Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Offices, écrits et papauté (XIIIe-XVIIe siècles)

 | 
Armand Jamme
, 
Olivier Poncet

Troisième partie. Enregistrement et usage des archives

«Sì per servizio della Sede Apostolica come per cautela di lui stesso»

L’«offizio d’archivista» per Carlo Cartari, prefetto dell’archivio papale di Castel Sant’Angelo nel xvii secolo

Orietta Filippini

Texte intégral

1Fanno oggetto del presente contributo alcuni aspetti dell’«offizio d’archivista» così come questi furono concepiti da Carlo Cartari, prefetto dell’archivio pontificio di Castel Sant’Angelo dagli anni quaranta agli anni settanta del Seicento. Intendiamo ricercare le caratteristiche istituzionali della carica di prefetto d’archivio così come esse furono apprese da Cartari attraverso il rapporto con altre figure d’archivio, restituite mediante la propria scrittura di memoria e trasmesse da questo erudito romano a nuovi archivisti. Ci interesseranno, in particolare, le caratteristiche e gli aspetti della carica di prefetto d’archivio quali egli li conobbe nei primi anni trascorsi in Castel Sant’Angelo: il possesso dell’archivio, la remunerazione, i legami con altri organismi curiali (in particolare la Camera apostolica) e l’attenzione volta agli incarichi che il «nuovo» Archivio Vaticano offriva. Indagheremo insomma la portata ed i limiti, per Cartari, del suo incarico, ed i percorsi della carriera e della successione entro gli infortuni di una fortuna romana.

  • 1 A. Petrucci, Dizionario biografico degli italiani, t. 20, Roma, 1977, s. v. Il percorso di ascesa (...)
  • 2 Sul rilievo del padrinato come forma di solidarietà acquisita, parentela artificiale simile a quel (...)
  • 3 Su Giovan Battista Confalonieri, prefetto di Castel Sant’Angelo, si veda A. Foa, Dizionario biogra (...)
  • 4 Su Anton Stefano Cartari, A. Petrucci, Dizionario biografico degli italiani, t. 20, Roma, 1977, s. (...)

2Carlo Cartari (1614-1697) proveniva da una cospicua famiglia orvietana di tradizioni giuridiche la cui ascesa sociale era culminata nella carriera del padre del nostro, che aveva trasferito a Roma la famiglia e aveva raggiunto il rango senatoriale1. Poligrafo, giurista, editore delle opere giuridiche paterne, avvocato concistoriale per questo chiamato come viceprefetto e poi prefetto dell’archivio di Castel Sant’Angelo in virtù della prossimità ai Barberini, Carlo fu più tardi ordinatore delle biblioteche Febei, Carpegna e Altieri e partecipe accorto della costituzione della biblioteca Alessandrina. Protetto, dicevamo, dal cardinale Francesco Barberini, grazie ai legami di vicinanza e servizio avviati dal padre2, e dallo stesso Urbano VIII Barberini, già nel 1638 Carlo fu nominato viceprefetto dell’archivio di Castel Sant’Angelo, dove divenne coadiutore e sostituto di Giovan Battista Confalonieri3. Egli iniziò allora a redigere il Diarium Archivi Arcis Sancti Angeli, tenuto fino agli ultimi anni dell’incarico, che oggi costituisce l’Indice numero 60 dell’Archivio segreto Vaticano, tenendovi memoria della vita dei documenti d’archivio, scrivendo parallelamente memorie personali e di vita romana rimaste manoscritte nell’archivio di famiglia, oggi conservato presso l’Archivio di Stato di Roma. Negli anni quaranta, in particolare, come avvocato concistoriale Cartari operò entro un prestigioso collegio in contatto con il governo dello Studium Urbis, aspetti, questi, che incrementarono la ferma cognizione di sé e l’opinione cospicua dell’importanza del proprio ruolo e dei progressi della propria carriera che egli lasciava trasparire dalle proprie memorie. Nel 1647 egli divenne decano degli avvocati concistoriali, ed incrementò il proprio impegno nel governo dell’università romana. Elaborò dunque, quindi pubblicò, nel 1656, una delle poche opere sue edite, un Advocatorum Sacrii Consistorii Syllabum in cui egli ripercorreva la storia del collegio degli avvocati concistoriali fino ai suoi tempi e a lui stesso. Parallelamente, si interessava ai lavori di costruzione della biblioteca universitaria Alessandrina della Sapienza, e al riordino delle biblioteche. Un progressivo distanziamento dall’archivio caratterizzò, insieme a queste attività di riordino di biblioteche, gli ultimi anni di attività di Cartari. Così, pur non divenendo più tenue il rapporto istituzionale che legava il prefetto all’Archivio di Castello, diminuirono i legami e l’attenzione. In archivio egli si fece dare un coadiutore, ed iniziò nel 1671 il riordino della biblioteca del cardinale Francesco Maria Febei, suo parente e protettore, e della biblioteca del cardinale Carpegna, per ricercare e accettare infine l’incarico di riordinare la biblioteca del cardinale Paluzzo Altieri, al coincidere di due influenze: il progressivo ritirarsi dalla vita pubblica del cardinale Febei, ed il fatto che gli Altieri fossero coloro su cui Febei, che ora veniva meno, aveva poggiato le proprie fortune. Questa attività si dispiegò per il tempo rimanente della vita dell’avvocato concistoriale, e si accompagnò all’infittirsi di rapporti intellettuali entro la vita delle accademie romane. Gli ultimi anni di Cartari furono segnati dalla morte, nel 1685, del figlio Anton Stefano, in cui il nostro aveva riposto le proprie ambizioni di consolidamento del prestigio familiare4. Carlo Cartari morì a Roma nel 1697.

