Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

De l’utilité commerciale des consuls. L’institution consulaire et les marchands dans le monde méditerranéen (XVIIe-XXe siècle)

 | 
Arnaud Bartolomei
, 
Guillaume Calafat
, 
Mathieu Grenet
, 
et al.

Chapitre 5 – Entre l’État, les intérêts marchands et l’intérêt personnel, l’agency des consuls

Politica, affari e guerra. I consoli dell’arciduca Carlo d’Asburgo a Livorno durante la guerra di successione spagnola

Marcella Aglietti

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Gomis Coloma 2012. Già Tamar Herzog evidenzia come l’appartenenza nazionale divenga significativa (...)

1La contesa successione al trono di Spagna che portò all’affermazione della Casa dei Borbone contro le pretese dell’erede imperiale Carlo d’Asburgo fu uno dei momenti di crisi più difficili e interessanti dell’Europa di età moderna. Durante la guerra, l’esigenza di definire con certezza quale dei due schieramenti si appoggiava, fece emergere caratteri inediti nella relazione tra sudditi e sovrani, e tanto la pubblicistica di parte borbonica, quanto quella filoaustriaca fecero esplicitamente ricorso a una vera e propria retorica « protonazionalistica »1. Sul piano istituzionale, a tale evoluzione corrispose anche una nuova attenzione per la rete consolare, dimostratasi strategica, proprio perché presente sullo scenario internazionale, nell’affermare le prerogative di sovranità sia nei confronti delle popolazioni dei territori rivendicati, sia al cospetto degli altri Stati.

2Ciò si tradusse anche in importanti ricadute sul ruolo che questi soggetti furono chiamati a svolgere. In particolar modo, la percezione del console quale difensore di interessi di natura per lo più privata e commerciale, legato in maniera esclusiva con la comunità dei mercanti residenti all’estero e da questi ultimi dipendente, fu affiancata da nuove istanze, destinate di lì in avanti a diventare prevalenti. Il console avrebbe rappresentato l’autorità del sovrano e dello Stato cui doveva la propria investitura, operava in nome del proprio re e ne doveva prioritariamente tutelare gli interessi.

  • 2 L’episodio cui si fa riferimento è stato già trattato in Aglietti 2011, p. 42-46.
  • 3 Questo processo di trasformazione si avviò a partire dalla fine del XVII secolo, si veda per il ca (...)

3Come in tutti i periodi di transizione, si trattò di un processo graduale. I consoli, nella loro qualità di rappresentanti dello Stato, furono utilizzati quali strumenti di pressione o di possibile ritorsione nei confronti dei rispettivi sovrani, nello stesso tempo però permaneva anche il loro carattere di agente commerciale, portatore d’interessi economici utili anche alle comunità locali della nazione ospite. Così, in Spagna, alla fine del 1711, i piccoli Stati italiani che avevano riconosciuto l’arciduca Carlo d’Asburgo videro i propri consoli obbligati ad abbandonare immediatamente il territorio spagnolo entro 15 giorni per ordine del governo del d’Angiò. Al momento della messa in pratica della risoluzione, nei primi mesi dell’anno successivo, Filippo si trovò però obbligato a riconoscere la possibilità di ammettere qualche eccezione. Infatti, nel caso di Juan Esteban Sabinon, console della repubblica di Genova a Sanlúcar de Barrameda ; di Antonio Pavia, console della repubblica di Venezia in Alicante ; e dei consoli Lorenzo Maria Grassi, genovese, e Francesco Ginori, fiorentino, entrambi a Cadice, fu concesso di restare in considerazione delle cospicue attività commerciali avviate sul territorio, e a condizione di abbandonare l’incarico consolare2. Gli interessi economici, in questo caso, prevalsero su quelli politici, e l’abile escamotage della rinuncia all’ufficio fece sì che non venisse minimamente intaccata la ragion di Stato. Inoltre, da questa vicenda emerge come la funzione consolare non si esaurisse più nel perseguimento del vantaggio della nazione commerciale di riferimento, quanto piuttosto nell’adempimento di un compito pubblico che rispondeva a priorità di diverso ordine e grado3.

4In questo saggio si intende prendere in esame il caso del consolato rappresentante gli interessi del Regno di Spagna e di Napoli per Carlo d’Asburgo che fu installato a Livorno negli anni della guerra di successione. In tale località - celebre porto del Granducato di Toscana, importante scalo commerciale nonché strategico punto di osservazione sul Mediterraneo - sia il governo dell’arciduca austriaco, di lì a poco imperatore, sia quello di Filippo d’Angiò, futuro re di Spagna, assegnarono i propri consoli, creando una situazione a dir poco confusa in materia di rapporti tra Stati, ma anche rispetto all’esercizio dell’ufficio e degli interessi coinvolti.

  • 4 León Sanz 1994, p. 1057-1060. Una sintesi della documentazione relativa al granducato di Toscana d (...)

5Assai poco si conosce di questo consolato asburgico e la documentazione relativa è quanto mai scarsa, soprattutto per la sistematica distruzione condotta da Filippo V degli atti relativi al governo dell’avversario4.

  • 5 Ochoa Brun 2002.

6I termini sui quali soffermeremo l’attenzione sono peraltro in parte diversi da quelli già esposti da Ochoa Brun rispetto ai problemi legati alla rivalità tra le rappresentanze diplomatiche e le doppie ambasciate sorte in Italia in quegli anni5. Nel caso dei consolati, evidentemente, la questione era assai più complessa data la natura ancora indefinita che questi rivestivano nell’intricato groviglio di interessi pubblici e privati che li contraddistingueva. Nei frangenti del conflitto in corso, il consolato dell’arciduca non si trovò invischiato soltanto nelle problematiche di politica estera, legate al rapporto con lo Stato di ricevimento, ma anche a evidenti difficoltà sul piano interno alla luce della prudente opzione del granduca di ammettere sul proprio territorio due rappresentanti diversi per uno stesso Stato. Ciò che ci è parso più interessante rispetto al tema in oggetto è stato soffermarsi sul tipo di funzione cui questi consoli, prescelti per ragioni diverse, e del tutto estranei alle network finanziario-commerciali di tradizionale riferimento, furono chiamati a svolgere, e sulle reazioni che suscitarono da parte della comunità mercantile spagnola e napoletana, di passaggio o presente in loco.

