Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Attraverso le Alpi e lungo il Po : importazione e distribuzione di sigillate galliche nella Cisalpina

 | 
Ada Gabucci

2. La sigillata gallica : siti produttori e centri di consumo

Texte intégral

  • 1 Una Drag 37 di Cibisius, ceramista di Ittenwiller e probabilmente Mittelbronn e Rheinzabern attivo (...)
  • 2 Maselli Scotti 1981, p. 252.
  • 3 I frammenti presentano le caratteristiche iscrizioni beneauguranti ottenute con una barbotine bian (...)

1La produzione di sigillate nelle fabbriche di zone diverse delle Tre Gallie è un fenomeno evidentemente macroscopico ma, come succede anche per il vasellame delle officine africane, è del tutto ignorato dalle fonti antiche (a noi note). Come vedremo i prodotti che arrivano nella Cisalpina sono quasi esclusivamente quelli delle officine di La Graufesenque, di Banassac e di Lezoux, mentre le fabbriche della Mosella e dell’area renana (in particolare quelle di Rheinzabern) non sembrano aver esportato verso i mercati a sud delle Alpi, tranne per qualche sporadica attestazione nella Lombardia settentrionale o in altre zone pedemontane poste sulle direttrici di traffico nord-sud1. Fa eccezione il caso di Aquileia dove sono presenti non solo manufatti di Belsus e di Secundinus Avitus2, entrambi attivi a Rheinzabern tra l’ultimo terzo del II secolo e i primi decenni del III, ma anche alcuni frammenti di bicchieri e/o coppe per bere che si inseriscono nella produzione metallescente di Treviri3.

  • 4 « Un aspect mérite aussi d’être souligné, qui n’est pas une découverte, mais bien plutôt une confi (...)
  • 5 Anche dal punto di vista cronologico ho dovuto agire in maniera rigida, dividendo il materiale in (...)

2Come si è già detto, non è stato possibile nell’ambito di questa ricerca entrare nel dettaglio degli scambi tra officine, della circolazione delle matrici e dell’esistenza di vasai itineranti o anche solo trasferiti4. Quanto segue, quindi, fotografa una situazione probabilmente non realistica, ma ideale, in cui fabbriche e artigiani sono divisi quasi a comparti stagni, che non contemplano processi osmotici. Una forzatura, comunque, che non dovrebbe avere nessuna influenza sui ragionamenti connessi ai flussi dei traffici commerciali a vasto raggio che dovevano interessare imprese molto più ampie del singolo produttore (gruppi di fabbriche, negotiatores e mercatores ecc.) e che sembrano essersi modificati nel corso dei decenni5.

Fig. 7 - Siti produttori di sigillata in Gallia tra la prima e la media età imperiale.

Fig. 7 - Siti produttori di sigillata in Gallia tra la prima e la media età imperiale.

2.1. La Gallia meridionale

  • 6 Il gruppo dei centri di produzione della Gallia meridionale si colloca tra la parte occidentale de (...)
  • 7 La definizione dei diversi metodi di cottura è in Picon 2002, a cui si rimanda anche per una descr (...)
  • 8 Il controllo del processo di raffreddamento è un passo essenziale nel procedimento di produzione d (...)

3Nella prima età augustea, con qualche decennio di ritardo rispetto alle officine italiche, anche le manifatture sudgalliche iniziano a sperimentare la produzione di vasellame con vernice rossa6. Si tratta di modelli lisci e privi di decorazione che imitano le forme di transizione dalla vernice nera e che vengono realizzati con una progressiva elaborazione tecnica7. In una prima fase gli artigiani cuociono le loro ceramiche in atmosfera riducente, in forni in cui la fiamma era a diretto contatto con i vasi. La fase di raffreddamento, lento processo durante il quale piatti e coppe acquistano il loro aspetto definitivo8, poteva avvenire in atmosfera ossidante (modo di cottura A) o riducente (modo di cottura B). Nel primo caso si ottenevano dei prodotti con superficie rossa o comunque di un colore molto simile a quello dell’argilla, mentre il secondo dava dei risultati variabili, dal grigio al nero o al blu scuro, a seconda dei componenti dell’impasto.

  • 9 NOTS 1, p. 8. A tutt’oggi non mi pare che nella Cisalpina sia stato individuato vasellame di Monta (...)
  • 10 Ibid.