  • 5 Restavano delle perplessità a Cartari, che così proseguiva: «Di questo dovrò meglio accertarmene, (...)
  • 6 ASR, C. F., 12, s. d., [ante 1639].
  • 7 Di un vero e proprio «diritto di spoglio», applicabile a nostro avviso anche a queste circostanze, (...)

3Avviamo lo studio della consapevolezza che Cartari acquisì ed espresse del proprio ruolo archivistico esaminando aspetti del suo apprendimento e del suo apprendistato in relazione alle funzioni che egli doveva svolgere. Seguiamo questo percorso di formazione anteriore all’assunzione dell’incarico di prefetto. In questa fase, gli interlocutori dell’orvietano hanno spesso un compito chiarificatore per un uomo che presenta una carenza informativa che è anche, ancora, debolezza nella propria posizione. Il prefetto dell’Archivio Vaticano, Felice Contelori, soprattutto insisteva sui modi in cui conservare e far visionare la documentazione: «Mi disse», scrive Cartari, «che io assolutamente non dessi scrittura ad alcuno senza ordine espresso o in scriptis o in voce di Nostro Signore, e che non dovevo dar fuora scritture autentiche»5. Da Contelori, ancora, Cartari apprese un comportamento che frequentemente avrebbe imitato: il ricercare al di fuori dell’archivio scritture spettanti all’archivio o a vario titolo interessanti. Innanzi tutto, significativamente, egli vide praticare questo recupero di carte in relazione ad un archivista: Contelori gli diede una lettera «per mettere in Castello, trovata da esso tra le scritture di Michele Lonigo, che morì alli giorni passati»6. Era morto il «clericus Estensis» che aveva coadiuvato Paolo V nell’opera di concentrazione documentaria che aveva coinvolto tutti gli istituti di memoria vaticani e aveva condotto alla formazione di un nuovo archivio. Il recupero delle carte di quanti avevano operato in archivio si configurava sia come acquisizione di documenti spettanti all’autorità pontificia sia come riconoscimento, in questo modo, del ruolo pubblico che chi si occupava dell’archivio svolgeva, sia, solo in ultimo luogo, di recupero di documentazione pertinente la vita dell’archivio7.

