Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

L’écriture et l’espace de la mort. Épigraphie et nécropoles à l'époque préromaine

 | 
Marie-Laurence Haack

La scrittura e la tomba: il caso dell’Etruria arcaica

Giovanni Colonna

Texte intégral

  • 1 Una buona ma sommaria presentazione in E. Benelli, Iscrizioni etrusche. Leggerle e capirle, Ancona, (...)
  • 2 G. Buonamici, Epigrafia etrusca, Firenze, 1932, p. 334-353, tavv. IX-XXXV.

1Il tema che mi propongo di affrontare è assai vasto: accennerò solo ad alcune delle molte questioni che sono sul tappeto. Anzitutto va detto che manca tuttora una trattazione esauriente dell’epigrafia funeraria etrusca, nonostante, o forse proprio perché, le iscrizioni funerarie rappresentino la componente di gran lunga più cospicua, in termini quantitativi, del corpus di quella lingua1. Appare infatti sempre più superato, anche a causa dell’enorme incremento di testimonianze, specialmente nell’ambito dell’instrumentum vascolare, quel che è stato scritto sull’argomento quasi 80 anni fa da Giulio Buonamici nell’unico manuale a tutt’oggi esistente di epigrafia etrusca: meno di venti pagine in cui si compie una troppo rapida rassegna dei dati a disposizione, peraltro accompagnata da un buon corredo di fotografie2.

  • 3 E. Colonna Di Paolo, G. Colonna, Castel d’Asso, I-II, Roma, 1970; E. Colonna Di Paolo, G. Colonna, (...)
  • 4 L. Cavagnaro Vanoni, Tombe tarquiniesi di età ellenistica, Roma, 1996; F.R. Serra Ridgway, I corred (...)

2In premessa va inoltre rilevato che, prima ancora dell’aspetto epigrafico e linguistico, si pone per le necropoli etrusche un problema conoscitivo di ordine più generale. Intanto è facile constatare che nessuna delle necropoli, nemmeno il Crocifisso del Tufo a Orvieto e la Banditaccia a Cerveteri, per citare le due più estesamente indagate e fin dall’800, è stata esplorata per intero: il che deve metterci in guardia verso affermazioni troppo perentorie. Tanto più che raramente quel che è stato scavato, spesso in fretta per penuria di mezzi e/o timore di saccheggi clandestini, è stato oggetto di uno studio adeguato e di una pubblicazione integrale: si possono citare al riguardo solo pochi casi, tra i quali annovero con soddisfazione gli scavi di Elena Di Paolo e miei a Castel d’Asso e a Norchia3, così come quelli del compianto Richard E. Linington a Tarquinia (editi grazie alle cure di Lucia Cavagnaro Vanoni e Francesca R. Serra Ridgway)4.

  • 5 E. Colonna Di Paolo, Necropoli rupestri del Viterbese, Novara, 1978, p. 46, fig. 75 sg.
  • 6 M. Morandi Tarabella, Prosopographia Etrusca, I. Corpus : 1. Etruria meridionale, Roma, 2004, p. 46 (...)
  • 7 Forse imparentati con la Felusui di una tomba a dado di Blera (Rix, ET AT 1.187).
  • 8 E. Colonna Di Paolo, op. cit., p. 43, figg. 67 sg., 71 sg.; G. Colonna, Urbanistica e architettura, (...)
  • 9 Fonti archivistiche citate in F. Orioli, in BullInst, 1850, p. 27 sg.
  • 10 E. Colonna Di Paolo, G. Colonna, Norchia I, cit., p. 36, nota 2.
  • 11 G. Colonna, Urbanistica e architettura, cit., p. 398.

3Questi limiti vanno sempre tenuti presenti quando ci si accosta agli agglomerati di tombe, che possono annoverare anche molte migliaia di unità, circondanti le città grandi e piccole dell’Etruria. Agglomerati che di norma sono l’esito finale di un’intricata vicenda di interventi, sui quali l’epigrafia può contribuire a far luce. Sempre più infatti ci si accorge che, al di là delle differenze cronologiche, esiste assai spesso nelle necropoli di tombe a camera - che sono le più comuni nell’Etruria di epoca storica, ubicate entro tumuli e dadi o sotto facciate rupestri -, una trama di interrelazioni parentelari o gentilizie collegate alla disponibilità dei suoli, e al caso delle porzioni di rupe, a qualunque titolo sia stata ottenuta. A rivelare tali rapporti sono le connessioni spaziali e le affinità riscontrabili nelle strutture architettoniche, nell’arredo degli interni e nella composizione dei corredi funerari, ma l’ultima parola spetta sempre ai dati epigrafici, solo dai quali dipende la possibilità di dare un nome ai gruppi sociali che attraverso quelle connessioni e quelle affinità si sono manifestati. Penso, per fare un esempio di cui ho esperienza diretta, a Norchia e in particolare al settore Pile B, scavato da tempo ma ancora in corso di studio, in cui le due tombe più imponenti dell’ordine superiore, aventi in comune la sottofacciata a portico e la piattaforma sommitale coi suoi cippi (tombe 9 e 10)5, sono riferite dalle iscrizioni dei sarcofagi agli Smurina, altrimenti sconosciuti, che grazie a quelle iscrizioni acquistano lo statuto di una gens tra le più in vista della città6, mentre la più modesta sequenza delle tombe con facciata a portico 1-3 dell’ordine sommo è apparentemente riferita dall’iscrizione inedita di un cippo agli oscuri Phelu[- - -]7, e quella delle tombe 22-24 dell’ordine mediano, iniziante con la ben nota tomba Prostila (t.24), ai Veie dal bel nome teoforico iscritto sulla facciata della t. 228, altrimenti noti solo nella vicina Musarna e indirettamente grazie al nome del fiumicello che scorre nei pressi, chiamato Veia fino all’inizio del XVII secolo9, quindi Vela e infine Leia10. La necropoli di Norchia si data nel IV-III sec. a.C., ma la stessa situazione è osservabile in filigrana anche in necropoli assai più antiche. Ho accennato in passato, a proposito dell’architettura funeraria ceretana, al fenomeno delle coppie di grandi tumuli di età orientalizzante, presenti anche a Tarquinia, riferibili a rami della stessa gens11, sui quali ritorno più avanti. Essi sono il testimone più evidente dell’articolazione anche delle necropoli di VII-VI sec. a.C. in lotti, potremmo dire in minuscoli ‘quartieri’, beninteso non nel senso puramente urbanistico presente a Orvieto, che è altra cosa.

