Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La politique russe du Saint-Siège (1905-1939)

 | 
Laura Pettinaroli

Annexes documentaires

Documents sur les questions religieuses

Texte intégral

Document 24 : frontispice de Věra i Žizn' (Foi et Vie), périodique catholique en russe (1910)

Вђра и жизнь, janvier 1910 (année 3, n°1), p. 1.

Droits réservés : Fonds slaves de la Bibliothèque de l'ENS de Lyon.

Document 25 : Benoît XV, Prière pour l’Union des chrétiens d’Orient, 15 avril 1916

1O Seigneur, qui avez uni les diverses nations dans la confession de votre nom, nous vous prions pour les peuples chrétiens de l’Orient.

Nous souvenant de la place éminente qu’ils ont tenue dans votre Église, nous vous supplions de leur inspirer le désir de la reprendre, pour former avec nous un seul bercail sous la conduite d’un même Pasteur. Faites qu’avec nous ils se pénètrent des enseignements de leurs saints Docteurs, qui sont aussi nos Pères dans la foi. Préservez-nous de toute chute qui pourrait les éloigner de nous. Que l’esprit de concorde et de charité, qui est l’indice de votre présence parmi les fidèles, hâte le jour où nos prières s’uniront aux leurs, afin que tout peuple et toute langue reconnaisse et glorifie Notre-Seigneur Jésus-Christ, votre Fils. Ainsi soit-il.

Du Vatican, 15 avril 1916.

BENOIT XV, Pape

R. P. Sévérien J. Salaville, Messes votives pour l'union des églises et pour la propagation de la foi. Texte du missel, avec traduction et commentaire, suivi d'un choix de chants et de prières, Lille, Société Saint-Augustin, Desclée, De Brouwer et Cie, 1922, p. 50-51.

Document 26 : Dispositions de la Congrégation orientale pour les missionnaires de Russie, juillet 1920

21. I Sacerdoti tanto secolari che appartenenti ad Ordini e Congregazioni religiose, i quali si dedicheranno alla conversione dei diversi popoli scismatici della Russia, dovranno seguire in tutto il rito del popolo presso il quale saranno mandati e adattarsi per quanto sarà possibile alla disciplina della Chiesa Orientale.

2. Dopo un periodo di prova che potrà in seguito essere determinato, coloro che si sentono in animo di continuare nell’impresa, passerano definitivamente al rito orientale.

3. I Missionari che avranno abbracciato il rito orientale, non potranno più esercitare il rito latino ; qualora però circostanze di luogo e di persone lo richiedessero e specialmente in quelle località dove si siano latini soltanto e non si trovino sacerdoti dello stesso rito che li assistano, la S. Sede potrà permettere ai Missionari l’uso del rito latino.

4. Nei luoghi dove vivono misti latini ed orientali i Missionari osserveranno sempre il rito orientale, cercando di inculcare ai fedeli di rito latino la massima che adattandosi al rito orientale, restano sempre ascritti al rito latino e adempiono ugualmente i loro obblighi religiosi.

5. E’ assolutamente proibito ai Missionari indurre gli Orientali che vogliono farsi cattolici, a passare al rito latino ; se però si trovassero scismatici che mettessero come condizione sine qua non della loro conversione il passaggio al rito latino, non potranno impedirlo.

6. Quando poi gli scismatici da convertirsi si trovino in località dove non sia possibile ancora organizzare una comunità orientale cattolica potranno, se lo credono, seguire il rito latino, resta però sempre fermo nei medesimi l’obbligo di tornare al proprio rito non appena sarà possibile praticarlo.

7. Nelle famiglie di misto rito se ve ne saranno, la prole senza distinzione di sesso deve appartenere al rito del padre, e la moglie se non vuol passare al rito del marito definitivamente, potrà adattarsi durante il matrimonio al rito del marito.

8. Nessuna violenza potrà esser fatta alla servitù, nelle famiglie che ne hanno, circa il rito; ma per maor [sic] di pace, i servi sono autorizzati a seguire il rito del capo di famiglia per tutto il tempo che saranno al suo servizio.

9. Tutti i missionari per l’esercizio del rito e per la cura delle anime dipenderanno dall’Ordinario locale, il quale se è di rito latino dovrà avere un Vicario generale di rito orientale per tutto ciò che si riferisce all’assistenza dei fedeli di questo medesimo rito : e viceversa.

10. Il Missionario che volesse in qualsiasi modo latinizzare verrà immediatamente richiamato dalla Missione.

11. La S. Congregazione « Pro Ecclesia Orientali » si riserva di dare a suo tempo ulteriori e definitive disposizioni, per facilitare sempre più ai Russi dissidenti il ritorno alla Chiesa Cattolica ed invita caldamente tutti i Missionari indistintamente a proporle quei suggerimenti che la loro pratica avrà dimostrato confacenti a questo santo scopo.

ASV, Arch. Deleg. Ap. Turchia, tit. III, fasc. 3, « Russi » : Marini-Benedetti à Dolci, Rome, 17.07.1920, SCO Prot. 3952/20, allegato al N°3952 « Disposizioni per i missionari in Russia ».

Document 27 : L’appel à la charité pour les Russes, Constantinople, novembre 1920.

3Délégation apostolique de Constantinople

Appel à la Charité des Fidèles

Misereor super turbam.

Le Cœur du Divin Maître répète encore sa parole de miséricordieuse bonté : « J’ai pitié de cette foule » Les blonds fils du Nord nous arrivent légions, au milieu des rigueurs affreuses d’un hiver presque sans précédent. Victimes de mille souffrances, tels ils nous apparaissent soit dans nos rues, soit sur la ville flottante qui les abrite. Ce ne sont pas seulement les guerriers valeureux qui comme une barrière d’acier ont défendu pendant de longs mois les intérêts sacrés de leur grand pays. Ce sont aussi des multitudes de pauvres affamés, de faibles femmes, des enfants en bas âge. Hier ils se trouvaient dans l’opulence, aujourd’hui ils gissent [sic] dans le dénûment [sic] le plus complet. Ces malheureux sont nos frères à beaucoup de titres. Ce sont des enfants du même Père céleste, des êtres rachetés par le sang du Rédempteur. « J’ai pitié de cette foule » nous redit Notre Seigneur Jésus-Christ.

A nous, mes frères, d’entendre le cri du Divin Sauveur. A nous de venir en aide à ces frères dans le malheur. Vous, à qui la Providence a donné beaucoup, versez le surplus des trésors qui vous sont confiés dans le sein de ces nobles victimes. Vous les moins fortunés, partagez le morceau de pain qui vous est donné avec les petits enfants qui ont faim, et qui meurent dans une affreuse détresse. Ainsi vous attirerez la bénédiction de Dieu sur vous et vos familles.

Nous faisons un appel plus pressant à Messieurs les Curés des différentes paroisses, aux Supérieurs des Etablissements religieux et scolaires de cette ville, au peuple catholique de Constantinople et des environs, afin que leur zèle se montre cette fois-ci encore tel qu’il nous a paru dans d’autres circonstances où nous avons eu recours à leur précieux concours et à leur charité inépuisable.

Dans ce but une quête générale est ordonnée dans toutes les Eglises et Chapelles catholiques, Dimanche prochain 28 Novembre.

ANGE Me DOLCI

Archevêque et Délégué Apostolique

ASV, Arch. Deleg. Ap. Turchia, tit. III, fasc. 3, « Opere di Beneficenza » : Affiche imprimée, Constantinople, 21.11.1920, imprimé, ZELLITCH FRERES Imp. du St.-Siège, 34 x 50 cm, français.

Document 28 : Mgr Ratti et la conversion de la Russie (1921)

4[367r] Varsavia 22, 2, 21

Eminenza Revma,

Parte domani alla volta di Roma il Reddo Sac. Ostrowski parroco di Harbin nella Manciuria Siberiana. Da molti anni egli lavora colà e un pò per tutta la Siberia nella cura delle anime dei non molti cattolici ‑ e come o quasi dire polacchi ‑ dispersi in quelle immense regioni che egli sembra conoscere ormai molto bene, come certo n’ebbe opportunità unica o quasi.

Il Reddo Ostrowski viene con commendatizie e con mandato del suo metropolita, voglio dire del suo Arcivescovo, Mons. De Ropp, del quale tanto si estende la mostruosa diocesi ; viene pure con lettere di alti personaggi russi relativi al mandato stesso.

Il quale mandato (se ho bene inteso quello che anche lo stesso Mons. De Ropp dicevami) si è di combinare costì un piano concreto ed effettivo per la conversione della Russia, ossia per la rievangelizzazione della nuova Russia e per la unione delle Chiese nella Russia stessa ; piano del qualo lo stesso Mons. de Ropp avrebbe già concordato le grandi linee quando fu per qualche tempo l’anno scorso a Roma.

Dirò subito qui che il medesimo Monsignore anche l’altro dì mostravasi meco non senza pena sorpreso di non [367v] aver avuto più nessuna communicazione [sic] ‑ né dall’ E.V.R., né dall’Emo Van Rossum, né dall’Emo Marini ‑ su quel piano ; ragione questa appunto per la quale incoraggiava il Rdo Ostrowski a venire, anzi lo mandava, e mi pregava di averlo per raccomandato e di raccomandarlo ancora all’E.V.R. ciò che io faccio ben volentieri, sembrandomi esso un buono e benemerito servo di Dio pieno di buona volontà, dal quale e certo dalle sue cognizioni ed informazioni si possa trarre qualche reale e positivo vantaggio per l’attuazione di un’impresa in tutto degna della gloria di Dio e del grancuore dell’Augusto Pontefice, che d’averla anche solo tentata avrebbe altissimo onore e merito, come altissima esaltazione ne avrebbe la Santa Sede.

