Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Esclaves et maîtres dans le monde romain

 | 
Monique Dondin-Payre
, 
Nicolas Tran

Études régionales

Patrone e liberti nella Transpadana romana

Alfredo Buonopane et Giovannella Cresci Marrone

Texte intégral

  • 1 Quint., Inst., 1, 7, 28 ; Schneider 1974, p. 46-55 ; Thylander 1952, p. 62-63 ; cfr. anche Vitucci (...)

1Il contributo si prefigge di esaminare il rapporto fra le patrone e i loro affrancati quale emerge dalla documentazione epigrafica lapidea nel territorio compreso fra il fiume Po e le Alpi, corrispondente alle XI e X regiones augustee. Come è noto, il censimento di donne che possedettero schiavi e procedettero alla loro manomissione è possibile sulla base delle iscrizioni latine attraverso tre tipologie di riferimenti testuali : il primo consiste nella presenza dell’appositivo patrona variamente declinato che qualifica esplicitamente il ruolo dell’emancipatrice, il secondo coincide con la menzione dello status di libertus/a (spesso genericamente compreso nella formula associativa funeraria libertis libertabusque) per soggetti in relazione di diretta dipendenza da una donna, il terzo corrisponde all’indicazione del patronato all’interno della formula onomastica degli affrancati mediante l’incisione della lettera C rovesciata, simbolo grafico che convenzionalmente fungeva da abbreviazione dell’appellativo G(aiae), adottato quale antroponimo cumulativo del genere femminile1.

  • 2 Cfr. la tabella in appendice (App. A e B) nella quale i riferimenti bibliografici sono stati ridot (...)
  • 3 Applicabile anche al contesto geografico in esame l’interessante notazione che, laddove siano stat (...)

2Sulle base di tali strumenti identificativi la documentazione epigrafica disponibile ha consentito di censire nel comprensorio geografico di interesse un totale di 341 patrone di cui 303 nella X regio Venetia et Histria e 38 nella XI regio Transpadana2. La distribuzione geografica delle occorrenze, quasi tutte di natura sepolcrale e pochissime di ambito sacro, risulta come sempre esposta alla casualità dei rinvenimenti nonché ai differenti livelli di approfondimento degli studi epigrafici e non meriterebbe menzione se non per segnalare l’evidente sproporzione numerica fra il settore orientale e quello occidentale della pianura padano-veneta. Pur tenendo conto della distribuzione non uniforme del patrimonio epigrafico in lingua latina che accredita la X regio di circa 12.500 testi e la XI di circa 3000, risulta evidente che il numero delle patrone nel settore occidentale rimane al di sotto del quarto delle occorrenze rispetto al settore orientale e tale conteggio autorizzerebbe a dedurre per tale area geografica un grado inferiore di emancipazione femminile e comunque di dinamicità sociale3.

3Appurata tale disparità che rappresenta comunque un primo dato su cui riflettere e riscontrata anche la datazione delle iscrizioni fra l’età augustea e la metà del III secolo d.C., che confermerebbe la rarità del fenomeno delle donne emancipatrici in età repubblicana, proficuo risulta concentrare l’attenzione su alcuni capitoli tematici che scaturiscono non tanto dai valori quantitativi dei dati raccolti quanto dalla loro qualità, cioè dai loro contenuti.


  • 4 App. A, 277-278.
  • 5 AE, 1991, 811 = AE, 2001, 1060 : [[Curtiae / C(ai) f(iliae) / Procillae, / s[a]cer(doti) Di[u]ae / (...)

4In primo luogo, per quanto attiene lo statuto delle patrone, la documentazione certifica che esse appartennero a tutti i gradini della piramide sociale, dai vertici alla base : esemplificativo è il caso di Curtia Callipolis di Verona che fu emancipata dall’esponente femminile di una famiglia senatoria e predispose la dedica sepolcrale per la patrona, per il figlio della stessa, senatore, per sé e per i suoi liberti di entrambi i sessi4 : V(iua) f(ecit) // Dis Manib(us) / Curtiae C(ai) f(iliae) / Procillae / patronae optimae / P(ublio) Alfio Alennio Maximo / Curtio Valeriano, / filio Procillae, / Curtia Callipolis lib(erta) / et sibi et lib(ertis) suis / utriusq(ue) sexus. Dal testo si evince la realtà di due soggetti femminili che svolsero entrambi il ruolo di patrone emancipatrici ma la cui situazione di partenza le collocava agli antipodi della scala sociale : ai vertici, la madre di un senatore, per di più sacerdos della Diua Plotina che aveva ricevuto l’onore di una statua presso il Capitolium veronese5 ; alla base, la sua schiava, in grado, comunque, di disporre di un’articolata familia servile.

  • 6 Le patrone per le quali è possibile stabilire o ipotizzare (in base al cognomen grecanico segnalat (...)

5Anche se risulterebbe improprio generalizzare casi singoli, peraltro non episodici6, è però importante rilevare come il fenomeno di mobilità ascendente, che vide nei primi due secoli dell’impero schiavi ottenere la libertà, acquistare altri schiavi e poi manometterli in una catena di accelerata promozione sociale, conobbe in Transpadana una declinazione anche al femminile.


  • 7 Gaius, Inst., 1, 17-21 su cui si veda Burdese 19934, p. 154-155.
  • 8 Sul tema sono presenti spunti di approfondimento in Storchi Marino 1999.
  • 9 App. A, 115.
  • 10 Cfr. ad esempio il caso di P. Cornelio Dolabella, genero di Cicerone, che era stato istituito ered (...)

6La differenza di genere risulta invece evidente per quanto attiene i rapporti parentali : infatti agli uomini era concesso accordare la libertà alla schiava concubina attraverso la manumissio matrimoni causa che costituiva deroga per i limiti d’età della legge Elia Senzia7 ; risultava invece vietato alle donne affrancare un proprio schiavo per sposarlo8. Non stupisce, dunque, che non si registri tra la documentazione selezionata alcun caso, esplicitamente ‘dichiarato’, di relazione coniugale patrona-liberto. Raro anche il caso dell’aquileiese Sextus Valerius Valerianus che associa alla sepoltura Valeria Sex(ti) f(iliae) Secun[da] definendola mater et patrona9 : Sex(tus) Valerius / Valerianus u(iuus) f(ecit) si[bi] / et Valeriae Sex(ti) f(iliae) Secun[dae] / matri et patronae / Cossutiae Ih[1]eni con[iugi] / optimae et amicis inti[mis] / C(aio) Cornelio Auiticiano / Corneliae Fortun[ata]e / et C(aio) Vruinio Abascanto / [- - -]io Claro [- - -]. È forse possibile ipotizzare che in questo caso sia intervenuta, in aggiunta all’emancipazione, anche un’adozione, con il fine di sancire più strettamente i legami fra i due soggetti ; magari attraverso l’ausilio di un agnate tutore, o, più probabilmente attraverso l’adoptio testamentaria, la quale, taciuta dalle fonti giuridiche ma documentata dalle fonti letterarie, era accessibile anche alle donne, naturalmente sui iuris, poiché i suoi effetti erano limitati all’ambito onomastico e successorio10.


  • 11 App. A, 20, 26, 29, 175, 187, 228, 301.
  • 12 App. A, 26.
  • 13 App. A, 175.
  • 14 App. A, 187.
  • 15 Si vedano, fra la ricca bibliografia, Burdese 19934, p. 627-629 ; Crook 1986 ; Cantarella 1989, p. (...)

