Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Esclaves et maîtres dans le monde romain

 | 
Monique Dondin-Payre
, 
Nicolas Tran

Études régionales

Fidelissimus seruus. Considerazioni sul rapporto servo-padrone (testimonianze aquileiesi)

Claudio Zaccaria

Texte intégral

  • 1 Attualmente si conoscono circa 4300 iscrizioni rispetto alle poco più di 1800 pubblicate da Th. Mo (...)

1La presenza servile ad Aquileia, per quanto possiamo cogliere dalla documentazione epigrafica a noi pervenuta1, si presenta numericamente consistente e molto variegata.

Tab. 1 – Schiavi aquileiesi.

Serui rei publicae Aquileiensium 18 municipum Aquileiensium
colonorum Aquileiensium
colonorum
publicus
tabularii serui uicarius
uilicus summarum
plumbarii
aedituus
officio lucorum
Augustalium et seuirorum arkarius
1
4
2
1
1
1
4
1
2
1
Serui del portorium 8 Aquileiense portorium
publicum portorii Illyrici
3
5
Serui conductorum ferrariarum Noricarum 4 Q. Septueius Clemens
Ti. Claudius Macro
3
1
Seruus uicesimae libertatis 1 1
Familia Caesaris 16 domestici
patrimonium
2
14
Serui priuati (élites) 9 senatores
equites
centurio
commentariensis consularis
ueteranus
5
1
1
1
1
Serui priuati (attività) 11 medici
praeceptor
dispensator
actores
actor / uilicus summarum
2
1
1
5
2
Serui priuati (magistri e membri di collegi religiosi) 16 età tardorepubblicana
(2 testi)
I secolo (2 testi)
II secolo (1 testo
5
5
6
Serui priuati (dediche sacre) 20 20
Serui priuati (delicati / delicatae) 16 delicati
delicatae
puer
9
6
1
Serui priuati (uernae) 5 5
Serui priuati (alumni / alumnae) 5 alumni
alumnae
+ alumnabus [?]
3
2
?
Serui priuati (con nome del dominus) 22 22
Serui priuati (con o senza nome) 27 27
Dediche collettive
per la familia servile
? seruis defunctis (2 testi)
seruis seruabus (2 testi)
familiae (1 testo)
alumnabus (2 testi)
?
?
?
?
Individui di condizione servile 181
+ dediche collettive
181 + ?
Ex schiavi
(individuati tramite formulario)
623 libertus
liberto
liberti
liberta
libertae
libertis
159
190
33
100
126
15
Ex schiavi indicati collettivamente > 500 libertis libertabus (149 testi) > 500
Ex schiavi in base all'onomastica ? ?
Totale schiavi ed ex schiavi (stima) 1500? 1500?
  • 2 Un primo bilancio sulla presenza servile ad Aquileia si trova in Calderini 1930, p. 361-367. Per a (...)

2Lo spoglio del ricco dossier epigrafico consente, infatti, di riconoscere per nome — in base all’esplicita presenza dei termini seruus / serua e alla denominazione con il semplice idionimo, associato o no al nome del dominus al genitivo o a indicazioni di attività tipicamente servili — 179 individui di sicura o molto probabile condizione servile, cui vanno aggiunti quelli anonimi e non quantificabili, cui si riferiscono le formule seruis seruabus e defunctis seruis / seruis defunctis usate in alcune dediche funerarie che suggeriscono una presenza di una familia servile non limitata a poche unità. Per avere un quadro più realistico della effettiva presenza degli schiavi nella società aquileiese vanno però tenuti in conto anche gli ex schiavi documentati attraverso le testimonianze epigrafiche di liberti e liberte, di cui nella documentazione conosciuta si registrano con certezza 623 individui grazie all’esplicita menzione della condizione libertina nella formula onomastica, ai quali dobbiamo aggiungere almeno altrettanti compresi nella formula generica libertis libertabus, anche questa indizio di un numero di individui superiore alle due o tre unità, posta in chiusura di 149 iscrizioni funerarie, senza trascurare un numero imprecisato di persone che, omettendo di segnalare esplicitamente nella formula la loro condizione, mantengono però in posizione cognominale elementi onomastici che lasciano supporre una loro origine servile. A conti fatti, schiavi o ex schiavi risultano pertanto menzionati in circa un quarto dei monumenti epigrafici aquileiesi fino ad oggi conosciuti2.

3Com’è da aspettarsi in una metropoli fiorente e popolosa e per molti aspetti strategica, oltre agli schiavi più strettamente privati, che costituiscono l’oggetto specifico della seconda parte di questo contributo, tra gli individui censiti nominativamente è possibile riconoscere un buon numero di serui della res publica Aquileiensium e una quarantina di schiavi, che, benché fossero in proprietà di privati, figurano impiegati in diversi ambiti dell’amministrazione statale e municipale dei quali i loro domini avevano la gestione per conto dello Stato romano.

Tab. 2 – Serui della res publica Aquileiensium.

1. Serui publici colonorum Aquileiensium
1. Steph[anus]? m(unicipum) Aq(uileiensium)
actor summ
(arum)
InscrAq, 556
Weiss 2004, p. 210, nr. 134
Luciani 2011, p. 82-83, nr. 30
EDR 117609 ; lupa 17065
2. Habilis
3. Prima
publicus (seruus/a) InscrAq, 566
Weiss 2004, p. 210, nr. 135
Luciani 2011, p. 73, nr. 23
4. Helius colonorum (seruus)
con un Caesaris n. ser(uus) e
L. Aquileiensis Agathius
CIL, V, 1084 ; InscrAq, 475
Weiss 2004, p. 210, nr. 127
Luciani 2011, p. 74, nr. 24
5. Bellicus
6. Pri[scus?]
7. Suavis
colonor(um) Aquileiens(ium)
(seruus)
fratres
CIL, V, 1127 ; InscrAq, 550
Weiss 2004, p. 210, nr. 128
Luciani 2011, p. 69-70, nr. 21
8. Silvanus colonor(um) (seruus) InscrAq, 553 = 1124
IEA, 38
Luciani 2010, p. 261, nr. 3
Luciani 2011, p. 80-81, nr. 29
EDR 117607
9. Martialis c(olonorum) A(quileiensium)
Ioui sacrum
InscrAq, 243
Luciani 2010, p. 260, nr.2
Luciani 2011, p. 75, nr. 25
EDR 117113 ; lupa 18744
10. Priscus colonor(um)
Aquil
(eiensium) s[er(uus)]
InscrAq, 552 ; IEA, 265
Luciani 2011, p. 76-77, nr. 26
EDR 117606 ; lupa 13441
11. [---Po?]lion colon(orum) Aq(uileiensium)
Pais, SupplIt, 211 = 1139 
InscrAq, 699
Weiss 2004, p. 210, nr. 132
Luciani 2011, p. 85, nr. 32
12. ? [tabula?]rii p(ublici)
c
(olonorum) A(quileiensium) s(erui) uic(arius)
InscrAq, 555 ; EDR 117608
Weiss 2004, p. 210, nr. 136
Luciani 2011, p. 86-87, nr. 33
13. Felix C. Aquileiens(is) Felix
Apollini Beleno
quod uilic
(us) summarum
[uouit lib
(ens) soluit]
CIL, V, 737 ; ILS, 4869
InscrAq, 129
Alföldy 1984, p. 88, nr. 45
Weiss 2004, p. 209-210, nr. 126
Zaccaria 2008, p. 396 e fig. 9
Luciani 2011, p. 88-89, nr. 34
EDR 093877
14. Silvanus c(olonorum)
A
(quileiensium) (seruus)
(fistula aquaria)
Luciani 2010, p. 261, nr. 4
Luciani 2011, p. 79, nr. 28
EDR 140096
15. Eglectus c(olonorum)
Aq(uileiensium) (seruus)
(fistulae aquariae)
Luciani 2010, p. 261, nr. 5a-b
Luciani 2011, p. 71-72, nr. 22
EDR 140097
16. Sedatus c(olonorum)
Aq
(uileiensium) (seruus)
(fistulae aquariae)
CIL, V, 8117, 6a-b
Weiss 2004, p. 210, nr. 129
Luciani 2011, p. 78, nr. 27a-b
17. Surio c(olonorum)
A
(quileiensium) (seruus)
(fistula aquaria)
Pais, SupplIt, 1082, 2
Weiss 2004, p. 210, nr. 133
Luciani 2011, p. 84, nr. 31
18. Victor aedituus
dis deabusque sacr
(um)
ex uoto
CIL, V, 767 = 10, 357b
InscrAq, 186
EDR 116853
19. Abascantus
colonorum
Aquil
(eiensium) ser(uus)
officio lucum Herculis
InscrAq, 3260
Weiss 2004, p. 210, nr. 130
Zenarolla 2008, nr. AQ10
Luciani 2011, p. 64-66, nr. 19
EDR 117343
20. Acutio
rei p(ublicae) ser(uus) [off]icio [---]
Nemesi Aug
(ustae)
Pais, SupplIt, 166 ; InscrAq, 322
Hornum 1993, p. 230, nr. 141
Fortea López 1994, p. 265, nr. 92
Luciani 2011, p. 67-68, nr. 20
EDR 117138 ; lupa 17538
2. Serui Augustalium et seuirorum
21. Hermes August(alium) et seuir(orum) ark(arius)
l
(ocus) d(atus) a Statiis
InscrAq, 601
EDR 117626 ; lupa 18963
  • 3 Vd. Calderini 1930, p. 279 e p. 363-364 ; i documenti sono elencati in Weiss 2004a, p. 209-210, nr (...)
  • 4 Tab. 2, nr. 2-11.
  • 5 Tab. 2, nr. 1 : Steph[anus] m(unicipum) Aq(uileiensium) actor summ(arum). A differenza del uilicus (...)
  • 6 Tab. 2, nr. 12. Per la rilettura e il riconoscimento di un probabile tabularius vd. Luciani 2011, (...)
  • 7 Tab. 2, nr. 13. Il dedicante è un liberto che scioglie il voto fatto a Beleno quando era schiavo p (...)
  • 8 Tab. 2, nr. 14-14.
  • 9 Tab. 2, nr. 18. Sulle mansioni degli aeditui vd. Ménard 2006.
  • 10 Tab. 2, nr. 19-20. Nella prima iscrizione è possibile intendere lucum come forma del genitivo plur (...)
  • 11 Tab. 2, nr. 21 : Fabriciae / Seuerinae / ann(orum) XVI mens(ium) X / Hermes August(alium) / et VIu (...)
  • 12 InscrAq, 522 (EDR 093722 ; lupa 18131) : C(aio) Iulio / C(ai) f(ilio) Fab(ia) / Agathopo / flamini (...)
  • 13 Testimonianze e discussione in Duthoy 1976, p. 1274-1276 ; Abramenko 1993, p. 168-172 ; in partico (...)

4Di proprietà pubblica sono gli schiavi al servizio della res publica Aquileiensium3 (Tab. 2.1), tra cui, accanto a serui publici senza indicazione di specifiche mansioni4, si sono conservate testimonianze di un actor summarum, databile ancora alla fase municipale della città5, di un servo addetto al tabularium publicum con il suo uicarius6, di un uilicus summarum7, di alcuni plumbarii8, di un aedituus9, di un addetto ai luci Herculis e di un altro schiavo al quale in base alla formula dovrebbe essere attribuita analoga funzione nell’ambito della cura e manutenzione di edifici e spazi sacri10. Da segnalare, infine, per la particolarità dell’attestazione, un arkarius Augustalium et seuirorum11 (Tab. 2.2), a conferma che, com'è documentato anche da una dedica onoraria posta per un magistrato municipale che fu patronus della colonia12, anche ad Aquileia Augustales e seuiri erano associati in un vero e proprio ordo organizzato sul modello dell’ordo decurionum ed erano dotati di personale servile a supporto dell’amministrazione della cassa13.