  • 8 ASR, C. F., b. 72, s. d., s. n., [1672]. Per un’introduzione alle funzioni istituzionali della Cam (...)

4L’intera scrittura di Cartari nel Giornale di Castel Sant’Angelo, fonte principale per il nostro studio, conservato nell’archivio di famiglia ed oggi all’Archivio di Stato di Roma, è incardinata entro due tipi di note. Queste note segnalano funzioni che ritmano la vita dell’archivio e dell’archivista. Le prime di queste annotazioni hanno cadenza annuale. Si tratta delle registrazioni relative alle forniture ricevute dal «cartolaro» per le esigenze dell’archivio. Vi sono poi le annotazioni dei documenti stampati per conto della Camera apostolica, che entrano regolarmente in archivio. Si tratta, notiamo di passaggio, della sola tipologia di documentazione contemporanea che entri regolarmente in Castello. Prendiamo dunque, per iniziare, due esempi di queste annotazioni caratteristiche. Risale ad esempio al 1673 una delle ultime registrazioni delle forniture degli strumenti necessari all’archivio. Cartari lo annota includendo nella scrittura diaristica il testo della ricevuta che ha sottoscritto: «Io infrascritto ho ricevuto dal cartolaro della reverenda Camera apostolica risma una di carta fina, penne cinquanta d’Olanda e misure dodici di tinta, conforme il solito, per l’offizio d’archivista di Castello, per l’anno corrente. In fede et cetera, in Roma li ventotto gennaro 1673. Carlo Cartari Prefetto di detto archivio». All’anno prima risale invece una delle registrazioni dei documenti fatti stampare dalla Camera ed entrati in archivio: «Lunedì 15 di agosto mandai al signor Zanobio stampator camerale la ricevuta di cinquanta stampe per l’archivio, cominciando dalli 17 dicembre 1670 fino li 23 luglio 1672»8. Si tratta di due esempi; valgano per ricordare la perizia dell’archivista nel vigilare su questi aspetti della vita quotidiana dell’archivio e nell’annotarli insieme ad osservazioni di più rilevante portata circa la vita di Castello.

  • 9 ASR, C. F., b. 72, s. d., s. n., [1644]. Al tesoriere della Camera apostolica «spettava controllar (...)
  • 10 Per la questione dei contenitori dei documenti, da cui il custode dell’archivio traeva nome, ricor (...)
  • 11 Con riguardo agli archivi, del commissario generale, «(...) altra figura di rilievo nel complesso (...)

5Volgiamoci a registrazioni di più sostanziale rilievo circa le funzioni dell’archivista di Castello. Al 1644, dunque ad uno dei primi anni in cui l’orvietano era prefetto di Castel Sant’Angelo, anni della sollecita prossimità ai Barberini, risale una delle più remote attestazioni della gestione compartita dell’archivio, di documenti, cioè, alla cui custodia Cartari era preposto, ma alla cui custodia egli non era sufficiente. È il caso degli atti di un processo, ricercati dal cardinale Barberini, che il nostro sa essere «nella cassetta delle due chiavi, una delle quali tiene monsignor tesoriere». Dunque, vi erano documenti soggetti a questo doppio controllo e a questo genere di restrizione nell’accesso. Tali restrizioni non rappresentavano ora una difficoltà, se il prefetto semplicemente invitava il cardinale a disporre che il tesoriere della Camera apostolica «venga o mandi per aprirla»9. Il tema delle «chiavi» dell’archivio si pone nella prosa di Cartari in due aspetti: le chiavi dell’archivio che rappresentano la consegna dell’istituto in virtù dell’incarico ma anche l’affidamento dell’istituto ad altri in assenza dell’orvietano, e le chiavi di contenitori (la «cassetta delle due chiavi») predisposti per la conservazione di documenti per cui era bene provvedere particolari cautele10. La Camera apostolica, con il suo commissario ed il tesoriere, è un punto di riferimento di assoluto rilievo nella vita archivistica di Cartari, come anche in questo caso si vede. L’archivio dipendeva dalla Camera; le spese del Prefetto erano soggette al controllo del Tesoriere, ed all’iniziativa stessa del tesoriere e del commissario11.