La parte centrale e sostanziale dell’accennato piano e (se ho bene inteso) la fondazione e pronta apertura qui in Polonia di un seminario speciale per le Missioni in Russia, un Seminario dunque del tipo di quello delle Missioni Estere in Francia, a Milano.

L’idea mi pare e buona e pratica : mi pare anche che la Polonia (per la stessa contiguità geografica, per l’affinità della lingua ecc.) potrà facilmente dare delle buone reclute al progettato seminario, sia da farne dei Missionari preti, sia da farne dei semplici catechisti, che saran pure necessari ; credo anzi che subito si troverebbero qui e giovani preti e laici disposti e pronti (salve, s’intende, le difficoltà che potrebbero nascere dalla attuale scarsità di clero e dall’estremo bisogno di buoni elementi in questa rinascita del paese). Credo però venuto il momento di accennare, se V.E.R. me lo permette, ad una difficoltà che mi sembra reale e grave come anche di proporre una modificazione, che mi sembra poter essere utile, al piano in discorso.

[368r] Se il seminario si fondasse qui avrebbe esso ed inferirebbe a tutta l’opera due difetti d’origine che sarebbero, credo, insanabili a causa d’incessanti guai e di non lontana ruina.

Il primo difetto è nell’indole stessa di questo paese e di questa gente : tranne che in Posnania, manca il talento, la pazienza della buona e solida organizzazione, vi abbonda invece il sentimento, e con esso lo slancio, la devozione, l’abnegazione fino all’eroismo ; per questo dicevo poc’anzi che se ne potranno avere delle buone reclute (anch’esse, naturalmente, da integrare con una apposita, solida educazione) ma l’organizzazione, l’impianto, il governo credo che debbano affidarsi ad altre mani in altro terreno.

Se quali mani ed il qual terreno non potranno chiedersi neanche alla Posnania, perché l’opera nascerebbe pur sempre, se non con difetto di buona e solida organizzazione, certo con quello di opera troppo « polacca » per non essere accolta con tutte le prevenzioni e le diffidenze di cui il nazionalismo è (qui più che altrove mai) fecondo e per non fare luogo a tutte le competizioni e le difficoltà inerenti.

Mons. De Ropp dice che le masse popolari russe non sono antipolacche come altri affermano e come parecchi fatti e sintomi sembrano dimostrare ; ma credo che Monsignore sia qui ingannato da eccessivo ottimismo, dalla paternità del suo piano e sopratutto dal desiderio di pur vedere farci qualche cosa per la sua diocesi, della quale in sostanza si tratta ; come troppo ottimista egli sia riguardo a certe sue idee concernenti la coesistenza ed il coesercizio dei due riti latino e greco nella nuova Russia, i due che egli deve aver già costì espresso.

Per avviare all’uno e all’altro difetto proporrei, salvo migliore giudizio, che il seminario progettato sia formato e aperto a Roma. Forse e pratico [368v] il pensiero di Mons. De Ropp che la fondazione, l’impianto, l’organizzazione ed il primo avviamento venga affidato ai reggitori del Seminario delle Missioni estere di Francia.

Usare di essi qui in Polonia non basterebbe ad eliminare i due diffetti accennati : l’ambiente ed il terreno rimarrebbero gli stessi : e l’opera rimarrebbe troppo « polacca » ; senza dire che a lungo andare, anzi a breve andare, i membri stranieri non sarebbero qui bene accetti, come s’è visto accadere ai mentori, voglio dire agli istruttori militari appunto francesi. Aperto in Roma il grande nuovo Seminario avrebbe anche il grande vantaggio d’innestarsi al grande Istituto Orientale e di avvantaggiarsi della sua biblioteca, dei suoi corsi, ecc.

Vero è che potrà sembrare forse troppo « romano » e troppo lontano dalla Russia ; nel qual caso non mi sembrerebbe né impossibile né inopportuno che il Seminario sorgesse a Costantinopoli sotto gli occhi e sotto le cure specialissime e principalissime del Delegato Ap[osto]lico ; finchè venga il giorno di trasportarlo in qualche città della Russia stessa rientrata nel concerto delle nazioni civili, giorno che può essere anche meno lontano di quanto non sembri oggi.

Fondato e governato così il seminario e tutta l’opera in discorso eviterebbe anche un altro scoglio che mi pare di intravvedere : quello di sembrare in troppo stretti rapporti con la Russia antirivoluzionaria ; mentre non sembra ora possibile prevedere quale sarà la forma di assestamento politico che la Russia si darà o subirà.

Con ogni ossequio...

ASV, Arch. Nunz. Varsavia, b. 204, f. 367-368 : Ratti à Gasparri (N. 4058, « Ogg. : per la Conversione della Russia »), Varsovie, 22.02.1921, 4 p. ms. italien.

Document 29 : Quelques exemples de facultés données aux prêtres catholiques en Russie soviétique (1922-1924)

1- Les 25 facultés données aux missionnaires en Russie (1922)

51- Dispensandi in quibuscumque irregularitatibus, exceptis illis, quae ex bigamia vera, vel ex homicidio voluntario proveniunt, et in his etiam duobus casibus, si praecisa necessitas Operariorum ibi fuerit, si tamen quoad homicidium voluntarium ex huiusmodi dispensatione scandalum non oriatur; necnon dispensandi ab omnibus censuris et irregularitate Sacerdotes, qui a schismate ad religionem catholicam convertuntur, ita ut, si idonei prudenter iudicantur, ordinem suum exercere valeant.

2- Dispensandi et commutandi vota simplicia etiam castitatis ex rationabili causa in alia pia opera, non tamen religionis.

3- Absolvendi et dispensandi in quacumque simonia etiam reali, dimissis beneficiis, et super fructibus male perceptis, iniuncta aliqua eleemosyna vel poenitentia salutari arbitrio dispensantis, vel etiam retentis beneficiis, si fuerint parochialia, et non sint, qui parochiis praefici possint.

4- Absolvendi ab haeresi et apostasia a fide et a schismate quoscumque etiam ecclesiasticos viros tam saeculares quam regulares ; non tamen eos, qui ex locis fuerint, ubi sanctum Officium exercetur, nisi in locis Missionum, in quibus impune grassantur haereses, deliquerint, nec illos, qui iudicialiter abiuraverint, nisi isti nati sint, ubi impune grassantur haereses, et post iudicialem abiurationem illuc reversi in haeresim fuerint relapsi, et hos in foro conscientiae tantum.

5- Absolvendi ab omnibus censuris etiam speciali modo reservatis, non autem specialissimo modo, nisi absolutionem complicis in peccato turpi pro 20 tantum casibus.

6- Absolvendi ab omnibus casibus Episcopo vel iure vel ab ipso nominatim reservatis, si Episcopus interpellari non possit.

7- Benedicendi paramenta et alia ustensilia pro Sacrificio Missae.

8- Recitandi Rosarium vel alias preces, si Breviarium secum deferre non poterunt, vel divinum Officium ob aliquod legitimum impedimentum recitare non valeant.

9- Reconciliandi Ecclesias pollutas aqua ab Episcopo benedicta, et in casu necessitatis aqua non benedicta ab Episcopo.

10- Consecrandi calices, patenas et altaria portatilia cum oleis ab Episcopo benedictis, ubi non erunt Episcopi, vel distent duas dietas, vel Sedes vacat.

11- Dispensandi quando expedire videbitur super esu carnium, ovorum et lacticiniorum tempore ieiuniorum et quadragesimae.

12- Celebrandi bis in die, si necessitas urgeat, ita tamen, ut in prima missa non sumpserit ablutionem, in altari portatili, sine ministro sub dio et sub terra, in loco tamen decenti, etiamsi altare sit fractum, vel sine reliquiis Sanctorum et praesentibus haereticis, schismaticis, infidelibus et excommunicatis, ac aliter celebrari non possit. Huiusmodi autem facultate bis in die celebrandi nullatenus uti liceat, nisi rarissime, et ex gravissimis et urgentissimis causis, in quo graviter eius conscientia oneratur.

13- Concedendi facultatem plenariam primo conversis ab haeresi, atque etiam fidelibus quibuscumque in articulo mortis saltem contritis si confiteri non poterunt.

14- Deferendi sanctissimum Sacramentum occulte ad infirmos sine lumine, illudque sine eodem retinendi pro eisdem infirmis in loco tamen decenti, si ab haereticis aut infidelibus sit periculum sacrilegii.

15- Induendi vestes saeculares, si aliter vel transire vel permanere non poterit in locis Missionum.

16- Administrandi omnia sacramenta etiam parochialia, ordine sacro excepto, et quoad fideles ritus graeci etiam absque licentia Episcopi vel Parochi, quoad fideles ritus latini nonnisi consentiente vel Episcopo vel Parocho ; Sacramentum vero Poenitentiae administrandi etiam latinis absque licentia Episcopi vel Parochi.

17- Administrandi fidelibus ritus graeci, excepto ordine sacro, omnia Sacramenta etiam parochialia et confirmationem ritu latino, quin tamen fideles ea suscipientes ad ritum latinum transire censeantur.

18- Concedendi familiis in quibus altera pars est ritus graeci, altera pars ritus latini, facultatem observandi ieiunia et festa iuxta ritum alterutrum ob conformitatem in eadem familia.

19- Celebrandi Missam votivam B.M.V. et de Requiem absque Missali quoties circumstantiae id exigant.

20- Excipiendi sacramentales confessiones praetermissa Ordinariorum auctoritate, Christi fidelium, Sacerdotum et utriusque sexus religiosorum ritus Rutheni et Latinorum.

