Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

L’écriture et l’espace de la mort. Épigraphie et nécropoles à l'époque préromaine

 | 
Marie-Laurence Haack

Discussion - 2

Texte intégral

Discussion - 2

1F.-H. Massa-Pairault : Dell’intervento della collega Frisone, ho ritenuto una cosa che mi sembrava molto interessante, tra le molte che ha detto, anche se non ha dato nessun esempio. É proprio per questo che chiedo adesso un esempio. Ha parlato di casi in cui si cerca di segnare il carattere ancestrale, il carattere tradizionale della sepoltura, e proprio nel momento in cui si cambia. E quindi mi pare che ci sono più casi. Che ne pensa ? Non avrebbe adesso degli esempi da dare ?

2F. Frisone : Certamente. Devo precisare che non facevo riferimento esplicito alla sepoltura. Però, chiaramente tra le fonti letterarie, l’esempio più eclatante è Tucidide, quando illustra il patrios nomos, che in realtà è ben poco patrios, nel senso che è una trasformazione probabilmente che può risalire ad una generazione prima di lui. Dal punto di vista epigrafico nella legge di Iulis , si trova citato espressamente il riferimento ad una parte del rituale che deve essere fatto probabilmente in una fase intermedia fra quanto di nuovo o di specifico viene stabilito per la prothesis, limitatamente per l’ekphora, ed il seppellimento; le informazioni che sono date a proposito dei cambiamenti riguardano il fatto di asportare materiali dalla tomba. In quel caso si fa riferimento per lo specifico prosfagion, cioè per il sacrificio di sangue, per il quale ci si deve regolare secondo le regole ancestrali. Questo in particolare mi appare significativo: che le leggi di Iulis sono, a parte che cronolocicamente distanziabili nel tempo, una dimostrazione di tutta una serie di articolazioni minime di comportamenti, che servono a dare l’idea della continuità del rituale funerario, quando in realtà il rituale funerario viene cambiato, addirittura per decreto dell’assemblea cittadina.

3M. Cuozzo : Vorrei rispondere un attimo alla collega Frisone, su due aspetti in cui mi sono sentita chiamata in causa. Il primo aspetto riguarda la definizione delle necropoli come contesto privilegiato : sicuramente non per un dato quantitativo, ma in quanto lo considero uno dei pochi casi che ci permettono di analizzare dall’interno un contesto rituale. In realtà, se noi non consideriamo la tomba come un elemento cristallizzato, ma come la cristallizzazione di un evento che si è svolto nel corso del tempo – tra l’altro la tomba e lo spazio della necropoli sono anche luoghi di frequentazione e di rituali ripetuti nel tempo, proprio lo studio sistematico delle necropoli mette in luce che ci sono moltissimi contesti in cui è la necropoli nel suo complesso ad avere importanza. A questo punto, se è vero che ci mancono molti aspetti, lo studio può recuperare una parte di questi aspetti rituali, e quindi dare anche una dimensione diacronica a quello che, a prima vista, sembra soltanto un dato sincronico. È chiaro che rispetto all’antropologia, alla visione diciamo etnografica, continuano a mancarci molti aspetti.

4Poi, non ho mai inteso svalutare il rapporto colla storia, anzi penso che sia fondamentale averlo sempre presente. È comunque il punto di riferimento per qualunque analisi di carattere archeologico, ove è ovviamente possibile.

© Publications de l’École française de Rome, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540