4A partire dall’età tiberiana, mentre un certo numero di officine non riesce a seguire l’evoluzione delle tecniche e declina rapidamente, altre si riconvertono, impiantano grossi forni a muffola, in cui il fumo veniva raccolto in tubuli e portato all’esterno della camera di cottura, e iniziano a produrre vasellame in atmosfera ossidante continua e controllata, a una temperatura di circa 1050°, raffreddato ancora in atmosfera ossidante (modo di cottura C). Ottengono così prodotti di buona qualità e molto resistenti, destinati soprattutto all’esportazione verso mercati lontani. In breve tempo le fabbriche della Gallia meridionale (e quelle di La Graufesenque in particolare) si trasformano in vere e proprie imprese in grado di realizzare centinaia di migliaia di vasi ogni anno. Con questo riassetto dei centri di produzione, di fatto, si creano sulle rive di due affluenti della Garonna, il Lot e il Tarn, due poli produttivi che si differenziano soprattutto nel modo di gestire i traffici commerciali. Da un lato i ceramisti di Montans, o per lo meno i negotiatores che si occupavano di vendere i loro prodotti, scelgono di rivolgersi ai mercati regionali dell’Aquitania, fino all’Atlantico, e della penisola iberica settentrionale, approfittando di una rete di fiumi e canali che permetteva un trasporto quasi esclusivo per vie d’acqua9. Più a est, invece, intorno ai siti principali di La Graufesenque e Banassac si aggregano, in un regime probabilmente di parziale dipendenza, altri centri minori come Le Rozier ed Espalion, le cui officine realizzano vasellame di buona qualità molto simile a quello di La Graufesenque, se pure con delle peculiarità proprie. La strategia commerciale del gruppo La Graufesenque/Banassac è rivolta principalmente ai campi legionari dell’Occidente romano e agli scambi a vasto raggio, che portano il vasellame sudgallico molto lontano, dal nord Africa alla Britannia e alla penisola Iberica fino in Dacia10.

2.1.1. La Graufesenque11

  • 11 La bibliografia sulle officine e sui ceramisti di La Graufesenque è molto vasta. Tra le opere fond (...)
  • 12 Richard Delage in La céramique romaine 2010, p. 61.

5« La céramique sigillée de La Graufesenque constitue la vaisselle de table la plus couramment répandue en Occident romain au Ier siècle ap. J.-C. La qualité des vases et la capacité de production des ateliers sont les deux facteurs qui ont assuré les succès des ateliers rutènes pendant plusieurs décennies, un succès tel qu’aucune production concurrente n’a pu véritablement se développer tant que l’organisation du travail et le savoir-faire des potiers furent optimums. »12.

  • 13 Il nome del centro antico, noto anche dalla Tabula Peutingeriana, è molto illuminante poiché nasce (...)
  • 14 Si veda la descrizione analitica di tutti questi contesti in Genin 2007.

6Alla confluenza tra il Tarn e la Dourbie, dove oggi sorge Millau, l’antica Condatomagus13, tra il I e il III secolo si sono sviluppati diversi agglomerati di officine ceramiche che hanno avuto fortune e progressi alterni. Tra questi il nucleo principale è certamente quello di La Graufesenque dove, su una superficie di circa 10 ettari, si sono susseguite officine di ceramisti per circa 150 anni, dall’età augustea alla metà del II secolo. Soltanto quattro sono i forni fino a ora individuati e di questi uno solo, noto come Grand Four, era destinato alla cottura di sigillata (modo C) tra l’80 e il 120/130 circa. Gli scavi di La Graufesenque hanno però portato alla luce alcuni contesti chiusi di enorme importanza perché corrispondono a brevissimi periodi di attività di una fornace o addirittura, come nel caso della fossa di Gallicanus, sono il risultato di un’unica infornata andata male, tra il 55 e il 60, che ha prodotto la rottura di circa diecimila vasi. Altri contesti chiusi sono quelli della fossa di Cirratus (circa settemila vasi databili tra il 30 e il 40), di Cluzel 15 (circa 60-65) e i materiali recuperati durante le indagini condotte nel Grand Four, che costituiscono l’insieme più tardo, con i prodotti di L. Cosius (attivo tra il 100 e il 120 circa) e di Fuscus (databile post 120)14.

  • 15 La produzione di La Graufesenque dura circa 150 anni, ma sia nelle fasi di avvio che in quelle di (...)
  • 16 Mees 2006, p. 320. Per la diffusione della sigillata sudgallica si veda anche Mees 2007. Molto pro (...)

7La sigillata prodotta a La Graufesenque, nel corso di circa un secolo15, ha una diffusione molto ampia. In particolare tra il 40 e l’80 i ceramisti ruteni arrivano a una tale eccellenza nel processo di realizzazione del loro vasellame che non è facile per le altre fabbriche raggiungere il medesimo livello. Le officine diventano delle vere e proprie imprese che, grazie anche all’intermediazione di negotiatores, si dividono il mercato europeo in due distinte zone di influenza, quella del bacino Mediterraneo attraverso i porti della Gallia meridionale e in particolare quello di Narbo e quella dell’Europa nord occidentale attraverso il centro di smistamento di Lugdunum16. Come vedremo, inoltre, alcuni ceramisti provano anche a lavorare per entrambi i mercati, differenziando i modelli e/o i marchi.