21- Administrandi, cum necessitas postulaverit Sacramentum Baptismatis, sequenti formula, servatis quoad reliqua de iure servandis :

Sacerdos : « N... quid petis ab Ecclesia Dei ? »

Patrinus : R. « Fidem »

Sacerdos ungit infantem in pectore et inter scapulas dicens : « Ego te linio † oleo salutis in Christo Iesu Domino Nostro ut habeas vitam aeternam » - R. Amen

Sacerdos : « Credis in Deum Patrem omnipotentem creatorem coeli et terrae ? »

R. « Credo »

Sacerdos : « Credis in Iesum Christum Filium eius unicum Dominum nostrum natum et passum ? »

R. « Credo »

Sacerdos : « Credis in Spiritum Sanctum, sanctam Ecclesiam catholicam, Sanctorum communionem, remissionem peccatorum, carnis resurrectionem et vitam aeternam ? »

R. « Credo »

Sacerdos : « Ego te baptizo in nomine † Patris, et † Filii, et Spiritus † Sancti »

Deinde ungens Chrismate dicit : « Deus omnipotens Pater Domini Nostri Iesu Christi, qui te regeneravit ex aqua et Spiritu Sancto, quique dedit tibi remissionem omnium peccatorum, ipse te liniat chrismate salutis † in eodem Christo Iesu Domino Nostro in vitam aeternam. Amen »

22- Utendi in Missae sacrificio peragendo calice et patena vitrea, quatenus ex metallo confecta et aurata, atque ab Episcopo consecrata haberi nequeat ; dummodo tamen sint integra, satis solida, et a quocumque profano usu secreta ; consueta consecrationis formula per quemcumque catholicum sacerdotem ex apostolica dispensatione prius benedicenda, omissa olei benedicti unctione.

23- Quatenus panis azymus haberi non possit, consecrandi in pane fermentato, dummodo sit triticeus.

24- Celebrandi absque petra consecrata, super tabula quae decentior haberi possit, seu lapidea seu lignea, vel utendo antiminsio Orientalium.

25- Celebrandi absque ullo ministro vel teste catholico, etsi sit solus.

AA.EE.SS., IV, PCPR, sc. 32, fasc. 204, f. 59-61 : [Vladimir] Ledochowski, Facultates pro Russia concessae E.A.SS. [ex audientia Sanctissimi], 3 p. dact. latin.

2- Instructions pour les pères jésuites envoyés en Russie, juillet 1922

6[62r] 1. Totam fiduciam vestram in Deo ponatis, ac proinde ante omnia studeatis etiam mediis in laboribus intime coniuncti esse cum Deo et ferventibus orationibus abundantem benedictionem impetrare pro industriis humanis quas summa cum diligentia ad finem adsequendum adhibebitis. SS. Cordi Iesu quod miserebatur super turbas haec expeditio dedicata esto.

2. Prae oculis semper habeatis finem a S. Sede sibi propositum et accuratissime servatis omnes instructiones ab ipsa acceptas.

3. Memineritis vos mitti in alium mundum i.e. in Orientem ubi non solum externi usus et consuetudines valde a nostris differunt ; sed etiam ipse modus cogitandi et res percipiendi seu quod dicitur "mentalitas" omnino est diversa. Hinc curetis ipsam animam gentis russiacae bene cognoscere sine qua cognitione successus quidem externi et perversio obtineri peterunt, nunquam vero profundus influxus in ipsam animam exercere poterimus. In hunc finem linguam russiacam bene addiscere studeatis.

4. Exemplo vitae piae et prudentis in caritate proximi animos ad Deum attrahatis. Memineritis enim vos oculis hominum subiici qui religionem periudicia externa praecipue iudicent. Quidquid ergo malevorum suspicionem moveat, fugiatis. Cum mulieribus raro et parum colloquamini, et quidem coram testibus vel in loco patente. Ab omni quaestione politica abstineatis sive de internis Russiae rebus sive de externis seu internationalibus.

5. Memores verborum Domini nostri "In hoc cognoscent omnes quia discipuli mei estis, si dilectionem habueritis ad invicem" (Io. 13, 35), cum S. Paulo omnibus omnia fieri studeatis et exemplum magnorum Patrum nostrorum secuti opera caritatis etiam humillima cum magna vestri abnegatione et fervore exercere studeatis.

6. Vinculo verae fraternae caritatis inter vos ipsos intime uniti maneatis et libenter alter alterius onera portetis.

7. Eadem caritas vos etiam cum aliis delegatis coniungat quos pro viribus iuvare studeatis res magis arduas et periculosas in vos suscipientes.

[63r] 8. Res temporales summa cura et diligentia administrentur et omnia, quantum fieri potest, accurate notentur ut suo tempore ratio reddi possit.

9. Optimos adiutores saeculares quaerere et rite formare studeatis qui vobis maximo auxilio esse poterunt.

Romae, die festo S. Wlodimiri, 24 iulii 1922.

AA.EE.SS., IV, PCPR, sc. 32, fasc. 204, f. 62r-63r : « Instructio pro patribus qui in Russiam mittuntur », Rome, fête de St-Wlodimir, 24.07.1922, 2 p. dact. latin.

3- Les 26 facultés accordées au père Roi pour la Russie

7[64r] 1- Administrandi quibuslibet fidelibus utriusque ritus omnia sacramenta etiam parochialia et ipsam confirmationem, ordine sacro excepto, etiam absque licentia Episcopi vel Parochi ubi commode adiri non poterunt, habitis semper prae oculis canonibus 98, 755 § 1, 756. Orientales tamen, suscipientes ex eis baptismum, confirmationem vel quodlibet alium sacramentum ac etiam Viaticum propter necessitatem et propriorum sui ritus sacerdotum defectum, ne inde ad ritum latinum transire censeantur, sed moneantur ut perseverent in suo ritu orientali.

2- Excipiendi sacramentales confessiones, praetermissa Ordinariorum auctoritate, Christi fidelium, Sacerdotum et utriusque sexus religiosorum ritus graeci et latini.

3- Administrandi, cum necessitas postulaverit, Sacramentum Baptismatis, sequenti formula, servatis quoad reliqua de iure servandis :

Sacerdos : « N. quid petis ab Ecclesia Dei ? »

Patrinus : « Fidem »

Sacerdos ungit infantem in pectore et inter scapulas dicens : « Ego te linio oleo salutis in Christo Iesu Domino Nostro ut habeas vitam aeternam » - Amen

Sacerdos : « Credis in Deum Patrem omnipotentem creatorem coeli et terrae ? »

« Credo »

Sacerdos : « Credis in Iesum Christum Filium eius unicum Dominum nostrum natum et passum ? »

« Credo »

Sacerdos : « Ego te baptizo in nomine Patris, et Filii, et Spiritus Sancti »

Deinde ungens Chrismate dicit : « Deus omnipotens Pater Domini Nostri Iesu Christi, qui te regeneravit ex aqua et Spiritu Sancto, quique dedit tibi remissionem omnium peccatorum, ipsae te liniat chrismate salutis in eodem Christo Iesu Domino Nostro in vitam aeternam. Amen »

4- Celebrandi Missam votivam B.M.V. et de Requiem absque Missali, quoties circumstantiae id exigant.

[65r] 5- Celebrandi duabus horis post mediam noctem et meridiem, in altari portabili, sine ministro vel teste, sub dio et sub terra, in loco tamen decenti, etiamsi altare sit fractum, vel sine reliquiis Sanctorum et praesentibus haereticis, schismaticis, infidelibus et excommunicatis ac aliter celebrari non possit, vel etiam bis in die, si necessitas urgeat, ita tamen, ut in prima missa non sumpserit ablutionem. Huiusmodi autem facultate bis in die celebrandi nullatenus uti liceat, nisi rarissime, et ex gravissimis et urgentissimis causis, in quo graviter conscientia oneratur.

6- Celebrandi missam super altaribus omnium rituum orientalium et cum sacra supellectili eorumdem rituum propria. Quatenus ergo panis azymus haberi non possit, consecrandi in pane fermentato, dummodo sit triticeus.

7- Utendi in Missae sacrificio peragendo paramentis etiam incompletis prout inveniri poterunt decentia ex alterutro ritu, vel etiam calice et patena vitrea, quatenus ex metallo confecta et aurata, atque ab Episcopo consecrata haberi nequeant ; dummodo tamen sint integra, satis solida, et a quocumque profano usu secreta ; consueta consecrationis formula per quemcumque catholicum sacerdotem ex apostolica dispensatione prius benedicenda, omissa olei benedicti unctione.

8- Deferendi sanctissimum Sacramentum occulte ad infirmos sine lumine, illudque sine eodem retinendi pro eisdem infirmis in loco tamen decenti, si ab haereticis aut infidelibus sit periculum sacrilegii.

9- Concedendi indulgentiam plenariam primo conversis ab haeresi, atque etiam fidelibus quibuscumque in articulo mortis saltem contritis si confiteri non poterunt.

10- Dispensandi super quibuscumque irregularitatibus et impedimentis tum ex delicto tum ex defectu, iis exceptis de quibus can. 985 n°4, et super his etiam, si urgens necessitas operariorum ibi fuerit et huiusmodi dispensatione scandalum non oriatur ; necnon dispensandi ab omnibus censuris et irregularitatibus Sacerdotes, qui a schismate ad religionem catholicam convertuntur, ita ut, si idonei prudenter iudicantur, ordinem suum exercere valeant.

11- Recipiendi in Ecclesiam personas, etiam ecclesiasticas, in qualibet dignitate saeculari vel regulari constitutas, etiam episcopali, eisque post professionem fidei et absolutionem a censuris [66r] permittendi, si aptae sint et recte dispositae, exercitium propriae dignitatis, ad tempus, usquedum Sancta Sedes prudentes consuli possit.

12- Dispensandi et commutandi vota simplicia etiam castitatis ex rationabili causa in alia pia opera, non tamen religionis.

13- Absolvendi et dispensandi in quacumque simonia etiam reali, dimissis beneficiis, et super fructibus male perceptis, iniuncta aliqua eleemosyna vel poenitentia salutari arbitrio dispensantis, vel etiam retentis beneficiis, si non sint, parochiis praefici possint.