Di dissimulazione, complotti e attentati : consoli in tempo di guerra

  • 6 Zamora Rodríguez 2010; Aglietti 2012, p. 169-211; Zamora Rodríguez 2013a.
  • 7 Aglietti 2012, p. 169.
  • 8 Zamora Rodríguez 2013a, p. 156-167.

7Recenti pubblicazioni, alle quali si rimanda, hanno già fatto luce sulle vicende del consolato di Spagna e Napoli, prima asburgico poi borbonico, con sede a Livorno6. Inizialmente assegnato al suddito toscano Antonio Borgi tra il 1655, per il Regno di Napoli, e il 1658, per quello di Spagna, fu istituito per motivi politici e di controllo dei territori italiani di orbita spagnola più che dettato dalla necessità di tutelare interessi economici e commerciali7. Il consolato fu retto ininterrottamente dalla famiglia de Silva a partire dal settembre 1677 e fino ai primi dell’Ottocento, assicurando l’ufficio alla trasmissione familiare proprio grazie alla scelta di fedeltà condotta da Andrés de Silva, marchese della Banditella, alla causa del Borbone fin dagli inizi del conflitto successorio8. Al console, il Borbone affiancò come proprio rappresentante diplomatico presso la corte fiorentina prima il conte Sarego e poi, proprio dal 1708, il frate domenicano andaluso Salvador Ascanio. A quest’ultimo, però, forse per prudenza o per non incorrere nelle resistenze del granduca, non si conferì alcun titolo ufficiale che ne formalizzasse l’incarico, e ciò non mutò nemmeno in seguito nonostante una permanenza che si sarebbe prolungata fino agli anni Quaranta.

8Anche Vienna aveva un proprio consolato a Livorno. all’inizio del conflitto fu affidato a Stephen Hermen, di Liegi, che aveva ricevuto l’incarico dalla cancelleria imperiale in virtù della sua esperienza mercantile e della sua conoscenza del luogo ove risiedeva da circa trent’anni. La nazione tedesca non era numerosa, soprattutto se si faceva riferimento ai solo commercianti, ma rappresentava comunque una comunità considerevole tenendo conto anche dei soldati presenti nel presidio militare. La fedeltà di Hermen alla causa imperiale fu tale da finire invischiato in un processo con l’accusa da parte del Sant’Offizio di aver operato pratiche di negromanzia e sortilegi ai danni del re di Francia e del duca d’Angiò. Nonostante i buoni uffici delle autorità toscane che tentarono il lecito e l’illecito per farlo fuggire, Hermen fu condotto in prigione il 26 maggio del 1704, causando non poco scandalo anche per le modalità dell’arresto, effettuato in pieno giorno in una piazza affollata dai fedeli accorsi per alcune celebrazioni religiose. Hermen fu condannato a sette anni nel carcere di Pisa e la sede del consolato, sottoposto a perquisizione, rimase vuota, lasciando le insegne imperiali affisse all’ingresso alla mercé delle azioni vandaliche dei sostenitori della causa borbonica.

  • 9 Österreichisches Staatsarchiv (OeStA), Haus-, Hof- und Staatsarchiv (HHStA), Staatenabteilungen, I (...)

9La tensione tra quanti sostenevano l’Austria e quanti la Francia nella contesa successione dinastica spagnola era altissima, e ciò ben prima che si formalizzasse l’incaricato dell’arciduca Carlo. Oltra al gesto di qualche « temerario » che imbrattò con un po’ di « calce putrefatta » lo stemma asburgico, si fece presto strada il sospetto che tutta quella faccenda di riti malefici non fosse altro che un complotto ben ordito da parte di de Silva e del console francese, François de Vaslet signore de Gibercourt. L’indagine condotta da Luigi Norbis, consigliere aulico dell’imperatore e incaricato dall’arciduca Carlo di assumere, per la prima volta l’ufficio consolare per suo conto in quel « gran teatro dell’Europa » che era Livorno, scoprì che Hermen era stato incastrato grazie alla connivenza di un complice, di origine provenzale, e tempestivamente fatto fuggire in Francia da de Gibercourt subito dopo l’arresto9.

  • 10 La lettera d’incarico, conservata in OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toska (...)

10L’arciduca Carlo era stato proclamato sovrano del regno di Spagna a Vienna il 12 febbraio 1703, con la ratifica dell’imperatore Leopoldo e del primogenito Giuseppe, e si insediò formalmente con un proprio governo a Barcellona nel 1705. Norbis fu investito nell’agosto del 1706, con una dettagliata lettera d’istruzioni ove si elencavano i compiti e i doveri ai quali avrebbe dovuto adempiere10. Questi erano sostanzialmente quelli tradizionali di un consul missus : incrementare il commercio e i traffici, favorire le attività della propria marina mercantile e verso i porti nazionali, vigilare sul rispetto della potestà del proprio sovrano da parte delle autorità locali e degli altri consoli, dirimere le liti e sbrigare celermente l’emissione di passaporti e visti in conformità alle consuetudini. L’anomalia stava nella natura istituzionale di quella carica : si trattava infatti di un console imperiale che agiva in virtù di patente, autorità e protezione dell’imperatore, ma che nonostante ciò era chiamato a esercitare l’impiego non per gli Stati e i sudditi dell’Impero, « non essendo questo colà affare che porti molta occupazione », bensì dei sudditi del regno di Spagna. O meglio, di quelli appartenenti ai territori sotto il governo di Carlo, « dissimulando » invece nei confronti di quanti, appartenenti alla parte della Spagna di orbita borbonica, fossero ricorsi a « chi ora si dice console per il duca d’Angiù », cioè al de Silva. La patente « regolare », quella a nome dell’arciduca, sarebbe stata presentata non appena il Medici avesse riconosciuto la legittimità delle pretese asburgiche sul trono di Madrid. Inoltre, in mancanza di un ministro plenipotenziario di stanza a Firenze quale proprio naturale superiore gerarchico, Norbis avrebbe dovuto fare riferimento al console d’Inghilterra, e alla sua esperienza, badando non solo a evitare i possibili conflitti d’interesse che la cosa avrebbe provocato, ma anche a « non amareggiare le nazioni benemerite, ed alleate » che sostenevano la causa austriaca nella guerra contro il pretendente francese.

