Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Attraverso le Alpi e lungo il Po : importazione e distribuzione di sigillate galliche nella Cisalpina

 | 
Ada Gabucci

Introduzione

Texte intégral

Les Alpes n’ont jamais constitué une barrière naturelle étanche. […]. Il est plus correct de les qualifier d’« espace intermédiaire ».
(Leveau 2008b, p. 393)


On devine l’importance de ces chemins et des transports par mulets dans la vie antique ; il n’existait pas seulement les célèbres, mais peu nombreuses voies romaines et le voies maritimes et fluviales sur lesquelles on insiste aujourd’hui ; les mulets sur des pistes dangereuses ou détrempées (comme celles de la plaine du Pô que suit le muletier dans un Catalecton virgilien) formaient l’autre face des transports.
(Passeron - Veyne 2004, p. 279)

1L’idea di questa ricerca nasce da un embrione lontano e un po’ casuale, ma si è via via organizzata nel corso degli anni, seguendo una linea principale che ha fatto da magnete attrattore per molte informazioni derivate da indagini e studi apparentemente non collegati. Dopo oltre quindici anni di vita e lavoro romani mi sono trasferita nel nord-ovest e mi sono trovata davanti a un panorama di materiali che era molto diverso da quello a cui ero abituata. Tra i pochi fossili guida a me noti, oltre ai vetri e alle (poche) sigillate centroitaliche, ho individuato presto la sigillata gallica sulla quale avevo fatto esperienza a Roma, grazie a un lavoro che seguiva a un recupero di materiale nel Tevere. Poi sono andata avanti facendo altro e con il tempo ho imparato a muovermi nella realtà della Cisalpina in età romana.

  • 1 Tutto questo a livello generale. Scendendo nel particolare, invece, più volte, anche in vecchie sc (...)

2La presenza della sigillata gallica nella Transpadana occidentale è cosa nota da tempo, per lo meno agli studiosi locali, ma l’entità del fenomeno e il suo significato sul piano economico e delle relazioni commerciali sono ancora oggi molto poco evidenti a livello nazionale e internazionale. E soprattutto ne è del tutto ignota la portata. A lungo, in tutta la Cisalpina nordoccidentale si è considerato normale che tra il vasellame da mensa genericamente databile tra la metà del I e la metà del II secolo comparissero, in proporzione variabile, frammenti di sigillata per lo più identificata come sudgallica1. Sono state riconosciute con una certa facilità le coppe decorate a matrice tipo Drag. 29 e 37 e le più rare Drag. 30, mentre più complessa è sempre stata – e rimane tuttora – l’individuazione dell’area di provenienza del vasellame liscio privo di marchio di fabbrica. Ma di questo diremo poi.

  • 2 Pejrani Baricco - Subbrizio 1999 ; Pejrani Baricco - Subbrizio. 2004 ; Brecciaroli Taborelli - Gab (...)
  • 3 Come vedremo in seguito, al capitolo 5, § 5.5.1 e 5.5.2, sono accumuli costanti di materiale di sc (...)
  • 4 TSNI = Terra sigillata norditalica, classe che riunisce tutte le sigillate prodotte nell’Italia se (...)
  • 5 Il fenomeno diventa ancora più importante se si considera che, dopo la metà del I secolo, le sigil (...)

3Alcuni importanti interventi di scavo condotti a Torino a ridosso delle mura di età romana tra il 1991 e il 20012 hanno però mutato radicalmente la prospettiva. Si tratta di aree di discarica interne ed esterne alle mura3 che hanno restituito oltre un migliaio di casse di reperti, con una percentuale di sigillata (genericamente) gallica che è concorrenziale con quella della TSNI4. Solo nel tratto scavato della discarica interna (una trentina di metri di lunghezza), ad esempio, sono stati raccolti ben 50 frammenti di marmorizzata. È parso subito evidente come le sigillate delle officine galliche non potessero più essere considerate né una presenza sporadica e fortuita né il frutto di rifornimenti destinati esclusivamente alle classi più abbienti, ma fossero un indicatore economico piuttosto importante5.

4Prendendo spunto da queste nuove informazioni, mi è sembrato utile riprendere in mano il mio fossile guida per esaminare nel loro complesso le attestazioni di sigillata gallica nella Transpadana occidentale, anche in confronto alla situazione delle altre aree del nord Italia con lo scopo di stabilire non solo la provenienza del vasellame, ma anche e soprattutto le rotte commerciali seguite, cercando di non perdere di vista il fatto che le casse di sigillate, ben imballate e sistemate, dovevano viaggiare in carichi articolati e di composizione variabile, e quasi certamente variante, lungo la rotta.