14- Permittendi sacerdotibus propter necessitatem et ad tempus reductiones missarum sive fundatarum sive manualium, quamdiu non poterunt commode communicare cum S. Sede, perdurante hodierna oeconomiae publicae conditione.

[67r] 15- Absolvendi ab haeresi et apostasia a fide et a schismate quoscumque etiam ecclesiasticos viros tam saeculares quam regulares ; non tamen eos, qui ex locis fuerint, ubi sanctum Officium exercetur, nisi in locis Missionum, in quibus impune grassantur haereses, deliquerint, nec illos, qui iudicialiter abiuraverint, nisi isti nati sint, ubi impune grassantur haereses, et post iudicialem abiurationem illuc reversi in haeresim fuerint relapsi, et hos in foro conscientiae tantum.

16- Absolvendi ab omnibus casibus Episcopo vel iure vel ab ipso nominatim reservatis. Absolvendi etiam ab omnibus censuris, etiam speciali aut specialissimo modo reservatis.

17- Dispensandi in tertio, in secundo et tertio mixtis consanguinitatis gradu quoad praeterita et futura matrimonia ; in secundo solo consanguinitatis vel affinitatis tantum quoad praeterita matrimonia eos qui ab haeresi vel infidelitate convertuntur ad fidem catholicam, et praefatis casibus prolem susceptam declarandi legitimam.

18- Dispendandi, canonicis existentibus causis, super impedimentis matrimonialibus sive maioris sive minoris gradus (can. 1042), tam publicis quam occultis, etiam multiplicibus, iurus tamen ecclesiastici ; exceptis impedimentis proventientibus ex sacro presbyteratus ordine, ex defectu praescriptae aetatis semper regulis statutis in Codice a can. 1035 ad can. 1080, et in impedimentis mixtae religionis et disparitatis cultus, servatis conditionibus ab Ecclesia praescriptis.

19- Sanandi in radice, iuxta regulas, in Codice can. 1133-1141 statutas, matrimonia ob aliquod impedimentum ex supra recensitis nulliter contracta. Quod vero attinet ad prolis legitimationem prrae oculis habeatur can. 1051.

Sanandi pariter in radice matrimonia mixta attentata coram magistratu civili vel ministro acatholico.

20 – Reconciliandi Ecclesias pollutas aqua ab Episcopo benedicta, et in casu necessitatis aqua non benedicta ab Episcopo.

21- Benedicendi paramenta et alia utensilia pro Sacrificio Missae.

22- Consecrandi calices, patenas et altaria portatilia vel etiam fixa cum oilis a quolibet Episcopo benedictis.

23- Recitandi Rosarium vel alias preces, si Breviarium secum deferre non poterunt, vel divinum Officium ob aliquod legitimum impedimentum recitare non valeant.

24- Induendi vestes saeculares, si aliter vel transire vel permanere non poterant.

[68r] 25- Dispensandi quando expedire videbitur super usu carnium, ovorum et lacticiniorum tempore ieiuniorum et quadragesimae etiam fideles ritus orientalis.

Item concedendi familiis in quibus altera pars est ritus graeci, altera pars ritum latini, facultatem observandi ieiunia et festa iuxta ritum alterutrum ob conformitatem in eadem familia.

26- Facultates illae conceduntur singulis sacerdotibus quos S. Sedes ad alimenta distribuenda mittit in Russiam in hac fama praesente. Valebunt, quamdiu ministerium illud perdurabit, intra solos fines praesentis Reipublicae Foederativae Russorum, nisi revocatae sint vel ab ipsa S.Sede pro cunctis, vel a Superiore pro uno.

AA.EE.SS., IV, PCPR, sc. 32, fasc. 204, f. 64-68 : P. Roi, « Facoltà per la Russia », 4 p. dact. latin.

Document 30 : Deux images de piété françaises « Sauveur du monde, sauve la Russie », 1923

81- Image de saint Josaphat, Versailles, postérieure au 24 mai 1923, 12,5 x 8 cm, français, recto-verso

92- Image avec l’icône du Christ, Paris, postérieure au 8 septembre 1923, 11,5 x 7 cm, français, recto-verso

AAC, Enveloppe « images de piété ». Droits réservés Archives Amay-Chevetogne.

Document 31 : Un acte pontifical condamnant la « perversité » des « tendances soviétistes » en 1924 : une proposition du père général des jésuites

10[71r] Beatissimo Padre,

Prima di partire, il P. d'Herbigny mi accennò confidenzialmente che Vostra Santità, qualora le circostanze lo richiedessero, sarebbe pronta a smascherare davanti a tutto il mondo la perfidia e perversità delle tendenze soviettiste.

Già da parecchie settimane questo stesso pensiero mi veniva spesso alla mente e mi sentivo spinto a proporre umilmente a Vostra Santità ciò che mi si presentava su tale argomento. Avendo quindi ora risaputo la mente di Vostra Santità, vinco la mia esitazione e oso esprimere con filiale confidenza i miei sentimenti in proposito, domandando fin dal principio perdono per cotanto mio ardire.

Anzi tutto mi pare che un solenne atto Pontificio che raccomandasse la Russia alle preghiere di tutta la Chiesa, e insieme svelasse con dignità e chiarezza gli ultimi fini e il modo di procedere dei Sovieti Russi, sarebbe in questo momento uno dei più grandi benefici che Vostra Santità possa recare al mondo.

La Santità Vostra saprà forse che fin da quando, ancora sotto Benedetto XV di p.m., si cominciarono alcune trattative tra la Santa Sede e i Sovieti, essendosi degnato 1'Eminentissimo Sig. Cardinale Segretario di Stato di domandare anche il mio parere, io mi vi mostrai sempre favorevole, quantunque altri non ne volessere sentir [71v] parola. Mi pareva che fosse nelle tradizioni della Santa Sede il tentare sempre nello spirito di mitezza e conciliazione tutti i mezzi possibili per guadagnare l'avversario o per renderlo se non altro meno nocivo. Mi faceva anche impressione ciò che dicevano degnissimi Prelati, cioè che si trattava di una nuova forma di governo che probabilmente avrebbe preso radici sempre più profonde e con la quale la Santa Sede presto o tardi avrebbe dovuto in qualche modo conciliarsi, come avvenne coi governi democratici dopo la Rivoluzione Francese.

Adesso però mi sembra che le cose si siano molto chiarite. Pare ormai evidente che non si tratta di una nuova forma di governo piò [sic] o meno buono, ma della distruzione di ogni civilizzazione cristiana o anche solo umana, con la distruzione radicale di ogni religione e di ogni fede in un Essere Supremo. Al principio di quest'anno fu ufficialmente dichiarato che l'ateismo è un dogma essenziale del comunismo, così che non può essere riconosciuto come vero comunista se non chi rinnega interamente Dio. Dalle relazioni mandate dalla Missione Pontificia Vostra Santità sa con quale diabolica astuzia e costanza si tende in Russia a questo fine. La severa proibizione di ogni istruzione religiosa fino ai diciotto anni, la sistematica e obbligatoria educazione nell'ateismo fin dalle scuole elementari, la prescrizione che in tutte le scuole si abbia un giornale ateo e blasfemo, la sostituzione dei Sacramenti con altri riti civili, la soppressione di tutte le feste religiose per crearne altre rivoluzionarie, ecc. ; tutto questo dimostra l'intrinseca perversità dei Sovieti. Forse non mai finora la divina Maestà è stata oltraggiata in modo sì orribile e continuo come ora dai Sovieti della Russia !

[72r] Ma si limitasse almeno un si gran male alla sola Russia !... Invece, essendo state tutto questo movimento creato e diretto fin da principio dagli Ebrei, ed essendo questi nemici implacabili del nome cristiano sparsi per tutto il mondo, i Sovieti aiutati dai loro connazionali fanno in tutte le regioni una propaganda incredibile, adattandosi con somma perspicacia e scaltrezza alle condizioni dei vari paesi per farvi entrare cautamente ma sicuramente le loro idee. Da tutte le parti del mondo, dall'Europa, dall'Asia, dall'Africa, fanno a loro spese venire a Mosca dei giovani e delle giovanette per corromperli e riempirli di fanatismo, con quel talento che è così proprio della razza ebrea, e poi rimandarli nei loro paesi come fedeli propagatori del comunismo russo. Un grande industriale cattolico mi riferì che negli Stati Uniti dell'America vi sono 5000 di tali propagandisti ben pagati. Poco tempo fa il Ministro dell'Egitto mi disse che il suo governo aveva scoperto con sua grande meraviglia che anche dall'Egitto i Sovieti all'insaputa di tutti facevano venire della gioventù a Mosca per corromperla. Dai giornali si sa pochissimo [sic], anzi quasi niente, di ciò che avviene in Russia e della propaganda comunista all'estero, essendo la stampa quasi tutta nelle mani degli Ebrei, i quali, secondo la loro tattica secolare, procurano prudentemente di rimanere occulti e nascosti fino all'ultimo momento, fino a che cioè non credano che la preda non possa più sfuggire loro dalle mani.

Sapendo bene che l'enorme maggioranza dell'umanità non vuole saperne affatto dell'ateismo puro e della negazione di ogni religione, essi procurano con grandissima abilità d'ingannare il mondo su questo punto, come cercarono di farlo coll'ultima dichiarazione dell'Assemblea [72v] ecclesiastica ortodossa panrussa, che certo sarà nota alla Santità Vostra. Parlando con uomini ragguardevoli di vari paesi, anche buoni cattolici, fui colpito in vedere come fossero male informati sulle cose della Russia, e come i Sovieti fossero riusciti ad ingannarli sulle loro vere intenzioni.