  • 11 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana – Allgemeine Akten, 6, fol. 564, d (...)

11Norbis non indagò solo sui dettagli di quanto accaduto al suo predecessore, ma approfondì le ricerche su quei due consoli suoi avversari. Nel loro comportamento – scriveva - non vi era alcuna « considerazione del giusto e dell’onesto », quanto piuttosto si orientavano in virtù del timore di essere puniti, non dalle autorità toscane, specificava, ma solo da quella « dei principi da’ quali sono spediti »11. Rivelava una serie di ulteriori abusi e violenze condotti ai danni dei loro connazionali e non soltanto, crimini per di più destinati a restare impuniti per l’impossibilità delle autorità granducali ad intervenire :

  • 12 Ibid., fol. 565, dalla relazione di Norbis.

Nel tempo di questa guerra, sono infiniti i casi di anco stravaganze praticate e dal console di Francia, e dal Silva console del duca d’Angiù (e qualche volta anco contro non sudditi de’ loro sovrani), molti per avere con anco soli gesti mostrato della parzialità per i collegati, anzi per anco solo aver parlato con sudditi de’ collegati ; dirò di più, per solo esser stati in osteria dove vi fosse chi dovesse dipendere da’ collegati, ed anco perché l’osteria avesse insegna che mostrasse simile dependenza, come aguila etc., si è loro ordinato di subito partire da Livorno, si sono impunemente maltrattati con parole, e con fatti ; si è praticato contro essi arresto, arresto nelle case de’ consoli, in queste pubbliche di Livorno, nelle casematte della città ; si sono trasportati altrove per mare, e per terra, molti a Napoli, molti al Finale, moltissimi a Porto Longone. Gemono ancora al giorno d’oggi nelle prigioni, e non mancano esempii di più d’uno fatto morire giunto al termine, come di altri, che prima anco che vi giungessero, singolarmente se condotti per mare. È certo che caso (et io ne ho dell’esperienza) si faccia a questo Governo in sì fatte occasioni instanza a favore degl’oppressi ; è la risposta che bisogna credere che tale sia l’ordine che arrivò dalle Corti de’ loro sovrani, che in caso diverso là dovranno renderne conto, o rispondere delle loro azioni ; che questo Governo fra tanto non poteva ingerirsene ; che il simile si farebbe circa suddito del console reclamante, se disponesse de’ suoi sudditi per servizio di suo Governo12.

  • 13 Palmer 2007, p. 53-94.

12De Silva era descritto però anche autore di fiorenti commerci, traffici non sempre leciti (come dimostrava lo scontro avuto da poco in proposito con il governatore livornese), e che aveva cercato di tenere ben celati a Madrid fin dai tempi del defunto re Carlo II. Il sovrano francese, venutone a conoscenza, ne era rimasto così colpito da rinnovare subito al proprio console l’obbligo di non poter « sotto verun pretesto negoziare », conferendogli in cambio un più cospicuo assegnamento annuo. Le attività economiche non erano però proibite a tutti i rappresentanti consolari, anzi, per alcuni non avere il pubblico sostegno della madrepatria per la gestione degli affari nazionali nel territorio di destinazione equivaleva alla rovina, economica e sociale. Era ciò che si riferiva a proposito del console inglese Cristopher Crowe : le navi recentemente attraccate al porto avevano scaricato un cospicuo volume di prodotti in stagno, ma la regina d’Inghilterra ne aveva affidato il commercio a Francis Arundell, uno tra i più facoltosi negozianti della British Factory labronica13. Pur trattandosi di un singolo affare perduto, l’effetto conseguitone era stato « come un fulmine […] capace d’incenerire il sentimento e stima che si aveva di questo console inglese », e l’intera Piazza già vociferava sull’esistenza di un malinteso tra quel funzionario e Londra.

13D’altro canto, il legame di fiducia tra l’istituto consolare e la rete mercantile nazionale si basava su un equilibrio delicatissimo che andava anche oltre lo specifico rapporto personale : all’arrivo di Norbis a Livorno, gli si erano presentati alcuni sudditi appartenenti alle città libere dell’Impero, in tutto « tre famiglie, le più ricche de’ negozianti forestieri in Livorno, ed i soli tedeschi che faccino figura ». Questi, a fronte della permanenza in carcere del precedente incaricato imperiale, a torto o a ragione interpretato come la prova evidente della scarsa capacità di risoluzione che la Corte di Vienna dimostrava rispetto alle prepotenze perpetrate dai rappresentanti di altri Stati, si appellarono alla comprensione di Norbis quanto alla loro scelta di preferire assoggettarsi alla protezione del consolato d’Olanda, piuttosto che alla sua.

  • 14 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, rela (...)

14Norbis non solo perdonò, ma egli stesso anziché affidarsi ai consigli del console inglese come indicatogli da Vienna, si rivolse a quello olandese, che definì « huomo di buona fede, e di cui - quando si prattichi la dovuta riserva - posso fidarmi ». Gli obiettivi che si proponeva, riprendendo le sue parole, si riassumevano in due : uno di tipo politico, cioè ottenere dal granduca il riconoscimento della patente consolare in nome della Spagna ; e l’altro di tipo economico-commerciale, cioè organizzare « il corso per incomodare l’inimico, ed insensibilmente introdurre la navigazione de’ sudditi [del Regno di Spagna] nel Mediterraneo »14. Norbis restò probabilmente a Livorno fino al 1714, ma non raggiunse quanto propostosi perché il suo incarico terminò qualche anno prima per la nomina di Jacome Wheley, il primo ad essere formalmente riconosciuto in loco quale console per Carlo d’Asburgo, e per i suoi territori spagnoli.

Un consolato come merce di scambio : il conflitto d’interessi secondo Jacome Wheley

  • 15 Archivo Histórico Nacional, Madrid (AHN), Estado, 8711.