8Progressivamente, tra l’80 e il 120, le fabbriche rutene iniziano a soffrire per la concorrenza di molti piccoli produttori regionali e si avviano a una fase di decadenza e di contrazione, durante la quale è spesso difficile distinguerle dalle emergenti officine gabale. In questo periodo si accentua ulteriormente la tendenza a lavorare per settori distinti del mercato, con particolare attenzione per la piazza del nord Europa, probabilmente anche perché nei porti del Mediterraneo cominciava ad affluire la sigillata africana.

  • 17 Genin 2006 ; Ead. 2007, p. 155-161 ; La céramique romaine 2010, p. 86-88. È comunque ormai chiaro (...)

9Nella Transpadana occidentale i primi esemplari di prodotti sudgallici arrivano già nel secondo terzo del I secolo e vengono importati piuttosto regolarmente almeno fino a tutta l’età adrianea. Nel vasellame liscio, rispetto alla grande varietà di forme prodotte nelle fabbriche di Condatomagus e dei centri vicini, sono presenti quasi solo coppette e piccoli piatti e mancano completamente le forme chiuse17. Un posto di un certo rilievo, invece, spetta alle importazioni del vasellame marmorizzato, per lo più forme lisce, ma anche qualche sporadico esemplare di Drag. 29 e Drag. 37.

2.1.1.1. La produzione marmorizzata

  • 18 Le argille utilizzate per ottenere il giallo, che si distinguono per la notevole percentuale di ti (...)

10Negli ultimi anni del regno di Tiberio, intorno al 30, alcuni degli artigiani attivi a La Graufesenque, in un momento che possiamo definire ancora di sperimentazione, cercano, pur rimanendo nel repertorio formale della sigillata gallica liscia, di creare oggetti innovativi caratterizzati da una superficie marmorizzata ottenuta grazie all’uso di una vernice gialla che veniva mescolata a quella rossa18. La sigillata marmorizzata viene prodotta, per lo meno da alcune officine, fino alla fine del I secolo o, al più tardi, fino ai primi anni di quello successivo.

  • 19 Genin 2007, p. 155.
  • 20 Martin 1985, p. 125-126. Si tratta evidentemente di un dato che andrebbe aggiornato.
  • 21 Pucci 1977, p. 18. Il calcolo è fatto sommando i 90 vasi della cassa rinvenuta nel 1882 (Atkinson (...)

11La sigillata marmorizzata rinvenuta a La Graufesenque è davvero marginale poiché, su circa 40.000 frammenti riconducibili a un unico contesto databile tra il 30 e il 100, solo 240 sono marmorizzati (0,6 % circa), ed è quasi del tutto assente nei centri vicini, come quelli della valle dell’Hérault ad esempio, dove su 100.000 frammenti solo 9 sono marmorizzati19. Più abbondanti sono le attestazioni di sigillata marmorizzata a Lione, nella Narbonese, e soprattutto in Spagna e in Italia, dove a Ostia un vaso gallico su otto è marmorizzato20 e a Pompei su 203 vasi di sigillata gallica 19 sono marmorizzati21.

  • 22 Genin 2007, p. 158, fig. 159.

12Consistente, come vedremo, è anche la presenza di marmorizzata tra i materiali di alcuni contesti torinesi, e in particolare delle due grandi discariche, nelle quali su un totale di circa 250 frammenti di sigillata gallica databili tra l’età neroniana e l’età flavia, più di 50 sono marmorizzati. E solo dagli strati di accumulo della discarica interna alle mura vengono tre marchi di fabbrica su sigillata sudgallica marmorizzata. Tra questi è da notare la firma di Senilis, un ceramista attivo in età claudio-neroniana, che non sembra fino a ora essere noto come produttore di vasellame marmorizzato22.

  • 23 Per Pompei e Ostia e più in generale per l’Italia centrale, si vedano Martin 1985 e 1994.

13Per valutare la reale consistenza delle attestazioni di sigillata marmorizzata a Pompei, Ostia e nel nord Italia occorre ricordare che se a Pompei tutta la sigillata sudgallica presente è arrivata prima del 79 e a Ostia le importazioni sembrano già ben avviate in età claudio-neroniana, come si desume da una preponderanza nelle attestazioni di Drag. 29, nell’Italia settentrionale, invece, l’arrivo massiccio di prodotti ruteni inizia con l’età flavia23. È evidente quindi che le percentuali di marmorizzata vanno considerate tenendo presenti anche le differenze cronologiche dei contesti.

  • 24 Picon 1998.
  • 25 La Cisalpina, come vedremo, almeno per tutto il II secolo non sembra cambiare fornitori o almeno n (...)