7Un altro aspetto che merita approfondimento riguarda il regime di comproprietà che, per quanto risulta dall’onomastica dei liberti, caratterizza un’ampia casistica dei soggetti emancipati da una donna : la C rovesciata che indica il rapporto di patronato è preceduta in tali evenienze da uno, due o addirittura tre prenomi maschili abbreviati, con riferimento ai soggetti, spesso verosimilmente ma non necessariamente fratelli, che condivisero con la donna il possesso dello schiavo o della schiava emancipata e la cui indicazione sembra sempre precedere quella femminile11. Così, ad esempio, ad Altinum è il caso di Seia P. et ((mulieris)) l(iberta) Chia12 o, ad Atria, di [- - -] Q. M. ((mulieris)) l(ibertus) Stephanus13 e, a Brixia, di M. Valerius M. L. P. ((mulieris)) l(ibertus) Anteros Asiaticus14. Come è noto, le donne potevano fin dalle origini di Roma ricevere un’eredità purché ab intestato, vale a dire da un soggetto della famiglia che fosse deceduto senza predisporre un testamento. In qualità di figlie e nipoti in linea maschile o di mogli in manu, esse partecipavano in qualità di heredes suae alla successione dei beni del pater familias, fra cui anche quella degli schiavi, per l’alienazione dei quali, in quanto considerati res mancipi, si imponeva tuttavia la necessità di ricorrere alla tutela degli agnati15.

  • 16 Si veda il caso di testi in cui lo stesso gentilizio è comune a più liberti i quali esibiscono per (...)
  • 17 App. A, 29.
  • 18 App. A, 286.
  • 19 Dig., 38, 4, 1 pr. : Senatus consulto quod factum est Claudianis temporibus Velleo Rufo et Osterio (...)
  • 20 App. A, 301 ; si vedano anche Halkin 1897, p. 246 e Weiss 2004, p. 240-241, nr. L53.

8Se in molti casi la comproprietà femminile degli schiavi e la condivisione del loro affrancamento sembra rientrare in tale scenario giuridico, in altre circostanze è possibile evincere, sempre dall’onomastica, che la proprietà di non tutti i soggetti della familia servile fosse sottoposta allo stesso regime, bensì che alcuni fossero posseduti dalla donna emancipatrice in regime esclusivo e altri in condivisione16. Ad esempio, ad Altinum, il regime di proprietà dei genitori di Volusia Glaphyra, membri dalla stessa familia servile ed entrambi emancipati, sembra essere stato diverso : il padre Commodus, quando era ancora schiavo, appartenne in esclusiva ad un’esponente femminile della gens Volusia, mentre il possesso della madre Lamyra fu condiviso sia dalla donna che da Publius Volusius che risultarono entrambi patroni della liberta17 : Volusia P(ubli) l(iberta) Glaphyra / P(ublio) Volusio / ((mulieris)) l(iberto) Commodo patri / Volusiae P(ubli) et / ((mulieris)) l(ibertae) Lamyrae / matri uiua f(ecit). A Verona una madre (Icone) e suo figlio (Phelletis) risultano essere stati emancipati da un membro maschile (Marcus) della gens Statia, mentre altri suoi due figli (Frequens e Modestus) da un esponente femminile18 : V(iua) f(ecit) / Statia / ((mulieris)) l(iberta) Frequens / sibi et / Statiae M(arci) l(ibertae) Icone / matri / M(arco) Statio M(arci) l(iberto) Phelleti / M(arco) Statio / ((mulieris)) l(iberto) Modesto / fratribus / et M(arco) Statio / Verecundo / conlibert(o). Potrebbe in tali evenienze essere intervenuta la concessione prevista da un senatoconsulto di età claudia di riservare al pater familias la facoltà di concedere il diritto di patronato a uno o più tra i propri figli legittimi19. Un caso particolare è infine rappresentato a Vicetia da Matiena P. et ((mulieris)) Suavis i cui patroni, in comune, furono il liberto pubblico vicentino P. Publicius m(unicipi) V(icentinorum) l. divenuto seviro e una donna, Matiena Q. l. Rufa, ma il gentilizio fu derivato da quello della donna20 : P(ublio) Poblicio m(unicipii) V(icetinorum) l(iberto) / Valenti / IIIIIIuir(o) / Matienae Q(uinti) l(ibertae) / Rufae / Matiena P(ubli) et / ((mulieris)) l(iberta) Suauis / patronis et sibi / uiua fecit.

  • 21 Nicolini 2006-2007, p. 325-326.
  • 22 Gaius, Inst., 3, 47 ; Ulp., 29, 3 su cui Rotondi 1962, p. 459 ss. Sui servi dotali e la destinazio (...)
  • 23 Cursorio riferimento in Thylander 1952, p. 60-63 il quale indica il prenome del liberto come deriv (...)

9Sempre sotto il profilo giuridico, va ricordato il caso delle ex schiave dotali : ad esempio ad Altinum, poiché ben 21 delle 28 donne patrone esercitarono l’affrancamento su soggetti femminili, si è legittimamente ipotizzato che in numerosi casi si trattasse per lo più di schiave che operavano al servizio personale della domina e che fossero entrate nella familia servile per tramite della dote corrisposta dal padre al marito21. Nonostante la legge Giulia e Papia stabilisse che il coniuge detenesse il diritto di proprietà su tutti i beni della moglie, l’origine dotale favoriva l’iniziativa delle matrone che promuovessero la manomissione delle seruae personali a cui erano più affettivamente legate e, poiché le testimonianze si concentrano per lo più in età post-augustea, il ius trium o quattuor liberorum previsto sempre dalla legge Giulia e Papia poteva essere intervenuto ad esentare la padrona dalla tutela22. Varrebbe a tal proposito la pena di approfondire l’argomento inerente alla scelta del praenomen del liberto, quando ad affrancare un soggetto maschile fosse una donna sui iuris ; gli studi onomastici tuttavia sembrano aver dedicato scarsa attenzione a tale evenienza23.


10La natura del rapporto fra patrone e liberti è anch’esso tema meritevole di attenzione, perché, come per i soggetti maschili, risulta impostato su una trama di consuetudini relazionali codificate dal mos maiorum nei loro aspetti relativi per così dire alla sintassi cerimoniale, ma anche garantite dalla legge nei loro aspetti materiali ed economici.

  • 24 App. A, 11, 32, 34, 39, 49, 50, 52, 53, 55, 56, 59, 66, 73-75, 78, 81, 84-88, 95, 99, 100, 104, 10 (...)
  • 25 Dig., 37, 15, 9 : Liberto et filio semper honesta et sancta persona patri set patroni uideri debet(...)
  • 26 Casistica in Cébeillac 1981.
  • 27 App. B, 312.

11Trattandosi di un rapporto non paritario sul piano onorifico-relazionale, bensì sbilanciato a favore di chi promuoveva la manumissio, non stupisce che, a fronte di numerose patrone che predisposero l’inclusione dei propri liberti nel recinto sepolcrale24, anche un cospicuo numero di dediche sepolcrali ricordino l’iniziativa dei liberti o delle liberte beneficiati che dimostrarono la loro riconoscenza o approntando il sepolcro per la patrona o associandola al dispositivo sepolcrale predisposto per sé e per la propria famiglia25. C’è da chiedersi se le patrone usufruissero veramente del locus sepolturae predisposto dai loro liberti ovvero se la menzione nel messaggio epigrafico rispondesse alla mera volontà di ostentare l’obsequium e di rispettare, dunque, la sintassi del codice relazionale. Il sentimento di pietas venne esplicitato anche mediante l’aggettivazione che talora accompagnò la qualifica di patrona e che risulta sempre compresa nella gamma semantica valutante l’erogazione beneficale : da pientissima a optima, da dignissima a bene merens e amabilis26. I due aspetti, inclusione nell’ambito familiare allargato (comprensivo di delicati e amici) e valutazione attributiva della patrona, sono compresenti, ad esempio, nell’iscrizione sepolcrale approntata a Bergomum da Atestia Ide27 : Atestia Ide / Atestiae / Tertiae patron(ae) / bene merenti et / Capitoni Binetae / et Martiae et Primul(ae) / delicatis et / T(ito) Flauio Celeri / amico carissimo / et Atestiae Egnatiae.