15Della trattativa che portò un irlandese cattolico, Jacome Wheley, a rappresentare ufficialmente gli interessi della Spagna a Livorno si trova traccia nella corrispondenza del barone Guillermo Kellers con Antonio Romeo y Anderaz, marchese Erendazu e segretario di Stato incaricato degli affari d’Italia, tra la fine del 1709 e il 171015 ; e nei carteggi del console Andrés de Silva conservati a Madrid ed a Firenze. È però solo grazie alle testimonianze conservate nell’archivio di Corte viennese che è stato possibile ricostruire i tratti principali di una vicenda quanto meno insolita, e di grande interesse per il conflitto che intorno a quell’incarico si sviluppò, utile a comprenderne la natura ancora ambigua e in via di definizione, in un intricato intreccio tra interessi politici e commerciali propri, nazionali ed internazionali.

16L’iniziativa dell’incarico a Wheley sorse, pare, solo alla fine del 1709, apparentemente per compiacere una richiesta della regina britannica che aveva scritto più volte, di persona, all’arciduca perorando la causa di quel suo suddito. Ci sono ignoti i motivi di tale affezione da parte della sovrana, ma persino l’inviato inglese James conte di Stanhope, al comando delle forze inglesi in Spagna dirette a Port Mahón e già noto a Barcellona per la stipula del trattato di commercio tra Inghilterra e le provincie iberiche che avevano riconosciuto la legittimità dell’Asburgo, aveva caldeggiato « con las más vivas instancias » tale candidatura con il marchese Erendazu.

  • 16 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, rela (...)

17Vista l’importanza dell’alleato inglese nello svolgimento della guerra, non sembrava opportuno rifiutare la grazia richiesta, o almeno senza aver prima ben valutato effetti e possibili conseguenze. D’altro canto, però, la Junta de Italia considerò fin dall’inizio « por bastante embarazoso » procedere in quell’affare perché, per quanto fosse assolutamente prioritario non arrecare dispiacere alla preziosa alleata, d’altro canto non mancavano gravi inconvenienti nell’affidare il consolato livornese a tale soggetto, o comunque a qualcuno « que no fuesse vasallo de Vuestra Majestad y de entera confianza » dell’arciduca. La Junta riteneva piuttosto più prudente discostarsi da quanto richiesto, magari incaricando il ministro austriaco a Londra affinché, con opportune e dettagliate istruzioni, convincesse la sovrana dell’impossibilità di esaudire quel suo desiderio. Tanto più, si scriveva, ci si sarebbe potuti schierare dietro il fatto che il granduca di Toscana non aveva ancora riconosciuto Carlo d’Asburgo quale legittimo sovrano di Spagna e, pertanto, non fosse conveniente assegnarvi un proprio rappresentante consolare. L’affare era comunque estremamente delicato e, raccomandava la Junta, la cosa migliore restava non procedere in alcun modo fino a che non si fosse appurato fino a che punto la regina Anna teneva davvero a quella questione. Poi, qualora la sovrana avesse nuovamente scritto all’arciduca perorando la causa di Wheley, sarebbe stato « muy difizil » non assecondarla in vista delle « razones politicas » che senz’altro il principe asburgico aveva ben presenti16.

  • 17 Non vi è qui spazio per esaminare l’atteggiamento di Cosimo III Medici a fronte dello scontro tra (...)
  • 18 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, lett (...)

18Nonostante tante resistenze e contrarietà, il 26 maggio 1711 l’incarico consolare fu conferito e il luglio successivo Wheley si recò al cospetto del granduca Cosimo III presentando la propria patente di nomina per ottenerne il riconoscimento. L’accoglienza del Medici, che tentava disperatamente di conservarsi neutrale nei confronti di entrambi i pretendenti al trono di Madrid17, fu assai positiva. L’insolito rappresentante fu ricevuto « con particolare stima e distinzione », gli fu assicurato quanto necessario affinché potesse essere « riconosciuto da tutti » nella sua qualità e al governatore di Livorno, il generale Tornaquinci, furono inviati gli ordini opportuni perché potesse effettuare regolare presa di servizio18.

  • 19 Sulla figura di Juan Francisco Pacheco Téllez Girón, duca di Uceda, e sulla sua attività di abile (...)
  • 20 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, lett (...)

19Wheley, da parte sua, riferiva di adempiere con zelo ai propri compiti d’informazione, ragguagliando puntualmente su ogni novità tutti i principali esponenti del governo di Carlo d’Asburgo : il segretario di gabinetto a Barcellona, Ramon de Vilana Perlas marchese de Rialp ; il duca de Uceda a Genova, formalmente a servizio di Filippo di Borbone ma in realtà informatore segreto di Carlo19 ; i viceré di Napoli e di Cagliari, e infine l’ambasciatore austriaco a Roma, il marchese de Prié. Così come dichiarava di corrispondere in tutto e per tutto ai doveri di supporto e assistenza dovuti ai sudditi del proprio sovrano. Anzi, proprio per meglio soccorrere i « tanti meschini napoletani et altri sudditi », « poveri marinari » che restavano vittima dei corsari francesi che infestavano quei mari e li depredavano di tutto, richiedeva un qualche assegnamento economico. Per la precisione, avanzava supplica di ricevere la stessa somma che veniva conferita al marchese de Silva, « ultimo console di Spagna », pari a seicento pezze annue20.

  • 21 Il console de Silva adduceva la stessa ragione per richiedere un maggior assegnamento da Madrid, c (...)
  • 22 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, dall (...)

20È difficile dire quanto ci fosse del vero nelle lettere di Wheley rispetto ai presunti aiuti da lui prestati ai marinai napoletani21, quel che è certo è che di lì a pochi mesi, nel settembre del 1711, il conte Carlo Borromeo, viceré di Napoli dal 1710 al 1713, scriveva al Consiglio d’Italia una lunga lettera ove – sulla base delle notizie riferitegli dal conte di Dietrichstein, tenente colonnello del reggimento dell’Infanteria alemanna agli ordini del generale George Wallis e di stanza a Piombino - descriveva, con dovizia di particolari, le ragioni per le quali quel soggetto non si giudicava appropriato al ruolo affidatogli. In primo luogo c’era un problema di inadeguatezza dato il basso rango di Wheley e la sua assoluta mancanza di esperienza : costui non annoverava altra occupazione che quella di « maestro di birra », esercitata durante la sua permanenza in Germania, e ancora a Livorno viveva dei proventi della sua attività consistente nel possesso di un negozio atto alla vendita di tale bevanda (non è chiaro se anche al dettaglio o solo all’ingrosso). Inoltre, si erano registrati più di un malumore dalle altre nazioni mercantili e, in particolare, dai consoli d’Inghilterra e di Francia22.

