Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Attraverso le Alpi e lungo il Po : importazione e distribuzione di sigillate galliche nella Cisalpina

 | 
Ada Gabucci

Appendici

Texte intégral

1. I vasai e i decoratori

1Nella tabella che segue sono elencati i nomi dei ceramisti attestati nella Cisalpina ; sono inseriti anche, contraddistinti da un asterisco (*) i nomi dei vasai a cui sono stati attribuiti frammenti solamente sulla base dell’apparato decorativo, mentre in casi come quelli di Doeccus o di Paternus per i quali sono stati individuati marchi di fabbrica, ma a cui sono stati attribuiti anche dei frammenti solo su base stilistica, il nome è seguito da due asterischi (**).

2Per ogni ceramista sono indicate la produzione (LaGr = La Graufesenque ; Ban = Banassac ; Le = Lezoux ; Rh = Rheinzabern) e la cronologia, intesa come l’intero periodo di attività della fabbrica o del vasaio (nel catalogo la cronologia può differire perché è riferita al singolo frammento). Sono segnalate poi le attestazioni nei siti cisalpini e, nell’ultima colonna, è riportato il numero di serie del frammento nel database, che corrisponde al numero citato nel catalogo ; non hanno numero invece i frammenti già editi e non schedati singolarmente.

3Nella tabella è indicato, quando possibile, il riferimento ai volumi di NOTS (il primo numero indica il volume). Per uniformità la cronologia proposta è sempre quella dei volumi di NOTS, anche se in alcuni casi è in disaccordo con quanto si dice nel testo ; in questi casi la scelta di una via o di un’altra è sempre argomentata.

4Sono stati inseriti nel prospetto anche i marchi di fabbrica di Altino, se pure, come si è detto, sulla base di identificazioni ipotetiche. In una seconda tabella sono elencati i marchi di lettura incerta o troppo frammentari e le rosette al centro del fondo interno, anche se si tratta di materiali di produzioni e cronologie molto diverse.

Tav. 3 – Elenco dei vasai e dei decoratori attestati nella Cisalpina.