  • 12 A.M. Sestieri (a cura di), La necropoli laziale di Osteria dell’Osa, Roma, 1992.
  • 13 Da ultimo A. La Regina, scheda in R.Friggeri, M.G. Granino Cecere, G.L. Gregori (a cura di), Terme (...)
  • 14 G. Colonna, Intervento in G. Bartoloni e F. Delpino (a cura di), Oriente e Occidente. Metodi e disc (...)

4L’archeologia protostorica ha molto da insegnarci al riguardo, e non solo sul versante della stratigrafia orizzontale, che tendiamo a utilizzare quasi solo per creare sequenze cronologiche. La ricerca e l’isolamento di raggruppamenti di tombe riferibili a cerchie parentelari e gruppi clanici ha compiuto enormi progressi in ambito centro-europeo, con brillanti applicazioni anche in Italia. Cito solo lo scavo e la ‘lettura’ della necropoli di Osteria dell’Osa presso Gabii da parte di Anna M. Sestieri12. In questo complesso dell’età del Ferro (IX-VIII sec. a.C.) la Sestieri ha individuato due vasti addensamenti di tombe a fossa, attribuibili a due diversi lignaggi, aventi ognuno il proprio epicentro in alcuni pozzetti di incinerati. Seguendo le successive dislocazioni delle fosse sul terreno e avvalendosi largamente dei dati antropologici, è stato possibile alla studiosa ricostruire la microstoria di un segmento di quella comunità laziale su un arco di oltre due secoli. Le tombe sono anteriori alla diffusione della scrittura, che tuttavia compare con un’isolata e precocissima attestazione di prima metà dell’VIII secolo, su cui esiste ormai una vasta letteratura13. Da parte mia ho proposto di riconoscere in essa la più antica iscrizione latina finora nota, tracciata con lettere in maggioranza retrograde e comunicante il divieto di appropriazione (ni lue) della fiasca su cui è apposta, dal contenuto evidentemente assai appetibile14.

  • 15 A. Pontrandolfo, Modelli di organizzazione in età arcaica attraverso la lettura della necropoli di (...)
  • 16 F. Parise Badoni, M. Ruggeri Giove, Alfedena, la necropoli di Campo Consolino. Scavi 1974-1979, Chi (...)
  • 17 Da ultimo C. Pellegrino, Pontecagnano: la scrittura e l’onomastica in una comunità etrusca di front (...)
  • 18 Confrontabile col Montariolo di Borgorose nel Cicolano, che ha 50 m di diametro e accoglie 194 tomb (...)
  • 19 G. Colonna, in REE, in StEtr, 65-68, 2002, p. 385-388, ad n. 84 (non condivisibili le perplessità d (...)
  • 20 L. Cerchiai, Modelli di organizzazione in età arcaica attraverso la lettura delle necropoli. Il cas (...)
  • 21 L’anticipazione del gentilizio al prenome (mi Punpunns Larices), relativamente frequente a Pontecag (...)
  • 22 Il nome offre la più antica attestazione della radice che è alla base del femminile Kanuta di un’is (...)
  • 23 G. Colonna, Identità come appartenenza nelle iscrizioni di possesso, in Epigraphica, 45, 1983, p. 6 (...)

5In età storica possiamo citare, restando nell’ambito dei sepolcreti di tombe a fossa, ossia di tombe individuali, assai rare in Etruria, i casi di Fratte di Salerno e di Pontecagnano nella Campania meridionale. A Fratte si distinguono di primo acchito due gruppi di tombe di VI e V secolo disposte « quasi a ferro di cavallo » nel settore NO dello scavo del 1929 e nel contiguo settore SO del 1971, formati rispettivamente da venti e sedici unità15 e mostranti un’evidente affinità strutturale coi circoli funerari di Alfedena e di Opi nel Sannio16. Alcune delle tombe hanno restituito iscrizioni vascolari, sia etrusche che italiche (in alfabeto acheo): quella proveniente da una tomba posta in evidenza al centro del ‘circolo’ del 1929 reca il nome etrusco Cuvsinu, spettante con buona probabilità alla gens cui facevano capo gli individui sepolti nell’intero comparto. Un’analoga distribuzione delle tombe si osserva nei sepolcreti di Pontecagnano, nei quali i raggruppamenti recano talora traccia di fossati perimetrali, così da ricordare ancor più che a Fratte i circoli di tombe di area centro-italica. Proviene da essi un assai più consistente numero di iscrizioni etrusche, esclusivamente vascolari, databili tra la metà del VII e il IV sec. a.C., in una trentina di casi contenenti singoli elementi o intere formule onomastiche17. In maggioranza sono state rinvenute nel sepolcreto di Piazza Risorgimento, preminente su tutti gli altri di epoca storica perché posto sull’importante asse viario che dal santuario meridionale conduceva alla fascia costiera. In esso l’analisi di Carmine Pellegrino ha isolato un nucleo generatore di età orientalizzante conformato come uno spazio circolare del diametro di oltre 60 m, accogliente un elevato numero di tombe, solo in parte scavate18. Tra queste si annoverano sia le due note tombe principesche a cremazione 926 e 928, magistralmente edite da Bruno D’Agostino, sia la tomba di bambina 3509 in cui era l’iscrizione di dono dei genitori Venel(i)a e Velchae Rasunies, membri a quanto pare di due rami della stessa gens, dal nome significativamente derivato dal *ras(u)na, cioè dalla componente armata della comunità, evocante l’omonimo capo militare (hegemón), eponimo degli Etruschi secondo Dionigi di Alicarnasso (I, 30, 3)19. L’iscrizione, che è la più antica finora rinvenuta nella Campania etrusca e l’unica esibente la formula di dono mi mulu, induce a ritenere che il grande ‘circolo’ funerario appartenga alla schiatta dei Rasunie e che a impiantarlo nei decenni iniziali del VII secolo, su un terreno in precedenza non occupato, siano stati proprio i due ‘principi’ sepolti nella coppia di tombe 926 e 928, forse due fratelli o due cugini (che pertanto, se si accetta questa ipotesi, uscirebbero dall’anonimato). Nello stesso sepolcreto di Piazza Risorgimento venne formandosi, a NO del complesso ora descritto, un minore raggruppamento subcircolare di tombe20, che l’iscrizione di pieno VI secolo della t. 940, mi Punpunn(a)s Larices (CIE 8841), permette di attribuire alla cerchia dei Punpuna21. Anche il non lontano sepolcreto di via Sicilia appare composto da gruppi distinti di tombe: l’unica iscrizione del gruppo Nord, databile all’inizio del VI secolo, proviene come quella dei Rasunie da una tomba di bambino e consiste nel nome individuale Kane in caso zero, riferibile, se in funzione di gentilizio, all’intero gruppo22. Invece nel gruppo intermedio dello stesso sepolcreto l’unica iscrizione onomastica viene dalla tomba maschile 446, ma si riferisce a una donna, verosimilmente la moglie del defunto. L’iscrizione le attribuisce il possesso del vaso su cui è graffita (mi Θanuχvilus Muriias) (CIE 8839), ma il suo è un possesso pregresso, dato che il vaso appartiene di fatto al morto, per cui sarà da intendere come « sono della Tale (che mi ha donato) »23.