  • 14 Sintesi e bibliografia in Zaccaria 2010.

5Fin dall’età tardorepubblicana e per tutto il periodo altoimperiale risultano attivi nella città e nel territorio aquileiese schiavi addetti alla riscossione dei dazi (Tab. 3.1), prima in proprietà delle societates che gestivano l’Aquileiense portorium e poi il publicum portorii Illyrici, poi dei conductores che amministravano il medesimo distretto doganale e infine, dopo il passaggio della gestione all’amministrazione diretta, degli imperatori14.

Tab. 3 – Serui al servizio dell'amministrazione romana.

1. Serui sociorum et conductorum publici portorii
1. Traex
soc(iorum) port(itor) s(eruus)
Diphilus Vibi M. s(eruus)
3 magistri con 3 liberti
Epagatus Fabi L. s(eruus)
dedica sacra (Laribus)
CIL, V, 792 ; CIL, I2, 2193
ILLRP, 199 ; InscrAq, 10
EDR 118604 ; lupa 19934
2. Agato portitor soc(iorum) s(eruus)
magister (?) insieme con un liberto
dedica sacra (Meneruai)
CIL, V, 703 ; CIL, I2, 2215
InscrIt, X, 4, 303
InscrAq, 14
EDR 118820 ; lupa 16029
3. Abennaeus Catti M. s(eruus)
dedica sacra (Mineruae)
CIL, V, 704 ; CIL, I2, 2216
InscrIt, X, 4, 304
InscrAq, 15
EDR 118963 ; lupa 16028
4. Hyacinthus socior(um) p(ublici) p(ortorii) (seruus)
amicus
di M. Catius Donatus (publicanus?)
CIL, V, 8361 ; InscrAq, 517
IEA, 2003, nr. 415
EDR 117533 ; lupa 14118
5. Eleuther C. Antoni Rufi c(onductoris) p(ublici) p(ortorii) uil(icus)
dedica votiva (Siluano Augusto)
CIL, V, 820 ; InscrAq, 341
EDR 116894
6. Lucianus
Eutychetis Aug. n. uil(ici) uik(arius) stat(ionis) Atrant(inae)
dedica votiva (I. O. M. D.
Heliopolitano
)
InscrAq, 261 ; CCID, 447
EDR 117120 ; lupa 14862
7. Aquilinus uilicus Augg. (stationis Bilachiniensis ?)
Caes. n
. in CIL, III, 11470
dedica votiva (Spei / Siluano?)
CIL, V, 706 ; InscrAq, 358
InscrIt, X, 4, 324
EDR 117376 ; lupa 2694
8. Eutyches Aug. n. ser(uus) uil(icus) uect(igalis) Illyric(i) praep(ositus)
q(uin)q(uagesimae)
I.O.M. et Numini dom. n. Imp. Antonini Pii Felicis Aug. et genio splend
(idissimae) col(oniae) Aquileiae
stationes utrasq
(ue) empori ex comm(odis) suis ampliauit et restituit
InscrAq, 265
EDR 073245 ; lupa 18129
2. Serui conductorum ferrariarum Noricarum
9. Fuscus Q. Septuei Clementis (seruus) CIL, V, 8459
InscrAq, 1134
10. [---]nus Q. Septuei Clementis (seruus) InscrAq, 1012
11. ? Septuei (seruus) InscrAq, 2139
12. Velox
ser(uus) uil(icus)
pro salute Tiberi Claudi Macronis
spelaeum cum omni apparatu fecit
CIL, V, 810 ; InscrAq, 319
IEA, 20
EDR 116886 ; lupa 11539
3. Servi XX libertatis
13. Urbanus uicesimae liber(tatis) (seruus)
dedica votiva
CIL, V, 36*
EDR 117361
  • 15 Per il riconoscimento degli schiavi del conductor ferrariarum Noricarum Q. Septueius Clemens vd. B (...)
  • 16 Per lo stretto rapporto con Aquileia degli amministratori delle miniere del Norico si veda anche C (...)
  • 17 Per l’autenticità dell’iscrizione vd. Panciera 1970, p. 39 ; per l’ufficio vd. Zaccaria 1986, p. 7 (...)

6Sono presenti ad Aquileia anche schiavi in proprietà dei conductores delle miniere di ferro del Norico (Tab. 3.2), le ferrariae Noricae15, che dovevano avere la residenza e forse anche un ufficio ad Aquileia16. Vi è infine anche la rara attestazione di un seruus addetto alla riscossione della uigesima libertatis (Tab. 3.3), la tassa specifica richiesta al momento della liberazione di uno schiavo17.


  • 18 Sulle proprietà imperiali ad Aquileia, testimoniate anche da iscrizioni di liberti imperiali, vd. (...)

7Significative sono anche le testimonianze ad Aquileia di serui appartenenti alla familia Caesaris18.

Tab. 4 – Servi della familia Caesaris.

Familia Caesaris
1. Philagrypnus
2. Heliodorus
Aug. uernae ex kapite Africaes
unctor ad kaput Africaes
CIL, V, 1039
InscrAq, 473
EDR 117471 ; lupa 14398
3. Nymphodotus
4. Nymphius
Plocami Diui Aug. l. s(eruus)
filius
CIL, V, 1319
InscrAq, 472
EDR 127327
5. Modestus Principis Ti. Caesaris (serui) s(eruus) CIL, V, 1304
InscrAq, 471
6. Amphion
7. Prima
8. Aphrodisia
Drusianus Ti. Caesaris Augusti
contubernalis
annor. VI
CIL, V, 1067
9. Secundus
10. Symphorianus
11. Tyrannus
12. Helix
13. Valens
Ti. Claudi Caesaris Aug. Germanici seruus
4 uicari
InscrAq, 474
IEA, 153
EDR 117575 ; lupa 14527
14. Athictus Vrsionis Caesaris uerna Didieni Puri
Belino u.s.l.m.
InscrAq, 106 ; IEA, 207
EDR 071635 ; lupa 13447
15. Bassus Tropianus
16. Gratus
Caesaris Augusti ser(uus)
uicarius
InscrAq, 466
IEA, 267
EDR 117573 ; lupa 13602
17. Firmus Imp(eratoris)
Iuliae C. l. Iucundae
matri pientissimae
CIL, V, 8386
InscrAq, 468 ; IEA, 84
EDR 117534 ; lupa 13585
18. ?
Caesaris n. ser(uus)
con L. Aquileiensis Agathius e Helius colonorum
CIL, V, 1084
InscrAq, 475
19. [---]sus Caesaris ser(uus) Inedito? (MAN)
20. Callistus Phoebi Caesaris Augusti
arcari uicar(ius)
Sallustia Minnidis l. Ionis
contubernalis
CIL, V, 1801
AE, 1956, 265
Zaccaria 2007, p. 71
21. Hermeros Caesarum seruus
Vlpia Narde coniux,
loco empto de suo
InscrAq, 469 ; IEA, 78
EDR 117574 ; lupa 13420
22. Saturninus
23. Quintus
Aug. n. adiut(or) tabul(ariorum)
r(ationis) p(atrimoni) alumnus
InscrAq, 463 ; IEA, 197
EDR 074080 ; lupa 14568
24. Hilarus Syriaci Aug. lib. tabul(ari) ser(uus)
offerta votiva (Phoebus)
InscrAq, 104 ; IEA, 22
EDR 071671 ; lupa 11541
25. Festus Vrsionis Aug. lib. ser(uus)
Viribus aram uoto restituit
CIL, V, 8247
InscrAq, 367b
EDR 117020 ; lupa 16114
  • 19 Tab. 4, nr. 1-2. Vd. Zaccaria 2002 ; Zaccaria 2007, p. 81.
  • 20 Tab. 4, nr. 3-25. Sono elencati in ordine cronologico.
  • 21 Tab. 4, nr. 22-24.
  • 22 Su cui vd. Reduzzi Merola 1990.

8Salvo il caso particolare di due schiavi (un unctor e un uerna) provenienti dal paedagogium imperiale ad caput Africae e quindi chiaramente addetti alla persona di membri della domus Augusta, che si possono mettere in relazione con la presenza prolungata di Marco Aurelio e Lucio Vero ad Aquileia in occasione delle campagne contro i Marcomanni19, quasi tutti gli altri schiavi imperiali, le cui testimonianze si datano su un arco temporale che va dal I al III secolo20, possono essere messi in relazione con certezza o per ragionevole ipotesi con l’esistenza nel territorio aquileiese di proprietà imperiali fin dall’inizio del Principato. Una residenza stabile ad Aquileia con precise mansioni nell’amministrazione dei beni patrimoniali imperiali è dimostrata esplicitamente dalla presenza dello schiavo di un liberto imperiale con la funzione di tabularius e di un adiutor tabulariorum rationis patrimoni21. Un loro radicamento nella metropoli adriatica era del resto facilmente ipotizzabile, oltre che dalla sepoltura in loco, anche in base alla testimonianza fornita dalle loro iscrizioni, che rivelano consolidate relazioni familiari (si menzionano matres, contubernales, coniuges, filii, alumni), pratiche sociali (dediche insieme con schiavi e liberti pubblici), partecipazione alla vita religiosa locale (dediche a Belenus, a Phoebus-Apollo, alle Vires), presenza di numerosi uicarii22.


9Il censimento degli individui riconoscibili come schiavi ha portato a far emergere un piccolo numero di schiavi impiegati nelle domus e nelle proprietà di personaggi di rango senatorio o equestre e di ufficiali e sottuficiali dell’esercito, finora per lo più non sufficientemente messi in evidenza (Tab. 5.1).

Tab. 5 – Serui al servizio di membri delle élites politiche e militari.