14La produzione di sigillata marmorizzata di La Graufesenque rimane un fenomeno secondario e parallelo alla realizzazione di una enorme massa di vasellame rosso. Calcoli approssimativi portano a immaginare che dalle officine uscisse un vaso marmorizzato ogni cento vasi rossi, senza che sia possibile stabilire un rapporto tra le dimensioni dell’impianto e la produzione di marmorizzata. La fabbricazione di vasi con la superficie marmorizzata richiedeva delle operazioni in più rispetto a quella delle sigillate rosse e l’uso di terre diverse ; è probabile pertanto che questo si riflettesse in una maggiorazione dei costi anche nella vendita al dettaglio. Forse, però, se ha ragione Maurice Picon24 nel pensare che i pigmenti fossero gli stessi usati nelle pitture murali, non doveva trattarsi di una maggiorazione di costi eccessiva e, comunque, non sembra essere stato l’aspetto economico ad aver determinato la maggiore o minore fortuna di questa produzione. È probabile invece che, essendo stata messa a punto per coprire forse un settore particolare del mercato, quello della clientela mediterranea (Betica e Italia in particolare) e della Lusitania, abbia sofferto del mutamento nelle tendenze di questi mercati che, con il II secolo, si rivolgono a fabbriche diverse da quelle galliche25.

2.1.2. Banassac26

  • 26 Hofmann 1965 ; Id. 1966 ; Id. 1988 ; Mees 1995 ; La céramique romaine 2010, p. 89-91.
  • 27 È evidente come il trasferimento di un gruppo di ceramisti abbia comportato anche lo spostamento d (...)

15Già nel XIX secolo il sito gabalo era noto per il rinvenimento di notevoli quantità di sigillata, mai legata però a strutture che facessero pensare a officine vere e proprie. Solo durante indagini condotte tra il 1937 e il 1938 sono stati individuati i primi resti identificabili come parti di impianti produttivi. Nuovi elementi per la conoscenza delle officine di Banassac sono emersi poi in scavi degli anni Sessanta, ma soltanto negli ultimi decenni è stato possibile mettere bene a fuoco la consistenza e la cronologia di questa produzione. Si tratta quasi certamente di officine avviate da ceramisti che avevano lavorato a La Graufesenque e che avevano deciso di trasferirsi in seguito alla flessione dell’attività nelle fabbriche rutene alla fine del I secolo, con l’intento di cercare fortuna altrove27. I mercati a cui si rivolgono i vasai di Banassac sono prevalentemente, oltre a quello regionale e alla valle del Rodano, l’area renano-danubiana e le Germanie. Non mancano però, come vedremo, i rinvenimenti nella Cisalpina.

16Tra i vasai ruteni trasferiti, una figura di spicco è certamente quella di Germanus, che a Banassac avvia anche la realizzazione di un modello decorativo molto particolare, quello dei vasi epigrafici (fig. 8), una serie di coppe emisferiche Drag. 37 caratterizzate da elementi per lo più vegetali misti a grandi lettere che compongono scritte augurali o inviti a bere rivolti a diverse popolazioni galliche, secondo uno schema che sarà ripreso poco più tardi nelle produzioni metallescenti di Treviri.

Fig. 8 - Vaso epigrafico, da Torino, via Basilica.

Fig. 8 - Vaso epigrafico, da Torino, via Basilica.

2.2. La Gallia centrale

  • 28 Delage 1998, p. 312.

17« En ce qui concerne la sigillée moulée du centre de la Gaule, l’activité de recherche et de publication se reporta en grande partie sur les sites de Bretagne romaine, territoire où les productions arvernes sont particulièrement bien représentées entre la fin du Ier s. et la fin du IIe s. Toutes les conditions de la caractérisation chronologique des céramiques sigillées se trouvaient réunies : une histoire militaire plutôt mouvementée, de nombreux sites et fortifications occupés plus ou moins longuement, parfois abandonnés avant d’avoir été achevés puis réoccupés quelques années plus tard, associés à un corpus d’inscriptions, de textes et de nombreux autres critères de datation. »28.

  • 29 « Le centre de production de Lezoux est connu pour avoir diffusé, à grande échelle, au IIe siècle, (...)

18L’attività dei centri produttori della Gallia centrale, una dozzina di siti a nord del Massiccio Centrale, tra la valle dell’Allier e la media valle della Loira, si avvia già nel corso del I secolo, con modalità del tutto diverse da quelle messe in pratica nella Gallia meridionale. Non grandi impianti, ma officine più piccole e ben strutturate, che intrattengono rapporti anche abbastanza stretti le une con le altre, riuscendo in tal modo, intorno alla metà del II secolo, a dominare la distribuzione di sigillata per lo meno dell’Europa centro occidentale29.

  • 30 La céramique romaine 2010, fig. a p. 95.

19Il non poco materiale centrogallico che come vedremo è presente nella Cisalpina, e soprattutto nella Transpadana occidentale, modifica sostanzialmente, rispetto a quanto normalmente riportato in letteratura (fig. 9)30, il panorama della diffusione di questo vasellame e anche quello dei modi e delle direttrici del suo smistamento. Allo stato attuale dell’analisi non mi pare di aver evidenziato, o per lo meno di essere in grado di evidenziare, la presenza di materiali di officine diverse da quelle di Lezoux, anche se le strette relazioni tra i diversi centri rendono abbastanza complesse le distinzioni. D’altra parte la presenza o l’assenza di vasellame di Martres-de-Veyre o di Toulon-sur-Allier o Lubié non modificherebbe sostanzialmente o altererebbe il risultato di questa ricerca.