Vasaio Produzione Cronologia Riferimento NOTS Attestazioni Numero
1 Advocisusa Le 160-200 1.75-78 Milano, Concordia
2 Albucianus Le 155-195 1.134-137 Torino, Aquileia 0073
3 Amandus LaGr 90-125 1.173-174 Torino 0005
4 Amandus V Rh 180-200 1.174-176 Altino
5 Amoenus LaGr 80-100 1.186 Torino 2948
6 Aquitanus LaGr 40-65 1.228-241 Torino 0045
7 Atilianus Le 170-200 1.290-294 Milano
8 Attillus V** ( ?) Le 160-200 1.312-314 Este
9 Banuus Le 175-250 2.10-13 Susa
10 Bassus II LaGr 45-70 2.18-32 Ivrea, Torino,
Bene Vagienna
3011, 3216, 3594
11 Belsus Rh 170-220 2.55-57 Aquileia
12 Borillus I Le 145-175 2.100-104a Torino 0051
13 Butrio Le 115-145 2.131-133 Altino, Aquileia
14 Cadgatis Le 150-180 2.155-158 Ivrea 0001
15 Caletus* Le 180-220) 2.168-169 Industria 3233
16 Calvus i LaGr 65-90 2.178-195 Bene Vagienna, Alba
17 Camius LaGr età tiberiana 2.199 Torino 0041
18 Cantomallus* Le 150-190 2.212-213 Brescia
19 Cassius I Le ( ?) 130-150 2.266-267 Concordia
20 Casurius* Le 155-190 2.283-285 Torino 2631
21 Cautus Le 140-170 2.308 Altino
22 Censor I LaGr 70-90 2.335-341 Torino 3327, 3041
23 C. Cincius
Senovir
LaGr 90-130 3.17-19 Alba, Milano 2016.36.059
24 Cinnamus II** Le 135-180 3.22.5 ;
3.24.5a
Ivrea, Torino, Milano, Calvatone, Aquileia 0034, 2629, 2740, 3008, 3125, 3130, 3131, 3140, 3169, 3271 ;
2016.36.063
25 Cintugenus Le 155-180 3.32-33 Milano 2016.36.046
26 Coe- Bass- LaGr 90-120 3.86 Torino 2725
27 L. Cosius LaGr 90-125 3.129-130 Torino, Milano, Aquileia 3329,
2016.36.057
28 L. Cosius Virilis LaGr 75-110 3.138-146 Torino, Aquileia 2973
29 Cotio (Otio) LaGr 55-80 3.153-154 Libarna 3581
30 Crestio LaGr 45-75 3.175-183 Torino 0048, 2667
31 Criciro V Le 135-170 3.193-196 Milano 2016.36.051
32 Cucalus Le 140-170 3.213-214 Torino 2643
33 Damonus LaGr 20-60 3.242-250 Ivrea 0019
34 Doeccus** Le 170-230 3.296-301 Torino, Milano, Brescia (2 ex) 2659, 2735,
2016.36.064
35 Felix I LaGr 55-85 4.22-34 Torino 3264
36 Flo- Albinus Le 150-185 4.84-85 Ivrea 0020
37 Fuscus II LaGr 85-120 4.119-123 Bene Vagienna, Torino
38 Genialis I LaGr 45-65 4.167-168.2a Torino 0069
39 Germanus**b Ban 90-130 ( ?) 4.182-199 Ivrea, Torino, Libarna, Milano 0003, 2614, 2664, 2665, 2666, 2737, 2738, 2836, 2852, 2898, 3037, 3115 ( ?), 3124, 3133, 3153, 3330, 3584, 3595
40 Icttiama Le 150-195 4.259-260 Chieri 3211
41 Iulia- Tem- LaGr/Ban 115-155 4.319-320 Alba
42 Iulius II LaGr 70-90 4.331-333 Bene Vagienna
43 Iulius Aplastus LaGr 85-120 4.341-342 Torino 0017
44 Iullinus II* Le 160-200 4.364-366 Torino 2734
45 Iustus* Le 160-190 4.389-392 Ivrea 3142
46 Laetus II LaGr I o inizio II secolo 5.11 Sommacampagna
47 Libertus II Le 105-130 5.55-58 Torino 2761
48 Libertus III Le 155-185 5.58-59 Torino 0068
49 Luppa II Le 130-155 5.137-138 Ivrea 3592
50 Macrinus II Le 120-150 5.191-193 Torino 0074
51 Mapillus Le 140-165 5.255-256 Aquileia
52 Marcus v (gruppo di)** Le 165-210 5.280-284 Torino 2739, 2867
53 Mattius II Le 135-165 6.24-25 Torino 0079
54 Meddillus LaGr 55-70 6.52-55 Torino 0043
55 Mercator LaGr 70-110 6.81-86 Emona
56 Mommo LaGr 60-85 6.135-148 Villa del Foro  
57 Mercussa I Le 160-190 6.94-95 Torino 0084
58 Musicus II Le 140-170 6.197-198 Milano 2016.36.047
59 P - 19* Le metà II secolo Ivrea 3174
60 Passenus LaGr 55-75 7.12-30 Tortona 0023
61 Paternus II**c Le 150-185 7.58-63 Aosta, Ivrea, Torino, Industria, Libarna, Concordia 2635, 2726, 2736, 3007 ( ?), 3132, 3236, 3323
62 Patricius LaGr 65-90 7.70-85 Torino 3326
63 Primanus II LaGr I secolo ( ?) 7.196 Torino 0040
64 Primus III LaGr 40-80 7.222-248 Torino 0046, 2916, 3106, 3328
65 Priscus ( ?)* Le 170-210 Torino 2675
66 Pugnus I LaGr 80-110 7.282-283 Bene Vagienna
67 Quintilianus* ( ?) Le 140-160 7.307-309 Industria, Milano 3235
68 Quintus IV/Vd Le 140-200 7.314-317 Ivrea 0021
69 « Rosetta I » LaGr 100-130 Torino 2881
70 « Testa di cane » LaGr 100-120 Tortona 3561
71 Regulus I Le 130-165 ( ?) 7.368-370 Torino 2668
72 Rufinus III LaGr 65-90 7.415-424 Altino, Concordia
73 Sabinus II * LaGr 50-80 Torino 2729
74 Sacer II*e Le 140-160 Ivrea, Torino 3157, 3031
75 Salvetus I (Salvetu/Salve) ? LaGr 30-60 8.71-78 Tortona
76 Sarrutus LaGr 70-90 8.94-96 Torino 3017
77 Satto I LaGr/Ban 85-120 8.99-100 Torino 2944
78 Scotnus LaGr 35-65 8.124-126 Altino
79 Secundinus I LaGr 80-110 8.146-149 Torino 2946
80 Secundinus Avitus Rh 160-200 8.157-158 Aquileia
81 Secundus II LaGr 60-90 8.170-182 Ivrea, Torino,
Bene Vagienna
0037, 0038, 3176
82 Senilis I LaGr 50-65 8.211-213 Torino 0042
83 Servus IV** Le 160-200 8.239-241 Torino, Calvatone 2791
84 Silvanus LaGr 30-80 8.295-305 Bene Vagienna, Libarna 3583
85 Solinus Le 170-200 8.338-340 Torino 0083
86 Sulpicius LaGr 85-110 8.367-372 Torino 3180
87 Vapuso ( ?) LaGr 25-50 ( ?) 9.156-160 Villa del Foro  
88 Veranus Le 160-200 9.188-189 Torino 3325
89 Victor IV
(Victorius)
Le 165-200 9.230-232 Ivrea 0022
90 Virilis II LaGr 80-105 9.270-275 Caselette
91 Vitalis I LaGr 50-65 9.293-299 Torino, Tortona 0025, 0081
92 Vitalis II LaGr 70-100 9.299-321 Torino 0082
a. Qualche dubbio sull’esemplare milanese.
b. Come si è detto Germanus è attivo prima a La Graufesenque e poi a Banassac, ma i frammenti che ho potuto identificare sulla base dell’apparato decorativo dovrebbero essere tutti prodotti del centro gabalo.
c. NOTS : Paternus V.
d. Si tratta probabilmente di un’unica officina in due momenti successivi, come si evidenzia anche in NOTS. Per questo ho scelto, in questa sede, di non tentare una distinzione.
e. Rimane sempre il dubbio di una confusione tra i prodotti di Sacer e di Attianus.