Questi temono più di tutto d’essere troppo presto smascherati ; e perciò, sapendo che nessuno lo può fare con tante autorità come la Santa Sede, saranno anche pronti a fare qualche concessione solamente per non romperla del tutto con essa e per potere così più efficacemente propagare il loro terribile veleno per tutto il mondo. Non mi meraviglio quindi in nessuna maniera che il Ministro Russo a Roma si esprima così favorevolmente sopra Mons. Cieplak ; anzi mi permisi di sconsigliare Sua Eccellenza, che confidenzialmente mi richiedeva del mio parere, dall'andare da lui a domandargli qualche grazia, essendo io intimamente convinto che ne riceverebbe buone parole e forse anche qualche favore, ma solo in quanto questo possa coprire almeno per il momento la perversità dei Sovieti.

È vero che un tale atto di Vostra Santità provocherebbe subito la più fiera persecuzione contro i cattolici in tutta la Russia, ma chissà se quella persecuzione violenta non sarà per le anime assai migliore di questa lenta e perversa a cui sono ora continuamente esposte ? Inoltre c’è da sperare che il Signore in circostanze così straordinarie darà pure grazie straordinarie tanto ai fedeli quanto a coloro che andranno per soccorrerli. D'altra parte mi pare che un tal atto Pontificio aprirebbe gli occhi a milioni d'uomini che adesso sono ciechi, e così potrebbe potentemente contribuire a salvare il mondo da una forse delle più terribili catastrofi che mai l'abbiano minacciato. Credo anche che questo [73r] sarebbe graditissimo all'enorme maggioranza del popolo russo e che con ciò più efficacemente che con altri mezzi si avvicinerebbero gli scismatici alla Cattedra di Pietro.

Sarebbe però necessario che alcuni uomini veramente atti si dessero con ogni cura a raccogliere fatti del tutto accertati tanto della persecuzione religiosa in Russia quanto della propaganda comunista in tutto il mondo, per porre davanti agli occhi di tutti il vero stato delle cose. I vari fatti isolati che di tempo in tempo si sentono non permettono di vedere così facilmente tutto il pericolo della situazione ; invece, quando fossero raccolti tutti insieme, non si potrà avere più nessun dubbio sulle vere tendenze dei Sovieti.

Intanto si potrebbero continuare lentamente le trattative per non inasprirli senza necessità.

Ancora una volta, Beatissimo Padre, domando perdono del mio ardimento ; e chinandomi al bacio del Sacro Piede, imploro umilmente l'Apostolica Benedizione.

Roma, 6 Luglio 1924.

[manuscrit] Di Vostra Santità

Ultimo figlio

W. Ledóchowski sj.

AA.EE.SS., IV, Russia, pos. 659, fasc. 44, f. 71-73 : Ledóchowski à Pie XI, Rome, 06.07.1924, 5 p. dact. italien.

Document 32 : Le projet d’une commission pour les affaires des Russes

11Data rerum complexitate quae sextam terrarum partem omni privat episcopo catholico, et considerata multarum animarum Russorum fame spirituali, si Commissio specialis instituenda videatur ut Ecclesia Christi valeat provide et competenter tantam gentem ad unitatem revocare, haec videntur utilia :

I- Commissio ea sit quae non solum congressibus raris aliquid consultative deliberet absque efficacitate, sed viris constituatur qui ad mente Vicarii Christi totis viribus totoque tempore salutem animarum promoveant sive intra fines Russiae procurandam sive inter exules Russos ; munus ergo sit eis non secundarium sed praecipuum et quasi unicum ; talium numerus poterit esse exiguus.

II- Membra illius Commissionis subordinata possent esse forse :

A) R.P. DE MEESTER O.S.B. : pro directione liturgica ;

B) D. CIRILLO KARALEVSKY : pro edendis libris et fasciculis ;

C) R.P. GIOVANNI GENOCCHI S.C. : pro Russia meridionali ;

D) R.P. EDMONDO WALSH S.J. : ad aerarium et ad aedificia ;

III- Pro parte theologica, professores Pont. Inst. Orient. consuli possent.

IV- Director autem, qui debet esse pars praecipua, inter E.mos Cardinales seligendus esse videtur, ut competenter simul et auctoritative procedere valeat tum Romae (v. g. ut pars etiam S. Officii pro omni causa conversionis vel doctrinae) tum in variis gentibus iuxta episcopos ; si quis potius a nuntiis propter hunc finem ad cardinalatum promovendus existimetur ut iunior quis meliorem de rebus russiacis formationem acquirere valeat et active dein agere, humillime interrogatur de persona Exc.mi Mons. Erm. Pellegrinetti, nuntii nunc in Serbia, qui propter experientiam unius saltem gentis schismaticae slavicae facilius posset res Russiae addiscere. Periculum enim est in mora et in electione personae incapacis quae tali loco omnia infra necessitatem gereret.

ACO, Segreteria, 731/39, fasc. 1 (Russi), Spoglio Pio XI, doc. 8, annexe : « Memorandum de proposita commissione pontificia de rebus russiacis », s. d., 1 p. dact. latin.

Document 33 : Le projet d’une commission sur les affaires russes (note de Mgr Papadopoulos)

Remarque : les passages entre crochets et en italique sont rédigés à la main au crayon par Pie XI

12Dato che al S. Padre sembri opportuno usare dell’indiscutibile zelo e dottrina del Rev.mo P. Michele D’Erbigny [d’Herbigny] S.J. per cooperare in modo diretto ed immediato con la S. Congregazione per la Chiesa Orientale nel disbrigo degli affari riguardanti gl’interessi religiosi della Russia, sembrerebbe necessario trovare il modo pratico, conveniente ed efficace, per raggiungere tale scopo.

Un primo modo potrebbe essere forse quello di trattare tutti gli affari riguardanti la Russia in un Congresso distinto, o settimanalmente, o in un giorno ed ora da fissarsi secondo il bisogno. In questo Congresso, oltre l’Emo Card. Segretario e l’Assessore, interverrebbero i Minutanti con il Revmo P. D’Erbigny, quale Consultore della S. Congregazione. [distinto Congresso settimanale col consultore specializzato]

Non è nuovo il caso dell’intervento di qualche Consultore della S.C. nel Congresso dei Minutanti per la trattazione di affari [2] particolari ed importanti. Ma forse il Revmo P. d’Erbigny non potrebbe intervenirvi ogni volta, e, in tal caso, il Minutante designato per gli affari della Russia potrebbe in precedenza tenersi in contatto con il P. d’Erbigny e riferire in Congresso le proposte di Lui.

Questo modo non sembrerebbe contrario alle disposizioni dell’Emo Card. Segretario.

Un secondo modo, che darebbe al Revmo P. D’Ebigny [sic] una posizione più distinta ed un’attribuzione più diretta nella S.C., sembrerebbe quello di far nominare dalla S.C. una Commissione consultativa particolare, per gli affari della Russia, della quale l’Emo Segretario sarebbe il naturale Presidente, rappresentato od assistito da Mons. Assessore, e il Padre D’Erbigny potrebbe essere il Segretario [specializzato].

L’ufficio di Segretario non dovrebbe consistere nella redazione del verbale, che dovrebbe affidarsi ad un Minutante, ma dovrebbe preparare le iniziative da proporsi, le questioni da discutersi e studiare quanto possa tendere a promuovere gl’interessi religiosi della Russia.

[3] I Consultori della Commissione verrebbero scelti d’intesa con il Santo Padre tra le persone per zelo dottrina e prudenza meglio a ciò indicate. Le riflessioni e proposte della Commissione dovrebbero poi esser riferite nel Congresso dei Minutanti all’Emo Segretario dal Revmo P. d’Erbigny ; o dal Minutante per la Russia, affinchè siano esaminate e, secondo l’opportunità, eseguite, o deferite alla Plenaria o direttamente al Santo Padre.

Anche questo secondo modo sembrerebbe riguardoso dell’autorità e libertà dell’Emo Card. Segretario e non contrario alle sue idee, tanto più che già l’Emo terrebbe come Consultori speciali per la Russia il Revmo P. D’Erbigny, il P. de Meester, Mons. Alfonso Greco e il rev. Cirillo Karalevscky [Korolevskij].

ACO, Segreteria, 731/39, fasc. 1 (Russi), Spoglio Pio XI, doc. 34 : « Nota » de Papadopulos, s. d., 3 p. dact. italien, annotations ms. de Pie XI.

Document 34 : « Pour la conversion de la Russie », la prière de bénédictins suisses, 1925

AAC, Enveloppe « images de piété » : Prière « pro conversione Russiae », Ordre de saint Benoît, 12.11.1925, 4 p. impr. latin, 13 x 8,5 cm. Droits réservés Archives Amay-Chevetogne.

Document 35 : Pie XI bénit la CNEWA, janvier 1927

ASV, Arch. Nunz. Berlino 30, fasc. 3, f. 120-121 : Imprimé, Catholic Near East Welfare Association, 4 p. anglais, ici p. 1, © 2014 Archivio Segreto Vaticano, per concessione dell’Archivio Segreto Vaticano, ogni diritto riservato.

Document 36 : Semaine mariale orientale, Paris, décembre 1927

AHAP, 9K2 9a, carton 2 « Administration diocésaine des étrangers - histoire ». Droits réservés Archives historiques de l’Archevêché de Paris.

Document 37 : Publicité pour un concert de musique religieuse slave, Belgique, 2 février 1929

AAC, Dossier « Congrès » : tract 14,3 x 19,5 cm. Droits réservés Archives Amay-Chevetogne..

Document 38 : « Prenez et mangez, ceci est mon corps », 1930

13Une caricature soviétique sur l’Eucharistie diffusée par E. Walsh à tous les prêtres des États-Unis.

Feuille volante dans E. Walsh, Why Pope Pius XI asked prayers for Russia on March 19, 1930, The CNEWA, 1930, 38 p., image tirée de l’exemplaire en Segreteria di Stato, Sezione per i Rapporti con gli Stati, Archivio Storico, Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Pontificia Commissione Pro Russia, 1930, Scatola 13, Fasc. 86, f. 2 sq., Copyright © Archivio Storico - Sezione per i Rapporti con gli Stati - Segreteria di Stato.