  • 23 La Junta de Italia, sorta come Junta de las dependencias de Napoles, era stata istituita nell’esta (...)
  • 24 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, pare (...)
  • 25 AHN, Estado, 859, ins. 11, lettera di de Silva del 5 marzo 1712, consulta del sovrano del 27 succe (...)

21Il Consiglio d’Italia rimandava il problema al sovrano o, meglio, alla moglie Elisabetta Cristina de Brünswick, nominata regina governatrice e reggente a Barcellona dal settembre 1711, quando Carlo aveva dovuto allontanarsi dalla Spagna per succedere al trono imperiale, ma responsabile degli affari italiani fin dal 1708. Il Consiglio faceva notare di non conoscere i « motivos particulares » alla base della decisione presa per quella nomina, rimasti ignoti e « distantes del conocimiento del Consejo » giacché né questo, né antecedentemente la Junta de Italia, vi avevano preso parte23. Si rimetteva pertanto la questione alla « soberana prudencia » in modo da valutare il da farsi e, soprattutto, indicare cosa rispondere al viceré rispetto ai problemi emersi con quel soggetto « por su baja esfera, y lo mucho que da que decir a los cónsules de las demás naciones »24. Nel frattempo, il de Silva, strepitava e metteva polemicamente sull’avviso Madrid che il Medici aveva permesso al console dell’arciduca di innalzare sulla propria abitazione sia le armi dell’Impero che quelle di Spagna, per di più con uno scudo unico e non in due stemmi separati, nell’intento evidente di suscitare le rimostranze formali del Borbone contro Firenze25.

  • 26 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, lett (...)

22La situazione si complicò ulteriormente quando, nei primi mesi del 1714, un inviato del granduca si presentò a Vienna chiedendo spiegazioni a proposito dell’exequatur che era stato richiesto da un tale Domenico Pietrasanta, suddito fiorentino, che pretendeva di esser stato nominato console del Regno di Napoli. Si raccolsero informazioni dal marchese de Rialp e dallo stesso Wheley che, sgomento, riferiva come il Pietrasanta si fosse presentato a Livorno con tanto di patente consolare firmata dal viceré napoletano, il conte Wirich von Daun, e pretendendo esercitare il proprio ufficio. L’irlandese esprimeva tutto il proprio sconforto per l’umiliazione che giudicava immeritata alla luce del buon servizio reso e per il danno d’immagine che quella situazione gli stava arrecando, disperandosi a fronte dell’impossibilità di tornare in Inghilterra ove non avrebbe potuto trovar alcun impiego e, per di più, avendo perso il patrimonio e i molti interessi che aveva a causa delle incombenze impostegli dall’incarico di console26. Chiedeva, almeno, che se avesse davvero perduto i diritti provenienti dalle imbarcazioni mercantili partenopee, cioè la maggior parte delle proprie entrate, gli si assicurasse un qualche compenso integrativo come console spagnolo.

23Le preoccupazioni del Consiglio di Spagna erano di altro tenore. In primo luogo « no puede persuadirse a que la ciudad de Napoles tenga privilegio para nombrar consul », non solo perché tutti i domini spagnoli avevano avuto fino a quel momento un solo console, e sarebbe stato quanto meno pernicioso dar adito alla pretesa che tutte le città e le provincie del regno potessero ambire ad avere un proprio rappresentante, ma anche per il fatto che la potestà della nomina doveva restare univocamente nelle mani del sovrano. Vi erano insomma due ordini di ragioni. La prima era legata alla modalità di amministrazione della composita Corona spagnola, che non poteva accettare il riconoscimento di autonomie periferiche in materia di nomina consolare, prevalendo un principio centralizzatore rispetto ai diritti particolari dei diversi territori. La seconda, strettamente vincolata alla prima, era la necessità di richiamare i propri sottoposti alla dovuta obbedienza, e in primo luogo il vicerè di Napoli, interrogandolo perché « diga lo que hay en esto, y como se ha pasado a hazer tal novedad, siendo lo que más se admira ».

  • 27 « El conde Stella dice que […] deve añadirse a la soberana consideración de VMC (como por si lo ex (...)
  • 28 « Havendo discorso con diverse persone vecchie di questa città, mi dicono non hanno avuo memoria c (...)

24Dal canto suo, uno dei membri del Consiglio, il conte Stella, aggiungeva un proprio commento personale all’affare. Egli riteneva infatti opportuno non rimuovere Wheley dall’incarico, ma esautorarlo poco a poco, respingendo con radicale sospetto e diffidenza qualsiasi iniziativa potesse avanzare, come fu nel caso del suggerimento di installare un nuovo console a Marsiglia. Erano oramai superate le ragioni di convenienza che avevano indotto il sovrano ad assecondare la regina britannica, mentre si doveva piuttosto prestare orecchio alle lamentele che provenivano da più individui rispetto al modo con il quale conduceva il proprio ufficio e alle estorsioni che attuava ai danni dei sudditi imperiali27. Era invece utile rimuovere Pietrasanta sostituendolo subito con un vassallo del regno di Napoli, « di sicura fedeltà e capace » e da affiancare al Wheley, così da assicurare la bontà del servizio sovrano, e confermando una volta per tutte che la presenza di un rappresentante consolare di Napoli dipendeva esclusivamente dall’autorità imperiale, e non in riconoscimento di un privilegio del territorio partenopeo che era stato, al contrario, espressamente abolito da Carlo II proprio in occasione della nomina di Antonio Borgi. Una riforma, per altro, che dalle testimonianze raccolte nell’occasione da Wheley era stata motivata dalla necessità di porre freno ai gravi abusi e contrabbandi dei quali si erano resi responsabili i consoli dei napoletani28.

  • 29 Ibid., rapporto del Consejo de España, Vienna, 7 settembre 1714. Il rescritto sovrano ratificò : « (...)
  • 30 Il carteggio di Wheley e di Riccio per gli anni 1715-1719 è contenuto in OeStA, HHStA, Staatenabte (...)