Tav. 4 – Elenco dei marchi di fabbrica, attestati nella Cisalpina, non identificati e/o non letti o interpretati.

Vasaio Prod. Cronologia Forma Attestazioni Numero
93 IVFRI Le ( ?) II secolo Drag. 18 e simili Torino 2886
94 IXIVI 80-200 Caselette
95 R[----]M Le seconda metà II Bet 57 Almese
96 A^M-IN ? 80-200 coppetta Torino 3611
97 O – AR^N 80-200 coppetta Torino 3613
98 ]IM Le 140-240 Bet 32 = Wa 79 Almese 3519
99 ]IMA Le 140-190 Drag. 38 e simili Torino 2673
100 INA LaGr 80-120 Drag. 27C Torino 3047
101 ]SF Le 140-190 Bet 36 = Drag. 33 Torino 2669
102 O[F---]N LaGr 50-150 Drag. 15/17 Tortona 0029
103 ]ERO 80-200 Torino
104 ]IS OF 80-200 Milano
105 OF[ Le 150-200 Piatto Torino 2888
106 O[ 80-200 Drag. 18 Torino 2885
107 ]NII 80-200 Torino 2887
108 rosetta Torino, Almese, Libarna 2951, 2983, 3582
109 non letto 80-200 Drag. 27 Torino 3610
110 non letto 80-200 Drag. 27 Torino 3001
111 non letto Le 80-200 Chieri 3210
112 non letto 80-200 Drag. 18 Libarna 3617
113 non letto 80-200 Drag. 18 e simili Tortona 0026
114 non letto 80-200 Drag. 37 Torino 2672
115 non letterale ? 80-200 Drag. 18 e simili Torino 3612
116 non letterale ? Le 130-180 Bet 28 Torino 2892

2. I motivi figurati

5Nelle pagine che seguono sono raccolti molti dei punzoni identificati su frammenti di sigillate galliche rinvenuti nella Cisalpina. Non si tratta di un elenco esauriente nemmeno per quanto riguarda il materiale torinese, soprattutto perché non tutti i punzoni sono stati identificati, ma è un primo tentativo di catalogo di riferimento per chi tra Liguria interna, Transpadana e Venezia si trova a schedare materiali di provenienza transalpina.

  • 1 Sono raccolti in questa sezione tutti i punzoni in uso a La Graufesenque e quelli che sono stati u (...)