  • 12 ASR, C. F., b. 72, s. d., s. n., [marzo 1655].

6Accadeva così, ad esempio, che in virtù di questa particolare influenza un tesoriere fosse ben avvertito di come blandire il prefetto, ed il prefetto sapesse poi riconoscere il registro linguistico di colui con cui parlava. Un modo per blandire il prefetto di Castel Sant’Angelo consisteva nel fargli balenare davanti agli occhi la possibilità di impiegarlo nell’Archivio Vaticano. Così Cartari registra, a questo proposito, una conversazione con il tesoriere: «Mi animò a faticare, accennandomi che si pensava per me et cetera, verba curialia, in riguardo dell’Archivio Vaticano, se vacasse»12. Evidentemente il prefetto non credeva possibile passare all’altro grande archivio. L’elemento di maggiore rilievo, tuttavia, sta proprio nel fatto che questa eventualità venga vista da entrambi i personaggi come una prospettiva di miglioramento della condizione di Cartari. La gerarchia di prestigio dei due istituti, Castello e Vaticano, era dunque chiara, a questa data, a metà cioè degli anni cinquanta, a favore del secondo rispetto al primo. Quanto poi alla propria «carriera», non sbagliava Cartari: non si sarebbe realizzata per lui la possibilità di passare all’Archivio Vaticano che pure vedremo prospettarsi diverse volte.

  • 13 ASR, C. F., b. 72, s. n., [marzo 1655].

7Volgiamoci di nuovo al loquace tesoriere della Camera apostolica. Oltre ad avere il potere di approvare le spese proposte dall’erudito romano per i lavori da compiere per l’archivio, egli si segnalava per un certo interventismo: così, riferisce Cartari, disse «che voleva darmi aggiutanti a scrivere l’Indice»13. Il Tesoriere era informato dell’attività del custode di Castello, di descrizione del materiale conservato, ed era in suo potere, vediamo, proporre un ampliamento del numero degli addetti all’archivio: questo possiamo dire, senza poter sapere se questi «aggiutanti» siano mai arrivati in Castello. Stando alle annotazioni del nostro, non varcarono mai la porta dell’archivio.

  • 14 ASR, C. F., 3, s. d., [ante 1639]): «cum futura successione, et mea vita durante»: Cartari ne rich (...)

8Ritorniamo ad una delle prime importanti questioni che troviamo attestate riguardo al percorso archivistico dell’avvocato concistoriale: quella, cioè, relativa alla spedizione del breve necessario a Cartari per divenire viceprefetto, con le clausole che ne avrebbero definito lo stato14. È questione delicata, che permette di soffermarsi sulle apprensioni dell’orvietano per la sua carriera e di esaminare il percorso che veniva compiuto per la nomina del viceprefetto dell’archivio.

  • 15 Per volere di Urbano VIII Felice Contelori era custode dal 1626 della Biblioteca Vaticana e, dunqu (...)
  • 16 ASR, C. F., 3, s. d., [ante 1639]: «Aspettai Contelori (...) per esser nelle congregazioni avanti (...)
  • 17 ASR, C. F., 3, s. d., [ante 1639].
  • 18 ASR, C. F., 3, s. d., [ante 1639]: «Fui da M. B., gli raccontai la difficoltà, mi persuase di non (...)
  • 19 ASR, C. F., 4, s. d., [ante 1639].