25Il Consiglio di Spagna tornò sulla questione nel settembre di quell’anno e, stavolta all’unanimità, indicava la necessità di rimuovere Wheley immediatamente dall’incarico e sostituirlo con un altro soggetto che fosse suddito del re e dotato dei requisiti necessari. Prove incontrovertibili dimostravano che Wheley tutelava esclusivamente gli interessi della nazione inglese, per la quale aveva infatti ottenuto il ruolo di viceconsole, e utilizzava i privilegi annessi al titolo imperiale per avvantaggiarli ancora di più ; a ciò si aggiungeva il suo essere irlandese, e privo delle qualità e del grado richiesto dall’ufficio, divenendo la persona sbagliata nel posto sbagliato. Il sovrano accolse quanto esposto, proponendosi di indicare i candidati giudicati più adatti ad assumere tale impiego29. Ciò nonostante, la documentazione non attesta la rimozione di Wheley, e se del Pietrasanta non resta traccia, a partire dal 1715 i dispacci da Livorno per Vienna appaiono a due firme : oltre a quella dell’irlandese compare anche il nome di Gaetano Riccio30.


  • 31 « Li molti ben affetti spagnoli in questo Paese, prevenuti da una falsa lusinga di sentire destina (...)

26La guerra di successione si concluse con le paci di Utrecht e Rastadt, ma il conflitto tra i due pretendenti al trono di Spagna non ebbe formalmente fine finché non si firmò la pace nel 1725. I due rappresentanti degli « interessi spagnoli » dell’imperatore proseguirono anche dopo il 1714 e almeno fino agli anni Venti finché, nel 1722, furono nominati i nuovi emissari per la sola Corte imperiale, il console Carlo Antonio Ugolinucci che svolse un incarico del tutto marginale da Livorno e, soprattutto, in qualità di segretario di legazione per l’Impero con sede a Firenze, Francesco Lisoni. Quest’ultimo aveva già prestato servizio, tra luglio del 1711 e la fine del 1713, e poi tra il 1722 e il 1726, a Venezia, in rappresentanza dell’arciduca Carlo, prima nella sua qualità di re di Spagna, poi di quella d’imperatore. E proprio dalle lettere di Lisoni, che tanta parte avrebbe avuto nei rapporti di Vienna col granducato, si apprende come quella temporanea congiuntura d’interessi che aveva portato Carlo VI a erigersi a tutore dei sudditi spagnoli era stata destinata a esaurirsi rapidamente, lasciando il posto a un fortissimo antagonismo, con importanti ricadute anche sul rapporto con gli stessi toscani, fin dal momento della firma del trattato di Vienna31.

27Per ironia della sorte, l’estinzione della dinastia medicea portò il piccolo Stato italiano ad essere prima destinato in successione al figlio di Filippo V, Carlo, e poi, nel 1737, a seguito delle vicende delle guerre di successione dinastiche, assegnato definitivamente al genero di Carlo VI, Francesco Stefano di Lorena, futuro imperatore d’Austria.

Annexe 12 – Lettera d’incarico a Luigi Norbis in qualità di console imperiale a Livorno, da Vienna, agosto 1706

28Source : OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, carte non numerate.