  • 28 App. A, 47.

12La contrazione dell’obbligo di riconoscenza e l’esibizione della doverosa reuerentia non si esaurivano nel rapporto diretto tra patrona e liberto ma in taluni casi si estendevano a una cerchia più ampia di prossimità sociale. Esemplificativa in tal senso è l’inclusione nel recinto sepolcrale predisposto da vivo ad Aquileia dal liberto L. Allius Auctus per sé, per la moglie, per i liberti e le liberte, ma anche per la patrona della moglie, a sua volta liberta28 : L(ucius) Allius L(uci) l(ibertus) Auctus u(iuus) f(ecit) / sibi coniugi libert(is) libertab(usque) / et Barbiae A(uli) l(ibertae) Nicini patronae coniugis / Allia L(uci) l(iberta) Fausta / Postumia P(ubli) l(iberta) Augis.

  • 29 App. B, 328.

13Ancora più significativo il caso a Mediolanum del seviro senior C. Geminius Elegans che accolse nel proprio sepolcro familiare addirittura la patrona del patrono29 : C(aius) Geminius / Elegans / VIuir sen(ior) sib(i) / et C(aio) Geminio / Leandro / VIuir(o) sen(iori) patron(o) / et Geminiae Priuatae / Leandri patronae / et Geminiae / Tyches uxori suae / [et] Victori lib(erto) [suo?] / [et] Chares li[b(erto)]. Il testo delinea una catena di obblighi a quattro livelli che, quasi un diagramma genealogico, vede al vertice una donna, Geminia Privata patrona di → C. Geminius Leander patrono di → C. Geminius Elegans patrono di → (C. Geminius) Victor e di → (C. Geminius) Chares.


  • 30 App. A, 176 ; si vedano inoltre Gregori 1999, p. 150. 197, 225 e Boscolo 2006, p. 510.
  • 31 Sui dendrophori di Brixia : Gregori 1999, p. 233-234 e Boscolo 2006, p. 504-513.
  • 32 Chelotti, Buonopane, 2008.

14Le patronae, tuttavia, non sono oggetti di obsequium o di reuerentia solo da parte dei propri liberti, nell’ambito dunque di una cerchia familiare più o meno allargata, come abbiamo avuto modo di vedere. Accade talora che esse siano onorate indirettamente in quanto patronae di un personaggio che viene a sua volta onorato. È questo il caso di un’iscrizione incisa su una base di statua rinvenuta a Verziano, nell’agro di Brescia30. Vi si legge : Aemiliae / Synethiae Aem(iliae) / Agrestinae, / patronae eius, / Aem(iliae) Prosoche, / matri eius, ob merit(a) / Aemil(iae) Synethiae / coll(egium) dendrof(orum) (!) d(e) p(ecunia) s(ua) p(osuit). Il collegio dei dendrofori di Brixia31, dunque, fece erigere a sue spese una statua in onore di Aemilia Synethia, una liberta che, com’è chiaramente affermato (ob merita), si era resa benemerita nei confronti dell’associazione. È degno di nota, tuttavia, il fatto che in occasione dell’erezione della statua il collegio desideri onorare sia Aemilia Agrestina, la sua patrona, sia Aemilia Prosoche, madre dell’onorata e, a giudicare dal nomen, anch’essa una liberta, non sappiamo se di Aemilia Agrestina o di qualche altro membro della famiglia degli Aemilii. Questa sorta di onore, che si potrebbe definire « trasversale », è frequente quando si tratta di rendere omaggio a una donna. Lo studio delle iscrizioni presenti sulle basi delle statue poste in onore di donne nelle città italiane ha messo in luce che tali iniziative erano spesso un modo di ossequiare non solo quest’ultime, ma anche i membri, spesso illustri, della loro famiglia, menzionando non solo il padre, ma, talora, anche il nonno, il bisnonno e/o il marito32. Abbiamo qui un caso non dissimile : l’onore, indirettamente, ma in maniera chiarissima, è rivolto anche alla patrona, che inoltre viene associata alla madre dell’onorata. Anzi questa compresenza è di particolare interesse poiché sottolinea l’importanza della patrona nella vita della sua ex schiava. Aemilia Synethia, sembra dire l’iscrizione, ha avuto due madri, perché è nata due volte : la prima volta quando ha visto la luce e la seconda quando ha ottenuto la libertà, anche se, come registra puntualmente l’iscrizione, Aemilia Agrestina, la patrona occupa nella scala sociale un posto più elevato, superiore a quello della madre naturale, e quindi il suo nome è stato inciso per primo.


  • 33 Sul forte impatto dei liberti sulla vita economica di Roma si veda Verboven 2012.
  • 34 Dig., 38, 1, 23 pr. Sul tema si vedano Masi Doria 1993, p. 47-81 ; Masi Doria 1994, p. 450-481 ; c (...)

15Un ultimo punto riguarda, infine, il coinvolgimento dei liberti in attività imprenditoriali33 gestite direttamente o indirettamente dalle loro ex dominae. Com’è noto, i liberti dovevano assicurare sia le operae officiales sia le operae fabriles, in base alle loro capacità e alle loro competenze lavorative. Recita, infatti, un passo del Digesto34 : si libertus faber aut pictor fuerit [...] has operas patrono praestare cogitur. Il passo non specifica, tuttavia, se le operae fabriles dovessero essere assicurate anche alle ex dominae, ma alcune iscrizioni sembrano indicare che questo avvenisse. Gli esempi, almeno per le regioni che sono prese in esame in questa sede, non sono molti ma abbastanza significativi e tali da far intravedere uno scenario piuttosto articolato e forse finora sottovalutato.

  • 35 App. B, 325 ; si vedano inoltre Reali 1997, p. 101-102, nr. 114 C, tav. XXI, 1 e Buonopane 2000, p (...)
  • 36 Buonopane 2000, p. 75-86.
  • 37 Per sottolineare la rottura del rapporto amicale o, meno probabilmente a mio parere, la scelta da (...)
  • 38 Verboven 2012, p. 99-100.