  • 24 Altra conferma viene dalla presenza in una stessa tomba a fossa di due iscrizioni di possesso con n (...)
  • 25 Sulla tomba da ultimi G. Colonna, E. Di Paolo, Il letto vuoto, la distribuzione del corredo e la «  (...)
  • 26 Cfr. le iscrizioni arcaiche orvietane Rix, ET Vs 1.14, 28 (mi Larθia Hulχenas Velθurus cles), 51, 9 (...)

6Il caso, tutt’altro che infrequente in ambito funerario, deve mettere in guardia contro l’automatica attribuzione al morto del nome iscritto su un elemento del suo corredo. Altri esempi di patente discordanza sono a Pontecagnano le seguenti iscrizioni: mi Cailes Cutus, rinvenuta in una tomba del 480 ca. a.C. che l’esame delle ossa rivela appartenere a una donna (REE, in StEtr, 70, 2004, n.24); mi Larisal Meminies, anch’essa di V secolo iniziale, da una tomba ritenuta femminile per le fibule e il corredo (REE, in StEtr, 65-68, 2002, n.88); AvelesHampnas, di inizio IV secolo, da una tomba risultata femminile all’esame osteologico (CIE 8854). La menzione del donatore invece che del donatario è in fondo un attardamento dell’antico formulario delle iscrizioni di dono, che comportava la menzione del donatore, in vista dell’atteso contraddono, e non quella della persona che riceveva il dono, non prevista da chi scriveva il proprio nome su più oggetti destinati a essere donati e comunque d’ostacolo per la loro successiva circolazione24. Un esempio assai istruttivo, e di alta epoca, è offerto dalla famosa tomba Regolini-Galassi di Caere25, in cui nella cella di fondo era inumata una donna di rango, una ‘regina’, accompagnata da un servizio di vasi da banchetto in argento iscritti col nome in genitivo di possesso di un Larθ, che su uno dei pezzi più preziosi – una patera fenicia istoriata – ha fatto seguire al proprio nome in genitivo la filiazione, solo di recente venuta alla luce: Velθurus (clan) (REE, in StEtr, 64, 2001, n.29)26. Il personaggio non può essere il marito della defunta, che tutto lascia credere sia il cremato sepolto assieme al suo currus nella cella destra dell’anticamera, alla donna sicuramente premorto. Sarà invece il figlio ed erede, cui è spettato di onorare la madre col sontuoso apparato presente negli altri vani della tomba, che fa di essa un caposaldo per la conoscenza della civiltà orientalizzante d’Etruria.

  • 27 G. Colonna, Cerveteri. La Tomba delle Iscrizioni Graffite, in M. Pandolfini Angeletti (a cura di), (...)
  • 28 G. Ricci, Necropoli della Bantitaccia. Zona A « del Recinto », in MonLinc, 42, 1955, coll. 233-360, (...)
  • 29 R. Mengarelli, Iscrizioni etrusche e latine su cippi sepolcrali, su vasi fittili e su oggetti diver (...)
  • 30 G. Colonna, Caere, in StEtr, 61, 1973, p. 335 sgg.; L. Drago Troccoli, Cerveteri, Roma, 2006, p. 10 (...)
  • 31 Contrariamente a quanto da me sostenuto in passato (G. Colonna, I Greci di Caere, in AnnFaina, 11, (...)
  • 32 Invece alla neutralizzazione età tardo-arcaica del timbro delle vocali brevi interne sarà dovuta la (...)
  • 33 G. Ricci, art. cit., coll. 893-910, tav. XII.