2.2.1. Lezoux31

  • 31 Déchelette 1904 ; Stanfield - Simpson 1958 ; Rogers 1974 ; Bet - Fenet - Montineri 1989 ; Rogers 1 (...)
  • 32 Gabler et al. 2010, p. 220

20I vasai di Lezoux cominciano a produrre sigillata in modo di cottura C tra la fine del I secolo e gli inizi del II e riescono così a inserirsi per circa centocinquant’anni nei flussi commerciali a lunga distanza, diretti soprattutto ai campi legionari della Britannia e del limes renano-danubiano. In Pannonia, nel II secolo, il valore di mercato di « un bol à reliefs de l’officina de Cinnamus fait à Lezoux coutait approximativement un jour de solde a un légionnaire »32. Dopo la metà del III secolo e fino alla tarda antichità, le officine subiscono una drastica contrazione e si riconvertono a una produzione destinata ai mercati regionali e locali.

  • 33 I gruppi occupavano superfici variabili, che potevano essere molto vaste (fino a 25 ettari), all’i (...)

21La conoscenza del sito si deve soprattutto alle ricerche condotte regolarmente, a partire dagli anni Settanta del XX secolo, che hanno messo in luce una organizzazione molto particolare strutturata in gruppi di botteghe ben distinti tra loro e separati da aree che in epoca romana non erano urbanizzate33. Questi gruppi hanno avuto vicende diverse, durata in attività differente e sviluppo difforme, ma devono essere stati tutti in qualche modo in relazione gli uni con gli altri.

  • 34 Via Iulia Augusta 2008, p. 47.

22Nella Cisalpina le importazioni più antiche di sigillate centrogalliche risalgono all’inizio del II secolo e proseguono probabilmente fino ai decenni iniziali del III. Si tratta soprattutto di coppe Drag. 37 e più raramente Drag. 30 decorate a matrice, di forme lisce caratteristiche come i piatti Bet 32 = Wa 79 (più rara è la coppa Bet 31 = Wa 80) o Bet 57 = Drag. 31R, che si diffondono soprattutto dopo la metà del secolo. Per altre forme lisce, analoghe a quelle prodotte nella Gallia meridionale, spesso, in assenza di marchio di fabbrica o di altri elementi distintivi, non è stato possibile stabilire con sufficiente certezza l’area di provenienza. Il vasellame centrogallico si rinviene in tutta la Cisalpina, ma è assente dalla Liguria costiera, così come manca quasi del tutto dai siti della Gallia Narbonese e della provincia delle Alpes Maritimae, se si eccettua qualche esemplare a Cimiez34.

Fig. 9 - La diffusione finora nota delle sigillate centrogalliche tra il 125 e il 175 : la concentrazione è maggiore nell’area più scura e diminuisce gradatamente verso le aree più chiare.

Fig. 9 - La diffusione finora nota delle sigillate centrogalliche tra il 125 e il 175 : la concentrazione è maggiore nell’area più scura e diminuisce gradatamente verso le aree più chiare.

2.3. Cronologia delle produzioni e datazione dei pezzi

  • 35 Gli autori dei volumi di NOTS inoltre, hanno scelto per le date un incremento arbitrario di cinque (...)

23Non è lo scopo di questa ricerca entrare nel merito della discussione sul periodo di attività delle diverse officine galliche, anche perché stabilire la cronologia dei singoli atelier e i rapporti tra i ceramisti è compito di chi lavora sui materiali dei centri produttori. Chi invece studia i reperti nei luoghi di consumo ha un punto di vista differente e può dare il suo contributo fornendo dati cronologici sui contesti di rinvenimento. Nelle schede di catalogo la cronologia fornita è sempre quella (presunta) della produzione dei pezzi. Per tutto il materiale con marchio di fabbrica letto ho scelto di utilizzare sempre i dati riportati nei volumi NOTS 1-9, in modo da dare un riferimento organico e sistematico, anche se il range riportato in NOTS è di fatto sempre troppo ampio poiché la data di inizio e quella di fine risultano volutamente « fuori » dall’attività dell’officina. Gli autori, infatti, nel datare l’attività dei vasai hanno cercato di fornire l’arco di tempo entro il quale è ragionevole pensare che i vasi siano stati prodotti35. Per il resto ho scelto di volta in volta le cronologie che mi parevano più accettabili, ma sempre riportando la bibliografia di rifermento e le eventuali motivazioni che mi hanno fatto preferire una direzione piuttosto che un’altra.

  • 36 Un carico misto dunque, arrivato a Pompei evidentemente con la mediazione di qualche mercante che (...)
  • 37 In particolare alcuni campi legionari sul Danubio distrutti nei disordini del 69/70 o altri forti (...)