6I punzoni sono raccolti in tre sezioni, una per la Gallia meridionale (La Graufesenque + Banassac)1, una per i motivi peculiari di Banassac e una per Lezoux. La numerazione è quella di Oswald 1936-1937, tranne per i punzoni di Banassac per i quali il riferimento è Hofmann 1988 ; gli ultimi due motivi decorativi di Lezoux hanno i numeri di Delage 1999, che però seguono e integrano quelli di Oswald 1936-1937.

Fig. 87 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 87 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 88 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 88 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 89 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 89 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 90 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 90 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 91 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 91 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 92 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 92 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.

Fig. 93 – Punzoni presenti su prodotti di Banassac.

Fig. 93 – Punzoni presenti su prodotti di Banassac.

Fig. 94 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux.

Fig. 94 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux.

Fig. 95 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux.

Fig. 95 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux.

Fig. 96 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux .

Fig. 96 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux .

Fig. 97 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux.

Fig. 97 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux.

3. Le forme

3.1. Gallia meridionale

3.1.1. Forme lisce

7La sigillata non decorata della Gallia meridionale è presente in quantità molto minore rispetto a quella decorata a matrice e non è possibile distinguere la produzione di La Graufesenque da quella di Banassac. La tipologia che segue, tratta da Genin 2007, è indicativa delle forme più attestate fino ad ora individuate ; la cronologia è quella proposta da Martine Genin, anche se in molti casi la data di inizio della produzione è troppo alta rispetto al momento in cui il vasellame è ragionevolmente giunto sui mercati cisalpini, raramente prima della metà del I secolo.

8
Drag. 27 = Genin 2007, n. 8 (fig. 98.1)
Sono presenti tutte le varianti della forma, ma prevalgono le più tarde B e C ; la Drag. 27°, caratterizzata da una gola in corrispondenza della strozzatura sulla parete, è testimoniata da pochi esemplari.
Cronologia : 15/20-40 (Drag. 27A) ; 15-100/110 (Drag. 27B) ; 80-II secolo (Drag. 27C).

9
Drag. 24/25 = Genin 2007, n. 9 (fig. 98.2)
Non è una forma molto attestata, ma non è escluso che alcuni esemplari siano stati confusi con altre produzioni o non siano stati riconosciuti perché troppo frammentari e siano quindi stati inseriti genericamente tra le coppette.
Cronologia : dall’età tiberiana al II secolo.

10
Ritt. 12 = Genin 2007, n. 11 (fig. 98.3)
Esiste in diverse varianti e in alcuni casi (a Torino) è fornita di becco versatoio. L’attribuzione alla produzione meridionale non è sempre facile poiché la stessa forma è presente anche tra i materiali centrogallici.
Cronologia : dall’età tiberiana al 110 circa.

11
Ritt. 8 = Genin 2007, n. 12 (fig. 98.4)
È presente sia nella variante a orlo indistinto che in quella con orlo sottolineato da una solcatura. Anche questa coppetta, soprattutto se frammentaria, può essere stata confusa con altre produzioni o altre forme simili.
Cronologia : 30/40-II secolo.

12
Drag. 33 = Genin 2007, n. 13 (fig. 98.5)
La forma compare intorno al 40 e viene prodotta fino al II secolo. In assenza di marchio di fabbrica è estremamente difficile distinguere i prodotti meridionali da quelli della Gallia centrale, soprattutto in presenza dei soli fondi.
Cronologia : 40-II secolo.

13
Drag. 35/36 = Genin 2007, n. 15 e 40 (fig. 98.6)
Coppa e piatto caratterizzati dallo stesso labbro pendente decorato à la barbotine con foglie d’acqua ; se frammentari spesso non sono facilmente distinguibili l’una dall’altro, per cui è accettabile considerarli in un unico gruppo.
Cronologia : 70/80-II secolo.

14
Curle 11 = Genin 2007, n. 21 (fig. 98.7)
La forma deriva dalla Ritt. 12, che piano piano sostituisce, ed è caratterizzata da un listello pendente decorato à la barbotine a foglie d’acqua.
Cronologia : 70/80-II secolo.

Fig. 98 - 1) Drag. 27 ; 2) Drag. 24/25 ; 3) Ritt. 12 ; 4) Ritt. 8 ; 5) Drag. 33 ; 6) Drag. 35/36 ; 7) Curle 11.

Fig. 98 - 1) Drag. 27 ; 2) Drag. 24/25 ; 3) Ritt. 12 ; 4) Ritt. 8 ; 5) Drag. 33 ; 6) Drag. 35/36 ; 7) Curle 11.