9Felice Contelori15, prefetto dell’Archivio Vaticano, esigeva da Cartari in questa occasione il breve di cui abbiamo detto; il nostro aveva difficoltà a provvederlo. Notiamo dunque questa facoltà, esercitata dal prefetto dell’istituto vaticano, di intervenire sull’iter relativo al personale di Castel Sant’Angelo. Per indicazione di Contelori Cartari ricorse a monsignor Maraldi: «Gli dissi, che se bene monsignor Contelori teneva per certo che la mente di Nostro Signore sia per le clausole (...), nondimeno non volse metterlo in carta»16. Un ulteriore ostacolo: occorreva il consenso «del coadiuto» alla nomina di Cartari: Maraldi, riferisce l’archivista, «mi disse la difficoltà, che senza licenza del coadiuto non potevo essercitare, essendo così il solito»17. Il solito non persuadeva Cartari. Ricevuta da un consigliere che il suo testo non identifica un’indicazione che lo confermava nelle sue opinioni18, di queste egli persuase finalmente Maraldi: «Ebbi il breve; pagato 12 ducati»19.

  • 20 Confalonieri, malato dal 1638, lasciò di frequentare l’archivio, e Cartari gli succedette ufficial (...)
  • 21 ASR, C. F., 4, s. d., [ante 1639].

10Soprattutto, ora Cartari colmava forti lacune della sua conoscenza dell’archivio e degli uomini degli archivi grazie a Contelori. Questi lo guidò nell’instaurare buoni rapporti, per quanto era ormai possibile, con Confalonieri, che a causa della malattia rimaneva lontano dall’archivio e aveva avuto appunto in Cartari un coadiutore, e a preparare la presa di possesso dell’archivio20. In queste condizioni fu il prefetto del Vaticano ad educare Cartari riguardo ai modi in cui regolare i propri rapporti con il prefetto di Castel Sant’Angelo. Ciò si spiega a motivo della malattia di Confalonieri e della sua distanza, ed è indicativo il fatto che, in assenza del proprio Prefetto, Cartari si volgesse con naturalezza ad apprendere dal prefetto del Vaticano. Così Contelori, «che stava scrivendo», alla notizia del breve, riferisce l’orvietano, «mi disse, che andassi a complire con il signor Confalonieri, dandogli buone parole, e che da esso intendessi il giorno che gli era commodo per il possesso»21.

11Cartari sembra confondere il possesso come atto vero e proprio con il possesso come procedura. Soffermiamoci sul procedere di questa conversazione, incentrata sulla storia dell’archivio, che quasi possiamo ascoltare raccontata da un testimone qualificato come Contelori. In questo racconto, la costituzione dei due archivi è descritta come una separazione rispetto ad una unità originaria, separazione compiuta «per utile della Camera». È la Camera apostolica il motivo, se non il movente, della costituzione di due archivi, Vaticano e di Castello, e non più dell’esistenza del solo archivio di Castello. Questo deve apprendere l’avvocato concistoriale che entra in Castel Sant’Angelo. Per la stessa ragione, giova che vi siano due persone preposte agli archivi, in questo racconto che descrive una collaborazione e quasi un’osmosi tra Vaticano e Castello, poiché in que-st’ottica di conoscenza dei reciproci archivi l’esistenza di due archivisti salvaguarda maggiormente l’informazione.

  • 22 Ivi.

12Ma leggiamo, per questo, Cartari che racconta Contelori, con attenzione anche a ciò che egli ignora. «[Mi disse] che li due archivi, Vaticano e di Castello» prima di andare a Contelori e Confalonieri «erano tutti due in persona di uno, chiamato»: come fosse chiamato, Cartari non ricorda più, né sapeva prima della conversazione con Contelori. Torniamo al punto: «Ma per utile della Camera è meglio sia in due, perché essendo quasi tutti due informati delle scritture dell’uno et altro archivio, cessando un archivista resta l’altro informato»22. Da ciò era nata, per Contelori, «la sua fortuna». Quanto a Cartari, ci si attendeva da lui, o, meglio, «Nostro Signore ha concetto» che egli elaborasse un nuovo e migliore strumento di descrizione del materiale dell’archivio, un «indice per nomi, e materie». Perciò egli entrava in Castello.