24Nella datazione delle sigillate galliche, come abbiamo visto, i punti fermi sono alcuni contesti particolari e molto fortunati, come il relitto di Cala Culip, i residui di infornate andate a male, ad esempio la Fossa Malaval 1 o di Gallicanus, o la cassa di legno venuta alla luce a Pompei nel tablino di una casa, con 90 coppe decorate a matrice prodotte a La Graufesenque ben ordinate e probabilmente imballate insieme a 37 lucerne di fabbricazione norditalica36. Lo stato di conservazione del materiale e la sua sistemazione accurata fanno pensare che non fossero la suppellettile della dimora, ma che si trattasse di una partita di merce arrivata poco prima dell’eruzione e quindi non rivenduta. Altri punti fermi, se pure a volte meno precisi, vengono dall’analisi dei materiali rinvenuti nei forti militari via via impiantati, distrutti, ricostruiti e infine abbandonati lungo il limes renano-danubiano e in Britannia37.

  • 38 Delage 2003, p. 183.

25Questi termini cronologici assoluti, però, vanno utilizzati con una certa accortezza. La data di una distruzione fornisce un terminus ante quem certo e indiscutibile, ovvero ci garantisce la presenza di quel vaso in un determinato luogo nel momento di un disastro. Ma, di nuovo, non dice nulla sulla data di fabbricazione e men che meno, se si tratta di materiali prodotti a stampo, su quella di realizzazione della matrice di partenza. Gli stampi, infatti, potevano essere vecchi e in uso da molto tempo, o realizzati mettendo insieme punzoni fabbricati in momenti diversi38. In sintesi, tutti i ragionamenti che possiamo fare per inserire un piatto, una coppa o un bicchiere realizzato a matrice in un range cronologico ragionevole si riferiscono in realtà allo stampo di partenza e non al prodotto finito.

  • 39 Per una riflessione sul complesso argomento dell’uso dei materiali nell’interpretazione archeologi (...)

26È molto probabile poi che due coppe Drag. 37 prodotte a Lezoux nella fabbrica di Cinnamus, giunte insieme ad Augusta Taurinorum, possano aver in seguito preso strade diverse e siano rimaste in uso per un arco di tempo molto differente. Una potrebbe essersi rotta subito ed essere stata eliminata, mentre l’altra, passando di madre in figlia anche per diverse generazioni, può essere sopravvissuta molto a lungo. O ancora, la prima, una volta rotta, può essere stata in qualche modo restaurata e destinata ad altro uso. E così via. Se pensiamo alla vita e alle vicende delle nostre stoviglie oggi ci accorgeremo che sarebbe impossibile ingabbiarle in una griglia cronologica rigida e che ognuna di esse avrebbe modo e diritto di narrare una sua personale storia39.

Fig. 10 - La Cisalpina con l’evidenza del bacino del Po, del tracciato della via Postumia e dei siti in cui è accertata la presenza di sigillata gallica.

Fig. 10 - La Cisalpina con l’evidenza del bacino del Po, del tracciato della via Postumia e dei siti in cui è accertata la presenza di sigillata gallica.

2.3.1. Schema riassuntivo delle scansioni cronologiche

27Nella stesura delle diverse parti del catalogo e, più in generale, nella collocazione cronologica dei frammenti rinvenuti nella Cisalpina, ho cercato di mantenere alcuni punti fermi. Che sono sicuramente arbitrari e opinabili, ma servono a dare un quadro generale e a focalizzare l’attenzione su aspetti più ampi della datazione del singolo frammento. Nella tabella che segue sono riassunti i criteri di massima.

Tav. 1 - Schema riassuntivo delle scansioni cronologiche.

La Graufesenque 40-80 massima diffusione delle fabbriche sudgalliche in tutto il Mediterraneo ; limitate importazioni nella Cisalpina
La Graufesenque 80-120 contrazione generale delle esportazioni, ma sensibile aumento nella Cisalpina
La GraufesenqueBanassac 80-150 si raggruppano in questo arco cronologico i frammenti che non è possibile attribuire a uno dei due centri
Banassac 100-150 cessazione delle esportazioni verso il mondo mediterraneo, ma afflusso costante nella Cisalpina
Lezoux 130/140-240 cessazione delle esportazioni di sigillate sudgalliche ; esportazioni dei prodotti centrogallici verso il nord Europa e verso l’area renano danubiana ; afflusso costante nella Cisalpina per lo meno fino all’inizio del III secolo

Notes

1 Una Drag 37 di Cibisius, ceramista di Ittenwiller e probabilmente Mittelbronn e Rheinzabern attivo tra il 160 e il 180, una Drag. 36 decorata a foglie d’acqua e due Drag. 33 (probabilmente sempre di Rheinzabern) vengono, ad esempio, da Airolo Madrano nel Canton Ticino (Butti Ronchetti 2000).