Avvertenza per le parti di catalogo6

  • 6 Le parti di catalogo sono inserite nella trattazione dei diversi siti e dei differenti cantieri.
  • 7 Soprattutto nel caso di scavi con una mole notevole di materiali, nel catalogo è inserita solo una (...)
  • 8 Si veda al capitolo 2, § 2.3.1. e tav. I.

5Come già detto, nel catalogo sono inseriti i marchi di fabbrica, i frammenti identificabili e riconosciuti di vasellame decorato a matrice e le forme di sigillata liscia caratteristiche di una determinata produzione e quindi utili a stabilire la provenienza dei materiali7. Ho scelto di dividere il materiale secondo una scansione cronologico/geografica che corrisponde a grandi linee allo sviluppo delle produzioni galliche8.

  • i disegni sono in parte originali e in parte tratti da vecchie pubblicazioni
  • quando non diversamente specificato, i reperti sono conservati a Torino, nel Museo di Antichità (Musei Reali) . Fanno eccezione i reperti milanesi, tutti conservati presso il Laboratorio di Archeologia M. Cagiano de Azevedo dell'Universita Cattolica del Sacro Cuore. Tutte le immagini sono su concessione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) e non sono ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004 ;
  • i cataloghi sono ordinati partendo dai frammenti con marchio di fabbrica elencati in ordine alfabetico di produttore, seguiti dalla forme lisce e infine da quelle decorate a matrice organizzate in ordine crescente di numero di punzone secondo Oswald 1936-1937 ;
  • per quanto riguarda i riempitivi sui frammenti di sigillata centrogallica le sigle si riferiscono tutte a Rogers 1974.

Fig. 1 – L'allestimento di una campionatura dei materiali delle discariche per la mostra « Archeologia a Torino », Torino, Musei Reali, Museo di Antichità.

Fig. 1 – L'allestimento di una campionatura dei materiali delle discariche per la mostra « Archeologia a Torino », Torino, Musei Reali, Museo di Antichità.

Notes

1 Tutto questo a livello generale. Scendendo nel particolare, invece, più volte, anche in vecchie schedature, sono stati riconosciuti, tra i frammenti di sigillata decorata a matrice, dei punzoni di Lezoux. Ma questa informazione raramente ha raggiunto il livello del ragionamento di sintesi. Peraltro molto spesso l’attenzione per le coppe decorate a matrice derivava solo da una sorta di analisi stilistica (quasi storico artistica) dei singoli motivi decorativi e del loro insieme.

2 Pejrani Baricco - Subbrizio 1999 ; Pejrani Baricco - Subbrizio. 2004 ; Brecciaroli Taborelli - Gabucci 2007, p. 245-247 e 254-258.

3 Come vedremo in seguito, al capitolo 5, § 5.5.1 e 5.5.2, sono accumuli costanti di materiale di scarto databili tra la seconda metà del I e il III secolo.

4 TSNI = Terra sigillata norditalica, classe che riunisce tutte le sigillate prodotte nell’Italia settentrionale tra i primi decenni del I secolo e l’età antonina e che, dalla metà del I secolo, di fatto satura il mercato della maggior parte del nord Italia. Una breve sintesi (con bibliografia precedente) è in Zabehlicky-Scheffenegger 2006, ma lo stato dell’arte è così frammentato che una documentazione esaustiva si ottiene solo consultando le edizioni dei singoli siti.

5 Il fenomeno diventa ancora più importante se si considera che, dopo la metà del I secolo, le sigillate italiche e in particolare quelle della valle dell’Arno, sia lisce che decorate, vengono ancora importate, ma sono del tutto marginali e che le sigillate africane arrivano in maniera sporadica e quasi eccezionale (i dati sulle sigillate italiche si desumono dalle pubblicazioni dei diversi siti ; per l’africana si veda Brecciaroli Taborelli 1998b, p. 277-281).

6 Le parti di catalogo sono inserite nella trattazione dei diversi siti e dei differenti cantieri.

7 Soprattutto nel caso di scavi con una mole notevole di materiali, nel catalogo è inserita solo una scelta dei pezzi ; gli altri troveranno posto nella banca dati ministeriale.

8 Si veda al capitolo 2, § 2.3.1. e tav. I.

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – L'allestimento di una campionatura dei materiali delle discariche per la mostra « Archeologia a Torino », Torino, Musei Reali, Museo di Antichità.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3244/img-1.png
Fichier image/png, 32M

© Publications de l’École française de Rome, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540