Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La politique russe du Saint-Siège (1905-1939)

 | 
Laura Pettinaroli

Annexes documentaires

Procès-verbaux des Sessioni de la Congrégation des Affaires ecclésiastiques extraordinaires (1906-1923)

Texte intégral

1Pour l’édition de ces procès-verbaux, quelques conventions ont été adoptées :

- généralisation à toutes les sessions de la pratique adoptée dans certaines sessions de souligner le nom du cardinal qui prend la parole ;

- afin de rendre le texte plus lisible, les abréviations ont été développées entre crochets ;

- étant donné la variété des systèmes de pagination utilisés (par page, par folio, absence de pagination...), les procès-verbaux ont été systématiquement repaginés. Les numéros des pages apparaissent entre crochets au fil du texte ;

- les dossiers fournis aux cardinaux (ponenze) avant chaque session sont présentés sous forme de tableau précisant leur composition.

Document 48 : Session n°1075 - 5 juillet 1906 : langue russe et culte catholique

AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1075, 1906, vol. 61

2La ponenza

  • 1 Un document supplémentaire « da unirsi alla Ponenza » fut remis aux cardinaux et se trouve dans le (...)

48 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Circa la revoca del Decreto del S. O. delli [sic] 11 Luglio 1877, Giugno 1906

5-13

Relazione

13

Dubbi

« I. Se sia da revocarsi il citato Decreto del S. Uffizio del dì 11 Luglio 1877.

Quatenus negative :

II. Se sia expediente che la Santa Sede faccia qualche speciale concessione in ordine all’uso della lingua russa nelle provincie occidentali dell’Impero pel culto cattolico suppletorio »

15-16

Sommario Num. I

Décret du Saint-Office, 11.07.1877, latin

17-44

Sommario Num. II

Voto de Mgr Casimir Skirmunt, Rome, 27.05.1906, italien

45-48

Sommario Num. III

Voto de Mgr Adam Sapieha, s. d., italien

1 page

Pièce jointe1

Lettre du père Schumpp à Merry del Val, Saint-Pétersbourg, 26.11.1905, français

3Procès-verbal

Document

Description : 7 p. ms. italien

En-tête : « Dalla segreteria della S. Congregazione degli affari ecclesiastici straordinari »

Titre : « Cong[regazio]ne del 5 luglio 1906. Russia. Circa la revoca del Decreto del S. O. 11 lug. 1877 (sostituz.[ione] della lingua russa alla polacca nel culto suppletorio) »

Cardinaux présents

Vannutelli S., Agliardi, Rampolla, Di Pietro, Steinhuber, Merry del Val

Sous-secrétaire

Benigni

Ordre du jour

« 1- S’il faut révoquer le Décret cité du Saint-Office du 11 juillet 1877.

Et dans la négative :

2- S’il est utile que le Saint-Siège fasse quelque concession spéciale quant à l’usage de la langue russe dans les provinces occidentales de l’Empire pour le culte catholique supplétoire »

Avis du consulteur Skirmunt

Le décret du Saint-Office reste en vigueur mais le Saint-Siège accorde plusieurs modifications : la langue russe peut être admise pour certaines personnes (les « Grands-Russes »), dans un espace donné (les églises de « Grande Russie ») et dans un cadre liturgique déterminé (parties didactique et rituelle du culte supplétoire).

Dans la concession de ces modifications, la hiérarchie doit avoir un rôle régulateur : seul l’évêque est compétent pour demander au Saint-Siège l’introduction de la langue russe ; Rome doit contrôler les éditions des Écritures et des livres liturgiques en russe.

Décision des cardinaux

Le décret n’est pas révoqué mais on admet que les convertis russes puissent utiliser leur langue.

Pour les Lituaniens et les autres minorités nationales, souhaitant utiliser des langues autres que le polonais ou le russe, il faudra recourir au Saint-Siège au cas par cas.

Décision finale

Approbation par Pie X en audience le 6 juillet 1906

4[1] « Vannutelli S. constata la giustezza ed opportunità del Decr[eto] del S. O. (a) perché ogni popolo ha diritto alla sua lingua, (b) perché la lingua russa simbolleggiava nell’impero degli zar lo scisma, come la polacca il cattolicismo. Ma dopo l’ukase riformatore, la presente condizione di cose toglie alla lingua russa quel significato, perché ai russi propriamente detti ora è ufficialmente permesso di farsi cattolici. Perciò l’E[minentissi]mo propone di mantenere il decreto del S. O. in quanto riguarda propriamente i polacchi ai quali non deve imporsi altra lingua – permettere la lingua russa per i russi – quanto ai cattolici non polacchi (lituani ecc.) tra i quali, per tradizione, il clero polacco usa la sua lingua, promettere di provvedere caso per caso, soprassedendo quanto a provvedimenti generali che potrebbero motivare complicazioni.

Agliardi crede che il senso del Decreto del S. O. non fosse solo [2] di rispondere alla domanda occasionale dei polacchi, ma fosse veramente un’esclusione assoluta della lingua russa come simbolo di uno scisma e di una persecuzione. Ma oggi le condizioni sono cambiate, e perciò la lingua russa non è più il simbolo da ripudiarsi, restando soltanto il dovere di non lasciarla imporre ai non russi. Perciò il decreto resti intatto ; pei soli russi si permetterà il russo ; per gli altri (lituani ecc.) sarà bene dire al governo russo che la S.[anta] Sede non è aliena dal prendere in considerazione le domande delle varie nazionalità.

Rampolla osserva che la questione di principio è di facile soluzione (ogni popolo abbia la sua lingua), ma è assai delicata nell’applicazione : e non nell’applicazione a veri polacchi ai quali sarebbe assurdo imporre la lingua russa, od ai veri russi ai quali assurdo sarebbe imporre la polacca. La difficoltà vera è per quei terzi (lituani ecc.) che furono già soggetti al regno di Polonia il quale impose loro [3] la polonizzazione sotto ogni forma, come poi la Russia ha voluto russificare gli uni e gli altri. È certo che i polacchi non esprimono una situazione vera quando additano, come pericolo di avviare allo scisma i cattolici, il concedere a qualsiasi cattolico dell’impero la lingua russa, e citano l’esempio dei 7 od 8 milioni di ruteni (uniati) che passarono allo scisma. Questo non è vero : la perversione di costoro nulla ebbe che fare con la lingua ; fu determinata dal tradimento dei vescovi. I polacchi difendono tenacemente la loro lingua non solo per se stessi, ma anche per gli antichi loro sudditi ai quali non vogliono permettere la lingua lituana ecc. ; giacchè con tale procedere intendono avere un istrumento indiretto ma efficace d’influenza polacca per preparare la risurrezione della “Grande Polonia”. Ma, d’altre parte, i lituani ecc., già privi di cultura e forza nazionale, ora ascendono a nuova vita civile, e non vogliono più affatto questa loro dipendenza dal polonismo. Essi ogni giorno più [4] fermamente esprimono tale decisione, tanto più che oggi il governo russo li appoggia appunto per ostacolare le mire polacche. Qui è il nodo della questione pratica, potendosi urtare con funeste conseguenze una delle due parti. Perciò al quesito se debbasi sopprimere il Decreto del S. O., l’E[minentissi]mo propone di rispondere : negative et ad mentem ; mens est : (a) Il Decreto resta perché esso significa soltanto che alla lingua polacca dove presentemente vige (sia presso i veri polacchi sia presso i nè polacchi nè russi) non deve sostituirsi la lingua russa che non è la loro. (b) Quanto alle risposte sagramentali, queste debbono farsi, secondo l’uso comune, nella lingua del padrino o rispettivamente degli sposi - (c) Quanto ai veri russi convertiti o da convertirsi, si permette per loro la predicazione e catechesi in lingua russa ; e quando essi costituiscano una notevole maggioranza in una parrocchia [5] ecc., allora si concederanno ad essi le orazioni volgari ecc. in lingua russa - (d) Quanto ai lituani, lèttoni, piccoli-russi ecc. che domandano il culto suppletorio non più nella lingua polacca ma nella loro, non sarebbe giusto risponder no, nè prudente dir loro subito e pubblicamente sì, un sì eccitatore di torbidi fra polacchi e non polacchi frammisti in quelle parrocchie e diocesi : perciò è opportuno notificare al governo russo ed ai non-polacchi suddetti che si provvederà prudentemente in modo da arrivare senza scosse, caso per caso, alla generale applicazione del principio : ad ogni popolo la sua lingua. L’E[minentissi]mo constata che il momento è importantissimo, perché, nonostante le resistenze della reazione russa, il governo russo non può ormai tornare indietro togliendo la concessa libertà religiosa ; e questa già frutta realmente numerose e notevoli conversioni, come è anche a notizia personale dell’E[minentissi]mo.

Di Pietro non crede potersi fidare delle concessioni fatte [6] dal governo russo, mentre dura fiera ed incerta la lotta fra la reazione e la rivoluzione. Fare concessioni ora sarebbe pericolosissimo, anche per il solito sistema del governo russo di sfruttare ogni menoma parola della S.[anta] Sede per i suoi fini. Praticamente l’E[minentissi]mo propone che si mantenga il Decreto del S. O., come salvaguardia dei veri polacchi ; e che si dica al governo russo che si provvederà al resto, caso per caso, senza compromissioni.

Steinhuber aderisce a quanto ha detto l’E[minentissi]mo Rampolla sui soprusi polacchi verso gli antichi sudditi della Polonia. Per la pratica propone che si mantenga il Decreto del S. O., e si prometta, per il resto, di provvedere nei singoli casi.

Merry del Val addita la necessità di dare una risposta concreta e non tarda al governo russo il quale non vuole trattare o concedere più altro finchè non sarà risolta la presente questione. Daltronde, il governo russo vuole soprattutto una risposta di principio, cioè [7] che la lingua russa non sarà più una lingua esclusa dal culto suppletorio, ma verrà negli analoghi casi parificata alle altre : onde ai russi si conceda la lingua russa, come ai polacchi la polacca. Va notato peraltro che il governo russo intende per russi anche i piccoli-russi e i bianco-russi : ma tende soprattutto a sopprimere la lingua polacca per tutti i non polacchi propriamente detti. Si potrà dunque rispondere al governo russo che il decreto del S. O. resta nel suo genuino senso di salvaguardare ai polacchi la loro lingua ; si ammette perciò il principio che ogni popolo usi la sua ; e quando ci siano veri russi convertiti, questo useranno la loro come nei casi analoghi degli altri popoli. Quanto ai lituani ecc., prudentemente si provvederà, secondo lo stesso principio, anche per essi.

Ex Audientia S[anctissi]mi, die 6 Julii 1906 – SSmus [Sanctissimus] P[ater] N[oster] D[ivina] P[rovidentia] PP[Papa] X praecedentes resolutiones a me infrascripto Eidem relatas, adprobare dignatus est. Humbertus Benigni Subsecr[etar]ius

Document 49 : Session n°1084 - 17 mars 1907 : langue russe dans le culte ; Mgr Ropp ; conférence épiscopale à Varsovie

AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1084, 1907, vol. 62.

5Les ponenze

1084-1

8 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Sulla interpretazione delle disposizioni pontificie per la lingua volgare nel cosidetto culto suppletorio in Russia, Marzo 1907

3-8

Relazione

8

Dubbi

« 1. Se ed in quale forma debba publicarsi una dichiarazione intorno alla permanenza della risposta del S. O., 11 Luglio 1877, contro la asserzione del governo russo che ha dichiarato soppressa quella risposta.

2. Se ed in quale forma debba publicarsi una dichiarazione intorno al diritto dei lèttoni, lituani, bianchi russi e piccoli russi di usare la loro lingua dove sono in maggioranza od in notevole minoranza, contro l’asserzione del partito polacco che nega tale diritto.

3. Se ed in quale forma debba fissarsi una regola pratica per le constatazioni di fatto intorno all’esistenza reale di una maggioranza o notevole minoranza non polacca, per evitare le eventuali sopraffazioni, tanto russe che polacche »

1084-2

12 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Traslazione di Mons. Ropp, attuale Vescovo di Vilna, alla vacante Sede vescovile di Kielce, Marzo 1907

3-5

Relazione

5

Dubbio

« Se la S.[anta] Sede debba annuire alla proposta del governo russo di rimuovere Mons. Ropp da Vilna ed offrirgli il trasferimento a Kielce »

7-12

Sommario

Lettre de Sazonov à Merry del Val, Rome, 20.02.1907, français

1084-3

25 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Conferenza Episcopale a Varsavia, marzo 1907

5-6

Relazione

6

Dubbio

« Se nulla osta all’approvazione degli Atti della Conferenza episcopale di Varsavia »

7-19

Sommario Num. I

Lettre de l’archevêque de Varsovie au secrétaire d’État, Varsovie, 01.02.1907, latin (7-8) et « Decreta. Congressus episcoporum provinciae Varsaviensis » (9-19)

20-25

Sommario Num. II

Voto de Mgr Skirmunt, Rome, 26.02.1907, italien

6Procès-verbal

Document

Description : 3 p. ms. italien non paginées

En-tête « Dalla Segreteria della S. Congregazione degli Affari ecclesiastici straordinari »

Titre : « Congregazione del 17 marzo 1907- Russia »

Cardinaux présents

Vannutelli S., Agliardi, Rampolla, Di Pietro, Steinhuber, Merry del Val

Sous-secrétaire

Benigni

Ordre du jour

1084-1

« 1- Si et sous quelle forme il faut publier une déclaration sur la validité de la réponse du Saint-Office, 11 juillet 1877, contre l’affirmation du gouvernement russe qui a déclaré supprimée cette réponse.

2- Si et sous quelle forme il faut publier une déclaration sur le droit des Lettons, Lituaniens, Biélorusses et Petits-Russes d’user leur langue où ils sont en majorité ou en minorité notable, contre l’affirmation du parti polonais qui nie un tel droit.

3- Si et sous quelle forme il faut fixer une règle pratique pour les constatations de fait sur l’existence réelle d’une majorité ou d’une minorité notable non polonaise, pour éviter d’éventuelles vexations, tant russes que polonaises »

1084-2

« Si le Saint-Siège doit acquiescer à la proposition du gouvernement russe de destituer Monseigneur de Ropp de Vilna et lui proposer un transfert à Kielce »

1084-3

« Si rien ne s’oppose à l’approbation des Actes de la Conférence épiscopale de Varsovie »

Avis du consulteur Skirmunt

1084-3

Skirmunt propose d’encourager explicitement ces évêques. Le consulteur mentionne toutefois, dans le texte proposé par les évêques, certains points discutables (séminaires, existence d’un courant politique et nationaliste au sein de l’Église).

Décisions des cardinaux

1084-1

Envoyer une note à la Légation russe pour critiquer ses manières de faire.

Éclairer l’opinion publique par une lettre à un membre de l’épiscopat (évêque de Žitomir).

Insister sur les recours possibles au Saint-Siège dans le cas de revendications des non-Polonais utilisant jusqu’à présent la langue polonaise dans le culte supplétoire.

1084-2

Écrire à Mgr de Ropp pour avoir des explications.

1084-3

Ne pas approuver les actes mais encourager les évêques.

Insister sur la question de la direction spirituelle dans les séminaires.

Décision finale

Approbation par Pie X en audience le 18 mars 1907

7[1] Interpretazione delle disposizioni pontificie sul culto suppletorio

Vannutelli nota che lo spirito del decreto del S. O. riguardava la lingua russa come simbolo dello scisma. Oggi il decreto resta almeno pei polacchi propriamente detti ai quali, certo, non si può imporre il russo. Quanto ai popoli lèttoni, lituani, bianchi-russi e piccoli-russi, è certo il loro diritto, in massima, alla rispettiva lingua volgare ; in pratica bisogna applicare ciò con prudenza.

Agliardi dice che il decreto del S. O. resta tutto intiero ; è sulla sua base che si concede ai russi il russo.

Rampolla rileva la complessità e delicatezza della vertenza. Non c’è questione, da un lato, che i veri polacchi mantengano il polacco, e che i veri russi (grandi-russi) i quali si convertiranno, abbiano il russo. Ugualmente non v’è questione che ognuno individualmente usi la propria lingua, e che per istruire, confessare ecc. i fedeli, debba adoperarsi la lingua da loro intesa. Ma la lotta, a base politica, è, da parte del governo russo, per togliere il possesso in cui sono i polacchi presso i loro antichi sudditi (lèttoni, lituani, bianchi-russi e piccoli-russi) [2] i quali sinora hanno usato il polacco per il culto suppletorio. Ora, prima di sommuovere questo stato di fatto (il che urterebbe terribilmente i polacchi e i polonizanti) bisogna badarsi bene. Il governo russo chiese prima l’uso della lingua russa pei convertendi russi ; e a questa giustissima domanda fu acconsentito : ecco il significato della decisione di questa S.[acra] Con[gregazio]ne. Appena ottenuto ciò, il governo muta tattica e pretende di fare abolire il polacco là dove esiste tradizionalmente presso i non polacchi.

Di Pietro e Steinhuber convengono pienamente che la permissione del russo è pei convertendi russi : pei nè grandi-russi nè polacchi bisogna agire piano prima di passare dalla lingua polacca alla loro rispettiva.

Merry del Val constata anch’egli, la manovra del governo russo che, dapprima domanda se la decisione del S. O. colpirebbe anche i russi i quali, mercé la nuova libertà, si potranno convertire ; ed avuta risposta favorevole per questo caso, ora vuole devolverla per un caso diverso, qual è quello dei popoli non polacchi, adibenti sinora il polacco. Bisogna pertanto inviare una nota al ministro russo per fargli convenientemente rilevare la cosa ; - prendere occasione di una recente lettera del Vescovo di Jytomir, esponente l’orgasmo eccitato dalla suddetta politica del governo russo, e rispondergli una lettera che esponga il vero stato delle cose analogamente alla Nota da [3] mandarsi al ministro. La lettera al vescovo potrà così servire come un mezzo di far conoscere all’opinione pubblica le intenzioni della S[anta] Sede. Bisogna insistere, infine, che per i casi dei non polacchi utenti sinora della lingua polacca, si debba ricorrerre volta per volta alla S[anta] Sede.

E ciò viene unanimemente approvato.

[Note en marge] L’E[minentissi]mo Vannutelli si assenta

Mons. Ropp

Tutti gli E[minentissi]mi convengono che bisogna scrivere a Mons. Ropp notificandogli la situazione ed attendendo le sue spiegazioni. E’ bene intanto di prendere tempo, tanto più che è a prevedersi il rifiuto di Mons. Ropp di andare a Kielce, e la non improbabilità che il governo non osi adoperare la violenza contro Monsignore che ha forti appoggi politici.

Conferenza Episcopale di Varsavia

Tutti gli E[minentissi]mi convengono che non è il caso di approvarne gli atti. Si scriva all’Arcivescovo lodando genericamente la conferenza ed i suoi sforzi per il bene della Chiesa, ed esprimendo la speranza che l’episcopato potrà tenere regolarmente sinodi diocesani e provinciali.

L’E[minentissi]mo Di Pietro raccomanda, e tutti acconsentono, che s’insista nella lettera sulla necessità di mettere un direttore spirituale nei seminari.

[signature] Benigni

SSmus [Sanctissimus] Dnus[Dominus] N[oste]r Pius D[ivina] P[rovidentia] PP.[Papa] X praefata a me infrascripto Eidem relata adprobare rataque habere dignatus est. Romae die 18 martii 1907

Humbertus Benigni Subsecr[etarius]

Document 50 : Session n°1087 – 25 avril 1907 : Mgr Ropp

AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1087, 1907, vol. 62.

8La ponenza

25 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Provvedimenti circa Mons. Ropp, Vescovo di Vilna, Aprile 1907

5-6

Relazione

6

Dubbio

« Quali provvedimenti convenga prendere circa la situazione di Mons. Ropp »

7-10

Sommario

Num. I

Lettre de Merry del Val à Mgr Ropp, 23.03.1907, français

11-25

Sommario Num. II

Lettre de Mgr Ropp à Merry del Val, 03.04.1907, français

9Procès-verbal

Document

Description : 3 p. ms. italien non paginées

Titre : « Russia. Provvedimenti circa Mons. Ropp, Vescovo di Vilna, 25 aprile 1907 »

Cardinaux présents

Vannutelli Serafino, Vannutelli Vincenzo, Rampolla, Agliardi, Di Pietro, Steinhuber, Merry del Val

Secrétaire

Gasparri

Ordre du jour

« Quelles mesures convient-il de prendre sur la situation de Monseigneur Ropp »

Décision des cardinaux

Le cardinal Agliardi, convaincu des torts de Mgr Ropp propose de négocier sa translation. Au contraire, tous les autres cardinaux, convaincus par les explications données par l’évêque de Vilna, souhaitent simplement rappeler ce dernier à l’ordre et demander au Gouvernement russe de ne pas engager de poursuites.

Décision finale

Approbation de l’avis majoritaire par Pie X en audience le 26 avril 1907

10[1] « Vedi relazione in stampa

L’E[minentissim]o Agliardi fa osservare che il Governo non può non essere offeso da alcuni atti che confessa lo stesso Vescovo, per esempio le preferenze del Vescovo per la forma federativa nell’Impero Russo, il proposito di costituire in Vilna una amministrazione locale distinta della governativa, e la dichiarazione esplicita di respingere l’interpretazione data dal Senato relativamente ai candidati alla Duma. Quindi la domanda del Governo della rimozione di Mons. Ropp da Vilna ; e si può ritenere come certo che questa domanda non sarà abbandonata, e la Santa Sede si può aspettare rappresaglie, se non la asseconderà. Perciò l’E[minentissi]mo crede ad evitanda mala majora che sarebbe prudente l’E[minentissi]mo Cardinal Segretario di Stato trattase col Governo russo sulla base della traslazione di Mons. Ropp.

[2] Tutti gli altri E[minentissi]mi sono unanimi in un parere alquanto differente. Riconosciuta la difficoltà di questo penoso affare, gli E[minentissi]mi opinano che il Cardinal Segretario di Stato scriva una nota al Ministro di Russia, dicendo che Mons. Ropp ha risposto alla lettera della Seg[rete]ria di Stato, colla quale gli venivano communicate le accuse mosse contro di lui dal Governo russo, ed ha dato tali e tali spiegazioni. Non si può non riconoscere che tali spiegazioni sono generalmente esaurienti ; e se in qualche circostanza Mons. Ropp ha mancato di tatto e di prudenza, le spiegazioni date diminuiscono la gravità di tali mancanze ; di più la Santa Sede non mancherà di raccomandare a Mons. Ropp di essere più circospetto in avvenire, e non vi è dubbio che Mons. Ropp darà ampie assicurazioni. Quindi la Santa Sede in vista delle spiegazioni che ha dato da [sic] Mons. Ropp per il passato ed delle assicurazioni che darà per [3] l’avvenire nutre fiducia che il Governo Russo non vorrà insistere nel domandare la sua rimozione ; e la Santa Sede non può obligare [sic] Mons. Ropp contro la sua volontà ad accettare la diocesi di Khielce [sic], e non trova motivo canonico per costringerlo a dimettersi dalla diocesi di Vilna e deporlo.

Dopo ciò, se il Governo rifiuta ogni trattativa ed espelle il Vescovo dall’Impero, l’odiosità e la responsabilità ricadrà sopra di lui. Il Card.[inale] Rampolla non farebbe difficoltà ad una traslazione di Mons. Ropp a Tiraspol e di Mons. Kessler a Vilna.

Ex Audientia SSmi [Sanctissimi]

26 Aprilis 1906 [sic] [1907].

SSmus [Sanctissimus] praecedentes resolutiones E[minentissi]morum Cardinalium probare dignatus est.

+ Petrus, Arch. Caesariensis, Secretarius

Document 51 : Session n°1097 – 1er décembre 1907 : Mgr Ropp

AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1097, 1907, vol. 62.