2 Maselli Scotti 1981, p. 252.

3 I frammenti presentano le caratteristiche iscrizioni beneauguranti ottenute con una barbotine bianca sulla parte superiore del vaso. L’identificazione di questi frammenti ad Aquileia apre un nuovo e stimolante capitolo sulla commercializzazione di manufatti di pregio dal nord Europa, poiché fino a ora erano noti solo in area transalpina e in Gran Bretagna. La ricerca sugli esemplari aquileiesi è attualmente in corso da parte di Valentina Mantovani e solo a lei devo le informazioni in merito (Mantovani 2016.)

4 « Un aspect mérite aussi d’être souligné, qui n’est pas une découverte, mais bien plutôt une confirmation, c’est la mobilité du personnel des officines entre les ateliers ; la communauté de noms de potiers entre plusieurs ateliers méridionaux ne peut être seulement le fait d’homonymie et du hasard. » (Tilhard 2009, p. 317).

5 Anche dal punto di vista cronologico ho dovuto agire in maniera rigida, dividendo il materiale in fasce temporali prefissate. Di nuovo una forzatura, ma necessaria a inquadrare i processi dei flussi commerciali, ben sapendo che singoli oggetti (o anche gruppi di oggetti) potevano viaggiare, essere spostati, rivenduti, riutilizzati in maniera del tutto scissa dalle vie di transito ufficiali delle merci.

6 Il gruppo dei centri di produzione della Gallia meridionale si colloca tra la parte occidentale della Gallia Narbonese e l’Aquitania meridionale. È ancora aperto il dibattito sulle relazioni tra le fabbriche sudgalliche e quelle di Arezzo e della valle dell’Arno : una forma indiretta di influenza o un vero e proprio trasferimento di artigiani, come sembra testimoniare anche il rinvenimento recente di bolli di Ateius a La Graufesenque (Genin 2007, p. 178).

7 La definizione dei diversi metodi di cottura è in Picon 2002, a cui si rimanda anche per una descrizione più completa e per approfondimenti. Si veda anche La céramique romaine 2010, p. 19-20.

8 Il controllo del processo di raffreddamento è un passo essenziale nel procedimento di produzione della ceramica. Il risultato di un calo troppo rapido della temperatura portava alla rottura dei vasi, come è accaduto ad esempio in età neroniana a La Graufesenque, in un evento il cui esito vediamo nello scarico della Fossa di Gallicanus o Fossa Malaval 1 (NOTS 1, p. 7).

9 NOTS 1, p. 8. A tutt’oggi non mi pare che nella Cisalpina sia stato individuato vasellame di Montans.

10 Ibid.

11 La bibliografia sulle officine e sui ceramisti di La Graufesenque è molto vasta. Tra le opere fondamentali : Déchelette 1903 ; Oswald 1931 ; Oswald-Pryce 1920 ; Hermet 1934 ; Oswald 1936-1937 ; Marichal 1988 ; Mees 1995 ; Genin 2006 ; Genin 2007 ; Schaad 2007 ; La céramique romaine 2010, p. 60-88.

12 Richard Delage in La céramique romaine 2010, p. 61.

13 Il nome del centro antico, noto anche dalla Tabula Peutingeriana, è molto illuminante poiché nasce dall’unione di due termini condate (confluente) e magus (mercato).

14 Si veda la descrizione analitica di tutti questi contesti in Genin 2007.

15 La produzione di La Graufesenque dura circa 150 anni, ma sia nelle fasi di avvio che in quelle di declino il vasellame viene distribuito solo a livello locale e regionale.

16 Mees 2006, p. 320. Per la diffusione della sigillata sudgallica si veda anche Mees 2007. Molto probabilmente i carichi destinati alla Britannia transitavano dal porto di Lugdunum per poi risalire il Rodano e scendere lungo il corso del Reno. Un passaggio per i porti atlantici sarebbe stato, almeno a mio avviso, molto più complesso e soprattutto periglioso, senza portare alcun vantaggio in termini di lunghezza del viaggio.

17 Genin 2006 ; Ead. 2007, p. 155-161 ; La céramique romaine 2010, p. 86-88. È comunque ormai chiaro che molte forme sperimentate nelle officine rutene non sono mai state destinate a un mercato a vasto raggio.

18 Le argille utilizzate per ottenere il giallo, che si distinguono per la notevole percentuale di titanio (il 3,9 % di TiO2 contro un percentuale inferiore allo 0,8 riscontrabile nelle vernici rosse) e per una percentuale maggiore anche di magnesio (3,6 contro 1,2), si trovano solo nelle regioni vulcaniche. È probabile quindi che i ceramisti di La Graufesenque abbiano approfittato della celadonite, una delle terre verdi usata come pigmento per la pittura murale, che, estratta nei giacimenti a nord di Millau, arrivava a La Graufesenque attraverso il Tarn per essere depurata e quindi messa in commercio (Picon 1998).