15
Hermet 23 = Genin 2007, n. 22 (fig. 99.1)
La forma è molto rara, ma pare l’unica a cui si possa attribuire un esemplare di Susa, frammentario, che non conserva il versatoio, ed è provvisto di un piede ad anello.
Cronologia : 70/80-II secolo.

16
Drag. 44 = Genin 2007, n. 24-25 (fig. 99.2)
La forma si presenta con numerose varianti tipologiche, soprattutto nella forma dell’orlo e nella presenza o meno di scanalature in corrispondenza della massima espansione.
Cronologia : 90/100-II secolo.

17
Drag. 18 = Genin 2007, n. 29 (fig. 99.3)
Forma di grande successo con numerose varianti dimensionali e nella forma della parete. Tra i frammenti rinvenuti in Cisalpina non è molto frequente la rotellatura sul fondo. In assenza di bollo è difficilmente distinguibile dalle produzioni centrogalliche.
Cronologia : 15-II secolo.

18
Drag. 15/17 = Genin 2007, n. 30 (fig. 99.4)
Forma ben attestata in diverse delle sue numerose varianti. In assenza di bollo è difficilmente distinguibile dalle produzioni centrogalliche.
Cronologia : 15-II secolo.

19
Hermet 12C = Genin 2007, n. 35 (fig. 99.5)
Piattino poco diffuso, ma utilizzato nella produzione marmorizzata. Noto solo da un sondaggio di La Graufesenque e fino ad ora praticamente sconosciuto sui luoghi di consumo. Presente con almeno un esemplare marmorizzato.
Cronologia : 40-70.

20
Drag. 4/22 = Genin 2007, n. 36 (fig. 99.6)
La coppetta presenta due diverse varianti distinte da Dragendorff a seconda dei rapporti dimensionali.
Cronologia : 40-II secolo.

3.1.2. Forme decorate a matrice

21La coppa carenata Drag. 29, forma tipica del periodo di massima diffusione delle sigillate sudgalliche (40-80), è presente in tutta la Cisalpina, ma in quantitativi molto limitati e lo stesso vale per la coppa cilindrica Drag. 30, che è attestata in pochissimi esemplari di produzione meridionale.

22La coppa emisferica Drag. 37, in tutte le sue varianti tipologiche, con vasca più o meno aperta, e dimensionali, è in assoluto la forma più diffusa tra le sigillate sudgalliche importate nella Cisalpina.

23Molto particolare è, invece, la presenza, a Salò, di un unico esemplare di fiasca lenticolare Déch. 63 riccamente decorato, un oggetto che quasi certamente era stato prodotto su commissione.

Fig. 99 – 1) Hermet 23 ; 2) Drag. 44 ; 3) Drag. 18 ; 4) Drag. 15/17 ; 5) Hermet 12c ; 6) Drag. 4/22 ; 7) Drag. 29 ; 8) Drag. 37 ; 9) Drag. 30 ; 10) Déch. 63.

Fig. 99 – 1) Hermet 23 ; 2) Drag. 44 ; 3) Drag. 18 ; 4) Drag. 15/17 ; 5) Hermet 12c ; 6) Drag. 4/22 ; 7) Drag. 29 ; 8) Drag. 37 ; 9) Drag. 30 ; 10) Déch. 63.

3.2. Gallia centrale

3.2.1. Forme lisce

24La sigillata centrogallica è presente con una maggiore varietà di forme lisce rispetto alla produzione meridionale e soprattutto si distingue per alcuni modelli nuovi e peculiari. La tipologia che segue è tratta da Bet – Delor 2000.

25
Bet 2 = Drag. 40 (fig. 100.1)
Di misure diverse da coppetta a grande coppa alta, è caratterizzata da orlo indistinto segnato da una o due solcature interne, da una solcatura nella parte bassa della parete e da un piede di altezza variabile.
Cronologia : dall’età flavia.

26
Bet 14 = Drag. 35 (fig. 100.2)
Non ha mai il bollo e può avere o non avere la decorazione a foglie d’acqua sull’orlo. Non sempre è facile la distinzione dai prodotti meridionali.
Cronologia : 70/110-240.

27
Bet 15 = Drag. 36 (fig. 100.3)
Non ha mai il bollo e può avere o non avere la decorazione a foglie d’acqua sull’orlo. Non sempre è facile la distinzione dai prodotti meridionali.
Cronologia : 70/110-240.

28
Bet 17 = Drag. 42 (similis) (fig. 100.4)
Labbro a volte decorato à la barbotine a foglie d’acqua. Il bollo non è mai presente.
Cronologia : II secolo.

29
Bet 24 (fig. 100.5)
Si caratterizza per la banda sull’orlo ; molto spesso ha un marchio di fabbrica.
Cronologia : 70/110-200.

30
Bet 28 = Drag. 27 (fig. 100.6)
La versione centrogallica della coppa con strozzatura sulla parete si distingue per essere quasi sempre bollata, a volte con il marchio in un cerchio tracciato a mano libera. Non sempre è facile la distinzione dai prodotti meridionali.
Cronologia : è prodotta dall’età augustea ai primi decenni del III secolo, ma gli esemplari cisalpini non possono essere anteriori ai primi decenni del II secolo.

31
Bet 31 = Wa 80 (fig. 100.7)
Coppetta con alto piede, quasi sempre bollata, spesso all’interno di un segno curvilineo.
Cronologia : 110/140-240.

32
Bet 32 = Wa 79 (fig. 100.8)
Piatto su piede, quasi sempre bollato all’interno di un segno curvilineo. A volte il fondo interno è decorato da una rotellatura.
Cronologia : 110/140-240.

33
Oswald LVIII.3 (fig. 100.9)
Variante del tipo precedente, ma con una differente inclinazione del fondo, che si presenta concavo.
Cronologia : 110/140-240

34
Bet 36 = Drag. 33 (fig. 100.10)
La tazza troncoconica, spesso bollata, nel II secolo copre un terzo degli esemplari di sigillata liscia di Lezoux. L’inclinazione della parete è molto variabile e il diametro può raggiungere anche i 25 cm.
Cronologia : è prodotta dalla metà del I dai primi decenni del III, ma gli esemplari cisalpini non possono essere anteriori ai primi decenni del II secolo.

35
Bet 42 (fig. 100.11)
Quasi sempre bollata con una rosetta.
Cronologia : II secolo

36
Bet 43 = Curle 23 (fig. 100.12)
Ha le stesse caratteristiche della coppetta Bet 42, con cui costituisce un servizio.
Cronologia : II secolo.

37
Bet 45 = Curle 15 (fig. 100.13)
Caratterizzata dal labbro con margine rialzato, da una solcatura sopra la carena e da una piccola spirale al centro del fondo interno.
Cronologia : 110/140-240.

38
Bet 55 = Drag. 18/31 (fig. 100.14)
È quasi sempre caratterizzata dalla presenza di un solco sul fondo interno e dal marchio di fabbrica.
Cronologia : 140-240.

39
Bet 56 = Drag. 31R (fig. 100.15)
Deriva sempre dalla Drag. 31, ma ha la carena meno accentuata, sottolineata però da una leggera gola esterna, simile a quella molto più accentuata, della Bet 57.
Cronologia : II - inizio III secolo

40
Bet 57 (fig. 100.16)
Si tratta di una variante della Drag. 31, caratterizzata dall’orlo indistinto e da una gola molto pronunciata sotto la carena, che corrisponde a una modanatura interna. Quasi sempre bollata su un marchio curvilineo.
Cronologia : 140-240.

41
Bet 58 = Drag. 18 (fig. 100.17)
Caratterizzata dalla presenza di una sporgenza, all’interno e all’esterno, alla congiunzione tra parete e fondo.
Cronologia : dall’età augustea al 140 circa, è presente in pochi esemplari.

Fig. 100 – 1) Bet 2 =Drag. 40 ; 2) Bet 14 =Drag. 35 ; 3) Bet 15 =Drag. 36 ; 4) Bet 17 =Drag 42 (similis) ; 5) Bet 24 ; 6) Bet 28 =Drag. 27 ; 7) Bet 31 =Wa 80 ; 8) Bet 32 =Wa 79 ; 9) Oswald LVIII.3 ; 10) Bet 36 =Drag. 33 , 11) Bet 42 ; 12) Bet 43 =Curle 23 ; 13) Bet 45 =Curle 15 ; 14) Bet 55 =Drag18/31 ; 15) Bet 56 =Drag. 31R ; 16) Bet 57 ; 17) Bet 58 =Drag. 18.

