliando tutte le energie disponibili verso le attività settoriali e lasciando quindi che gli ospedali, privati delle risorse economiche e umane necessarie al loro sostentamento, “morissero”, per così dire, di una morte lenta e naturale.

Dalla provincializzazione al protocollo aggiuntivo

  • 9 Nel 1961, i circa 4.000 ricoverati a carico della Provincia comportavano una spesa di neppure 2 mi (...)
  • 10 Cfr. al riguardo AOP TO, VCAOP, anno 1969, seduta del 23 aprile, ordine del giorno riguardante «Pr (...)

15Si è accennato a come per anni il ruolo della Provincia in campo psichiatrico si fosse limitato al pagamento delle rette manicomiali e a come, d’altro canto, l’impossibilità di incidere direttamente sull’orga nizzazione dei servizi ospedalieri, a fronte però di un impegno finanziario sempre crescente9 e malgrado la proprietà di due grandi strutture di ricovero – Savonera e Grugliasco – avesse finito per provocare, in seno all’amministrazione provinciale, un sentimento di diffusa insofferenza nei confronti dell’Opera pia, poi sfociato periodicamente in episodi di aperta contrapposizione tra i due enti. Neppure la nascita del Centro d’igiene mentale, nel 1958, era riuscita a far mutare un tale stato di cose e il problema, sia pure in forma latente, aveva perciò continuato a sussistere, salvo poi ripresentarsi con virulenza nel 1969, anno in cui l’ondata di sdegno popolare per la condizione di degrado in cui versavano all’epoca i manicomi cittadini, suscitata dal nascente movimento di contestazione, aveva rischiato di travolgere anche la Provincia, e ciò malgrado la sua tradizionale estraneità alla gestione dell’assistenza psichiatrica ospedaliera. Di qui le misure estreme proposte dalla Giunta, che nella circostanza – come si ricorderà – aveva prontamente rispolverato la vecchia ipotesi della provincializzazione: l’iter del provvedimento, che comportava l’estinzione dell’Opera pia ed il passaggio di tutto il suo patrimonio immobiliare e finanziario alla Provincia, era stato avviato tra la fine di aprile e l’inizio di maggio10 ma aveva poi proceduto con estenuante lentezza, tanto che a distanza di oltre un anno gli organi ministeriali competenti non erano ancora riusciti a pronunciarsi definitivamente sulla questione.

  • 11 «I lavoratori dipendenti degli Ospedali psichiatrici di Torino, riuniti in assemblea generale […] (...)

16L’attesa durò per tutto il 1971, consumandosi tuttavia in un clima che tendeva a farsi via via più teso per le continue agitazioni del personale infermieristico, la cui ostilità nei confronti della provincializzazione, palesatasi già all’inizio del ’69, era poi andata crescendo col passare del tempo, fino a provocare una rottura apparentemente definitiva a novembre: in quel mese, infatti, i sindacati, dopo aver disconosciuto ufficialmente il cda dell’Opera pia, ritenendolo ormai del tutto asservito alla Provincia, arrivarono a chiederne le dimissioni in blocco11. Avevano così trovato conferma le pessimistiche previsioni di Luciano Brean:

  • 12 Cfr. AGP TO, VCP, 1970, vol. ii, p. 1.184.

Noi non ci nascondiamo affatto – aveva detto, quasi un anno prima, in relazione al programma di riforme che proprio allora l’amministrazione provinciale si stava apprestando a realizzare – che tutto questo mette in crisi un complesso di situazioni su cui riposa il concreto potere del gruppetto che ha in mano, da sempre, l’istituzione manicomiale e le cui prospettive di prosperità, presente e futura, riposano unicamente sul fatto che l’istituzione rimanga esattamente così com’è, senza modificare le sue funzioni, oppure facendo qualche piccola manovra riformistica tipo gattopardo […]. Pertanto non ci nascondiamo che questo gruppo di potere non resterà passivo, anzi, reagirà nei termini più isterici e in questa reazione cercherà di coinvolgere, strumentalizzandoli, tutti i canali tradizionali che ben conosciamo, non ultimo il personale. Non per niente in questi mesi, ogni volta che abbiamo almeno cercato di mettere un po’ d’ordine nell’Opera pia, prima ancora che ci pervenissero gli atti ufficiali dell’amministrazione, ci arrivavano le prese di posizione del gruppo dirigente dei sindacati che ci segnalava come fosse inopportuno che la Provincia tentasse di mettere il naso nell’orticello del manicomio12.

  • 13 Cfr. AGP TO, VCP, 1971, vol. IV, p. 4.702.

17Nel frattempo era giunto il tanto atteso responso ministeriale. L’11 novembre il senatore Mariotti, forte anche di un parere negativo da parte del Consiglio di Stato, aveva inviato a Borgogno un telegramma dai contenuti inequivocabili: «invitasi sospendere iniziative provincializzazione servizi psichiatrici poiché contrarie prossima riforma sanitaria»13. Una riforma di cui in quel momento non si conoscevano ancora i dettagli ma che – come avrebbe avuto modo di chiarire lo stesso Ministro in un incontro successivo con la Giunta – assegnava agli enti provinciali un ruolo di secondo piano nella gestione del Servizio sanitario nazionale, al cui interno sarebbe dovuto confluire, con modalità che comunque non risultavano ancora del tutto chiarite, anche il comparto dell’assistenza psichiatrica.

  • 14 “Ristrutturazione dell’assistenza psichiatrica. Convenzione tra la Provincia di Torino e l’Opera p (...)
  • 15 Ibidem, articolo 4.

18La notizia fu accolta dai sindacati come una conferma alla legittimità della loro protesta, contribuendo ad irrigidirne oltremodo le posizioni, e obbligò d’altro canto la Provincia a ripiegare su una soluzione di compromesso, che quasi subito si pensò potesse consistere in un accordo da stipularsi direttamente con l’Opera pia. Tale accordo, su cui peraltro la Giunta rifletteva da tempo, proprio nell’eventualità che i suoi programmi iniziali si fossero poi rivelati irrealizzabili, fu oggetto di serrate trattative già nelle ultime settimane del ’71, ma venne sottoscritto dalle parti interessate soltanto a distanza di un anno, nel gennaio del 1973. Esso stabiliva che la Provincia avrebbe gestito autonomamente tutti i presidi delle zone di Torino est e di Torino centro, «compresi i reparti ospeda lieri di competenza»14, e che a tale scopo si sarebbe avvalsa di «personale volontario distaccato dall’Opera pia»15, il quale avrebbe però continuato a dipendere da quest’ultima per tutti gli aspetti relativi al rapporto d’impiego, ad eccezione di quelli legati alle modalità del servizio, la cui definizione veniva invece lasciata alla totale discrezionalità dell’amministrazione provinciale.

  • 16 Cfr. AGP TO, VCP, 1972, vol. i, p. 5.539.

19L’atteggiamento dei sindacati in merito all’ipotesi di un’intesa tra Provincia e Opera pia sulla ristrutturazione dell’assistenza psichiatrica non era stato certamente più conciliante rispetto a quello da essi tenuto nei mesi precedenti riguardo alla ben più radicale proposta della provincializzazione: «le organizzazioni sindacali ospedaliere CISL, CGIL e UIL – avvertiva ad esempio un telegramma inviato alla Giunta nel febbraio del 1972 – considererebbero voto favorevole alla convenzione come gravissima insensibilità et provocazione confronti aspettative lavoratori»16. E del resto anche il fatto che per la stipula definitiva del documento fossero occorsi oltre tredici mesi testimoniava dello scarso consenso di cui godeva la nascente assistenza di settore tra i dipendenti del manicomio, nonostante per loro essa rappresentasse pur sempre, soprattutto in prospettiva futura, una concreta alternativa a livello professionale.

  • 17 “Protocollo Aggiuntivo”, articolo 2. Riportato in VCP, 1973, vol. ii, pp. 9.835-9.840.

20Soltanto di fronte al fatto compiuto, cioè a firma avvenuta, l’ostilità lasciò spazio ad una condotta più accomodante, che portò i sindacati ad elaborare il cosiddetto “protocollo aggiuntivo”. Rispetto alla precedente “convenzione”, il nuovo documento, ratificato nel luglio del ’73 dopo una serie piuttosto rapida di negoziati, apportava alcune importanti modifiche. Innanzitutto, venivano stabiliti con precisione i tempi massimi per il completamento dei servizi territoriali: entro il 31 marzo 1976, cioè, la Provincia avrebbe dovuto istituire tutte le “zone” relative all’area urbana e ai paesi della prima cintura; per le “zone” restanti il limite era invece fissato al 31 marzo 1979. In secondo luogo, si forniva pieno riconoscimento giuridico al lavoro di gruppo: «l’assistenza psichiatrica […] – disponeva al riguardo l’articolo 4 – viene svolta da équipes pluridisciplinari […]», équipes che l’amministrazione provinciale si impegnava a costituire gradualmente ma secondo scadenze temporali ben definite, dotando inoltre ognuna di esse delle strutture, del personale e dei mezzi necessari ad un’attività di «prevenzione, cura e riabilitazione». In terzo luogo, veniva regolamentato con più precisione l’istituto del “distacco” e si garantiva agli operatori impiegati all’esterno un’assicurazione contro i danni da responsabilità civile e contro gli infortuni. Infine, era prevista la creazione, entro il luglio del 1974, di una «scuola di formazione per infermieri psichiatrici professionali», progetto che avrebbe dovuto coinvolgere congiuntamente le organizzazioni sindacali, la Provincia, l’Opera pia, e la Regione. Tutto quanto disposto dal “protocollo” trovava poi senso compiuto in un principio di carattere generale – quello enunciato dall’articolo 1 – secondo cui l’assistenza psichiatrica non avrebbe più dovuto costituire in alcun modo «una branca» indipendente ma sarebbe dovuta piuttosto diventare «parte integrante del Servizio sanitario nazionale». Le varie zone, di conseguenza, avrebbero dovuto prefigurare fin da subito le future unità sanitarie locali: «si precisa che le zone, oltre ad avere delimitazioni territoriali in corrispondenza alle U.S.L. […], verranno in prospettiva assorbite in queste, appena tali unità saranno operanti […]. In particolare dovrà essere concordato il passaggio alle U.S.L. dei servizi, del personale, delle attrezzature, ecc»17.

21Dal punto di vista formale, con il “protocollo” si chiudeva dunque un percorso di riforma che la Provincia aveva intrapreso quasi cinque anni prima. Alle numerose deliberazioni adottate fin a quel punto, spesso a distanza di molto tempo le une dalle altre e in modo non sempre coerente, era stata data una sistemazione organica, sulla quale c’era stato per giunta il consenso di tutti i soggetti coinvolti nella questione, sindacati compresi. Nell’attesa che il trascorrere dei mesi permettesse di valutarne l’impatto anche sul piano concreto, per il momento l’aspetto più innovativo di quel documento era forse proprio il suo carattere condiviso.

Intermezzo: scuola e psichiatria

22Nel prossimo paragrafo parlerò di classi differenziali e scuole speciali per minorati psichici. Avrò così modo di allargare lo sguardo al di là delle strutture manicomiali e di affrontare il tema del disagio psichico da una prospettiva più ampia; la breve parentesi che mi accingo ad aprire servirà inoltre a preparare il terreno al paragrafo sul Centro d’igiene mentale, il cui rapido declino, nel corso degli anni Settanta, può essere fatto risalire, almeno in una certa misura, proprio alla parallela crisi delle classi differenziali.

Apogeo e crisi delle classi differenziali

  • 18 ISTAT, Annuario statistico dell’istruzione italiana, anni vari.
  • 19 Cfr. F. Rotondo, Il bicanalismo imperfetto, in “Riforma della Scuola”, 1970, n. 8-9.

23Tra gli anni scolastici 1962/63 e 1970/71, le classi differenziali nelle scuole elementari pubbliche italiane passarono da poco più di 1.000 a quasi 8.000. Nello stesso arco di tempo gli alunni ad esse iscritti salirono dallo 0,3 all’1,4 per cento della popolazione scolastica complessiva18. A dare un primo decisivo impulso ad una crescita così sostenuta erano stati con tutta probabilità i cospicui finanziamenti concessi al settore dell’educazione speciale – e diretti in parte proprio all’«incremento delle classi differenziali nelle scuole elementari» – dalla legge 26 gennaio 1962, n. 17, e poi riconfermati sotto forma di stanziamento di bilancio anche per il triennio 62/63-64/65 dalla successiva legge 24 luglio 1962, n. 1073. Quelle misure economiche, cui fecero immediatamente seguito due corpose circolari ministeriali, la 4525 del 9 luglio 1962 e la 934 del 2 febbraio 1963, riflettevano innanzitutto l’esigenza politica di rispondere in modo incisivo ad un problema lungamente trascurato – gli ultimi interventi normativi in materia risalivano ai tempi del fascismo – e di cui per giunta le statistiche del periodo fornivano un quadro assai poco rassicurante. Si consideri ad esempio che secondo i dati presentati al II Congresso nazionale di medicina forense da Giovanni Bollea, uno dei più conosciuti neuropsichiatri italiani e stretto collaboratore del Ministero dell’Istruzione, i bambini “minorati” presenti in Italia erano oltre 3 milioni, così suddivisi: 10 mila insufficienti mentali gravi, 670 mila insufficienti mentali medi, 585 mila casi limite, 160 mila epilettici, 100 mila colpiti da paralisi cerebrale infantile, 1 milione e mezzo di disadattati del carattere e del comportamento, 20-25 mila sordi, 100 mila sordastri, 15-18 mila ciechi, 15-16 mila ambliopici e 75 mila portatori di esisti di poliomelite19.

  • 20 Cfr. ad esempio la proposta di legge “Tutela della salute mentale ed assistenza psichiatrica” (Mar (...)