Document 39 : La prière pour la Russie: une circulaire diocésaine suisse, février 1931

14J[ésus]. M[arie]. J[oseph].

Salvator mundi, salva Russiam !

Très Révérende Mère,

Deux ans se sont écoulés depuis la fondation, près le monastère des Augustines à Locarno, en mon diocèse, de la « Pia opera pro Russia » (Œuvre pour la Russie). Le nombre des couvents adhérents à cette sainte croisade est arrivé aujourd’hui à un total de 753.

Que de prières se sont élevées vers le ciel pour l’infortunée Russie ! Que de sacrifices accomplis dans le silence des cloîtres pour appeler les divines miséricordes sur cet immense peuple, dominé par les ennemis de Dieu !

L’aube de la rédemption n’apparaît pas encore. Mais nous devons espérer d’une espérance sans bornes ; bien plus, nous devons avoir la certitude que les armes de la prière et du sacrifice vaincront les efforts de l’enfer et assureront le triomphe de Jésus notre Sauveur, roi d’amour et de paix.

Je me permets de vous supplier, ma Très Révérende Mère, vous et votre fervente Communauté de redoubler, si possible, d’ardeur dans la prière et de générosité dans le sacrifice.

Prions le Sacré-Coeur de Jésus, notre salut et notre résurrection.

Prions la Sainte Vierge, mère de toutes les créatures rachetées par son divin Fils.

Prions S. Joseph, patron de l’Eglise universelle.

Prions S. Michel archange, vainqueur de Satan.

Prions S. Cyrille et S. Méthode, patrons de la Russie.

Prions Sainte Thérèse de l’Enfant-Jésus, qu’elle implante au coeur de la Russie sans Dieu, le règne de Jésus, son Epoux.

Offrons sans nous lasser nos souffrances, petites et grandes, pour que la voix du sacrifice l’emporte sur celle de l’impiété.

Peut-être l’heure de la victoire est-elle plus proche qu’on ne le pense. Et la victoire sera due, avant tout, aux vierges consacrées à Dieu. Quelle gloire et quelle couronne !

Je vous remercie, ma Très Révérende Mère, et avec vous je remercie votre Communauté au nom du Saint-Père, au nom de Jésus lui-même.

J’envoie de tout coeur à vous, ma Très Révérende Mère, et à votre Communauté, la bénédiction du Seigneur, et sollicite moi-même l’aumône d’une prière.

Lugano, le 18 février 1931

+ AURELIO, évêque

(Traduit de l’original italien)

AA.EE.SS., IV, PCPR, sc. 4, fasc. 28, f. 4r : circulaire de Mgr Bacciarini, évêque de Lugano, à « révérende mere », Lugano, 18.02.1931, 1 p. impr. français.

Document 40 : Une « note sur la propagande communiste », Secrétairerie d’État, avril 1932

15[25r] La propaganda comunista, diretta da Mosca, si estende attivamente in tutti i paesi del mondo e vuole suscitare una simultanea rivoluzione mondiale d’ordine politico e sociale ; e sotto il pretesto di distruggere il regime capitalista, organizza una lotta universale contro ogni religione e ogni culto almeno nelle sue manifestazioni pubbliche. Lo sforzo antireligioso della terza Internazionale prende di mira specialmente le religioni monoteiste, quindi anche il giudaismo e il maomettismo, ma sopratutto la Chiesa cattolica. Le organizzazioni del partito e più ancora le direttive inviate ai Capi ripetono costantemente che la forza di tutte le religioni sarebbe distrutta, se la Chiesa cattolica e in primo luogo la Sede Apostolica fosse abbattuta. La lotta è dunque concentrata, dentro e fuori della Russia sovietica, in modo speciale contro tutto ciò che è cattolico, anche se occorresse di servirsi, come di alleati provvisorii, delle sètte anticattoliche, del protestantismo militante, della massoneria, del liberalismo ateo o antireligioso.

La direzione di tale propaganda è affidata alla Lega Internazionale degli atei militanti che raccoglie attualmente, attorno ai centri di Mosca e di Berlino, molti milioni di "combattenti dichiarati". Le manifestazioni di questa Lega si estendono già a quasi tutto il mondo. Il loro sforzo principale si porta sui paesi cattolici e sui paesi di confessione mista, dove una propaganda anti-romana può risvegliare vecchie passioni e associare al tentativo ateo aggruppamenti ancora cristiani di nome.

Si afferma che gli sviluppi antireligiosi della rivoluzione spagnuola sono stati, almeno in buona parte, organizzati e imposti da propagandisti sovietici e da loro alleati. Nei paesi dell’Europa centrale le manifestazioni anticristiane e antiromane di alcuni aggruppamenti, pur anticomunisti, sono citate con elogi dagli organi del partito comunista che forse vi coopera sottomano. In Inghilterra, in India, in Cecoslovacchia, come in Germania, si possono seguire le tracce di tale azione, la quale si esercita anche negli Stati Uniti, come ha dimostrato la Commissione Fish (Giugno 1930- Gennaio 1931).

Le cronache sovietiche e qualche fatto divenuto pubblico hanno rivelato la medesima propaganda nell’America del Sud, come nel Messico, nelle Repubbliche del Capo e del Transwal, come in Australia e nel Canadà. Inoltre lo sforzo anticristiano, e antiromano sopratutto, è diretto da Mosca in Cina, nelle Indie, in molti paesi islamici e nei Balcani.

Le linee sulle quali, generalmente, si svolge detta propaganda sono :

1°- In quasi tutti i paesi essa si sforza di conquistare gli ambienti marittimi, segnatamente coll’organizzazione di cellule antireligiose a bordo dei bastimenti della marina mercantile o militare.

[25v] 2°- Tutti i servizi delle grandi comunicazioni - ferrovie, poste, telegrafi e anche gli aviatori (come Franco in Ispagna)- debbono essere permeati da influenze comuniste che renderanno possibile sopprimere le resistenze -riputate borghesi o capitaliste - quando la lotta antireligiosa si scatenerà come in Ispagna.

3°- In ogni paese i propagandisti antireligiosi del comunismo debbono in modo speciale procurar di guadagnare in principio alcuni intellettuali, giovani, ma capaci di divenire influenti per esaltare nella stampa, sia pure per snobismo e senza convinzione, le idee antireligiose del comunismo. In quasi tutte le nazioni, anche dell’Africa del Sud e dell’America meridionale, alcuni giovani al termine dei loro studi universitari o tecnici superiori, sono stati reclutati per prepararsi durante due anni nel "Seminario antireligioso" di Mosca. Grandi somme sono destinate dalla direzione centrale della Lega degli atei militanti alla formazione di questi propagandisti. Le conclusioni antireligiose del marxismo debbono essere diffuse come una moda nei centri dirigenti e si calcola che le Università, anche le più antiche, come Oxford, i salotti aristocratici, la stampa liberale e specialmente i periodici illustrati possano servire efficacemente a tale diffusione senza imporre grandi spese al partito e anzi in certi paesi con qualche beneficio che potrà essere destinato alla propaganda popolare.

4°- Gli aderenti da iscrivere al partito comunista debbono essere assai poco numerosi, ma assolutamente sicuri e pronti a sollevare le masse non organizzate. La propaganda è in realtà più efficace e meno costosa, se piccoli nuclei risolutissimi bastano a mettere in fermento tutta la massa: anche la discrezione resta più assicurata, ma è necessario che i capi, senza entrare personalmente nell’agitazione, siano capaci di eccitare alla lotta - fino alla vittoria - i subalterni incaricati dell’esecuzione.

5°- I mezzi per distogliere il popolo da ogni religione sono così precisati : la stampa, le conferenze, ma specialmente il cinema. Agli aderenti al partito gli atti religiosi sono proibiti sotto pena di esclusione ed essi debbono ottenere l’astensione totale anche dei membri della loro famiglia, i quali non debbono avere nessun rapporto con sacerdoti, religiosi, o con opere confessionali. Si prevede per altro un’eccezione per gli agenti segreti impiegati in certi servizi più importanti, i quali debbono dissimulare, anche a costo di atti religiosi, la loro appartenenza al partito.

Volendo fornire delle informazioni sulle condizioni della propaganda comunista e antireligiosa in un determinato paese, occorre segnatamente precisare i seguenti punti :

1°- Organizzazione e manifestazioni politiche del partito comunista e delle sue lotte contro ogni religione e specialmente contro il cattolicismo.

2°- Indizi dell’azione segreta dei propagandisti antireligiosi del comunismo, particolarmente nella marina, nelle scuole primarie e nelle scuole normali che formano i maestri.

3°- Propaganda stampata con giornali, fogli, cartelli, caricature, films. Importa specialmente segnalare le films d’origine russa, anche se sembrano da principio anodine.

[26r] 4°- Vi sono nelle Università, Accademie, Istituti tecnici superiori dei propagandisti formati a Mosca o dei professori che favoriscono tale propaganda o delle cellule attive di studenti collo scopo di trascinare i loro compagni ?

5°- L’opinione pubblica e la grande stampa prendono un’attitudine di simpatia o di curiosità piuttosto da dilettanti al riguardo di questa propaganda ?

6°- La massoneria locale e le sètte avanzate servono a dissimulare delle riunioni del comunismo antireligioso ?

7°- Si può intravvedere la tendenza ad impadronirsi del potere con un colpo di forza, e sotto quale capo ?

8°- Esiste una difesa o una contrapropaganda da parte del Governo o di organizzazioni locali, segnatamente con la stampa, la scuola, l’università e anche col cinema ? Quale parte prendono a tale difesa il clero e le opere religiose e con quale consenso da parte del popolo e delle autorità governative ?