19 Genin 2007, p. 155.

20 Martin 1985, p. 125-126. Si tratta evidentemente di un dato che andrebbe aggiornato.

21 Pucci 1977, p. 18. Il calcolo è fatto sommando i 90 vasi della cassa rinvenuta nel 1882 (Atkinson 1914 ; Pucci 1977, p. 16 ; Dzwiza 2004) ad altri 113 frammenti rinvenuti nei depositi e nei musei di Napoli e Pompei alla metà degli anni Settanta del secolo scorso. Anche in questo caso sarebbe necessario rivedere le informazioni alla luce delle indagini e delle ricerche più recenti.

22 Genin 2007, p. 158, fig. 159.

23 Per Pompei e Ostia e più in generale per l’Italia centrale, si vedano Martin 1985 e 1994.

24 Picon 1998.

25 La Cisalpina, come vedremo, almeno per tutto il II secolo non sembra cambiare fornitori o almeno non abbandona i produttori gallici. Dal punto di vista dei flussi commerciali e delle vie di transito non poteva però essere considerata un mercato italico e quindi mediterraneo e non era forse sufficiente a mantenere una linea di produzione diversificata.

26 Hofmann 1965 ; Id. 1966 ; Id. 1988 ; Mees 1995 ; La céramique romaine 2010, p. 89-91.

27 È evidente come il trasferimento di un gruppo di ceramisti abbia comportato anche lo spostamento di disegni e modelli, ma soprattutto di matrici per la realizzazione di vasellame decorato, cosa che rende estremamente complesso operare delle distinzioni nette e inequivocabili tra prodotti coevi dei due centri.

28 Delage 1998, p. 312.

29 « Le centre de production de Lezoux est connu pour avoir diffusé, à grande échelle, au IIe siècle, de la vaisselle sigillée au sein de la plupart des territoires du monde romain occidental non méditerranéen. » (R. Delage in La céramique romaine 2010, p. 95).

30 La céramique romaine 2010, fig. a p. 95.

31 Déchelette 1904 ; Stanfield - Simpson 1958 ; Rogers 1974 ; Bet - Fenet - Montineri 1989 ; Rogers 1999 ; Delage 1999 ; Bet - Delor 2000 ; La céramique romaine 2010, p. 92-124. Ben racconta la storia delle produzioni ceramiche di Lezoux il museo inaugurato nel 2007 negli spazi dismessi della fabbrica di ceramiche Bompard. I grandi locali dello stabilimento, che è stato attivo tra il 1869 e il 1947, conservano ancora oggi, visibili, due enormi forni di cottura.

32 Gabler et al. 2010, p. 220

33 I gruppi occupavano superfici variabili, che potevano essere molto vaste (fino a 25 ettari), all’interno delle quali sono state riconosciute anche aree destinate alla preparazione dell’argilla. I due gruppi che paiono essere i più importanti sono quello di rue Saint-Taurin e quello della route de Maringues.

34 Via Iulia Augusta 2008, p. 47.

35 Gli autori dei volumi di NOTS inoltre, hanno scelto per le date un incremento arbitrario di cinque anni in cinque anni, per cui un range AD 50-70 « does not necessarily imply that he began work in AD 50 and ended in AD 70, but that he started within the range probably much nearer its beginning than its end and ended it also within the range, but near or its end. » (Allen 2013, p. 50-51).

36 Un carico misto dunque, arrivato a Pompei evidentemente con la mediazione di qualche mercante che trattava anche prodotti della Cisalpina. Atkinson 1914 ; Dzwiza 2004.

37 In particolare alcuni campi legionari sul Danubio distrutti nei disordini del 69/70 o altri forti nel Galles e in Scozia (Nieto-Puig 2001, p. 21) e in quelli della Britannia, a Londra, Verulamium e Colchester, in cui sono stati riconosciuti anche gli esiti degli incendi attribuibili al sacco di Budicca del 60 (NOTS 1, p. 4).

38 Delage 2003, p. 183.

39 Per una riflessione sul complesso argomento dell’uso dei materiali nell’interpretazione archeologica si veda Gabucci 2013, p. 79-111.

Table des illustrations

Titre Fig. 7 - Siti produttori di sigillata in Gallia tra la prima e la media età imperiale.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3246/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 1,1M
Titre Fig. 8 - Vaso epigrafico, da Torino, via Basilica.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3246/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 549k
Titre Fig. 9 - La diffusione finora nota delle sigillate centrogalliche tra il 125 e il 175 : la concentrazione è maggiore nell’area più scura e diminuisce gradatamente verso le aree più chiare.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3246/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 982k
Titre Fig. 10 - La Cisalpina con l’evidenza del bacino del Po, del tracciato della via Postumia e dei siti in cui è accertata la presenza di sigillata gallica.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3246/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 6,6M

© Publications de l’École française de Rome, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540