24Una volta innescato, tuttavia, il processo di crescita delle classi differenziali – che avrebbero appunto dovuto offrire assistenza educativa agli alunni con «lievi anomalie del carattere» o con un quoziente intellettivo di «poco inferiore» alla norma – trovò non minore alimento in una sorta di cultura condivisa della “separazione”, di origini tardo settecentesche e alla quale nel corso degli anni Sessanta tanto il mondo scolastico quanto quello politico, a destra come a sinistra, mostrarono di essere ancora profondamente legati. Basti pensare anche solo alle decine di istituzioni specializzate di cui era raccomandato il rafforzamento o suggerita la creazione ex-novo nei vari progetti di legge che in quel periodo cercarono di affrontare, da angolature diverse, il problema della minorazione o del disadattamento giovanili: la gamma delle proposte spaziava dagli ospedali psichiatrici appositamente rivolti ai bambini ai pensionati per caratteriali, dai laboratori protetti alle scuole speciali autonome a livello materno, elementare e medio, dai “focolari” a istituti psico-pedagogici di vario genere, a carattere di esternato, di semi-internato, di internato, chiusi o aperti20.

  • 21 C. Prosperi, L’assistenza ai bambini minorati psichici in Italia, in “Federazione Medica”, 1967, c (...)

25È bene però precisare che quanto agli scopi, alle modalità e alla durata di tale separazione non esisteva altrettanta uniformità di vedute. C’erano, specialmente in campo medico, posizioni radicali e totalizzanti, per le quali l’allontanamento della persona malata dal suo ambiente di vita avrebbe dovuto configurare un provvedimento irreversibile e dettato per giunta da ragioni di sicurezza sociale. Ecco ad esempio cosa affermava al riguardo, nel 1967, il direttore dell’Istituto nazionale di Medicina preventiva dell’infanzia, dottor Prosperi: «l’istituzione di classi differenziali o di scuole speciali in esternato è del tutto insufficiente, quando il minorato trascorra […] il resto della giornata [in famiglia]. Stimolando la proliferazione di [quelle] classi la società cerca, come lo struzzo, di ignorare il fondo del problema e, non conoscendo i suoi doveri, trascura il proprio diritto a difendere sé stessa […]. Il bambino ritardato psichico deve oggi vivere, fin dalla prima infanzia, in un ambiente […] che gli permetta di svolgere una vita umana […]. Tutto ciò si può realizzare in Istituti psico-medico-pedagogici a internato e a protratta degenza dai primi anni di vita all’inizio dell’adolescenza poi in veri e propri villaggi con caratteristiche particolari»21. La proposta di legge di iniziativa popolare “Interventi per gli handicappati psichici, sensoriali, fisici e i disadattati sociali”, elaborata poco più tardi dall’Unione italiana per la Promozione dei diritti del minore, prevedeva invece quanto segue: «agli handicappati e ai disadattati sociali che ne siano in grado è assicurata la frequenza, insieme ai soggetti non handicappati, di ogni scuola […] di qualsiasi ordine e grado […]. Previo accertamento dei servizi diagnostici […] gli handicappati di età inferiore ai sei anni, per i quali la frequenza di cui all’articolo precedente sia dannosa, sono inseriti in sezioni speciali istituite presso le scuole materne normali […]. Per i casi più gravi, sempre che la frequenza delle sezioni speciali sia dannosa, sono istituite scuole materne speciali autonome […]. I soggetti dovranno essere sottoposti ad attenta e continua osservazione, anche da parte del personale scolastico, al fine di inserire, appena possibile, i soggetti delle sezioni speciali in quelle normali e i soggetti delle scuole materne speciali autonome nelle sezioni speciali» (norme analoghe erano previste per i bambini dai 6 ai 14 anni). Si noti che in quella proposta di legge la separazione rappresentava un fatto di natura eccezionale e transitoria, strettamente correlato al tempo necessario affinché il bambino acquisisse capacità e competenze tali da permettergli di reinserirsi – sebbene per gradi e passaggi successivi – nel mondo dei presunti normali.

  • 22 La proposta di legge n. 3762 del 1967, “Istituzione di classi e scuole speciali statali, di istitu (...)

26Il sostegno quasi incondizionato che lungo gran parte degli anni Sessanta la prassi dell’istituzionalizzazione minorile ricevette anche dalle forze politiche di sinistra22 e dai settori più avanzati e progressisti della scuola italiana affondava le sue radici proprio in una prospettiva di quel genere, secondo la quale il ricorso a strutture separate e specializzate costituiva in ogni caso la premessa indispensabile al recupero e alla conseguente emancipazione sociale di tutte le persone colpite, per qualsiasi ragione, da menomazioni psichiche, sensoriali o fisiche. Il particolare favore accordato a classi differenziali e scuole speciali derivava poi soprattutto dal fatto che quegli strumenti, dando luogo, per loro natura, a forme più blande di separazione – rispetto ad esempio agli istituti – sembravano garantire possibilità più immediate di reinserimento.

  • 23 Cfr. M. Cecchini, Ritardo e differenziali, in “Riforma della Scuola”, n. 6-7, 1970, e F. Rotondo, (...)

27La realtà, però, avrebbe ben presto contraddetto quell’ipotesi. Verso la fine degli anni Sessanta, infatti, alcune ricerche, sebbene relative, nella maggior parte dei casi, a situazioni circoscritte, riuscirono a dimostrare come le classi differenziali, che avevano proliferato con particolare pervicacia nelle periferie delle grandi città industriali del nord, accogliessero al loro interno quasi soltanto bambini appartenenti a famiglie di bassa estrazione socio-economica, i quali, oltretutto, una volta avviati a quelle classi, finivano poi per trascorrervi periodi di tempo protratti talvolta anche per alcuni anni consecutivi23. Era come se nel sistema scolastico italiano, che per altri versi tendeva ormai da qualche anno ad andare oltre le rigide divisioni di ordine e di grado del passato – si pensi all’unificazione delle medie, nel 1962 – fosse andato via via consolidandosi una sorta di nuovo canale educativo autonomo, discriminatorio e quasi permanente.

  • 24 Disegno di legge n. 1 (Dal Canton e altri, DC), “Riabilitazione dei soggetti in età evolutiva che (...)

28Sta di fatto che a partire all’incirca dal 1969 il dissenso verso quelle istituzioni cominciò a farsi sempre più forte; le critiche, di cui si fecero portavoce, di volta in volta, insegnanti, sindacalisti, intellettuali, psichiatri, psicologi, amministratori locali, si propagarono, almeno all’inizio, dal basso verso l’alto, cogliendo del tutto impreparati i partiti della sinistra. Il PCI, in particolare, adottò a lungo un atteggiamento contraddittorio, in bilico tra una certa difficoltà a rinnegare esplicitamente le posizioni assunte in precedenza e spinte tendenti invece ad accogliere, facendola propria, la protesta. Quanto poi alla DC, essa fu colta da una specie di smania legislativa: tra il giugno del 1968 e la fine del 1969 furono elaborate, da parte di senatori e deputati di quel partito, ben tre diverse proposte di legge, che ambivano tutte a dare una sistemazione organica al settore dell’assistenza ai bambini “subnormali” e che raccomandavano altresì un deciso rafforzamento dell’apparato istituzionale speciale in campo educativo24.

  • 25 Al riguardo si veda D. Larocca, La scuola elementare Cairoli nel quartiere di via Artom dagli anni (...)
  • 26 Cfr. AA.VV., Atti del dibattito sulla validità delle classi differenziali nella scuola dellobblig (...)

29Nel frattempo, però, avevano preso il via, in varie città d’Italia, anche le prime esperienze concrete di lotta alle classi differenziali; esperienze quasi sempre prive di legami diretti le une con le altre, compiute perlopiù su iniziativa di singoli insegnanti, e delle quali è dunque difficile, a posteriori, proporre un’analisi d’insieme. Ci accontenteremo così di dire qualcosa su ciò che accadde a Torino, soprattutto in considerazione del fatto che nel capoluogo piemontese il circuito dell’istruzione differenziale aveva assunto nel tempo proporzioni ragguardevoli, giungendo ad accogliere, nell’anno della sua massima espansione, il 1968/69, il 2,1 per cento degli alunni iscritti alle elementari, a fronte dell’1,4 registrato su scala nazionale. Si tenga presente, inoltre, che in alcune scuole dei quartieri operai le percentuali dei bambini “segregati”, come si cominciava a dire allora, erano nettamente più alte rispetto alla media; il primato assoluto, con quasi il 20 per cento, spettava alla scuola elementare Cairoli, nel quartiere di via Artom, un’area periferica, situata a sud della città, che già da qualche anno attraversava una fase di intenso sviluppo demografico e la cui popolazione era composta per la maggior parte da immigrati (oltre i quattro quinti degli abitanti con più di 18 anni)25. A ciò si aggiunga, infine, il fatto che nell’80 per cento circa dei casi i bambini inseriti in classi differenziali nelle varie scuole elementari della provincia risultavano essere – stando almeno agli esiti di un’indagine26 condotta tra il 1968 e il 1969 – proprio figli di immigrati, prevalentemente meridionali.

  • 27 Cfr. F. Alfieri, Il mestiere di maestro: dieci anni nella scuola e nel Movimento di Cooperazione E (...)
  • 28 Cfr. Gruppo piemontese del MCE (a cura di), Lavoro di quartiere a Torino, in “Riforma della Scuola (...)
  • 29 Per una breve storia del Movimento di Cooperazione Educativa si può vedere il saggio di G. Cives, (...)

30In fondo quindi non sorprende, anche alla luce di quanto appena detto, che a Torino alcune tra le più rilevanti iniziative tese al superamento di quelle classi siano state vissute e raccontate da chi se n’era fatto promotore innanzitutto come battaglie politiche d’ispirazione democratica27. Battaglie nelle quali si può forse vedere l’esito sul piano pratico di una forte pressione in senso egualitario di cui il sistema scolastico italiano risentiva già prima di Lettera ad una Professoressa ma che si manifestò pienamente soltanto a partire dalla fine del ’67, con l’esplodere delle proteste studentesche. Le iniziative cui si allude, per l’esattezza, sono quelle realizzate da due diversi nuclei di insegnanti legati al Movimento di cooperazione educativa (MCE) e attivi presso le scuole Nino Costa e Pestalozzi28: la prima si trovava nel Villaggio Santa Caterina, un insediamento in cui all’epoca risiedevano migliaia di stranieri e di profughi, soprattutto dalmati, istriani, greci ed ex coloni cacciati dalla Libia; la seconda, invece, era situata in Barriera di Milano, uno dei più vecchi quartieri operai della città e sede esso stesso di numerose piccole fabbriche nonché di due complessi industriali di dimensioni maggiori, la Fiat Grandi Motori e la Fiat Sima. Va detto che in entrambi i casi le lotte contro le classi differenziali si inserirono a pieno titolo in un programma globale di riforma della scuola, basato su principi egualitari ed antiselettivi e di cui erano elementi portanti il voto unico ed il tempo pieno. Il che, peraltro, si spiega anche in riferimento alla «svolta politica» che l’MCE29, ispirato originariamente agli insegnamenti del pedagogista francese Celestine Freinet, aveva vissuto nell’estate del ’68, in seguito all’incontro con il Movimento studentesco: da allora la sperimentazione didattica cessò di essere considerata generico strumento di crescita civile per tramutarsi invece in momento direttamente funzionale alla lotta politica in chiave anticapitalistica. I rapporti tra condizioni socio-economiche e discriminazione scolastica divennero il tema più dibattuto e gli obiettivi da raggiungere furono identificati nel contrasto a tutti i meccanismi selettivi in senso classista operanti nella scuola.

  • 30 Si veda ad esempio P. Rollero, Recenti disposizioni ministeriali sulle classi differenziali e spec (...)
  • 31 F. Rotondo, Il bicanalismo imperfetto cit., p. 44.
  • 32 B. Ciari, La grande disadattata, in “Riforma della Scuola”, 1970, n. 4, pp. 18-19.

31Verrebbe a questo punto da domandarsi perché mai uno strumento percepito a lungo come moderno e avanzato sia stato improvvisamente travolto da un’ondata di critiche feroci e abbia perso in tempi rapidissimi buona parte del consenso di cui aveva goduto in passato; perché mai, in altre parole, quello che per anni era stato considerato un mezzo di recupero abbia poi cominciato ad essere avvertito e descritto, molto spesso anche da chi in precedenza ne aveva sostenuto lo sviluppo30, alla stregua di un «ghetto per proletari, sottoproletari ed immigrati»31. Per abbozzare una risposta non si deve trascurare, in primo luogo, la realtà delle cose: come si è accennato più sopra, infatti, le classi differenziali si erano effettivamente rivelate incapaci di favorire il reinserimento nella scuola comune dei bambini ad esse avviati, contraddicendo così quanto previsto e richiesto dalla circolare ministeriale del 1963 e rendendo inoltre evidente il fallimento della vecchia logica esclusoria proprio nella sua versione progressista, intesa cioè quale strada privilegiata per il recupero e l’emancipazione sociale delle persone con handicap. Ma non meno decisivo, nell’orientare il giudizio in quella direzione, fu il clima anti-istituzionale generalizzato da cui settori sempre più vasti della società italiana erano stati contagiati a partire grosso modo dalla pubblicazione, nel marzo del ’68, de L’Istituzione Negata. Non è il caso di ritornare qui su questioni già ampiamente trattate nei paragrafi precedenti: basterà soltanto ricordare che in quel libro l’ospedale psichiatrico era dipinto come un luogo antiterapeutico, nel quale si perpetravano, ancorché in forme apparentemente moderne e scientificamente fondate, l’alienazione dell’uomo, l’emarginazione e la violenza a danno dei più deboli, la divisione in classi, la gestione del potere dall’alto verso il basso. Si notino ora le strettissime analogie tra una tale interpretazione e quanto si legge nel seguente passaggio: «la scuola […] tende fatalmente ad emarginare e a respingere gli elementi che non conseguono entro certi limiti precisi di tempo i livelli di efficienza e di competitività richiesti; chi non riesce a seguire i normali ritmi di lavoro, chi non si assoggetta agli schemi di disciplina […] o non corrisponde ad una serie di aspettative stereotipate si definisce ritardato, insufficiente, disadattato; in parole povere è un peso morto […]. Il rimedio sta nel creare un sistema nazionale di classi differenziali […]. Così i pesi morti non si palleggiano più da classe a classe: si immettono in un loro binario e lo percorrono fino in fondo […]. L’operazione […] non può dispiegarsi gros solanamente, confessando le sue intenzionalità né esplicitando la sua valenza politica. Deve coprirsi con un avallo scientifico. Si sollecita e si organizza allora l’intervento dello psicologo, il quale, prestandosi più o meno inavvertitamente al gioco, usa i suoi strumenti di ricerca e di valutazione quali mezzi per codificare le pretese insufficienze, i cosiddetti ritardi e quindi per giustificare in modo apparentemente scientifico la discriminazione e la segregazione»32. L’impressione, in sostanza, è che la critica alle istituzioni totali – diffusasi serratissima, in Italia, grazie soprattutto al concreto interesse per il problema dimostrato dal Movimento studentesco – abbia poi finito per rappresentare un grande serbatoio di idee, di nozioni e di modelli teorici giudicati applicabili – e di fatto applicati – anche all’apparato istituzionale direttamente connesso al mondo scolastico. Da questo punto di vista si può indubbiamente considerare la crisi delle classi differenziali come parte integrante della crisi più generale che in quel periodo investì varie altre strutture istituzionali attive in campo assistenziale, dai manicomi alle scuole speciali per minorati psicofisici o sensoriali fino agli istituti d’istruzione per ciechi e per sordi; strutture che non a caso vennero poi tutte progressivamente smantellate, sia pure con modalità e tempi diversi a seconda dei casi, nel corso degli anni Settanta.

32L’avallo legislativo di quel processo si ebbe tuttavia per gradi. Già nel marzo del 1971 la legge n. 118, “Provvidenze in favore dei mutilati ed invalidi”, aveva stabilito che l’istruzione dell’obbligo dovesse «avvenire nelle classi normali della scuola pubblica», fatti salvi i casi di bambini «affetti da […] deficienze intellettive e menomazioni fisiche di tale gravità da impedire o rendere molto difficoltoso l’apprendimento o l’inserimento» in quelle classi. Nell’ottobre del 1972 venne poi presentata una proposta di legge, la n. 1060, Adriana Fabbri Seroni ed altri (PCI), che chiedeva di garantire «ai minorati psichici, fisici e sensoriali la partecipazione ai corsi ordinari e la loro piena integrazione nella vita scolastica normale, così da consentire l’abolizione delle classi differenziali ed il superamento di ogni forma di organizzazione separata e segregante». Quella proposta, ancorché mai approvata in sede parlamentare, segnò comunque una svolta decisiva nella politica assistenziale del PCI. Al riguardo vale la pena di ricordare – ma con questo non si intende suggerire l’esistenza di alcuna relazione causale rigida tra i due fenomeni – come proprio in quel periodo andassero diffondendosi, anche tra molti psicologi aderenti o vicini al partito, le idee dello psichiatra sovietico Lev Vygotskij, a lungo censurato in patria, dove per almeno un ventennio la dottrina ufficiale era stata quella pavloviana, e tradotto in italiano soltanto a partire dal 1966; il suo punto di vista, assai critico nei confronti di qualsiasi pratica tendente all’isolamento dei bambini ritardati mentali, era destinato ad influenzare in misura crescente la ricerca psicologica e pedagogica in Italia – non solo a sinistra peraltro – fornendo nello stesso tempo una solida base teorica al processo di de-istituzionalizzazione iniziato sul finire degli anni Sessanta. Ad un triennio di distanza dall’iniziativa comunista venne poi pubblicato, ad opera della Commissione ministeriale presieduta dalla senatrice democristiana Franca Falcucci, un documento di fondamentale importanza, in cui il principio dell’inserimento scolastico era enunciato in modo esplicito e che si esprimeva con estrema risolutezza contro «ogni forma di emarginazione» a danno delle persone handicappate. Il 4 agosto del 1977, infine, la legge n. 517 stabiliva, ma a giochi praticamente fatti, l’abolizione definitiva delle classi differenziali.

Il declino del Centro d’igiene mentale

Fine di un’illusione

33Nel corso degli anni Sessanta il Centro d’igiene mentale della Provincia di Torino era riuscito ad accrescere ininterrottamente la sua sfera d’influenza nel campo dell’assistenza psichiatrica. Alla sede centrale di via Giovanni da Verrazzano si erano presto aggiunti numerosi dispensari periferici, situati in zone del territorio ritenute strategiche, oltre ad alcuni reparti neuropsichiatrici ospitati in strutture ospedaliere civili, nei quali i medici del CIM prestavano regolare servizio di consulenza specialistica. Dal Centro dipendevano inoltre varie comunità alloggio per ragazzi “caratteriali” o insufficienti mentali, laboratori protetti, case famiglia, istituti psico-pedagogici e per l’addestramento professionale, un servizio “suicidi”, un servizio “etilisti” e la quasi totalità delle prestazioni di medicina scolastica effettuate nelle scuole elementari e medie della provincia.

  • 33 Essi ammontavano a 57.185 nel 1970. Nel 1974 erano scesi a 48.205, per divenire 44.222 l’anno segu (...)
  • 34 AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-444. Provincia di Torino, Servizi psichiatrici di Zon (...)
  • 35 “Protocollo aggiuntivo”, art. 7, comma 2: «in conformità al principio espresso per il servizio psi (...)

34Il decennio successivo fu invece caratterizzato da una tendenza di segno diametralmente opposto: gli interventi assistenziali del CIM tesero via via a ridursi33, così come il suo organico, che all’inizio del 1977, specialmente in virtù di alcuni cospicui trasferimenti di personale presso i servizi psichiatrici di zona, comprendeva ormai soltanto più un direttore, due medici psichiatri, due psicologi, quattro assistenti sociali, due tecnici addetti all’elettroencefalografia, un’infermiera e un’inserviente34. In effetti fu proprio il graduale sviluppo dei presidi zonali, capaci di assorbire, nel corso del tempo, gran parte della domanda di assistenza extraospedaliera proveniente dal territorio provinciale, una delle ragioni del declino del Centro d’igiene mentale nel periodo considerato. Ma quel processo fu altresì il frutto di una precisa scelta politica. Si è detto infatti di come la Provincia avesse infine optato, dopo una fase di indecisione circa le soluzioni da approntare alla crisi delle istituzioni manicomiali torinesi, per la cosiddetta politica di settore, un modello organizzativo fondato sul principio della continuità terapeutica e rispetto al quale il CIM, in quanto entità del tutto indipendente dagli ospedali psichiatrici, risultava una sorta di corpo estraneo; per questo il Protocollo aggiuntivo ne aveva stabilito il progressivo smembramento, prevedendo inoltre che le strutture ad esso facenti capo sarebbero state assorbite, in futuro, dai nascenti servizi settoriali35.

  • 36 AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-444, Provincia di Torino, Servizio di Assistenza Psic (...)

35Sta di fatto che a distanza di soli tre anni dalla firma del Protocollo, nel 1976, il CIM si limitava a dare copertura alle richieste provenienti dalle non molte aree ancora del tutto prive di quei servizi e a svolgere consulenze di vario genere per l’Autorità giudiziaria e per la Commissione invalidi civili del Medico provinciale. Assai più numerosi rimanevano invece gli interventi rivolti ai minori, campo nel quale risultavano impegnate quattro équipes neuropsichiatriche – a fronte però delle sei attive l’anno precedente – operanti alternativamente presso la sede centrale di Torino, i dispensari “storici” di Pinerolo e di Chieri e presso l’ambulatorio settoriale del quartiere Falchera36.

  • 37 Comitato di quartiere Borgo Po, Relazione senza titolo, in AA.VV., Torino: sindacati e piano della (...)
  • 38 Giovanni Alasia, Relazione senza titolo, in AA.VV., Torino: sindacati e piano della scuola cit., p (...)
  • 39 AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-76, CGIL, CISL, UIL, «Missiva all’assessore all’assis (...)

36Per quanto attiene infine all’ambito scolastico, va segnalato come la contrazione delle attività del CIM fosse iniziata, sia pure lentamente, già a partire dai primi anni Settanta, quando la crisi delle classi differenziali aveva finito per coinvolgere anche le équipes diagnostiche del Centro, accusate di alimentare con il loro operato emarginazione sociale e dinamiche segreganti tanto difficili da controllare nei loro effetti immediati quanto destinate ad incidere a lungo su chi le doveva suo malgrado subire: «il progetto del nostro quartiere è un’alternativa a questi indirizzi. Non più classi separate per i meno dotati e i [soggetti] difficili ma un servizio permanente di esperti accanto ad ogni scuola elementare. Un’équipe di rieducatori […] che svolga un’azione di recupero seguendo [questi soggetti] senza separarli dagli altri […]. È chiaro che in tale prospettiva il lavoro svolto dagli specialisti e dai tecnici è radicalmente diverso da quello tradizionale […]. Non più diagnosi e selezione, funzionali soltanto all’emarginazione […], ma interventi terapeutici per aiutare i bambini a superare le difficoltà che la nostra società impone loro, attraverso una scuola antiquata, retorica e inutile. Azione di autodifesa, quindi, contro la selezione precoce […], contro la morte scolastica dei figli del proletariato e del sottoproletariato»37. Così si erano espressi ad esempio i rappresentanti del Comitato di quartiere Borgo Po durante un convegno sui problemi della scuola, promosso dalle ACLI, in colla borazione con le organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL, nel mese di maggio del 1971, trovando un’autorevole interlocutore nell’allora Segretario della Camera del lavoro di Torino, Giovanni Alasia, che in quella circostanza non aveva esitato a definire le équipes mediche del CIM come uno strumento «utilizzato essenzialmente per etichettare ed emarginare i bambini difficili»38. Negli anni successivi diversi Comuni della provincia, tra cui quello di Torino, avevano cercato di assumersi maggiori responsabilità nella gestione dei servizi di medicina scolastica, in parte proprio per effetto delle continue sollecitazioni in tal senso dei sindacati, le cui posizioni sul tema erano andate pian piano chiarendosi, per tradursi poi in una serie di rivendicazioni concrete, comunicate con una lettera all’Assessore provinciale all’assistenza Attilio Sabbadini il 24 settembre del 1975: «le équipes […] dovrebbero dipendere dal Comune o dai Consorzi locali, in quanto, per un intervento globale di prevenzione, riabilitazione e cura, gli operatori devono essere presenti a tempo pieno e sul territorio. Le équipes del SPMS (il CIM), composte da un medico specializzato in neuropsichiatria infantile, da uno psicologo e da un’assistente sociale, sono ad impostazione strettamente psichiatrica, pertanto risulterebbe pericoloso un loro intervento a livello […] scolastico, che rischierebbe di psichiatrizzare tutti i problemi della scuola e dei soggetti in età evolutiva […]. Si ribadisce pertanto l’esigenza che i Comuni vengano stimolati ad assumersi in proprio o mediante la costituzione di Consorzi équipes di medicina scolastica in base alle leggi previste, non ritenendo possibile che un ente centralizzato a struttura verticistica possa sopperire anche in via temporanea e promozionale ai bisogni dei minori nelle scuole della provincia»39.

  • 40 La cosa era peraltro riconosciuta dagli stessi operatori del CIM, che in una comunicazione indiriz (...)

37Trascinato nella crisi delle classi differenziali già all’inizio degli anni Settanta, gradualmente sostituito nell’esercizio delle sue funzioni dalla sempre più intricata rete dei presidi di zona prima e dalle neonate Unità sanitarie locali dopo l’istituzione del Servizio sanitario nazionale, sottoposto a ripetuti attacchi da parte dei sindacati sia per la sua la struttura centralizzata, ritenuta incapace di cogliere le molteplici esigenze del territorio, sia per l’approccio ai problemi, considerato, non a torto, troppo legato a modelli clinici e psichiatrizzanti, il CIM riuscì comunque a sopravvivere, sebbene tra enormi difficoltà logistiche e con un organico letteralmente ridotto all’osso, fino al 1980, quando l’amministrazione provinciale si persuase, anche a causa del mutato contesto legislativo, a decretare la «cessazione» della sua «attività istituzionale». Finiva così la parabola di quello che per oltre un ventennio aveva rappresentato, al fianco dei manicomi, il principale ente erogatore di assistenza psichiatrica nella provincia di Torino. Le grandi speranze alimentate, nel 1958, dalla sua creazione, anzitutto nel gruppo consiliare comunista, erano però andate perlopiù deluse: presentato dall’amministrazione provinciale come uno strumento innovativo ed in linea con le più avanzate tecniche assistenziali del periodo, nei fatti il Centro d’igiene mentale, a dispetto della sua vocazione preventiva, non era mai riuscito a operare alcuna effettiva azione di filtro ai ricoveri manicomiali, che anzi erano andati aumentando per tutto il decennio ’60-’70, con una lieve flessione solo dopo il 1966, né era mai giunto a costituire una vera alternativa alla psichiatria asilare. I suoi interventi profilattici, inoltre, ben lungi dal saper incidere a fondo sulle cause delle malattie mentali, si erano invece quasi sempre limitati alla diagnosi precoce e alla conseguente selezione dei bambini da inserire in classi differenziali e scuole speciali40. All’appuntamento decisivo dei primi anni Settanta, insomma, il CIM era giunto del tutto impreparato. La sua successiva incapacità di svecchiare la propria ideologia psichiatrica, di cogliere i mutamenti in atto e di trasformarsi in relazione ad essi ne aveva poi ulteriormente accentuato la distanza, in termini non solo “culturali” ma anche strategici e operativi, dal nuovo panorama assistenziale, a tal punto da farlo alla fine percepire come una sorta di corpo estraneo, come un fattore di inutile resistenza al cambiamento e da far quindi maturare, in seno all’Amministrazione provinciale, le condizioni idonee alla sua definitiva soppressione.

3840 

La psichiatrica torinese tra il 1974 e il 1978

I manicomi: si torna indietro?

  • 41 Cfr. ALMM (a cura di), Una falsa alternativa alla fabbrica della follia, Litostampa “La Precisa”, (...)
  • 42 Ivi, pp. 38 e 40.

39Nel dicembre del 1972 il reparto 13 dell’ospedale di Collegno ospitava sessantatre malati: circa il 90 per cento di essi non risultava sottoposto ad alcun tipo di contenzione fisica; il 51 per cento era stato da poco avviato a una qualche attività lavorativa retribuita; il 70 per cento partecipava regolarmente a iniziative di svago come gite di gruppo, atelier di pittura, tornei di bocce o di carte; al 78 per cento, infine, era concesso di circolare liberamente tra le sezioni e un ricoverato godeva addirittura di un permesso d’uscita permanente41. La portata dei cambiamenti era stata insomma notevole, soprattutto se si considera che il 13 era l’ex reparto “furia”, ossia il luogo in cui per decenni erano stati confinati, in condizioni di totale chiusura verso l’esterno e per di più con l’obbligo di trascorrere la gran parte del proprio tempo legati a un letto o semmai trascinandosi senza scopo su e giù per il refettorio, i soggetti ritenuti particolarmente pericolosi, quelli che si rendevano responsabili di condotte violente o anche soltanto di infrazioni più o meno gravi ai regolamenti manicomiali. L’opera di rinnovamento era stata promossa dal neo-primario, il dottor Liffredo, che nel giro di poche settimane dalla sua nomina, avvenuta in marzo, era riuscito ad ottenere dall’amministrazione ospedaliera alcune piccole migliorie di carattere materiale – un frigorifero, qualche sedia e un dondolo da giardino – e che aveva poi cercato di allentare il «clima persecutorio e carcerario» del reparto, riducendo al minimo le contenzioni, stimolando l’organizzazione di assemblee settimanali tra personale infermieristico e degenti e rifiutandosi di accettare nuovi “ospiti”, ma solo se provenienti da altre sezioni e lì inviati per motivi “disciplinari”. Al termine di un’indagine durata diversi mesi – dalla quale sono stati tratti i dati proposti più sopra – la Commissione di tutela della ALMM poteva così annotare quanto segue: «il reparto attualmente non si differenzia in nulla dagli altri reparti dell’OP; i malati non denotano alcun elemento di pericolosità particolare né occorre esercitare nei loro confronti sorveglianza o provvedimenti speciali […]. Il 13 può essere di fatto definito un reparto come tutti gli altri»42.

  • 43 “Gazzetta del Popolo”, Dietro le mura di Collegno, 9 giugno 1976.
  • 44 ALMM (a cura di), Alternative astratte e manicomio reale: situazione degli OOPP di Torino dall’1.1 (...)

40La situazione era però destinata a mutare e già nel giugno del 1976, a distanza di appena tre anni da quell’indagine, l’ex “furiosi” sembrava essersi ritrasformato nel luogo fatiscente e privo di vita che era stato in passato: «è il reparto più squallido in cui mettiamo piede», riferiva senza mezzi termini un inviato della “Gazzetta del Popolo”; «sbarre e cancelli dovunque, un’aria di vecchio e di sporco […], a metà corridoio tre cessi e tre orinatoi, sudici e puzzolenti, senza dubbio i servizi igienici più ributtanti di tutto il manicomio»43. Di lì a poco quel giudizio doveva essere confermato dalla stessa Commissione di tutela, che sarebbe giunta a parlare esplicitamente, in seguito a nuove ispezioni, di un clima di «desolazione» e di «abbandono»: anche qui «alcuni degenti dormono coricati sulle panche e la maggior parte percorre e ripercorre il lungo corridoio nervosamente mentre altri siedono, apatici e assenti, appoggiati ai tavoli. Un [ricoverato] è perennemente contenuto ai polsi perché – ci dicono gli infermieri – “è pericoloso e spacca sempre i vetri”»44.

  • 45 Si vedano i seguenti articoli, tutti a firma di Alberto Papuzzi: Matti e anche dimenticati, 18 mag (...)
  • 46 Si precisa che le relazioni in questione, una ventina in tutto, giacciono attualmente presso un ar (...)

41Volgiamo ora lo sguardo alle strutture manicomiali nel loro insieme, per provare a capire se la profonda involuzione riscontrata a proposito del reparto 13 possa essere considerata un fenomeno di carattere generale, relativo cioè a tutta o alla gran parte dell’istituzione ospedaliera, o se si sia trattato piuttosto di un fatto circoscritto, di una singola vicenda “sfortunata” e perciò incapace di compromettere a fondo il processo di riforma avviato dopo gli anni della contestazione. A tale scopo potrebbe rivelarsi estremamente utile confrontare le due fonti più ricche di cui si dispone al riguardo: ci si riferisce da un lato a un’inchiesta condotta dalla “Gazzetta del Popolo” tra il maggio e il giugno del 197645 e dall’altro lato a un insieme di relazioni redatte dalla Commissione provinciale di vigilanza sui manicomi all’incirca nello stesso periodo46. Va tenuto presente, d’altro canto, che in precedenza fonti di quel genere avevano mostrato tra loro discordanze anche sostanziali, come era accaduto ad esempio in occasione degli atti di violenza perpetrati ai danni di alcuni malati alla fine del 1968, atti di cui i giornali avevano dato ampia testimonianza e che gli organi ufficiali di controllo avevano invece tentato grossolanamente di ridimensionare, arrivando in certi casi addirittura a negarne la sussistenza.

  • 47 Archivio regionale di deposito, via Sospello, Torino, Fondo Medico provinciale, Regione Piemonte, (...)

42L’immagine che si ricava dagli articoli della “Gazzetta” è quella di un manicomio percorso da tensioni contrastanti, nel quale coesistevano, in un equilibrio sempre precario, elementi di natura diversa: reparti ammodernati nel mobilio, arredati persino «con gusto», complessivamente puliti ed altri che invece sembravano non essere stati neppure sfiorati dagli avvenimenti di quegli anni e che mantenevano intatto l’aspetto asettico e un po’ grigio di un tempo; malati che indossavano vesti borghesi e anziani istituzionalizzati ancora abbigliati con il vecchio “rigatino”; qualche medico volenteroso e dinamico che doveva però fare regolarmente i conti con colleghi molto spesso irreperibili, o perché chiusi nei loro uffici a firmare il “rapportino notturno” compilato dagli infermieri o perché del tutto assenti dal posto di lavoro. «Dal complesso dei rilievi oggettivi risultanti dalle visite effettuate nel periodo gennaio-marzo – notava al riguardo la Commissione di vigilanza – emerge sotto il profilo tecnico-sanitario una situazione diffusa di carenza direzionale ed organizzativa. Anzitutto, nessun adeguato controllo è esercitato sull’espletamento dell’orario di servizio da parte del personale medico ed infermieristico; il persistente rifiuto dell’adozione sistematica, per tutto il personale, della timbratura oraria fa sì che rimangano in vigore procedure (quali la firma sui fogli di presenza […]) che nell’ambiente istituzionale dell’ospedale psichiatrico non offrono garanzia alcuna contro isolati od abituali abbandoni del servizio, abusi avallati da espliciti o taciti consensi dell’autorità, oppure sistematiche posizioni di privilegio clientelare […]. Ai fini della continuità assistenziale – proseguiva la relazione – molto gravi appaiono alcuni provvedimenti dell’amministrazione, che ha concesso ai medici la settimana corta e la possibilità di espletare l’orario di servizio giornaliero in un solo turno. Ciò determina inevitabilmente, pur nella pienezza degli organici, un calo abissale dei livelli di assistenza non soltanto psichiatrica ma anche generica […]. Per un grande complesso ospedaliero dell’ordine di 500-1200 degenti, quali sono le dimensioni degli OO.PP. di Torino, questa situazione deve ritenersi anomala e fonte di grave danno potenziale e reale ai ricoverati. Un solo medico di guardia può risultare non in grado di soddisfare correttamente le esigenze internistiche di simile popolazione ospedaliera; ciò si afferma non in ragione della capacità o della dedizione del medico ma per il fatto che, nel clima di diffuso anche se non generale lassismo dell’istituto psichiatrico, l’assenza per tanto tempo di tutti i medici meno uno – spesso il più giovane e meno esperto – determina arbitrarie decisioni di rinvio delle chiamate o comunque di attesa ingiustificata»47.

  • 48 Archivio regionale di deposito, via Sospello, Torino, Fondo Medico provinciale, Regione Piemonte, (...)
  • 49 Si trattava di scariche elettriche somministrate sui genitali, ad un voltaggio tale da provocare s (...)
  • 50 Per una ricostruzione della vicenda processuale si veda A. Papuzzi, Portami su quello che canta, p (...)

43La Commissione di vigilanza accennava poi anche a diverse malate contenute o «assicurate mediante fasce alle poltrone» presso la sede manicomiale delle Ville Regina Margherita a Collegno48. Il fenomeno delle contenzioni fisiche all’interno degli ospedali psichiatrici – stranamente trascurato dalla “Gazzetta del Popolo” – è però difficile da quantificare con esattezza, specialmente quando non si disponga, come nel nostro caso, degli appositi registri nei quali venivano annotati, giorno dopo giorno, i nomi delle persone sottoposte a quelle misure. Ci si sarebbe comunque aspettati, dopo il “falò” del 13 settembre 1969, che il ricorso a cinghie e morsetti fosse andato pian piano attenuandosi. Risulta invece, stando almeno a quanto ci dicono i relativi “rapportini” diurni e notturni, che ancora nella seconda metà degli anni Settanta in alcune sezioni c’erano pazienti contenute quasi ogni notte, anche per mesi consecutivi. Si trattava probabilmente di casi isolati, che tuttavia denotavano, nel loro insieme, il persistere di quelle vecchie logiche coercitive contro cui con tanto vigore si era battuto, soltanto pochi anni prima, il movimento di contestazione antimanicomiale. Peraltro va precisato che le manifestazioni più eclatanti di violenza ai danni dei ricoverati sembravano ormai essere pressoché scomparse. Così come pure certe tecniche terapeutiche assai in auge in passato, in particolare l’apomorfina, una sostanza con spiccate proprietà emetiche usata nel trattamento delle dipendenze da alcool, e l’elettroshock, caduto letteralmente in disuso anche per effetto del clamore suscitato dal caso del dottor Coda, il medico noto per i suoi “elettromassaggi” lombopubici49, che nel luglio del 1974 era stato condannato a cinque anni di reclusione per maltrattamenti continuati ed aggravati nei confronti di alcuni degenti di Collegno50.

  • 51 “l’Unità”, Superare l’istituzione manicomiale puntando su strutture decentrate, 25 aprile 1976. Ar (...)
  • 52 “Gazzetta del Popolo”, Come lottare in manicomio. Qualche tempo dopo anche Attilio Sabbadini avreb (...)

44Le fonti fin qui esaminate, insomma, fanno pensare, se non proprio ad una vera involuzione come quella rilevata per il reparto 13, perlomeno ad una brusca frenata del processo di rinnovamento, ad una fase di stagnazione sulla quale potrebbero aver influito svariati fattori. In primo luogo si deve tener presente che alcune delle più innovative esperienze riformatrici erano andate un po’ alla volta esaurendosi: in certi casi per l’emergere di contrasti interni tra i vari membri delle équipes, dovuti a divergenze di linea o a dissapori di carattere personale; in altri – probabilmente più numerosi – perché chi se n’era fatto promotore aveva poi preferito, dopo la creazione dei servizi di zona, proiettare le proprie energie all’esterno, nella convinzione, forse, che operando direttamente sul territorio sarebbe stato possibile dar vita ad una sorta di argine, ad un cordone protettivo capace di ridurre l’accesso di nuovi pazienti in manicomio. A ciò si aggiunga il fatto che la Giunta di sinistra insediatasi al governo della Provincia dopo le consultazioni elettorali del 15 giugno 1975 aveva posto a cardine della sua azione in campo assistenziale proprio il progressivo trasferimento all’esterno delle risorse umane e finanziarie disponibili; quella politica, però, unitamente al «blocco rigido delle assunzioni»51 in ospedale psichiatrico imposto all’Opera pia, nel concreto aveva anch’essa contribuito ad allontanare dal manicomio alcune tra le forze progressiste più dinamiche. Col risultato che le attività riabilitative e risocializzanti, caratteristica cruciale delle prime comunità terapeutiche, verso la metà degli anni Settanta parevano ormai rappresentare poco più di un debole ricordo del passato. Piera Piatti, che in qualità di presidente della ALMM aveva a lungo sostenuto una strategia di “superamento” radicalmente diversa rispetto a quella adottata dall’amministrazione provinciale, fondata cioè sul miglioramento dell’assistenza interna alle strutture ospedaliere, così ebbe modo di riassumere i termini della questione durante una tavola rotonda ospitata dalla “Gazzetta del Popolo”: «ma non si distrugge il manicomio con le parole, con le ideologie; né con i programmi, i verbali, le discussioni, i dibattiti […]. Il manicomio si distrugge nella misura in cui lo si cambia, lo si migliora. Questa è l’ennesima contraddizione con cui ci scontriamo: che per distruggere l’istituzione manicomiale è necessario migliorarla. Accettare questa contraddizione non è facile: ci sono stati su questo punto degli scontri perché ci sono gli ideologi puri, gli astratti, che quando tu dici “mettiamo il gabinetto per il degente” ecco che ti rispondono: “no, perché rafforza l’istituzione”. E non si rendono conto che ciò che rafforza veramente l’istituzione è lasciare il degente in condizioni penose»52.

  • 53 In sua difesa si era schierata compatta la ALMM: «le accuse – recitava un comunicato stampa dell’a (...)

45Se i contrasti interni al fronte antimanicomiale non avevano certo giovato alla riforma della psichiatria torinese, ancor più deleterio in tal senso si era rivelato il lento acutizzarsi, in special modo dentro gli ospedali, di forme striscianti e più o meno sotterranee di resistenza al cambiamento; rispetto ai tempi della crisi non c’erano più forze conservatrici chiaramente individuabili, quali erano state per un certo periodo il consiglio di amministrazione dell’Opera pia, i sindacati infermieristici o la Giunta provinciale democristiana; quelle resistenze, invece, tendevano ora a manifestarsi solo di tanto in tanto, sfociando più che altro in contenziosi tra singoli individui, condotti spesso a colpi di denunce, querele, controquerele ed esposti alla Magistratura. Fin dalla sua nomina a presidente dei manicomi, nel 1971, il più colpito di tutti era stato senza dubbio Andrea Prele: nel maggio del 1976, ad esempio, l’allora segretario della UIL ospedalieri, Carlo Fiordaliso, era giunto persino ad accusarlo di peculato53 e questo proprio mentre si stava per procedere, dopo quasi un anno e mezzo dalla scadenza del mandato, a rinnovare il cda dell’Opera pia. La manovra non aveva però sortito gli effetti desiderati e alla fine Prele era stato riconfermato alla guida dell’ente, incarico che avrebbe poi mantenuto fino al 1980.

Manicomio, settore, cliniche private

46Nell’aprile del 1977, trentasei zone sulle quarantaquattro in cui era stato suddiviso il territorio della provincia di Torino risultavano ormai raggiunte dai servizi psichiatrici settoriali; le nove zone ancora completamente “scoperte”, tutte situate al di fuori dell’area urbana torinese, coincidevano con i Comuni di Susa, Avigliana, Lanzo, Ciriè, Perosa Argentina, Strambino, Caluso, Carmagnola, Moncalieri e Rivarolo. Gli ambulatori aperti al pubblico, appena sette all’inizio del 1973, erano diventati nel frattempo ventidue, cui facevano capo in tutto trentatre équipes esterne, per un totale di circa duecentocinquanta operatori coinvolti tra medici, infermieri, assistenti sociali, psicologi, educatori e assistenti sanitarie visitatrici.

47Permanevano – è vero – diversi problemi irrisolti e squilibri di carattere geografico: ben poche équipes, ad esempio, erano complete, ad alcune mancavano figure cruciali come lo psicologo o l’assistente sociale, altre erano addirittura prive dello psichiatra oppure di uno o più infermieri; la qualità dell’assistenza poteva poi variare sensibilmente da zona a zona, in funzione dell’orario di apertura degli ambulatori e soprattutto della maggiore o minore reperibilità dei medici, molti dei quali, in particolare quelli che si trovavano in regime di “distacco” dall’Opera pia, lavoravano sul territorio a tempo parziale, dovendo dedicare parte della propria giornata all’attività ospedaliera. Quanto alle strutture, infine, esse si limitavano quasi ovunque a piccoli dispensari collocati spesso in sedi “di fortuna”: nei locali del Municipio, come ad Orbassano e San Mauro, paesi situati entrambi alle porte di Torino, all’interno di ospedali civili e – in certi casi – presso gli uffici del Centro d’igiene mentale o dei medici condotti.

  • 54 Cfr. A. Rossati, Considerazioni sulla spesa per l’assistenza psichiatrica sostenuta dalla amminist (...)
  • 55 Regione Piemonte, Assessorato sicurezza sociale e sanità, Ufficio del Medico provinciale di Torino (...)

48Va detto, inoltre, che malgrado lo sviluppo della politica di settore fosse avvenuto nel rispetto delle scadenze temporali e in parte anche dei parametri quantitativi previsti dal Protocollo aggiuntivo nel luglio del 1973 a distanza di quattro anni dalla stipula di quel documento era ancora il manicomio il vero fulcro del sistema assistenziale torinese. E questo non soltanto per il fatto che esso impiegava quasi duemila operatori – a fronte dei circa duecentocinquanta attivi sul territorio – ma anche perché l’amministrazione provinciale continuava a spendere per il pagamento delle rette ospedaliere una cifra corrispondente ad oltre sei volte quella investita nei servizi di zona54. Né si deve dimenticare che nel 1977 la popolazione manicomiale, sebbene fosse in costante decrescita ormai da più di dieci anni, ammontava ancora a 2.175 degenti. Rispetto al passato erano però nettamente diminuiti i ricoveri di casi acuti, con la conseguenza che i padiglioni di osservazione erano andati un po’ alla volta tramutandosi «in reparti di medio o lungo degenza» e l’ospedale «nel suo complesso» sembrava ora attraversato da una «minore tensione diagnostica e terapeutica». Tale almeno era il giudizio della Commissione di vigilanza55, che attribuiva le cause di quei cambiamenti ad un duplice ordine di fattori: da un lato al «lavoro dei servizi esterni» e dall’altro lato al «forte sviluppo dell’ospedalizzazione privata».

  • 56 Cfr. “Gazzetta del Popolo”, Quando la follia rende miliardi, 16 febbraio 1977.
  • 57 Cfr. APC, Servizi psichiatrici di zona (a cura dell’équipe dell’Unità locale 28), «Ricerca sull’em (...)

49Pare in effetti che a partire dalla fine degli anni Sessanta il ruolo esercitato dai privati in campo assistenziale fosse andato via via rafforzandosi parallelamente al progressivo ridimensionamento delle istituzioni pubbliche: già nel 1974 l’INAM aveva autorizzato oltre 3.600 ricoveri in strutture convenzionate, 1.200 in più di quelli disposti nello stesso anno in manicomio56; nel 1976 le cinque cliniche private della provincia di Torino (Villa Augusta, Villa Cristina, Villa della Salute, Villa Patrizia e Ville Turina Amione) erano arrivate ad accogliere, nel loro insieme, quasi 5.000 nuovi degenti contro i 2.500 entrati nello stesso periodo in ospedale psichiatrico57. È opportuno però sottolineare che fino almeno al 1980 – come si evince bene dalla tabella 5 – il numero delle ammissioni nelle sette case di cura neuropsichiatriche piemontesi (alle cinque già citate si devono aggiungere la clinica San Michele di Bra e la San Giorgio di Viverone) si mantenne sempre piuttosto stabile, oscillando tra i 5.175 ingressi del 1979 e i 6.009 del 1977; dopo l’approvazione della legge 180, nel maggio del 1978, i ricoveri manicomiali erano invece letteralmente crollati, passando da una media di circa 2.300 all’anno nel periodo 1970-1978 ai 499 del 1979, scesi a 404 nel 1980.

Tabella 5: ricoveri e spese relative nelle 7 case di cura private piemontesi (1975-1980). FONTE: Giornata di studio su salute mentale e case di cura neuropsichiatriche, in Archivio CIPES Faldone 429.

  • 58 Faceva eccezione Villa Cristina, che fin dalla sua istituzione, nel 1851, aveva funzionato a tutti (...)

50Il che comprovava come tra il settore pubblico e quello privato i rapporti fossero forse un po’ meno stretti di quanto non avesse ipotizzato la Commissione di vigilanza. Del resto le cliniche ricoveravano perlopiù malati paganti in proprio o lavoratori che usufruivano di assistenza mutualistica mentre il manicomio era riservato per legge ai soli «alienati poveri». I rispettivi circuiti di reclutamento dei futuri degenti erano insomma piuttosto indipendenti l’uno dall’altro, anche in virtù del fatto che nel privato, di norma, non era ammesso il regime coattivo58.

51Per concludere si può dunque affermare che alle soglie della legge 180 la complessità del panorama assistenziale torinese risultava, in confronto all’epoca ormai lontana della contestazione, notevolmente aumentata, in particolare all’esterno, dove al vecchio Centro d’igienementale era andata pian piano affiancandosi una rete di ambulatori settoriali ben più articolata e con un radicamento sul territorio senza dubbio maggiore; il manicomio, per parte sua, viveva una fase di incertezza, in bilico tra istanze di rinnovamento ancora presenti e più o meno mascherate nostalgie del passato. Certo, l’enorme spinta dal basso che aveva contribuito, tra la fine del 1968 e i primissimi anni Settanta, a destabilizzare l’ordinamento istituzionale consolidato si era quasi del tutto esaurita; la sua eredità culturale e politica si era però mantenuta viva e va riconosciuto che tanto l’Opera pia quanto l’amministrazione provinciale avevano cercato in qualche modo di raccoglierla e di farla propria, tramutandola poi in un progetto concreto di riforma. Ancorché con tutte le difficoltà e le contraddizioni di cui si è dato conto fin qui, quel progetto era stato in parte realizzato; nel frattempo, alla guida degli ospedali psichiatrici di Torino era stato chiamato Agostino Pirella, ex collaboratore di Basaglia a Gorizia e in seguito direttore del manicomio di Arezzo; a lui sarebbe toccato il duro compito di portare a compimento il percorso di trasformazione iniziato alla fine degli anni Sessanta.

La riforma, finalmente

Premessa: la psichiatria contro i manicomi

  • 59 La mozione è pubblicata sul “Bollettino dell’AMOPI”, Stabilimento Grafico Commerciale, Firenze, an (...)

52Il 23 maggio del 1969, al termine di un convegno organizzato dall’amministrazione provinciale di Venezia, veniva approvata «per acclamazione» la seguente mozione finale, redatta, fra gli altri, dal presidente dell’AMOPI, Eliodoro Novello, e dai responsabili degli Uffici sanità della DC e del PCI, Giancarlo Bruni e Sergio Scarpa: «il problema […] della tutela della salute mentale non può trovare soluzione nell’ospedale psichiatrico e neppure nei reparti psichiatrici, ma nell’unità sanitaria locale intesa nel suo concetto di intervento globale, preventivo, curativo e riabilitativo. Il convegno, pertanto, afferma il principio fondamentale della deospedalizzazione dell’assistenza […], che si potrà attuare sia attraverso il blocco assoluto della costruzione di nuovi ospedali […], sia attraverso il progressivo sfollamento dei degenti dagli istituti»59.

  • 60 La mozione è pubblicata sul “Bollettino dell’AMOPI”, Stabilimento Grafico Commerciale, Firenze, an (...)

53A quelle stesse conclusioni giungeva, appena dieci mesi più tardi, anche il Convegno “Psichiatria ed Enti locali”, tenutosi a Reggio Emilia il 24 ed il 25 marzo del 1970: «i partecipanti – si legge nel documento sottoscritto alla fine dei lavori – […] ritengono loro dovere prendere pubblica posizione [e] affermano che il problema della […] salute mentale può essere risolto esclusivamente nell’ambito […] del Servizio sanitario nazionale […]. Il Convegno non solo ribadisce […] il principio della deospedalizzazione dell’assistenza […] – e quindi si oppone alla costruzione di nuovi ospedali […] – ma ancor più esprime il proprio giudizio negativo sulla prospettata istituzione di enti ospedalieri psichiatrici, che rappresenterebbero un’ulteriore involuzione dell’organizzazione attuale»60. Tra i firmatari della mozione spiccavano ancora una volta i nomi di Novello, Bruni e Scarpa, cui si aggiungeva quello di Giovanni Jervis, che dopo aver lasciato Gorizia, nel giugno del 1969, si era trasferito proprio a Reggio, città in cui sarebbe rimasto fino alla seconda metà degli anni Settanta, dedicandosi all’organizzazione di un servizio psichiatrico territoriale alternativo al manicomio e, parallelamente, alla stesura di uno dei suoi volumi forse più conosciuti e apprezzati, il Manuale critico di psichiatria.

  • 61 Consiglio direttivo della Società italiana di psichiatria, Linee programmatiche per l’assistenza p (...)

54Sono almeno due le osservazioni che si possono proporre a partire dai documenti appena citati. La prima è che l’approvazione della legge Mariotti, nel marzo del 1968, non aveva per nulla contribuito a sopire le richieste di una riforma complessiva dell’assistenza psichiatrica in Italia. Richieste che al contrario parevano essersi fatte ancor più insistenti proprio in virtù del carattere estremamente parziale di quella legge, le cui principali innovazioni erano consistite – come più volte si è sottolineato in precedenza – nell’introduzione del ricovero volontario e nell’abolizione dell’obbligo d’iscrizione al casellario giudiziale per le persone internate in manicomio. Va poi notato – ed è questo il secondo elemento su cui intendiamo riflettere – come gran parte del mondo psichiatrico italiano si fosse schierato su posizioni antimanicomiali già all’inizio degli anni Settanta. Persino la Società italiana di psichiatria, che per la sua spiccata connotazione accademica aveva sempre trascurato le questioni di natura assistenziale, nel 1972 sarebbe giunta a chiedere ufficialmente il divieto di «costruire nuovi ospedali psichiatrici, né provinciali né affidati ad altri enti o istituzioni»61, prospettando nel contempo un’organizzazione di tipo settoriale, fondata sia su presidi esterni, come ambulatori e centri socioterapici, sia su «divisioni» e «sezioni» specialistiche nelle strutture ospedaliere civili.

55Nell’immediato i due convegni di Venezia e di Reggio non ebbero però alcuna ripercussione concreta sul piano legislativo, tanto che il disegno di legge approntato nei primi mesi del 1971 dall’allora Ministro della Sanità Luigi Mariotti – peraltro mai neppure discusso in sede parlamentare – pur includendo a tutti gli effetti la psichiatria nell’ambito della riforma sanitaria, manteneva sostanzialmente invariata la disciplina relativa ai manicomi, al cui riguardo l’unica innovazione prevista era il passaggio delle competenze amministrative dalle province alle regioni.

Una legge, tanti “padri”: breve cronistoria della riforma

  • 62 XIV Commissione permanente (Igiene e Sanità pubblica) della Camera dei Deputati, Relazione sul Dis (...)
  • 63 Cfr. G. F. Goldwurm, Psichiatria e riforma sanitaria, Teti Editore, Milano 1979.
  • 64 Sul punto in questione, tuttavia, va sottolineata una certa reticenza specialmente da parte del di (...)

56«Onorevoli colleghi! Il testo predisposto dalla XIV Commissione permanente, più comunemente noto come “legge di riforma sanitaria” e che per la prima volta giunge all’esame dell’Assemblea, risponde innanzitutto all’esigenza di dare corpo e concretezza al preciso dettato sancito dall’articolo 32 della Costituzione. Come è noto, questo articolo, in armonia con le tendenze e le aspirazioni della società contemporanea, afferma che spetta ai pubblici poteri provvedere alla tutela della salute, che viene presa in considerazione dall’ordinamento giuridico perché ritenuta bene primario dell’uomo, in quanto […] condizione indispensabile affinché l’individuo possa estrinsecare, liberamente e compiutamente, la sua personalità»62. Nel dicembre del 1977 aveva finalmente inizio, alla Camera, la discussione sulla legge istitutiva del Servizio sanitario nazionale. Il testo, che rappresentava il punto di approdo di oltre un decennio di lotte sindacali, di iniziative naufragate spesso anche sul nascere, di progetti elaborati e mai giunti in Parlamento, di dibattiti e convegni sul tema63, era il frutto di un lungo lavoro di sintesi che la Commissione igiene e sanità aveva effettuato a partire da un ddl governativo e da quattro diverse proposte di legge presentate, rispettivamente, dal PCI, dal PSI, dal Partito Demoproletario e da quello liberale. Per quanto concerne l’assistenza psichiatrica, cui erano dedicati due articoli piuttosto corposi, il n. 30 ed il n. 54, la novità più importante era senz’altro costituita dall’abolizione dei manicomi, misura che ormai pareva godere di un largo consenso sia in campo medico, come si è visto, sia a livello politico64. Permaneva però, a fare in un certo senso da contraltare proprio a quella misura, una forma di ricovero coattivo, il cosiddetto trattamento sanitario obbligatorio (TSO), che sulla base di quanto stabilito dal terzo comma dell’articolo 30 doveva essere disposto dall’autorità sanitaria, previa «proposta motivata di un medico» della USL, ma solo ove fossero esistite «alterazioni gravi dello stato di salute individuale o gravi ragioni di sanità pubblica e condizioni e circostanze» tali da giustificare il «provvedimento per l’impossibilità di adottare idonee misure sanitarie di altra natura».

  • 65 Secondo i radicali la legge avrebbe dovuto indicare con precisione la specificità dei singoli trat (...)
  • 66 Ivi, pp. 13.362-13.363.
  • 67 Camera dei Deputati, Atti parlamentari dell’Assemblea – Discussioni dal 6 dicembre 1977 al 7 febbr (...)
  • 68 Ivi, p. 13.442.

57Alla Camera la questione dei TSO fu da subito al centro di una polemica durissima. Le critiche più intransigenti provennero indubbiamente dai banchi del Partito Radicale, che al riguardo aveva addirittura sollevato una pregiudiziale di incostituzionalità65, poi respinta, e soprattutto di quello demoproletario: «vi sono alcune cose – spiegò Massimo Gorla intervenendo al dibattito sulle linee generali della riforma – che ci lasciano stupefatti […]. Si afferma che il malato ha diritto a comunicare con l’esterno. Lo credo bene! Ci mancherebbe altro che non avesse tale diritto. Non capisco perché si debba regolamentarlo per legge. Si afferma ancora che il malato ha diritto di opporsi ad un trattamento coatto […], rivolgendosi, direttamente o attraverso i suoi legali, al giudice tutelare. Signor Presidente, confesso di non capire. Ho la sensazione che accanto al fermo di polizia, che stiamo trattando in altra sede, si stia istituendo il fermo di malattia»66. Del tutto opposto era invece il punto di vista della DC, di cui si fece portavoce Bruno Orsini, psichiatra e membro della Commissione igiene e sanità della Camera, secondo il quale la malattia mentale poteva essere considerata, in certe circostanze, una sorta di «patologia della libertà»: «perciò può darsi il caso di psicopazienti estremamente bisognosi di cure urgenti ospedaliere [e] che tuttavia non siano in grado di chiederle o addirittura le rifiutino […]. La legge coglie giustamente un punto centrale: il ricovero coatto, come tutti i trattamenti sanitari obbligatori, non è emergenza solo psichiatrica (si pensi alle malattie infettive) e non giustifica quindi una legislazione speciale ma semmai una più moderna e coordinata regolamentazione dei casi che lo rendono indispensabile, così come la legge, appunto, prevede»67. Il compito di illustrare la posizione del PCI, sostanzialmente affine a quella democristiana, fu affidato a Vanda Milano, pure lei psichiatra e pure lei componente della Commissione igiene e sanità della Camera: «noi siamo convinti – disse – che un diverso modo di “fare salute”, una diversa educazione sanitaria, un diverso rapporto medico paziente, una diversa partecipazione democratica ridurranno grandemente […] il ricorso alla coazione […]. Ma il negare ora, contro ogni evidenza, che sussista la necessità, sia pure eccezionale, di un provvedimento coattivo significherebbe non capire e non conoscere la realtà in cui ci muoviamo oppure affermare un principio che ci trova profondamente dissenzienti, cioè quello della malattia come diritto del cittadino. Noi crediamo al diritto alla salute. La coazione non è il fermo della salute: è, in casi del tutto particolari, una garanzia di tutela della salute. Per questo, all’interno dell’articolo 30, ci siamo impegnati a renderla una misura di tipo sanitario e non di pubblica sicurezza»68.

  • 69 F. Basaglia, A. Pirella, Comunicato, senza data, in Archivio ALMM. Parzialmente pubblicato in “l’U (...)
  • 70 “Giorno”, Basaglia contro il referendum, 19 dicembre 1977.
  • 71 “l’Unità”, Perché non si può parlare di fermo sanitario, 22 dicembre 1977.

58Il 17 dicembre anche la basagliana Psichiatria democratica si inserì a pieno titolo nella querelle in corso alla Camera: «esprimiamo preoccupazione e dissenso su questa proposta […] – recitava un comunicato stampa dell’associazione – perché tale forma di “trattamento sanitario obbligatorio” (a parte ogni giudizio sulla sua reale efficacia terapeutica) costituisce lesione della libertà personale e dei diritti del cittadino e non può pertanto essere lasciata alla decisione dell’autorità sanitaria»69. Quarantott’ore dopo era lo stesso Franco Basaglia, in un’intervista concessa al «Giorno», ad esprimere un giudizio complessivamente negativo sulla riforma: «è una danza di principi vecchi e nuovi, evidente risultato di un lavoro di compromesso che rischia di lasciare le cose esattamente come sono, con tutti i poteri delegati al medico e ad altri personaggi che con la cura del malato non hanno nulla a che fare. In effetti la legge presuppone l’esistenza di un’organizzazione sociale completamente diversa, assolutamente democratica. Ciò che non è. Bisogna [prevedere] – proseguiva Basaglia – delle norme transitorie. La proposta [attuale] potrebbe anche essere accettabile se conoscessimo le norme transitorie per realizzarla, perché è chiaro che senza [di esse] non ci si potrebbe nemmeno muovere, oppure ci si muoverebbe sempre illegalmente, con il pericolo di denunce e di processi»70. Il 21 dicembre, infine, giungeva la replica di Vanda Milano: attraverso un lungo articolo pubblicato su “l’Unità” e intitolato emblematicamente Perché non si può parlare di fermo sanitario la psichiatra del PCI imputò a Basaglia e Pirella «errori di lettura anche banali», precisando poi che «l’autorità sanitaria di cui parla[va] l’articolo 30 non e[ra] il medico ma il sindaco»: «il sindaco peraltro – proseguiva l’articolo – [agisce] sulla base di un disposto di legge e di un’indicazione fornita dagli operatori del settore. Non vi è quindi alcun medico che possa, “senza informare nessun organo pubblico per 48 ore, decidere con potere assoluto il ricovero coatto in manicomio”, perché l’autorità sanitaria non è il medico e il ricovero coatto non può avvenire nell’ospedale psichiatrico. Né il giudice tutelare ha nella legge funzioni costrittive ma semmai di controllo e di carattere garantista»71.

  • 72 “Giorno”, Basaglia contro il referendum cit.
  • 73 Cfr. Camera dei Deputati, Atti parlamentari dell’Assemblea – Discussioni dal 6 dicembre 1977 al 7 (...)
  • 74 Nelle sedute dell’11 e del 12 gennaio 1978 erano stati approvati gli articoli dall’1 al 10. Le vot (...)
  • 75 Nel testo unificato della Commissione si parlava più genericamente di “servizi all’interno di stru (...)

59Intanto, mentre i lavori parlamentari procedevano a rilento, sia per l’oggettiva complessità della materia in esame sia per effetto della crisi di governo del gennaio ’78, cui si aggiunse poi anche, a marzo, il rapimento dell’onorevole Moro, si profilò la celebrazione di numerosi referendum promossi all’inizio del ’77 dal Partito Radicale, uno dei quali chiedeva l’abrogazione della normativa giolittiana sui manicomi e sugli alienati, all’epoca ancora in vigore. L’opzione referendaria era invisa a tutte le forze politiche e pure Basaglia vi si era dichiarato fermamente contrario, dicendosi certo di un responso negativo da parte degli elettori72; i radicali avevano invece continuato a sostenere l’utilità – e la legittimità – della loro strategia anche dopo che alla Camera era stato presentato, nel dicembre del 1977, il testo unificato della Commissione igiene e sanità73, testo che come si è accennato poc’anzi prevedeva espressamente, all’ultimo comma dell’articolo 30, l’abrogazione della vecchia legge manicomiale del 1904. Se si fosse trattato di un modo per costringere il Parlamento a decidere senza ulteriori esitazioni o piuttosto di una difesa di principio del referendum, in un momento storico in cui parevano manifestarsi volontà di revisione più o meno profonda di quell’istituto giuridico, in fondo poco importa. L’elemento da sottolineare è forse un altro e cioè il fatto che l’approssimarsi della scadenza referendaria, fissata per l’11 giugno del 1978, innescò una reazione a catena destinata a mutare completamente il corso degli eventi. Vediamo dunque cosa accadde. Innanzitutto va ricordato che per eludere il tanto temuto voto popolare la legge istitutiva del Servizio sanitario nazionale doveva essere promulgata entro e non oltre la metà di maggio, scadenza però impossibile da rispettare, dato che in quei giorni il testo della Commissione si trovava ancora all’esame della Camera (ne erano stati votati appena pochi articoli)74. Il Governo si affrettò allora ad approvare un disegno di legge denominato “Accertamenti e trattamenti sanitari obbligatori”, che fu poi affidato, per sveltirne ulteriormente l’iter legislativo, alle Commissioni igiene e sanità di Camera e Senato in sede deliberante. Il nuovo ddl si ispirava, come esplicitamente richiesto da un documento congiunto firmato da AMOPI, Psichiatria democratica e SIP, agli articoli 30 e 54 del progetto di legge sulla riforma sanitaria: per la prima volta, tuttavia, compariva l’espressione “servizi psichiatrici di diagnosi e cura” (SPDC) ad indicare il luogo fisico all’interno degli ospedali generali ove avrebbe dovuto espletarsi il trattamento sanitario obbligatorio per malattia mentale in regime di ricovero75. Altre piccole correzioni si erano poi rese necessarie, naturalmente, per eliminare dal testo ogni riferimento diretto a tutte quelle strutture, come ad esempio le USL, che al momento non esistevano ancora e che sarebbero state istituite soltanto a dicembre, con l’approvazione della legge sul Servizio sanitario nazionale.

  • 76 «La fase acuta della malattia di natura psichiatrica è gestita in ospedale civile mediante l’utili (...)
  • 77 Camera dei Deputati, Atti parlamentari – Discussioni della XIV Commissione (Igiene e Sanità pubbli (...)

60Nel corso delle votazioni, tenutesi il 28 aprile e il 2 maggio del 1978, il ddl governativo venne però sottoposto ad alcune ulteriori modifiche. In primo luogo fu approvato un emendamento di carattere garantista, suggerito dal PCI e dal PSI, che introduceva l’obbligo di una seconda convalida medica, oltre a quella già prevista in origine, per i provvedimenti di trattamento sanitario obbligatorio. Si stabilì inoltre che quei provvedimenti, qualora avessero comportato una degenza in ospedale, avrebbero potuto essere disposti solo al verificarsi simultaneo di tre diverse condizioni: la presenza di «alterazioni psichiche tali da richiedere urgenti interventi terapeutici»; il rifiuto, da parte del malato, di quei trattamenti; la mancanza delle «condizioni» e delle «circostanze» necessarie ad «adottare tempestive ed idonee misure sanitarie extra ospedaliere». Vi fu poi uno scontro alquanto vivace sul problema degli SPDC. Il Partito Socialista, che nella sua proposta di legge sulla riforma sanitaria aveva addirittura optato per la soluzione del “letto tecnico”76, chiese – ed ottenne – che nell’articolo aggiuntivo 6-bis (…devono essere istituiti specifici ed autonomi servizi psichiatrici di diagnosi e cura), presentato dal relatore Orsini, fosse soppresso l’aggettivo “autonomi”: «andava rifiutata – avrebbe spiegato più tardi l’onorevole Angelo Tiraboschi – l’intenzione di costituire, esaltandone l’autonomia, [strutture] corrispondenti a dei piccoli manicomi […]. L’eliminazione del termine usato nel testo […] offre più solide possibilità di un collegamento permanente tra degenti e servizi territoriali, tra operatori e contesto familiare e sociale»77; su precisa istanza del PCI, infine, il numero massimo di posti letto all’interno dei Servizi psichiatrici di diagnosi e cura venne abbassato da 20 a 15.

  • 78 Pirella sostiene tuttavia che l’ultimo dei tre criteri necessari per l’applicazione dei TSO («se n (...)
  • 79 Segreteria nazionale di Psichiatria democratica, Documento senza titolo, in Archivio ALMM. Quanto (...)
  • 80 A quanto pare la soluzione degli SPDC era stata “ideata” proprio dal presidente dell’AMOPI Novello (...)

61Sciolti i nodi residui e approvato l’intero articolato della legge, il 2 maggio fu quindi possibile procedere alle dichiarazioni di voto. A riesaminare oggi i resoconti stenografici di quella seduta ciò che salta immediatamente agli occhi è un sentimento comune e condiviso di soddisfazione per il risultato raggiunto: aspetto da non trascurare, quest’ultimo, perché testimonia molto bene della larghissima convergenza che era venuta realizzandosi, soprattutto nella fase conclusiva dei lavori, tra le varie forze politiche rappresentate in Commissione. Anche se gli sarebbe poi stata attribuita la paternità della nuova normativa – paternità che gli va senza dubbio riconosciuta, se non altro sul piano culturale – Basaglia era uscito “sconfitto” almeno su due punti qualificanti della riforma: in primo luogo sui trattamenti sanitari obbligatori, cui – come si è visto – si era subito energicamente opposto78; e in secondo luogo sugli SPDC, sempre ammesso che possano far fede, al riguardo, le “linee guida” per l’applicazione concreta della legge dettate dalla Segreteria nazionale di Psichiatria democratica ai suoi iscritti, nelle quali si chiedeva di «lottare contro l’istituzione dei servizi […] di diagnosi e cura negli ospedali generali, che costituiscono di fatto una gestione separata e ripropongono […] al di là delle buone intenzioni la logica del manicomio»79. Ben più appagata poteva invece ritenersi l’AMOPI, che su entrambi quei punti aveva visto accolte, sebbene con alcune parziali modifiche, le proprie rivendicazioni iniziali80; non si dimentichi peraltro che tanto la comunista Milano quanto il democristiano Orsini facevano parte di quell’associazione e avevano intrattenuto relazioni costanti con il suo presidente, Eliodoro Novello, fin dal 1977.

  • 81 Cfr. Pirella, Poteri e leggi psichiatriche in Italia (1968-1978) cit.

62Dopo essere stata approvata, senza alcun emendamento, anche dalla Commissione igiene e sanità del Senato, presieduta dall’onorevole Adriano Ossicini, nel dicembre del 1978 la “180” confluì nella legge 833 istitutiva del Servizio sanitario nazionale. Quel passaggio non fu però scevro di conseguenze sul piano normativo. Qualche variazione «non del tutto innocente» intervenne infatti a modificare la disciplina relativa agli SPDC, affidando alle Regioni il compito di fissarne il limite massimo di posti letto e attenuando sensibilmente il collegamento tra essi ed i presidi territoriali: ai reparti psichiatrici già esistenti negli ospedali civili – e agli apparati medici che li gestivano – erano così garantite maggiore libertà d’azione ed una più ampia autonomia rispetto alle strutture extraospedaliere81. Fu poi aggiunto anche un ulteriore comma sui TSO, che faceva obbligo alle USL di operare per ridurre il ricorso a quelle misure, «sviluppando le iniziative di prevenzione e di educazione sanitaria ed i rapporti organici tra servizi e comunità».

  • 82 “La Stampa”, Che dice Basaglia, 12 maggio 1978.
  • 83 F. Basaglia, Legge e psichiatria, in ID, Scritti, vol. ii cit., p. 461-462.

63Prima di concludere è bene tornare per un istante a Basaglia. Si è detto delle sue numerose perplessità in ordine alla riforma, manifestate ripetutamente ai giornali già a partire dagli ultimi mesi del 1977. Ancora nel maggio del ’78, senza rinunciare ad un po’ di sarcasmo, aveva dichiarato a “La Stampa” che la nuova legge «cerca[va] di omologare la psichiatria alla medicina, cioè il comportamento umano al corpo. È come se volessimo omologare i cani con le banane […]. È sul territorio – aveva poi precisato – che prima di tutto bisogna intervenire. Con strutture non ghettizzanti, combattendo l’emarginazione a tutti i livelli, facendo opera di prevenzione, lottando contro le contraddizioni della società. Negli ospedali ci sarà sempre il pericolo dei reparti speciali, del perpetuarsi di una visione segregante ed emarginante»82. Pur non abbandonando mai l’atteggiamento critico e l’innata vena polemica che l’avevano sempre contraddistinto, più avanti Basaglia avrebbe dedicato alla legge parole ben più concilianti: «la [sua] stessa denominazione – avrebbe spiegato nel corso dell’International Congress of Law and Psychiatry – indica un mutamento del punto di vista. L’oggetto non è più, come nelle vecchie normative, la determinazione dei confini della malattia e l’identificazione delle sue categorie, ma è il trattamento della malattia ed è sulle forme e le ragioni di questo trattamento che interviene la legge […]. Dal momento che il primo comma dell’articolo 1 pone il principio che accertamenti e trattamenti sanitari siano volontari, si deduce che l’ottica è rovesciata rispetto alle normative vigenti. La necessità del trattamento sanitario obbligatorio va dimostrata, ove le altre normative la pongono come insita e definitoria della malattia mentale, oppure, nel caso della legislazione inglese, la pongono come un’eventualità insita in una forma determinata di disturbo, il “disturbo psicopatico” caratterizzato comunque dalla condotta anomala, aggressiva o chiaramente irriflessiva […]. Viceversa la legislazione italiana tende a spostare l’ottica dal comportamento al servizio. Assumendo il principio […] che è il servizio, con le sue risorse, ad identificare la malattia in qualità e quantità, il trattamento sanitario obbligatorio nelle forme della degenza ospedaliera si giustifica solo di fronte all’urgenza, al rifiuto della persona e se “non vi siano le condizioni e le circostanze che consentano di adottare tempestive ed idonee misure sanitarie extraospedaliere”. Il che significa che trattamento sanitario obbligatorio come necessità indica quantomeno un doppio ordine di problemi: da un lato la difficoltà del soggetto, ma dall’altro la risposta del servizio, che ricorre al ricovero in ospedale […] in quanto non ha saputo o potuto organizzare altre misure tempestive ed idonee. Dal comportamento in quanto tale pericoloso si passa alla necessità del trattamento ospedaliero in quanto estrema ratio di un sistema di servizi che non ha organizzato sul territorio una risposta efficace al caso specifico»83.

Notes

1 AGP TO, VCP, anno 1970, vol. i., Presidente della Giunta provinciale, «Relazione programmatica sull’attività dell’amministrazione nel quinquennio 1970-1974», p. 228.

2 La frase è di Luciano Brean. Cfr. AGP TO, VCP, anno 1970, vol. i., p. 374.

3 “La Stampa”, Il manicomio ha invitato i suoi medici e infermieri a difendersi in Tribunale, 8 ottobre 1971.

4 ALMM (a cura di), La Fabbrica della Follia cit., p. 7.

5 Ivi, p. 44.

6 Ivi, p. 57.

7 Ivi, p. 106.

8 La missiva si trova in AST TO, Fondo Gabinetto di Prefettura, Mazzo 713, fasc. 3.

9 Nel 1961, i circa 4.000 ricoverati a carico della Provincia comportavano una spesa di neppure 2 miliardi di lire; dieci anni dopo i ricoverati erano scesi di 1.000 unità ma la spesa era salita a ben 6 miliardi di lire.

10 Cfr. al riguardo AOP TO, VCAOP, anno 1969, seduta del 23 aprile, ordine del giorno riguardante «Proposta di estinzione dell’Opera pia Ospedali psichiatrici di Torino per la successiva provincializzazione»; e anche AGP TO, VCP, 1969, vol. i, ordine del giorno riguardante «Assunzione diretta dei servizi ospedalieri psichiatrici mediante estinzione dell’Opera pia», pp. 17.509-17.515.

11 «I lavoratori dipendenti degli Ospedali psichiatrici di Torino, riuniti in assemblea generale […] il giorno 12 novembre 1971 […] all’unanimità meno tre contrari decidono: di opporsi a qualsiasi forma di provincializzazione sia essa parziale che totale […]. Chiedono le dimissioni del Consiglio di amministrazione dell’Opera pia…». In AST TO, Fondo Gabinetto di Prefettura, Mazzo 713, fasc. 3, n. protocollo 1473, cat. 15/2, 16 novembre 1969.

12 Cfr. AGP TO, VCP, 1970, vol. ii, p. 1.184.

13 Cfr. AGP TO, VCP, 1971, vol. IV, p. 4.702.

14 “Ristrutturazione dell’assistenza psichiatrica. Convenzione tra la Provincia di Torino e l’Opera pia Ospedali psichiatrici di Torino”, articolo 1.

15 Ibidem, articolo 4.

16 Cfr. AGP TO, VCP, 1972, vol. i, p. 5.539.

17 “Protocollo Aggiuntivo”, articolo 2. Riportato in VCP, 1973, vol. ii, pp. 9.835-9.840.

18 ISTAT, Annuario statistico dell’istruzione italiana, anni vari.

19 Cfr. F. Rotondo, Il bicanalismo imperfetto, in “Riforma della Scuola”, 1970, n. 8-9.

20 Cfr. ad esempio la proposta di legge “Tutela della salute mentale ed assistenza psichiatrica” (Marcella Balconi e altri, PCI), presentata alla Camera dei Deputati il 13 marzo del 1965; o ancora la proposta di legge d’iniziativa popolare “Interventi per gli handicappati psichici, fisici, sensoriali e i disadattati sociali”, elaborata alla fine degli anni Sessanta dall’Unione italiana per la promozione dei diritti del minore.

21 C. Prosperi, L’assistenza ai bambini minorati psichici in Italia, in “Federazione Medica”, 1967, citato in P. Rollero, Due opposte concezioni sul valore e sulle possibilità personali e sociali degli insufficienti mentali, in “Prospettive Assistenziali”, n. 3, 1968.

22 La proposta di legge n. 3762 del 1967, “Istituzione di classi e scuole speciali statali, di istituti speciali e laboratori protetti e di scuole di specializzazione per il personale addetto” (Marcella Balconi e altri, PCI), prevedeva ad esempio classi e scuole speciali per minorati psichici ma anche istituti per alunni gracili, tubercolotici, cardiopatici, reumatici, diabetici, epilettici ecc.

23 Cfr. M. Cecchini, Ritardo e differenziali, in “Riforma della Scuola”, n. 6-7, 1970, e F. Rotondo, Il bicanalismo imperfetto cit.

24 Disegno di legge n. 1 (Dal Canton e altri, DC), “Riabilitazione dei soggetti in età evolutiva che presentano irregolarità psichiche”, presentato il 7 giugno 1968; proposta di legge n. 129 (Cattaneo Petrini e altri, DC), “Istituzione di classi e scuole speciali, di laboratori protetti e centri occupazionali”, presentata il 5 luglio 1968; proposta di legge n. 1676 (Foschi e altri, DC), “Organizzazione del settore dell’assistenza sociale e interventi per le persone in condizione o situazione di incapacità e in particolare per i disadattati psichici, fisici, sensoriali e sociali”, presentata il 7 luglio 1969. Il testo integrale delle proposte citate è disponibile in formato digitale sul sito internet della Camera dei Deputati all’indirizzo www.camera.it.

25 Al riguardo si veda D. Larocca, La scuola elementare Cairoli nel quartiere di via Artom dagli anni Sessanta agli anni Ottanta, Tesi di Laurea, Università degli Studi di Torino, 2001-2002.

26 Cfr. AA.VV., Atti del dibattito sulla validità delle classi differenziali nella scuola dellobbligo, ciclostilato, in Archivio ALMM.

27 Cfr. F. Alfieri, Il mestiere di maestro: dieci anni nella scuola e nel Movimento di Cooperazione Educativa, Emme, Milano 1976.

28 Cfr. Gruppo piemontese del MCE (a cura di), Lavoro di quartiere a Torino, in “Riforma della Scuola”, n.5, 1970.

29 Per una breve storia del Movimento di Cooperazione Educativa si può vedere il saggio di G. Cives, Educarsi e cooperare. I pedagogisti laico-democratici, la Scuola di Firenze e il MCE (dal 1950 ad oggi), in E. Catarsi (a cura di), Freinet e la pedagogia popolare in Italia, RCS Libri, Milano 1999.

30 Si veda ad esempio P. Rollero, Recenti disposizioni ministeriali sulle classi differenziali e speciali, in “Prospettive Assistenziali”, gennaio-marzo 1972, n. 17.

31 F. Rotondo, Il bicanalismo imperfetto cit., p. 44.

32 B. Ciari, La grande disadattata, in “Riforma della Scuola”, 1970, n. 4, pp. 18-19.

33 Essi ammontavano a 57.185 nel 1970. Nel 1974 erano scesi a 48.205, per divenire 44.222 l’anno seguente. Cfr. E. Bonasia, A. Rossati, La situazione psichiatrica attuale nella provincia di Torino, in “Annali di Freniatria e Scienze Affini”, Edizioni Minerva Medica, Torino, vol. 90, n.3, luglio-settembre 1977, p. 237.

34 AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-444. Provincia di Torino, Servizi psichiatrici di Zona, «Promemoria per l’assessore alla sicurezza sociale in merito all’organizzazione dell’ufficio amministrativo presso il Centro d’igiene mentale», Torino, 15 aprile 1977.

35 “Protocollo aggiuntivo”, art. 7, comma 2: «in conformità al principio espresso per il servizio psico-medico-sociale nella deliberazione consiliare 18-5-1971 n. 86, la Provincia assumerà, d’intesa con le OOSS, i necessari provvedimenti per assicurare il graduale successivo inserimento sia delle strutture e del personale dipendenti dal predetto servizio psico-medico-sociale, già di sua competenza, sia delle altre strutture indicate nell’allegato regolamento speciale, nell’ambito della prevista organizzazione zonale, a partire dalla data della firma del presente protocollo».

36 AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-444, Provincia di Torino, Servizio di Assistenza Psico-medico-sociale, «Promemoria sull’attività del SPMS», Torino 18 maggio 1977.

37 Comitato di quartiere Borgo Po, Relazione senza titolo, in AA.VV., Torino: sindacati e piano della scuola, Edizioni Stasind, Roma 1971, p. 26.

38 Giovanni Alasia, Relazione senza titolo, in AA.VV., Torino: sindacati e piano della scuola cit., p. 14. Per una rassegna delle principali norme di legge sulla medicina scolastica si veda Disposizioni di legge sulla medicina scolastica, in “Prospettive Assistenziali”, aprile-giugno 1973, n. 22, pp. 14-16.

39 AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-76, CGIL, CISL, UIL, «Missiva all’assessore all’assistenza Attilio Sabbadini», Torino 24 settembre 1975.