Fig. 100 – 1) Bet 2 =Drag. 40 ; 2) Bet 14 =Drag. 35 ; 3) Bet 15 =Drag. 36 ; 4) Bet 17 =Drag 42 (similis) ; 5) Bet 24 ; 6) Bet 28 =Drag. 27 ; 7) Bet 31 =Wa 80 ; 8) Bet 32 =Wa 79 ; 9) Oswald LVIII.3 ; 10) Bet 36 =Drag. 33 , 11) Bet 42 ; 12) Bet 43 =Curle 23 ; 13) Bet 45 =Curle 15 ; 14) Bet 55 =Drag18/31 ; 15) Bet 56 =Drag. 31R ; 16) Bet 57 ; 17) Bet 58 =Drag. 18.

42
Bet 73 (fig. 101.1)
Piccoli piattelli di misura variabile, caratterizzati da un segno curvilineo al centro del fondo interno.
Cronologia : 170-240.

43
Bet 88 = Drag. 38 (fig. 101.2)
La forma presenta una grande varietà di marchi di fabbrica ed è caratterizzata da diversi profili del piede.
Cronologia : 170-240 circa.

44
Drag. 39
Piatto circolare o ovale caratterizzato dalla presenza di due anse contrapposte, orizzontali e piatte, decorate à la barbotine o a rilievo, principalmente con la raffigurazione di motivi vegetali.
Cronologia : I-II secolo.

45
Bet 89 = Drag. 44 (fig. 101.3)
La forma, raramente bollata, ha diverse varianti nella disposizione delle modanature e nell’articolazione dell’orlo.
Cronologia : 170-240 e oltre.

46
Bet 94 = Ritt. 12 (fig. 101.4)
Difficile distinguerla dai prodotti meridionali.
Cronologia : I-II secolo.

47
Bet 95 = Curle 11 (fig. 101.5)
Non sempre facile da distinguere dalle forme Bet 94 e Bet 170.
Cronologia : 70-150.

48
Bet 96 (fig. 101.6)
Mortaio con fondo interno coperto di grani di quarzo.
Cronologia : 170-240.

49
Bet 97 = Curle 21 (fig. 101.7)
Mortaio con parete esterna scanalata e fondo liscio.
Cronologia : 170-240.

50
Bet 99 (fig. 101.8)
Mortaio con parete esterna liscia e fondo piano. Difficile distinguerlo dal mortaio Bet 97 in mancanza del fondo.
Cronologia : 170-240.

51
Bet 100 = Drag. 45 (fig. 101.9)
Mortaio caratterizzato da un versatoio a protome leonina realizzato a partire da un’applique ; l’alta parete diritta finisce con un gradino che funge da presa ; sul fondo interno è presente la graniglia.
Cronologia : fine II – III secolo.

52
Bet 102 = Déch. 72 (fig. 101.10)
Il bicchiere può essere liscio o decorato a excisione, à la barbotine e/o con rilievi applicati. Eccezionale è l’esemplare integro di Pioltello, ma esistono anche frammenti diversi altrove.
Cronologia : 170-250 e oltre (fino a età tardo antica).

53
Bet 103 (fig. 101.11)
Bicchiere a botticella noto solo da un esemplare di Aosta.
Cronologia : 140-240.

54
Bet 135 (fig. 101.12)
Forma vicina per il suo profilo troncoconico alla Drag. 33 ma con labbro con sezione rotonda, con lieve solcatura interna e parete carenata sottolineata da una doppia modanatura.
Cronologia : I-II secolo.

55
Bet 168 (fig. 101.13)
Coppa troncoconica con orlo dritto esteriormente sottolineato da una solcatura, che può essere semplice o multipla.
Cronologia : II secolo.

56
Bet 170 (fig. 101.14)
Mortaio con listello molto pendente e arcuato.
Cronologia : 70-140.

57
Bet 263 (fig. 101. 15)
Coppa con bordo piatto e labbro pendente con fondo piatto e piede ad anello.
Cronologia : 150-230 circa.

58
Bet 269 (fig. 101.16)
Di piccole dimensioni, il piattino è caratterizzato da un orlo leggermente estroflesso con labbro distinto e arrotondato ; largo piede ad anello.
Cronologia : II secolo.

3.2.2. Forme decorate a matrice

59La forma più diffusa è senz’altro la coppa emisferica Drag. 37, in tutte le sue varianti tipologiche, con vasca più o meno aperta, e dimensionali, a cui si affianca la coppa cilindrica Drag. 30 che a Lezoux conosce un notevole successo tra il II secolo e i primi decenni del III e viene usata da tutti i principali produttori.