7A Cerveteri nell’immenso sepolcreto della Banditaccia un caso esemplare di ‘quartiere’ funerario aristocratico è stato identificato nel settore detto dell’Autostrada, consistente in una sequenza subcircolare di tumuli e di dadi che dal 700 ca. (tumulo detto dell’Affienatora) arriva fino al 550 ca. a.C. Nello spazio rimasto libero al centro del ‘giro’ è stato costruito verso il 525 il dado accogliente la Tomba delle Iscrizioni Graffite, riferita dalla lunga iscrizione interna che ne commemora il rito di fondazione compiuto dalla vedova, a un Larice Veliinas, che con ogni probabilità è il padre del famoso Thefarie Velianas/Veliiunas divenuto « re » di Caere, fatto conoscere dalle Lamine di Pyrgi27. Il che ha consentito di riconoscere nel personaggio, contro le aspettative, il rampollo di un’antica casata, con ogni probabilità estinta con lui o costretta all’esilio, alla pari dei Tarquinii di Roma. Un altro ‘quartiere’ è quello cui appartengono l’imponente tumulo II del Vecchio Recinto, del 700 ca. a.C., e i tumuletti in parte ancora più antichi che gli fanno corona sul lato Ovest (tumuli VII-XII, con le tombe 59, 65-67, 75-88, oltre quelle a fossa)28. L’unico personaggio maschile ricordato dalle poche iscrizioni, tutte vascolari, provenienti dal complesso, il Larθ Apiqus della tomba 8 dei Letti e Sarcofagi (Rix, ET Cr 2.32), che è la terza in ordine cronologico di quelle allocate nel grande tumulo (fine VII sec. a.C.), induce ad attribuire l’intero ‘quartiere’ agli Apicu. Poiché due delle tombe di IV e III secolo affacciate sulle vie sepolcrali I e II tracciate in quell’epoca nell’area a Est del tumulo, distruggendo ogni traccia di sepolture precedenti, recano in facciata i gentilizi Alθra (CIE 5997) e Calpurena (CIE 5998), se ne deduce che gli Apicu all’epoca erano estinti o erano andati a seppellire altrove i propri morti. Mengarelli citava in proposito29 il gentilizio Apucu di una delle tombe gentilizie di IV-III secolo dette del Comune, la Tomba dei Sarcofagi, impiantata per prima in quel settore prestigioso della necropoli cerite30. Il rapporto è giustificabile se ammettiamo che la i di Apiqu sia breve31 e che quindi si sia avuta la trafila apǐcu > *apcu > apucu, con una -u- di natura anaptittica, condizionata nel timbro dalla vocale successiva32. Il vicino tumulo I non ha restituito iscrizioni, ma il fatto che l’inizio del dromos a gradini della tomba dei Rilievi, spettante ai Matuna, si trovi a soli 5 m dalla sua crepidine33 fa sospettare che quella gens ne sia stata la titolare e che nel IV secolo, assurta a una posizione di primo piano nella città, abbia voluto rivendicare l’antichità della propria stirpe costruendo una tomba sontuosamente decorata non nel ‘nuovo’ settore delle Tombe del Comune, ma nell’area rimasta sgombra immediatamente a Est del tumulo avito, area di cui evidentemente aveva conservato la piena disponibilità.

  • 34 F. Prayon, Frühetruskische Grab- und Hausarchitektur, Heidelberg, 1975, p. 21, tavv. 52 sg., 57, 81 (...)
  • 35 G. Colonna, Urbanistica e architettura, cit., p. 398.
  • 36 Da ultima G. Bagnasco Gianni, Rappresentazioni dello spazio « sacro » nella documentazione epigrafi (...)
  • 37 Il terzultimo segno non è una t (così tutti i commentatori), perché le due occorrenze sicure della (...)
  • 38 Per es. su una stele arcaica Halas<aś>naś (Rix, ET Ar 1.17), sulla parete di una tomba a camera arc (...)
  • 39 Da ultimo G. Meiser, Le relazioni tra la lingua umbra e la lingua etrusca, in L’umbro e le altre li (...)
  • 40 In età tardo-arcaica si ha a Vulci il genitivo Caial (CIE 10993, 11169 sg.), nel V sec. ad Adria il (...)
  • 41 Bibl. in C. Lega, Gaia, in E.M. Steinby (a cura di), Lexicon topographicum urbis Romae, II, Roma, 1 (...)
  • 42 Cui potrebbero alludere i due cerchi con croce interna, incisi sulle pareti del vano (diversa inter (...)
  • 43 G. Colonna, F.-W. Von Hase, Alle origini della statuaria etrusca: la tomba delle Statue presso Ceri(...)

8A differenza di quelle di Orvieto, di cui dirò più avanti, le tombe di Caere raramente sono iscritte all’esterno. L’iscrizione più antica, e più intrigante, è quella del tumulo delle Ginestre, detto anche delle Due Croci, ubicato a poca distanza dalla Tomba delle Iscrizioni Graffite, ma sul lato opposto della Via Sepolcrale Principale34. L’iscrizione si trova stranamente all’interno del tunnel sottostante a quell’appendice immancabile dei tumuli, anche di età tardo-orientalizzante come questo, che è la rampa d’accesso alla calotta: tunnel motivato dalla volontà di non interrompere la continuità della crepidine e della fossa che spesso l’accompagna, aventi con ogni evidenza un significato sacrale35. L’iscrizione (CIE 5992) corre ad altezza d’uomo dal lato della crepidine, senza che vi sia traccia nei pressi di una sepoltura. La lettura e la divisione ne è controversa36, anche perché ai solchi delle lettere si sono aggiunti quelli prodotti col tempo dall’edera erodendo il tenero tufo. A mio avviso la lettura corretta è aticventinas<as>kaiia37, con una diplografia, per la quale non mancano confronti anche in un ambito non vascolare38. Con la divisione ati Cventinas Kaiia si ottiene un testo che può essere inteso come un’invocazione, avente l’appellativo ati in posizione marcata: « o madre del Cventina, o Gaia! ». Il gentilizio Cventina è ovviamente la resa etrusca di lat. Quintius/Quinctius39: il personaggio nominato sarà colui che ha fatto costruire il tumulo, presumibilmente venuto da Roma nell’età del primo Tarquinio (616-578 a.C.). Kaiia è il nome della madre invocata, corrispondente al lat. Gaia, di cui questa è la più antica attestazione in etrusco40, coeva, potremmo dire, alla Gaia Caecilia della tradizione romana, comunemente identificata con Tanaquilla, la moglie del Tarquinio41. La natura dell’iscrizione spiega la sua collocazione appartata nel tunnel, che assume grazie ad essa il carattere di un luogo di culto domestico, rivolto alla defunta mater familias42, nel solco della tradizione attestata a Caere in forme monumentali dalla Tomba delle Statue e dalla Tomba delle Cinque Sedie43.

  • 44 G. Ricci, art. cit., col. 978 sg., fig. 239.
  • 45 Ten: Rix, ET Sp 2.75; cen/cehen : da ultimo L. Agostiniani, L’interpretazione, in L. Agostiniani e (...)
  • 46 Letteralmente « colui che assolve un impegno o riveste una carica » (cfrK. Wylin, Il verbo etrusc (...)
  • 47 J.-P. Thuillier, Les jeux athlétiques dans la civilisation étrusque (BEFAR, 256), Roma, 1985, p. 43 (...)