16Il primo è rappresentato da un’iscrizione sepolcrale databile alla seconda metà del I secolo d.C. e rinvenuta a Mediolanum35 : [V(iuus) f(ecit)?] / C(aius) Cassius / Sopater, linarius, / sibi et Cassiae C(ai) l(ibertae) / Domesticae, linar(iae), {A} patronae, et / Cassiae Suaui{i} l(ibertae) / et Cassiae Primigen(iae) l(ibertae) / et [[- - - / amico]]. Un liberto, Caius Cassius Sopater, che esercita il mestiere di linarius, ovvero di fabbricante di tessuti e di vesti in questa pregiata fibra tessile, intensamente coltivata in Italia settentrionale era36, mentre era in vita, se la proposta d’integrazione è corretta, fa erigere il monumento funerario per sé, per la sua patrona, Cassia Domestica, liberta anch’essa e anch’essa lavoratrice del lino (linaria), e per altre due liberte, Cassia Suavis e Cassia Primigenia, nonché per un amicus, il cui nome è stato poi eraso intenzionalmente37. Non abbiamo quindi solo un ulteriore caso di liberto di una liberta e, inoltre, di un monumento funerario eretto da un liberto per la sua patrona, fenomeno sul quale ci siamo soffermati poc’anzi, ma anche l’esempio significativo di un liberto che presta le sue operae fabriles nell’ambito dell’attività imprenditoriale della sua ex domina, continuando presumibilmente l’attività già praticata quand’era schiavo. Riteniamo, infatti, che si possa proporre una ricostruzione di questo tipo : Cassia Domestica, liberta di un Caius Cassius non meglio identificabile, gestiva in qualità di linaria un’impresa dove si producevano tessuti o vesti in lino. Possedeva uno schiavo, di nome Sopater, che esercitava anch’egli l’attività di linarius all’interno della medesima impresa. Quest’ultimo, una volta manomesso, rimase a collaborare nell’impresa gestita dalla sua patrona, prestando così le dovute operae, forse con un maggiore carico di responsabilità gestionale38.

  • 39 App. A, 96.
  • 40 Fernández Uriel 2010, p. 176-193.
  • 41 Pupillo 2003 ; Fernández Uriel 2010, p. 176-193.
  • 42 Alcuni esempi di management-familia in Verboven 2012, p. 99-100.

17Un caso non dissimile, anche se non immediatamente perspicuo, potrebbe essere rappresentato da un’altra iscrizione sepolcrale rinvenuta presso Aquileia. È una pregevole tabula ansata, attribuibile alla prima metà del I secolo d.C., che reca questo testo39 : M(arco) Pullio M(arci) l(iberto) Casto, / M(arco) Pulli[o] M(arci) l(iberto) Fusco, / purpurario, / Pullia M(arci) l(iberta) Prima, / M(arcus) Flauius Ianuarius, / M(arcus) Pullius ((mulieris)) l(ibertus) Hormus, purpurar(ius). Si tratta di un gruppo composto da quattro liberti (tre uomini e una donna), contraddistinti tutti dal gentilizio Pullius, e da un personaggio, M. Flavius Ianuarius, di condizione non precisabile, il cui legame con gli altri individui qui ricordati non è chiaro. Due di essi, M. Pullius Fuscus e M. Pullius Hormus, esercitavano entrambi l’attività di purpurarius, ovvero di artigiano specializzato nella coloritura dei tessuti in porpora e nella loro lavorazione40. I problemi che si presentano sono molteplici. Il primo : Pullia Prima è liberta di un M. Pullius, ma si tratta del purpurarius M. Pullius Fuscus, come farebbe presupporre anche l’ordine con cui i nomi sono stati incisi sulla lapide, oppure la donna è una colliberta di M. Pullius Castus e di M. Pullius Fuscus ? Il secondo : esercitava anch’ella, come ritiene Daniela Pupillo, il mestiere di purpuraria (non mancano, infatti, le attestazioni di purpurariae)41 ? M. Pullius Hormus è con tutta probabilità liberto di Pullia Prima e il fatto che egli eserciti l’attività di purpurarius da liberto, fa presupporre che lo fosse anche quand’era uno schiavo. È dunque possibile che, come nel caso illustrato in precedenza e relativo alla linaria, egli presti le dovute operae fabriles continuando la precedente attività, il che potrebbe essere una prova a favore di quanti sostengono che anche Pullia Prima sia una purpuraria. Se poi, com’è credibile, l’ultima riga è stata aggiunta in seguito, si potrebbe pensare a una sorta di passaggio di mano dell’attività di questo laboratorio da M. Pullius Fuscus alla sua liberta Pullia Prima, che avrebbe poi coinvolto il suo ex schiavo di M. Pullius Hormus nella sua attività imprenditoriale42.