Fig. 101 – 1) Bet 73 ; 2) Bet 88 =Drag. 38 ; 3) Bet 89 =Drag. 44 ; 4) Bet 94 =Ritt. 12 ; 5) Bet 95 =Curle 11 ; 6) Bet 96 ; 7) Bet 97 =Curle 21 ; 8) Bet 99 ; 9) Bet 100 =Drag. 45 ; 10) Bet 102 =Déch. 72 ; 11) Bet 103 ; 12) Bet 135 ; 13) Bet 168 ; 14) Bet 170 ; 15) Bet 263 ; 16) Bet 269.

Fig. 101 – 1) Bet 73 ; 2) Bet 88 =Drag. 38 ; 3) Bet 89 =Drag. 44 ; 4) Bet 94 =Ritt. 12 ; 5) Bet 95 =Curle 11 ; 6) Bet 96 ; 7) Bet 97 =Curle 21 ; 8) Bet 99 ; 9) Bet 100 =Drag. 45 ; 10) Bet 102 =Déch. 72 ; 11) Bet 103 ; 12) Bet 135 ; 13) Bet 168 ; 14) Bet 170 ; 15) Bet 263 ; 16) Bet 269.

Notes

1 Sono raccolti in questa sezione tutti i punzoni in uso a La Graufesenque e quelli che sono stati utilizzati in entrambi i centri meridionali.

Table des illustrations

Titre Fig. 87 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 876k
Titre Fig. 88 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 1,1M
Titre Fig. 89 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 1,3M
Titre Fig. 90 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 1,2M
Titre Fig. 91 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 1,1M
Titre Fig. 92 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 490k
Titre Fig. 93 – Punzoni presenti su prodotti di Banassac.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 1,1M
Titre Fig. 94 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 1,1M
Titre Fig. 95 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 1,2M
Titre Fig. 96 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux .
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 1,1M
Titre Fig. 97 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-11.jpg
Fichier image/jpeg, 490k
Titre Fig. 98 - 1) Drag. 27 ; 2) Drag. 24/25 ; 3) Ritt. 12 ; 4) Ritt. 8 ; 5) Drag. 33 ; 6) Drag. 35/36 ; 7) Curle 11.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-12.jpg
Fichier image/jpeg, 534k
Titre Fig. 99 – 1) Hermet 23 ; 2) Drag. 44 ; 3) Drag. 18 ; 4) Drag. 15/17 ; 5) Hermet 12c ; 6) Drag. 4/22 ; 7) Drag. 29 ; 8) Drag. 37 ; 9) Drag. 30 ; 10) Déch. 63.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-13.jpg
Fichier image/jpeg, 705k
Titre Fig. 100 – 1) Bet 2 =Drag. 40 ; 2) Bet 14 =Drag. 35 ; 3) Bet 15 =Drag. 36 ; 4) Bet 17 =Drag 42 (similis) ; 5) Bet 24 ; 6) Bet 28 =Drag. 27 ; 7) Bet 31 =Wa 80 ; 8) Bet 32 =Wa 79 ; 9) Oswald LVIII.3 ; 10) Bet 36 =Drag. 33 , 11) Bet 42 ; 12) Bet 43 =Curle 23 ; 13) Bet 45 =Curle 15 ; 14) Bet 55 =Drag18/31 ; 15) Bet 56 =Drag. 31R ; 16) Bet 57 ; 17) Bet 58 =Drag. 18.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-14.jpg
Fichier image/jpeg, 638k
Titre Fig. 101 – 1) Bet 73 ; 2) Bet 88 =Drag. 38 ; 3) Bet 89 =Drag. 44 ; 4) Bet 94 =Ritt. 12 ; 5) Bet 95 =Curle 11 ; 6) Bet 96 ; 7) Bet 97 =Curle 21 ; 8) Bet 99 ; 9) Bet 100 =Drag. 45 ; 10) Bet 102 =Déch. 72 ; 11) Bet 103 ; 12) Bet 135 ; 13) Bet 168 ; 14) Bet 170 ; 15) Bet 263 ; 16) Bet 269.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3372/img-15.jpg
Fichier image/jpeg, 470k

© Publications de l’École française de Rome, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540