13Torniamo pertanto alla presa di possesso dell’archivio. Abbiamo già accennato al fatto che tale circostanza si presenta, nella prosa di Cartari, con un duplice aspetto: di atto, quasi di cerimonia, e di consegna di documenti. Seguiamo il secondo dei due aspetti, ed incontriamo l’orvietano causare una difficoltà. Egli, infatti, esigeva una consegna che fosse corroborata da un riscontro del materiale effettivamente esistente in archivio, un inventario di ciò di cui assumeva la responsabilità. Questo è indicato da lui come «consegna in particolare», e genera difficoltà poiché richiederebbe tempo.

  • 23 Ivi.
  • 24 ASR, C. F., 5, s. d., [ante 1639].

14Oltre a ciò, un segno della nuova responsabilità consisteva nel detenere le chiavi dell’archivio. Anche su questo Cartari non pare avere le idee chiare sugli usi invalsi in Castello. Rassicurazioni gli erano venute, ancora una volta, dall’Archivio Vaticano e da Contelori: «[mi disse] che le chiavi dovrò tenerle io»23, annotava prima di sapere che avrebbe avuto sì le chiavi, ma non tutte, segno, questo, di un potere e di un prestigio lontani da ciò cui egli mirava: «[mi disse] che vi erano due chiavi», venne di lì a poco Confalonieri, il più avvertito Prefetto di Castello, a disilluderlo24.

  • 25 ASR, C. F., 31, 6 ottobre 1639.
  • 26 ASR, C. F., 25, 9 novembre 1639.

15Possiamo insistere sul modo in cui Cartari percepiva il rilievo di questo aspetto. In procinto di recarsi ad Orvieto, egli congegnò a beneficio di Contelori questo meccanismo: «Le chiavi dell’archivio l’averei serrate in una cassa, e la chiave di questa» sarebbe andata a Contelori «per l’occorrenze potessero venire, et occorrendo, poteva esso farle pigliare al signor Febei». Tanta complicazione fu super-flua: mandata a Contelori «la chiave di un forziere mio, esso non la volse». La chiave fu lasciata in casa, sigillata, in custodia a monsignor Febei25. Cartari riconosceva così nel prefetto dell’Archivio vaticano colui cui affidare l’archivio. Questo prefetto, tuttavia, non giudicava necessarie le stesse precauzioni. La maggior leggerezza di Contelori nel trattare la questione non era avventatezza ma percezione dell’assenza di quella necessità che Cartari voleva vedere ad ogni costo: rientrato a Roma dopo un mese, il nostro registrò infatti che «in questo tempo non è stato alcuno in archivio»26. Forse, la vita di Castello non richiedeva di solito tanta cautela.

  • 27 Questa volta, per ordine del pontefice, delle chiavi si fece uso durante l’assenza dell’orvietano (...)
  • 28 ASR, C. F., s. n., [1655]. Per il convivere di «utilitas» e «venustas» nella storia dell’archivio (...)
  • 29 Percezione di un carattere sacrale che trascina un effetto di immutabilità. Sull’immutabilità tend (...)
  • 30 R.-H. Bautier, La phase cruciale de l’histoire des archives: la constitution des dépôts d’archives (...)
  • 31 Segretezza e fedeltà, dal punto di vista degli archivisti, e nel contempo visibilità dell’autorità (...)

16Con gli anni, l’avvocato concistoriale mantenne intatta questa strategia di segretezza ma, avvertito dal precedente, ne escluse Contelori per farne più partecipe il cardinal Febei, a lui più prossimo anche se non legato all’archivio da legami istituzionali. La salvaguardia dell’archivio attraverso la consegna delle chiavi era dunque un fatto di fiducia personale, prima che l’esito di un dovere verso il prefetto dell’Archivio Vaticano. Poteva perciò bastare il fidato monsignor Febei. Fu così ad esempio nel 1643, in occasione di un viaggio orvietano, allorché Cartari lasciò le chiavi dell’archivio «sigillate con il mio sigillo» in una borsa «in un credenzone, e poi la chiave del credenzone la lasciai sigillata alla signora Camilla», sua moglie, «con ordine che la desse solo al signor Febei», nipote del cardinal Febei27. Avevamo già visto aspetti della gestione dell’archivio condivisa dal nostro con rappresentanti della Camera apostolica e sottolineato l’importanza, per Cartari, del tema delle «chiavi» per accedere all’archivio e ai documenti. Abbiamo ora visto qui momenti di una reperibilità e fruibilità che sono tesaurizzazione di memoria in un archivio che si trova in una fortezza, luogo che conserva strumenti -l’archivio e le armi – per la difesa dello Stato della Chiesa, come il prefetto ricorda: vi sono in Castello «bombarde e scritture», le «scritture più preziose» che «difendono le ragioni di santa Chiesa»28. Erano, queste, le «scritture preziose, che in esso archivio si conservano, che sono il fondamento dello Stato di Santa Chiesa, tanto spirituale quanto temporale», come Cartari scrive29. Si trattava di, diremmo, una parte del «trésor du prince» divenuto «arsenal de l’autorité» secondo la definizione proposta da Robert-Henri Bautier, armamentario di fondazioni di legittimità, tesoro prezioso, fisicamente vicino al principe e in ogni momento disponibile dei titoli di autorità30. Negli archivi del sovrano pontefice e nella loro organizzazione seicentesca era ben avvertibile, anche nei modi della consegna dell’archivio e della guardinga permeabilità all’esterno, quel processo che accompagnava con l’attributo della segretezza la vita dei documenti, segretezza che rappresentava uno dei riflessi della sovranità e delle procedure dell’autorità31.

  • 32 ASR, C. F., 4, s. d., [ante 1639]: «Si poteva vedere come [la consegna] era stata fatta al Confalo (...)
  • 33 ASR, C. F., 5, s. d., [ante 1639].

17Ritorniamo perciò ai modi della consegna. Importava il precedente: Cartari intendeva imitare ciò che era avvenuto per Confalonieri suo superiore e, auspicabilmente, predecessore32. I rapporti con il prefetto del suo archivio, tuttavia, non si rivelarono facili per l’avvocato concistoriale. Nonostante i «segni di amorevolezza» offerti a Cartari alla vista del breve di nomina, Giovan Battista Confalonieri, cui l’orvietano ambiva a succedere, non intendeva perdere tempo in un inventario delle scritture d’archivio. Questo, nonostante l’ordine di Contelori, di cui riferisce Cartari, «che mi consegnasse e confrontasse le scritture»33. Si manifesta qui un tratto del potere che il prefetto dell’istituto Vaticano credeva di poter esercitare sul prefetto di Castel Sant’Angelo: Contelori disponeva i modi della consegna dell’archivio. Ne sortì uno scontro. Veniva richiesta a Confalonieri un’operazione che egli giudicava complessa nella sua esecuzione.

  • 34 Stando a Cartari Confalonieri aveva detto che «gli pareva impossibile il potersi far la consegna p (...)

18È interessante ricordare che, effettivamente, tale operazione era quella che aveva accompagnato l’avvio nell’incarico di questo stesso prefetto di Castello: si trattava del precedente cui Cartari voleva ancorarsi. In quella occasione era occorso un anno per questa verifica di ciò che era in archivio, e la collaborazione di un commissario della Camera, a segno di come la Camera fosse presente nella vita dell’archivio. Ora, però, secondo un testimone autorevole come Confalonieri non si giustificava la stessa gravità nel procedere34. Uno spazientito Contelori risolse la questione d’autorità, aggirando l’autorità del prefetto di Castello, con nessun interesse se non quello di concludere rapidamente: «[Disse] che mi si faccia la consegna in ogni modo, e quanto prima. Si restò (non essendovi altro impedimento) per la mattina seguente».