APPENDICE

A - Patronae della X regio

Nr. Città Patrona Rif. bibliografici
1 Acelum Arvenia Cutela CIL, V, 2096
2 Acelum Arvenia Nigella CIL, V, 2096
3* Acelum [Naevidia - - -]ag[- - -] Mn. Naevidi Melae f. CIL, V, 8809
4 Altinum Calaecina Mazzer 2005, nr. 82
5 Altinum Axia Zampieri 2000, nr. 32
6 Altinum Caetronia Nicolini 2006-2007, nr. 57
7 Altinum Cassia Nicolini 2006-2007, nr. 62
8 Altinum Cleppia AE, 1981, 426
9 Altinum Clodia AE, 2005, 593a/b
10 Altinum Crassicia CIL, V, 2183 = Zampieri 2000, nr. 22
11 Altinum Cusonia M. f. Posilla CIL, V, 2221
12 Altinum E[lo]ni[a] ? CIL, V, 2280
13* Altinum Lartia P. f. Secunda CIL, V, 2175 = Zampieri 2000, nr. 34
14 Altinum Magia Nicolini 2006-2007, nr. 129
15 Altinum Minucia CIL, V, 2243
16 Altinum Mulvia Nicolini 2006-2007, nr. 141
17 Altinum Munatia CIL, V, 2244
18 Altinum Nigidia CIL, V, 2246
19 Altinum Novia CIL, V, 2247
20 Altinum Nunnia CIL, V, 2248
21 Altinum Paconia NotSc., 1930, p. 476
22 Altinum Plaetoria Nicolini 2006-2007, nr. 159
23 Altinum Pollia Nicolini 2006-2007, nr. 162
24 Altinum Popilia CIL, V, 2260
25 Altinum Satria Nicolini 2006-2007, nr. 178
26 Altinum Seia AE, 1981, 445
27 Altinum Sertoria Nicolini 2006-2007, nr. 185
28* Altinum Trebia C. [-] Secunda Mazzer 2005, nr. 132
29 Altinum Volusia AE, 1981, 455
30 Altinum [- - -] CIL, V, 8820 = Zampieri 2000, nr. 32
31 Altinum [- - -] Zampieri 2000, nr. 3
32 Aquileia Aia Felicis l. Nereis InscrAq., 1105
33 Aquileia Annava CIL, V, 1072 = InscrAq., 800
34* Aquileia Antistia Felicula CIL, V, 1073 = InscrAq., 806
35 Aquileia Appuleia InscrAq., 3295
36 Aquileia Aquilia CIL, V, 1090
37 Aquileia Aria InscrAq., 843
38 Aquileia Arria CIL, V, 1095 = InscrAq., 849
39 Aquileia Arvandia Ampliata Pais, SupplIt., 228 = InscrAq., 2249
40 Aquileia Attia CIL, V, 1104 = InscrAq., 868
41 Aquileia Attia InscrAq., 867
42 Aquileia Attia InscrAq., 2253
43* Aquileia Babullia [- - -] CIL, V, 1123 = InscrAq., 903
44 Aquileia Barbia AE, 1991, 779
45 Aquileia Barbia InscrAq., 1446
46 Aquileia Barbia InscrAq., 1567
47* Aquileia Barbia A. l. Nicinis InscrAq., 785
48 Aquileia Barbia T. f. Maxuma Pais, SupplIt., 1178 = InscrAq., 927
49 Aquileia Barbia Paulina CIL, V, 1410 = Pais, SupplIt., 101
50 Aquileia Barbia Sp. f. Procula InscrAq., 909
51 Aquileia Callicla InscrAq., 953
52 Aquileia Caldinia Heliopolitana CIL, V, 1142 = InscrAq., 949
53 Aquileia Calidia Felicula InscrAq., 816
54 Aquileia Catabronia InscrAq., 680
55 Aquileia [Ca]ttia P. f. Festa InscrAq., 704
56 Aquileia Cervonia Tyche CIL, V, 979 = InscrAq., 988
57 Aquileia [C]estronia InscrAq., 989
58* Aquileia Claudia Apra CIL, V, 1160 = InscrAq., 1001
59 Aquileia Clodia L. f. Medula Prima Pais, SupplIt., 1180 = InscrAq., 3407
60 Aquileia Curia CIL, V, 1183 = InscrAq., 3412
61 Aquileia Decidia CIL, V, 1186 = InscrAq., 1053
62 Aquileia Dindia Iusta CIL, V, 1190 = InscrAq., 1059
63 Aquileia Egnatia AE, 1982, 379 = 2003, 678
64 Aquileia Erbonia Pais, SupplIt., 1185 = InscrAq., 1075
65 Aquileia Fabia Pais, SupplIt., 1187 = InscrAq., 1092
66 Aquileia Faltonia P. l. Rufa InscrAq., 1097
67 Aquileia Favonia Pais, SupplIt., 1188
68 Aquileia Flavidia AE, 1982, 379 = 2003, 678
69 Aquileia Galgestia InscrAq., 719
70* Aquileia Gavia Agra CIL, V, 1032 = InscrAq., 1147
71 Aquileia Gavillia CIL, V, 1234 = InscrAq., 3423
72* Aquileia Gavillia A. l. Surisca InscrAq., 1143
73 Aquileia Iulia Iulli f. Secunda Pais, SupplIt., 1193 = InscrAq., 3425
74 Aquileia Iulia H[- - -] InscrAq., 675
75 Aquileia Iuventia Anthis CIL, V, 1006 = Pais, SupplIt., 80 = InscrAq., 616
76 Aquileia Luxia InscrAq., 1415
77* Aquileia Maevia Festa CIL, V, 970 = InscrAq., 581
78 Aquileia Magia Ilias CIL, V, 1290 = InscrAq., 2405
79 Aquileia Magia CIL, V, 1289 = InscrAq., 3430
80 Aquileia Mamilia InscrAq., 1567
81 Aquileia Maticia Lampedon InscrAq., 2409 = AE, 1982, 385
82 Aquileia Mestria CIL, V, 1299 = InscrAq., 1287
83 Aquileia Mulia InscrAq., 1567
84 Aquileia Octavia Cn. l. Italia Pais, SupplIt., 1204 = InscrAq., 1618
85 Aquileia Octavia Epicharin InscrAq., 2421
86 Aquileia Octavia C. l. Procine (!) CIL, V, 1323 = InscrAq., 1324
87 Aquileia Petronia Audacta CIL, V, 1444 = Pais, SupplIt., 104 = InscrAq., 1604
88 Aquileia Petronia C. l. Savarina CIL, V, 8336 = InscrAq., 838
89 Aquileia Petronia Tertullina CIL, V, 8336 = InscrAq., 838
90 Aquileia Plaetoria InscrAq., 1373
91* Aquileia Plotia Q. f. Prima InscrAq., 784
92 Aquileia Poblicia CIL, V, 1072 = InscrAq., 800
93 Aquileia Pomp[- - -] InscrAq., 402
94 Aquileia Pomponia InscrAq., 1143
95 Aquileia Ponicia L. f. [- - -] Pais, SupplIt., 1189
96 Aquileia Pullia CIL, V, 1044 = InscrAq., 724
97 Aquileia Raia Pais, SupplIt., 282 = InscrAq., 1413
98 Aquileia Rapideia InscrAq., 1415
99 Aquileia Rauconia M. f. Secunda InscrAq., 1479
100 Aquileia Salonia T. f. Ingenua CIL, V, 582*, 59-60 = 1362 = InscrAq., 3300
101 Aquileia Seia CIL, V, 1293 = InscrAq., 1268
102* Aquileia Sillia Victorina InscrAq., 1488
103 Aquileia Suria CIL, V, 1392 = InscrAq., 1515
104 Aquileia Teniedia Restituta InscrAq., 2454
105 Aquileia Titia InscrAq., 1567
106 Aquileia Titia L. l. Ven[- - -] AE, 1996, 691
107 Aquileia Titia M. f. Polla CIL, V, 8426 = Pais, SupplIt., 136 = InscrAq., 1314
108 Aquileia Trosia CIL, V, 1419 = InscrAq., 1560
109 Aquileia Trosia Aufidi l. Statia AE, 1992, 724
110* Aquileia Trosia [- - -] Cicca CIL, V, 1422 = InscrAq., 1564
111 Aquileia Trosia P. Hermonis l. Hilara InscrAq., 69 = AE, 2003, 115
112 Aquileia Vaccia CIL, V, 1431 = InscrAq., 1582
113 Aquileia Valeria InscrAq., 603
114 Aquileia Valeria Eutychia InscrAq., 3265
115* Aquileia Valeria Sex. f. Secunda CIL, V, 1436 = InscrAq., 1590
116 Aquileia Varia CIL, V, 1463 = Pais, SupplIt., 1126 = InscrAq., 1643
117 Aquileia Varia InscrAq., 2282
118 Aquileia Varia InscrAq., 3468
119 Aquileia Veneteia CIL, V, 8480 = InscrAq., 1603
120* Aquileia Vettia [- - -] CIL, V, 1450 = InscrAq., 1624
121 Aquileia Vettia T. l. Iucunda InscrAq., 2536
122 Aquileia Vettidia CIL, V, 8485 = CLE, 1474 = InscrAq., 1619
123 Aquileia Vettidia Pais, SupplIt., 1205 = InscrAq., 1620
124 Aquileia Vettidia Amoena InscrAq., 1149
125 Aquileia Vibia AE, 1996, 692
126 Aquileia Vibia Salonina InscrAq., 1632
127 Aquileia Visena CIL, V, 1463 = InscrAq., 1643
128 Aquileia Voltilia CIL, V, 1232 = InscrAq., 1150
129 Aquileia [- - -]cia L. l. Marth[a] CIL, V, 1295 = InscrAq., 1271
130 Aquileia [- - - ]dia CIL, V, 1576
131 Aquileia [- - -]dia o [- - -]idia CIL, V, 1205 = InscrAq., 1102
132 Aquileia [- - -]nia InscrAq., 955
133 Aquileia [- - -]nia InscrAq., 3429
134 Aquileia [- - -]rtia InscrAq., 1538
135 Aquileia [- - -]sia InscrAq., 1409
136 Aquileia [- - -]ssia InscrAq., 287
137 Aquileia [- - -]a CIL, V, 8548 = InscrAq., 2192
138 Aquileia [- - -]a InscrAq., 1178
139 Aquileia [- - -]a InscrAq., 1489
140 Aquileia [- - -]a C. l. Hilara CIL, V, 991 = InscrAq., 584
141 Aquileia [- - -]a Felicis l. Nebris Lettich 2003, nr. 437 
142 Aquileia [- - -]a C. f. Paulla InscrAq., 3297
143 Aquileia [- - -] L. f. Sabina CIL, V, 967 (cfr. p. 1025) = InscrAq., 579
144 Aquileia [- - -] Tertulla CIL, V, 1405 = InscrAq., 3305
145 Aquileia [- - -] CIL, V, 8346 = InscrAq., 919
146 Arusnates Cassia CIL, V, 8870
147 Arusnates Domitia CIL, V, 3967
148 Ateste Abia CIL, V, 2698
149 Ateste Acutia SupplIt., 15, A, 452 = AE, 1997, 612
150 Ateste Albucia Chreste CIL, V, 2521
151 Ateste Calpurnia CIL, V, 2584
152 Ateste Coelia SupplIt., 15, A, 29 = AE, 1997, 602
153 Ateste Coponia CIL, V, 2692
154 Ateste Cornelia SupplIt. 15, A, 81 = AE, 1997, 643
155 Ateste Curia SupplIt. 15, A, 2 = AE, 1997, 586
156 Ateste Curilia M’. f. Secunda SupplIt. 15, A, 88
157 Ateste Eppia CIL, V, 2623
158 Ateste Lepida Pais, SupplIt., 499
159 Ateste Octavia CIL, V, 2656
160 Ateste Pomponena CIL, V, 2669
161 Ateste Postumulena L. f. Sabina AE, 2002, 562
162 Ateste Qusonia CIL, V, 2675
163 Ateste Satria CIL, V, 2684
164 Ateste Saufeia Pais, SupplIt., 515
165 Ateste Vesla SupplIt. 15, A, 204 = AE, 1997, 706
166 Ateste Volumnia T. f. Maxuma CIL, V, 2530
167 Atria Aemilia CIL, V, 2316 = AE, 2010, 552
168 Atria Cameria CIL, V, 2325
169 Atria Curtia CIL, V, 429*, 200 = 2333
170 Atria Fulvia Sigolo 2006, nr. 46
171 Atria Grania Sigolo 2006, nr. 7
172 Atria Precilia AE, 1981, 456 = Sigolo 2006, nr. 8
173 Atria Tedia CIL, V, 2365
174 Atria Vettia CIL, V, 2449
175 Atria [- - -] CIL, V, 2323
176* Brixia Aemilia Agrestina CIL, V, 4388 = InscrIt., X, 5, 932
177 Brixia Audasia CIL, V, 8879 = InscrIt., X, 5, 929
178 Brixia Clodia CIL, V, 4409 = InscrIt., X, 5, 203
179 Brixia Cornelia CIL, V, 4586 = InscrIt., X, 5, 382
180 Brixia Fullonia InscrIt., X, 5, 578
181 Brixia Mucia CIL, V, 4404 = InscrIt., X, 5, 198
182 Brixia Papiria CIL, V, 4667 = InscrIt., X, 5, 470
183 Brixia Papiria CIL, V, 4668 = InscrIt., X, 5, 471
184* Brixia Plenia Storacia CIL, V, 4850 = ILCV, 3605 = InscrIt., X, 5, 727
185 Brixia Servilia Prima CIL, V, 4603 = InscrIt., X, 5, 400
186 Brixia Terentia InscrIt., X, 5, 546
187 Brixia Valeria CIL, V, 4482 = InscrIt., X, 5, 272
188 Brixia [- - -]tia CIL, V, 4133 = InscrIt., X, 5, 908
189 Concordia Armonia AE, 1976, 244 = InscrConc., 91
190 Concordia Iulia Ser. f. Serena CIL, V, 8699 = InscrConc., 48
191 Concordia Gavillia Q. f. Maxima CIL, V, 2190 (cfr. p. 1091) = InscrConc., 82
192 Concordia Lancidena Rutila CIL, V, 1931 = InscrConc., 99
193 Concordia Pontia InscrConc., 103
194 Concordia Truttidia Sex. l. Prima CIL, V, 1946 = InscrConc., 52
195 Concordia Votticia InscrConc., 106
196 Concordia [- - -] f. Galla CIL, V, 8706 = InscrConc., 47
197 Ferrara Licinia CIL, V, 2420
198 Ferrara Mariana CIL, V, 2405
199 Ferrara Valeria CIL, V, 2441
200 Forum Iulii Flavidia CIL, V, 1775
201 Forum Iulii Velaea CIL, V, 1760
202 Iulium Carnicum Regia L. f. Ommonta CIL, V, 1865 = Mainardis 2008, nr. 106
203 Neapolis Flavia I[- - -] ILJug, 442 = AE, 1966, 154
204 Nesactium [- - -]tia CIL, V, 5 = InscrIt., X, 1, 688
205 Opitergium Carminia CIL, V, 1982
206 Opitergium Pontia AE, 1979, 273
207 Opitergium Praecellia AE, 2007, 611
208 Opitergium Pupia CIL, V, 2008
209 Opitergium Rennia CIL, V, 1977
210 Parentium Septimia CIL, V, 358 = InscrIt., X, 1, 45
211 Patavium Aelia CIL, V, 2890
212 Patavium Aletia CIL, V, 2892
213 Patavium Arria AE, 2005, 619
214 Patavium Axia CIL, V, 3060
215 Patavium Caecilia CIL, V, 3036
216 Patavium Castricia CIL, V, 3036
217 Patavium Cervenia CIL, V, 2926
218 Patavium Coelia CIL, V, 2963
219 Patavium Crimilia CIL, V, 2938
220 Patavium Domitia CIL, V, 2944 (cfr. p. 1073)
221 Patavium Hedia CIL, V, 3064
222 Patavium Helvia C. f. Prima CIL, V, 2963
223 Patavium Labiena T. f. Eutychia CIL, V, 2970
224 Patavium Laeponia CIL, V, 2972
225 Patavium Livia T. f. Quarta CIL, V, 2865
226 Patavium Minia CIL, V, 2994 (cfr. p. 1073)
227 Patavium Petronia CIL, V, 3009
228 Patavium Plotia CIL, V, 2843
229 Patavium Raecia CIL, V, 3023
230 Patavium Salvia C. l. Grata CIL, V, 3026
231 Patavium [T]urpilia Festa CIL, V, 3053 = Pais, SupplIt., 595b
232 Patavium Valeria Mat[u]ra CIL, V, 3056 
233 Patavium [- - -]vonia CIL, V, 2941
234 Patavium [- - -] CIL, V, 2861 = CIL, III, 3167 (cfr. p. 1038, 1650)
235* Piquentum Volginia Volsonis f. Tertia CIL, V, 463 = InscrIt., X, 3, 204
236 Portus Liquentiae Licovia Ɔ l. Venusta CIL, V, 1958 = Lettich 1994, nr. 106
237 Pula Agria InscrIt., X, 1, 186
238 Pula [A]nnia InscrIt., X, 1, 109
239 Pula Apuleia Zosime Sex. l. CIL, V, 67 (cfr. p. 1016) = Pais, SupplIt., 6 = InscrIt., X, 1, 105 = X, 4, 385
240* Pula Caesennia Prima InscrIt., X, 1, 237
241 Pula Fufidia InscrIt., X, 10, 1, 645
242 Pula Iulia InscrIt., X, 1, 295
243 Pula Laberia InscrIt., X, 1, 298
244 Pula Lucia InscrIt., X, 1, 315
245 Pula Modia InscrIt., X, 1, 616
246 Pula [Or?]civia InscrIt., X, 1, 600
247 Pula [Pal]pel[lia] P. f. Maxu[ma] InscrIt., X, 1, 345
248 Pula Servilia Methe CIL, V, 229 = InscrIt., X, 1, 384
249 Pula Socconia CIL, V, 75 = InscrIt., X, 1, 123
250 Pula Statilia Tauri l. Quarta CIL, V, 457 (cfr. p. 1022, 1070) = Pais, SupplIt., 44 = InscrIt., X, 3, 104
251 Pula Travia InscrIt., X, 1, 402
252 Pula Vibia CIL, V, 256 = InscrIt., X, 1, 420
253 Pula Vibia C. l. Arbuscula Pais, SupplIt., 18 = InscrIt., X, 1, 419
254 Pula Vibia Sp. f. Maxima AE, 1995, 560
255 Pula [- - -]li[- - -] Pais, SupplIt., 11 = InscrIt., X, 1, 567
256 Pula [- - -]a CIL, V, 178 = InscrIt., X, 1, 201
257 Pula [- - -]a InscrIt., X, 1, 352
258 Tarvisium Fulvia AE, 2009, 382
259 Tarvisium Iulia CIL, V, 2129
260 Tarvisium Terentia CIL, V, 2134
261 Tergeste Alfia CIL, V, 567 = InscrIt., X, 4, 84
262* Tergeste Alfia [- - -] InscrIt., X, 4, 76
263* Tergeste Alfia M. l. Hetaera CIL, V, 568 = InscrIt., X, 4, 85
264 Tergeste Antistia Ilias CIL, V, 538 = InscrIt., X, 4, 51
265 Tergeste [F]laccia CIL, V, 595 = InscrIt. X, 4, 112
266 Tergeste Manlia Theocrite CIL, V, 613 = InscrIt., X, 4, 131
267 Tergeste (Capodistria) Marcellla CIL, V, 501 = InscrIt., X, 3, 30
268 Tergeste (Rozzo) Regilia CIL, V, 449 = InscrIt., X, 3, 126
269 Tergeste (Capodistria) Tertia CIL, V, 501 = InscrIt., X, 3, 30
270 Tergeste Vibia C. [f.] Tertulla CIL, V, 644 = InscrIt., X, 4, 82
271 Tergeste [- - -] CIL, V, 665 = InscrIt., X, 4, 191
272 Verona Atisia CIL, V, 3500
273 Verona Avillia CIL, V, 3508
274 Verona Caecilia Melite Buonopane 2011, p. 123-129
275 Verona Cornelia CIL, V, 3578
276 Verona Cornelia AE, 2008, 577
277 Verona Curtia C. f. Procilla CIL, V, 3590
278 Verona Curtia Ɔ l. Callipolis CIL, V, 3590
279 Verona Fadia CIL, V, 3607
280 Verona Gavia CIL, V, 3775
281 Verona Gavia Q. l. Prima CIL, V, 3630 (cfr. p. 1075) = CIL, III, 263*, 1
282 Verona Mollonia CIL, V, 3500
283 Verona Novellia CIL, V, 3260
284 Verona Octavia CIL, V, 3409
285 Verona Octavia CIL, V, 3689
286 Verona Statia CIL, V, 3758
287 Verona Sulpicia Eutychis CIL, V, 3762 = Pais, SupplIt., 622
288 Verona Suria Dometia CIL, V, 3804
289 Verona Tarquinia CIL, V, 3320
290 Verona Tussasia Pais, SupplIt., 646
291 Verona Valeria CIL, V, 3814
292 Verona [- - -] Grata CIL, V, 3633
293 Verona [- - -] CIL, V, 3781
294 Verona [- - -] Pais, SupplIt., 641
295 Vicetia [- - -] CIL, V, 3192
296 Vicetia Caecilia P. l. Secunda NotSc., 1908, 339
297 Vicetia Caecinia CIL, V, 3138
298 Vicetia Cassia CIL, V, 3107
299 Vicetia Cornelia CIL, V, 3165
300 Vicetia Fonteia CIL, V, 3123
301 Vicetia Matiena CIL, V, 3139
302 Vicetia Pescennia CIL, V, 3138
303 Vicetia Sincia CIL, V, 3199

B - Patronae della XI Regio

Nr. Città Patrona Rif. bibl.
304* Augusta Taurinorum Iunetia Vera CIL, V, 7090
305 Augusta Taurinorum Atilia CIL, V, 7017
306 Augusta Taurinorum Annaea CIL, V, 7035
307 Augusta Taurinorum Antistia CIL, V, 7044 = AE, 2000, 638 = 2003, 774
308 Augusta Taurinorum Cornelia L. l. Venusta CIL, V, 7023 = AE, 2003, 115
309 Augusta Taurinorum Maria Ep[iteu]xis CIL, V, 7077 (cfr. p. 1089)
310 Augusta Taurinorum Salaria CIL, V, 7107
311 Augusta Taurinorum Sextia Tiofile CIL, V, 7110
312* Bergomum Atestia Tertia CIL, V, 5148
313* Bergomum Atilia Ɔ l. Elpinis CIL, V, 5149 = SupplIt., 16, B, p. 325
314 Bergomum Furia P. f. Tertulla CIL, V, 5157
315 Bergomum Marcia AE, 1998, 606
316* Comum Annia CIL, V, 5320 = CLE, 1203
317 Comum Privia T. f. Tertia AE, 1996, 735
318* Comum Secundiena Secundina Pais, SupplIt., 787
319 Forum Germa(- - -) Attia Prima CIL, V, 7177 = SupplIt., 13, F, 11
320 Forum Vibii Caburrum Pontia CIL, V, 7341
321 Laus Pompeia Sextia CIL, V, 6362
322 Laus Pompeia Valeria CIL, V, 6371
323* Mediolanum Caetronia [-] l. Gamalinis Pais, SupplIt., 1296
324 Mediolanum Calvisia Chrysis ? CIL, V, 5979
325* Mediolanum Cassia C. l. Domestica CIL, V, 5923 = AE, 1995, 663 = 2000, 255
326 Mediolanum Curtia Calderini 1946, nr. 2
327 Mediolanum Entenia CIL, V, 5957
328* Mediolanum Geminia Privata CIL, V, 5861 = Pais, SupplIt., 1292
329* Mediolanum Germania Eunoe CIL, V, 5709 = CLE, 1973
330 Mediolanum (Iunia) CIL, V, 6024
331 Mediolanum Niid[- - -] Caial[- - -] CIL, V, 5972
332 Mediolanum Ursia P. [f. Pr]isca CIL, V, 5906
333 Novaria Appia P. l. Faventina CIL, V, 6516 = AE, 1998, 598
334 Novaria Umbrena A. f. Polla CIL, V, 559 = AE, 1998, 598
335 Novaria [- - -] Paulla CIL, V, 6539
336 Ticinum Catia CIL, V, 6442
337 Ticinum Lucilia SupplIt., 9, T, 39 = AE, 1992, 805
338 Ticinum [- - -]ia SupplIt., 9, T, 53
339 Ticinum [- - -]ia SupplIt., 9, T, 56
340 Pedemontanae incertae Comagia CIL, V, 7183
341 Pedemontanae incertae Terentia M. f. Celsa CIL, V, 7193 (cfr. p. 771)

Notes de fin

1 Quint., Inst., 1, 7, 28 ; Schneider 1974, p. 46-55 ; Thylander 1952, p. 62-63 ; cfr. anche Vitucci 1958, p. 911, 918 e Salomies 1987, p. 238-239. In generale, sull’onomastica femminile, Kajava 1994. Solo in un caso il rapporto di patronato femminile è registrato attraverso la lettera M, abbreviazione di m(ulieris) e incisa ruotata di 180° (App. A, 170).

2 Cfr. la tabella in appendice (App. A e B) nella quale i riferimenti bibliografici sono stati ridotti all’essenziale e gli asterischi segnalano i testi in cui la donna emancipatrice è stata esplicitamente qualificata con il termine patrona.