11La ponenza

55 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Destituzione di Mons. Ropp, Vescovo di Vilna, novembre 1907

5-18

Relazione

18

Dubbio

« Se convenga mantenere Mons. Ropp al governo della diocesi di Vilna, sebbene costretto a dimorare lontano da quella città ; ovvero se debbasi entrare in trattative per la nomina di un successore »

19-31

Sommario

Num. I

Lettre de Ropp au secrétaire d’État, Saint-Pétersbourg, 11/24.08.1907, français

32-34

Sommario Num. II

Lettre de Ropp au secrétaire d’État, Saint-Pétersbourg, 14/27.08.1907, français

35-37

Sommario Num. III

Note du chargé d’affaires de Russie au secrétaire d’État, Rome, 04.09.1907, français

38-39

Sommario Num. IV

Lettre du secrétaire d’État à Ropp, Rome, 06.09.1907, latin

40

Sommario Num. V

Lettre du secrétaire d’État à Ropp, 21.09.1907, français

41-48

Sommario Num. VI

Lettre de Ropp à Merry del Val, Vilna, octobre 1907, français (41-43)

* Pièce jointe n°1 : lettre de Stolypine à Ropp, 08.09.1907, traduit du russe en français (44)

* Pièce jointe n°2 : lettre de Ropp à Stolypine, Wolkowysk, 20.09.1907, traduit du russe en français (45-48)

49-52

Sommario Num. VII

Lettre de Ropp au secrétaire d’État, Saint-Pétersbourg, 06/19.10.1907, français

53-55

Sommario Num. VIII

Article de la Corrispondenza Romana, 15.11.1907, italien

12Procès-verbal

Document

Description : 3 p. non paginées

Titre : « Russia. Destituzione di Mons. Ropp, 1 Dec. [sic] 1907 »

Cardinaux présents

Vannutelli S., Rampolla, Di Pietro, Agliardi, Merry del Val

Secrétaire

Gasparri

Ordre du jour

« S’il faut maintenir Mgr. Ropp à la tête du diocèse de Vilna, même s’il est contraint à demeurer loin de cette ville ; ou bien s’il faut ouvrir des négociations pour la nomination d’un successeur »

Décision des cardinaux

Les avis sont très partagés : une minorité se prononce pour une translation de Ropp, à un siège polonais (Agliardi) ou à un siège russe à refonder, comme Kamenec, ou à créer (Vannutelli).

Rampolla, Di Pietro et Merry del Val refusent le principe d’une translation et proposent d’attendre la réaction du gouvernement russe.

Décision finale

Approbation des propositions de Rampolla, Di Pietro et Merry del Val, par Pie X en audience le 2 décembre 1907

13[1] Vannutelli. La vera causa della destituzione sono i meriti insigni del destituito ; sia il Governo sia i Popi lo hanno allontanato, perché attirava i popoli alla Chiesa. Da ciò un dovere di difenderlo e reclamare contro l’ingiusto procedere del Governo. Ma questi non recederà ; l’E[minentissi]mo crede che sia possibile di contentare i desiderii di Mons. Ropp. L’Archidiocesi di Mohilew è vastissima ; si separi da essa una diocesi ed a questa si nomini Mons. Ropp. Inoltre vi è la diocesi di Kameniec tenuta in amministrazione dal vescovo di Zitomir ; si dia questa a Mons. Ropp, e sarebbe sciolta la questione. Si noti che Mons. Ropp ha già dichiarato che accetterebbe una diocesi nella Russia. Per il momento conviene mantenere Mons. Ropp nella diocesi, tacendo intanto i dovuti reclami al Governo Russo ; quando le cose prenderanno miglior piega, allora proporre una delle due proposte suddette.

Agliardi. Senza dubbio sarebbe una illusione [2] credere che il Governo Russo receda. Questi fù ingiusto ed ingrato perché ebbe paura del prestigio del vescovo. Ma ora quid agendum ? L’E[minentissi]mo crede non convenire la diocesi di Vilna nello stato attuale. E neppure si deve abbandonare Mons. Ropp. Protestando contro il procedere del Governo Russo, l’E[minentissi]mo crede che si dovrebbe trattare col Governo per una traslazione alla diocesi di Kielce o di Plock, secondo la proposta del Governo. Le proposte dell’E[minentissi]mo Vannutelli sono ottime, ma vano troppo per la lunga, se pure accettate dal Governo. Mons. Ropp non va volentieri ; ma certamente accetterà, se la Santa Sede, gli domanda questo nuovo sacrifizio e certamente sarebbe ben ricevuto dai Polacchi.

Rampolla. L’ultima lettera del Capitolo è stata probabilmente estorta. Questa destituzione non è cosa nuova in Russia : molti sono i casi di destituzione. E’ inutile sperare che il Governo ritorni a miglior consiglio. L’E[minentissi]mo crede che per ora non si debba parlare di translazione ad un altra diocesi. L’E[minentissi]mo esclude il progetto dell’E[minentissi]mo Vannutelli ; ed esclude anche il progetto dell’E[minentissi]mo Agliardi. L’E[minentissi]mo risponderebbe al Capitolo che si regoli a norma del diritto canonico ; per il momento l’E[minentissi]mo non [3] tratterebbe col Governo e continuerebbe a riconoscere Mons. Ropp come vescovo di Vilna ; in seguito si vedrà quid agendum.

Di Pietro. Aderisce al parere dell’E[minentissi]mo Rampolla.

Merry del Val. L’E[minentissi]mo crede che convienne aspettare, come ha opinato il Cardinal Rampolla. Il Governo è imbarazzato ; ora torna a parlare delle provviste delle diocesi ; subbordinandole però a Vilna. L’E[minentissi]mo crede che convenga tirar innanzi e frattanto trarre dalla situazione ossia dall’imbarazzo del Governo, tutti i vantaggi possibili.

Ex Aud[ientia] SSmi [Sanctissimi]

2 Dec. 1907

SSmus [Sanctissimus] resolutionem ab E[minentissi]mis Rampolla, Di Pietro, Merry del Val propositam probare dignatus est.

+ Petrus, Arch. Caesariensis, Secretarius

Document 52 : Session n°1105 – 23 avril 1908 : Mgr Ropp

AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1105, 1908, vol. 63.

14La ponenza

7 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Diocesi di Vilna, Aprile 1908

3-7

Relazione

7

Dubbio

« Quale provvedimenti convenga prendere nel caso »

15Procès-verbal

Document

Description : 3 p. ms. italien non paginé

Titre : « 23 aprile [1]908. ore 11 ant[imeridiano] Sess[ione] 1105 »

Cardinaux présents

Vannutelli S., Vannutelli V, Rampolla, Di Pietro, Merry del Val

Secrétaire

Scapinelli

Ordre du jour

« Quelles mesures prendre dans ce cas »

Décision des cardinaux

S. et V. Vannutelli souhaitent poursuivre la résistance afin d’obtenir l’érection d’un diocèse en Sibérie à la tête duquel serait nommé Ropp, tout en menant une contre-attaque énergique à propos de la suppression du Chapitre.

Rampolla, Di Pietro et Merry del Val acceptent de poursuivre la résistance, mais préféreraient une translation rapide de Ropp à Tiraspol, dans la mesure où la création d’un diocèse en Sibérie est encore douteuse.

Décision finale

Le procès-verbal ne mentionne aucune conclusion pontificale

16[1] Vannutelli S. Non avendosi risposta di Ropp, e non potendosi per ciò sciogliere la questione della nomina di un nuovo vescovo atteso che il clero ed il capitolo sono decisi a soffrire la persecuzione del governo. Si deve tener fermo, e continuare le trattative col governo per arrivare alla creazione delle diocesi della Siberia, e alla traslazione di Ropp ad altra sede, non come imposizione, ma per compenso di un vantaggio.

Vannutelli V. Conviene ; sarebbe opportuno per ora fare une rimostranza verbale al ministro energica - sul modo di agire del governo. Quando si avranno notizie sulle disposizioni di Mgr Ropp e degli animi in Vilna si potrà vedere il da farsi.

Merry del Val - domanda se si deve dire a Mgr Ropp, che la S.[anta] Sede desidera la sua rinuncia – No.

Ramp[olla] Il Governo Russo considera i Vescovi come impiegati - è un ingiuria al Papa e alla S.[anta] Sede. Così ha fatto con Mgr Ropp. La S.[anta] Sede ha fatto il suo dovere resistendo. Il Governo colla soppressione del Capitolo vuol fare pressione sulla S.[anta] Sede. Mgr Ropp veramente è stato imprudente nella sua condotta. Non è possibile che [2] Mgr Ropp rimanga a Vilna. E’ necessaria la traslazione – ma da farsi dignitosamente e salvi i diritti della S.[anta] Sede. Mandarlo nella nuova diocesi di Siberia sembrerebbe una punizione poi è dubbia ; a Tiraspol sarebbe la miglior soluzione. Abbiamo una tradizione - a Varsavia nel 1863 Mgr Felinski fù esiliato - perciò delegò tre persone successivamente. Il governo impose la nomina del Vicario Capitolare. Il Capitolo e il Delegato resistettero - avendo domandato al Papa di potersi dimettere a un amministratore il Papa rifiutò - e venne la rottura. Qui abbiamo di più la soppressione del Capitolo. La S[anta] Sede non può tacere.

Propone

1° Una rimostranza al Governo (nel modo che si crederà)

2° È necessaria la traslazione di Ropp. Si procuri che venga proposta dal Governo, senza che la S.[anta] Sede la imponga o ceda all’imposizione del Governo.

Di Pietro. Conviene, non è possibile che R.[opp] ritorni a Vilna. La S.[anta] Sede non imponga la traslazione ma che Ropp acconsenta spontaneamente.

Merry del Val. Il Governo dopo esiliato Ropp, ha perseguitato la diocesi ; ora vuole imporre alla S.[anta] Sede. Bisogna [3] che la S.[anta] Sede faccia le sue rimostranze. Conviene nel resto.

Document 53 : Session n°1107 - 21 mai 1908 : Mgr Ropp

AA.EE.SS. Rapporti delle Sessioni, N°1107, 1908, vol. 63.

17La ponenza

17 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Provvedimenti per Mgr Ropp e per la diocesi di Wilna, Maggio 1908

3-17

Relazione

17

Dubbio

« Quali provvedimenti convenga prendere ;

I.- per la persona di Mgr Ropp ;

II.- per la diocesi di Vilna »

18Procès-verbal

Document

Description : 4 p. ms. italien non paginées

En-tête « Dalla Segreteria della S. Congregazione degli Affari EE. SS. »

Titre : « Russia. Questione Ropp-Vilna, sess. 1107, Con~gne [Congregazione] del 21 maggio 1908 »

Cardinaux présents

Vannutelli S., Agliardi, Vannutelli V, Rampolla, Di Pietro, Merry del Val

Secrétaire

Benigni

Ordre du jour

« Quelles mesures il convient de prendre :

I.- pour la personne de Mgr Ropp ;

II.- pour le diocèse de Vilna »

Décision des cardinaux

S. Vannutelli et Agliardi, exaspérés, souhaitent accepter la démission de Ropp et nommer un administrateur apostolique pour en finir.

V. Vannutelli voudrait défendre la dignité de l’évêque en lui faisant nommer un vicaire : cette solution est d’emblée rejetée par les autres cardinaux car le gouvernement refuserait automatiquement un tel vicaire.

Rampolla et Di Pietro souhaitent nommer immédiatement un administrateur apostolique, mais refusent la démission de Ropp. Il s’agit donc de lui proposer Tiraspol et, en cas de refus, l’évêque prend la responsabilité de se retrouver sans poste.

Merry del Val accepte cette dernière suggestion et propose la nomination comme administrateur de l’évêque voisin du diocèse de Vilna. Cette hypothèse est immédiatement rejetée par Rampolla qui craint, pour des raisons historiques, une fusion des deux diocèses par le gouvernement russe.

Décision finale

Approbation par Pie X en audience le 22 mai 1908

19[1] Vannutelli S. - Mgr Ropp si è ingannato e ci ha ingannato. Assicurava che la resistenza ad oltranza ci avrebbe portato al successo, e ci porta al disastro. Giacchè Ropp ha messo le sue dimissioni a disposiz.[ione] della S[anta] Sede, si accettino, e si notifichi al ministro di Russia che per il bene delle anime Mgr Ropp si è dimesso ; e si chieda per lui, senza troppo insistere, una onorevole uscita. Nominare subito un A[mministrato]re Ap[osto]lico della diocesi secondo i precedenti in simili casi.

Agliardi. Ci siamo fidati troppo di Ropp e del governo, credendo il primo bene informato e l’altro incapace di commettere i peggiori eccessi. Mgr Ropp ha voluto fare il politico e così ha compromesso il vescovo e col vescovo la diocesi e la S.[anta] Sede. Bisogna uscirne. Aderisce al primopinante.

Vannutelli V. - Deplora l’illusione di Ropp. Trova però troppo impore subito le [2] dimissioni al medesimo. Più dignitoso è domandargliele liberamente a norma dei supremi interessi della Chiesa. Che il governo permetta a Ropp di nominare intanto un Vicario, se no, Roma lo nomini.

Vannutelli S. nota che si eviti di discutere con Ropp che sarebbe capacissimo di continuare la polemica intestantosi sulle sue pretese informazioni e previsioni. Bisogna commandargli e farla finita.

Merry del Val rammenta che il governo non accetterà alcun vicario da Ropp che il governo considera destituito : lo stesso governo ha fatto sapere che esclude i prelati Frontkiewicz e Sadowski, mentre gradirebbe Bajko o Kluczynski.

Rampolla osserva che è inutile discutere il passato ; bisogna provvedere subito. Ropp ha sbagliato facendo il politico e il politico d’opposizione. La sua espulsione brutale impressionò la [3] pubblica opinione a favore del prelato ; ma la sua posizione è insostenibile. Per uscirne egli chiede o Mohilew o un posto al Consiglio dell’impero (Senato) ; sarebbe ridicolo che la S.[anta] Sede parlasse di tali cose, oggi, al governo. Assurda è la resistenza ad oltranza proposta da Ropp.

Per uscirne preferisce la traslazione di Ropp a Saratov. Bisogna ripetergliene la offerta. Provocare le pure e semplici sue dimissioni farebbe cattivo effetto, tanto più che non è nelle abitudini della S.[anta] Sede in simili casi. Se non accetta Saratov, si nomini un Amm[inistrato]re Ap[osto]lico accettato dal governo. Non farei polemiche con Ropp : meglio notificargli la situazione reale e le risoluzioni della S.[anta] Sede : invitarlo ad accettare Saratov, lasciandolo libero di restare nella precaria situazione presente : in ogni modo nominare lo Amm[inistrato]re Ap[osto]lico.

Di Pietro non biasima la resistenza fatta sinora, opportuna per salvare la rivendicazione dei diritti eccl[esiasti]ci [4] e il decoro della S[anta] Sede. Ma la resistenza deve cessare. Aderisce alla proposizione del Card. Rampolla.

Merry del Val aderisce ugualmente. Trova urgente la scelta dell’Amm[inistrato]re Ap[osto]lico, si potrebbe pensare al limitrofo vescovo Pallulon.

Rampolla crede pericoloso dare l’amm[inistrazio]ne ad un vescovo limitrofo ; potrebbe essere il principio di una incorporazione della diocesi.

Tutti gli E[minentissi]mi sono di accordo sulla lettera da scriversi a Mgr Ropp come sopra : domani il Card. Se[greta]rio di Stato, parlando col ministro, si terrà sulle generali, manifestanto che il S.[anto]Padre pel bene della diocesi e per non attendere ulteriormente la soluzione della questione personale Ropp, pensa di nominare un amm[inistrato]re ap[osto]lico. E così avviare le trattattive.

Ex Aud[ient]ia SSmi [Sanctissimi] die 22 maii 1908

SSmus [Sanctissimus] P[ater] N[oster] Pius D[ivina] P[rovidentia] PP.[Papa] X praefatas resolutiones a me infrascripto Ipsi relatas approbare rataque [sic] habere dignatus est - Humbertus Benigni.

Document 54 : Session n°1108 - 22 mai 1908 : catholiques de rite gréco-russe

AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1108, 1908, vol. 63.

20La ponenza

21 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Provvedimenti per i Cattolici russi di rito greco-slavo, Maggio 1908

5-10

Relazione

10

Dubbi

« I.- Se convenga costituire un superiore ecclesiastico per i cattolici russi di rito greco-slavo. -Et quatenus affirmative :

II.- Quale titolo e quali facoltà esso dovrebbe avere.

III.- Chi dovrebbe esser scelto per tale officio »

11-13

Sommario N°I

Lettre du père Schumpp au Saint-Père, Saint-Pétersbourg, 24.02.1908, latin

15-18

Sommario N°II

Lettre de Mgr Szeptyckij au secrétaire d’État, Léopol, 31.02.1908, français

19

Sommario N°III

Lettre du secrétaire d’État au père Schumpp, 07.04.1908, latin

20-21

Sommario N°IV

Lettre du père Schumpp au secrétaire d’État, Saint-Pétersbourg, 28.04.1908, latin

21Procès-verbal

Document

Description : 3 p. ms. italien non paginées

En-tête : « Dalla Segreteria della S. Congregazione degli Affari EE. SS »

Titre : « Russia. Organizz.[azione] dei cattolici di rito greco-slavo. Con~gne [congregazione] del 22 maggio 1908 »

Cardinaux présents

Vannutelli S., Agliardi, Vannutelli V., Rampolla, Di Pietro, Merry del Val

Secrétaire

Benigni

Ordre du jour

« I- S’il convient d’instituer un supérieur ecclésiastique pour les catholiques russes de rite gréco-slave. Et dans ce cas :

II.- Quel titre et quelles facultés celui-ci devrait-il avoir.

III.- Qui devrait être choisi pour ce poste »

Décision des cardinaux

Faire nommer par la congrégation des Affaires ecclésiastiques extraordinaires Zerčaninov comme supérieur de la Mission catholique russe de rite slave en insistant sur la conservation de la pureté du rite slave et sur la discrétion à tenir sur cette nomination.

Décision finale

Approbation par Pie X en audience le 22 mai 1908

22[1] Vannutelli S. - Urgente è la necessità di provvedere : parecchi russi non si faranno cattolici se temeranno latinizzarsi. Sa per esperienza che quanto dicono il p.[adre] Schumpp e la princ[ipess]a Ushakow è esatto. Bisogna far la cosa col massimo segreto, almeno per quanto si potrà mantenere. Propone la nomina di un « Superiore » senz’altro titolo ; tale Sup.[eriore] può ben essere lo Zertchaninow ; gli si diano per ora le fac[oltà] più evidentemente necessarie. Quando si potrà, si farà più o meglio.

Agliardi aderisce.

Vannutelli V. aderisce : raccomanda grande prudenza. Si redigano gli atti in modo che, anche pubblicati, non compromettano la S.[anta] Sede.

Rampolla sa per [2] esperienza il cieco rancore di tanti polacchi contro la lingua russa e il rito slavo ; perciò non può pensarsi affatto a sottomettere i catt.[olici] di rito orient.[ale] ai prelati latini cioè polacchi. E’ necessaria massima prudenza, dentro e fuori. Lo Zercianinow si nomini « Superior Missionis ad nutum S.[anctae] Sedis ». Il decreto venga dalla S[acra] C[ongregazione] degli A[ffari] E[cclesiastici] S[traordinari], e vi si dichiari che con esso il Papa soddisfa a reiterate istanze di cattolici russi, alle quale in coscienza non può rifiutarsi. Quanto alle facoltà, s’insista sul non mescolare mai nulla di latino, checchè ne dica il p[adre] Schumpp. Il nuovo Sup[eriore] faccia una statistica degli eccl[esiasti]ci e laici del suo rito.

Di Pietro e Merry del Val aderiscono.

Tutti gli E[minentissi]mi approvano di proporre al S.[anto]Padre la nomina dello Zer.[čaninov] a Sup[eriore] [3] Missionis ad nutum S.[anctae] Sedis pei cattolici di rito greco-slavo dell’Imp[ero] Russo ; e ciò mediante decreto di questa S.[acra] C.[ongregazione] con facoltà ristrette da determinarsi dal Card.[inal] Se[greta]rio di Stato.

Ex Aud[ient]ia SSmi [Sanctissimi] die 22 Maii 1908

SSmus [Sanctissimus] D[ominus] N[oster] Pius D[ivina] P[rovidentia] PP[Papa] X praefatas propositiones a me infrascripto relatas approbare rataque [sic] habere dignatus est - Humbertus Benigni.

Document 55 : Session n°1117 – 4 février 1909 : catholiques de rite gréco-russe

AA.EE.SS. Rapporti delle Sessioni, N°1117, 1909, vol. 64.

23La ponenza

33 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Provvedimenti per i Cattolici di rito greco-russo, Gennaio 1909

5-8

Relazione

8

Dubbi

« I.- Se e come debbasi tener conto delle osservazioni sottoposte alla S.[anta] Sede da Mons. Szepticki.

II.- Se e quali provvedimenti occorra prendere in seguito alla partenza da Pietroburgo del Rev.[erendo] Zertchaninow »

9-10

Sommario N°I

Decretum Ex Audientia Ssmi, 22.05.1908, latin

11

Sommario N°II

Lettre des Affaires ecclésiastiques extraordinaires au père Schumpp, Rome, 23.05.1908, latin

12

Sommario N°III

Lettre du secrétaire d’État à Szeptickij, Rome, 26.09.1908, italien

13-22

Sommario N°IV

Lettre de Szeptickij au secrétaire d’État, Rome, 24.12.1908, latin

23-30

Sommario N°V

Rapport confidentiel sur le révérend Alexis Zerchaninoff et le groupe de Saint-Pétersbourg, 03.12.1908, français

31-33

Sommario N°VI

Extrait de lettre privée de François Paris, 17/30.12.1908, parvenue à Rome mi-janvier 1909, français

24Procès-verbal

Document

Description : 4 p. ms. italien non paginées

Titre : « 4 febbraio 1909. Sessione 1117 »

Cardinaux présents

Agliardi, Rampolla, Di Pietro, Vannutelli V., Gasparri, Merry del Val

Secrétaire

Scapinelli

Ordre du jour

« I.- Si et comment il faut tenir compte des observations soumises au Saint-Siège par Mgr Szeptickij.

II.- Si et quelles mesures il s’agit de prendre suite au départ de Saint-Pétersbourg du révérend Zerčaninov »

Décision des cardinaux

Malgré l’erreur faite sur la personne de Zerčaninov, Agliardi et V. Vannutelli réitèrent leur confiance en la personne de Mgr Szeptickij pour l’action auprès des orthodoxes, au moins de façon discrète.

Au contraire, Rampolla, Di Pietro, Gasparri et Merry del Val se montrent beaucoup plus sévères à l’égard du métropolite ruthène et souhaitent le priver de tout moyen d’action en Russie.

Quant à la direction du groupe de Saint-Pétersbourg, Agliardi propose de demander de nouveau ses conseils à Szeptickij, alors que tous les autres cardinaux préfèrent agir par le biais des religieux étrangers de rite latin, en particulier du père Schumpp.

Décision finale

Approbation par Pie X en audience le 4 février 1909

25[1] Agliardi. Trova che il Z.[erčaninov] sia inadatto all’ufficio a cui era stato destinato. Crede si sia tenuto troppo segreta la missione di Z.[erčaninov] - conviene agire più apertamente con prudenza, trovare una persona adatta. - Mgr Szeptizki esagera sui diritti del metropolitano di Lemberg. Però è un uomo profondamente cattolico, zelante che gode la fiducia di moltissimi fra i ruteni. Potrebbe essere egli la persona adatta per la grande opera della conversione dei russi scismat.[ici]. In ogni modo non si faccia nulla senza di lui, senza sentire il suo parere etc.

Vannutelli Vinc. Bisognerebbe avere ulteriori informazioni sulla condotta di Z.[erčaninov]

  • 2 Il s’agit de la lettre du secrétaire d’État à Schumpp, 07.02.1909 (N°35415), cf. AA.EE.SS, III, Rus (...)

[en marge V.[edi] arch.[ivio] di Seg. di Stato N. 35415]2

Quanto alle osservazioni di Mgr Szeptiski : risponderebbe 1° che il decreto della S[acra] C[ongregazione] d[egli] A[ffari] E[cclesiastici] non altera per nulla lo stato giuridico delle diocesi soppresse dal governo russo. 2° che la giuridizione [sic] del prete Z.[erčaninov] dipende dalla S[anta] Sede ma non esclude l’azione anche di altri che utilmente potrebbero aiutare. 3° lo più temibile i pericoli [sic], quando più persone fossero a parte della cosa ; massime se queste fossero fuori della Russia [2]. Quanto alla persona di Z.[erčaninov] è chiaro che non è capace. Mgr S.[zetickij] potrà dare buoni consigli sulla scelta di una persona adatta.

Rampolla. Conviene che Mgr Szeptiski è persona egregia. Però le sue osservazioni si fondano sopra equivoci e malintesi.

1° Il decreto riguarda l’assistenza dei russi convertiti : non sono compresi i ruteni, i quali non hanno lo stesso rito dei russi. Questi russi convertiti sono sotto la giurisdizione dei latini.

2° Mgr Szeptiski suppone che si tratti di organizzazione gerarchica greco-slava : qui si tratta soltanto di un principio di organizzazione minimo, per l’assistenza di quei cattolici (v. decreto).

3° La S.[anta] Sede non ha affatto riconosciuto la soppressione delle diocesi. Solamente actu non vi è la giurisdizione, ma è sospesa o per mancanza di sudditi o di pastore.

4° Il decreto non esclude qualunque opera per l’unione ; azione privata non officiale [sic]. Mgr Szeptiski può esercitare un’azione efficace, ma non ex officio. Questa non l’ha : egli crede falsamente di averla.

5° La Sede di Lemberg ha soltanto il titolo unito di Kiew, Kamenec etc (i).

  • 3 Cf. bulle « In universalis Ecclesiae », du 8 mars 1807, dans Bullarii romani continuatio summorum p (...)

[en marge : « vedi Bolla di Pio VII - Universalis - 8 marzo 1807 »]3

[3] 6° Non ha fondamento il timore che il decreto possa compromettere la S.[anta] Sede ; anche pubblicato non farebbe nessun danno ; è un semplice provvedimento ad istanza delle parti.

7° E’ chiaro che il P.[adre] Z.[erčaninov] non è adatto : ma non è colpa della S.[anta] Sede ; è degli informatori, tra i quali Mgr Szeptiski, che aveva dato di lui ottime informazioni.

Di Pietro - Conviene coll’E[minentissi]mo Rampolla. Il decreto non è che un semplice provvedimento pei russi convertiti ; non una azione generale, ufficiale per l’unione. Quindi Mgr. S.[zeptickij] è in equivoco.

Gasparri crede opportuno che si costituisca un centro cattolico di rito russo ; e insiste su questo punto.

In quanto alle osservazioni di Mgr Szepticki, ritiene non doversene tenere alcun conto - per le ragioni già addotte. Anche che esistessero le diocesi soppresse dal governo, converrebbe sempre mantenere un centro cattolico russo, perché il rito ruteno è diverso, è un po’ latinizzato.

Mgr Szeptiski non ha nessun ingerenza ne giurisdizione sulle diocesi soppresse. Può esercitare una utile azione ma non ufficiale etc.

Merry del Val. Mgr Szeptizki crede in buona fede, di avere la giurisdizione su quei russi. Ma è in equivoco conviene illuminarlo, conforme[mente a quanto] è stato detto.

2° dubbio

Agliardi. Z.[erčaninov] non è adatto. Mgr Sz.[eptickij] indichi la persona adatta.

[4] Vannutelli V. E’ chiaro che Z.[erčaninov] non è adatto. Bisogna trovare un altro, ma non fuori di Russia. Si scriva ai Domenicani di Pietroburgo per sapere il vero sulla condotta di Zer.[čaninov] e procurare che essi lo inducano a rinunziare alla missione ; e poi si potrà procedere per la successione.

Rampolla. Z.[erčaninov] non è adatto. O togliere le facoltà a Z.[erčaninov], e sostituire un altro, o sopprimere la missione, o chiamare al dovere lo Z.[erčaninov].

1° Si potrebbe fare, se si trovasse la persona adatta ; 2° Non si potrebbe fare. 3° Per mezzo del P.[adre] Schump far conoscere al P.[adre] Z.[erčaninov] che la S.[anta] Sede si meraviglia (a) perché non si è mai fatto saper nulla alla S.[anta] Sede (b) perché il P.[adre] Z.[erčaninov] non si è portato bene, col voler mischiare il rito russo col latino. Conforme[mente a] la risposta si provvederà. Disgraziatamente pare che non vi sia altra persona adatta.

Tutti gli E[minentissi]mi convengono.

Ex audientia SSmi [Sanctissimi]

die 4 febr. [1]909

SSmus [Sanctissimus] resolutiones E[minentissi]morum PP.[atrum] benigne adprobare dignatus est - [signature] Scapinelli.

Document 56 : Session n°1126 – 15 juillet 1909 : catholiques de rite gréco-russe

AA.EE.SS. Rapporti delle Sessioni, N°1126, 1909, vol. 64.

26La ponenza

77 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Condizione dei Cattolici di rito greco-russo, Luglio 1909

5-45

Relazione

Cette longue relazione aborde trois thèmes relatifs au rite oriental : cas Szeptickij, situation du groupe de Saint-Pétersbourg, vieux-croyants.

45

Dubbi

« 1- Se e quale risposta debba darsi alla nuova lettera di Monsignor Szeptycki.

2- Se e quali provvidenze debbano prendersi intorno al sacerdote Zertchaninow ed in genere al gruppo cattolico greco-russo di Pietroburgo.

3- Se e quali provvedimenti convenga adottare per il sacerdote Soussalef ed in genere per gli starovieri.

4- Se si debba affidare ad un sacerdote latino di Pietroburgo l’incarico di sorvegliare ed aiutare il gruppo cattolico greco-russo ; ed, in caso affermativo, chi debba scegliersi a tale scopo »

49-52

Sommario N°I

Lettre du secrétaire d’État à Szeptyckyj, 18.02.1909, italien

53-56

Sommario N°II

Lettre de Szeptyckyj au secrétaire d’État, Léopol, 14.05.1909, latin

57

Sommario N°III

Lettre du secrétaire d’État au père Schumpp, 07.02.1909, latin

58-61

Sommario N°IV

Lettre de Schumpp au secrétaire d’État, 07.03.1909, français

62-77

Sommario N°V

Rapport du père Bois (1907-1909), français

27Procès-verbal

Document

Description : 6 p. ms. italien non paginées

Titre : « S.[acra] Con~gne [Congregazione] degli AA.EE.SS. - Adunanza del giovedì 15 luglio 1909, Russia. Cattolici di rito greco-russo - Sess.[ione] 1126 »

Cardinaux présents

Vannutelli V., Rampolla, Di Pietro, Gasparri, Merry del Val

Secrétaire

Benigni

Ordre du jour

« 1- Si et quelle réponse il faut donner à la nouvelle lettre de Monseigneur Szeptyckij.

2- Si et quelles mesures il faut prendre quant au prêtre Zerčaninov et en général sur le groupe catholique gréco-russe de Saint-Pétersbourg.

3- Si et quelles mesures il convient d’adopter pour le prêtre Soussalef et en général pour les Vieux-Croyants.

4- S’il faut confier à un prêtre latin de Saint-Pétersbourg la charge de surveiller et d’aider le groupe catholique gréco-russe ; et, dans ce cas, qui choisir pour cette mission. »

Décision des cardinaux

1- Réaffirmation de la nullité de l’autorité de Mgr Szeptickij, tant sur les catholiques russes que sur Kamenec.

2- Zerčaninov n’est pas la personne appropriée mais l’unique solution est de soutenir le groupe en poursuivant l’expérience et en multipliant les tutelles latines (curie de Mohilev, aide financière d’organisations occidentales, intermédiaire du Saint-Siège…).

3- Malgré la pression de Gasparri pour que le terme de « vieux-croyants unis à Rome » soit utilisé pour faciliter l’approbation officielle du groupe des Russes catholiques, les cardinaux décident de n’accepter l’usage de ce terme que dans le cas exceptionnel de l’abbé Sussalev.

4- Nomination du père Bois comme « assistant », à titre officieux, du groupe russe catholique.

Décision finale

Approbation par Pie X en audience le 16 juillet 1909

28[1] I. Giurisdiz[ione] vantata da Mgr Szeptycki

Vannutelli non vorrebbe che la questione secondaria Szeptycki nuocesse alla principale della propaganda cattolica di rito greco-russo. Propone di rispondergli che favorisca non insistere su di una questione in cui, del resto, egli non potrebbe mostrare il suo diritto ; che in ogni modo non è opportuna una sua intromissione giurisdizionale ; che aiuti il meglio possibile.

Rampolla ritiene che la liquidazione della quest[ione] Szeptycki è la base necessaria a tutto il resto. La tesi Sz[eptickij] è insostenibile : coi decreti Litta del 1799 il territorio di Kamenec è sottratto a Lemberg. Si scriva dunque con garbo a Sz.[eptickij] che dopo maturo esame, si è constatato ecc., e che perciò egli non ha alcuna giurisdizione nè ordinaria nè delegata.

[2] Del rimanente, sia detto di passaggio, Mgr Sz[eptickij] che sostiene l’identità del rito greco-ruteno col greco-russo, dimentica il sinodo di Zamosc il quale sanzionò varie diversificazioni, e la decisione del governo russo il quale quando per forza dichiarò « ortodossi » gli Uniati, cambiò i loro libri liturgici in quelli del rito russo.

Di Pietro si associa. Bisogna risponder netto e finire la questione. Si spieghi a Sz[eptycki] che nulla fa il non esserci una Bolla...

Rampolla e Gasparri contrassegnano che non è bene scendere a spiegazioni che gli darebbero appiglio a nuove discussioni.

Di Pietro acconsente.

Merry si associa. Egli constata la necessità di parlare chiaro à Mgr Sz[eptycki] che ha idee inesattissime sulla questione, come il Cardinale potè rilevare della bocca stessa di Mgr Szeptycki.

Gasparri deplora le imprudenze di Sz[eptyckij] : gli si dica chiaro che non c’è dubbio, [3] ma seppur ci fosse, il Papa, d’autorità, dirime la questione.

Rampolla ritiene ciò nè necessario nè opportuno ; basta dirgli che non c’è dubbio.

Gasparri consente. Si scriva a Sz.[eptyckij] chiaro e gli si raccomandi prudenza.

Merry aderisce. Tutti gli E[minentissi]mi sono di accordo che si scriva dal Card.[inale] Se[greta]rio di Stato una lettera a Mgr Sz[eptyckij] per dirgli che il maturo esame della questione ha portato al convincimento della nessuna sua giurisdizione su Kamenec o in qualunque modo sui cattolici di rito greco-slavo entro i limiti dell’impero russo ; che non è opportuno delegargli facoltà per essi ; - che lavori privatamente e con somma prudenza.

29II. Gruppo cattolico greco-russo di P[ietro]burgo

Vannutelli non crede giunto il momento di mettere a parte il Zercianinow. Si continui per ora così appoggiando il gruppo. Raccomandarlo [4] all’opera della Prop[agazione] d[ella] Fede. Avvertire l’autorità ecclesiastica polacca di P[ietro]burgo onde non ostacoli.

  • 4 Félix-Jacques Joseph Charmetant (1844-1921) était directeur de l’Œuvre des écoles d’Orient.

Rampolla : Va appoggiato questo movimento che promette bene. Per ora si continui come si sta. Raccomandare alla Pr[opagazione] d[ella] Fede ed anche al P.[adre] Charmetant4 : ma i sussidii si mandino da loro alla S[anta] Sede che trasmetterà. Avvisare i polacchi come sopra. Buona cosa appoggiare simili centri russi in Occidente : Parigi, Roma, Riviera, Biarritz.

Di Pietro. Zercianinow è inabile e compromettente ; ma per ora si continui.

Gasparri insiste che Zer[cianinow] è inabile e compromettente molto ; per ora si potrà rimediare con un assistente. Raccomanda di appoggiare il movimento cattolico di rito greco-russo.

Merry aderisce.

30II. [sic] Starovieri

Vannutelli : Sussalef resti ora in unione con Zercianinow - Ottima la comunicazione [5] confidenziale del dialogo Usciakow-Stolypine. Per ora si soprassieda a tutto.

Rampolla : La questione è sommamente delicata. I libri sacri degli starovieri formicolano di errori ; non si può permettere che ciò continui. Si facciano venire i libri per farli esaminare dal S. Officio. Del resto, gli starovieri, anche quelli con il sacerdozio (popovski) hanno superstizioni e intesi morali inaccettabili. Per questo la loro abiura dovrebbe essere speciale : Dio sa quale sarà stata quella fatta fare da Mgr Szeptycki al Sussalef- In regola generale non si può accettare il nome di « starovieri uniti a Roma » perché il nome di staroviero è compromesso.

Gasparri interrompe osservando che l’adottare il nome staroviero servirà davanti al governo.

Rampolla risponde che la compromissione che ne risulterebbe non paga questo vantaggio.

[6] Di Pietro : Un solo rito pei cattolici di rito greco-russo. E non si adotti dalla Chiesa il nome di staroviero.

Gasparri insiste che staroviero non compromette perché è uno scisma di uno scisma ; e che serve di fronte al governo. Si esaminino i libri dal S. O., e si provveda alle abiure esatte e complete degli starovieri.

Merry : la Chiesa non riconosca il nome di star[oviero], ma nel caso speciale si può bene lasciar passare, a suo tempo la domanda al governo di Sussalef « prete staroviero unito a Roma ».

Tutti approvano.

31IV. Assistente al gruppo

Vannutelli lo crede necessario.

Rampolla ugualmente. A lui non si dia una carica officiale, ma a lui si mandino i sussidii per il gruppo.

Tutti convengono in ciò e nella scelta del p[adre] Bois assunzionista.

Ex Aud[ient]ia SSmi [Sanctissimi]

die 16a Julii 1909

SSmus [Sanctissimus] D[ominus] N[oster] Pius D[ivina] P[rovidentia] PP[Papa] X superscriptas resolutiones a me relatas benigne adprobare ratasque habere dignatus est - [signature] H. Benigni

32[r] Relazione verbale da aggiungersi alla ponenza Cattolici di rito greco-russo. lug. 09
La principessa Usciakòw zelante promotrice del gruppo cattolico di rito greco-russo a Pietroburgo ha parlato a suo cugino il presidente del consiglio dei ministri, Stolypin, per domandargli un parere amichevole sul caso del padre Sussalef « prete staroviero unito a Roma ».

Stolypin à [sic] consigliato la principessa ad attendere e contentarsi per il momento della cappella privata del Sussalef permessa dalla polizia senza domandare l’autorizzazione per la comunità. E ciò per la ragione seguente.

Dacchè la Duma ha approvato la legge di libertà per gli starovieri, il governo ha nominato una Commissione per stabilire quali sono coloro che hanno il diritto di chiamarsi starovieri. « Perciò (ha detto Stolypin) se voi denunziate ora una comunità staroviera unita a Roma, la Commissione potrebbe nella sua definizione degli starovieri mettere una restrizione anticattolica alla quale ora non pensa ».

Il padre Bois presente in Roma, a [v] cui la principessa ha comunicato la cosa, pensa che il consiglio è veramente opportuno, e che Stolypin non è affatto contrario alla costituzione di un gruppo cattolico di rito greco-russo, come del resto lo stesso padre Bois aveva potuto constattare in una sua conversazione con il medesimo ministro.

Document 57 : Session n°1153 - janvier 1911 : catholiques de rite gréco-russe

AA.EE.SS. Rapporti delle Sessioni, N°1153, 1911, vol. 66.

33La ponenza

60 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Provvedimenti per i cattolici di rito greco-russo, Gennaio 1911

5-13

Relazione

13

Dubbio

« Se e quali provvidenze convenga prendere per i cattolici di rito greco-russo »

15

Sommario N°I

Lettre du secrétaire d’État au père Bois, Rome, 24.07.1909, français

16

Sommario N°II

Deuxième lettre du secrétaire d’État au père Bois, Rome, 24.07.1909, français

17-32

Sommario N°III

Rapport du père Bois, Saint-Pétersbourg, 25.10.1909, français

33-34

Sommario N°IV

Extrait d’un rapport confidentiel du père Bois, Saint-Pétersbourg, 05/18.01.1910, français

35-44

Sommario N°V

Rapport du père Bois, Saint-Pétersbourg, 12/25.01.1910, français

45-47

Sommario N°VI

Lettre de Mgr Denisewicz au secrétaire d’État, Saint-Pétersbourg, 01/14.12.1909, latin

48-51

Sommario N°VII

Lettre du secrétaire d’État à Mgr Denisewicz, Rome, 27.01.1910, latin

52

Sommario N°VIII

Lettre de Mgr Denisewicz au secrétaire d’État, Saint-Pétersbourg, 11.02.1910, latin

53-55

Sommario N°IX

Rapport du père Bois, Saint-Pétersbourg, 01/14.06.1910, français

56-60

Sommario N°X

Rapport du père Bois, Saint-Pétersbourg, 05/18.09.1910, français

34Procès-verbal manquant

  • 5 Le registre des protocolli de la Secrétairerie d’État indique que ces deux documents se trouvent da (...)

Note ms. sur la Ponenza : « Il Rapporto non si è trovato. Per la risoluzione Vedi Lettera all’Arciv.[escovo] di Mohilew, Mons. Kluczynski del 13 Feb[braio] 1911 (N. 49016) e lettera al Generale degli Agostiniani dell’Assunzione 2 marzo 1911 N. 49620 »5.

Document 58 : Session n°1154 - 5 février 1911 : communication des actes du Saint-Siège et catholiques de rite gréco-russe

AA.EE.SS. Rapporti delle Sessioni, N°1154, 1911, vol. 66.

35La ponenza

19 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Russia. Comunicazione dei decreti della Santa Sede all’Episcopato russo, Gennaio 1911

5-12

Relazione

12

Dubbio

« Quale sistema convenga alla Santa Sede di adottare per la comunicazione dei suoi Atti ai Vescovi dell’Impero Russo di fronte alle pretese di quel Governo »

13-14

Sommario N°I

Circulaire du Ministère de l’Intérieur aux évêques de l’Empire russe, 02/15.12.1910, N°11124 (traduction italienne)

15-16

Sommario N°II

Circulaire de Mgr Kluczynski au clergé de son archidiocèse, Saint-Pétersbourg, 04.12.1910, N°7889 (traduction italienne)

17

Sommario N°III

Circulaire de Mgr Kluczynski à son clergé, Saint-Pétersbourg, 09.12.1910, N°8006 (traduction italienne)

18-19

Sommario N°IV

Rapport sur l’état de l’Église catholique dans la Pologne russe, janvier 1911, latin

36Procès-verbal

Document

Desciption : 3 p. ms. italien non paginées

Titre : « Russia. Comunicazione dei decreti della S.[anta] Sede all'Episcopato russo, sess.[ione] 1154, 5 febbraio 1911, ore 11 »

Cardinaux présents

Rampolla, Di Pietro, Ferrata, Gasparri, Merry del Val

Secrétaire

Scapinelli

Ordre du jour

« Quel système convient-il que le Saint-Siège adopte pour la communication de ses Actes aux évêques de l’Empire russe face aux prétentions de ce Gouvernement ? »

Décision des cardinaux

* [Communication] Cette offense aux droits de l’Église doit faire l’objet d’une remontrance de la Secrétairerie d’État au gouvernement russe. Par ailleurs, la procédure habituelle de transmission par voie privée des Acta Apostolicae Sedis aux évêques par le biais de la Légation de Russie est maintenue.

* [Groupe rite slave] La décision est finalement prise de confier, à titre personnel et ad nutum, en l’absence de sujet capable de rite gréco-russe, la juridiction sur le groupe de ce rite à l’archevêque de Mohilev. Ce dernier doit s’engager à faire respecter la pureté du rite et veiller au bon gouvernement du groupe.

Décision finale

Approbation par Pie X en audience (date non précisée)

  • 6 Il s’agit des Acta Apostolicae Sedis, dont le sous-titre est d’ailleurs « Commentarium officiale ».

37[1] Rampolla. Espone lo stato della questione. Dice che attualmente il partito russo reazionario ha attratto nella sua orbita anche il centro della Duma, cosicchè ora tiene la maggioranza, e siamo quindi in un periodo di recrudescenza nella persecuzione contro la Chiesa. Riguardo alle comunicazione [sic] della S.[anta] Sede coi Vescovi, quando si trattava di atti pubblici della S.[anta] Sede, come encicliche etc. che, per via di fatto, se usa che vi sia un accordo, si faceva la comunicazione per mezzo della Legazione russa. Dopo la pubblicazione del Bollettino ufficiale della S.[anta] Sede6, la comunicazione degli atti non era più necessaria, ed i Vescovi venivano in cognizione di detti atti per mezzo del detto Bollettino.

Ora il governo con circolare del settembre 1910, fatta in occasione dai decreti sul modernismo, e sulla remozione dei parrochi [sic], dichiara ai Vescovi che essi non possono tener conto degli atti della Santa Sede se non li ricevono dal Governo etc. Ora questa circolare offende i diritti della Chiesa, della S.[anta] Sede etc. e non si può ammettere. Ma praticamente quid agendum, posto che sia inutile trattare col governo, che certamente non cederebbe ? In pratica, pare che [2] si potrebbe agire in questo modo. La S.[anta] Sede non deve mutare il sistema di pubblicazione delle sue leggi. Si deve dire alla direzione del Bollettino che si rivolga alla Legazione russa, in via privata, facendo conoscere che in vista del desiderio che gli atti della S.[anta] Sede siano trasmessi ai Vescovi per mezzo del Governo, la redazione stessa, per ordine superiore, trasmetterà le copie del Bollettino pei Vescovi con preghiera di rimetterle ai Vescovi. I Vescovi poi pottrebero abbonarsi per interposta persona e ricevere il Bollettino, anche quando il governo non lo trasmettesse.

Si dovrebbe poi dal Card.[inale] Segretario di Stato fare una rimostranza, in quel modo che crederà migliore, presso il ministro per detta circolare, esprimendo la speranza che il governo ritirerà, etc.

Tutti convengono.

38II. Provvedimenti per i cattolici di rito greco-russo

Rampolla - Fa la storia del movimento di conversione fra i russi e delle cure della S.[anta] Sede per favorirlo, mantenendo ai convertiti il loro rito orientale. Sulla proposta di sottoporre il gruppo cattolico russo alla giurisdizione dell’arcivescovo di Mohilew, almeno provvisoriamente, finché non si abbiano soggetti capaci da porre a capo del gruppo, dice che sembra da accettarsi

1° a condizione che fosse provvisorio, ad nutum S.[anctae] Sedis ;

2° che sia una potestà non ordinaria ma delegata ad personam ;

3° che cessino subito le facoltà al P.[adre] Alessio e al P.[adre] Bois ;

[3] 4° che il gruppo cattolico russo sia affatto distinto dagli altri cattolici di rito latino ;

5° che non si introducano cambiamenti nella liturgia, eccetti quelli che sono richiesti da ragioni di dogma etc. ;

6° quanto alle pratiche latine etc. non si introducano senza un previo esame della S.[anta] Sede ;

7° che l’arcivescovo favorisca più che può ed in modo paterno, il gruppo di questi cattolici ;

8° che quando vi saranno soggetti capaci costituisca una parrocchia ;

9° che ogni anno l’Arcivescovo dia un accurato resoconto alla S.[anta] Sede.

- Al P.[adre] Bois dire che prudentemente e come privato, tenga d’occhio le cose e riferisca alla S.[anta] Sede.

Ferrata e Gasparri desiderebbero che si costituisse subito la parrocchia profittando delle buone disposizioni del governo - se questo è possibile.

Di Pietro. Si deve raccomandare all’Arcivescovo, che non affidi le sue parti a qualche prete troppo polacco, ma a persona che entri nell’ordine di idee della S.[anta] Sede.

Ferrata. Bisogna motivare la lettera colla quale si prendono le disposizione sopra dette, dalla mancanza di persone adatte, e facendo conoscere che la S.[anta] Sede mantiene la sua idea di costituire quando si potrà una amministrazione di rito greco russo.

Tutti convengono.

Ex Audientia SSmi [Sanctissimi]

die [vide]

SSmus [Sanctissimus] D[ominus] N[oster] Pius PP[Papa] X praedictas resolutiones E[minentissi]morum Patrum benigne adprobare dignatus est - [signature] R. Scapinelli Secr.[etarius]

Document 59 : Sessions n°1164a et n°1164b - 4 février 1912 : Église catholique en Russie et catholiques de rite gréco-russe

AA.EE.SS. Rapporti delle Sessioni, N°1164a, 1164b, 1912, vol. 67.

39Les ponenze

1164a

133 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinarii, Russia. Condizioni della Chiesa cattolica, Gennaio 1912

5-30

Relazione

30

Dubbio

« Se e quali provvedimenti la Santa Sede debba prendere nelle attuali condizioni della Chiesa Cattolica in Russia »

31-35

Sommario Num. I

Édit de tolérance du 17.04.1905 (texte du Messager Officiel), français

36-37

Sommario Num. II

Casimir Michalkiewicz, Mémoire sur la question des schismatiques convertis dans le diocèse de Vilna, 1910, latin

38-39

Sommario Num. III

Casimir Michalkiewicz, Mémoire sur l’état du diocèse de Vilna, 1910, latin

40-43

Sommario N°IV

Casimir Michalkiewicz, Mémoire sur la question de l’introduction de la langue russe dans les églises catholiques-romaines demeurant sous l’empire russe, Rome, 23.07.1911, latin

44-46

Sommario N°V

Casimir Michalkiewicz, Mémoire sur les derniers événements dans le diocèse de Vilna, Rome, 23.07.1911, latin

Annexe : lettre du ministre de l’Intérieur Stolypine à l’administrateur du diocèse de Luck-Žitomir, 05.06.1911, N°5137 (traduction italienne)

47-48

Sommario. N°VI

Lettre de Mgr Kluczynski au secrétaire d’État, Saint-Pétersbourg, 09.10.1911, latin

49-54

Sommario. N°VII

« La persécution contre les catholiques dans l’empire russe (Correspondance de Rome, 18.11.1911) », français

55-85

Sommario Num. VIII

« Echi della persecuzione in Russia 1910-1911 (Notizie raccolte sui giornali dalla redazione della « Correspondance de Rome ») », italien

86-100

Sommario Num. IX

Articles tirés de « Cahiers contemporains de la Correspondance de Rome », n.12, 1911 « La persécution prétexte à une autre encore pire », français

101-115

Sommario Num. X

Article de Civiltà cattolica, Quad. 1477, 06.01.1912 « L’insegnamento del catechismo in Russia », italien

116-127

Sommario Num. XI

Extrait d’un « mémoire secret » envoyé par « quelques catholiques de Pologne » contre la proposition, présentée à la Douma en 1909 de former un nouveau gouvernement à Chelm, juin 1911, français

128-133

Sommario Num. XII

Lettre de Mgr Kluczynski au secrétaire d’État, Saint-Pétersbourg, 27.12.1911, latin (128-129) ;

Annexe : liste des revendications formulées par l’assemblée des évêques de la province ecclésiastique de Mohilev et présentées au gouvernement (130-133), latin

401164b

8 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinarii, Russia. Provvedimenti per i cattolici di rito greco-russo, Gennaio 1912

3-6

Relazione

Suite à la nomination de Mgr Kluczynski comme supérieur du groupe russe de rite gréco-russe, ce dernier demande ‑ pour des raisons politiques et économique ‑ une officialisation de son statut de Superior Missionis.

6

Dubbio

« Se e quale risposta debba darsi dalla S.[anta] Sede alla sopracitata lettera dell’Arcivescovo di Mohilew in data del 27 decembre [sic] d.a. »

7-8

Sommario

Lettre du secrétaire d’État à l’archevêque de Mohilev, Rome, 13.02.1911, latin

41Procès-verbal de la session

Document

Description : 6 p. ms. italien non paginées

Titre : « Congregazione particolare del 4 Febbraio 1912 (Domenica). Russia. Sess. 1164, Ore 101/2 »

Cardinaux présents

Vannutelli V., Rampolla, Di Pietro, Ferrata, Merry del Val

Sous-secrétaire

Pacelli

Ordres du jour

1164a

« Si et quelles mesures le Saint-Siège doit prendre dans les conditions actuelles de l’Église catholique en Russie »

1164b

« Si et quelle réponse le Saint-Siège doit donner à la lettre de l’archevêque de Mohilev en date du 27 décembre [1911] »

Décisions des cardinaux

1164a

Le Saint-Siège doit agir contre la persécution de l’Église en Russie, par le biais d’un mémorandum adressé par la secrétairerie d’État à la diplomatie russe. Une action publique et par voie de presse est évoquée comme une mesure possible en cas de refus du gouvernement russe d’entrer dans une démarche de négociation.

1164b

Il est inutile de signaler au gouvernement russe la nomination de l’archevêque de Mohilev comme supérieur du groupe gréco-russe. Rome s’engage à contribuer financièrement au développement de ce groupe.

Décisions finales

1164a

Approbation par Pie X en audience le 5 février 1912

1164b

42[1] I. Condizioni della Chiesa cattolica

Vannutelli Vincenzo ricorda la dolorosissima situazione attuale della Chiesa cattolica in Russia. Sono vessazioni intollerabili ; è un periodo acuto di persecuzione. Può la S.[anta] Sede tacere dinanzi ad una tale condizione di cose ? E’ impossibile. Come la S.[anta] Sede ha parlato in passato contro le persecuzioni del Governo Russo, deve farlo al presente, sebbene non si veda la speranza di ottenere giustizia in seguito a tale reclamo. I Vescovi stessi lo domandano. Le conferenze verbali del Cardinale Segretario di Stato col Ministro di Russia non bastano. Occorre qualche documento scritto, qualche atto energico. Bisogna procedere per gradi. Comincierebbe con una Nota ufficiale della Segreteria di Stato, la quale dovrebbe accompagnare un elenco accurato dei lamenti della Santa Sede, notando i principali punti indicati nella Ponenza. Nella Nota direbbe che tutti questi mali esigono un rimedio e farebbe capire che in caso contrario la S.[anta] Sede ricorrerebbe a qualche pubblicità.

Rampolla riconosce la gravità dell’attuale persecuzione contro la Chiesa, sebbene ve ne siano state [2] delle peggiori per il passato, sotto i pontificati di Gregorio XVI e di Pio IX. Conviene che, sebbene il Governo non terrà conto dei reclami della S.[anta] Sede, tuttavia qualche cosa bisogna fare, anche per giustificare l’azione della S.[anta] Sede medesima di fronte ai cattolici.

Quid agendum ? Col Governo Russo non si può trattare come cogli altri governi. Occorre perciò vedere come la Santa Sede si è regolata in passato, e dalla storia e dall’esperienza trarre le norme per l’avvenire. Distingue i periodi di rottura o quasi-rottura diplomatica, e quelli di rapporti normali. Nei periodi di rottura o quasi-rottura, la S.[anta] Sede ha agito per mezzo di atti pubblici : Allocuzioni, Encicliche, discorsi pubblici, ecc. Nei tempi normali, la Santa Sede ha agito per mezzo o di lettere particolari del S.[anto] Padre all’Imperatore o di lettere della Segreteria di Stato sotto forma generalmente di Memorandum. Non ritiene opportuna nel caso presente una lettera del S.[anto] Padre : perché dovrebbe tenersi sulle generali ; perché la Legazione ne vorrebbe una copia e sarebbe sconveniente che il S.[anto] Padre sottomettesse la sua lettera al Governo, perché passerebbe per le mani del Ministro dell’Interno che è molto ostile ; perché potrebbe rimanere senza risposta, come accadde ad una simile lettera di Pio IX. Non conviene esporre a tali eventualità la dignità del Papa. - Non resta dunque che un Memorandum. Dovrebbero in esso indicarsi i punti [3] di reclamo principali (senza troppo minuzie) e bene accertati. Per il momento non si può fare che questo. In seguito, secondo l’attitudine che terrà il Governo, si potrà prendere altre provvidenze.

Di Pietro conviene nella proposta di inviare per ora al Governo Russo un Memorandum. E’ vero che la persecuzione non è nuova e ve ne sono state delle peggiori, ma ora si va alla radice, ponendo ostacoli all’insegnamento del catechismo ; e si commettono atti inumani, contro lo stesso diritto naturale. I punti principali di reclamo sono quelli indicati dai Vescovi nei postulati al Governo Russo. Vorrebbe inoltre che si cercasse che la stampa dicesse qualche cosa di queste intollerabili vessazioni del Governo Russo.

Ferrata ammette anch’egli che vi siano stato persecuzioni più violente, ma è vero pure, come ha osservato l’E[minentissi]mo Di Pietro, che ora si va alla radice, e, come dice l’Amministratore Apostolico di Vilna, si tratta dell’esistenza della Chiesa. E’ inceppata completamente la religione cattolica in tutta la sua vita. Se tanti fatti fossero conosciuti, rivolterebbero la coscienza di tutto il mondo civile. E’ necessario fare qualche cosa : è un dovere per la Chiesa, anche se non vi è speranza di riuscita. Bisogna procedere per gradi. Le conversazioni del Cardinal Segretario di Stato col Ministro di Russia a nulla hanno giovato. Viene ora la Nota o Memorandum. [4] Occorre indicare in essa fatti ben verificati e sicuri, senza minuzie però, e scegliere specialmente quelli che toccano maggiormente la coscienza di tutto il mondo civilizzato. I punti contenuti nei postulati dei Vescovi sono utili e sicuri : altri se ne possono aggiungere. Se la Nota di risposta del Governo fosse disprezzante verso la S.[anta] Sede, allora sarebbe forse necessario un atto pubblico. Intanto si dovrebbe cercare di smuovere un poco il giornalismo.

Merry del Val crede indiscutibile che bisogna in qualche modo agire. I Polacchi si lamentano che la S.[anta] Sede li abbandona. La situazione è gravissima. Si obbligano ora i Vescovi a fare da agenti di polizia ed a punire i sacerdoti a volontà del Governo. Talvolta i Vescovi sono un pò deboli, e se ne lamentano i fedeli che vorrebbero più energia ; ma non bisogna dimenticare che i candidati alle sedi vescovili sono designati dal Governo, e questo non presenta certo soggetti energici, che si oppongano recisamente ai suoi arbitrî. Conviene che non si debba fare, per ora, un atto pubblico. In ogni modo, il Governo ha un certo timore della pubblicità, perché teme che si eccitino i Polacchi. Difatti il Ministro di Russia aveva paura che il Santo Padre parlasse della Russia nell’Allocuzione dell’ultimo Concistoro. Non è opportuna la lettera del S.[anto] Padre all’Imperatore per le ragioni dette dall’E[minentissi]mo Rampolla. Inoltre l’Imperatore può ora addurre il pretesto ch’egli non può [5] agire senza la Duma. Rimane il Memorandum. Si deve in esso insinuare la possibilità della protesta pubblica ?

Gli E[minentissi]mi rispondono negativamente a tale domanda. Tale accenno sarebbe considerato come una minaccia e potrebbe apparire un procedimento poco corretto.

43II. Provvedimenti per i cattolici di rito greco-russo

Vannutelli Vincenzo crede inopportuno e prematuro inviare ora per il tramite del Governo, il documento collativo della giurisdizione sui cattolici di rito greco-russo all’Arcivescovo di Mohilew, 1°) perché sarebbe un sottoporre al Governo l’atto della S.[anta] Sede, 2°) perché il Governo russo, se detesta il cattolicismo, molto più detesta che gli scismatici, convertendosi al cattolicismo, mantengano il rito orientale. Onde risponderebbe per ora all’Arcivescovo : Dilata.

  • 7 Il s’agit du bref aux ordinaires de l’Empire russe (Ubi inscrutabili) du 3 juillet 1848, dans Espos (...)

Rampolla dice che trattasi di questione già sciolta. Esiste un Breve solenne di Pio IX (veggasi il testo nella « Esposizione documentata » della S.[anta] Sede sulla Russia e Polonia del 1866 a pag. 40 e 41 dei « Documenti »)7. Questo Breve, afferma l’E[minentissi]mo, fu fatto d’intesa col Governo Russo e trasmesso per [6] mezzo della Legazione a tutti i Vescovi dell’Impero con Circolare della Segreteria di Stato. In esso, conformemente alle disposizioni del Concilio Lateranense IV già applicate agli Armeni nell’articolo VIII del Concordato colla Russia del 1847, si stabilisce « catholicos cuiusque orientalis ritus, proprio Antistite carentes, ad illius Latini Episcopi, in cuius dioecesi morantur, curam et iurisdictionem pertinere ». Ciò basta di fronte al Governo, nè vi è quindi bisogno di un nuovo atto, che sarebbe pericoloso.

Gli E[minentissi]mi convengono in questa risoluzione.

Quanto alla riduzione delle Messe, si risponda all’Arcivescovo che la S.[anta] Sede è disposta ad aiutare i sacerdoti orientali bisognosi ; faccia quindi conoscere in concreto le facoltà di cui abbisogna [sic].

Et facta, die insequenti, SS~mo[Sanctissimo] Domino per per [sic] me infrascriptum relatione, S[anctissi]mus resolutiones Em[inentissimo]rum Patrum approbare dignatus est.

E.[ugenio] Pacelli subsecretarius

Document 60 : Session n°1165 - 18 février 1912 : mémorandum au gouvernement russe

AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1165, 1912, vol. 67.

44Document de réflexion

Pas de ponenza imprimée mais un brouillon du mémorandum, intitulé « Memorandum per l’I.[mperiale] Governo Russo », 4 p. dactylographiées italien.

45Procès-verbal

  • 8 On sait qu’étaient convoqués également Ferrata et Gasparri et qu’ils avaient reçu le projet de mémo (...)

Document

Description : 1 p. ms. italien

Titre : « Congregazione particolare del 18 Febbraio 1912, sess. 1165 - Russia Memorandum all'I.[mperiale] Governo Russo »

Cardinaux présents8

Vannutelli V., Rampolla, Di Pietro, Merry del Val

Sous-secrétaire

Pacelli

Ordre du jour

Examiner le projet de mémorandum

Décision des cardinaux

Approbation du projet avec quelques modifications et rédaction d’une version définitive

46[1] In questa Congregazione gli Eminentissimi presero ad esame il progetto di Memorandum della S.[anta] Sede all’I.[mperiale] Governo Russo per reclamare contro i principali aggravi, onde la Chiesa cattolica soffre attualmente nell’Impero Moscovita per opera del Governo medesimo ; - progetto preparato in conformità della deliberazione presa degli Eminentissimi Padri nella precedente Congregazione del 4 corr.[ente]

Gli E[minentissi]mi approvarono nella sostanza il progetto anzidetto. Proposero, tuttavia, alcune modificazioni, in base alle quali venne redatto il testo definitivo del Memorandum medesimo (Cfr. Archivio della Segreteria di Stato n. 55761)9.

47[Deux lettres sont ajoutées au procès-verbal]

*Lettre de V. Vannutelli, Rome, 15.02.1912, 1 p. ms. italien

Roma, 15 Febbraio 1912.

Il sottoscritto Cardinale ringrazia per la trasmissione fattagli, con domanda di parere, dall’incluso progetto di Memorandum, e si affretta a dichiarare che, nella sua sobrietà e dignità, esso gli sembra corrispondere al fino, che nelle difficili circostanze del caso si ha in vista di conseguire.

+ Vincenzo Card. Vannutelli.

NB Non potrebbe forse dirsi :

al n°7 : Ai vescovi cattolici, con manisfesta offesa...

e al n°8 : Il Governo pretenda non di rado... ?

*Lettre de Gasparri à Merry del Val, Rome, 17.02.1912, 2 p. ms. italien

[r] E[minentissim]o Rev[erendissi]mo Sig[no]r Mio Oss[equiosissi]mo,

  • 10 Il s’agit vraisemblablement du conseil des consulteurs de la Commission cardinalice pour la codific (...)

Prego l’Eminenza Vostra Rev[erendissi]ma di volermi dispensare dalla C~ge[Congregazione] di domani a causa della Consulta10, tanto più che non ero presente alla C~gne [Congregazione] della scorsa domenica.

Approvo il progetto del Memorandum, facendo le poche osservazioni seguenti :

1° Al n. 2 aggiungerei : « ...siano applicati, benchè di natura puramente spirituale, limitando... » Infatti il Governo russo ha soppresso anche alcuni decreti di indulgenze.

2° A proposito del n. 3, il S.[anto] Padre alcuni mesi fà mi disse, senza che io gli muovessi il discorso in proposito, che la disposizione del decreto Ne temere relativa ai matrimonii misti, doveva esser corretta nel Codice, restituendo le cose allo statu quo ante. Mi sembrò una risoluzione già presa dal S.[anto]Padre forse dietro consiglio dell’Eminenza Vostra o di altri Eminentissimi. Se è così, non sarebbe meglio sopprimere il n. 3 ? Sottopongo agli Eminentissimi, [v] rimettendomi in tutto al loro parere.

3° Si procuri che i singoli punti siano esattamente conformi alla verità in guisa che in caso di contestazione possano essere provati con documenti.

Baciandole le mani, con profondo ossequio mi confermo

Dell’Eminenza Vostra Rev[erendissi]ma

Roma 17 Febr.[febbraio] 1912

U[milissi]mo Dev[otissi]mo Servitore

Pietro Cardinal Gasparri.

Document 61 : Session n°1173 – 16 février 1913 : Église catholique en Russie

AA.EE.SS. Rapporti delle Sessioni, N°1173, 1913, vol. 68.

48La ponenza

  • 11 L’original de ce document indique une date légèrement différente : 06.12.1912 (ASV, Segr. Stato, ru (...)

*143

*63

*57

pages

Titre

*Sacra Congregazione degli Affari ecclesiastici straordinarii, Russia. Condizioni della Chiesa Cattolica. Relazione, febbraio 1913

*Sacra Congregazione degli Affari ecclesiastici straordinarii, Russia. Condizioni della Chiesa Cattolica. Sommario della ponenza, febbraio 1913

*Sacra Congregazione degli Affari ecclesiastici straordinarii, Russia. Condizioni della Chiesa Cattolica. Appendice alla ponenza, febbraio 1913

I

1-143

Relazione

Après l’envoi du mémorandum à la Légation russe à Rome le 26 février 1912, le Saint-Siège apprend que le gouvernement russe avait répondu aux revendications des évêques russes le 7 février. La réponse au mémorandum vatican se fait toutefois attendre jusqu’au 25 octobre.

143

Dubbio

« Se e quali ulteriori provvedimenti convenga alla Santa Sede di adottare di fronte all’attitudine del Governo Russo »

II

5-9

Sommario N°I

Mémorandum du Saint-Siège, 26.02.1912, français

10-18

Sommario N°II

Demandes des évêques de la Province de Mohilev au gouvernement russe, latin

19-24

Sommario N°III

Réponse du gouvernement russe aux demandes des évêques, 07.02.1912, français

25-30

Sommario N°IV

Note du ministre de Russie en réponse au Mémorandum du Saint-Siège, 25.10.1912, français

31-38

Sommario N°V

Lettre de Ledóchowski au pro-secrétaire des Affaires ecclésiastiques extraordinaires sur la note russe, 15.10.1912, italien

39-57

Sommario N°VI

Observations de Mgr Casimir Skirmunt sur la note russe, Rome, 30.12.1912, italien11

58-59

Sommario N°VII

Note du ministre de Russie au secrétaire d’État sur les mariages mixtes, Rome, 09.05.1912, français

60-63

Sommario N°VIII

Mémorandum de Mgr Michalkiewicz adressé à la secrétairerie d’État sur la propagande catholique en Russie, 05.09.1912, latin

III

3

Appendice I

Lettre de l’archevêque de Mohilev au Saint Père sur la reconnaissance du groupe russe-catholique, 22.07.1912, latin

4-26

Appendice II

Rapport - « La questione lituana »

27-57

Appendice III

Rapport - « Riassunto storico sui rapporti tra la Santa Sede e l’Imperiale Governo Russo durante la rottura delle relazioni diplomatiche (1865-1894) »

49Procès-verbal

Document

Description : 10 p. ms. italien non paginées

Titre : « Congregazione particolare del 16 Febbraio 1913. Russia, Condizioni della Chiesa Cattolica, sess.[ione] 1173 »

Cardinaux présents

Vannutelli V., Rampolla, Ferrata, Gasparri, Merry del Val

Pro-secrétaire

Pacelli

Ordre du jour

« Si et quelles nouvelles mesures convient-il que le Saint-Siège adopte face à l’attitude du Gouvernement russe ? »

Décision des cardinaux

Quatre mesures sont décidées :

1/ Réponse au mémorandum du Gouvernement russe, courtoise mais fondée sur des arguments solides ;

2/ Poursuite des discussions avec le ministre de Russie ;

3/ Dénonciation publique de façon indirecte, par le biais des catholiques russes et de la presse européenne ;

4/ Action secrète sur l’épiscopat, à l’occasion de leurs visites ad limina en 1913.

Décision finale

Approbation par Pie X en audience le 17 février 1913

  • 12 L’exemple allemand démontre qu’un modus vivendi peut être trouvé sur la question des mariages mixte (...)

50[1] Vannutelli Vincenzo. È penoso vedere come nulla giovi a vincere le persecuzioni e le ostilità del Governo Russo contro la Chiesa cattolica. Chiunque legga imparzialmente i documenti addotti nella Ponenza, non può non rimanere stupefatto nel constatare come si vogliano difendere e mantenere tanti soprusi. Ma che cosa fare ? Certo nelle conversazioni avute, sembra che il Ministro accreditato presso la S.[anta] Sede si sia mostrato più ragionevole ed abbia fatto sperare un miglioramento dell’attuale situazione. Occorre però prendere qualche ulteriore provvedimento sia in via diplomatica sia in via segreta coi Vescovi. - In via diplomatica : bisogna replicare alla Nota di risposta del Governo Russo. Rileverebbe, contro l’affermazione di questo, che la S.[anta] Sede aveva ben diritto di entrare in quelle materie ; poi, senza rispondere punto per punto, perché a nulla gioverebbe, toccherebbe qualche argomento principale, per esempio il decreto « Ne temere », su cui conviene trattare [2] e prendere degli accordi12, ed indicherebbe specialmente come se vi è speranza di qualche soluzione (e tale speranza ben nutre la S.[anta] Sede) essa potrà attuarsi soltanto se, dopo trattative sincere ed in buona fede, si giunga ad un accordo soddisfacente. La S.[anta] Sede non solo non coltiva le tendenze nazionaliste ed il polonismo, ma ha sempre consigliato la sottomissione ai poteri costituiti. Si potrebbe forse anche rinfacciare al Governo, nella replica in questione, il favore concesso ai Mariaviti contro i cattolici, e far pure intendere qualche minaccia che forse la Santa Sede potrà trovarsi obbligata a qualche pubblica rimostranza. - L’azione segreta coi Vescovi è importantissima e conviene coi Consultori che si diano istruzioni per un’attitudine compatta, efficace, forte, coraggiosa. La S.[anta] Sede alla circostanza li appogerà. Un’azione concorde e coraggiosa sarebbe un potente elemento di forza per resistere alle persecuzioni.

Rampolla. Certamente la lettura di tutta questa voluminosa ponenza dà un senso di grande pena e disgusto. Però, per quanto i mali sono incontestabili, altrettanto difficili sono i rimedî. Del resto, non è questa una storia nuova ; per la Chiesa cattolica in Russia, la persecuzione è lo [3] stato permanente. Molteplici ne sono le cause. Innanzi tutto, l’indole tradizionale dei russi ; il moscovita passa per un uomo che non sente ragioni, ma opprime. Inoltre, un odio accanito, fanatico, contro la Chiesa cattolica, che ha radice nel passato, nelle lotte fra il Regno di Polonia, allora in auge, ed il ducato di Moscovia ; odio contro i Polacchi, che è al tempo stesso religioso e politico. Non solo il Governo Russo si è rifatto della antiche lotte, ma anzi la sua azione è schiacciante, specialmente dopo i tentativi di rivoluzione da parte della Polonia assoggettata. Si adduce anche la ragione che in fondo il polonismo è considerato come alleato naturale del cattolicismo, e viceversa. A questo si aggiunge che il concetto radicato che si ha in Russia dei rapporti fra la Chiesa e lo Stato : tutto ciò che riguarda l’ordinamento esterno ecclesiastico, non ha vita propria ed indipendente, ma è nell’organismo dello Stato. Il concetto di una Chiesa indipendente dall’autorità civile si nega assolutamente. Si aggiunga ancora la prepotenza del potere esecutivo in Russia, che s’impone allo stesso Sovrano ; onde anche recentemente si è visto l’Editto di tolleranza religiosa travisato dalle posteriori Ordinanze [4] ministeriali. Finalmente, oggi vi è questo rinnovato movimento nazionalista, consistente nell’affermare ed ingrandire il concetto della nazionalità russa, che si debba imporre a tutte le altre nazionalità, e della religione « ortodossa », che si debba imporre alle altre ; russificazione, cioè, religiosa e politica.

  • 13 Il s’agit vraisemblablement de Grégoire XVI, qui intervint publiquement en 1842. Cf. les pages 11 e (...)

Ora contro tutte queste cause permanenti di persecuzione quali rimedî vi sono ? L’Eminentissimo non li vede. A questa persecuzione non possiamo opporre rimedî efficaci. Bisogna attendere una trasformazione della Russia. Anche lì penetrano le idee di libertà di coscienza ; può venire una rivoluzione che forzi a dare vera libertà. Ma oggi, quali rimedî adottare ? Vi sono rimedî ideali e teorici. Si dice : conviene alzare la voce, denunziare al mondo civile le oppressioni del Governo Russo, ecc. Certo la Santa Sede ne avrebbe pieno diritto ; ma quali effetti ritrarrebbe ? Nessun effetto buono, anzi peggiorerebbe la situazione. La storia ce lo insegna, specialmente sotto il pontificato di Pio IX. Questo Pontefice alzò bene la voce ; ma le conseguenze furono esilî di Vescovi e di sacerdoti, soppressioni di conventi, soppressioni di diocesi intiere, difficoltà enormi [5] della S.[anta] Sede per riprendere le relazioni diplomatiche, ecc. È vero che sotto il pontificato di Gregorio XIV13, le proteste di lui fecero qualche impressione ; ma ora i tempi sono mutati e le questioni religiose lasciano il mondo civile quasi completamente indifferente.

Tuttavia qualche cosa bisogna fare, e l’E[minentissi]mo indica i seguenti provvedimenti : 1°) Una replica al Memorandum del Governo Russo è necessaria, non perché possa fondatamente sperarsi che da essa venga qualche bene, ma perché il silenzio della S.[anta] Sede non sia giudicato come acquiescenza, ed il Governo non se ne giovi per l’avvenire. Però vorrebbe l’E[minentissi]mo che tale replica fosse serena, calma, senza nessuna espressione aspra, completa, fondata su ragioni di diritto e di fatto ineccepibili. Se il Governo non risponde più, tanto peggio per lui : la S.[anta] Sede sarà stata l’ultima a parlare. Nel fine di tale replica, non mancherebbe di esprimere in qualche modo la fiducia della S.[anta] Sede e la sua disposizione a trattare.

2) Dovrebbero poi continuare le conversazioni diplomatiche, opportune importune.

3) Se oggi non conviene che la S.[anta] Sede stessa denunzî all’opinione pubblica le vessazioni del Governo Russo, può tuttavia farlo per organi intermedî. Oggi in Russia vi è [6] un Parlamento : i cattolici possono ivi alzare la voce e rinfacciare ogni oppressione da parte del Governo. Inoltre la stampa europea, specialmente la tedesca e l’inglese, potrebbe rimproverare ai Russi tutte le loro vessazioni contro i cattolici. Ed è bene che tutto si conosca, che nulla si nasconda di tali persecuzioni. -

Finalmente 4) l’Episcopato lascia molto a desiderare. Innanzi tutto, infatti, i Vescovi sono deboli, e ciò si spiega dal momento che la S.[anta] Sede deve fare sforzi grandissimi per ottenere dal Governo Russo la proposta di un candidato soltanto mediocre. Inoltre i Vescovi sono disuniti, e difficili le comunicazioni con Roma. Occorre perciò che, specialmente nei punti più gravi, d’interesse generale (per esempio, quanto all’esigenza del Governo ch’essi siano suoi strumenti per punire i sacerdoti), s’invii ai Prelati un’istruzione discreta, per inculcar loro che nei provvedimenti di ordine generale 1°) non debbono agire di fronte al Governo senza aver prima le istruzioni della S.[anta] Sede, 2°) agiscano con uniformità. Però tali istruzioni dovrebbero essere date colla massima circospezione e delicatezza, nè dovrebbe rimanere di esse alcun documento scritto.

  • 14 Par définition, le concordat « ayant pour but d’organiser les rapports entre l’Église et l’État rel (...)

Ferrata trova savio e giusto tutto ciò che ha detto l’E[minentissi]mo Rampolla. La Nota del [7] Ministro non mette nulla in essere, nè dà alcuna soddisfazione. È vero che l’insieme del documento in paragone degli antichi è di forma più cortese e conveniente ; ed anzi nelle dilucidazioni verbali il Ministro si è mostrato anche più espansivo (onde conviene l’E[minentissi]mo che tali conversazioni verbali si debbano proseguire). Inoltre è pure soddisfacente vedere che il Governo non vuole ora una rottura. Tutto il resto, però, è veramente pessimo. Il preambolo è nuovo : vi si dice che il Governo potrebbe dispensarsi dal rispondere alle osservazioni della S.[anta] Sede. Ma se affari come quelli accennati nel Memorandum della S.[anta] Sede non devono formare oggetto di negoziati col Governo, di che cosa dovrebbe Essa trattare cogli Stati ? Inoltre sono altresì materie concordatarie14. Su questo punto bisognerebbe richiamare l’attenzione del Ministro in maniera categorica, perché è questione di principio. Bisogna dunque replicare, ma senza acrimonia, altrimenti ci si perde, come prova la storia. In tale Nota dovrebbe prima osservarsi in genere come il Ministro o nega i fatti o, quando ciò gli è impossibile, fa appello alla legge. Ma è la legge stessa che deve ispirarsi a criterî di equità e di giustizia ; e rispettare la coscienza dei cattolici. Poi dovrebbero [8] trattarsi i singoli punti, in modo sobrio ed efficace, con argomenti apodittici, adducendo fatti pubblici, innegabili. L’E[minentissi]mo ritiene inopportuno mettere minaccie in fine, e tanto meno di parlare di rottura. Se poi si può coadiuvare tale azione colla stampa, specialmente all’estero, ed in diversi paesi, affinchè la voce sia più generale, tanto meglio. Anche ai Vescovi converrebbe dare norme ed istruzioni, specialmente per ciò che riguarda la punizione dei sacerdoti. L’Episcopato in buoni termini dovrebbe far comprendere l’odiosità e la sconvenienza di tale procedimento. Inoltre si dovrebbe considerare la questione dei matrimonî misti.

  • 15 L’assistance passive désigne la présence d’un ministre du culte catholique à un mariage célébré par (...)

Rampolla osserva a tale riguardo che non può adottarsi in Russia l’assistenza passiva15, perché la legge russa impone che il matrimonio misto debba celebrarsi dinanzi al ministro « ortodosso », ed in tal caso non può permettersi l’anzidetta assistenza passiva da parte dal parroco. Potrebbe invece estendersi alla Russia la Costituzione « Provida » emanate per la Germania, e proporre ciò al Governo come concessione, la quale esigerebbe come corrispettivo altre concessioni da parte sua. A tal proposito l’E[minentissi]mo opina che sarebbe opportuno nelle negoziazioni col Governo, [9] di congiungere la questione dei matrimonî misti con quella importantissima del catechismo, per ottenere qualche miglioramento su questo punto così vitale ; ed affine di eliminare il sospetto che il catechismo serva a scopi politici e nazionali, potrebbe la S.[anta] Sede ammettere che nell’insegnamento privato si facciano conoscere previamente al Governo i nomi dei maestri.

Gasparri aderisce alle proposte fatte dall’E[minentissi]mo Rampolla.

Merry del Val conviene anch’egli. L’asserzione contenuta nel preambolo della Nota del Ministro va, in modo particolare, respinta cortesemente, ma fermamente. È difficile per la parte positiva, dare istruzioni all’Episcopato russo, debole e diviso. Conviene, ad ogni modo, che di tali istruzioni non debba rimaner traccia in iscritto, tanto più che vi sono traditori fra il clero e nelle stesse Curie, i quali vanno immediatamente a denunziare tutto al Governo. Quest’anno, a norma del noto decreto della S[acra] C[ongregazione] Concistoriale, i Vescovi della Russia debbono venire a Roma per la visitatio SS. Liminum ; potrebbe profittarsi di tale occasione per impartire le istruzioni che si stimeranno opportune.

[10] Et facta, die insequenti, SS~mo [Sanctissimo] Domino per me infrascriptum relatione, SSmus [Sanctissimus] resolutiones E[minentissi]morum Patrum approbare dignatus est.

E. Pacelli Pro-Secretarius

Document 62 : Session n°1181 – 19 juin 1913 : Église catholique et demandes de l’archevêque

AA.EE.SS. Rapporti delle Sessioni, N°1181, 1913, vol. 68.

51La ponenza

1181a

55 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari ecclesiastici straordinarii, Russia. Condizioni della Chiesa Cattolica, Giugno 1913

1-2

Relazione

La session du 16 février 1913 ayant débouché sur la décision de rédiger une réponse à la note russe, un projet de nouveau mémorandum a été élaboré : il est soumis à l’attention des cardinaux pour cette session.

2

Dubbio

« Se e come convenga alla S.[anta] Sede di approvare il qui riferito progetto di Memorandum, in replica alla citata Nota del Governo Russo »

3-55

Sommario

Projet de Mémorandum pour le Gouvernement russe, italien

521181b

9 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinarii. Russia. Desiderati di Mons. Arcivescovo di Mohilew, Giugno 1913

1-5

Relazione

5

Dubbio

« Se ed in qual modo convenga alla Santa Sede di accogliere i suesposti desiderati dell’Arcivescovo di Mohilew »

7-9

Sommario

Desiderata exprimés par Mgr Kluczynski, archevêque de Mohilev, Rome, mai 1913, latin

53Procès-verbal

Document

Description : 12 p. ms. italien non paginées

Titre : « Congregazione particolare del 19 Giugno 1913. Sess.[ione] 1181, Russia »

Cardinaux présents

Vannutelli V., Rampolla, Di Pietro, Ferrata, Gasparri, Merry del Val

Pro-secrétaire

Pacelli

Ordre du jour

1181a

« Si et comment il convient que le Saint-Siège approuve le projet de Mémorandum présenté ici, en réponse à la Note du Gouvernement russe »

1181b

« Si et de quelle façon il convient que le Saint-Siège accueille les desiderata de l’archevêque de Mohilev présentés ci-dessus »

Décision des cardinaux

1181a

Les cardinaux, globalement satisfaits du projet de mémorandum, proposent toutefois de raccourcir le texte et de modifier certaines formulations.

1181b

La plupart des desiderata de l’archevêque sont définis comme irréalisables. Le cardinal Rampolla souhaite toutefois encourager une certaine centralisation de la direction de l’Église catholique russe autour de l’archevêque de Mohilev. L’encyclique aux fidèles de Russie est considérée comme une idée intéressante mais ne fait l’objet d’aucune prise de décision.

Décision finale

Approbation par Pie X en audience le 20 juin 1913

54[1] I. Condizioni della Chiesa Cattolica

L’E[minentissi]mo Vannutelli Vincenzo ha parole di vivo elogio per il progetto di Memorandum riferito nella Ponenza, che trova ben fatto sotto tutti gli aspetti. Chiunque lo legga senza preconcetti deve concludere che la S.[anta] Sede ha mille ragioni di reclamare, e noterà molta calma, moderazione, spirito di conciliazione e generosità.

L’E[minentissi]mo Rampolla dice che nella sostanza il Memorandum sta bene. Però abbiamo da fare con un Governo assai suscettibile ; onde il progettato documento ha bisogno di un po’ di lima e di ritocco. Riservandosi di fare nei singoli punti osservazioni particolari, osserva intanto : 1°) che dovrebbero essere tolte da tutto il Memorandum le parole « ortodossia », « ortodosso », le quali non si trovano mai usate nei documenti pontificî, per ragione facile a comprendersi ; 2°) che il Governo russo considera come abolito il Concordato dopo la rottura del 1866, [2] onde se si vuol appellare ai principî in esso sanciti, occorre farlo con destrezza ; 3°) che il documento potrebbe essere un poco abbreviato e condensato, evitando specialmente esposizioni dottrinali troppo prolisse.

Gli altri E[minentissi]mi convengono.

Passando quindi all’esame dettagliato del Memorandum, gli E[minentissi]mi propongono le seguenti modificazioni :

Pag. 4. Invece di « Curia romana » deve porsi « S.[anta] Sede »

Pag. 5. Le idee ivi svolte sulla sovranità pontificia sono bensì vere, ma non opportune in una Nota al Governo russo. Si conviene perciò di sopprimere tutta la parte « Inoltre non v’ha dubbio che il Governo Imperiale ecc. » fino al seguente capoverso, conservando solo le ultime parole « se affari, come quelli accennati di sopra, ecc. », le quali dovrebbero essere trasportati alla fine della pagina precedente, dopo l’inciso « e però, in senso proprio, ecclesiastici ».

Pag. 6. Non piace a qualche E[minentissi]mo la comparazione tra le leggi dello Stato e le disposizioni del Potere Esecutivo. Dovrebbe perciò porsi [3] semplicemente : « Nè tuttavia può omettersi di rilevare che le leggi dello Stato molte volte sono state aggravate dalle secondarie disposizioni ecc. » - Si sopprimano, inoltre, le parole « Non tardò, però, l’amara disillusione » (dicendo soltanto « Senonchè, con una serie di disposizioni ecc. »), come pure le altre « e persino dannoso », facilmente offensive.

Pag. 8-10. Si riassumano brevemente le larghe citazioni ivi allegate. A pag. 8 si dica « Così pure nei Fogli che il Cardinal Segretario di Stato ecc. », sopprimendo la parola « privati ».

L’E[minentissi]mo Merry del Val aggiungerebbe qui, o meglio ancora alla fine della pag. 35, l’idea che la mancanza di libere comunicazioni impedisce alla S.[anta] Sede di portare i rimedî invocati dallo stesso governo, ad esempio contro il clero nazionalista. Ad Essa manca difatti il modo di avere esatte informazioni e di applicare i suoi provvedimenti, ad esempio per mezzo di visite apostoliche ecc.

Pag. 11. L’E[minentissi]mo Gasparri aggiungerebbe in fine che nessun altro Governo ha mosso difficoltà contro la pubblicazione e divulgazione degli « Acta Apostolicae Sedis ».

Pag. 12. Osserva l’E[minentissi]mo Rampolla che le [4] parole « E la Santa Sede, deferente anche in tale circostanza, ecc. » potrebbe far credere che la deferenza della S.[anta] Sede si riferisca all’esigenza del placet. Potrebbe invece dirsi : « E la S.[anta] Sede non ebbe difficoltà ecc. » - Si sopprimono le parole « della quale fu costituita dal Divino suo Istitutore depositaria e maestra infallibile », che suonerebbero male al Governo Russo.

Pag. 13. L’E[minentissi]mo Rampolla trova non appropriato l’esempio della lettera del S.[anto]Padre ai Vescovi Orientali relativa all’articolo del Principe Max di Sassonia (circa la quale il Governo Russo poteva aver interesse d’intervenire), ed osserva pure che la parte concernente i titoli e distinzioni potrebbe dar luogo a contestazioni, almeno per ciò che riguarda le onorificenze date ai laici.

Gli E[minentissi]mi convengono perciò di sopprimere i due punti anzidetti, e di porre pure « sino ad annullare semplici Decreti di indulgenze » anzichè « sino a pretendere di annullare ecc. ».

Pag. 16. L’E[minentissi]mo Rampolla eliminerebbe tutta la parte relativa alla proposta di mutue concessioni per regolare la questione dei matrimonî misti, riservando tale argomento alle trattative verbali, [5] tanto più che durante le trattative per il Concordato la S.[anta] Sede offrì spontaneamente e senza domandare compensi l’estensione delle disposizioni circa l’assistenza passiva.

Pag. 19-20. Il num. 2° si trova un po’ oscuro e sottile ; inoltre il Governo potrebbe rispondere che spetta a lui d’interpretare le sue leggi. È perciò miglior cosa sopprimerlo. - Il num. 3° dovrebbe essere condensato ed abbreviato.

Pag. 21. Si sopprimano le parole « agli Ortodossi », ai quali come a membri della religione dominante, si attribuiscano speciali privilegî. Invece che « tracotanza » si ponga « linguaggio indegno ». - Si sopprima l’ultimo periodo « Da questi pochi accenni, il Governo Imperiale ecc. »

Pag. 22. Si dica « il fatto del sedicente Vescovo Mariavita » o del « pseudo-Vescovo Mariavita »

Pag. 23. Occorre, per la ragione detta, riportarsi al Concordato, senza dare ad esso efficacia eccessiva, come se fosse da ambedue le parti considerato vigente. Si può dire quindi : « Si aggiunga che questo modo di agire...non sarebbe conforme ai principî che hanno ispirato le relazioni fra la S.[anta] Sede e la Russia. Infatti all’articolo 13 ecc. » [6]

Pag. 24. Si sopprimano per il suaccennato motivo le parole « quella solenne Convenzione », dicendo semplicemente « senza violare le leggi stesse dello Stato ». - Si dica « procedimenti » invece che « attenzioni ».

Pag. 25. Si dica « partecipazione nelle nomine vescovili » anzichè « ingerenza ».

Pag. 26. Si ripete la medesima osservazione più volte accennata per ciò che concerne il Concordato. Potrebbe forse dirsi « riconobbe » anzichè « riconosce » ed unirsi questo periodo col seguente. - Si osserva inoltre che il periodo « Invero si deve anzitutto far osservare che un Vescovo ecc. » esprime principî verissimi secondo il diritto canonico, ma che non saranno riconosciuti dal Governo russo, nè varranno [sic] a fare impressione alcuna sul medesimo. Meglio è dire : « Questo modo d’agire del Governo non solo è contrario alle disposizioni canoniche, ma è anche poco conveniente verso la S.[anta] Sede ».

Pag. 27. L’E[minentissi]mo Vannutelli farebbe un qualche accenno all’assoluzione di Mons. Luskiewicz [sic : lire Ruskiewicz].

Pag. 29. Si metta la data completa alla Nota del Cardinale Lambruschini. Si sopprima la parola « volontà », dicendo soltanto « la cui legislazione meriterebbe quindi ecc. »

[7] Pag. 30. Si dica « compenso » o « indennizzo » in vece di « lucro ». Si tolga la parola « soppresso » innanzi ad « Editto del 1865 ». Si ponga « opporre eccessiva ed ingiustificabile ».

Pag. 33. Si trova non felicemente redatto il periodo « La medesima S.[anta] Sede, invero, ecc. ». Tutta questa parte andrebbe condensata presso a poco così : « ...la S.[anta] Sede non riesce a persuadersi che essa offra effettivamente sufficienti garanzie di giustizia sia perché alcuni sono ostili al clero, sia perché..., sia perché bene spesso, ecc. »

Pag. 34. Alla fine del primo capoverso si pone : « la S.[anta] Sede non potrebbe tralasciar di fare, com’è naturale, al Governo Russo le più ampie riserve ».- Dovrebbe inoltre condensarsi la seguente parte dottrinale e renderla meno caustica al palato russo. Si conviene, a tale scopo, di sopprimere i due ultimi periodi, cioè dalle parole « La Chiesa, infatti, questa grande società religiosa » fino alle altre « divenga servo dell’uomo ».

Pag. 35. Invece delle parole « dai suoi figli », che non bene si riferiscono alla « S.[anta] Sede », si ponga « dai fedeli cattolici ». Si richiama qui, inoltre, l’osservazione fatta dall’E[minentissi]mo Merry del Val alle pag. 8-10.

[8] Pag. 38. Invece delle parole « del popolo Russo » si ponga « delle popolazioni ».

Pag. 39. In luogo delle parole « l’ortodossia politica » si dica « la corretta condotta politica ».

Pag. 41. Invece delle parole « che il sullodato Governo voglia portarlo ecc. », le quali potrebbero dar ombra al Governo russo, si dica semplicemente « che il Governo voglia darne previa conoscenza alla S.[anta] Sede ».

Pag. 47. Si sopprima l’intiero periodo : « Comunque sia, quanto al proselitismo di carattere religioso, ecc. »

Pag. 48. Corrispondentemente all’osservazione già fatta a pag. 16, si sopprima qui il periodo : « Tanto a cuore ha la Santa Sede ecc. »

Pag. 50. L’E[minentissi]mo Rampolla osserva che le parole « in modo da giustificare, almeno in qualche caso, il sospetto ecc. » contengono un’insinuazione un po’ offensiva verso il Governo. Si dica piuttosto : « in modo da mettere a giacere i progetti stessi ».

Pag. 52. L’E[minentissi]mo Rampolla rileva che le parole « per pregarvi o celebrarvi funzioni religiose in seno alla famiglia o in comunanza delle persone di loro amicizia e fiducia » potrebbero dar pretesto al Governo di asserire che tali riunioni servono per cospirare. Si [9] ponga invece : « per pregarvi in seno alla famiglia, ascoltarvi la Messa e ricevere i Sacramenti ».

Pag. 52-53. Al capoverso : « Considerando che la Chiesa ha il diritto ecc. » gli E[minentissi]mi notano essere più prudente col Governo russo di non diffondersi in troppe teorie. Basta qui esprimere il concetto semplice e per tutti comprensibile che la Chiesa per vivere ha bisogno anche di mezzi temporali.

Pag. 54. Si sopprima il periodo : « Nè v’è mestieri si dica che la Chiesa cattolica, pia madre ecc. ».- Nella penultima riga, in luogo delle parole « nelle sue disgrazie », si pongano queste altre « nelle sue difficili e penose condizioni ».

55II. Desiderati di Mons. Arcivescovo di Mohilew

Si esaminano separatamente i singoli desiderati sottoposti alla S.[anta] Sede da Mons. Kluczynski.

1°) Circa l’uniformità di condotta da seguirsi dall’Episcopato

L’E[minentissi]mo Rampolla osserva come in teoria tutti riconoscono la necessità che gli Ordinarî procedano in maniera uniforme. Ma la difficoltà è nella pratica. Questo postulato dell’Arcivescovo di Mohilew è [10] della più alta importanza, perché se tutti gli Ordinarî rispondessero alle pretese governative nello stesso modo, il Governo dovrebbe arrestarsi, perché non potrebbe mandare tutti i Vescovi in Siberia. Il centro di unione deve essere il Metropolitano ; e poichè le condizioni non sono le stesse per le diocesi dell’Impero e quelle della Polonia, si dovrebbero conseguentemente stabilire due centri : Varsavia e Mohilew. Ma come fare per intendersi ? Riunirsi in conferenze i Vescovi non possono ; d’altra parte, debbono procedere in modo che non resti traccia delle loro pratiche, ad esempio per mezzo di appunti anonimi trasmessi per via sicura, ecc. Quando dunque si presenta una di tali questioni, d’interesse non speciale per una diocesi, ma generale, ad esempio una imposizione del Governo a tutte le diocesi, l’iniziativa dovrebbe essere presa dall’Arcivescovo, il quale dovrebbe richiedere agli Ordinarî della rispettiva provincia ecclesiastica il loro parere ragionato. Avutolo, il Metropolitano dovrebbe aggiungere il proprio parere ragionato e le sue osservazioni sui pareri degli Ordinarî, quindi trasmettere tutto alla S.[anta] Sede, la quale, esaminata la cosa, invierebbe al Metropolitano le opportune istruzioni, da comunicarsi ai singoli [11] Ordinarî.

L’E[minentissi]mo Merry del Val, pur riconoscendo la saggezza di tale proposta, fa osservare che le suddette pratiche richiederanno molto tempo, specialmente a causa delle difficoltà delle comunicazioni per via sicura ; ora, invece, il Governo spesso esige che i Vescovi rispondano entro breve termine, ad esempio entro quindici giorni, appunto per impedire ch’essi possano prendere fra di loro opportuni accordi e consultarsi scambievolmente.

L’E[minentissi]mo Rampolla risponde che il suaccennato metodo può in parte abbreviarsi nel senso che il Vescovo, in quei casi, senza attendere l’invito del Metropolitano ad esprimere il suo parere, potrebbe inviarlo senz’altro. - Del resto, non vede altro possibile sistema per ottenere il desiderato scopo dell’uniformità di condotta nell’Episcopato.

2°) circa la nomina di un Pro-Nunzio presso il Governo Russo.

L’E[minentissi]mo Rampolla facilmente rileva come tale proposta è praticamente inattuabile.

3°) circa la costituzione di un rappresentante polacco in Roma

Gli E[minentissi]mi osservano essere inattuabile anche tale [12] proposta. Ma nulla osta a ciò che i singoli Vescovi abbiano una persona di loro fiducia, la quale faccia conoscere alla S.[anta] Sede i loro desiderati e curi gli affari delle loro diocesi.

4°) circa il regime spirituale nell’Archidiocesi di Mohilew e la divisione della medesima.

Gli E[minentissi]mi riconoscono l’evidente impossibilità che un solo Prelato possa governare una Diocesi così vasta. Tuttavia la domanda di Mons. Kluczynski non sembra pratica, giacchè il Governo russo tende piuttosto a sopprimere le diocesi esistenti che a crearne delle nuove. Tuttavia si potrebbe trattare per la nomina di Vescovi coadiutori, e forse anche per l’erezione di una Diocesi per la Siberia.

5° e 6°) - circa un’azione della S.[anta] Sede in appoggio dell’autorità dei Vescovi e contro le lotte nazionalistiche

L’E[minentissi]mo Rampolla ritiene che, capta occasione, un’atto della S.[anta] Sede diretto ad inculcare il rispetto all’autorità, specialmente dei Vescovi, sarebbe conveniente. Nello stesso documento potrebbe dirsi qualche parola per deplorare in modo generale le lotte intestine, e raccomandare la concordia e la pace.

Et facta die insequenti per me infrascriptum SS~mo [Sanctissimo] Domino relatione, SS~mus [Sanctissimus] resolutiones EEmorum[Eminentissimorum] Patrum approbare dignatus est.

Eug. Pacelli Pro-Secretarius

Document 63 : Session n°1185 – 15 mars 1914 : catholiques gréco-russes

AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1185, 1914, vol. 69.

56La ponenza

74 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari ecclesiastici straordinarii, Russia. Gruppo cattolico du rito greco-russo, Marzo 1914

5-31

Relazione

31

Dubbio

« Se e quali istruzioni convenga dare a Mgr. Arcivescovo di Mohilew, in ordine all’attuale situazione dei cattolici du rito greco-russo »

33-35

Sommario Num. I

Lettre du secrétaire d’État au père Schumpp, Rome, 23.05.1908, latin (33)

Annexe : Décret Ex Audientia SSmi , 22.05.1908 (34-35)

36-37

Sommario Num. II

Réponse de la congrégation de propaganda fide de rite oriental aux questions de Mgr Kluczynski, 28.06.1913, latin

38-39

Sommario Num. III

Lettre du secrétaire d’État à l’archevêque de Mohilev, Rome, 13.02.1911, latin

40-45

Sommario Num. IV

Lettre de Jean Deibner au secrétaire d’État, Saint-Pétersbourg, 07.04.1913, latin

46-47

Sommario Num. V

Lettre de l’archevêque de Mohilev au secrétaire d’État, 03.11.1913, latin

48-68

Sommario Num. VI

Lettre de Mgr Szeptickij au secrétaire d’État, Léopol, 10.01.1914, français

69-74

Sommario Num. VII

Observations de l’abbé Evreinov sur Slovo Istiny, Rome, février 1914, français

57Procès-verbal

Document

Description : 10 p. ms. italien non paginées

Titre : « Congregazione particolare del 15 Marzo 1914. Ore 10 1/2. Sessione 1185, Russia Gruppo cattolico di rito greco-russo (v. Ponenza a stampa) »

Cardinaux présents

Vannutelli V., Gotti, Ferrata, Lorenzelli, Gasparri, Merry del Val

Secrétaire

Pacelli

Ordre du jour

« Si et quelles instructions il convient de donner à Mgr archevêque de Mohilev, au sujet de la situation actuelle des catholiques de rite gréco-russe »

Décision des cardinaux

Dans l’impossibilité d’agir pour améliorer la situation du groupe russe-catholique, les cardinaux souhaitent tenter de le préserver en faisant pression sur l’archevêque de Mohilev et en excluant de nouveau Mgr Szeptickij.

Par ailleurs, il s’agit d’accepter la démission de Kluczynski dès qu’il aura retiré sa circulaire.

Décision finale

Approbation par Pie X en audience le 16 mars 1914

58[1] L’E[minentissi]mo Vannutelli Vincenzo ricorda come dopo l’Editto di tolleranza del 1905 già più volte la S.[acra] Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinarî ebbe ad occuparsi della questione, di cui tratta la Ponenza attuale ; ossia del gruppo cattolico di rito greco-russo. Sempre è stato riconosciuto che veramente sarebbe questo un mezzo efficacissimo per la conversione dei Russi al cattolicismo, perché sarebbe rimosso per essi l’ostacolo principale, vale a dire di dover abbandonare il loro rito nazionale e latinizzarsi ; come si toglieva pure al Governo il pretesto di accusare la S.[anta] Sede ch’essa cercasse di polonizzare i russi. Però vi erano molte difficoltà, specialmente quella di trovare elementi adatti per dirigere il gruppo. Le speranze, che la S.[anta] Sede aveva riposte nel Rev.[erendo] Zertchaninoff, rimasero deluse, onde si dovè dare all’Arcivescovo di Mohilew la giurisdizione personale e delegata sul gruppo. L’arcivescovo di Leopoli pretendeva pure che i nuovi convertiti dipendessero da lui ; ma dalla S.[anta] Sede gli fu scritto che non s’ingerisce nelle cose della Russia se non in modo del tutto privato. Tutte queste premure della S.[anta] Sede sono però riuscite poco fruttuose per varie cause, e cioè 1°) per l’ostilità del Governo, 2°) per la incompetenza di quelli che [2] dovevano dirigerlo, 3°) perché è mancata la reciproca fiducia fra l’Arcivescovo di Mohilew ed il gruppo. Specialmente il Rev.[erendo] Deibner ha cercato mezzi piuttosto artificiosi per far crescere il gruppo, allontanandosi dalla giurisdizione dell’Arcivescovo di Mohilew e facendo poco caso di lui. Fatto sta che il Governo, dopo aver permesso l’esistenza del gruppo, un bel giorno mandò a visitare la cappella del medesimo da un Vescovo scismatico e ne ordinò in modo formale ed assoluto la chiusura. Dunque il principale nemico del gruppo è il Governo. Non si può però negare che vi sia stata qualche imprudenza anche da parte del Deibner, soprattutto per aver adottato il titolo di « ortodossi cattolici » e per aver permesso l’introduzione nel Calendario di Santi russi. Il Rev. Deibner ha detto che ciò era un mezzo per fare proseliti ; ma la verità ha bisogno di essere chiara e netta. È vero pure che alla sola vera Chiesa spette il titolo di « ortodosso-cattolica » ; ma praticamente in Russia ciò era una imprudenza. Queste imprudenze erano confermate pure dal periodico « Slowo Istini », ove sono apparse cose poco esatte anche quanto alla dottrina. Tutto ciò spingeva questi cattolici ad essere poco rispettosi verso l’autorità dell’Arcivescovo, sebbene sia pur vero che Mons. Kluczynski non sia stato verso di loro molto sollecito. - Il dubbio proposto nella Ponenza è « Se e quali istruzioni convenga dare a Mgr. Arcivescovo di Mohilew, ecc. » Giustamente si è messo « se », perché può discutersi se sia [3] opportuno dare tali istruzioni a Mons. Kluczyński, il quale sta per dimettersi ed ispira pochissima fiducia, specialmente a causa della recente sua Circolare. - « Quali istruzioni ». Due punti sono da considerarsi in proposito : 1°) Gli addebiti fatti al gruppo. Qualche cosa bisognerà pur dire circa le materie gli aderenti al gruppo medesimo hanno un poco deviato, facendo loro conoscere che la S.[anta] Sede, se non le condanna in modo assoluto, non le approva, e che furono essi poco bene ispirati a non rivolgersi all’Arcivescovo. A questo pure sarà opportuno indicare i punti in cui il gruppo greco-russo ha un poco deviato : ossia il titolo da esso assunto, i santi scismatici introdotti nel calendario, le vaghe affermazioni sulla Chiesa cattolica, ecc. 2°) I reclami contro le ingerenze del Governo, che ha chiuso la cappella. È inutile però dirigerli all’arcivescovo, il quale o non ne farebbe nulla o comprometterebbe anche più le cose. Questi reclami sarebbero giustissimi, a) perché hanno una base legale, l’Editto di tolleranza, b) perché le conversioni sono avvenute di fatto, c) perché l’esistenza del gruppo prova appunto che non si vogliono latinizzare i russi, ma lasciarli nel loro rito, d) perché, se è ammesso il rito armeno, non si vede la ragione per cui non lo debba essere anche il greco-russo. Ma per mezzo di chi si faranno giungere questi reclami ? Forse per mezzo del Ministro di Russia presso la S.[anta] Sede o di qualche persona di fiducia. - Sarebbe pure cosa ottima se questi cattolici greco-russi si potessero concentrare anche fuori della Russia, per es.[empio] a Roma, in Francia, in Belgio, ecc.

[4] Gotti. Non sa quanto gioverebbe di dare le istruzioni all’attuale Arcivescovo. Ad ogni modo è bene prepararle, perché sono necessarie, e comunicarle al nuovo Arcivescovo, se non si può confidare in Mons. Kluczyński per la loro attuazione. Innanzi tutto il gruppo deve essere conservato col titolo di greco-russo, e non col titolo di ortodosso-cattolico, che fu errore adottare. Inoltre esso deve mantenere il rito greco puro nella sua integrità, come si usa nelle chiese di Russia. Nemmeno è opportuno aggiungere le pie pratiche latine, pur così edificanti nelle nostre chiese. I greci non hanno nè processioni, nè esposizioni col SS~mo [Santissimo], nè Rosario, nè litanie ecc. ; se si comincia ad introdurle, si rischia di latinizzare il rito. Onde per il momento occorre prudentemente sospendere tali pratiche e procedere molto cautamente riguardo ad esse. Così pure è necessario che la disposizione della Chiesa, ad esempio per ciò che riguarda l’iconostasi, sia pienamente conforme alle leggi del rito greco puro. Ci dovrebbe esser pure la predicazione in lingua russa. Bisognerebbe però per tutto ciò che il gruppo avesse una propria chiesa ed inoltre che avesse a capo un sacerdote serio, virtuoso, zelante. Col Governo di Russia la Segreteria di Stato potrebbe tentare di conchiudere un accordo simile a quello fatto alcuni anni or sono per gli Armeni, cui fu dato per capo un Archimandrita. L’E[minentissi]mo accenna poi ad altri punti toccati nella Ponenza. Trova inopportuno l’intervento di Mons. Szeptycki. Ritiene che convenga avvertire Mons. Kluczyński delle difficoltà create colla sua Circolare, ch’egli non doveva in coscienza [5] emanare. Per ciò poi che riguarda coloro che sono rimasti iscritti nei libri officiali come « ortodossi », l’E[minentissi]mo crede possa tollerarsi che essi non si facciano cancellare dai registri medesimi, e cita l’esempio analogo di turchi occultamente convertiti in Albania, per i quali tolleravasi che di fronte al Governo turco figurassero come musulmani, mentre che occultamente e privatamente andavano alla Chiesa cattolica e ricevevano i Sacramenti.

Ferrata. Le speranze, che la S[anta] Sede aveva fondate su questo gruppo, sono andate non poco scemando, soprattutto perché i sacerdoti, messi a capo del medesimo, non hanno corrisposto alla fiducia in loro riposta. - L’Arcivescovo di Mohilew, sebbene buono, è stanco e debole ; ed il gruppo sotto di lui deperisce ogni giorno. Occorrerebbe accetare le sue dimissioni, esigendo però prima da lui che ritiri la sua circolare ; e se si potesse dargli un buon successore, sarebbe il caso di trattare con lui per le cose del gruppo di rito greco-russo e di impartire al medesimo in proposito opportune istruzioni. Il gruppo ha preso un nome forse pericoloso ed equivoco ; il miglior titolo è « greco-russo ». Inoltre nella rivista « Slowo Istini » sembra vi siano errori e che nel calendario ivi pubblicato si trovino santi scismatici persecutori della Chiesa cattolica. Occore quindi che l’Arcivescovo invigili il gruppo e la sua rivista, la quale continua a pubblicarsi, e curi che non vi siano germi di eresie, ma si mantengano puri i principî cattolici. Si potrà invece tollerare che i nomi di alcuni cattolici rimangano temporaneamente nelle liste del Governo come [6] « ortodossi », specialmente quando il domandarne la cancellazione esponesse a danni gravissimi. - All’Arcivescovo di Leopoli sarebbe il caso di dire che per il momento cessi completamente di occuparsi del gruppo. - Quanto alla cappella chiusa dal Governo ; questo non potrà molto sostenere la sua tesi, tanto più che prima ne aveva permesso l’apertura. Occorre fare al Governo medesimo notare la contraddizione in cui è caduto : voi avete pubblicato un Editto in cui concedette la libertà delle conversioni, ed ora invece a questi cattolici negate perfino di avere una cappella ! - È bene che si formino gruppi di greco-russi a Roma, in Belgio, ecc., ma non basta. È necessario che anche in Russia vi sia chi predichi ed amministri i sacramenti ai fedeli di quel rito.

Lorenzelli aderisce alle osservazioni già esposte dagli Eminentissimi Padri. Pur convenendo coll’E[minentissi]mo Gotti sulla maggiore opportunità del titolo « greco-russo » ; osserva che il titolo « ortodosso-cattolico » è verissimo. Se i protestanti si chiamano cristiani, dovremo per questo astenercene noi ? Quanto al calendario, che si pubblica nella rivista « Slowo Istini », occorre correggerlo, sebbene con discrezione, perché non bisogna reclamare in massa contro tutti i santi russi, ma soltanto contro quelli che non sono provati come tali. Anche il fatto di restare iscritti nei registri della Chiesa scismatica, non significa che attualmente si appartiene a tale Chiesa, ma che si è in essa nati o si è ad essa appartenuto.Valgono inoltre gli esempi addotti per altri luoghi dall’E[minentissi]mo Gotti ; onde [7] l’E[minentissi]mo crede che una simile tolleranza possa ammettersi ad tempus anche in Russia. Dunque, quanto ai punti di ordine teoretico, potrebbe rimediarsi con poche istruzioni. Il grande guaio è il personale. L’Arcivescovo attuale non è entrato nell’idea, anzi ha riguardato il gruppo greco-russo con occhio malevolo ; non si può quindi sperare in un’azione positiva da parte sua. Il personale finora non ha dimostrato nè sapienza dottrinale nè prudenza. Così stando le cose, fa pena di vedere che questa bella iniziativa non possa prosperare. Bisogna attendere che la Provvidenza conceda giorni migliori. Frattanto è opportuno promuovere la formazione e l’incremento di gruppi greco-russi a Roma, a Parigi, a Bruxelles, ecc., i quali potrebbero fornire personale per l’avvenire, qualora il Governo russo venisse una buona volta a più miti consigli.

Gasparri si associa alle osservazioni già fatte. Dalla lettura della Ponenza gli è sembrato di trovarsi in un labirinto senza porta d’uscita. L’E[minentissi]mo riassume il suo pensiero nelle seguenti osservazioni : 1°) In una situazione meno barbara converrebbe certamente accettare la rinunzia dell’Arcivescovo di Mohilew. Nella presente situazione politico-religiosa della Russia, conviene ? Per rispondere a questa domanda bisognerebbe conoscere bene le difficoltà che presenterà la nomina del successore. Sotto questa riserva, salvo meliori judicio, l’E[minentissi]mo sarebbe per l’accettazione. 2°) In quanto all’Arcivescovo di Leopoli, l’E[minentissi]mo ritiene che la S.[anta] Sede deve dirgli con bel garbo, ma chiaramente, che si astenga dall’occuparsi in [8] qualsiasi modo della Russia, poichè il suo intervento anche il più innocente, produce più male che bene a causa dell’ostilità del Governo russo. Che se gli perverranno notizie interessanti relative alla Russia ed in particolare ai cattolici di rito greco-russo, egli le trasmetta alla S[anta] Sede. 3°) Ha richiamato l’attenzione dell’E[minentissi]mo ciò che leggesi a pag. 24 della Ponenza, ciò che il pretesto del Governo russo per le sue odiose misure è stato il titolo di « ortodosso-cattolico » assunto dai Russi cattolici. Occorre dunque cambiare il titolo, prendendo ad esempio quello di « greco-russi ». Se il Governo tollerasse la cosa con questo cambiamento di etichetta, converrebbe affidare la direzione del movimento a qualcuno dei bravi giovani russi, i quali si destinano al sacerdozio in Roma, nel Belgio, ad Innsbruck seppure il Governo permetterà il loro ritorno in Russia. In tal caso dovrebbero darsi le istruzioni indicate dall’E[minentissi]mo Gotti.

Gotti aggiunge che, nonostante le difficoltà le quali sembrano attualmente insormontabili, nulla impedisce che si tenti di fare qualche cosa, attendendo di vederne i frutti nell’avvenire, quando piacerà alla Provvidenza. Cita l’esempio dei cattolici di rito greco puro di Costantinopoli, cui, dopo tante difficoltà, si è riuscito a dare una organizzazione ed un Vescovo deputato per essi (Mons. Isaia Papadopulos).

Merry del Val. Bisogna sperare e lavorare, per custodire questo lumicino (l’attuale gruppo catt.[olico] greco-russo), affine di riservarlo per l’avvenire ; ma vano sarebbe il credere di poter ottenere per ora effetti visibili. Si ha [9] l’ostilità profonda ed irriducibile del Governo russo, il quale ora ha ben capito ove mira la Chiesa cattolica colla costituzione di quel gruppo. Ostilità velata, ma non meno efficace, si ha anche nei polacchi, i quali non vedono affatto con piacere questo movimento e l’ostacolano quanto possono. In questa situazione, è utile dare istruzioni per indicare la strada nell’avvenire e servire almeno come base. Intanto occorre escludere Mgr Szeptycki, il quale è buono, ma ingenuo ed ha le sue idee politiche. Si deve inoltre raccomandare all’Arcivescovo di Mohilew la cura di questi cattolici greco-russi, la predicazione in russo, se per il momento non si può fare di più e tenere aperta la cappella. È un pericolo, con questi preti poco competenti e poco istruiti, che si formi in mezzo ai cattolici greco-russi un cattolicismo vago e sui generis, e s’introducano degli errori. Se avessimo con noi l’Arcivescovo di Mohilew, si potrebbe ottenere qualche cosa ; ma disgraziatamente non si può contare su Mons. Kluczynski. Le sue dimissioni si fondano su di un malcontento generale. È prelato pio, buono, ma debole di carattere ed anche scosso nel fisico per le tante difficoltà ch’egli incontra, e bisogna compatirlo. Egli insiste molto nelle sue dimissioni, sarà bene accetarle, ma colla condizione che sia provveduto il successore (cosa assai difficile a causa dell’intervento governativo e della scarsezza dei buoni soggetti). Nel frattempo è necessario che Mons. Kluczynski ritiri la sua Circolare : il successore di lui non potrebbe farlo, senza provocare subito un conflitto. Concludendo [10] l’E[minentissi]mo ripete che non si può per ora, in vantaggio del gruppo cattolico di rito greco-russo, se non curare questo piccolo lumicino che attualmente abbiamo, aspettando il giorno del Signore. Agire presso il Governo per parte della S.[anta] Sede, non sarebbe opportuno in questo momento, e non farebbe che provocare una espressa negativa, che comprometterebbe l’avvenire.

Et facta die insequenti Beatissimo Patri per me infrascriptum relatione, SSmus [Sanctissimus] praecedentes EEmorum[Eminentissimorum] Patrum resolutiones approbare dignatus est.

E. Pacelli Secretarius

Document 64 : Session n°1207 – 15 juillet 1917 : Russie. Intérêts religieux.

AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1207, 1917, vol. 71.

59La ponenza

56 pages

Titre

Congregazione mista della Propaganda fide per gli affari di rito orientale e degli Affari ecclesiastici straordinari, Russia. Interessi religiosi, Luglio 1917

5-31

Relazione

31

Dubbio

« Se e quali provvedimenti convenga prendere, in vista della nuova situazione creata in Russia dalla rivoluzione e dall’attuale regime politico »

33-40

Sommario N°I

Mémorandum des évêques au Gouvernement provisoire, s. d., latin

41-43

Sommario N°II

Lettre de Mgr Cieplak contenant les desiderata des évêques, 10.05.1917, latin

44-46

Sommario N°III

Mémorandum de Constantin Skirmunt sur les propositions des évêques au sujet de l’organisation des diocèses de Russie, Rome, juin 1917, français

47-48

Sommario N°IV

Lettre de Mgr Ropp, transmise par M. Skirmunt, s. d., français

49-51

Sommario N°V

Lettre de Mgr Ropp sur la question géorgienne dans le Caucase, transmise par M. Skirmunt, s. d., français

52-54

Sommario N°VI

Lettre de Mgr Ropp sur Mgr Abrahamian, transmise par M. Skirmunt, s. d., français

55-56

Sommario N°VII

Pétition de prêtres pour la nomination du chanoine Zazinski [sic : en fait, il s’agit de Lozinski] au siège de Mohilev, transmise par M. Skirmunt, s. d., latin

60Procès-verbal

Document

Description : 15 p. ms. italien

Titre : « Congregazione mista della Propaganda Fide per gli affari del rito orientale e degli Affari EE.[ecclesiastici] Straordinarî, 15 luglio 1917. Russia Interessi religiosi (V. Ponenza a stampa) »

Cardinaux présents

Vanutelli, De Lai, Merry del Val, Serafini, Scapinelli, Marini, Gasparri

Secrétaire

F. Marmaggi

Ordre du jour

« Si et quelles mesures il convient de prendre, en vue de la nouvelle situation créée en Russie par la révolution et par l’actuel régime politique »

Décision des cardinaux

Nommer des évêques aux sièges de Mohilev et de Minsk. Demander à Mgr Ropp un premier rapport circonstancié sur l’état de l’Église catholique en Russie, en attendant de pouvoir envoyer sur place un représentant pontifical qui pourrait étudier les questions en suspens (rite oriental, rite géorgien, diocèse de Kamenec, situation en Arménie).

Décision finale

Approbation par Benoît XV en audience

61[1] Vannutelli. Considerata la situazione creata in Russia dalla Rivoluzione e dell’attuale regime politico, il quale sembra volersi inspirare a principî di libertà e d’uguaglianza, è evidente che la S.[anta] Sede debba approfittare e presto di tale stato di cose per ottenere dei vantaggi e possibilmente creare tutta una situazione di fatto favorevole alla Chiesa Cattolica. Ciò che ora può facilmente ottenersi, più tardi richiederà, nella migliore delle ipotesi, pratiche burocratiche più lunghe e laboriose. D’altra parte, ottenuti dei vantaggi, questi difficilmente saranno in seguito abrogati, anche se tornasse il governo dello Czar. Quali potrebbero essere i [2] provvedimenti da prendere sul momento ? Basterà oggi convenire sopra qualche provvedimento o criterio generico, lasciando l’esame dei singoli provvedimenti proposti nella Ponenza a più matura deliberazione ?

Gasparri. È necessario l’esame dei singoli punti.

  • 16 Il s’agit du mémorandum remis le 23 juin. Cf. document 13 des Annexes.

Vannutelli - Esaminando allora partitamente le questioni proposte, osserva che veramente il Sig.[nore] Skirmunt sembra persona, cui si possa prestare piena fiducia, ed ha fatto benissimo la Segreteria di Stato ad utilizzare il suo consiglio e la sua opera. Benissimo pure si è fatto dall’E[minentissi]mo Segretario di Stato ad inviare al Governo Provvisorio il Memorandum, relativo agli aggravî onde soffre da secoli la Chiesa cattolica in Russia16. Quanto a ciò che ancora dovrebbe farsi, giudica che sarà opportuno :

a) inviare un Delegato della S.[anta] Sede, anche se non accreditato presso il Governo ;

b) rassicurare Mons. Cieplak che, sebbene l’ideale sia l’armonia tra Chiesa e Stato, tuttavia, trattandosi di uno Stato che ha sempre [3] perseguitato la Chiesa cattolica, la separazione è pienamente desiderabile ;

c) procurare di rivendicare, almeno col fatto, per i cattolici tutte le libertà : dell’apostolato, della propaganda, dell’esercizio del culto, dell’educazione ed istruzione della gioventù, ecc.

d) nominare alla Sede Metropolitana di Mohilew Mons. Ropp

e) restituire le diocesi di Minsk e di Kamieniec e crearne delle altre, segnatamente le proposte di Riga e di Siberia : sebbene non creda di potersi avere sotto occhio tutti gli elementi necessari per giudicare delle proposte e delle candidature.

f) riprendere e favorire il movimento per l’incremento del rito greco-russo, su cui riposavano tante speranze della S. Sede.

g) liberare i Georgiani dall’odiato giogo armeno, restituendo loro possibilmente il rito che desiderano.

h) risolvere la grave situazione creata tra gli armeni dalle esorbitanze e dalla irritabilità di Mons. Abrahamian, richiamandolo a Roma o inviando colà un Visitatore Apostolico.

[4] De Lai- Comincerebbe ad esaminare la Ponenza dall’ultimo capitolo : la bontà dall’attuale situazione politica russa nei riguardi della Chiesa cattolica e lo stesso timore che essa possa da un momento all’altro cambiare in peggio, lo conferma nel parere di dovere subito inviare, anche senza rappresentanza diplomatica, un Delegato della S. Sede. Egli solo sarà in grado di dare a questa una idea adeguata della situazione, di suggerire i provvedimenti che si rendano successivamente necessari ed opportuni e soprattutto di dirigere l’Episcopato russo nell’attività nuova, a cui ora lo chiama la Provvidenza divina. L’E[minentissi]mo rimetterebbe il tutto alla missione di tale Rappresentante Pontificio, tranne l’attuazione dei seguenti provvedimenti che sembrano non ammettere dilazione, cioè : 1° la nomina di Mons. Ropp a Mohilew, 2° la nomina del Canonico Lozinski a Minsk, 3° la nomina di un Vicario capitolario o, se non vi fosse capitolo, di un distinto Amministr.[atore] Apostolico a Kameniec.

  • 17 Après de très longues négociations, le Saint-Siège signe le 24 juin 1914 un concordat avec la Serbi (...)

[5] Merry del Val - In massima è d’accordo con gli E[minentissi]mi Colleghi, ma crede doversi andare adaggio. Quanto all’invio d’un Rappresentante, egli preparerebbe prima il terreno, sia in via ecclesiastica che in via diplomatica. Intanto crederebbe doversi nominare Mons. Ropp ad arcivescovo di Mohilew, uomo di idee larghe, di grande azione e prestigio e beneviso all’attuale Governo. Egli dovrebbe ricevere facoltà speciali della S. Sede e studiare a trattare ad referendum le questioni che si presentano. Dovendosi poi mandare il Rappresentante, si avrebbe cura che questi fosse di qualità tali da non adombrare i Vescovi : non gli conferirebbe il carattere Vescovile, potendosi così più facilmente cambiare. - Per ciò che riguarda la separazione, l’E[minentissi]mo ritiene che un’ottima base, su cui potrebbe trattarsi col Governo, sia il Concordato stipulato con la Serbia17, mutadis mutandis, naturalmente ; e ciò, attesa l’affinità tra la Russia e la Serbia sia nel carattere etnico, sia nei sentimenti nutriti verso la Chiesa Cattolica. -Quanto all’assetto territoriale, l’E[minentissi]mo [6] richiama l’attenzione, oltrechè sulla restituzione delle diocesi di Minsk e di Kamieniec e sulla creazione delle diocesi di Riga (la sede episcopale forse resterebbe troppo eccentrica) e di Siberia, altresì sulla proposta di una nuova diocesi di Finlandia. A tal proposito, l’E[minentissi]mo ricorda che la popolazione finlandese è stata sempre cattolica. Che se la sua fede ha sofferto, a causa dei quartieri e presidî militari ivi stabiliti negli ultimi anni, il popolo resta ben disposto verso la Chiesa cattolica e, se bene assistito, profitterebbe assai e farebbe anche sentire la sua influenza sugli Stati Scandinavi.

L’istituzione di una diocesi di Finlandia risponderebbe a questo scopo e farebbe vedere a quelle povere popolazioni che la S[anta] Sede si occupa di esse e le considera. È bene pure tener presente che alle medesime dispiace molto di dipendere da Mohilew. Accenna, in ultimo a Mgr Szeptycki ed alla attività da lui recentemente spiegata a favore dei greco-ruteni e greco-russi. L’E[minentissi]mo desiderebbe che Mgr Szeptycki si riposasse... altrimenti incepperebbe Mons. Ropp ed ogni buona iniziativa. Lo crede un [7] sognatore, senza discernimento e misura, che potrebbe compromettere gravemente la situazione della Chiesa Cattolica. - Tutto il resto è da studiarsi.

Serafini. Conviene con l’E[minentissi]mo Merry del Val. Prima di mandare un Rappresentante Pontificio, è opportuno domandare a Mons. Ropp una completa relazione sullo stato del cattolicismo in Russia. Che avverrebbe del Rappresentante, cambiando il Governo ? Lo ritirerebbe ?

Gasparri. Risponde che, anche dovesse ritirare, avrebbe già potuto fare qualche cosa. Non crede, del resto, che qualsiasi governo lo lascierebbe andar via.

Serafini. Sull’assetto diocesano conviene coi Colleghi : provvedere subito a Mohilew, a Minsk ed a Kameniec. Quanto ai riti : favorirebbe lo sviluppo del rito greco-russo. Riguardo al rito georgiano, spiega che esso non è altro che il rito greco con la lingua georgiana. Intende bene il movimento dei trenta mila georgiani che mordono il freno degli armeni, ma andrebbe adaggio ed esigerebbe prima un maturo studio della questione. Da ultimo [8] per ciò che riguarda gli addebiti contro Mons. Abrahamian, dice che un’inchiesta sarebbe difficile. Mons. Ropp forse non potrà occuparsene, i cappuccini di Odessa sono molto scadenti per essere pari all’impresa. Poichè la Propaganda ha chiamato già a Roma Mons. Abrahamian si potrebbe attendere. Inoltre la Segreteria di Stato potrebbe domandare al Governo se volesse ammettere la nomina di un Vescovo per gli Armeni del Caucaso. La diocesi già esiste - quella di Artwin. La Propaganda, poi, sceglierebbe il soggetto.

Scapinelli. Crede che sarà difficile che il Governo si metta sulla via del Concordato forse farebbero più al caso delle Convenzioni particolari. Opina che si debbano lasciar fare i Vescovi e che i cattolici, approfittino del prezioso momento, per domandare tutte le libertà possibili. Conviene coi Colleghi circa l’assetto territoriale e gerarchico. Si preoccupa delle diocesi di rito greco-ruteno soppresse e dei beni che ad esse appartenevano. A Kameniec che era in antico di rito greco-ruteno, si potrebbe nominare un Prelato di quel rito, [9] per dare anche una prima soddisfazione agli Orientali : svolge a lungo questo concetto, che trovasi anche in un Foglio, qui unito, in data del 15 Luglio 1917, più ampiamente esposto.

Marini - Desidera che si badi molto alla nazionalità degli informatori e dei candidati. Sono note le controversie tra Polacchi e Russi e le accuse reciproche. Nella scelta dei Vescovi conviene poi sommamente non urtare le molteplici nazionalità. Nominerebbe soltanto Mons. Ropp ed il Can. Lozinski : per le altre candidature, si rimetterebbe interamente al Delegato Apostolico. Sulla questione georgiana, solleciterebbe un Voto da persona bene informata e competente. Sul resto, accede alle opinioni precedentemente esposte.

Gasparri. La rivoluzione russa è apparsa provvidenziale. Mentre stavasi sotto l’incubo d’un eventuale insediamento dell’Impero Russo e della « Ortodossia » a Costantinopoli, la Provvidenza ha stornato il pericolo. Non solo, ma ha aperto le porte della Russia stessa alla benefica [10] influenza della Chiesa Cattolica. Riferisce quanto all’assetto delle diocesi di aver saputo che non mancherebbe la dotazione economica sufficiente ; poichè il Governo Russo non pretende di appropriarsi i beni della Chiesa Cattolica, ma semplicemente di amministrarli. Sembra quindi che non vi possano essere insormontabili difficoltà per tale dotazione. Tranne le due nomine per Mohilew e Minsk, conviene che le altre questioni debbano essere aggiornate, sino a che possa mandarsi un Rappresentante pontificio. Intanto è utile interessare Mons. Ropp a fare uno studio sulla situazione religiosa e sui problemi che si affacciano in un prossimo avvenire.

Scapinelli - Espone le idee contenute nel Suo Rapporto all’E[minentissim]o card.[inale] Segretario di Stato, in data del..., n°3688

Et facta, insequenti feria III, per me infrascriptum Beatissimo Patri relatione, SS~mus [Sanctissimus] resolutiones EEmorum[Eminentissimorum] Patrum adprobare dignatus est.

F. Marmaggi, Subsecretarius

62Annexe [p. 12-15] Note du cardinal Scapinelli, 15 juillet 1917 4 p. ms.

[1] La riorganizzazione della Chiesa di rito greco in Russia è un argomento di tale importanza da gareggiare con quello della sistemazione delle diocesi di rito latino. La conversione al cattolicismo della grande e della piccola Russsia è da sperarsi soprattutto dalla diffusione del rito greco cattolico. Questa è la ragione per cui il Governo degli Czar ha sempre impedito e proibito l’esercizio di questo rito. Venendo ora meno questa proibizione è aperta la porta della Chiesa cattolica non solamente a tutti quegli infelici uniati che furono colla violenza incorporati alla Chiesa scismatica, ma anche ad altri moltissimi cristiani di razza russa che potranno divenire cattolici senza abbandonare il loro diletto rito e senza esser tacciati di farsi latini o polacchi. La Chiesa cosidetta ortodossa perduto il suo appoggio e il suo fulcro nello stato, non riuscirà ad organizzarsi in modo vitale, essa andrà incontro allo sfacelo. Le popolazioni russe profondamente e ardentemente religiose non saranno facilmente preda del freddo protestantesimo ; il rito latino, quando avvenisse la separazione della Polonia dalla Russia, è a temersi che perderà ancora più la sua influenza, specie sulle popolazioni rurali : il passaggio alla Chiesa cattolica nel rito greco sarà per esse naturale e facilissimo. Nelle regioni dell’Ukraina ad es.[empio] il movimento verso l’unione si pronunzia sempre più, come ebbi anch’io a riferire alla S.[anta] Sede un anno fa. Gli Ukraini di Russia formano una popolazione di circa 35 milioni.

Checché ne sia del piccolo gruppo greco-cattolico di Pietroburgo, [2] sembra opportuno richiamare l’attenzione della S.[anta] Sede sulla questione della restituzione delle antiche diocesi cattoliche di rito greco violentemente soppresse in varie epoche dal Governo Russo, cominciando dai tempi di Caterina II, sino al 1875, anno in cui fu abolito l’ultima diocesi greco cattolica in Russia, quella di Kelm [sic]. I beni temporali di tutte queste diocesi furono dal Governo attribuiti alla Chiesa scismatica. Riguardo ai territori di queste diocesi, occupati ora dalle armate austro-tedesche, ricordo che fino dal principio della occupazione fu fatta presente ai Governi di Vienna e di Berlino che i beni temporali, chiese, monasteri che, già appartenenti alla Chiesa greco cattolica ed usurpati a favore degli scismatici, non cessavano di appartenere in diritto alla chiesa cattolica, perché la violenza non crea un diritto, nè stante la violenza stessa e le proteste della Chiesa cattolica non ha luogo alcuna prescrizione. Il Governo di Vienna rispose che ammetteva in massima tale principio, e che a suo tempo, cioè finita la guerra, ne sarebbe tenuto conto. Questi beni abbandonati in gran parte dai popi, fuggiti insieme agli eserciti russi, sono stati presi sotto sequestro dagli occupanti, in attesa del termine della guerra. So però [3] di casi in cui case e chiese sono già state restituite ai cattolici ; specialmente nella parte occupata dai tedeschi. Cosi mi fu riferito che l’antico convento e la chiesa degli Scolopi a Varsavia, che era adibito per seminario della diocesi scismatica sono state restituite agli stessi Scolopi.

Ma molti territori appartenenti alle soppresse diocesi greco-cattoliche, sono rimasti sotto la dominazione russa. Precisamente le due città di Minsk e di Kameniec di cui si tratta ora di nominare i Vescovi latini, erano le sedi di due tali diocesi. Il titolo di Kameniec rutheno è portato attualmente dall’arciv.[escovo] di Leopoli ; l’amministrazione ne è affidata al Vescovo di Luceoria e Zitomir ; Minsk è amministrato dall’arciv.[escovo] di Mohilew. La ricostituzione almeno di alcune di tali diocesi produrrebbe ottima impressione in quelle popolazioni, ed a me pare che si potrebbe cominciare con quella di Kamenec nella Ukraina, dove, come gia dissi, si notano buone disposizioni per l’unione, e dove non mancherebbero già i fedeli, sia fra gli uniati che già si dichiararono cattolici passando al rito latino, in forza dell’ukaze del 1905, sia fra i molti che ancora si convertiranno. Inoltre l’aumentato prestigio della Chiesa cattolica fra quella popolazione potrebbe servire a diminuire l’influenza dei principi liberali da cui sono animati molti fra i capi del movimento nazionalistico ukraino. Colla restaurazione delle antiche diocesi di rito greco che, la Chiesa cattolica [4] potrebbe lavorare alla conversione della Russia in modo completo per mezzo dei due riti posti in condizioni, come dice anche il Sig.[nore] Skirmunt, di eguaglianza assoluta e colla più ampia libertà per ciascuno che passi alla fede cattolica di scegliere il rito che preferisce.

Mi si permetta di aggiungere che nello studio di tale questione la S.[anta] Sede non deve sempre fidarsi delle informazioni e dei voti di parte polacca, perché disgraziatamente, tra i cattolici polacchi anche migliori, regna sempre la più viva antipatia pei loro fratelli ukraini di Galizia, che hanno sempre considerati come di razza inferiore, che hanno procurato in ogni modo di tener soggetto e di polonizzare, anche per mezzo del rito. Mentre un attestato di benevolenza della S.[anta] Sede alla oppressa nazione ukraina, produrebbe la migliore impressione anche nella parte scismatica di essa, non so quanto sarebbe gradita a molti polacchi. Sembra prossimo l’arrivo a Roma di Mgr Szeptyski. Questi nel suo esuberante affetto per la nazione ukraina, potrà contro-bilanciare, in caso, un azione polacca in contrario.

Document 65 : Session n°1221 - 23 juin 1918 : réorganisation diocésaine

AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1221, 1918, vol. 72.

63La ponenza

  • 18 Dans la relazione, le rapporteur indique la date du 1er avril pour ce document (ibid., p. 24).

55 pages

Titre

Sacra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinarii, Russia. Restituzione di diocesi, Giugno 1918

5-30

Relazione

30

Dubbi

« 1° Se debbansi restituire le due diocesi di Riga e di Kamenetz, di rito latino

Quatenus affirmative, se può fin d’ora proporsi al Santo Padre, come soggetto idoneo, alcuno dei candidati suindicati.

3° Quale risposta debba darsi alla richiesta del Sig. Lednicki circa l’invio di un Visitatore Apostolico in Russia »

31-35

Sommario Num. I

Lettre de Mgr Przeździecki (ancien vicaire général de Varsovie) au secrétaire d’État, 17.05.1918, latin (31-34)

Annexe : extrait de la lettre d’A. Lednicki à Mgr Kakowski (archevêque de Varsovie), Varsovie, 16.05.1918 (35), français

36-41

Sommario Num. II

Lettre de Mgr Ropp au secrétaire d’État, 15.04.1918, français

42-43

Sommario Num. III

Lettre de Mgr Szeptyckij au secrétaire d’État, Léopol, 10.04.191818, latin

44-45

Sommario N°IV

Lettre de Mgr Sapieha au nonce de Munich, Cracovie, 05.05.1918, italien

46-47

Sommario N°V

Lettre de Mgr Sapieha au nonce de Munich, Cracovie, 09.05.1918, italien

48-50

Sommario N°VI

Rapport de Mgr Skirmunt sur l’abbé O’Rourke, 19.12.1915, italien

51

Sommario N°VII

Lettre du p. Ledóchowski au secrétaire d’État, Zizers, 21.12.1915, italien

52

Sommario Num. VIII

Lettre du p. Ledóchowski au secrétaire d’État, Zizers, 31.12.1915, italien

53

Sommario Num. IX

Lettre de Mgr Sapieha au secrétaire d’État, Cracovie, 31.01.1916, italien

54-55

Sommario Num. X

Lettre du rév. Serge de Grum-Grzymaylo au secrétaire des Affaires ecclésiastiques extraordinaires, Lausanne, 05.02.1916, français

64Procès-verbal

Document

Description : 6 p. ms. italien + 3 p. d’annexes

Titre : « Sess.[ione] 1221, Congregazione particolare Russia Restituzione di Diocesi (v.[edi ] ponenza a stampa) 23 Giugno 1918 »

Cardinaux présents

De Lai, Merry del Val, Scapinelli, Giustini, Gasparri

Secrétaire

Cerretti

Ordre du jour

« 1° S’il faut reconstituer les deux diocèses de Riga et de Kamenec, de rite latin.

2° Si oui, si on peut dès maintenant proposer au Saint-Père, comme personne idoine, l’un des candidats mentionnés.

3° Quelle réponse doit-on donner à la demande de M. Lednicki au sujet de l’envoi d’un visiteur apostolique en Russie »

Décision des cardinaux

Tous les cardinaux souhaitent la reconstitution des deux diocèses, à l’exception de Merry del Val qui voudrait des informations supplémentaires, en particulier sur Riga. Finalement, ce dernier se range à l’opinion de la majorité. L’affaire sera au préalable soumise au jugement de Mgr Ratti. L’unanimité se fait sur les candidatures de l’abbé Mankowski pour Kamenec et de l’abbé O’Rourke pour Riga.

Décision finale

Approbation par Benoît XV en audience

65[1] L’E[minentissi]mo Card. De Lai non potendo intervenire ha inviato il suo parere in iscritto ed è annesso al verbale.

Card. Merry del Val. Invidio chi può prevedere ciò che accadrà in Russia. Può darsi che ritorni la Monarchia : in questo caso la situazione della Chiesa sarà forse peggiore di prima. Quanto alla restituzione delle Diocesi di Riga e Kamieniec distinguerei la questione teorica e pratica. In teoria sono d’accordo con l’E[minentissi]mo Card.[inale] De Lai, cioè che le due Diocesi devono essere restituite. Ma abbiamo gli elementi per agire ? Forse per Kamieniec la cosa non sarebbe difficile, ma per Riga vedo la cosa, in pratica, molto difficile. [2] Non credo che abbiamo in mano elementi sufficienti per decidere. Oggi non mi pare che si possa fare una cosa duratura. Se vogliamo fare delle Diocesi sulla carta, facciamole, ma in realtà non potranno sussistere. Per una Diocesi occorrono fondi, sacerdoti, ecc. Quindi in massima risponderei affirmativamente, ma si prendano ulteriori e dettagliate informazioni prima di emanare la Bolla di erezione o di ricostituzione delle due Diocesi.

Card. Scapinelli. Quanto a Kamieniec, sebbene i cattolici non siano molti, praticamente mi sembra possibile la ricostituzione della Diocesi latina. Poi si penserà a quella di rito greco. Le grandi masse sono per il rito greco e perciò sarà necessario fare una Diocesi anche di rito greco. Quanto a Riga è vero mancano molti elementi, ma sarebbe bene fare subito una affermazione. [3] È certo che Mohilew si dovrà dismembrare, quindi anche se in seguito si dovessero fare altre modificazioni, sarebbe poco male.

Card. Merry del Val - Come si manterrebbe la Diocesi di Riga ?

Card. Scapinelli. - Il numero dei cattolici in questa parte della Russia è molto elevato, quindi si può fare arrangiamento anche con le contribuzioni dei fedeli. Del resto bisogna profittare del momento per trovarci, direi quasi, con un piede a terra, qualunque sia l’avvenire della Russia. Non è improbabile che ritorni lo Czarismo, ma non sarà quello di una volta.

Card. Gasparri. -Se ritorna si appoggerà certamente sull’ortodossia, ma non con quei metodi brutali contro la Chiesa Cattolica di cui ha fatto uso finora.

Card. Giustini. - Anch’io ritengo che bisogna profittare del momento. Se un pericolo deve venire, è meglio che ci trovi un pò organizzati. Del resto se le cose rimangano come sono oggi, sarà peggio.

[4] Card. Merry del Val - Ma possiamo organizzare queste due Diocesi ?

Card. Giustini. - Ecco, intanto direi che si decida la ricostituzione delle due Diocesi. Alla domanda poi, come ricostituirle ? Su quali basi ? Con quali elementi ? Risponderei : l’E[minentissi]mo Segretario di Stato procuri subito ottenere ulteriori informazioni, e dia seguito alla decisione.

Card. Gasparri. - Sono dello stesso parere. Ammetto come principio di massima che le due Diocesi si devono ricostituire. Anzi rimane stabilita la loro ricostituzione. Quanto ai dettagli abbiamo in Polonia Mons. Ratti, persona che gode la piena fiducia della Santa Sede ; gli si dà l’incarico di esaminare senza ritardo la cosa nei suoi dettagli e di procedere poi alla restituzione delle due Diocesi.

Card. Merry del Val. - E il Governo tedesco non farà difficoltà ?

[5] Card. Gasparri - Vedremo. Intanto diamo l’incarico a Mons. Ratti di occuparsi di questo affare.

Card. Merry del Val - Quanto ai candidati, confesso che quello raccomandato da Mons. Szeptycki non mi ispira troppa fiducia, e le informazioni che si hanno di lui da Mons. Sapieha non sembrano troppo favorevoli. Quindi proporrei il Rev. Mankowski per Kamieniec ed il Rev. O’Rourke per Riga. Per ambedue abbiamo informazioni ampie, dettagliate e concordi, e sono buone.

Tutti gli E[minentissi]mi convengono con l’E[minentissi]mo Card. Merry del Val.

Card. Scapinelli - Proporrei che si scrivesse a Mons. Ratti dicendo : la S.[anta] Sede ha deciso la ricostituzione delle diocesi di Riga e di Kamieniec. V. S. veda se vi si opponga alcuna difficoltà, e riferisca subito. Quanto ai Vescovi rispettivi la S.[anta] Sede avrebbe pensato di nominare il Rev. Mankowski per Kamieniec [6] ed il Rev. O’Rourke per Riga. V. S. con la massima sollecitudine mi dica se nulla si oppone alla loro nomina.

Tutti gli E[minentissi]mi approvano.

Et facta Feria IIIa insequenti Beatissimo Patri relatione per me infrascriptum Secretarium, Sanctitas Sua resolutiones E[minentissi]morum Patrum approbare dignata est.

+B. Cerretti

Archiep. Corinthien, Secretarius

66Annexe : Avis de De Lai, 3 p. ms. italien non paginées

[1] + 22 Giugno 1918

In questa importantissima ponenza il mio pensiero in breve è questo.

Credo che non si debba perder tempo e che si abbia da prender posto finchè l’ingresso è aperto. È la libertà dei poveri ; ma c’è una certa libertà e bisogna approfittarne.

Chi non sa cogliere il momento opportuno non ha che a piangere poi della sua irresolutezza. Io poco credo ad un restauro dello Czarismo stabile ; può rivenire, ma per essere di nuovo rovesciato, come la monarchia in Francia nel secolo passato.

Mi pare impossible pel momento creare una chiesa greco-cattolica russa colla relativa gerarchia, tanto più che si dice che le classi alte e colte tendano al latinismo : e si comprende !

L’oriente è la barbaria : l’occidente, il mondo latino rappresenta la cultura, la civiltà etc, a cui inclina il mondo russo.

Perciò, pur tenendo in vista la creazione d’una gerarchia greco-cattolica russa (cosa scabrosissima !) ; intanto io sommessamente penserei essere non solo ottima, ma necessaria cosa organizzare la chiesa latina esistente e completarla.

Quindi al 1° dubbio circa la ricostituzione delle due diocesi di Riga e Kamenetz di rito latino io sarei d’avviso di rispondere Si.

  • 19 Ville de Podolie, actuellement en Ukraine.

[2] Quanto ai candidati per queste due sedi, io per ora non accetterei il Rev. Tokarzewski, par[roco] di Bar19, vista il brutto attestato che da di lui il Vescovo di Zitomir (che è confinante con la diocesi di Podolia o Kamenetz, di dove è il par[roco] di Bar) Bisognerebbe però bene assodare l’imputazione che gli si fa d’essere prepotente ed imprudente, in vista degli eccellenti attestati che di lui si danno da altri. Quindi per costui, secondo me, dilata.

Troverei invece accettabile per Kamenetz-Podolsk il rev. Mankowski.

Per Riga mi parebbe che potesse andare O’Rourke. La sua origine irlandese potrebbe anche giovare per renderlo accetto ai Tedeschi dominanti.

All’ultimo dubbio poi, dell’invio d’un Visitatore in Russia, io sarei favorevolissimo. E secondo me il Visitatore dovrebbe avere il mandato 1a di riordinare la Gerarchia colla creazione di nuove diocesi tanto in Europa quanto in Siberia.

In Siberia credo che due Vicariati apostolici uno a Tobolsk per l’occidente, ed uno forse a Wladivostock per la parte orientale, si [3] impongono.

Ha mille ragioni Mgr de Ropp di dolersi della sua diocesi com’è costituita. Sarebbe da esaminare se, fatta Riga col relativo territorio non sarebbe da trasportare a Mosca la residenza dell’Arciv.[escovo] di Mohilew ; e si potrebbe anche mutargli il titolo, od unirlo a quello di Mohilew. Mosca è il centro di tutte le ferrovie russe il più importante, ed inoltre l’antica, e forse la futura capitale della restante Russia. Pietrogrado stretta da una parte dalla Finlandia, dall’altra dalle provincie mezzo-tedesche dell’Estonia, Livonia e Kurlandia deve necessariamente essere abbandonata come capitale, e forse decadrà.

La diocesi di Tiraspol al Sud è un assurdo, minore di Mohilew, ma non piccolo. Tra Tiraspol sul Dniester e quindi sul confine della Bessarabia, e Saratow, residenza del Vescovo, vi è la distanza che da Costantinopoli a Vienna in linea diretta. Per la strada poi chi sa ?

Quanto alle provincie, che ora sono solo due, Varsavia e Mohilew, chiaro è che bisogna multiplicarle, ma forse ciò dovrebbe rimettersi post bellum, quando una certa stabilità di stati sia fissata.

P. S. Quanto al Visitatore per ora credo che sia bene che Mgr Ratti sia incaricato de utroque missione

+ G. Card. De Lai

Document 66 : « Réunion » sans numéro - 17 décembre 1923 : relations diplomatiques avec l’URSS

Même si elle n’appartient pas à la série des sessioni (pas de numéro, classement en dehors des archives de la Congrégation des Affaires ecclésiastiques extraordinaires), cette réunion de la Secrétairerie d’État est mentionnée dans l’inventaire des sessioni et tous les cardinaux présents à la réunion sont membres de la Congrégation.

67La ponenza

AA.EE.SS., IV, Russia, pos. 659, fasc. 40, f. 59sq.

  • 20 Le nom de l’auteur a été caviardé sur cet exemplaire de la ponenza, mais l’identité de Walsh est at (...)
  • 21 Il s’agit de la lettre de Iordanskij à Pizzardo, Rome, 30.11.1923 (Représentation de l’Union des RS (...)
  • 22 En fait il s’agit bien sûr du 06.12.1923 (original dans AA.EE.SS., IV, Russia, pos. 659, fasc. 39, (...)

84 pages

Titre

Segreteria di Stato di Sua Santità. Russia. dicembre 1923

5-27

Relazione

27

Dubbio

« Se e come possa accogliersi la richiesta del Governo Russo di avere relazioni dirette e diplomatiche colla Santa Sede »

29-30

Sommario N°I

Accord Gasparri-Vorovsky, 12.03.1922, français

31-32

Sommario N°II

Mémorandum du Saint-Siège à la Conférence de Gênes, mai 1922, français

33-34

Sommario N°III

Lettre de remerciement d’Alexis Strahoff au Saint-Père, s. d., français

35-37

Sommario Num. III bis

Lettre de remerciement du prieur d’un couvent (archimandrite Hilarion) et de ses moines, au directeur de la Mission d’aide, s. d., français

38-45

Sommario N°IV

Rapport du père Walsh20 sur l’état de l’Église en Russie, remis à la secrétairerie d’État le 06.12.1923, traduction italienne de l’anglais

46

Sommario N°V

Lettre d’ultimatum de Iordanskij à Pizzardo, 26.11.1923, français

47-50, 51

Sommario Num V bis

Actes et ordonnances du Gouvernement : « Instruction sur l’ordre d’enregistrement des sociétés religieuses », signé Commissaire de la Justice Koursky et adjoint du commissaire des affaires intérieurs [sic] Beloborodoff, 27.04.1923, français (47-50)

Annexe I (51) : « Statut »

52

Sommario N°VI

Lettre de Pizzardo à Iordanskij, 16.11.1923, N°24019, français

53-57

Sommario N°VII

Réponse de Iordanskij à Pizzardo, 27.11.1923, français

55-58

Sommario Num. VIII

Lettre de Pizzardo à Iordanskij, 27.11.1923, N°21520

Annexe I (57) : extrait de « Hebdomadaire de la justice soviétique », N°26, 05.07.1923

Annexe II (58) : formulaire de déclaration de société religieuse

59

Sommario Num. IX

Lettre de Iordanskij à Pizzardo, s. d.21, français

61-62

Sommario Num. X

Lettre de Pizzardo à Iordanskij, 06.12.192422, N°24902 (p. 60) et mémoire de Walsh en version française

63

Sommario Num. XI

Déclarations de Mussolini à la Chambre des députés, italien

64-65

Sommario Num. XII

Ordre du jour du comité exécutif du Parti communiste italien, s. d., italien

66

Sommario Num. XIII

Extrait d’un discours de Lord Curson [Curzon] aux premiers ministres des Dominions, septembre 1923, italien.

67-70

Sommario Num. XIV

Bulle Sollicitudo ecclesiarum de Grégoire XVI, 09.08.1831, latin

71

Sommario Num. XV

Voto du Marquis Alessandro Corsi, ancien professeur de droit international à l’université de Pise, italien.

72-75

Sommario Num. XVI

Extrait de Paul Fauchille, Traité de Droit International Public, Paris, Librairie Rousseau, 1922, p. 320-324

76-84

Sommario Num. XVII

Voto du père Rosa, italien.

68Procès-verbal

AA.EE.SS., IV, Russia, pos. 659, fasc. 41, f. 6-21. On trouve en f. 22-33 une version dactylographiée du procès-verbal dans laquelle ont été masqués les noms des cardinaux.

Document

12 p. dact. + 2 p. ms. + 1 p. récapitulant les décisions, italien. Nous suivons ici la pagination du fascicule.

Titre : « Adunanza del 17 Dicembre 1923 »

Cardinaux présents

Vico, Granito di Belmonte, Merry del Val, Scapinelli di Leguigno, Ragonesi, Tacci, Locatelli, Gasparri

Pas de sécrétaire indiqué

Cependant Pizzardo communique les décisions au Saint-Père

Ordre du jour

« Si et comment la demande du Gouvernement russe d’avoir des relations directes et diplomatiques avec le Saint-Siège peut être accueillie »

Décision des cardinaux

Alors que les cardinaux expriment leur méfiance ‑ voire leur hostilité – quant à un accord avec les Soviets et exigent des garanties préalables (libération des prisonniers, demande formelle de la part des soviets…), Tacci et Gasparri font preuve d’un état d’esprit assez différent. Ils se disent prêts à aller le plus loin possible pour aider les populations russes. L’intervention de Gasparri est à cet égard particulièrement forte puisqu’il se dit prêt à une reconnaissance pleine et entière du gouvernement soviétique si les conditions de survie minimale de l’Église catholique sont respectées.

Décision finale

Pie XI, dans l’audience accordée le 18 décembre à Pizzardo, adopte une position en retrait par rapport à celle de Gasparri, et correspond ainsi mieux à la prudence voulue par la majorité des cardinaux.

Il accepte ainsi l’envoi d’un délégué apostolique avec caractère épiscopal à la condition que soient libérés les catholiques prisonniers et que soient obtenues des garanties fortes pour les catholiques de Russie (utilisation des églises, enseignement pour les mineurs de moins de 18 ans).

69[6r] L’E[minentissim]o Card. Vico legge il suo voto nel quale espresso un severo giudizio sul Governo dei Sovieti, ritiene peraltro che, in vista degli interessi supremi della Religione, non si possa non accogliere in qualche modo il desiderio espresso dal Governo stesso di entrare in relazione diretta colla Santa Sede. Afferma però che a ciò non solo occorrono garanzie e concessioni effettive, almeno quelle indicate dal P.[adre] Walsh, ma occorre pure procedere per gradi. Penserebbe di cominciare con una Missione temporanea, come suggerisce anche il Prof.[essore] Corsi, ed uniformandosi pure ai precedenti già in altre occasioni adottati dalla Santa Sede. Parimenti circa le garanzie occorrerebbe che fossero formali ed i fatti decisivi : ad es.[empio] la liberazione [7r] effettiva dei condannati potrebbe essere un buon inizio.

L’E[minentissim]o Card. Granito di Belmonte dice che, oltrepassando le sue attribuzioni, si permette manifestare una sua idea affinchè, se sia il caso, venga umiliata al SANTO PADRE. Prima che s’incominci a trattare in modo definitivo col Governo Russo, sarebbe un colpo di grande conseguenza per il Cattolicismo in quei paesi se il SANTO PADRE nel prossimo Consistoro riservasse in pectore l’Arcivescovo Cieplak, per poi pubblicarlo quando le trattative diplomatiche fossero conchiuse. Liberato il Cieplak, il SANTO PADRE se lo chiamerebbe a Roma, gli potrebbe affidare il Seminario russo ed avere un buon consigliere per le questioni religiose di quei Paesi. Divenuto il Cieplak romano, neanche vi sarebbero le complicazioni della Berretta, o altro.

L’E[minentissim]o Card. Merry del Val fa un’interrogazione pregiudiziale, cioè se esiste da parte del Governo Russo una richiesta formale di entrare in relazioni dirette colla Santa Sede. A suo avviso questa richiesta è necessaria perché poi essi, così astuti come sono, non possano dire che è la [8r] Santa Sede che ha chiesto di entrare in trattative dirette con loro.

Ricorda l’insegnamento del Consalvi circa il Governo Russo dello Czar : « diffidate quanto mai ». Ora il Governo attuale è ben peggiore.

Sarebbe bene aspettare, avere qualche cosa di scritto, di formale. Lo scopo dei Sovieti è di trar profitto, per rinforzarsi e a ciò tende la loro azione presso la Santa Sede.

Esprime poi i suoi dubbi e timori, che cioè la presenza di un rappresentante pontificio in Russia ottenga realmente dei vantaggi per la Chiesa ed invece ciò esponga al pericolo di far perdere alla S.[anta] Sede il suo prestigio in Russia e fuori.

Però se si avessero serie garanzie, che si riuscirà a qualche cosa, si potrebbe procedere, ma usando la massima cautela. Non si invii un Nunzio, e forse neppure un Delegato Apostolico, ma un semplice Rappresentante con incarico di trattare in via straordinaria e senza carattere episcopale.

Così si avrebbe il vantaggio di poterlo richiamare facilmente ed anche presso i Soviets, non avendo esso carattere religioso, potrebbe più facilmente muoversi, non sarebbe troppo legato, e potrebbe definire il campo della sua attività, cioè di andare e di rimanere « per trattare e concludere ». Non avrebbe carattere di stabilità, sarebbe insomma [9r] un inviato in missione straordinaria, con veste diplomatica limitata ad un determinato campo.

L’E[minentissim]o Card. Scapinelli concorda in massima cogli E[minentissi]mi che lo hanno preceduto ed osserva che, se anche il Governo russo non si contentasse di un semplice Inviato con missione straordinaria, e volesse un Inviato vero e proprio, ciò peraltro non comporterebbe il riconoscimento della legittimità del regime, o dei principi etici a cui si informa. Però, dal lato pratico, l’E[minentissim]o si chiede quali garanzie si hanno e che fiducia ispirino, giacchè l’esperienza passata insegna che il Governo Russo ha sempre cercato di opprimere i cattolici valendosi delle sue relazioni colla S.[anta] Sede.

Prospetta il grave rischio e le difficoltà della cosa. Desidera domande formali anche per poter giustificare gli eventuali passi della Santa Sede davanti alla pubblica opinione. Desidera che la S.[anta] Sede faccia conoscere ai Sovieti ed al mondo il senso che essa dà agli eventuali accordi, affine di impedire lo scandalo ad evitare che si possa dire che la S.[anta] Sede approva in qualche modo quel Governo.

Se si venisse a qualche riconoscimento, spiegare bene che cosa la S.[anta]Sede intende con esso. Usare infine tutte le altre cautele indicate dagli altri E[minentissi]mi.

[10r] L’E[minentissim]o Card. Ragonesi ha forti parole contro i Soviets, e dice che non si può paragonare a qualsiasi altro Governo. Nega anche che si possa dire Governo di fatto, perché un potere che agisce contro il diritto delle genti (come è quello dei Soviets) non può dirsi Governo. Un Governo che agisce contro i principi dell’etica naturale, che abolisce il diritto di proprietà, che non riconosce il diritto dei genitori sui figli, che perseguita la religione, anzi il sentimento religioso, non può dirsi Governo.

Confuta le esemplificazioni contenute nel voto del P.[adre] Rosa ; non è il caso di citare Napoleone, che si presentava come un salvatore ; così pure dice che le argomentazioni della Bolla citata nella Ponenza, non fanno al caso nostro, giacchè quella riguardava veri Governi. Il caso attuale dei Soviets non ha riscontro nella storia. Non dice di rigettare senz’altro ogni contatto, o di chiudersi in un assoluto riserbo, ma dice che si deve evitare qualsiasi passo il quale possa significare qualsiasi riconoscimento del Governo Russo, e prospetta tutta l’impressione che ciò può fare sulla pubblica opinione.

Dietro ripetuti inviti dell’E[minentissim]o Gasparri che insiste affinchè l’E[minentissim]o Ragonesi dia una linea conclusiva, questi fa il paragone dei vantaggi e dei danni che ne possono venire allo stesso prestigio della S.[anta] Sede in Russia, ove la popolazione considera ancora lo Czar come padre.

[11r] E circa l’invio di un qualsiasi rappresentante della S.[anta] Sede con certe facoltà, l’E[minentissim]o Ragonesi afferma che i casi citati nella ponenza sono ben diversi, e conclude dicendo che non si sente di dire altro che dilata et compleantur acta.

L’E[minentissim]o Card. Tacci dice che non si deve aver la responsabilità di perdere una (così detta) buona occasione per fare un qualche tentativo a favore delle povere popolazioni russe. Il passo confidenziale fatto dai Soviets è qualche cosa ; in precedenza è stata in Russia una Missione Pontificia, la quale colle opere di carità ha aperto il cammino, ed ha procurato grandi vantaggi. Ciò non si sarebbe potuto fare senza dei contatti, almeno personali, colle autorità dei Soviets. Nel caso attuale se si premettessero certe condizioni e dichiarazioni – cioè che la S.[anta]Sede non viene a riconoscere, in senso vero e proprio, il Governo, nè la sua legittimità – si potrebbe andare per tale via. Si potrebbe anche incominciare con un Delegato Apostolico, coll’incarico di trattare col Governo. Forse ciò basterebbe, perché il Governo Russo si sentirebbe lusingato da questo contatto. Da parte sua il Delegato Apostolico verrebbe a sapere quali sono veramente le intenzioni e potrebbe far qualche cosa.

Se poi i Soviets non si contentassero di un Delegato Apostolico, il quale non ha [12r] carattere diplomatico, si potrebbe vedere se sia il caso di far qualche cosa di più. Si può sempre facilmente spiegare il passo della S.[anta]Sede. Essa lo fa per ragioni supreme del bene delle anime, secondo la missione affidatale da Gesù Cristo. Invece le altre Potenze danno i loro riconoscimenti per vantaggi puramente economici. Conclude affermando che devesi aver fiducia in Dio, e che vi è sempre modo di illuminare la pubblica opinione facendo conoscere che la S.[anta] Sede fa questi passi unicamente in vista dei bisogni supremi delle anime.

L’E[minentissim]o Card. Locatelli è piuttosto nell’ordine di idee dell’Em.[inentissim]o Tacci. Al dubbio risponderebbe affermativamente alla 1a parte, cioè purchè l’invio non riconosca la legittima [sic] dei Soviets.

Si metta poi in evidenza che il contatto è temporaneo.

L’E[minentissim]o Card. [Gasparri] legge poi il voto qui appresso riportato [16 r]

La presente questione è gravissima ; la risposta può avere conseguenze della più alta importanza per l’avvenire della Chiesa Cattolica in Russia.

Quanto bene abbiano fatto le Missioni Pontificie in Russia apparisce dalla Relazione e dai varii documenti allegati alla Ponenza. Quale sia la situazione attuale in Russia, lo abbiamo dal Rapporto del P.[adre] Walsh n°4 del Sommario. Essa è talmente grave che la Santa Sede deve fare tutto il possibile per recarvi un rimedio, salvi i principii del diritto e della morale ed evitando anche per quanto è possibile lo scandalo. Io ritengo che noi dobbiamo prendere in esame il quesito propostoci con queste disposizioni di animo, cioè di andare fino all’estremo limite del possibile pur di ottenere et quidem in scriptis quei miglioramenti che sono assolutamente necessarii e che sono enumerati dal P.[adre] Walsh nel citato Rapporto.

Ciò posto, passo a rispondere al quesito.

Se si trattasse di nominare un semplice Delegato Apostolico in Russia, io non vi vedrei alcuna difficoltà. Il Delegato Apostolico non ha rapporti officiali col Governo locale ; e di fatto la Santa Sede ha il Delegato Apostolico in Cina, Giappone, ecc. benchè tra quei Governi e la Santa Sede non vi siano rapporti officiali.

[17r] E la mancanza di rapporti officiali non impedisce che il Delegato Apostolico possa, se occorre, trattare col Governo locale e viceversa, come accade di fatto nei paesi indicati ; io stesso ho trattato col Rappresentante dei Sovieti in Roma ed ho firmato con lui una convenzione che è in Sommario e Mons. Pizzardo trattò in Genova collo stesso Tchitcherine. Ora a me il P.[adre] Walsh e il P.[adre] Tacchi-Venturi, col quale fu a parlare il Segretario privato di Tchitcherine venuto e presente in Roma, mi assicurarono che il Governo dei Sovieti si sarebbe contentato di un semplice Delegato Apostolico in cambio delle concessioni richieste. Io adunque prima di tutto, iniziandosi le trattative, proporrei un Delegato Apostolico, al quale si darebbe un documento officiale che lo autorizzi a trattare in nome della Santa Sede con tutti, non escluso il Governo. Però, siccome anche la nomina di un semplice Delegato Apostolico in Russia recherebbe vantaggio al Governo dei Sovieti, benchè minore di quello che gli recherebbe la nomina di un Nunzio o Pro-Nunzio, io domanderei in cambio dal Governo ciò che il P.[adre] Walsh enumera nel citato Rapporto ; se il Governo rifiuta, io sospenderei la nomina del Delegato. Il quesito presenta maggiore difficoltà se il Governo domandasse il riconoscimento ; ossia relazioni dirette e [18r] diplomatiche ; e di questo trattasi nel quesito. Ora il riconoscimento suol essere o chiamarsi de facto o de jure.

Se il Governo domandasse il riconoscimento de jure e volesse espressamente che con questo riconoscimento la Santa Sede approvasse la rivoluzione russa e la sua legislazione, evidentemente la Santa Sede non potrebbe accogliere la domanda. Però è da notare che nel linguaggio diplomatico usuale il riconoscimento de jure non ha questo senso ; ed è improbabile che il Governo domandi tale riconoscimento esiggendo che alla parola diasi il senso indicato.

Quid se il Governo domandasse il riconoscimento de facto ? Io ritengo che la Santa Sede potrebbe accordarlo, purchè il Governo conceda ciò che il P.[adre] Walsh enumera nel citato Rapporto. Infatti nel linguaggio comune, conforme al senso della parola, il riconoscimento de facto non significa che questo : « riconosco che voi attualmente governate il Paese e perciò non si può trattare di affari che con Voi ». Se è detto espressamente che trattasi di riconoscimento de facto, non si avrebbe, mi sembra, scandalo alcuno. In questo riconoscimento si potrebbe incominciare da un Incaricato d’Affari.

Quid se il Governo domandasse il riconoscimento de jure ? Nel linguaggio diplomatico usuale il riconoscimento de jure [19r] ha lo stesso significato che il riconoscimento de facto ; quindi a rigore la Santa Sede potrebbe concederlo. Però a coloro che non sono famigliari col linguaggio diplomatico, ossia ai più, la parola de jure può ingenerare il senso che abbiamo detto non potersi ammettere ; perciò la opinione pubblica ne sarebbe scandalizzata, il che noi dobbiamo evitare.

Quid finalmente se il Governo domandasse il riconoscimento tout court senza dire de facto o de jure ? La difficoltà sarebbe minore, potendosi il riconoscimento accordato dalla Santa Sede intendersi de facto, molto più poi se un documento officiale, come sarebbe un comunicato dell’« Osservatore », lo chiamasse espressamente de facto. Quindi io ritengo che anche in questo caso la Santa Sede potrebbe concedere il riconoscimente [sic], sempre però che il Governo conceda ciò che il P.[adre] Walsh enumera nel suo citato Rapporto. Per debito di lealtà io ritengo che converrebbe in un modo o in un altro far risaltare che noi intendiamo il riconoscimento di fatto, per impedire che il Governo reclami contro il comunicato dell’« Osservatore ».

[20r] L’E[minentissim]o Card. Merry del Val osserva che neppure i Soviets pretenderanno cose impossibili, e comprenderanno bene che la S.[anta] Sede non può riconoscere ciò che totalmente contro i principii cristiani, contro la stessa natura divina della Chiesa cattolica.

Insiste sulle cautele da adoperare, affinchè non si interpretino gli eventuali passi della S.[anta] Sede in modo diverso da quello che sono.

Anche l’Em.o Card. Ragonesi si unisce fino ad un certo punto alle idee espresse dall’Em.[inentissim]o Gasparri, pur affermando che non crede possibile nulla di concreto, mancando i Soviets di sincerità.

70f. 21 : Pizzardo, Note d’audience pontificale, 18.12.1923, 2 p. ms.

[21r] Di questi pareri degli E[minentissi]mi Signori Cardinali si è dato conoscenza al Santo Padre nell’udienza del 18 Dicembre 1923. E Sua Santità, pur ritenendo prematuro ogni riconoscimento de iure ed ogni invio di Nunzio od Inviato con carattere diplomatico, opinò che si poteva fare l’esperimento di inviare un Delegato Apostolico con carattere Vescovile. Esso non solo avrebbe tutte le facoltà spirituali per provvedere ai bisogni di quei fedeli, ma avrebbe anche facoltà di trattare con tutti, compreso il Governo dei Soviety. Però a tale invio occorrerebbe precedesse qualche segno di buona volontà da parte dei Soviety stessi, cioè la liberazione di Mgr Cieplak e dei suoi compagni di carcere, ed inoltre che si ottenesse preventivamente 1/ la libertà [21r] pel Delegato Apostolico di esercitare il suo ufficio spirituale presso i fedeli in Russia 2/ una sistemazione della situazione ecclesiastica almeno A/ per ciò che concerne l’uso delle Chiese Cattoliche B/ per ciò che concerne l’insegnamento della religione ai fanciulli prima dei 18 anni (insegnamento che ora è vietato sotto le più gravi pene).

E. Pizzardo

Notes

1 Un document supplémentaire « da unirsi alla Ponenza » fut remis aux cardinaux et se trouve dans le dossier à la suite du procès-verbal (original : AA.EE.SS, III, Polonia, pos. 16, fasc. 5, f. 18).

2 Il s’agit de la lettre du secrétaire d’État à Schumpp, 07.02.1909 (N°35415), cf. AA.EE.SS, III, Russia, pos. 929, fasc. 305, f. 53.

3 Cf. bulle « In universalis Ecclesiae », du 8 mars 1807, dans Bullarii romani continuatio summorum pontificum... Tomus septimus, pars I, Pii VII. continens pontificatum ab anno primo usque ad annum XV, Prati, 1850, p. 895-899.

4 Félix-Jacques Joseph Charmetant (1844-1921) était directeur de l’Œuvre des écoles d’Orient.

5 Le registre des protocolli de la Secrétairerie d’État indique que ces deux documents se trouvent dans la rubrique 284. En fait, le prot. N°49.016 se trouve dans ASV, Segr. Stato, rub. 251 (1911), fasc. 6, f. 52-53, mais il s’agit de la réponse de Mgr Kluczyński à Merry del Val (Petropolis, 27.02.1911, 4 p. ms. latin). Quant au prot. 49620 il est indiqué dans le registre en date du 20 mars 1911, et semble être conservé aux archives des Affaires ecclésiastiques extraordinaires.

6 Il s’agit des Acta Apostolicae Sedis, dont le sous-titre est d’ailleurs « Commentarium officiale ».

7 Il s’agit du bref aux ordinaires de l’Empire russe (Ubi inscrutabili) du 3 juillet 1848, dans Esposizione documentata sulle costanti cure del Sommo Pontefice Pio IX a riparo dei mali che soffre la Chiesa cattolica in Russia e Polonia, Rome, Stamperia della Segreteria di Stato, 1866, p. 40-41.

8 On sait qu’étaient convoqués également Ferrata et Gasparri et qu’ils avaient reçu le projet de mémorandum : AA.EE.SS., Rapporti delle Sessioni, N°1165, 1912, vol. 67 : Scapinelli à Merry del Val (copies à Vannutelli V., Rampolla, Di Pietro, Ferrata, Gasparri), Vatican, 16.02.1912.

9 Cf. document 9 des Annexes.

10 Il s’agit vraisemblablement du conseil des consulteurs de la Commission cardinalice pour la codification du droit canonique, appelé précisément consulta, et présidé par le secrétaire (ponens) de la Commission cardinalice, c’est-à-dire Gasparri. Voir F. Jankowiak, La Curie romaine… cit., p. 619.

11 L’original de ce document indique une date légèrement différente : 06.12.1912 (ASV, Segr. Stato, rub. 284 (1911), fasc. 2, f. 90-134).

12 L’exemple allemand démontre qu’un modus vivendi peut être trouvé sur la question des mariages mixtes : Decretum Provida, 18.01.1906, dans ASS, 1906 (39), p. 81-84. Sur la réception de Ne temere en Allemagne, voir J. Besson, Le décret « Ne Temere » : nouveaux éclaircissements, dans Nouvelle revue théologique, 1908 (40‑1), notamment p. 282-289.

13 Il s’agit vraisemblablement de Grégoire XVI, qui intervint publiquement en 1842. Cf. les pages 11 et 93 du livre.

14 Par définition, le concordat « ayant pour but d’organiser les rapports entre l’Église et l’État relativement à certains objets qui les intéressent tous deux », l’« objet » du concordat peut être « au gré des parties intervenantes [...] soit les matières ecclésiastiques, soit les matières civiles », par exemple, les questions concernant l’enseignement, le mariage, la dotation du culte et du clergé, la nomination des évêques et des curés, la circonscription des diocèses... Voir R. Naz, Concordat, dans DDC, t. III, col. 1353-1383 (citations, col. 1353 et 1360).

15 L’assistance passive désigne la présence d’un ministre du culte catholique à un mariage célébré par un prêtre schismatique. La législation sur les mariages mixtes avait prévu la possibilité d’une assistance passive du curé catholique (décret du Saint-Office, 21.06.1912), mais cette possibilité fut abrogée par le CIC de 1917 qui rend inopérante la présence du curé catholique si les cautions exigées au can. 1061 § 1 et 2 ne sont pas fournies. Voir R. Naz, Mariage en droit occidental (...) XXI. Mariage mixte, dans DDC, t. 6, col. 784-787.

16 Il s’agit du mémorandum remis le 23 juin. Cf. document 13 des Annexes.

17 Après de très longues négociations, le Saint-Siège signe le 24 juin 1914 un concordat avec la Serbie (A. Mercati [éd.], Raccolta di concordati… Vol. I… cit., p. 1100-1103).

18 Dans la relazione, le rapporteur indique la date du 1er avril pour ce document (ibid., p. 24).

19 Ville de Podolie, actuellement en Ukraine.

20 Le nom de l’auteur a été caviardé sur cet exemplaire de la ponenza, mais l’identité de Walsh est attestée par ce qu’en dit Gasparri au f. 16r.

21 Il s’agit de la lettre de Iordanskij à Pizzardo, Rome, 30.11.1923 (Représentation de l’Union des RSS en Italie, N°3902) dont l’original est en AA.EE.SS., IV, Russia, pos. 659, fasc. 39, f. 15-16.

22 En fait il s’agit bien sûr du 06.12.1923 (original dans AA.EE.SS., IV, Russia, pos. 659, fasc. 39, f. 22 : Pizzardo à Iordanskij, Vatican, 06.12.1923, Secrétairerie d’État N°24902).

© Publications de l’École française de Rome, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540