1. Serui di domus senatorie e equestri
1. Syntrophus Sisennae Tauri pontificis uilicus CIL, V, 878 ; InscrAq, 518
2. Naicus ser(uus) unctor
CIL, V, 868 ; InscrAq, 489
Alföldy 1984, nr. 107
EDR 093731
3. Phoebianus ser(uus) medicus
Fabianus consularis
CIL, V, 869 ; InscrAq, 490
Alföldy 1984, nr. 108
EDR 093732
4. Viola
5. Primitivos
6. Primitiva
7. Verna
Plauti Aquilini
coniux
filia
coniux filiae
CIL, V, 1462
InscrAq, 1639
lupa 19551
8. Onesimus
9. Aphrodisia
Cl. Praxiae cl(arissimae) fem(inae)
ser(uus), conserua
InscrAq, 1326 ; IEA, 133bis
EDR 117911 ; lupa 13570
10. ? stol(atae) femi[nae s(erua?)] CIL, V, 8316 ; InscrAq, 2105
EDR 117528
2. Servi di ufficiali e veterani
11. Olympu[s] actor Aeli Sperati ((centurionis))
I.O.M. [e]t sanct
(o) Silua[n(o)]
[ex u]etustat
(e) resti[t(uit)] l(ibens) m(erito)
InscrAq, 267
EDR 073246 ; lupa 18130
12. Demetrius alumnus
M. Aurelius Thrasybulus
com(mentariensis) co(n)s(ularis)
leg. VII Cl. prouinc. Moesiae sup.
InscrAq, 2746 ; ILCV, 3706
EDR 135563 ; lupa 17791
13. Veneria delicata
L. Titius L. f. Vot., ueteranus leg. VIII Aug.
CIL, V, 936-937
InscrAq, 2756; IEA, 91a
EDR 117769 ; lupa 14032
  • 23 Tab. 5, nr. 1.
  • 24 Andermahr 1998, p. 437-439, nr. 501 ; Tassaux 2001a.
  • 25 Sono stati rinvenuti nel territorio a sud di Aquileia anche alcuni cippi funerari di liberti di C. (...)
  • 26 Tab. 5, nr. 2-3. Il senatore provvide anche alla sepoltura di un suo liberto (CIL, V, 870 = InscrA (...)
  • 27 RE, Suppl. XIV, s.v. Servilius 55a, c. 664-665 (W. Eck) ; Alföldy 1984, p. 104 ; Birley 1987, p. 1 (...)
  • 28 Vd. discussione in Andermahr 1998, p. 428 ; Cervetti 2008.
  • 29 Tab. 5, nr. 4-7.
  • 30 Andermahr 1998, p. 382, nr. 406

10Un’iscrizione nota solo da tradizione manoscritta tramanda il nome di un uilicus del senatore Sisenna Statilius Taurus23, console ordinario del 16 d.C., il che ha consentito di riconoscere sue proprietà anche nel territorio di Aquileia, oltre a quelle ben note altrove, di cui sono state recentemente indagate soprattutto quelle situate in Istria24, a riprova degli interessi dei membri della classe senatoria nella Venetia orientale fin dagli inizi del Principato25. Era anche ben nota da tempo la serie dei monumenti funerari posti personalmente per i suoi schiavi, un unctor e un medicus26 dal senatore Servilius Fabianus, console suffetto del 158, la cui presenza ad Aquileia è stata comunemente messa in relazione con le operazioni militari al tempo delle campagne di Marco Aurelio e Lucio Vero contro i Quadi e i Marcomanni27, ma — le due ipotesi non si escludono — è stato anche ipotizzato che egli avesse nel territorio aquileiese una residenza secondaria dove si trovava in permanenza parte della sua familia servile e qualche liberto di fiducia addetto all’amministazione dei beni28. Meno conosciute sono, invece, le testimonianze che seguono. Nei decenni centrali del II secolo si colloca il monumento funerario di una famiglia servile posto dallo schiavo Primitivos per la consorte Viola, schiava di Plautius Aquilinus, per la loro figlia Primitiva e per il di lei marito di nome Verna29. La prima beneficiaria del sepolcro era appartenuta al senatore L. Plautius Aquilinus, console ordinario del 162, che, proprio in base alla presenza del gruppo di servi e al luogo di rinvenimento del monumento, si è supposto che avesse proprietà nel territorio a sud di Aquileia30.

  • 31 Tab. 5, nr. 8-9. Per Claudia Praxia, non inclusa in PFOS e in Alföldy 1999, vd. PIR2 VI, 1998, p.  (...)
  • 32 Zaccaria 2008a, p. 423, nt. 16.
  • 33 Andermahr 1998, p. 226, nr. 154 ; Zaccaria 2005, p. 209, nt. 105 ; Tassaux 2005, p. 147.
  • 34 Tab. 5, nr. 10. Per il significato della formula stolata femina, intesa come moglie o parente di u (...)

11Una stele posta da uno schiavo per la sua conserua rivela, inoltre, la presenza della familia servile di Claudia Praxia, clarissima femina non altrimenti nota31, ma da mettere probabilmente in relazione con la gens senatoria dei Claudii attestati ad Aquileia nel II secolo32 ; si suppone che la matrona avesse una residenza nel suburbio meridionale di Aquileia33. Nulla di certo risulta, invece, riguardo a monumenti posti per gli schiavi delle importanti famiglie di cavalieri residenti ad Aquileia, cui potrebbe riferirsi un frammento di titulus funerario attestante probabilmente l’acquisto di un recinto destinato, tra gli altri, alla schiava di una stolata femina, che rimane però anonima34.

  • 35 Tab. 5, nr. 11. Vd. Goffin 2002, p. 321.
  • 36 Tab. 5, nr. 12. Per la data Pavan 1979, p. 501 ; sulla posizione del commentariensis vd. Palao Vic (...)
  • 37 Per l’onomastica vd. Petraccia, Traverso 2002, p. 249 ; sulla possibile origine dalla Moesia e la (...)
  • 38 Tab. 5, nr. 13. Vd. Todisco 1999, p. 125, nr. 94. Per la posizione sociale dei veterani ad Aquilei (...)

12Sporadica è anche la testimonianza di schiavi di ufficiali e sottuficiali (Tab. 5.2). Un actor, amministratore dei beni del centurione Aelius Speratus, presumibilmente già congedato e residente stabilmente ad Aquileia (centurio senza specificazione del corpo di appartenenza è qui indicazione di status all’interno della comunità civica aquileiese), restaurò nel II secolo col suo peculium un sacello dedicato a Iuppiter Optimus Maximus e al Sanctus Silvanus35. Alla fine del II o agli inizi del III secolo fu sepolto ad Aquileia l’alumnus di un sottufficiale, M. Aurelius Thrasybulus in forza come commentariensis consularis alla legio VII Claudia36, che, considerata la formula onomastica, potrebbe aver acquisito la cittadinanza al momento dell’arruolamento e preso la residenza, stabile o occasionale, ad Aquileia per ragioni connesse al suo servizio nello staff del governatore provinciale37. A completare lo scarno dossier si registra il possesso di una delicata da parte di un ueteranus, che ancora in età giulio-claudia aveva scelto come residenza Aquileia, usufruendo del praemium del congedo e dei privilegi concessi ai veterani che facilitavano l’inserimento nella vita municipale38.


  • 39 Qualche spunto già in Calderini 1930, p. 331-332 e 364 (serui di cui è specificata la professione  (...)

13Se finalmente veniamo all’assunto specifico di questo contributo, e cioè all’individuazione, all’interno di questo dossier di testimonianze sulla presenza servile ad Aquileia, di elementi utili a riconoscere come gli schiavi fossero inseriti nella vita privata e nelle pratiche economiche e religiose della familia e quali fossero i rapporti personali tra servi e padroni39, constatiamo che il formulario impiegato dai committenti nella redazione dei testi iscritti sui monumenti funerari e sulle dediche votive, discostandosi talora dalla prassi consueta, offre diversi spunti interessanti.

  • 40 In generale vd. Saller 2003 ; Bodel 2011 ; Bruun 2014, p. 611-613.

14A fronte del relativamente elevato numero di attestazioni di individui di condizione servile, certa o probabile, di cui conosciamo per lo più solo il nome e qualche riferimento a congiunti o altri membri della familia servile, non sono molte nell’epigrafia aquileiese le indicazioni delle specifiche attività e mansioni svolte dagli schiavi (Tab. 6)40.


Tab. 6 – Servi con indicazione di attività o mansioni specifiche (vd. anche Tab. 5, nr. 11).

1. Hagius Ai medici (seruus) InscrAq, 70 ; IEA, 292
AE, 2002, 523
EDR 117552 ; lupa 14025
2. Helpidianus medicus InscrAq, 708
3. Diogenes praeceptor InscrAq, 708; IEA, 286
EDR 117670 ; lupa 14006
4. Hermophilus uern(a) disp(ensator) CIL, V, 1034 ; InscrAq, 700
EDR 117470 
5. Eures L. Iuni Grati actor InscrAq, 696 ; IEA, 6 ; lupa 13940
6. Processus
7. Dionysius
actor
adiutor
InscrAq, 697 ; IEA, 283; lupa 14038
8. ? actor CIL, V, 1049 ; InscrAq, 698
EDR 117475 ; lupa 17067
9. Patroclus summarum
Ulpius Priscus animae merenti
CIL, V, 1038 ; InscrAq, 728
10. ? summar(um) InscrAq, 729 ; EDR 073251
11. Hyginus actor bonae fidei CIL, V, 1035 ; InscrAq, 3269
24. Eunomus P. Salvi Nepotis
fidelissimus ser(uus)
AE, 1998, 563 ; IEA, 357
EDR 007161 ; lupa 13567
25. Venustus ser(uus) rarissimus
C. Iulius Trophimus
InscrAq, 1606
EDR 117182 ; lupa 18962
  • 41 Tab. 6, nr. 1-2.
  • 42 Tab. 6, nr. 3.
  • 43 Tab. 5, nr. 11 e Tab. 6, nr. 4. Considerano quest’ultimo a ragione al servizio di un privato Boulv (...)
  • 44 Tab. 6, nr. 4-8 ; vd. anche Tab. 5, nr. 11. Per la funzione vd. Carlsen 1995, p. 121-142 ; Carlsen (...)
  • 45 Tab. 6, nr. 9-10. Per la forma sintetica cfr. e.g. CIL, X, 773 (EDR 150337) ; AE, 1975, 214 (EDR 0 (...)
  • 46 Per un liberto actor in rationibus del patronus vd. CIL, V, 8237 (InscrAq, 297 ; EDR 117399 ; lupa (...)
  • 47 Tab. 6, nr. 11. Vd. Carlsen 1995, p. 127 ; per lo schiavo bona fide seruiens vd. Buckland 1908, p. (...)
  • 48 Tab. 6, nr. 12. Vd. Carlsen 1995, p. 127 (e.g. CIL, VI, 9119, 37771 ; CIL, XIV, 469). L’espression (...)
  • 49 Tab. 6, nr. 13. Normalmente, infatti, rarissimus nelle dediche private è associato a pater, mater, (...)

15Con l’eccezione delle sporadiche attestazioni di due medici41 e di un praeceptor42, le altre testimonianze si riferiscono alla funzione di dispensator43, amministratore dei beni, e soprattutto di actor44, responsabile della tenuta dei registri e della contabilità del dominus, e alla stessa sfera vanno associati anche i due schiavi, la cui funzione è indicata sinteticamente con il genitivo summarum, retto da un sottinteso actor o uilicus45, che erano addetti alla contabilità. Tutte queste mansioni presupponevano un rapporto di fiducia, nel reciproco interesse del padrone, che confidava nella lealtà degli individui cui affidava i suoi affari, e dello schiavo, che aspirava a mantenere la sua posizione privilegiata e a ottenere per questo tramite la liberazione e possibilmente un rapporto economico con l’ex padrone46. Tale rapporto viene esplicitato in una dedica aquileiese — troppo frammentaria per ricavarne ulteriori informazioni — dove lo schiavo è definito, con espressione non attestata altrove, actor bonae fidei47, cui corrispondono in termini meno tecnici le formule impiegate nelle dediche funerarie poste da due domini per i loro servi di fiducia, in cui si coglie però anche una connotazione affettiva : fidelissimus seruus, frequente anche altrove, non a caso soprattutto in iscrizioni funerarie dedicate ad actores48, e seruus rarissimus, che invece sembra essere l’unica attestazione epigrafica dell’impiego da parte di un padrone per uno schiavo di questo aggettivo, per lo più riservato alla sfera affettiva all’interno della famiglia nucleare e talora esteso a rapporti di amicitia e patronatus49.

  • 50 Tab. 9, nr. 5-6, 9. Vd. Gomezel 1996, p. 46 e p. 87-88.

16A margine va notato che risulta del tutto episodica la presenza di nomi servili nella documentazione dei bolli laterizi, che si riconoscono con certezza solo nelle produzioni dei Barbii e di M. Flavius Secundus, in cui il nome dello schiavo è associato a quello del dominus al genitivo50.


17La visibilità di uno schiavo (e dei suoi padroni) si realizzava anche attraverso le dediche alle divinità, scritture per loro natura destinate all’esposizione in contesti frequentati (Tab. 7.1).

Tab. 7 – Dediche alle divinità.

1. Serui in collegia religionis causa
1. Epagatus
2. Diphilus
3. Traex
Fabi L. s(eruus)
Vibi M. s(eruus) - 3 magistri con 3 liberti
soc(iorum) port(itor) s(eruus)
dedica sacra (Laribus)
CIL, V, 792 et I2, 2193
ILLRP, 199
InscrAq,10
EDR 118604
4. Acastus
5. Hilario
Albidi P. s(eruus)
Mulvi M. s(eruus) -
2 magistri con 3 liberti
CIL, V, 8252 et I2, 3417
InscrAq, 24
EDR 118770
lupa 14072
6. Capito
7. Urbanus
8. Primus
Iuli Nasonis (seruus)
T. Helvi f(ili) (seruus)
T. Voconi (seruus)
3 magistri con 3 liberti
Pais, SupplIt, 172
InscrAq, 570
EDR 117164
lupa 18700
9. Cupitus
10. Pudens
A. Caeserni Acasti (seruus) con 4 liberti
Q. Licovi Albani (seruus)
CIL, V, 1452
InscrAq, 1177
11. Speratio
12. Cosmio
13. Myrinus
14. Messor
15. Euhelpistus
16. Myrinus
Totici (seruus)
Syneti (seruus)
Agrippinae (seruus)
Lolliaes (seruus) - con 17 liberti
Novi (seruus)
Titiorum (seruus)
Mercurio Augus[to sacr(um)]
Orfito et Puden[te cos]
(165)
CIL, V, 798
InscrAq, 295
EDR 116877
lupa 13919
2. Dediche di serui diis deabus
vd. anche Tab. 2, nrr. 9, 13, 20; Tab. 3, nrr. 1-3, 5-8 e 12-13; Tab. 4, nrr. 14, 24-25; Tab. 5, nr. 11
17. Egirus M(arci) B(---) M(---) s(eruus)
Aescl(apio) u.s.l.m.
CIL, V, 727
InscrAq, 88
Tiussi 1999, Cat. I.A.8
EDR 116921
lupa 18663
18. Festa Q(uinti) C(---) C(---) (serua)
Diti Patri sacr(um) (...) u.s.
CIL, V, 35*
InscrAq, 193
EDR 117363
lupa 18618
19. Heracla Fontibus Augustis posuit CIL, V, 8250
InscrAq, 203
EDR 117022
lupa 18622
20. Princeps Hostili M. (seruus)
T. Saufeius T. l. Faustus
[---] et Iano sacr(um)
InscrAq, 220
IEA, 15
EDR 117107
lupa 13952
21. Hermias
22. Suntyche
I.O.M. InscrAq, 253
EDR 117117
23. Primus ? (seruus)
I.O.M. Co(nseruatori) ... po(suit?) l(ibens)
l
(aetus)
CIL, V, 790
InscrAq, 260
EDR 116871
lupa 18716
24. Hermes I.O.M. Victor(i) Conservator(i) Defensoriq(ue) compos uot(i) suscepti InscrAq, 263
IEA, 2
EDR 074320
lupa 13372
25. Leontius deo Marti et Mercurio () ara(m) constituit CIL, V, 795
InscrAq, 282
EDR 116874
26. Calybe Siluanis u.s.l.m. CIL, V, 817
InscrAq, 332
IEA, 233
EDR 116891
lupa 13457
27. Abascantus u.s.l.m. CIL, V, 8259
InscrAq, 369
EDR 117026
28. Onocles Dindi Ti. seruus
lucerna, graffito
Strazzulla Rusconi 1982
AE, 1985, 449
EDR 079839
29. Tiburtinus CIL, V, 8471
lupa 13890
3. Dominus pro seruo – seruus pro domino /cum domino uotum soluit (vd. anche Tab. 3, nr. 12)
30. Lepidus seruus
L. Safnius L. l. Communis pro Lepido seruo
u.s.l.m. Bel(eno) sacr(um)
InscrAq, 118
EDR 117074
lupa 18664
31. Hyginus C. Atili V[---] (seruus)
d(eo) A(eterno)
ob uotum susceptum et inpetratum domini sui
InscrAq, 99
IEA, 212
EDR 117068
lupa 14096
32. Asiaticus Ma[ri (seruus)]
con T. Marius Aptus Vercellensis
Beleno u.s.l.a.p.c.
CIL, V, 747
InscrAq, 116
EDR 116835
lupa 23502
  • 51 Tab. 6, nr. 1-2 : la dedica è posta da sei magistri, tre liberti e tre schiavi.
  • 52 Tab. 7, nr. 4-5 : la dedica è posta da cinque magistri, tre liberti e due schiavi.
  • 53 Tab. 7, nr. 6-8 : la dedica è posta da sei magistri, tre liberti e tre schiavi. Tab. 7, nr. 6-8 : (...)
  • 54 Tab. 7, nr. 11-16 : sono riconoscibili sei schiavi e 17 liberti.

18Di particolare rilevanza è la presenza congiunta di schiavi e liberti di gentes appartenenti all’élite cittadina, tra i magistri e i cultores di collegi religiosi addetti a culti di interesse pubblico, tra cui si segnala, ancora in epoca tardorepubblicana, in particolare quello dei Lares51, mentre non sono individuabili le divinità cui sono rivolte altre dediche databili all’età tardorepubblicana52 e alla prima età imperiale53. Fa eccezione l’ara dedicata a Mercurius Augustus nel 165 d.C. dagli appartenenti al collegio, di cui si conserva la lista, incompleta degli adepti, tra cui sono riconoscibili sei schiavi e diciassette liberti54.

  • 55 Tab. 7, nr. 28. Vd. Strazzulla 1982.
  • 56 Tab. 2, nr. 9, 18, 20.
  • 57 Tab. 3, nr. 7, 13.
  • 58 Tab. 7, nr. 19, 21-22, 26-27.
  • 59 Tab. 7, nr. 17, 20, 29.
  • 60 Tab. 7, nr. 18, 25.
  • 61 Tab. 2, nr. 13.
  • 62 Tab. 3.1, nr. 5-6, 8.
  • 63 Tab. 4, nr. 14, 25.
  • 64 Tab. 5, nr. 11.
  • 65 Tab. 7, nr. 24.
  • 66 Tab. 7, nr. 23.
  • 67 InscrAq, 262 (IEA, 11 ; EDR 117121 ; lupa 14396) : I(oui) o(ptimo) m(aximo) lib(eratori) Aquil(eia (...)
  • 68 Tab. 3, nr. 2-3. Vd. Zaccaria 2010, p. 56-57; per l’arredo vd. Nonnis 2003, p. 10-11 e nt. 33, 35, (...)
  • 69 Tab. 3, nr. 12.

19L’offerta votiva costituisce anche indizio della disponibilità da parte dello schiavo di risorse personali sufficienti per questo tipo di spesa, più o meno consistente a seconda che si tratti di una semplice arula, di una grande ara, dell’offerta di un oggetto, più o meno costoso, di un intervento più consistente quale la costruzione o il restauro di edifici destinati al culto (Tab. 7.2). Ad Aquileia l’offerta votiva più antica che si conosca da parte di uno schiavo consiste in una semplice lucerna con dedica iscritta a graffito a una divinità di cui non è indicato il nome : il padrone del dedicante era un Dindius, appartenente a una gens prenestina migrata ad Aquileia nel I sec. a. C.55. La maggior parte delle dediche sono estremamente sintetiche e sono iscritte su semplici arule e non si coglie distinzione rispetto alla condizione degli schiavi che le realizzano, siano essi serui publici56, schiavi addetti al portorium o all’esazione di imposte57 o semplici schiavi in proprietà di privati58. Rimangono solo tre basi con tracce di fori di fissaggio per offerte votive non meglio precisabili, tutte dedicate da schiavi privati59. Monumenti votivi più impegnativi, come le are di maggiori dimensioni, sono offerti anche da alcuni schiavi privati60, ma in maniera più frequente da schiavi che potevano disporre di un peculium più consistente derivante dalle loro attività ; un seruus publicus che ha ottenuto la libertà61, schiavi delle società appaltatrici, dei conductores e dell’amministrazione imperiale del portorium62, appartenenti alla familia Caesaris63, l’actor al servizio di un centurione64. Si distingue in questa tipologia monumentale la grande ara con decorazione a rilievo sui fianchi (Giove con folgore e aquila) con dedica a Iuppiter Optimus Maximus, celebrato con gli epiteti di uictor, conseruator e defensor65, posta dallo schiavo Hermes, compos uoti suscepti, che costituisce con buona evidenza il rendimento di grazie per uno scampato pericolo in un’occasione (che in base alla possibile datazione del monumento potrebbe essere associata con l’incursione dei Quadi e dei Marcomanni), a cui potrebbero riferirsi anche un’altra dedica da parte di uno schiavo a Iuppiter conseruator66 e un’ara, anch’essa con la raffigurazione a rilievo di Iuppiter con folgore, scettro e aquila, fatta erigere da un cittadino aquileiese67. Del tutto eccezionali sono la realizzazione a proprie spese di opere relative alla sistemazione di un sacello di Minerva (maceries, pinnae, austia, columnae) finanziate ancora nella prima metà del I sec. a.C. da due schiavi (in un caso in associazione con un liberto, probabilmente in qualità di magistri) addetti a una statio dell’Aquileiense portorium68, e di uno spelaeum cum omni apparatu destinato al culto mitraico allestito dal seruus uilicus del conductor ferrariarum Noricarum Ti. Claudius Macro69.

  • 70 Tab. 7, nr. 30.
  • 71 Tab. 7, nr. 31.
  • 72 Tab. 7, nr. 31.
  • 73 Tab. 3, nr. 12.
  • 74 Sen., Ep. Lucil., 5, 47. Vd. Eigler 2005.

20Tra le dediche alle divinità si segnalano, infine, tre documenti che rivelano rapporti di particolare familiarità e attenzione reciproca tra servi e padroni, che si manifesta anche nelle pratiche religiose (Tab. 7.3). L. Safnius L. l. Communis figura aver sciolto un voto a Beleno pro Lepido seruo70 ; un servo di un C. Atilius dichiara di porre una dedica al deus Aeternus ob uotum susceptum et inpetratum domini sui71 ; Asiaticus, Mari seruus, scioglie un voto ponendo un’offerta votiva insieme con il suo padrone T. Marius Aptus Vercellensis72 ; il seruus uilicus di un conductor ferrariarum Noricarum fa costruire uno spelaeum per il culto mitraico pro salute del suo padrone73. Comportamenti che sembrano dimostrare nella quotidianità tramandata dalle lapidi quella prassi di familiariter cum seruis uiuere di cui parla Seneca nella lettera a Lucilio74.


  • 75 Vd. Rawson 1986 ; Mangas 1997 ; Laes 2003 ; Rawson 2003 ; Sigismund-Nielsen 2007 ; Laes 2010 ; Sig (...)

21Sempre nella sfera delle relazioni del dominus con il seruus si collocano, com’è noto, le particolari posizioni di privilegio di alcuni schiavi, per la maggior parte bambini o adolescenti75, rispetto al complesso della familia servile, di cui si riscontra la presenza anche nel dossier aquileiese (Tab. 8).

Tab. 8 – Serui domestici.

1. Vernae (vd. anche Tab. 2, nr. 14 e 6, nr. 4)
1. ? uerna CIL, V, 8601 
2. ? Satr[i ---] / Gelas[---] uerna InscrAq, 1452
2. Delicati, delicatae (vd. anche Tab. 5, nr. 13)
3. Plectine
4. Electus
5. Flaccus
6. Didymus
delicata
delicatus
seruus
seruus
L. Cornelius Epigonus libertus
CIL, V, 1176
InscrAq, 1037
EDR 117485
lupa 14501
7. Cupita
8. Melaena
delicata
delicata
Octavia C. l. Procne,
C. Octavius C. l. Helenus
arbitratu Octauiae C. l. Pusillae
CIL, V, 1323
InscrAq, 1324
IEA, 381
EDR 117500
lupa 13510
9. Successus delicatus ann. IIII
C. Petronius Tertullinae l. Amerimnus
Petronia C. lib. Savarina parentes
Aquilino fil(io) ann. VI
libertis libertabusque posterisque eorum
CIL, V, 8336
InscrAq,
838
IEA, 368
EDR 117032
lupa 14045
10. Adiectus delicatus suus karissimus ann. V
Sex. Terentius Adiectus
CIL, V, 8467
InscrAq, 1529
11. Primitivus delicatus ann. VII
L. Titius L. l. Graptus
Barbia Paulina
et Graphice et Daphno filiis
libertis et libertabus
CIL, V, 1410
EDR 117982
lupa 13495
12. Aphrodisius delicatus ann. VI
Trebia Fortunata
CIL, V, 1417
InscrAq, 1557
EDR 117829
13. Didyme delicata ann(orum) XV
L. Vallius Auctus f. IIIIIIuiri
Fructuosa Martialis l. coniux
CIL, V, 1013
InscrAq, 622
IEA, 448
EDR 117466
lupa 14400
14. [Rest]ituta
15. [Phoe]bus
16. [Na]is
delicata
delicatus
(serua) an(norum) XIIX
CIL, V, 1405
InscrAq, 3305
17. Vestalis puer uixit annos VIIII InscrAq, 1613
lupa 18728
3. Alumni, alumnae (vd. anche Tab. 5, nr. 12)
18. Primitivus alumnus a(nnorum) XIII
Servia Cervola, Caecilia Plusias u. f., Trebia Maxima
CIL, V, 1377
InscrAq, 1478
19. Cale annorum IIII mensium XI alumna karissima
C. Valerius Agathonicus
CIL, V, 1143
InscrAq, 950
20. Siphara alumna quae uixit annis XX
mensibus V diebus VII
Aur. Paula
CIL, V, 1380
InscrAq, 1490
EDR 117819
lupa 17776
21. Paulus alumnus
Sentius permissu Caesili
InscrAq, 1341
EDR 117915
lupa 17774
22. Crescentinus alumnus infelicissimus
Aurel. Eutychiane
InscrAq, 897
IEA, 451
lupa 14405
23. ? Flavia Leonta (...) alumnabus meis bene laborantibus CIL, V, 1685
ILCV, 3706
InscrAq, 3065
24. ? Flavius Severus cum suis laborantibus CIL, V, 771
InscrAq, 176
EDR 116856
4. Seruis, seruabus / familia
25. Natalis
26. Proculus
defunctis seruis Pactumei Iucundi
CIL, V, 1326
InscrAq, 1336
lupa 9491
27. [---]stus
28. [Aps]eudes
29. [---]vanus
seruis defunctis InscrAq, 629
IEA
, 270
EDR 117426
lupa 13601
30. ? seruis seruabus
L. Cattius C. f. libertis libertabus
InscrAq, 982
EDR 117687
31. ? seruis seruabus
M. Ennius T. f. Marcellus, Patronia L. l. Fusca
libertis libertabusque pro indiuiso
InscrAq, 1073
EDR 117693
lupa 16991
32. ? loc(us) famil(iae) Cn. Oct(aui) Ru(fi) CIL, V, 1321
InscrAq, 2419
  • 76 Tab. 8.1 ; vd. anche Tab. 2, nr. 14 e Tab. 6, nr. 4. Vd. Sigismund-Nielsen 1991 ; Herrmann-Otto 19 (...)
  • 77 Tab. 8.2 ; vd. anche Tab. 5, 13 (delicati / delicatae) : vd. Van Dam 1984, p. 72-73 ; Sigismund-Ni (...)
  • 78 Tab. 8.3. Sulle testimonianze di alumni vd. in generale Sigismund-Nielsen 1987 ; Rawson, Bellemore (...)
  • 79 Vd. Lazzarini 1991, p. 13-16.
  • 80 Tab. 4, nr. 14 : Athictus / Vrsionis / Caesaris (liberti) / uerna, / Didieni Puri (seruus) / Belin (...)
  • 81 CIL, V, 1137 ; InscrAq, 943 : Caesilia Q(uinti) l(iberta) / Cinnamis / Dindiae Lauridi / delicatae (...)
  • 82 Per un caso simile vd. CIL, V, 7023, su cui Cresci Marrone 2003.

22Troviamo, infatti un certo numero di schiavi nati in casa (uernae)76, una considerevole quantità di schiavi favoriti dei loro padroni (delicati, dedicatae, puer)77 e di schiavi che sono parzialmente assimilati ai membri della famiglia naturale (alumni, alumnae) e considerati talora alla stregua di figli78, con cui condividono spesso il diritto di essere sepolti nel sepolcro familiare79. Da segnalare il caso di uno schiavo di un privato che nel porre una dedica a Belenus ci tiene a sottolineare di essere stato uerna di un liberto imperiale, condizione evidentemente ritenuta prestigiosa e da ricordare anche dopo il cambiamento di padrone80. Problematiche, come è già stato osservato, sono anche le dediche funerarie in cui le delicatae, ormai di stato libertino, portano nomina diversi da quelli del fondatore del sepolcro, facendo supporre che le ex schiave fossero state liberate in origine da un altro padrone81 ; nel secondo caso va anche notato che il nome della delicata è stato aggiunto in interlinea, solo al momento del decesso della delicata, non essendo stato previsto al momento della realizzazione del monumento, che il dedicante fece realizzare da vivo per il figlio ed alcuni suoi liberti82.

  • 83 Tab. 8, nr. 23. Si conoscono solo altri due casi di dediche sacre poste, sempre in epoca tardoimpe (...)

23Non trova confronti la dedica, databile in epoca tardoantica, di una mensa funeraria da parte di una donna alumnabus meis bene laborantibus, da cui si evince che le alumnae — da intendere in questo caso probabilmente come apprendiste — erano impiegate in attività svolte dalla donna83.

  • 84 Tab. 8.4.
  • 85 Tab. 8, nr. 25-29.
  • 86 CIL, V, 4682 ; InscrIt, X, 5, 488 (EDR 090488). CIL, XIII, 696 ; ILA. Bordeaux, 90.
  • 87 Tab. 8, nr. 30-31.
  • 88 Vd. Chelotti 1994 (AE, 1994, 445) ; Chelotti 1998, p. 199-202 (EDR 103958).
  • 89 La prassi epigrafica va confrontata con quanto si afferma sul piano giuridico : infatti « in età s (...)
  • 90 Vd. Malnati, Pellegrini, Pulini 2009 (EDR 077169, 135995, 133055, 133664).
  • 91 CIL, XI, 894 (EDR 130949) : vd. Parisini 2011, p. 56-59, nr. 11 ; e supra nt. 84.
  • 92 CIL, XI, 6167 ; SupplItal, n.s. 18, 2000, p. 343-344 ad nr. (S. Antolini) (EDR 016327) : è conserv (...)

24Suscitano anche interesse per la loro rarità alcune dediche non consuete di aree funerarie destinate esplicitamente agli schiavi84 (Tab. 8.4). In due casi è impiegata la formula seruis defunctis / defunctis seruis, cui segue l’enumerazione dei soggetti cui era destinato il sepolcro85. Una formula simile sembra utilizzata solo in una iscrizione bresciana, con dedica seruis ancillis suo quoque nomine defunctiis XXIX, e in una di Burdigala, in cui seruo defuncto (...) dominus ponendum curauit86. In altri due casi ricorre l’espressione seruis seruabus, associata all’assai diffuso libertis libertabus87, per cui, a mia conoscenza, si può richiamare il confronto solo con la formula libertis et seruis di una dedica funeraria di Canosa88. Da notare che la formula di inclusione nel sepolcro di tutti gli schiavi, con l’esplicita precisazione che il diritto si applica a entrambi i sessi89, ricorre fuori Aquileia con la medesima formula seruis seruabus solamente in quattro monumenti, tutti frutto di rinvenimenti recenti e tutti provenienti da Mutina90, e con la variante seruis ancillis in un altro monumento modenese e nella già ricordata iscrizione bresciana91. Si può richiamare a confronto anche una dedica onoraria dal territorio di Suasa, in cui la concessione di usufruire della lauatio gratuita offerta da un cavaliere locale, L. Octavius Rufus, è esplicitamente estesa con la formula serueis ancilleisque agli schiavi di ambo i sessi92.


  • 93 Tab. 9.3. Non è però escluso che alcuni degli individui di cui abbiamo solo il nome singolo scolpi (...)
  • 94 Tab. 9.1

25La rimanente documentazione concerne la semplice menzione di schiavi privati (Tab. 9), la cui condizione si può riconoscere talvolta solo grazie all’onomastica tipicamente servile93, mentre ovviamente è esplicita nei casi in cui il nome dello schiavo è accompagnato dall’indicazione al genitivo del nome del dominus o della domina94, anche se per nessuno di loro siamo in grado di saperne di più sulla gens di appartenenza, trattandosi verosibilmente di ceti medi che traevano visibilità solo dai monumenti funerari, inclusi quelli dei loro schiavi.

Tab. 9 – Serui di privati noti e ignoti.

1. Serui priuati con indicazione del dominus
1. Nymphus Appulei Celeris (seruus) InscrAq, 1317
2. ?
3. Synhistor
Appulei ser(uus) ?
conseruus
CIL, V, 1081
InscrAq,
823
EDR 117777
lupa 15987
4. Quarta Aquiliaes (serua)
in memoriam contubernalis et filiis
InscrAq, 1411
5. Agatocl(es)
Barb(ii)
tegula, bollo
Gregorutti 1888,
nrr. 24-25
6. Tiro
Barb(ii)
tegula, bollo
Gregorutti 1888,
nrr. 26-28
CIL, V, 8110, 55a-b
7. Pilemus Castruci Sex. (seruus)
Postumius Respectus
Pais, SupplIt, 274
InscrAq, 3405
EDR 118949
8. Aptus Sex. Cossuti (seruus) InscrAq, 825
9. Turbo M. Flavi Secundi
tegula, bollo
Gregorutti 1888,
nr. 87
CIL, V, 8110, 86
10. Macedo pater
Gavia Arche (filia), Q. Gavius Q. l.
Cerialis frater
Corinthia f(ilia) et Corinna f(ilia), Gavia Iucunda mater
CIL, V, 1233
InscrAq,
1151
IEA, 144
EDR 117800
lupa 14484
11. Martialis ser(uus) annor. XVI
L. Licinius Placidus filius,
Licinia Tyche mater
Magia Repentina
CIL, V, 1271
InscrAq, 1232
EDR 117804
lupa 17173
12. Nedymus Maeciae Secundae ser(uus) InscrAq, 1306 ;
IEA
, 125
lupa 13593
13. Hellas s(erua?)
Mestria | (mulieris) l(iberta) Per[---]
CIL, V, 1299
InscrAq,
1287
lupa 15984
14. Vitalis
15. Pudens
D. Publici Macconis (seruus)
conseruus
CIL, V, 1464
16. Thallus C(ai) P(---) E(---) conserui de suo CIL, V, 1408
InscrAq, 1540
17. Sthepenus T. Quincti Trionis (seruus) CIL, V, 8464
InscrAq,
1511
EDR 117861
18. Primitivus ser(uus)
Val(erius) Eutychianus
CIL, V, 8440
InscrAq, 1405
IEA, 370
lupa 13505
19. Eutyches
20. Menelaus
21. Pecularis
Vetti Bathylli seruus
domo Aquileiae

conseruus
conseruus
CIL, III, 2121 = 8827
22. Surio C. et L. (seruus) InscrAq, 1516
lupa 17017
2. Famiglie servili
23. Galerius
24. Flaminia
seruus
concubina sua
InscrAq, 1115
25. ? coniugi optimo et conserui superposito CIL, V, 8514
InscrAq, 1709
EDR 117864 
26. Mercurius
27. Memorius
28. Chryseros
conserui CIL, V, 8424
InscrAq, 1283
IEA, 323
lupa 13487
29. Onesimus
30. Iustus
(seruus)
nepos
InscrAq, 1327
31. Euphrantis
32. Tyche
filia
mater
CIL, V, 8381
InscrAq,
1080
EDR 117040
lupa 17136
33. Menophilus
34. Atalante
35. F[---]
36. Inachus
37. Ca[---]
CIL, V, 1100
InscrAq,
1280
3. Serui singoli
38. Cybele annor. XIIII - urna cineraria InscrAq, 1050
lupa 16986
39. Urania an. IIII - urna cineraria Pais, SupplIt, 298
InscrAq, 1576
40. Persice ann. et men. VIII - urna cineraria CIL, V, 8432
IEA, 366
lupa 13504
41. Successus ann. XIV - urna cineraria InscrAq, 1513
lupa 17019
42. Nereis ann. XIIII InscrAq, 1308
43. Sabinus ann. X CIL, V, 8450
InscrAq,
1441
lupa 16123
44. Cypare urna cineraria InscrAq, 1051
45. Chariton urna cineraria CIL, V, 1156
InscrAq,
994
46. Lyde urna cineraria CIL, V, 1287
InscrAq,
1256
47. Amianthus urna cineraria AE, 2003, 678
IEA, 120
EDR 007145
lupa 14462
4. Formule singolari
48. ? T. Decidius T. l. [---]
seruiuit sin[e mendis ?]
quod habuit per patronum periit
InscrAq, 3414
AE
, 2002, 526
EDR 117737
49. ui[licus] plus quam frugalis
factis meritisque suis indignum nomen seruitutis acceperat
AE, 1987, 426 et 1989, 324
Vergone 2007, nr. 100
EDR 080524
lupa 23608
  • 95 Tab. 4, nr. 6-7, 20 ; Tab. 9, nr. 4. Vd. in generale Treggiari 1981 ; Treggiari 1991, p. 52-54.
  • 96 Tab. 9, nr. 10 : Gauia Arche / u(iua) f(ecit) sibi et suis, / Q(uinto) Gauio Q(uinti) l(iberto) Ce (...)
  • 97 Vd. Calderini 1930, p. 375, nt. 2 ; Herrmann-Otto 1994, p. 73, nt. 137 e p. 81, nt. 161, entrambi (...)
  • 98 Vd. Gai., Inst., 1, 84 (senatusconsultum Claudianum) : poterat ciuis Romana quae alieno seruo uole (...)
  • 99 In generale vd. Saller 1987 ; Martin 2003 ; Mouritsen 2011b.
  • 100 Tab. 9, nr. 25 : ------ / coniug(i) opt(imo) / et conserui / superposito / merenti. Per questa rar (...)

26Qualche indicazione viene anche sulle relazioni tra i servi al servizio dello stesso padrone, che si coglie dalla menzione di conserui e conseruae, che spesso risultano uniti in un rapporto di contubernium95. Un bell’esempio della possibile complessità di una genealogia servile nell’arco di tre generazioni viene dal monumento funerario (una raffinata stele pseudoarchitettonica con frontone triangolare decorato da un gorgoneion e leoncini acroteriali) disposto da Gavia Arche da viva per sé e per i suoi96. La donna risulta essere figlia di un’ingenua, Gavia Iucunda, di cui porta il gentilizio, e di uno schiavo di nome Macedo, ed ella stessa, come pure le due figlie, Corinthia e Corinna, che sono menzionate solo con il cognomen, sembrano essere ingenue, mentre suo fratello Q. Gavius Q. l. Cerialis è chiaramente un ex schiavo liberato da un Q. Gavius, il padre o comunque un parente della madre97. Alla base della differenza di condizione giuridica tra i due fratelli ci potrebbe essere stato una pactio tra Iucunda e il padrone di Macedo, a seguito del quale ella stessa sarebbe rimasta ingenua e la figlia femmina avrebbe ottenuto l’ingenuitas, mentre il figlio maschio sarebbe rimasto nella condizione servile del padre98, che a giudicare dalla nostra iscrizione, a differenza del figlio, che forse fu acquistato in un secondo momento da un familiare della madre e poi manomesso, non fu mai liberato. Molto significativa per cogliere i legami personali e le gerarchie all’interno della familia servile di una domus privata99 è la dedica funeraria posta per uno schiavo dalla consorte, che lo definisce coniux optimus e dai conserui ai quali egli era preposto (superpositus)100.


27In conclusione richiamo l’attenzione su due documenti che si distinguono per l'unicità e singolarità del formulario impiegato (Tab. 9.4).

  • 101 Tab. 9, nr. 48.
  • 102 Da preferire a sin[e mendis?] proposto in Brusin in InscrAq, che non trova confronti.
  • 103 In particolare sine crimine è riferito a una serua contubernalis in Epigraphica, 38, 1976, p. 130 (...)
  • 104 CIL, XI, 494, 495, 2131, 2132 ; ILLRP, 947 ; ERimini 1981, nr. 2 (EDR 073644).

28La prima testimonianza, databile certamente ancora in età tardorepubblicana, conserva un testo lacunoso in cui è andato perduto il cognomen di un liberto del quale, riferendosi alla condizione precedente alla manumissio, si dice seruiuit sin[e crimine?), quod habu[it per] patronum per[iit]101. La formula sine crimine uiuere102 è largamente presente nelle epigrafi familiari soprattutto riferita alla vita coniugale, mentre la sequenza seruiuit sine crimine riferita al rapporto servo-padrone è presente solo nell’iscrizione aquileiese103. La locuzione finale, per la quale non si trovano confronti, sembra proporre una variante di un tema che si ritrova, sempre in età repubblicana, nell’iscrizione del monumento posto al patronus Q. Ovius a Rimini, in cui i suoi liberti evidenziano, con la locuzione quod suis dedit apparet, i benefici avuti dall’ex padrone104 ; nel nostro caso però è seguita la successiva perdita di quei beni.

  • 105 Tab. 9, nr. 49 : D(e)p(ositus) X[---]. / Bonae memoriae Vi[---] / plus quam frugal[is ---], / qui (...)
  • 106 Mazzoleni 1982 a lin. 2 scioglie ui[licus], ma riporta l’osservazione di Ferrua, che correttamente (...)
  • 107 Mazzoleni 1982, p. 323 ; Cuscito 1984, p. 268 ; Cuscito 1987, p. 71, nr. 1 ; Mazzoleni 1989, p. 22 (...)
  • 108 Sulla rarità di schiavi cristiani vd. Janssens 1981, p. 176-179. Un esempio in ICUR, VIII, 21059 ( (...)
  • 109 In generale vd. Bradley 1987a ; Bradley 1994 ; Harper 2009 ; Harper 2011; Harper 2012a ; Harper 20 (...)
  • 110 Sen., Ep. Lucil., 5, 47, 1 e 13. Vd. Żurek 1976 ; Bradley 1986a ; Schirok 2006 ; Bradley 2008. Vd. (...)
  • 111 Macrob., Saturn., 11, 6.
  • 112 CIL, XIII, 7119 : L(uci) et C(ai) et Sex(ti) / Valeriorum / l(ibertus) Seruandus / anno(rum) XX h((...)

29La seconda iscrizione105, che si data invece alla tarda età imperiale, tramanda un singolare elogio di un defunto di condizione servile il cui nome è purtroppo lacunoso106, posta dai padroni addolorati per la perdita prematura di uno schiavo fedele del quale vengono lodate la straordinaria frugalitas e la condotta di vita, tanto commendevole da concludere che egli aveva ricevuto indegnamente il nomen seruitutis. Esclusivamente perché è introdotta dalla data della depositio e dalla formula bonae memoriae, che peraltro sono attestate anche in iscrizioni « profane »107, la dedica viene considerata comunemente cristiana, con la conseguenza di dovervi riconoscere una rara attestazione di un servo cristiano108. Ma i concetti espressi sembrano perfettamente in linea con l’evoluzione della considerazione della condizione servile che ha portato in età imperiale al progressivo riconoscimento della dignità umana degli schiavi, senza peraltro mutarne lo status giuridico109. Scriveva Seneca a Lucilio : « Serui sunt ». Immo homines. « Serui sunt ». Immo contubernales. « Serui sunt ». Immo humiles amici. « Serui sunt ». Immo conserui, si cogitaueris tantundem in utrosque licere fortunae. E ribadiva : Viue cum seruo clementer, comiter quoque, et in sermonem illum admitte et in consilium et in conuictum110. Quanto questi principi fossero sinceri, praticati e diffusi non è dato di sapere. Ma sembra certo che la condizione servile nel corso del tempo si fosse molto mitigata tanto che Macrobio poteva scrivere : « Postremo quid ita nomen seruitutis horremus ? Seruus est quidem, sed necessitate, sed fortasse libero animo seruus est »111. Di queste riflessioni sembrano essere consapevoli i domini del lodevole schiavo aquileiese, la cui età cade in lacuna, ma che probabilmente era morto troppo giovane per poter ricevere la libertà, come sembra potersi dedurre dall’espessione contra uotum, normalmente riferita a morti premature. Una situazione di cui troviamo un parallelo più esplicito in un’iscrizione da Mogontiacum, in cui i patroni posero per i suoi meriti la dedica a un liberto di vent’anni, che aveva vissuto serenamente la condizione servile e a cui la morte aveva impedito di godere della libertà appena ottenuta112.

Notes

1 Attualmente si conoscono circa 4300 iscrizioni rispetto alle poco più di 1800 pubblicate da Th. Mommsen nel volume V del CIL (1872, 1877) e da E. Pais nei Supplementa Italica (1884 [1888] = Pais, SupplIt) e alle 3750 (di cui 410 cristiane) edite nei tre volumi delle Inscriptiones Aquileiae (1991-1993 = InscrAq), opus postumum di G. Brusin.

2 Un primo bilancio sulla presenza servile ad Aquileia si trova in Calderini 1930, p. 361-367. Per analoghe ricerche nella Regio X vd. Lazzaro 1985 (Ateste) ; Zampieri 2000 (Altinum). Solo saltuariamente la documentazione aquileiese compare nei numerosissimi lavori sulla schiavitù nel mondo romano, su cui si vedano le eccellenti sintesi con ricchissima bibliografia in Edmondson 2011 e Bruun 2014, cui rimando per l’inquadramento generale.

3 Vd. Calderini 1930, p. 279 e p. 363-364 ; i documenti sono elencati in Weiss 2004a, p. 209-210, nr. 126-136 ; un aggiornamento in Luciani 2010, p. 261-266, nr. 2-5 ; ampi commenti in Luciani 2011, p. 64-89, nr. 19-34 ; vd. anche Zaccaria 2003, p. 311-312, ntt. 124-130. In generale sugli schiavi delle città vd. Halkin 1897 ; Eder 1980 ; Weiss 2004a ; per utili confronti vd. Silvestrini 2005b ; Bruun 2008.

4 Tab. 2, nr. 2-11.

5 Tab. 2, nr. 1 : Steph[anus] m(unicipum) Aq(uileiensium) actor summ(arum). A differenza del uilicus summarum, l’actor summarum (per uno schiavo imperiale in Suet., Domitian., 11, 1) non sembra attestato in altre epigrafi : vd. Carlsen 1996, p. 127 ; Silvestrini 2005b, p. 546-547, tav. IV e p. 549 ; Luciani 2011, p. 83 ; per i serui publici actores vd. Sudi-Guiral 2008 (il documento aquileiese a p. 405, nt. 5 e p. 416).

6 Tab. 2, nr. 12. Per la rilettura e il riconoscimento di un probabile tabularius vd. Luciani 2011, p. 86-87.

7 Tab. 2, nr. 13. Il dedicante è un liberto che scioglie il voto fatto a Beleno quando era schiavo per ottenere la libertà : vd. Zaccaria 2008b, p. 395-399, fig. 9 ; su questa categoria di dediche vd. Veyne 1964.

8 Tab. 2, nr. 14-14.

9 Tab. 2, nr. 18. Sulle mansioni degli aeditui vd. Ménard 2006.

10 Tab. 2, nr. 19-20. Nella prima iscrizione è possibile intendere lucum come forma del genitivo plurale : vd. Zenarolla 2008, p. 276. Per il riconoscimento della non consueta formula officio [---] nella seconda iscrizione vd. Luciani 2011, p. 67-68.

11 Tab. 2, nr. 21 : Fabriciae / Seuerinae / ann(orum) XVI mens(ium) X / Hermes August(alium) / et VIuirorum ark(arius) / et Sentia Seuera parent(es) / l(ocus) d(atus) a Statiis. Da notare, oltre alla qualità del monumento, la complessa situazione familiare (unione dello schiavo con una cittadina romana e gentilizio della figlia differente da quello della madre) e la concessione del locus sepolturae nel sepolcreto degli Statii.

12 InscrAq, 522 (EDR 093722 ; lupa 18131) : C(aio) Iulio / C(ai) f(ilio) Fab(ia) / Agathopo / flamini / patron(o) colon(iae) / IIIIuir(o) iur(e) dic(undo) q(uin)q(uennali) / ordo Augustal(ium) / et IIIIIIuirorum / ob honori[f]ica merita / eius et in [ex]hibendis / populo uoluptatibus / largum [n]itorem ; vd. anche Alföldy 1984, p. 102, nr. 97 ; Panciera 1987, p. 89-90, nr. 2 [rist. 2006, p. 857] e App. II, nr. 1 ; Forbis 1996, p. 218, nr. 429.

13 Testimonianze e discussione in Duthoy 1976, p. 1274-1276 ; Abramenko 1993, p. 168-172 ; in particolare Buonopane 2003, p. 344-345. Per l’organizzazione interna degli Augustales si veda l’eccezionale testimonianza da Liternum edita da G. Camodeca in SupplItal, n.s. 25, 2010, p. 47-55, nr. 16-17 (AE, 2001, 854), su cui vd. Camodeca 2001.

14 Sintesi e bibliografia in Zaccaria 2010.

15 Per il riconoscimento degli schiavi del conductor ferrariarum Noricarum Q. Septueius Clemens vd. Buora 1992 ; Buora 2005. Lo stesso conductor è menzionato nel territorio di Virunum insieme con tre procuratores ferrariarum in una dedica sacra da Hohenstein / Liebenfels presso Sankt Veit an der Glan (CIL, III, 4809 ; lupa 5764), da dove proviene anche una dedica votiva posta da un altro suo schiavo (AE, 1986, 538 ; lupa 8693) ; per suoi liberti ad Aquileia e nel Noricum vd. InscrAq, 404 (EDR 117159) ; CIL, III, 5480, 5593. Notevole l’allestimento di un mitreo ad Aquileia da parte di un seruus uilicus del conductor ferrariarum Ti. Claudius Macro (vd. Carlsen 1995, p. 51).

16 Per lo stretto rapporto con Aquileia degli amministratori delle miniere del Norico si veda anche CIL, III, 4788 (lupa 4913) da Tiffen presso Feldkirchen, che menziona il conductor M. Trebius Alfius, che era stato anche praefectus iure dicundo Aquileiae (vd. Calderini 1930, p. 310 ; Buora 2005).

17 Per l’autenticità dell’iscrizione vd. Panciera 1970, p. 39 ; per l’ufficio vd. Zaccaria 1986, p. 78-79.

18 Sulle proprietà imperiali ad Aquileia, testimoniate anche da iscrizioni di liberti imperiali, vd. Calderini 1930, p. 363 ; Brusin 1954-57 ; Buchi 2003, p. 182-184 ; Zaccaria 2007 ; Pupillo 2008, p. 232-233 ; da ultimo Maiuro 2012, p. 335-340 (con alcune lacune e imprecisioni nell’interpretazione dei documenti epigrafici).

19 Tab. 4, nr. 1-2. Vd. Zaccaria 2002 ; Zaccaria 2007, p. 81.

20 Tab. 4, nr. 3-25. Sono elencati in ordine cronologico.

21 Tab. 4, nr. 22-24.

22 Su cui vd. Reduzzi Merola 1990.

23 Tab. 5, nr. 1.

24 Andermahr 1998, p. 437-439, nr. 501 ; Tassaux 2001a.

25 Sono stati rinvenuti nel territorio a sud di Aquileia anche alcuni cippi funerari di liberti di C. Ummidius Quadratus, console suffetto del 40 d.C., indizio di un sepolcreto della familia (CIL, V, 1465 ; Pais, SupplItal, 107 ; InscrAq, 1279 et 3541) : vedi Andermahr 1998, p. 457-459, nr. 538 ; Zaccaria 2005, p. 209, nt. 103 ; Tassaux 2005, p. 147.

26 Tab. 5, nr. 2-3. Il senatore provvide anche alla sepoltura di un suo liberto (CIL, V, 870 = InscrAq, 492 ; EDR 093733) ; si conosce anche la dedica sepolcrale in greco posta dalla moglie per Sergio Istieo, amico e medico del consolare (CIL, V, 868 ; IG, XIV, 2343 ; InscrAq, 491 ; IEA, 289). Vd. anche Buchi 2003, p. 207-208, ntt. 236-239.

27 RE, Suppl. XIV, s.v. Servilius 55a, c. 664-665 (W. Eck) ; Alföldy 1984, p. 104 ; Birley 1987, p. 157 ; Zaccaria 2002, p. 78.

28 Vd. discussione in Andermahr 1998, p. 428 ; Cervetti 2008.

29 Tab. 5, nr. 4-7.

30 Andermahr 1998, p. 382, nr. 406

31 Tab. 5, nr. 8-9. Per Claudia Praxia, non inclusa in PFOS e in Alföldy 1999, vd. PIR2 VI, 1998, p. 392 con la recensione di M. Th. Raepsaet-Charlier in ACl, 69, 2000, p. 498.

32 Zaccaria 2008a, p. 423, nt. 16.

33 Andermahr 1998, p. 226, nr. 154 ; Zaccaria 2005, p. 209, nt. 105 ; Tassaux 2005, p. 147.

34 Tab. 5, nr. 10. Per il significato della formula stolata femina, intesa come moglie o parente di uomini di rango equestre o comunque come matrona di ceto elevato, vd. Holtheide 1980 ; Cenerini 2002, p. 103. Un’attestazione anche a Forum Iuli (Cividale del Friuli) : SupplItal, n.s. 16, 1998, p. 255-256, nr. 3 (A. Giavitto) ; AE, 1998, 569 ; EDR 007097.

35 Tab. 5, nr. 11. Vd. Goffin 2002, p. 321.

36 Tab. 5, nr. 12. Per la data Pavan 1979, p. 501 ; sulla posizione del commentariensis vd. Palao Vicente 2006, p. 162-164.

37 Per l’onomastica vd. Petraccia, Traverso 2002, p. 249 ; sulla possibile origine dalla Moesia e la residenza ad Aquileia vd. Calderini 1930, p. 202 e 222.

38 Tab. 5, nr. 13. Vd. Todisco 1999, p. 125, nr. 94. Per la posizione sociale dei veterani ad Aquileia vd. Zaccaria 2007a, p. 129-136.

39 Qualche spunto già in Calderini 1930, p. 331-332 e 364 (serui di cui è specificata la professione : medicus, praeceptor, actor, uilicus, dispensator), p. 362 (magistri di collegi, familiae servili), p. 364-365 (delicati, uernae), p. 366 (qualità dei serui : fidelissimus, bonae fidei ; dediche votive), p. 366-367 (coniuges, contubernales e figli di schiavi).

40 In generale vd. Saller 2003 ; Bodel 2011 ; Bruun 2014, p. 611-613.

41 Tab. 6, nr. 1-2.

42 Tab. 6, nr. 3.

43 Tab. 5, nr. 11 e Tab. 6, nr. 4. Considerano quest’ultimo a ragione al servizio di un privato Boulvert 19702, p. 70, nt. 112 ; Staerman-Trofimova 1975, p. 69, nt. 1 ; Brusin ad InscrAq ; Herrmann-Otto 1994, p. 155-156, nt. 159, la quale però lo inserisce poi (p. 391-392, nt. 97) nel novero dei uernae della familia Caesaris ; diversamente Maiuro 2012, p. 335 ritiene curiosamente che Hermofilus (sic !) sia probabilmente un « seruus Caesaris non dichiarato ». Per i dispensatores vd. Carlsen 1995, p. 147-158.

44 Tab. 6, nr. 4-8 ; vd. anche Tab. 5, nr. 11. Per la funzione vd. Carlsen 1995, p. 121-142 ; Carlsen 2001.

45 Tab. 6, nr. 9-10. Per la forma sintetica cfr. e.g. CIL, X, 773 (EDR 150337) ; AE, 1975, 214 (EDR 076054) ; CIL, III, 5532 ; ILJug., 1114. Non c’è ragione di ritenerli serui publici : vd. Weiss 2004a, p. 44 e 246 ; Luciani 2009, p. 23, con rimando ad altri uilici summarum di privati (cfr. e.g. CIL, IX, 4436 ; AE, 1975, 214, su cui Solin 1976) ; incerta Silvestrini 2005b, p. 545, nt. 13, che però propende per uno schiavo pubblico.

46 Per un liberto actor in rationibus del patronus vd. CIL, V, 8237 (InscrAq, 297 ; EDR 117399 ; lupa 17780).

47 Tab. 6, nr. 11. Vd. Carlsen 1995, p. 127 ; per lo schiavo bona fide seruiens vd. Buckland 1908, p. 351-352.

48 Tab. 6, nr. 12. Vd. Carlsen 1995, p. 127 (e.g. CIL, VI, 9119, 37771 ; CIL, XIV, 469). L’espressione ricorre ad Aquileia anche per due liberti fidelissimi (CIL, V, 984 ; InscrAq, 590).