29A voi D : Luigi Norbis Consigliere Aulico di S : M : Cesarea, e suo Console in Livorno.
Il fine di questa spedizione si è stabilire in Livorno un Console, che eserciti l’impiego a sollievo de’ sudditi di Sua M : Cattolica per conservazione, ed aumento del negozio, e traffico con Patente Imperiale, sino a che riconosciuta la M :S : dal Gran Duca, possa esporsi la Patente di S :M.
Sarà però vostra cura non tanto l’attenzione circa il negozio nelli Stati, e de’ sudditi dell’Augustissimo Imperatore, ed Imperio ; non essendo questo colà affare che porti molta occupazione ; quanto l’applicazione perché non resti pregiudicato il negozio, traffico e navigazione, che colà esercitano i sudditi del Re Nostro Signore, procurando di liberarli dalle vessazioni che incontrassero da nemici, o da mali affezionati alla Casa Augustissima.
Tutto si faccia senza impegno del decoro, ed autorità di S : M : valendosi per ora di mezzi termini, che sul fatto si crederanno più proprij, operando in virtù della sola Patente Imperiale, e della protezione che ha Sua Maestà Cesarea per quelli tutti, che hanno relazione con l’Augusto suo Fratello.
Servirà molto il ben’intendersi con li Consoli delle Nazioni collegate, procurando di fare, che ogni disturbo che si avesse, si abbia come causa commune con essi, anco in riguardo del negozio che resterebbe pregiudicato dall’esempio di negozianti, a quali si facesse torto, e ingiustizia.
Che però farete i ricorsi sul fondamento delle Leggi prescritte nel Consolato, e di ciò che si prattica con quelli di altre Nazioni.
Tanto più che a quella Corte non v’è Ministro della Casa Augustissima, come in virtù della Patente Cesarea dovrete procurare di rilevare, e di avvertire la Corte Cesarea, rilevati che abbiate i pregiudizij, che potessero intentarsi contro il servizio di S : M : Imperiale ; Così in osservanza della presente Istruzione usarete tutta la diligenza, perché sia avvertito il Ministerio della M : Cattolica di ciò, che colà s’intentasse da chiunque contro l’interesse di S : M : suoi Stati, e sudditi, suggerendo anco i rimedi, e valendovi di quei mezzi provisionali, che crederete conferenti per divertire almeno ad tempus, e sino ulteriore suprema deliberazione i pregiudizij, e danni che si temessero.
Per evitare gl’impegni in quella Corte, che per anco non riconosce la Maestà del nostro Re, potrete dissimulare circa i sudditi, che pretendessero le spedizioni da chi ora si dice Console per il duca d’Angiù, se saranno de Stati, a quali non sia per anco caduto in sorte il poter acclamare il loro legitimo sovrano : ma se fossero sudditi de Stati già rassegnati, e rincorressero per le spedizioni al detto preteso Console, o vi fosse ragione di sospettare della loro fedeltà, presa informazione de’ loro effetti in Patria, e de’ loro parenti, e congionti ne avvisarete la Corte, ed il Governo, perché non si lasci senza esempio il trascorso.
Tutto che vi si dica con quali sudditi potiate, e dobbiate dissimulare per non promuovere impegni ; siate per avvertito di non farlo per via di accordo, onde si pretenda partaggio de’ sudditi : anzi se la Corte, o il Governatore di Livorno facesse qualche dichiarazione che limitasse la vostra giurisdizione, protestarete in voce, ed in scritto, e occorrendo anco con tutte le pubbliche solennità, onde non abbia luogo, non che pregiudizio, ne meno apparenza, o solo attentato di pregiudizio.
Non solo dovrete studiare di mantener vivo il negozio, e traffico, che ora vi fosse ; ma in oltre procurarete di rimetterlo nello stato che trovavasi prima di questi tempi infelici ; anzi, anco di aumentarlo, suggerendo le forme, che potessero praticarsi per toglier i pregiudizij, che lo divertiscono da Stati del Re nostro Signore studiando singolarmente le forme d’introdurre ne’ detti Stati le manifatture per divertire poi i trasporti di materie non lavorate, e non manufatte ; onde esca da’ Regni ogni mercanzia con tutto il maggior vantaggio de sudditi, e resti il soldo vivo in quelli al più che sia possibile.
Tutto però si faccia senza introdurre novità prima che dal Governo si approvi per conferente, ed utile ciò che fosse vostro sentimento, schivando sopra tuto di non amareggiare le nazioni benemerite, ed alleate.
A questo riguardo, essendo probabile che Sua Maestà abbia proveduto in questo fratempo al bene de’ suoi sudditi con la spedizione di Diploma provisionale in mancanza di Ministro Austriaco, raccomandandoli al Console d’Inghilterra, v’insinuarete ad esso perché vi assista appresso i negozianti sudditi ; E se ben è probabile siate per trovare tuta la facilità, non potendo essere che soggetto avveduto, e prattico del negozio che da sé comprenderà incompatibile con l’obbligo di servire ad una Nazione l’assistere fuori de’ casi d’indispensbile necessità anco ad altra Nazione per lungo tempo, con che per il più sarebbe frequentemente giudice, e parte di tutte le due nazioni, il che amareggierebbe o l’una, o l’altra ; e o nel negozio dell’una, o nel negozio dell’altra introdurrebbe, anco senz’avvedersene, de’ pregiudizij e disordini : non ostante siate avvertito di procurarvela con tutta la destrezza, communicandogli anco le vostre commissioni occorrendo, si che veda la schiettezza e sincerità con la quale si procede per attenzione che si ha non solo a’ sudditi di Sua Maestà, ma perché sia in oltre più libero, più regolato, e più assistito il negozio, e traffico delle collegate, e benemerite Nazioni.
Sarà conferente al negozio, e traffico il procurare d’instillar negli animi de’ sudditi di S : M : Cattolica genio alla navigazione, ed esercizio del negozio, e traffico quanto più sia possibile sopra legni nazionali ; como anco carico, e scarico delle merci più che ne’ Porti esteri in quelli di Sua Maestà Cattolica per aumento delle sue Regie rendite.
Sopra tutto però procurarete che le liti che avessero i sudditi, le imbarcazioni, sbarcazioni, ed i Passaporti siano spediti con celerità senza strusci, e senza innovare circa gli aggravi, non ammettendo se non gli usitati, e legali, sempre regolandovi secondo la prattica, tolti li abusi che vi fossero, e le prescrizioni approvate del Consolato, così circa il negozio, e traffico, come circa la navigazione, e corso, procurando, e dove fosse giusto insistendo, perché i sudditi di S : M : Cattolica in ciò che concerne privilegi, ed esenzioni, non siano d’inferior condizione a sudditi di verun altra Nazione.
In somma vostra sola applicazione in quest’impiego, che ricerca per le presenti circostanze tutta la maggior attenzione, sarà la gloria del nostro sovrano monarca e la felicità de’ suoi sudditi, che anto gli preme.
Con questa nostra del già detto vi ammoniamo, e che tutto osserviate vi comandiamo per nome di Sua Maestà Cattolica.
Data in Vienna li Agosto 1706

Notes

1 Gomis Coloma 2012. Già Tamar Herzog evidenzia come l’appartenenza nazionale divenga significativa solo in momenti di conflitto, così come la legislazione precedente al XVIII secolo si concentrava sul concetto di vecindad, rilevante sul piano della comunità locale, ma non ancora a livello statuale, vedi Herzog 2006, p. 15-17; Herzog 2011.

2 L’episodio cui si fa riferimento è stato già trattato in Aglietti 2011, p. 42-46.

3 Questo processo di trasformazione si avviò a partire dalla fine del XVII secolo, si veda per il caso toscano Zamora Rodríguez 2013b, p. 57-70. Per l’evoluzione dell’istituto consolare nel corso del Settecento si rimanda a Mézin 1997; Pradells Nadal 1992; Aglietti 2012.

4 León Sanz 1994, p. 1057-1060. Una sintesi della documentazione relativa al granducato di Toscana durante gli anni del governo spagnolo di Carlo d’Asburgo è reperibile in Álvarez-Coca González 2007, p. 450-452.

5 Ochoa Brun 2002.

6 Zamora Rodríguez 2010; Aglietti 2012, p. 169-211; Zamora Rodríguez 2013a.

7 Aglietti 2012, p. 169.

8 Zamora Rodríguez 2013a, p. 156-167.

9 Österreichisches Staatsarchiv (OeStA), Haus-, Hof- und Staatsarchiv (HHStA), Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana – Allgemeine Akten, 6, fol. 558-570v, « Informazione della prigionia seguita in Livorno del console imperiale », redatta dal console imperiale che succedette Hermen, e indagò sul caso, Luigi Norbis. Alcuni livornesi riferivano che i due consoli borbonici, il francese de Gibercourt e de Silva, avessero tentato fin dall’inizio di dissuadere Hermen dall’assumere quel titolo, sia offrendogli « grossa somma di contante », sia con la minaccia che quell’incarico si sarebbe tradotto « nella sua rovina ». C’era anche chi parlava apertamente di una vendetta contro Herman che aveva osato deturpare pubblicamente un dipinto ove si raffigurava un’amazzone, metafora della Francia, che tagliava la testa a un’aquila, simbolo dell’Impero, « col cavar con un bastone gli occhi » all’amazzone. Tutto in ibid., fol. 566 e 569. Questa definizione di Livorno è dello stesso Norbis.

10 La lettera d’incarico, conservata in OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, carte non numerate, è integralmente riprodotta in appendice.

11 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana – Allgemeine Akten, 6, fol. 564, dalla relazione di Norbis.