9°- Vi sono dei sindacati o altre organizzazioni operaie locali, sia di giovani, sia di lavoratori adulti, che si inspirano, sotto la direzione del clero, agli insegnamenti della Chiesa e specialmente delle Encicliche Rerum Novarum e Quadragesimo Anno (ad imitazione dei Gesellenvereine tedeschi e della Gioventù Operaia Cattolica- J.O.C. belga e francese) ? Come si potrebbe svilupparne la vitalità spirituale e l’irradiazione esteriore ? Il clero secolare e regolare ne comprende l’importanza e si potrebbe svilupparle secondo le direttive pontificie sull’Azione Cattolica ? Come si potrebbe diffondere negli ambienti intellettuali superiori una cognizione più chiara del pericolo comunista e specialmente una migliore istruzione religiosa ?

Su questi punti e su altri che possono essere suggeriti dallo zelo e dalla chiaroveggenza dell’informatore può essere redatto un primo Rapporto - che verrà in seguito completato da altri - aggiungendo, nella più larga misura possibile, la documentazione sulla natura ed estenzione del pericolo ; si possono anche inviare libri, riviste e altre stampe che si riferiscono alla questione. Il Rapporto dovrebbe concludersi con delle proposte precise sul modo di arrestare il progresso del comunismo e della sua propaganda nel paese a cui il Rapporto stesso si riferisce, indicando i mezzi spirituali che si ritengono più adatti (funzioni di riparazione, pellegrinaggi, comunioni espiatrici, preghiere per i perseguitati della Russia, del Messico e della Spagna, eserci spirituali alle élites ecc.) ed evitando ciò che potrebbe inquietare l’opinione pubblica e favorire il comunismo con un pessimismo contrario allo spirito del Vangelo e alle direttive del Santo Padre.

AA.EE.SS., IV, Stati ecclesiastici, pos. 474, fasc. 475, f. 25-26 : « Note circa la propaganda comunista », 3 p. impr. italien.

Document 41 : L’exposition Brajlovskij (1932), peintures catholiques d’une Russie disparue

« Moscou – Monastère de Saint-Simon (XIVe siècle), tour (détruit) ».

« Moscou – Monastère de Saint-Simon (XIVe siècle), tour (détruit) ».

Photographies prises par Vera Tchentsova le 17 mai 2008 lors de la visite guidée du Palais de la Congrégation par Mgr Michel Berger.

Droits réservés Congrégation pour les Églises orientales.

« Île de Solovezk (Arkangelsk). Monastère Solovezki (profané) ».

« Île de Solovezk (Arkangelsk). Monastère Solovezki (profané) ».

Photographies prises par Vera Tchentsova le 17 mai 2008 lors de la visite guidée du Palais de la Congrégation par Mgr Michel Berger.

Droits réservés Congrégation pour les Églises orientales.

Document 42 : Profession de foi pour les Russes : Commission pro Russia - Saint-Office, avril 1933

AHAP, série 9K2, 9 a’ : Исповђданіе кафолической вђры [Profession de foi catholique], 3 p. Droits réservés Archives historiques de l’Archevêché de Paris.

Document 43 : 19 octobre 1933 : le groupe de douze prêtres lituaniens libérés d’URSS

Segreteria di Stato, Sezione per i Rapporti con gli Stati, Archivio Storico, Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, Pontificia Commissione Pro Russia, 1933, Scatola 11, Fasc. 76, f. 33r. Copyright © Archivio Storico - Sezione per i Rapporti con gli Stati - Segreteria di Stato.

Document 44 : La mobilisation spirituelle pour la Russie : une comptabilité du sacrifice

Un « bouquet spirituel » pour la Russie, Carmel de Lisieux, années 1930

Un « bouquet spirituel » pour la Russie, Carmel de Lisieux, années 1930

ACL, Enveloppe S-9 7. Droits réservés Archives du Carmel de Lisieux.

La « ligue de messes », Suisse, octobre 1935

La « ligue de messes », Suisse, octobre 1935

ACL, Carton de correspondance Suisse, Pochette Deville : annexe à la lettre de Deville au Carmel de Lisieux, Hermance, 29.02.1936. Droits réservés Archives du Carmel de Lisieux.

Document 45 : Une circulaire sur le communisme athée, février 1936

16[1r] Eccellenza Reverendissima,

E' ben noto all'Eccellenza Vostra Rev.ma come una delle preoccupazioni più gravi del Santo Padre per l'avvenire della Chiesa riguardi la propaganda comunista nel mondo intero, che, accanto alla rivoluzione economico sociale, inculca l'ateismo radicale.

Ancora recentemente, nel discorso natalizio al Sacro Collegio ed alla Prelatura Romana, Sua Santità ricordava con parola accorata l'opera nefasta di coloro che osano chiamarsi "Senza-Dio".

E' nota, infatti, la ben organizzata attività, che i comunisti vanno svolgendo da per tutto [sic], mirando specialmente alla conquista degli Stati dell'America Latina.

Un elemento importante della lora tattica attuale è anche quello di insinuarsi nelle file dei cattolici, e specialmente dei giovani, con il pretesto di perseguire alti scopi umanitari, quali, ad esempio, eliminare lo sfruttamento capitalistico delle classi operaie, elevare la dignità umana, favorire la migliore ripartizione delle ricchezze ecc.

E’ quindi desiderio di Sua Santità che Vostra Eccellenza voglia costantemente tenere informata questa Segreteria di Stato del lavoro comunista in cotesta regione, dei suoi vari aspetti [2r] e in modo particolare degli eventuali tentativi di fondare "cellule” di infezione comunista nelle stesse file dei cattolici.

Vostra Eccellenza vorrà pure informare su ciò che si è già fatto e si può ancora fare per preservare i fedeli, e specialmente gli operai, dagli allettamenti e dai falsi miraggi del comunismo, in quest'ora di crisi, di malcontento e di disagio universale.

Affinchè Ella possa meglio essere orientata sulle insidie di tale movimento, Le farò inviare le "Lettres de Rome", pubblicate dal Rev.do Padre Ledit del Pontificio Istituto Orientale.

Richiamo altresì, in modo particolare, l'attenzione dell’Eccellenza Vostra sulll’attività assai pericolosa che i dirigenti della Terza Internazionale e i così detti "Senza Dio" vanno compiendo con metodo e perseverenza nei maggiori porti di mare, non solo a danno dei marinai, ma anche degli emigranti.

Questi ultimi, lontani dalla patria e dalla famiglia, preoccupati di procurarsi pane e lavoro, quasi sperduti nel nuovo paese e privi, ben spesso, di soda cultura religiosa, sono facilmente preda della propaganda sovversiva e divengono, a loro volta, propagatori delle idee comuniste e dell'ateismo.

E’ quindi necessario che Vostra Eccellenza si informi anche se esistono e come funzionino le Opere di assistenza religiosa e morale sia per gli emigranti come per i marinai di passaggio nei porti di cotesta Nazione.

[3r] Sarebbe poi espediente che Vostra Eccellenza volesse proporre se sia possibile coordinare i mezzi di preservazione attuati e da attuarsi in corrispondenza con quelli creati o da crearsi nei paesi di origine degli Emigrati e dei Marinai.

Nell’assicurarLa, infine, che sarà gradita qualunque notizia che l’Eccellenza Vostra riterrà opportuno di trasmettere su altri aspetti del pericolo comunista, anche se non riguardi direttamente il territorio di codesta Rappresentanza, profitto volentieri dell’incontro per raffermarmi con sensi di distinta e sincera stima

di Vostra Eccellenza Rev.ma / Servitore / E. Card. Pacelli

ASV, Arch. Nunz. Italia, busta 9, fasc. 3, f. 1-3 : circulaire de Pacelli, Vatican, 20.02.1936, prot. 561/36, 3 p. dact. italien.

Document 46 : Une circulaire romaine sur l’athéisme et la prière pour la Russie, mars 1936

17[4r] Eccellenza Reverendissima,

E' vivo nell’animo di tutti il ricordo delle accorate parole del Santo Padre, nel discorso natalizio al Sacro Collegio ed alla Prelatura Romana, sull’audacia di coloro che osano chiamarsi "senza Dio" e fanno propaganda di ateismo radicale, con l'accenno doloroso alla distruzione sistematica di ogni forma di vita religiosa in Russia.

Questa immensa ed infelicissima regione è dominata da coloro che sono l'anima della lotta antireligiosa nel mondo intero, che vogliono pertanto dare in casa loro l'esempio al mondo della più empia e sacrilega audacia, con un piano di distruzione sistematica e completa di ogni religione, piano che si è andato e si va attuando con tenacia incredibile e con arti di violenza o di insidia veramente diaboliche.

Sebbene tutte le confessioni cristiane, anzi tutte le religioni siano prese di mira, oggi si può dire che il bersaglio principale è la Chiesa Cattolica, per la sua più disciplinata organizzazione, più profonda vitalità, più risoluta irriducibilità a qualsiasi forma di compromesso che possa intaccare il dogma o l’autorità del magistero ecclesiastico ; e con la Chiesa il Papa, considerato come il nemico più grande e più odiato.

[5r] La maggior parte delle chiese sono state gradatamente chiuse e, con la semplice continuazione di un piano sistematico e prestabilito, non passerà tempo che in Russia non vi sarà più una Casa del Signore aperta al culto.

Il clero cattolico, che, per le regioni tuttora appartenenti all’U.R.S.S., poteva essere calcolato all’inizio della rivoluzione ad un migliaio di ecclesiastici, ora è ridotto a poche decine di sacerdoti ancora in libertà. Gli altri sono ritornati ai paesi di origine (Polonia, Lituania, Lettonia), oppure sono morti per vecchiaia, malattia, stenti, o furono uccisi. Altri infine sono stati condannati ai bagni penali o ai lavori forzati, dove si logorano le forze e la salute come poveri schiavi. Più d'uno, sotto l’incubo di una serie raffinata di tormenti e coazioni morali (processi, imposizione di farsi delatori dei confratelli), è impazzito. I pochi, che ancora si chiamano liberi, o sono esausti per età e malattia e quindi incapaci di lavorare, o sono esposti ad una serie non meno raffinata di persecuzioni anche nell’ambito della legalità ed assolutamente impediti di impartire qualsiasi istruzione religiosa ai giovani prima dei diciotto anni. Anche per questi sacerdoti "liberi" l’angoscia dello spirito può spingere fino alla pazzia.

Non meno lacrimevole è la sorte delle Religiose, che si trovano per buona parte in prigione od in esilio, dopo che le loro Comunità sono state violentemente disperse. Il Signore soltanto conosce l'eroismo di queste vergini che, addolorate solo per la privazione dei Sacramenti, riescono tuttavia a fare del bene alle stesse anime depravate tra cui sono costrette a vivere.

[6r] Ai fedeli poi, oggi più che mai, si tende a rendere impossibile qualsiasi manifestazione di vita religiosa. Il solo fatto di chiedere l’autorizzazione dell’assistenza religiosa ad un moribondo o di far parte dei comitati parrocchiali, necessarii per l’esistenza legale di una chiesa, può esser motivo di persecuzione. In molti casi la professione esterna della fede richiede dai singoli fedeli un vero eroismo.

Così i dirigenti dell'U.R.S.S., pur rimanendo meravigliati della persistente vitalità del sentimento religioso nell'intimo delle coscienze, pur adottando talora una tattica più astuta, per lasciar credere all’estero che persecuzione [sic] non esiste, vogliono arrivare e, purtroppo, arriveranno, con un piano sistematico in cui tutto è previsto con precisione matematica, alla distruzione totale della vita religiosa in un popolo di oltre 160 milioni di anime.

Questi sono fatti di cui si ha, purtroppo, la certezza assoluta. Di fronte ad essi il Santo Padre non ha altra fiducia che nella preghiera : sopratutto nella preghiera e nell’oblazione delle anime che a questo fine hanno, per privilegio misericordioso di una ineffabile vocazione divina, consacrata tutta la loro vita.

Il Santo Padre vuole dunque che, sopratutto nelle Comunità Religiose, si offrano preghiere e sacrifici per la Russia ; molto, tutto anzi spera dalla preghiera.

Faccio pertanto appello al ben noto zelo dell’E.V.Rev.ma affinchè, nelle forme e con i mezzi che, nella Sua illuminata prudenza, riterrà più opportuni, voglia promuovere, in tutto il territorio di codesta Rappresentanza, un vero apostolato di preghiere delle [7r] Comunità Religiose per la Russia.

E’ tuttavia conveniente, è anzi necessario che tutto si faccia evitando qualsiasi forma di pubblicità, che potrebbe avere il tristissimo effetto di rendere, in Russia, più crudele la persecuzione religiosa. D’altronde è ancora più bello che le anime religiose chiamate a una così santa missione preghino nel segreto della loro cella, della loro Chiesa; ed il Padre Celeste, che vede nel segreto, ne darà la mercede. Si riverserà la ricompensa divina in nuove e più elette grazie di sanctificazione per le anime e le Comunità oranti, si tradurrà per l'avvenire nel ritorno della povera Russia a Gesù Cristo Divin Redentore, che oggi in quel grande Paese è fatto segno di odio inestinguibile, ma domani, giova sperarlo, sarà centro di indomato amore.

Profitto volentieri dell' incontro per raffermarmi con sensi di distinta e sincera stima

di Vostra Eccellenza Rev.ma

Servitore

E. Card. Pacelli (manuscrit)

ASV, Arch. Nunz. Italia, busta 9, fasc. 3, f. 4-7 : circulaire de Pacelli, Vatican, 04.03.1936, prot. 776/36, 4 p. dact. italien.

Document 47 : Une circulaire romaine sur le congrès des sans-dieu en Russie, avril 1936

18Eccellenza Reverendissima,

Come l'Eccellenza Vostra Rev.ma avrà appreso dai giornali, nel prossimo Maggio si terrà in Russia un Congresso di liberi pensatori e delle associazioni dei "Senza Dio".

Dalle notizie finora pervenute da buona fonte, ma che non è stato possibile controllare, sembrerebbe che tale Congresso accoglierà numerosi rappresentanti di tutte le parti del mondo e procurerà di compiere all'estero un'intensa propaganda irreligiosa, tra l’altro, per mezzo dell'emissione di francobolli con vignette sacrileghe e della diffusione radiofonica in diverse lingue e per un periodo prolungato di tempo.

Sarò grato a Vostra Eccellenza se potrà procurarsi più esatte informazioni: intanto ritengo mio dovere segnalarLe quanto si è già saputo al riguardo.

Non vi è certamente bisogno di mettere in rilievo le dolorose conseguenze che proverrebbero da tale propaganda e quindi la convenienza di richiamare l'attenzione dei Governi dei paesi cristiani su tali progetti, ed indurli ad intervenire, almeno indirettamente, allo scopo di prevenire e scongiurare incalcolabili danni anche nell'ordine sociale. Si ritiene che cotesto Governo potrebbe agire affinchè gli Uffici Internazionali postali non ammettano il corso degli accennati francobolli, come lesivi delle regole di cortesia tra le nazioni e, più ancora, offensivi del sentimento religioso dei credenti. Dovrebbesi poi poter proibire all'interno del Paese la distribuzione delle corrispondenze postali affrancate con siffatti francobolli.

Quanto alle radiodiffusioni non credo che sarebbe difficile a cotesto Governo di interdire alle stazioni nazionali la ritrasmissione delle lamentate diffusioni radiofoniche o meglio organizzare per quello stesso tempo emissioni buone ed eventualmente internazionali con opportuni “relais”.

Sembrerebbe poi il caso di sollecitare le diverse Società esercenti la radiodiffusione affinchè, in qualità di membri dell'Unione Internazionale di Radiodiffusione, inviino una protesta alla Presidenza di detta Unione. Gioverà appellarsi ai voti già più volte espressi dal Consiglio della Unione circa le radiotrasmissioni a scopo di propaganda. In base a tutti e singoli i voti citati nell'allegato può avanzarsi una formale domanda affinchè la Presidenza faccia del suo meglio per impedire l'emissione blasfema. A detta protesta e domanda potrebbe aggiungersi la formulazione di un voto: che si venga, cioè, nell'Unione all'esplicito accordo di non ammettere radiotrasmissioni offensive verso la religione. Tali proteste e voti potrebbero fruttuosamente preparare i lavori di una Conferenza mondiale che avrà luogo a Ginevra nel prossimo Settembre per un progetto di convenzione internazionale concernente l'impiego della radiodiffusione nell'interesse della pace (v. All.).

Mentre pertanto affido al ben noto tatto di Vostra Eccellenza tali delicati incarichi, sarà poi anche opportuno che V. E. si rivolga a cotesti Vescovi, affinchè in occasione di detto Congresso si tengano, come già si è fatto altra volta, adunanze di protesta debitamente appoggiate dall'"Azione Cattolica" e dalla stampa.

Gli stessi Vescovi non mancheranno, poi, di ricordare ai fedeli che, per scongiurare i gravi pericoli della nefasta propaganda atea non deve venir meno il mezzo principale della preghiera accompagnata da penitenze propiziatrici. Interesso, infine, l'E. V. a volermi tenere informato su quanto ha potuto fare al riguardo e nello stesso tempo a comunicarmi tutte quelle notizie e proposte che a parere suo potranno essere efficaci per arginare la propaganda del Congresso in discorso.

Questa Segreteria di Stato dal canto suo avrà cura di comunicare eventuali ulteriori notizie specialmente circa la data esatta del Congresso. Profitto ben volentieri dell'incontro per confermarmi con sensi di ben distinta e sincera stima

di Vostra Eccellenza Rev.ma Servitore

E. Card. PACELLI

Note manuscrite (8r): « Il 4 maggio 1936 la Segreteria di Stato telefona che il Congresso, di cui in questa circolare, è stato rimandato »

ASV, Arch. Nunz. Italia, busta 9, fasc. 3, f. 8-9 : circulaire de Pacelli, Vatican, 30.04.1936, prot. 1478/36, 3 p. dact. italien.

Table des illustrations

Légende Вђра и жизнь, janvier 1910 (année 3, n°1), p. 1.
Crédits Droits réservés : Fonds slaves de la Bibliothèque de l'ENS de Lyon.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 364k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 420k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 372k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 1000k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 1004k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 200k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 252k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 328k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 736k
Titre « Moscou – Monastère de Saint-Simon (XIVe siècle), tour (détruit) ».
Légende Photographies prises par Vera Tchentsova le 17 mai 2008 lors de la visite guidée du Palais de la Congrégation par Mgr Michel Berger.
Crédits Droits réservés Congrégation pour les Églises orientales.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 152k
Titre « Île de Solovezk (Arkangelsk). Monastère Solovezki (profané) ».
Légende Photographies prises par Vera Tchentsova le 17 mai 2008 lors de la visite guidée du Palais de la Congrégation par Mgr Michel Berger.
Crédits Droits réservés Congrégation pour les Églises orientales.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-11.jpg
Fichier image/jpeg, 164k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-12.jpg
Fichier image/jpeg, 244k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-13.jpg
Fichier image/jpeg, 296k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-14.jpg
Fichier image/jpeg, 172k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-15.jpg
Fichier image/jpeg, 580k
Titre Un « bouquet spirituel » pour la Russie, Carmel de Lisieux, années 1930
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-16.jpg
Fichier image/jpeg, 416k
Titre La « ligue de messes », Suisse, octobre 1935
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/2998/img-17.jpg
Fichier image/jpeg, 231k

© Publications de l’École française de Rome, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540