9Un’altra iscrizione ‘esterna’ di età arcaica si trova a Caere nella c.d. Piazzetta Incassata, all’interno del Vecchio Recinto, scolpita su un blocco rinvenuto fuori posto « in prossimità della fronte delle tombe 425-427 » e quindi inserito dal Mengarelli sopra l’ingresso della t. 42644. Le tre tombe in questione, comprese in un unico dado, sono del tipo a camera con caditoia e si datano, a giudicare dai resti dei corredi, alla fine del VI-inizi del V sec. a.C. L’iscrizione consta di una sola parola: tenateri (CIE 6172). Scartato l’isolamento del dimostrativo rinforzato ten (< ta + hen), che alla pari di cen/cehen non è attestato prima della piena età ellenistica45, si dovrà pensare a un personaggio dal nome *Tenata seguito dalla posposizione –ri (cfr. *spura - spureri), a pro del quale è stato costruito il dado. Il confronto con l’appellativo tenaθ46 di un’anfora etrusca di inizio V sec., graffito sopra la figura di un personaggio additante con entrambe le mani la linea di partenza a un atleta che si appresta alla corsa (REE, in StEtr, 57, 1991, n. 37), induce a ritenere che *Tenata (< *tenaθta < *tenaθ-ita) sia un nome di funzione, designante « il giudice (di gara) ». Nonostante il rango inferiore rispetto al tevaraθ, che è l’agonoteta47, il personaggio è stato onorato, per meriti che restano ignoti, con una tomba concessa a quanto pare dalla comunità.

  • 48 Cfr. nota 27.
  • 49 S. Steingräber, Catalogo ragionato della pittura etrusca, Milano, 1985, p. 319 sg., n. 74; C. Weber (...)
  • 50 Iscrizioni: Rix, ET Ta 7.13-29. Una proposta di divisione e interpretazione della sequenza iniziale (...)

10Tra le iscrizioni apposte all’interno delle tombe di Caere il complesso più notevole è quello della già ricordata Tomba delle Iscrizioni Graffite. Oltre alla grande iscrizione commemorativa menzionante il titolare Larice Veliinas sono graffite sull’intonaco della parete separante il vestibolo dalla camera di fondo almeno dodici brevi iscrizioni, coeve a quella di fondazione, consistenti quasi tutte nei soli nomi di altrettanti personaggi maschili dai gentilizi, quando presenti, tutti diversi tra loro48. È questa la preziosa testimonianza di una sodalitas, la stessa verosimilmente che ha portato al potere Thefarie Velianas e che si è riunita per onorarne il padre defunto prendendo parte al rito gestito dalla madre Ramatha Spesias con l’aiuto di un aruspice. Un caso analogo s’incontra a Tarquinia nella pressoché coeva Tomba dipinta delle Iscrizioni49, in cui cinque membri del sodalizio, identificati dai loro nomi tutti diversi, sono raffigurati come comasti, assieme a un flautista e a due inservienti. Il gruppo va incontro al giovane Laris a cavallo che si accinge a varcare la porta chiusa dell’Ade mentre sono in corso i ludi ginnici ed equestri indetti in suo onore e presso l’ingresso della tomba viene rivolto da un giovane servo un sacrificio di pesci all’eidolon del progenitore Matve, raffigurato in nudità eroica, itifallico e con scettro50. La differenza sta nel fatto che a Tarquinia i sodales sono raffigurati in una sorta di messa in scena della cerimonia di addio, con accanto i loro nomi dipinti, mentre a Caere hanno lasciato attraverso i graffiti una traccia diretta, potremmo dire autografa, della loro presenza.

  • 51 Le trattazioni più recenti sono quelle di G. Van Heems, La naissance des traditions épigraphiques f (...)
  • 52 Si veda B. Klakowicz, La necropoli anulare di Orvieto I, Crocifisso del Tufo - Le Conce, Roma, 1972 (...)
  • 53 Vi sono infatti almeno quattro casi di cambio di intestazione : Rix, ET Vs 1.42-43 (da un Termuna a (...)
  • 54 G. Colonna, Il sistema alfabetico, in L’etrusco arcaico (Atti del colloquio, Firenze, 4-5 ottobre 1 (...)
  • 55 Questo e i dati che seguono sono desunti dalla trattazione più aggiornata, che è quella della mia a (...)
  • 56 Li elenco (tra parentesi il numero delle attestazioni) : Amana/Amuna (2), Apena (3), Vhulvena/Fulve (...)
  • 57 Sono due delle attestazioni di Apena (Rix, ET Vs 1.98 e 108), di cui si sa solo che vengono dal set (...)
  • 58 Su cui G. Colonna, Le iscrizioni etrusche di Fratte, in G. Greco, A. Pontrandolfo (a cura di), Frat (...)

11L’epigrafia funeraria dell’Etruria arcaica non consente di conoscere solo le manifestazioni di livello aristocratico della società del tempo, quali sono tutte quelle finora considerate (con la sola eccezione di tenateri). Lo straordinario repertorio di iscrizioni lapidarie dei sepolcreti di Orvieto, databili tra il secondo quarto del VI e i primi decenni del V sec. a.C.51, è lo specchio di una città riformata e allargata, che ha posto un freno alle competizioni gentilizie e si è data una struttura isonomica, tendenzialmente egualitaria, accogliendo nella cittadinanza molti che ne erano in precedenza esclusi, specialmente stranieri. Nel sepolcreto più largamente esplorato, in loc. Crocifisso del Tufo, sono state individuate ca. 300 tombe a camera entro dadi costruiti, allineate su un reticolo di vie più o meno ortogonali, e distribuite in quattro grandi settori di scavo (chiamati Bracardi A e B, Mancini A e B)52. Sul filare di blocchi tufacei includente l’architrave del varco d’ingresso, conservato solo in un limitato numero di tombe, e talvolta non in situ, quasi sempre rimane, o è stata vista in passato, l’iscrizione che ne nomina il proprietario, ma forse è meglio dire l’assegnatario53. La frequenza delle iscrizioni è tale da far ritenere che sia in relazione con una norma imposta dall’autorità cittadina, responsabile della concessione dei suoli, per fini che altra volta ho chiamato giuridico-catastali54. Quelle in cui il gentilizio è conservato o può essere restituito con sicurezza sono 111, cui se ne aggiungono 8 su cippi pertinenti a tombe a cassetta contigue ai dadi55. I gentilizi attestati una sola volta sono 105, quelli che lo sono due o tre volte, spesso con minime variazioni fonetiche o di scrittura, sono 1456. Ebbene questi ultimi, per quanto è noto, compaiono su dadi che solo in due casi sono compresi nello stesso settore di scavo e almeno in uno di essi a una distanza tale l’uno dall’altro da escludere qualsiasi rapporto tra loro57. È evidente che al Crocefisso del Tufo, nonostante la vastità del sepolcreto, non esiste traccia di ‘quartieri’ gentilizi, per quanto minimi. Questi riappariranno nelle necropoli a partire dall’avanzato IV secolo, come si è visto per Norchia, nel quadro di una ripresa del potere aristocratico58 che a Orvieto porterà al conflitto tra domini e servi concluso con l’intervento romano e la tragica fine della città.

Notes

1 Una buona ma sommaria presentazione in E. Benelli, Iscrizioni etrusche. Leggerle e capirle, Ancona, 2007, p. 39-176.

2 G. Buonamici, Epigrafia etrusca, Firenze, 1932, p. 334-353, tavv. IX-XXXV.

3 E. Colonna Di Paolo, G. Colonna, Castel d’Asso, I-II, Roma, 1970; E. Colonna Di Paolo, G. Colonna, Norchia I, I-II, Roma, 1978 (settore Pile A).

4 L. Cavagnaro Vanoni, Tombe tarquiniesi di età ellenistica, Roma, 1996; F.R. Serra Ridgway, I corredi del Fondo Scataglini a Tarquinia, I-II, Milano, 1996 ; R.E. Linington, F.R. Ridgway, M. Pandolfini, Lo scavo nel Fondo Scataglini a Tarquinia, Milano 1997.

5 E. Colonna Di Paolo, Necropoli rupestri del Viterbese, Novara, 1978, p. 46, fig. 75 sg.

6 M. Morandi Tarabella, Prosopographia Etrusca, I. Corpus : 1. Etruria meridionale, Roma, 2004, p. 468-471, tav. XXX.

7 Forse imparentati con la Felusui di una tomba a dado di Blera (Rix, ET AT 1.187).

8 E. Colonna Di Paolo, op. cit., p. 43, figg. 67 sg., 71 sg.; G. Colonna, Urbanistica e architettura, in Rasenna. Storia e civiltà degli Etruschi, Milano, 1986, figg. 419 e 420 (in primo piano la t.22). Per l’iscrizione : G. Colonna, Norchia, in StEtr, 49, 1981, p. 279 sg., n. 64. Sulla gens : M. Morandi Tarabella, op. cit., p. 168.

9 Fonti archivistiche citate in F. Orioli, in BullInst, 1850, p. 27 sg.

10 E. Colonna Di Paolo, G. Colonna, Norchia I, cit., p. 36, nota 2.

11 G. Colonna, Urbanistica e architettura, cit., p. 398.

12 A.M. Sestieri (a cura di), La necropoli laziale di Osteria dell’Osa, Roma, 1992.

13 Da ultimo A. La Regina, scheda in R.Friggeri, M.G. Granino Cecere, G.L. Gregori (a cura di), Terme di Diocleziano. La collezione epigrafica, Milano, 2012, p. 100 sg., n.II.3.

14 G. Colonna, Intervento in G. Bartoloni e F. Delpino (a cura di), Oriente e Occidente. Metodi e discipline a confronto, Pisa-Roma, 2005, p. 481 sgg., fig. 4.

15 A. Pontrandolfo, Modelli di organizzazione in età arcaica attraverso la lettura della necropoli di Fratte, in La presenza etrusca nella Campania meridionale (Atti delle giornate di studio, Salerno-Pontecagnano, 16-18 novembre 1990), Firenze, 1994, p. 461 sg., fig. 1 sg.

16 F. Parise Badoni, M. Ruggeri Giove, Alfedena, la necropoli di Campo Consolino. Scavi 1974-1979, Chieti, 1980; C. Morelli, La necropoli arcaica di Val Fondillo a Opi, in Eroi e regine. Piceni popolo d’Europa, catalogo della mostra, Roma, 2001, p. 326-335. Articolata in nuclei distinti è anche la necropoli di Sala Consilina (F. Trucco, La necropoli di Sala Consilina: analisi dei corredi, configurazioni planimetriche, gruppi sociali, in La presenza etrusca nella Campania meridionale, cit., p. 138 sg., 149 sgg.).

17 Da ultimo C. Pellegrino, Pontecagnano: la scrittura e l’onomastica in una comunità etrusca di frontiera, in AnnFaina, 15, 2008, p. 423-463.

18 Confrontabile col Montariolo di Borgorose nel Cicolano, che ha 50 m di diametro e accoglie 194 tombe (da ultimo G. Alvino, Sabina e Cicolano: ultime notizie, in Lazio e Sabina 4, Roma, 2007, p. 65-76, fig. 2).

19 G. Colonna, in REE, in StEtr, 65-68, 2002, p. 385-388, ad n. 84 (non condivisibili le perplessità di C. De Simone, La nuova iscrizione etrusca di Pontecagnano. Quali ‘attanti del dono’, ed in che senso la più antica menzione (Rasunie) del nome degli Etruschi, in Incidenza dell’Antico: dialoghi di storia greca, 2, 2004, p. 86 sgg.). Cfr. L. Cerchiai, La struttura economica e politica, in G. Bartoloni (a cura di), Introduzione all’Etruscologia, Milano, 2012, p. 139.

20 L. Cerchiai, Modelli di organizzazione in età arcaica attraverso la lettura delle necropoli. Il caso di Pontecagnano, in La presenza etrusca nella Campania meridionale, cit., p. 412, fig. 3.

21 L’anticipazione del gentilizio al prenome (mi Punpunns Larices), relativamente frequente a Pontecagnano (REE, in StEtr, 65-68, 2002, ad n.87), denota la volontà di sottolineare la preminenza della gens sull’individuo.

22 Il nome offre la più antica attestazione della radice che è alla base del femminile Kanuta di un’iscrizione tardo-arcaica volsiniese di recente scoperta (REE, in StEtr, 74, 2011, n.140), del cognome Canatnes di un ramo dei Matuna di Caere (Rix, ET Cr 1.135, 138), del paleosannitico Kanuties di Suessula (Rix, ST, Cm 24), del tardo cognome chiusino Caneθa (Rix, ET Cl 1.211) e del gentilizio latino Canius coi suoi derivati (W. Schulze, Zur Geschichte der lateinischen Eigennamen, Abdh. Kön. Ak. Gesell. Göttingen, Ph.-Hist.Klasse, Berlin, 1904, p. 142-144).

23 G. Colonna, Identità come appartenenza nelle iscrizioni di possesso, in Epigraphica, 45, 1983, p. 63 sg. (= G. Colonna, Italia ante Romanum imperium. Scritti di antichità etrusche, italiche e romane (1958-1998), III, Pisa-Roma, 2005, p. 1860 sg.). Cfr. E. Benelli, Alle origini dell’epigrafia cerite, in Dinamiche di sviluppo delle città nell’Etruria meridionale (Atti del XXIII convegno di studi etruschi ed italici, 1-6 ottobre 2001), Pisa-Roma, 2005, p. 205-207.

24 Altra conferma viene dalla presenza in una stessa tomba a fossa di due iscrizioni di possesso con nomi concordanti nel genere con quello del defunto, ma diversi tra loro, come nel caso della t.2963 di Pontecagnano (G.Colonna, L’etruscità della Campania meridionale alla luce delle iscrizioni, in La presenza etrusca nella Campania meridionale, cit., p. 365, nn. 24-25).

25 Sulla tomba da ultimi G. Colonna, E. Di Paolo, Il letto vuoto, la distribuzione del corredo e la « finestra » della Tomba Regolini-Galassi, in Etrusca et Italica. Scritti in ricordo di Massimo Pallottino, I, Pisa-Roma, 1997, p. 131-172.

26 Cfr. le iscrizioni arcaiche orvietane Rix, ET Vs 1.14, 28 (mi Larθia Hulχenas Velθurus cles), 51, 99, e quella della tomba tarquiniese delle Iscrizioni (Ta 7.24: Laris Larθiia), con le considerazioni di G. Colonna, I Greci di Caere, in AnnFaina, 11, 2004, p. 82, nota 83.

27 G. Colonna, Cerveteri. La Tomba delle Iscrizioni Graffite, in M. Pandolfini Angeletti (a cura di), Archeologia in Etruria meridionale (Atti delle giornate di studio in ricordo di Mario Moretti, Civita Castellana, 14-15 novembre 2003), Roma, 2006, p. 419-468; REE, in StEtr, 71, 2007, nn. 26-37; G. Colonna, Novità su Thefarie Velianas, in AnnFaina, 14, 2007, p. 11-17.

28 G. Ricci, Necropoli della Bantitaccia. Zona A « del Recinto », in MonLinc, 42, 1955, coll. 233-360, 467 sg., 474-515, tav.VII.

29 R. Mengarelli, Iscrizioni etrusche e latine su cippi sepolcrali, su vasi fittili e su oggetti diversi trovate negli scavi della città e della necropoli di Caere, in NSc, 1937, p. 384.

30 G. Colonna, Caere, in StEtr, 61, 1973, p. 335 sgg.; L. Drago Troccoli, Cerveteri, Roma, 2006, p. 103-107.

31 Contrariamente a quanto da me sostenuto in passato (G. Colonna, I Greci di Caere, in AnnFaina, 11, 2004, p. 81).

32 Invece alla neutralizzazione età tardo-arcaica del timbro delle vocali brevi interne sarà dovuta la prima -ǔ- dei gen. femm. Apucuial (Rix, ET Cr 2.72, databile al 500 a.C.). Per quanto riguarda la forma recente Apice di Chiusi, è da postulare la trafila parallela *apǐce > *apce > apice, con una -i- anaptittica condizionata nel timbro dalla successiva vocale palatale (a Pontecagnano verso il 450 a.C. si ha ap/i/ces con una i inserita per correzione a ridosso della c: foto in G. Colonna, L’etruscità della Campania meridionale alla luce delle iscrizioni, art. cit., tav.VII, b). Ovviamente è da scartare la connessione con lat. apīcus, avanzata con riserva in H. Rix, Das etruskische Cognomen, Wiesbaden, 1965, p. 228, nota 109, e ripresa da molti, me compreso (supra, nota 30). Alla base delle due forme è forse l’idionimo *Ape, eruibile dal gentilizio arcaico orvietano Apena (Rix, ET Vs 1.98, 108, 120).

33 G. Ricci, art. cit., coll. 893-910, tav. XII.

34 F. Prayon, Frühetruskische Grab- und Hausarchitektur, Heidelberg, 1975, p. 21, tavv. 52 sg., 57, 81:8.

35 G. Colonna, Urbanistica e architettura, cit., p. 398.

36 Da ultima G. Bagnasco Gianni, Rappresentazioni dello spazio « sacro » nella documentazione epigrafica etrusca di epoca orientalizzante, in X. Dupré Raventós, S. Ribichini, S. Verger (a cura di), Saturnia tellus. Definizioni dello spazio consacrato in ambiente etrusco, italico, fenicio-punico, iberico e celtico (Atti del convegno internazionale, Roma, 10-12 novembre 2004), Roma, 2008, p. 279 sg., nota 42, con bibl.

37 Il terzultimo segno non è una t (così tutti i commentatori), perché le due occorrenze sicure della lettera mostrano la traversa inclinata verso il basso nella direzione della scrittura (si veda la foto nel CIE), mentre il lungo tratto orizzontale tangente all’asta della seconda i non è che un solco prodotto dall’azione invasiva dell’edera (autopsia).

38 Per es. su una stele arcaica Halas<aś>naś (Rix, ET Ar 1.17), sulla parete di una tomba a camera arcaica Vip<up>ies (Rix, ET Vs x.2), su una tegola di età recente Atina<na>teś (Rix, ET Cl 1.520).

39 Da ultimo G. Meiser, Le relazioni tra la lingua umbra e la lingua etrusca, in L’umbro e le altre lingue dell’Italia mediana antica (Atti del I convegno internazionale sugli Antichi Umbri, Gubbio, 20-22 settembre 2001), Perugia, 2009, p. 146.

40 In età tardo-arcaica si ha a Vulci il genitivo Caial (CIE 10993, 11169 sg.), nel V sec. ad Adria il maschile Kai (Rix, ET Ad 2.70-72). La forma Kaiia può derivare da *Kaie-a (cfr. il falisco Kaios di Vetter, n. 243) o da Kai-ia (cfr. il vocativo latino Gai): per entrambi i suffissi vedi ora V. Belfiore, Problemi di vocalismo etrusco arcaico, in G. Van Heems (a cura di), La variation linguistique dans les langues de l’Italie préromaine (Actes du IVᵄ Séminaire, Lyon, 12 mars 2009), Lyon, 2011, p. 41-60.