40 La cosa era peraltro riconosciuta dagli stessi operatori del CIM, che in una comunicazione indirizzata all’assessore all’assistenza Sabbadini notavano: «la scuola, con il ridimensionamento delle classi speciali, può permanere in un atteggiamento che è sorto sulla scorta dell’attività precedente delle équipes del SPMS, prevalentemente legate da convenzioni ad un depistage spesso in vista dell’inserimento in una classe speciale». Cfr. AGP TO, Categoria 5, Classe 03, Fascicolo D1-444, Provincia di Torino, Servizio di Assistenza Psico-medico-sociale, «Comunicazione per l’assessore alla Sicurezza sociale Sabbadini sulle proposte di intervento delle équipes dell’SPMS che operano nella scuola», Torino 22 settembre 1975. Per un dibattito sul tema prevenzione/diagnosi precoce in riferimento al Centro d’igiene mentale di Torino si veda anche Unione regionale province piemontesi, L’assistenza psichiatrica nel quadro del servizio sanitario nazionale: atti del Convegno, Torino 29/30 maggio 1971, Tip. Stigra, Torino 1971.

41 Cfr. ALMM (a cura di), Una falsa alternativa alla fabbrica della follia, Litostampa “La Precisa”, Torino 1973, pp. 44-45.

42 Ivi, pp. 38 e 40.

43 “Gazzetta del Popolo”, Dietro le mura di Collegno, 9 giugno 1976.

44 ALMM (a cura di), Alternative astratte e manicomio reale: situazione degli OOPP di Torino dall’1.1.78 al 30.4.78 e interrogativi sulla sorte dei malati, stampato in proprio, p. 33. In Archivio ALMM.

45 Si vedano i seguenti articoli, tutti a firma di Alberto Papuzzi: Matti e anche dimenticati, 18 maggio 1976; Vivere in manicomio, 1 giugno 1976; Dietro le mura di Collegno, 9 giugno 1976; A scuola in manicomio, 16 giugno 1976.

46 Si precisa che le relazioni in questione, una ventina in tutto, giacciono attualmente presso un archivio regionale non accessibile al pubblico (Archivio regionale di deposito, Torino, via Sospello).

47 Archivio regionale di deposito, via Sospello, Torino, Fondo Medico provinciale, Regione Piemonte, Assessorato sicurezza sociale e sanità, Ufficio del Medico provinciale di Torino, Commissione provinciale di vigilanza, «Considerazioni conclusive in ordine alle ispezioni effettuate», 5 aprile 1977. Si noti che il dato relativo al numero dei degenti riportato nel documento non è corretto: nel 1977, infatti, la popolazione manicomiale superava le 2.000 unità.

48 Archivio regionale di deposito, via Sospello, Torino, Fondo Medico provinciale, Regione Piemonte, Assessorato sicurezza sociale e sanità, Ufficio del Medico provinciale di Torino, Commissione provinciale di vigilanza, «resoconto visita ispettiva presso la sede delle Ville Regina Margherita di Collegno», 17 gennaio 1977.

49 Si trattava di scariche elettriche somministrate sui genitali, ad un voltaggio tale da provocare sofferenze intensissime ma non abbastanza elevato per indurre perdita di conoscenza.

50 Per una ricostruzione della vicenda processuale si veda A. Papuzzi, Portami su quello che canta, processo ad uno psichiatra, Einaudi, Torino 1977.

51 “l’Unità”, Superare l’istituzione manicomiale puntando su strutture decentrate, 25 aprile 1976. Articolo a firma di Attilio Sabbadini, Assessore all’assistenza della Provincia di Torino. Cfr. anche AFVN, Fondo 1 (Aldo Romagnolli), Faldone 318, BXVI, F 319/A, Giunta provinciale di Torino, «Linee programmatiche in materia psichiatrica», Torino 27 ottobre 1976.

52 “Gazzetta del Popolo”, Come lottare in manicomio. Qualche tempo dopo anche Attilio Sabbadini avrebbe riconosciuto che «in passato, nel partito, nelle forze della sinistra, si temeva molto questo rischio. Per una ragione anche di purezza di linea, si parlava del pericolo di una razionalizzazione del manicomio: cioè, ci si preoccupava di non favorire una segregazione edulcorata. Così è accaduto che non si è messo a fuoco con sufficiente rigore il problema del che fare all’interno del manicomio. Ed è questo immobilismo, questo lasciar sedimentare le cose, il vero rischio che fa sopravvivere l’istituzione». Cfr. “Gazzetta del Popolo”, Ma la fabbrica della follia per ora non chiude i battenti, 12 febbraio 1977.

53 In sua difesa si era schierata compatta la ALMM: «le accuse – recitava un comunicato stampa dell’associazione – tendono a colpire l’uomo, visto che non si è mai riusciti a colpire il presidente. Perché si attacca Prele? È stato il primo presidente che si sia preoccupato di conoscere in ogni dettaglio l’organizzazione e la vita del manicomio; il primo che abbia cercato di mutare le condizioni di vita dei degenti, scontrandosi purtroppo con una serie di resistenze, non ultimo gli ostacoli opposti da numerosi operatori, dallo stesso Consiglio di amministrazione e dall’immobilismo della precedente amministrazione provinciale». Cfr. “l’Unità”, L’associazione contro le malattie mentali difende Prele, 11 maggio 1976.

54 Cfr. A. Rossati, Considerazioni sulla spesa per l’assistenza psichiatrica sostenuta dalla amministrazione provinciale di Torino, in “Annali di Freniatria e Scienze Affini”, Edizioni Minerva Medica, Torino, vol. 90, n.3, luglio-settembre 1977, pp. 331-334.

55 Regione Piemonte, Assessorato sicurezza sociale e sanità, Ufficio del Medico provinciale di Torino, Commissione provinciale di vigilanza, Considerazioni conclusive in ordine alle ispezioni effettuate cit.

56 Cfr. “Gazzetta del Popolo”, Quando la follia rende miliardi, 16 febbraio 1977.

57 Cfr. APC, Servizi psichiatrici di zona (a cura dell’équipe dell’Unità locale 28), «Ricerca sull’emarginazione coatta in manicomio in base alla pericolosità e al pubblico scandalo. Dati e considerazioni concernenti la provincia di Torino per l’anno 1976», Settimo Torinese aprile 1978.

58 Faceva eccezione Villa Cristina, che fin dalla sua istituzione, nel 1851, aveva funzionato a tutti gli effetti alla stregua di un manicomio pubblico e che era poi stata autorizzata a ricevere pazienti “coatti” a norma della legge psichiatrica del 1904.

59 La mozione è pubblicata sul “Bollettino dell’AMOPI”, Stabilimento Grafico Commerciale, Firenze, anno VII, n. 3, giugno 1969, pp. 198-199.

60 La mozione è pubblicata sul “Bollettino dell’AMOPI”, Stabilimento Grafico Commerciale, Firenze, anno VII, n. 2-3, aprile-giugno 1970, pp. 112-114.

61 Consiglio direttivo della Società italiana di psichiatria, Linee programmatiche per l’assistenza psichiatrica, pubblicate sul “Bollettino dell’AMOPI”, Stabilimento Grafico Commerciale, Firenze, anno X, n. 3-4, giugno-agosto 1972, p. 46. Il documento venne poi nuovamente ratificato nel corso del XXXII Congresso nazionale della SIP, svoltosi a Bologna tra il 19 e il 23 marzo del 1975. La mozione approvata in quella circostanza chiedeva inoltre: «l’inserimento della psichiatria nella normativa […] sanitaria generale […]; l’abolizione della legislazione del 1904 e […] dell’ospedale psichiatrico anche nella sua accezione di ospedale specializzato». Cfr. Società italiana di psichiatria, Atti del XXXII Congresso nazionale, Bisceglie Tip. Scuola Casa della Divina Provvidenza, 1976, p. 441.

62 XIV Commissione permanente (Igiene e Sanità pubblica) della Camera dei Deputati, Relazione sul Disegno di legge presentato dal Governo, “Istituzione del Servizio sanitario nazionale” e sulle proposte di legge “Istituzione del Servizio sanitario nazionale” (Triva e altri, PCI), “Istituzione del Servizio nazionale sanitario e sociale” (Gorla e altri, Partito demoproletario), “Istituzione del Servizio sanitario nazionale” (Tiraboschi e altri, PSI), “Istituzione del Servizio sanitario pubblico” (Zanone e altri, PLI), in Camera dei Deputati, Disegni e proposte di legge – relazioni, volume XXVII, Stabilimenti Tipografici Carlo Colombo, p. 3.

63 Cfr. G. F. Goldwurm, Psichiatria e riforma sanitaria, Teti Editore, Milano 1979.

64 Sul punto in questione, tuttavia, va sottolineata una certa reticenza specialmente da parte del disegno di legge del Governo: «nella […] riforma – notava al riguardo la Società italiana di psichiatria – l’abolizione dell’ospedale psichiatrico deve essere indicata in modo inequivocabile […]. A questo proposito si rileva che tale obiettivo sembra non venir considerato come irrinunciabile da tutte le parti politiche. Così ad esempio l’articolo 12 del progetto […] governativo sembra adombrare ancora la permanenza dell’ospedale psichiatrico fra le strutture assistenziali di secondo livello». Cfr. APC, SIP, «Documento sull’assistenza psichiatrica e la riforma sanitaria», Bologna 10 maggio 1977.

65 Secondo i radicali la legge avrebbe dovuto indicare con precisione la specificità dei singoli trattamenti previsti come obbligatori, pena uno stravolgimento dell’articolo 32 della Costituzione. Colloquio dell’autore con Mauro Mellini in data 19 settembre 2008. Cfr. anche Camera dei Deputati, Atti parlamentari dell’Assemblea – Discussioni dal 6 dicembre 1977 al 7 febbraio 1978, Volume xiv, Stabilimenti Tipografici Carlo Colombo, pp. 13.273-13.276.

66 Ivi, pp. 13.362-13.363.

67 Camera dei Deputati, Atti parlamentari dell’Assemblea – Discussioni dal 6 dicembre 1977 al 7 febbraio 1978, Volume xiv, p. 13.356.

68 Ivi, p. 13.442.

69 F. Basaglia, A. Pirella, Comunicato, senza data, in Archivio ALMM. Parzialmente pubblicato in “l’Unità”, Un giudizio di psichiatria democratica, 17 dicembre 1977.

70 “Giorno”, Basaglia contro il referendum, 19 dicembre 1977.

71 “l’Unità”, Perché non si può parlare di fermo sanitario, 22 dicembre 1977.

72 “Giorno”, Basaglia contro il referendum cit.

73 Cfr. Camera dei Deputati, Atti parlamentari dell’Assemblea – Discussioni dal 6 dicembre 1977 al 7 febbraio 1978 cit., pp. 13.273-13.276.

74 Nelle sedute dell’11 e del 12 gennaio 1978 erano stati approvati gli articoli dall’1 al 10. Le votazioni sarebbero poi riprese il 25 maggio. Non corrisponde al vero, dunque, quanto ha scritto Bruno Orsini, secondo il quale la Camera aveva già votato gli “articoli psichiatrici” della riforma sanitaria (il 30 e il 54) nel dicembre del 1978. Cfr. B. Orsini, Vent’anni dopo, in AA.VV., 180 Vent’anni dopo, La Redancia Edizioni, Albisola Superiore 1998.

75 Nel testo unificato della Commissione si parlava più genericamente di “servizi all’interno di strutture dipartimentali”.

76 «La fase acuta della malattia di natura psichiatrica è gestita in ospedale civile mediante l’utilizzazione di posti letto nei vari reparti di medicina. È vietata, all’interno degli ospedali civili, l’istituzione di reparti per malattia di natura psichiatrica». Articolo 16, commi 7 e 8 della proposta di legge “Istituzione del Servizio sanitario nazionale” (Tiraboschi e altri, PSI), in Camera dei Deputati, Disegni e proposte di legge – relazioni cit., p. 28.

77 Camera dei Deputati, Atti parlamentari – Discussioni della XIV Commissione (Igiene e Sanità pubblica) in sede legislativa, Stabilimenti Tipografici Carlo Colombo, p. 211.

78 Pirella sostiene tuttavia che l’ultimo dei tre criteri necessari per l’applicazione dei TSO («se non vi siano le condizioni e le circostanze che consentano di adottare tempestive e idonee misure sanitarie extraospedaliere») fosse stato suggerito direttamente da Basaglia. Cfr. A. Pirella, Poteri e leggi psichiatriche in Italia (1968-1978), in F. Cassata, M. Moraglio (a cura di), Manicomio, Società e Politica, Biblioteca Franco Serantini, Pisa 2005, p. 124.

79 Segreteria nazionale di Psichiatria democratica, Documento senza titolo, in Archivio ALMM. Quanto ai TSO, le linee guida erano altrettanto esplicite: «ribadire ancora una volta, soprattutto con atti pratici, la netta opposizione di PD ad ogni forma di trattamento obbligatorio in condizioni di degenza ospedaliera. Si richiede un’opposizione attiva di PD nei confronti dell’attuazione dei trattamenti sanitari obbligatori, ricorrendo a strategie di risposta alternative coerenti con il patrimonio teorico e pratico di PD».

80 A quanto pare la soluzione degli SPDC era stata “ideata” proprio dal presidente dell’AMOPI Novello, che però aveva proposto per essi un numero di posti letto pari a 30. All’interno dell’associazione non mancavano comunque posizioni assai più conservatrici: soprattutto tra i primari, ad esempio, c’era chi, per ragioni di prestigio professionale, avrebbe preferito il trasferimento negli ospedali generali delle divisioni psichiatriche da 125 posti letto istituite nel 1968 dalla legge Mariotti. Colloquio dell’autore con Eliodoro Novello in data 5 marzo 2007.

81 Cfr. Pirella, Poteri e leggi psichiatriche in Italia (1968-1978) cit.

82 “La Stampa”, Che dice Basaglia, 12 maggio 1978.

83 F. Basaglia, Legge e psichiatria, in ID, Scritti, vol. ii cit., p. 461-462.

Table des illustrations

Légende Tabella 5: ricoveri e spese relative nelle 7 case di cura private piemontesi (1975-1980). FONTE: Giornata di studio su salute mentale e case di cura neuropsichiatriche, in Archivio CIPES Faldone 429.
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/133/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 104k