12 Ibid., fol. 565, dalla relazione di Norbis.

13 Palmer 2007, p. 53-94.

14 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, relazione di Luigi Norbis da Livorno, il 10 gennaio 1707.

15 Archivo Histórico Nacional, Madrid (AHN), Estado, 8711.

16 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, relazione della Junta de Italia a firma del duca Francesco Moles, don Serfino Biscadi, il conte Stella e il marchese de Erendazu, da Barcellona, in data 8 dicembre 1709.

17 Non vi è qui spazio per esaminare l’atteggiamento di Cosimo III Medici a fronte dello scontro tra Borbone e Asburgo di Vienna, e le ripercussioni che il conflitto ebbe sulla politica toscana, già fortemente minata dalle tensioni esistenti rispetto alla successione del granducato stesso a fronte della probabile estinzione della dinastia medicea. Cfr. Verga 1993, p. 333-354.

18 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, lettera del console Wheley da Livorno, li 15 luglio 1711.

19 Sulla figura di Juan Francisco Pacheco Téllez Girón, duca di Uceda, e sulla sua attività di abile informatore segreto per il partito asburgico, si rimanda a Tedesco 2007, p. 491-548. Uceda manteneva infatti regolare corrispondenza anche con de Silva.

20 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, lettera del console Wheley da Livorno, li 15 luglio 1711 e 23 dicembre 1712. Quanto al compenso al de Silva, in realtà, proprio in quei mesi fu un fitto succedersi di lettere da Livorno a Madrid con i solleciti del marchese per ottenere il compenso dovuto per l’anno 1709, pari a 10 000 pesos, e non ancora ricevuto, cfr. AHN, Estado, 661, 1, ins. 12, lettere in varie date tra settembre del 1712 e agosto 1713 su quest’assunto.

21 Il console de Silva adduceva la stessa ragione per richiedere un maggior assegnamento da Madrid, cioè le continue spese sostenute per « assistencias y socorros que he dado a pobres españoles que transitan por esta ciudad, en la cual por no haber otro ministro, o ser lugar por donde pasan o han passado todos los virreyes, cardenales, principes, ofiziales huidos de sus prisiones, soldados y pobres pelegrinos, con los quales ha sido preziso a los unos alojar en mi casa, a los otros pagarles las embarcaciones, y a otros darle alguna limosna », in Archivo General de Simancas, Estado, 5369, lettera da Livorno del 28 novembre 1714.

22 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, dalla lettera del conte Carlo Borromeo, viceré di Napoli, li 11 settembre 1711.

23 La Junta de Italia, sorta come Junta de las dependencias de Napoles, era stata istituita nell’estate del 1709 per divenire poi, un anno dopo, Consejo de Italia. Sul funzionamento e la composizione di questi organismi, cfr. Solís Fernández 2010, p. 647-658.

24 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, parere del Consejo de Italia, Barcellona, li 12 marzo 1712.

25 AHN, Estado, 859, ins. 11, lettera di de Silva del 5 marzo 1712, consulta del sovrano del 27 successivo.

26 OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, lettere di Wheley da Livorno del 9 e 12 febbraio 1714.

27 « El conde Stella dice que […] deve añadirse a la soberana consideración de VMC (como por si lo executa reverentemente) que respecto a que en el estado presente de las cosas no pide la política que se remueva al cónsul Wheley, a quien VMC vino en nombrar por el especialísimo empeño, e interposición, que la Reyna de Inglaterra hizo a su favor, al paso que por ser ingles es tan conveniente y preciso mirarle como a sospechoso, y no fiarse de el, aun quando obrase diferentemente, y los súbditos de VMC no se quexassen de sus extorsiones, y modo de proceder », in OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 1, parere del conte Stella, rapporto del Consejo de España, Vienna, 9 marzo 1714.

28 « Havendo discorso con diverse persone vecchie di questa città, mi dicono non hanno avuo memoria che doppo il tempo di Antonio Borgio non esservi stato in questa città nessun console de’ napoletani separato, dicendomi anche che li antedecenti consoli in quei tempi facevano il mezzano, e ogni sorte di azzione vile, particolarmente si accordavano con li padroni di filunghe e barche, di far dei contrabandi per il Regnio di Napoli, e ciò fu la cagione che furono levati, et eletto un solo console di tutta la Monarchia, che fu il predetto Antonio Borgio, il quale ha messo in credito il carattere di console di come si trova al giorno presente », ibid., lettera di Wheley da Livorno, del 30 marzo 1714.

29 Ibid., rapporto del Consejo de España, Vienna, 7 settembre 1714. Il rescritto sovrano ratificò : « Conformándome con el Consejo, propondrá los sugetos que juzgaré más a propósito para este empleo », ivi.

30 Il carteggio di Wheley e di Riccio per gli anni 1715-1719 è contenuto in OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana, Toskana – Spanischer Rat, 2-5. Il ruolo di Riccio resta da chiarire, le sue lettere, in pessimo stato di conservazione, raggiungevano anche monsignor Molinari a Roma, corrispondente di de Silva e di Salvador Ascanio per il Borbone, cfr. AHN, Ministerio de Asuntos Exteriores, Santa Sede, 374.

31 « Li molti ben affetti spagnoli in questo Paese, prevenuti da una falsa lusinga di sentire destinata questa successione al principe spagnolo senza quella dependenza dalla Maestà Vostra e dal Sacro Romano Impera che resta stabilita nell’ultimo trattato [di Vienna], ravisano questa pace per poco gloriosa e vantaggiosa alla Spagna, onde corre della mormorazione contro questo padre Ascanio [agente della Corona di Spagna a Firenze], che si pretende avere qui da lungo tempo inspirata detta lusinga, né lasciano di riflettere d’aver esso colle mandate relazioni a Madrid della disperata salute del granduca contribuito alla precipitosa pace promossa dalla Spagna in Vienna col supposto sagrificio delle pubbliche convenienze di questa provincia », dalla lettera di Francesco Lisoni a Carlo VI del 29 maggio 1725, OeStA, HHStA, Staatenabteilungen, Italienische Staaten, Toskana – Allgemeine Akten, 7, c. 42v.

Auteur

marcella.aglietti@unipi.it

© Publications de l’École française de Rome, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable