Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Governare e riformare l’impero al momento della sua divisione : Oriente, Occidente, Illirico

 | 
Umberto Roberto
, 
Laura Mecella

Introduzione

Umberto Roberto

Texte intégral

1Il convegno « Governare e riformare l’Impero al momento della sua divisione: Oriente, Occidente, Illirico / Gouverner et réformer l’Empire à l’épreuve de sa partition : Orient, Occident et Illyricum » (Roma, 26-27 settembre 2011) si inserisce nella cornice di un più generale programma di ricerca dell’École française de Rome, intitolato « Riformare la città e l’impero / Réformer la cité et l’Empire: initiative politique et processus de décision ». Il programma si è sviluppato tra il 2008 e il 2011 per iniziativa del prof. Yann Rivière, allora Directeur des études pour l’Antiquité dell’École française de Rome. Dopo una prima table ronde sulla giurisprudenza e gli sforzi di codificazione in età tardoantica (2009), altri incontri sono stati dedicati rispettivamente all’amministrazione e alle riforme di età repubblicana, da Appio Claudio fino all’età di Cicerone; al rapporto tra filosofia e prassi politica; alla storia del lusso e alla genesi e sviluppo delle leggi suntuarie. A questa prospettiva di analisi tematica è stata affiancata una verifica delle modalità e delle strategie di « riforma » delle città e dell’impero in congiunture storiche precise. Per questa ragione, dopo un incontro dedicato all’epoca augustea, d’accordo con il collega e amico Yann Rivière, si è pensato di dedicare un evento di studio e di confronto alla crisi del V secolo d.C. In particolare, si intendeva analizzare le attività di governo che resero possibile il diverso destino delle due Partes dell’impero tardoantico sotto la pressione dei problemi che investirono il mondo romano nel periodo dalla morte di Teodosio I (395) al regno di Anastasio (491-518). 

2Come noto, al termine di questo percorso v’è una drastica cesura: la fine dell’unità politica del Mediterraneo antico. L’impero d’Occidente sparisce definitivamente come istituzione politica nell’agosto 476. Al suo posto, rimane una frammentazione di regni romano-barbarici, che costituiscono straordinari laboratori dove culture diverse interagiscono per la formazione di una realtà nuova, l’Europa medievale. Alla frammentazione dell’Occidente si contrappone la ristrutturazione e la riorganizzazione dell’impero romano d’Oriente. Non v’è dubbio che questo esito dipende tanto dalle diverse condizioni economiche, sociali e culturali che caratterizzano le due grandi aree dell’impero tardoantico; quanto dalla diversa risposta dei governi delle due Partes alla crisi del mondo mediterraneo nei primi decenni del secolo. Da qui l’interesse per il periodo nell’ambito del programma « riformare la città e l’impero ». Obiettivo dell’incontro di studio è stato quello di concentrare l’attenzione sulle diverse scelte di governo, sulle linee di riforma adottate per consolidare le istituzioni e fronteggiare la crisi. Si è scelto, in particolare, di privilegiare la prospettiva dell’Oriente, allo scopo di indagare e approfondire le scelte politiche che, attuandosi in un contesto sicuramente più solido rispetto all’Occidente, consentirono a questa parte dell’impero di superare l’emergenza. Ma, ovviamente, non si è trattato solo di individuare prassi politiche e di valutarne i risultati; o di verificare la capacità del governo d’Oriente di pianificare e realizzare riforme adeguate alle sfide dei tempi (si veda sulla questione il contributo di S. Destephen). Grande importanza hanno rivestito in questa indagine anche le personalità, gli uomini, i gruppi di potere, che hanno reagito, con efficacia maggiore o minore, alle urgenze del loro tempo.

3Come già nel corso del terzo secolo, così pure nei primi decenni del V secolo, la crisi si presentò soprattutto come emergenza militare. Per tale ragione, è stata data particolare attenzione alla capacità di risposta militare dell’Oriente romano. In generale, vi fu sicuramente la necessità di difendere l’unità dell’impero mediterraneo – esigenza che appare condivisa almeno fino alla fallita spedizione di Basilisco contro i Vandali nel 468; ma ancor più urgenti per le due Partes furono le strategie per garantire la propria sopravvivenza. Per l’Occidente si trattava di lottare contro le popolazioni barbariche che – ormai penetrate nelle province – minacciavano l’integrità dell’impero; allo stesso tempo, occorreva reagire anche contro gli usurpatori che sfruttavano l’emergenza e le tendenze centrifughe delle province. Per l’Oriente, si rivelò in tutta chiarezza la questione di un controllo delle due frontiere maggiormente esposte ai pericoli: la frontiera con il nemico più temibile, la Persia sasanide; e la frontiera danubiana, dove la formazione dell’impero degli Unni costrinse il governo imperiale a mantenere sempre vigile la sorveglianza. Ma il controllo delle frontiere orientali fu reso possibile anche grazie alle riforme che consentirono la riorganizzazione dell’esercito, secondo linee di intervento che misero a frutto le esperienze di terribili conflitti (temi sviluppati nei due contributi di A. Lewin e St. Janniard). L’esercito annientato ad Adrianopoli nell’agosto 378 era, infatti, quello d’Oriente. Nonostante la catastrofe militare, durante il V secolo la Pars Orientis riuscì a riprendersi, dominando e attenuando fenomeni preoccupanti come la barbarizzazione, la formazione di eserciti privati agli ordini di potenti generali, lo sbandamento dell’esercito regolare, la prevaricazione del potere militare sull’autorità civile. Come evidenziano le vicende di Ricimero, Oreste, Odoacre, si tratta di problemi gravissimi che l’impero d’Occidente non riuscì a risolvere, non solo per mancanza di risorse economiche. D’altra parte, per sostenere lo sforzo difensivo furono determinanti anche le scelte delle alleanze e l’attività diplomatica. Casi emblematici, al riguardo, sono la vicenda degli accordi tra il governo d’Oriente e le tribù arabe; la gestione dei foederati nell’area danubiana; in alcuni periodi, anche i rapporti diplomatici con i Vandali e i Persiani. È da notare che il dibattito sull’etnogenesi dei popoli barbarici e il ruolo delle cultura romana in questo processo non ha ancora del tutto evidenziato la capacità della cultura orientale di penetrare con diversa lucidità l’identità delle popolazioni « barbariche ». Ne sono un riflesso la suggestiva profondità delle analisi di Olimpiodoro, Prisco, Malco, Procopio di Cesarea, Giovanni Antiocheno, intellettuali e uomini attivi nell’amministrazione dell’impero d’Oriente.

4È evidente che le strategie dell’Oriente romano nel V secolo si rivelarono particolarmente efficaci, soprattutto per la capacità di gestire il confine danubiano e mantenere il controllo dell’area balcanica. Lo studio di quest’area, e dei rapporti tra governo centrale e popolazioni barbariche nel territorio, è una delle chiavi di lettura per comprendere il « successo » dell’Oriente nel risolvere la crisi (al riguardo si vedano i contributi di G. Zecchini e A. Laniado). D’altronde, l’importanza dell’Illirico non è legata solo alla sua realtà di terra dove forte era la presenza dei barbari, coinvolti peraltro in un enorme processo di etnogenesi. L’Illirico è anche una frontiera politica e culturale tra Occidente e Oriente dell’impero, tra due idee di governo e di amministrazione; tra due culture, la latina e la greca che convivono e interagiscono. Anche in questo caso, oltre alle linee generali dell’attività politica, è fondamentale lo studio dei personaggi che hanno rivestito un ruolo nella costruzione di questo equilibrio. Particolare interesse ha suscitato l’attività dell’alano Aspar che, per molti tratti, rappresenta una figura ancora da approfondire. Aspar fu uomo dalla brillante carriera nell’esercito e capace mediatore tra governo imperiale e barbari; ma anche capo di un vasto gruppo di potere politico-militare che condizionò la politica dell’Oriente, anche verso l’Occidente dell’impero, per decenni. E tuttavia, nonostante la sua potenza, Aspar non ebbe successo nelle sue strategie di uomo politico e leader dei barbari al servizio dell’Oriente romano. Ne consegue che il confronto tra la condizione di Aspar e quella dei suoi colleghi d’Occidente – Stilicone, Aezio, Ricimero – contribuisce a chiarire i diversi equilibri nel rapporto tra gerarchie militari, milizie barbariche e governo imperiale nelle due Partes. Per ragioni organizzative, e per garantire un’articolazione organica al convegno, non è stato possibile approfondire troppo le analogie e le differenze tra Aspar e i suoi emuli in Occidente (si veda comunque il contributo di T. Stickler al riguardo; e quello di A. Laniado). Sia sufficiente sottolineare che lo studio dell’ascesa e del drammatico fallimento di Aspar rappresenta uno strumento formidabile per comprendere il diverso contesto politico e culturale nel quale fenomeni analoghi si svilupparono tra Oriente e Occidente. I generali di stirpe barbarica d’Occidente, tanto a livello locale, quanto poi a livello di potere centrale (con Ricimero e Odoacre), riuscirono nell’impresa di sgretolare l’autorità e la capacità di intervento dell’imperatore. In Oriente questo non fu possibile. Tra le forze che contribuirono ad attenuare lo strapotere aggressivo delle élites barbariche vi fu sicuramente la potente ed efficiente burocrazia, palatina e periferica, espressione del mondo delle vitali e prospere città d’Oriente (un contesto politico peculiare presentato nel contributo di F. Haarer). In presenza di un’élite militare frammentata in gruppi diversi – spesso ricollegabili alle diverse etnie che prestavano servizio nell’esercito d’Oriente: Germani, ma anche Isauri, Armeni, personaggi di area mesopotamica, etc. – esiste nell’impero d’Oriente una burocrazia potente e capace di influenzare l’imperatore nelle sue scelte. L’attenzione alla burocrazia palatina è uno dei temi chiave del convegno. Questa burocrazia, infatti, aumenta il suo potere con il consolidarsi di Costantinopoli come residenza e capitale dell’impero d’Oriente; e del resto, anche questo accentramento dell’autorità in una sola, grande capitale è un fenomeno peculiare della Pars Orientis, rispetto alle spinte centrifughe dell’Occidente. Inoltre, la burocrazia appare composta tanto dai membri delle aristocrazie municipali delle città, fiorenti nella Pars Orientis attraverso tutto il V secolo; quanto da esponenti dei diversi gruppi che formano l’identità complessa della società orientale. Appartengono ad essa uomini esperti e dotati di significativa paideia. E la loro azione di governo si concentra intorno ad alcune linee guida che sono già presenti in età teodosiana, ad esempio nelle scelte di Taziano e di suo figlio Proculo (si veda il contributo di L. Mecella) e si sviluppano poi durante il V secolo attraverso l’azione di importanti personaggi come il prefetto Antemio senior, che amministrò l’Oriente tra 405 e 414; e come altri ministri al servizio di Teodosio II. Le capacità della burocrazia palatina impediscono sicuramente il prevalere del potere militare, in particolare quello di Aspar. L’impegno di questi gruppi di funzionari si consolida intorno a un paradigma di valori politici condivisi: la difesa degli interessi dell’impero contro le tendenze centrifughe di gruppi di potere locale; o contro la prepotenza dei gruppi militari; l’attenzione alla prosperità e al benessere delle città, garanti dell’afflusso di entrate fiscali, fondamentali per la sopravvivenza dell’impero; la continuità con il passato in nome della tradizione; la difesa delle frontiere e la sicurezza, senza dimenticare – finché possibile – il valore fondamentale dell’unità dell’impero mediterraneo (si veda in generale il contributo di S. Cosentino). V’è, inoltre, un altro versante di resistenza politica che caratterizza l’azione della burocrazia. Come testimoniano le fonti, tanto a livello locale, quanto soprattutto nel palazzo, la burocrazia si oppone alla forza delle chiese cristiane in Oriente, e alla costante crescita del potere delle gerarchie episcopali. Si tratta di dinamiche di contrapposizione politica che vedono sovente i più alti funzionari contendere ai vescovi il favore dell’imperatore; e combattere per guidare le scelte del principe a tutela dell’interesse dell’impero contro gli interessi particolari delle chiese cristiane. Come nel caso dell’esercito, questa dinamica di scontro è caratteristica dell’Oriente e garantì la forza del governo centrale contro le spinte centrifughe sostenute dalle gerarchie ecclesiastiche. (sul tema della cristianizzazione dell’impero si veda il contributo di M. Mazza).

5La tensione all’impegno per salvare l’Occidente dai suoi nemici interni ed esterni è sempre presente nell’azione dei governi orientali tra l’inizio del V secolo e il 468. Del resto, v’era la chiara percezione che la lotta contro comuni nemici, come gli Unni o, soprattutto, i Vandali, recava evidenti benefici anche alla Pars Orientis. Il ruolo strategico dell’Africa nel conservare l’effettiva unità dell’impero mediterraneo non sfugge alla visione politica dei ceti dirigenti dell’Oriente e giustifica i diversi tentativi di eliminare il regno di Genserico. Ma questi interventi erano ovviamente condizionati dalle risorse a disposizione dell’Oriente nei diversi periodi di emergenza. Un personaggio che emerge come rappresentante di questa esigenza di unità tra le due Partes è certamente l’imperatore Antemio (467-472). La sua breve parabola – che termina con il drammatico terzo sacco di Roma del luglio 472 – segna un momento di grande frattura nella speranza dei ceti dirigenti orientali di salvaguardare l’assetto antico dell’impero romano. La morte di Antemio è il preludio al 476, e la ragione di un cambio significativo della politica orientale verso gli affari d’Occidente, almeno per sessanta anni (su questi temi, come sulla questione del dilemma strategico dell’Oriente romano si vedano i contributi di P. Heather e U. Roberto).

6
Generazioni di studiosi hanno affrontato il tema della divisione dell’impero romano dopo la morte di Teodosio I nel 395 e analizzato i molteplici fattori che concorsero a costruire un destino diverso per l’Oriente romano in quel periodo di violenza e terribili prove che fu la prima metà del V secolo per il mondo mediterraneo. Perché l’Oriente romano si salvò dalla catastrofe? Il convegno nasce dalla convinzione che per continuare a riflettere su questo tema sia necessario approfondire l’azione di governo, dunque i meccanismi di amministrazione e le scelte riformistiche, che una parte dei ceti dirigenti dell’Oriente romano seppe adottare per reagire con efficacia alla crisi. I testi raccolti di seguito negli Atti intendono contribuire a evidenziare alcune linee guida di questa azione nella Pars Orientis; e a segnalare l’importanza di alcune personalità che hanno guidato, agevolato o, talora, ostacolato questi processi. Non v’è, naturalmente, alcuna pretesa di avere raggiunto una conoscenza esaustiva rispetto ai numerosi problemi sollevati; piuttosto, grazie all’impegno di tutti i partecipanti, v’è la speranza di stimolare la discussione, favorendo nuove prospettive di ricerca.

Auteur

Università Europea di Roma - umbertoroberto@hotmail.com

© Publications de l’École française de Rome, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540