3 Applicabile anche al contesto geografico in esame l’interessante notazione che, laddove siano stati esaminati dati quantitativi, le proporzioni di donne e liberti documentate dal medium epigrafico procedano simmetricamente, in quanto dipendenti da connotazioni culturali proprie di ambienti meno tradizionalisti, spesso perché esposti a più intense sollecitazioni economiche (porti, luoghi di mercati o di fiere) rispetto ai contesti agrari : così Agnati 1999, p. 568. Nell’Italia romana e nella Sicilia i contesti geografici repertoriati, per quanto riguarda la presenza femminile, si presentano ancora limitati : si vedano Bivona 2003 ; Capozza, Pavan 1993-1994 ; Capozza, Pavan 1995-1996 ; Capozza, Salmaso 2002-2003 ; Chioffi 2003 ; Nicolini 2006-2007.

4 App. A, 277-278.

5 AE, 1991, 811 = AE, 2001, 1060 : [[Curtiae / C(ai) f(iliae) / Procillae, / s[a]cer(doti) Di[u]ae / Ploti[na]e Aug(ustae), d(ecreto) d(ecurionum)]]. Si veda, soprattutto, Buonopane 2008, p. 272-273, ove i riferimenti al figlio senatore.

6 Le patrone per le quali è possibile stabilire o ipotizzare (in base al cognomen grecanico segnalato dal punto interrogativo) un’origine servile risultano assai numerose : App. A, 28?, 32, 47, 52?, 56?, 66, 72, 74?, 75?, 78?, 81?, 84, 85?, 86, 88, 106, 109, 110?, 111, 114?, 121, 129, 140, 141, 150?, 194, 230, 236, 239, 248?, 250, 253, 263, 264?, 266?, 274?, 278, 281, 287?, 296 ; App. B, 308, 309?, 311?, 313, 323, 324?, 325, 329?, 333.

7 Gaius, Inst., 1, 17-21 su cui si veda Burdese 19934, p. 154-155.

8 Sul tema sono presenti spunti di approfondimento in Storchi Marino 1999.

9 App. A, 115.

10 Cfr. ad esempio il caso di P. Cornelio Dolabella, genero di Cicerone, che era stato istituito erede per un terzo da una donna chiamata Livia, alla condizione che mutasse il suo nome, prendendo quello della testatrice (Cic., Att., 7, 8, 39). Ma si veda anche, per l’adozione di Galba da parte della matrigna Livia Ocellina, Suet., Galba, 4, 1. Sul tema Fayer 1994, p. 353-355. Sconcerto di Bonfante 1925, p. 26.

11 App. A, 20, 26, 29, 175, 187, 228, 301.

12 App. A, 26.

13 App. A, 175.

14 App. A, 187.

15 Si vedano, fra la ricca bibliografia, Burdese 19934, p. 627-629 ; Crook 1986 ; Cantarella 1989, p. 600-601 ; Thomas 2000, p. 103 e 162 ; Cenerini 2002, p. 33 ; Monaco 2000 ; Caldelli, Ricci 2005.

16 Si veda il caso di testi in cui lo stesso gentilizio è comune a più liberti i quali esibiscono però nella formula di patronato differenti prenomi ed alcuni la C rovesciata : App. A, 15, 18, 29, 60, 64, 65, 71, 96, 120, 125, 131, 216, 236, 286.

17 App. A, 29.

18 App. A, 286.

19 Dig., 38, 4, 1 pr. : Senatus consulto quod factum est Claudianis temporibus Velleo Rufo et Osterio Scapula consulibus de adsignandis libertis in haec uerba cauetur : « si, qui duos pluresue liberos iustis nuptiis quaesitos in potestate haberet, de liberto libertaue sua significasset, cuius ex liberis suis eum libertum eamue libertam esse uellet, si eaue, quandoque is, qui eum eamue manumisit inter uiuos uel testamento, in ciuitate esse desisset, solus ei patronus solaue patrona esset, perinde atque si ab eo eaue libertatem consecutus consecutaue est... ».

20 App. A, 301 ; si vedano anche Halkin 1897, p. 246 e Weiss 2004, p. 240-241, nr. L53.

21 Nicolini 2006-2007, p. 325-326.

22 Gaius, Inst., 3, 47 ; Ulp., 29, 3 su cui Rotondi 1962, p. 459 ss. Sui servi dotali e la destinazione delle loro operae, a manomissione avvenuta, si veda Masi Doria 1994, p. 446-449.

23 Cursorio riferimento in Thylander 1952, p. 60-63 il quale indica il prenome del liberto come derivante da quello del padre della patrona, se ingenua, da quello del patrono della patrona, se liberta. Cfr. Salomies 1987, p. 238-239.

24 App. A, 11, 32, 34, 39, 49, 50, 52, 53, 55, 56, 59, 66, 73-75, 78, 81, 84-88, 95, 99, 100, 104, 106, 107, 109, 111, 114, 121, 124, 126, 129, 140-144, 150, 156, 161, 190, 194, 196, 202, 203, 223, 229, 230, 231, 232, 239, 247, 248, 250, 253, 254, 255, 264, 266, 270, 274, 278, 281, 287, 288, 292, 296 ; App. B, 308, 309, 317, 330, 332, 333.

25 Dig., 37, 15, 9 : Liberto et filio semper honesta et sancta persona patri set patroni uideri debet. In generale, sul rapporto fra liberti e patroni, negli epitafi, Bruun 2015, p. 609-611. Per la casistica nelle regiones esaminate si veda App. A, 3, 13, 28, 34, 43, 47, 58, 62, 70, 72, 77, 91, 94, 102, 110, 115, 120, 184, 191, 235, 240, 262, 264, 277, 299 ; App. B, 304, 311-313, 317-319, 323-325, 328, 334, 341.

26 Casistica in Cébeillac 1981.

27 App. B, 312.

28 App. A, 47.

29 App. B, 328.

30 App. A, 176 ; si vedano inoltre Gregori 1999, p. 150. 197, 225 e Boscolo 2006, p. 510.

31 Sui dendrophori di Brixia : Gregori 1999, p. 233-234 e Boscolo 2006, p. 504-513.

32 Chelotti, Buonopane, 2008.

33 Sul forte impatto dei liberti sulla vita economica di Roma si veda Verboven 2012.

34 Dig., 38, 1, 23 pr. Sul tema si vedano Masi Doria 1993, p. 47-81 ; Masi Doria 1994, p. 450-481 ; cfr. anche Verboven 2012, p. 95-98.

35 App. B, 325 ; si vedano inoltre Reali 1997, p. 101-102, nr. 114 C, tav. XXI, 1 e Buonopane 2000, p. 82-83.

36 Buonopane 2000, p. 75-86.

37 Per sottolineare la rottura del rapporto amicale o, meno probabilmente a mio parere, la scelta da parte di quest’ultimo di utilizzare un’altra sepoltura : Reali 1997, p. 102.

38 Verboven 2012, p. 99-100.

39 App. A, 96.

40 Fernández Uriel 2010, p. 176-193.

41 Pupillo 2003 ; Fernández Uriel 2010, p. 176-193.

42 Alcuni esempi di management-familia in Verboven 2012, p. 99-100.

Auteurs

Università degli Studi di Verona - alfredo.buonopane@univr.it

Università Ca’ Foscari di Venezia - liberta@unive.it

© Publications de l’École française de Rome, 2016

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540