41 Bibl. in C. Lega, Gaia, in E.M. Steinby (a cura di), Lexicon topographicum urbis Romae, II, Roma, 1995, p. 363 sg.

42 Cui potrebbero alludere i due cerchi con croce interna, incisi sulle pareti del vano (diversa interpretazione in G. Bagnasco Gianni, art. cit., p. 275-279).

43 G. Colonna, F.-W. Von Hase, Alle origini della statuaria etrusca: la tomba delle Statue presso Ceri, in StEtr, 52, 1984, p. 13-58 (= G. Colonna, Italia ante Romanum imperium. Scritti di antichità etrusche, italiche e romane (1958-1998), II, 1, Pisa-Roma, 2005, p. 901-940).

44 G. Ricci, art. cit., col. 978 sg., fig. 239.

45 Ten: Rix, ET Sp 2.75; cen/cehen : da ultimo L. Agostiniani, L’interpretazione, in L. Agostiniani e F. Nicosia, Tabula Cortonensis, Roma, 2000, p. 86 sg.

46 Letteralmente « colui che assolve un impegno o riveste una carica » (cfrK. Wylin, Il verbo etrusco. Ricerca morfosintattica delle forme usate in funzione verbale, Roma, 2000, p. 254 sgg.) o, più specificamente, « colui che misura» (cfrA. Maggiani, Riflessioni sulla Tavola di Cortona, in La Tabula Cortonensis e il suo contesto storico-archeologico (Atti dell’incontro di studio, Roma, 22 giugno 2001), Roma, 2002, p. 73 sg.).

47 J.-P. Thuillier, Les jeux athlétiques dans la civilisation étrusque (BEFAR, 256), Roma, 1985, p. 438 sgg.

48 Cfr. nota 27.

49 S. Steingräber, Catalogo ragionato della pittura etrusca, Milano, 1985, p. 319 sg., n. 74; C. Weber-Lehmann, Tomba delle Iscrizioni, in H. Blanck, C. Weber-Lehmann, Malerei der Etrusker in Zeichnungen des 19. Jahrhunderts, Mainz am Rhein, 1987, p. 61-74.

50 Iscrizioni: Rix, ET Ta 7.13-29. Una proposta di divisione e interpretazione della sequenza iniziale dell’iscrizione commemorante il sacrificio è in G. Colonna, L’iscrizione etrusca del Piombo di Linguadoca, in ScAnt, 2, 1988, p.553, nota 25 : ci vesana Matvesi Cale sece, « tre vesana a Matve Cale offre [o ha offerto]». Cale, il « Gallo », è il puer sacrificante, mentre il suo padrone Larth Matves è impegnato nel komos. CfrC. Cousin, Origine et place des didascalies dans l’imagerie funéraire étrusque, in M.-L. Haack (a cura di), Écritures, cultures, sociétés dans les nécropoles d’Italie ancienne (Table-ronde, Paris, 14-15 décembre 2007), Bordeaux, 2009, p. 79 sg., fig.8a.

51 Le trattazioni più recenti sono quelle di G. Van Heems, La naissance des traditions épigraphiques funéraires dans l’Étrurie archaïque: le cas de Crocifisso del Tufo, in M.-L. Haack (a cura di), cit., p. 15-44 e di A. Candeloro, EpigrafiavolsiniesearcaicaStudio paleografico, c.s., che tiene conto anche delle novità edite in REE, in StEtr, 74, 2011, nn. 44-51, 142-146.

52 Si veda B. Klakowicz, La necropoli anulare di Orvieto I, Crocifisso del Tufo - Le Conce, Roma, 1972, pianta VII (riprodotta in G. Colonna, Società e cultura a Volsinii, in AnnFaina 2, 1985, p. 103, fig.1).

53 Vi sono infatti almeno quattro casi di cambio di intestazione : Rix, ET Vs 1.42-43 (da un Termuna a un Mulvena); M. Morandi Tarabella, op. cit., p. 242, n. 3 – Rix, ET Vs. 1.47 (da un Hulchina a un Ritumena); Vs 4.3 – 1.51 (da un personaggio eraso per damnatio memoriae a un Larecena); Vs 1.54 – 1.55 (da un Camu a un Flaviena).

54 G. Colonna, Il sistema alfabetico, in L’etrusco arcaico (Atti del colloquio, Firenze, 4-5 ottobre 1974), Firenze, 1976, p. 21 sg., e ora G. Van Heems, art. cit.

55 Questo e i dati che seguono sono desunti dalla trattazione più aggiornata, che è quella della mia allieva Annamaria Candeloro (A. Candeloro, op. cit.).

56 Li elenco (tra parentesi il numero delle attestazioni) : Amana/Amuna (2), Apena (3), Vhulvena/Fulvena (3), Hulχena/Hulχina (3), Θanarsiena/Oanursiena (2), Laricena/Larecena (2), Latinie (3), Plaisena/Plaisina (3), Śuθiena (2), Ramaitela (3), Skanesna/[Ska]nisna (2), Tequna (2), Tveθelie (2), Triesna/Triasna (2).

57 Sono due delle attestazioni di Apena (Rix, ET Vs 1.98 e 108), di cui si sa solo che vengono dal settore Mancini B, e due di quelle di Ramaitela (Rix, ET Vs 1.6 e 25), che vengono dal settore Bracardi A, ma da dadi posti a 30 m l’uno dall’altro (nn. 29 e 63 della pianta II di B. Klakowicz, op. cit.). Un reale caso di prossimità si ha solo nel settore Bracardi A tra il dado da cui viene il frammento di architrave con [Ska]nisnas (Rix, ET Vs 1.22) e il cippo con Skanesnas (Rix, ET Vs 1.23).

58 Su cui G. Colonna, Le iscrizioni etrusche di Fratte, in G. Greco, A. Pontrandolfo (a cura di), Fratte : un insediamento etrusco-campano, Modena, 1990, passim.

Auteur

Università di Roma « Sapienza » - colonnagiovanni@fastwebnet.it

© Publications de l’École française de Rome, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540