49 Tab. 6, nr. 13. Normalmente, infatti, rarissimus nelle dediche private è associato a pater, mater, filia, filius, parentes, aui, frater, soror, coniunx, uxor, maritus, marita, femina, uir, puer, iuuenis, amicus, patronus, oppure è usato per sottolineare rapporti affettivi tra schiavi (conserua, contubernalis). È riferito a liberti solo in un monumento funerario familiare in Raetia (CIL, III, 5890 ; lupa 6666).

50 Tab. 9, nr. 5-6, 9. Vd. Gomezel 1996, p. 46 e p. 87-88.

51 Tab. 6, nr. 1-2 : la dedica è posta da sei magistri, tre liberti e tre schiavi.

52 Tab. 7, nr. 4-5 : la dedica è posta da cinque magistri, tre liberti e due schiavi.

53 Tab. 7, nr. 6-8 : la dedica è posta da sei magistri, tre liberti e tre schiavi. Tab. 7, nr. 6-8 : la dedica è posta da sei magistri, quattro liberti e due schiavi.

54 Tab. 7, nr. 11-16 : sono riconoscibili sei schiavi e 17 liberti.

55 Tab. 7, nr. 28. Vd. Strazzulla 1982.

56 Tab. 2, nr. 9, 18, 20.

57 Tab. 3, nr. 7, 13.

58 Tab. 7, nr. 19, 21-22, 26-27.

59 Tab. 7, nr. 17, 20, 29.

60 Tab. 7, nr. 18, 25.

61 Tab. 2, nr. 13.

62 Tab. 3.1, nr. 5-6, 8.

63 Tab. 4, nr. 14, 25.

64 Tab. 5, nr. 11.

65 Tab. 7, nr. 24.

66 Tab. 7, nr. 23.

67 InscrAq, 262 (IEA, 11 ; EDR 117121 ; lupa 14396) : I(oui) o(ptimo) m(aximo) lib(eratori) Aquil(eiae) aet(ernae) Rutilius Seuerus posit ara(m) l(ibenti) animo.

68 Tab. 3, nr. 2-3. Vd. Zaccaria 2010, p. 56-57; per l’arredo vd. Nonnis 2003, p. 10-11 e nt. 33, 35, 38, App. nr. 242-243.

69 Tab. 3, nr. 12.

70 Tab. 7, nr. 30.

71 Tab. 7, nr. 31.

72 Tab. 7, nr. 31.

73 Tab. 3, nr. 12.

74 Sen., Ep. Lucil., 5, 47. Vd. Eigler 2005.

75 Vd. Rawson 1986 ; Mangas 1997 ; Laes 2003 ; Rawson 2003 ; Sigismund-Nielsen 2007 ; Laes 2010 ; Sigismund-Nielsen 2013.

76 Tab. 8.1 ; vd. anche Tab. 2, nr. 14 e Tab. 6, nr. 4. Vd. Sigismund-Nielsen 1991 ; Herrmann-Otto 1994 ; Rawson 2010.

77 Tab. 8.2 ; vd. anche Tab. 5, 13 (delicati / delicatae) : vd. Van Dam 1984, p. 72-73 ; Sigismund-Nielsen 1990 ; Laes 2003 ; Sigismund-Nielsen 2007 ; La Monaca 2007 ; La Monaca 2008 ; Laes 2010. Tab. 8, nr. 17 (puer) : vd. Slater 1974.

78 Tab. 8.3. Sulle testimonianze di alumni vd. in generale Sigismund-Nielsen 1987 ; Rawson, Bellemore 1990 ; Saviato 1999 ; per la Dalmazia Smodlaka Kotur 1994.

79 Vd. Lazzarini 1991, p. 13-16.

80 Tab. 4, nr. 14 : Athictus / Vrsionis / Caesaris (liberti) / uerna, / Didieni Puri (seruus) / Belino / u(otum) s(oluit) l(ibens) m(erito).

81 CIL, V, 1137 ; InscrAq, 943 : Caesilia Q(uinti) l(iberta) / Cinnamis / Dindiae Lauridi / delicatae suae ann(os) / natai XXIV. / Hic condidit ossa. CIL, V, 1460 ; IEA, 368 ; lupa 14050 ; Zanier 2009, p. 45-48 : L(ucius) Vinisius, T(iti) (et) L(uci) l(ibertus), / Alexander / u(iuus) f(ecit) sibi et suis, / Vinisiae, T(iti) (et) L(uci) l(ibertae), / Primae et / Iuliae, C(ai) l(ibertae), Methe, delicatae suae et / Inacho, filio, / L(ucio) Vinusio Floro, l(iberto), / Vinusiai Corinnai, l(ibertae). / L(ocus) m(onumenti) q(uoquo) u(ersus) p(edes) q(uadratos) XX. Vd. La Monaca 2008, p. 214-215.

82 Per un caso simile vd. CIL, V, 7023, su cui Cresci Marrone 2003.

83 Tab. 8, nr. 23. Si conoscono solo altri due casi di dediche sacre poste, sempre in epoca tardoimperiale, da individui di sesso maschile cum suis laborantibus non meglio definiti : ICUR, V, 13279 (Roma, un musicus) e qui Tab. 8, nr. 24.

84 Tab. 8.4.

85 Tab. 8, nr. 25-29.

86 CIL, V, 4682 ; InscrIt, X, 5, 488 (EDR 090488). CIL, XIII, 696 ; ILA. Bordeaux, 90.

87 Tab. 8, nr. 30-31.

88 Vd. Chelotti 1994 (AE, 1994, 445) ; Chelotti 1998, p. 199-202 (EDR 103958).

89 La prassi epigrafica va confrontata con quanto si afferma sul piano giuridico : infatti « in età severiana il principio della ‘continenza’ dei termini femminili nel corrispondente maschile indicante persona è affermato o esteso da Ulpiano con riguardo a diverse coppie di genere nominali o pronominali : filius/a, seruus/ancilla, libertus/a, patronus/a, quis/quae, quicumque/quaecumque e infine con l’enunciazione della regola generale », ma « il giurista ribadisce preliminarmente con riferimento al maschile seruus l’accezione comprensiva del femminile ancillae = seruae ; di rilievo è peraltro la precisazione che solo alcuni giuristi erano della stessa opinione, indice di dubbi ancora persistenti su tale indirizzo interpretativo » : Pavese 2013, p. 70 e p. 74, con riferimento a Dig., 2, 1, 7.1 ; 26, 2, 16.1 ; 50, 16, 40.1 ; 50, 16, 172 ; 32, 81 pr.

90 Vd. Malnati, Pellegrini, Pulini 2009 (EDR 077169, 135995, 133055, 133664).

91 CIL, XI, 894 (EDR 130949) : vd. Parisini 2011, p. 56-59, nr. 11 ; e supra nt. 84.

92 CIL, XI, 6167 ; SupplItal, n.s. 18, 2000, p. 343-344 ad nr. (S. Antolini) (EDR 016327) : è conservata nel Palazzo Ducale di Urbino.

93 Tab. 9.3. Non è però escluso che alcuni degli individui di cui abbiamo solo il nome singolo scolpito sulle urne cinerarie (nrr. 38-47) fossero in realtà liberti il cui gentilizio era scritto sul monumento sepolcrale principale.

94 Tab. 9.1

95 Tab. 4, nr. 6-7, 20 ; Tab. 9, nr. 4. Vd. in generale Treggiari 1981 ; Treggiari 1991, p. 52-54.

96 Tab. 9, nr. 10 : Gauia Arche / u(iua) f(ecit) sibi et suis, / Q(uinto) Gauio Q(uinti) l(iberto) Ceriali, / fratri, / et Corinthiae, f(iliae), / et Corinnae, f(iliae), / Gauiae Iucun̂dâe, / matri, / Macedoni, patri.

97 Vd. Calderini 1930, p. 375, nt. 2 ; Herrmann-Otto 1994, p. 73, nt. 137 e p. 81, nt. 161, entrambi con albero genealogico.

98 Vd. Gai., Inst., 1, 84 (senatusconsultum Claudianum) : poterat ciuis Romana quae alieno seruo uolente domino eius coiit, ipsa ex pactione libera permanere, sed seruum procreare ; vd. anche Dig., 1, 5, 5 pr. ; Gai., Inst., 1, 160 ; Weaver 1986. Per una caso simile vd. supra nt. 11.

99 In generale vd. Saller 1987 ; Martin 2003 ; Mouritsen 2011b.

100 Tab. 9, nr. 25 : ------ / coniug(i) opt(imo) / et conserui / superposito / merenti. Per questa rara accezione di superpositus vd. anche CIL, VI, 8504 (EDR 029477). I conserui sono i co-dedicanti e quindi non è corretta l’integrazione conserui(s) proposta da Brusin in InscrAq per far reggere il termine da superposito.

101 Tab. 9, nr. 48.

102 Da preferire a sin[e mendis?] proposto in Brusin in InscrAq, che non trova confronti.

103 In particolare sine crimine è riferito a una serua contubernalis in Epigraphica, 38, 1976, p. 130 (con la rilettura [cri]mine al posto di [o]mine in Solin, Analecta Epigraphica, 1998, p. 87) ; seruiuit seguito dagli anni di servizio ricorre in CIL, V, 6402 e XI, 3541, entrambe poste da domini per le loro schiave.

104 CIL, XI, 494, 495, 2131, 2132 ; ILLRP, 947 ; ERimini 1981, nr. 2 (EDR 073644).

105 Tab. 9, nr. 49 : D(e)p(ositus) X[---]. / Bonae memoriae Vi[---] / plus quam frugal[is ---], / qui uixit annis p(lus) m(inus) [---], / quique factis meritisque suis / indignum nomen / seruitutis acceperat. / Domini contra uotum suum / posuerunt.

106 Mazzoleni 1982 a lin. 2 scioglie ui[licus], ma riporta l’osservazione di Ferrua, che correttamente notava che in quella posizione ci doveva essere il nome dello schiavo, altrimenti mancante, e proponeva di integrare Ve[rna] o Ve[rnaculus], ma sulla pietra si legge chiaramente VI[---], come bene osserva Vergone 2007, p. 231.

107 Mazzoleni 1982, p. 323 ; Cuscito 1984, p. 268 ; Cuscito 1987, p. 71, nr. 1 ; Mazzoleni 1989, p. 2285-2286 ; Cuscito 2013, p. 110-111, nr. 26. Si vedano le giuste riserve in Vergone 2007, p. 231, che per le formule rimanda a Carletti 2004.

108 Sulla rarità di schiavi cristiani vd. Janssens 1981, p. 176-179. Un esempio in ICUR, VIII, 21059 (EDB 7608) : Fortunioni bene merent[i] / qui uixit annis XVI m(ensibus) V d(iebus) [XV] / fecerun(t) domini sui in pa[ce] ((monogramma Christi)). Su seruus e libertus nelle iscrizioni tardoantiche vd. Costantini 1997.

109 In generale vd. Bradley 1987a ; Bradley 1994 ; Harper 2009 ; Harper 2011; Harper 2012a ; Harper 2012b.

110 Sen., Ep. Lucil., 5, 47, 1 e 13. Vd. Żurek 1976 ; Bradley 1986a ; Schirok 2006 ; Bradley 2008. Vd. anche Plin., Ep., 5, 19, 8-16, su cui Gonzales 1997.

111 Macrob., Saturn., 11, 6.

112 CIL, XIII, 7119 : L(uci) et C(ai) et Sex(ti) / Valeriorum / l(ibertus) Seruandus / anno(rum) XX h(ic) / s(itus) e(st). Patroni pro / meritis posueru/nt. Seruitus mihi n/u(m)qua(m) inuida fuisti ; / libertatem misero / mors abstulit / iniqua.

© Publications de l’École française de Rome, 2016

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540