  • 35 ASR, C. F., 6, s. d., [ante 1639]: «Fui a complire alle 10 ore con il vice castellano. Ordinò ad u (...)
  • 36 ASR, C. F., 6, s. d., [ante 1639]. La distinzione tra due serie di armadi, «armaria superiora» e « (...)
  • 37 ASR, C. F., 7, s. d., [ante 1639].
  • 38 Contelori disse a Cartari di aver visitato Confalonieri, ed «esser restato seco, che si facesse l’ (...)

19La frequentazione dell’archivio si avviò quindi con la presa di contatto con il vicecastellano35 e con la verifica della consistenza delle carte, compiuta però dal solo Cartari. Dopo un primo «andai nell’archivio, (...) e cominciai a confrontare le scritture con l’inventario. Si fece il primo armario superiore in un’ora»36, si susseguono per due settimane le annotazioni di queste visite in Castello, finché finis coronat opus e non è necessario per l’orvietano che riferire a Contelori e Confalonieri le difficoltà incontrate37. La vicenda dell’avvio al nuovo incarico si conclude, per Cartari, con la stesura del documento notarile che ne attesta l’incarico inglobando anche gli atti che egli aveva redatto per verificare, mediante confronto, cosa vi fosse in archivio38.

20Si può dunque dire che l’erudito romano ottenne ciò che voleva, una consegna dell’archivio svolta partitamente quanto ai documenti, svolgendo però da sé la verifica della consistenza dell’archivio che aveva reclamato, senza che intervenissero rappresentanti della Camera apostolica. Inoltre, il ruolo di preminenza avuto dal prefetto dell’istituto Vaticano rispetto al prefetto di Castel Sant’Angelo, che deve essere sottolineata, si risolse in un compito di istruzione dell’orvietano, ma anche di disimpegno rispetto alle complicate procedure che quest’ultimo invocava.

21In un indice dell’archivio di Castello, dunque all’interno di una comunicazione istituzionale e di un atto destinato a rimanere in archivio e ad essere letto dai successori, il prefetto avrebbe poi trovato spazio per la descrizione della propria assunzione nell’incarico, con insistenza sui modi della concessione della carica di coadiutore. In questa linea i modi della successione vengono descritti nel dettaglio, nella loro ufficialità e nei primi passi compiuti dall’orvietano, in particolare riguardo alla consegna dell’archivio dopo la controversa ricognizione di Cartari. Così egli appiana quella increspata circostanza:

Hilari animo onus tam honorificum accepi, expeditisque literis in forma brevis sub die XII mensis iulii currentis anni, et scriptorum recognitione viginti dierum spatio peracta, die XXX mensis augusti ad Quirinalem in aedibus illustrissimi Felicis Contelorii sacrae Consultae secretarii, adstante eodem Confalonerio, mihi Archivi claves consignatae fuerunt, atque de singulis per acta Brunori confectum fuit instrumentum, cuius tenorem si perlegere cupis, adeas armario XV capsola 16 fasciculo 4 n. 13.

  • 39 La lettera è conservata in ASV, Indice 64, f. 230r.

22È bene accostare a queste testimonianze relative ai modi di assunzione del proprio incarico una lettera relativa all’ottenimento della coadiutoria e al percorso in archivio da parte dell’erudito romano. In essa Cartari si rivolgeva al cardinale Bernardino Spada domandandogli un intervento per assicurarsi la coadiutoria dell’archivio. L’orvietano si presenta all’interlocutore indicando la propria identità di avvocato concistoriale e la sua storia in archivio, sottolineando poi gli aspetti economici del proprio incarico che dovevano suggerire al lettore la necessità di provvedere la coadiutoria: il «decano degl’avvocati concistoriali» era stato «dalla santa memoria di Urbano ottavo l’anno 1638 deputato coadiutore cum futura successione al signor Giovan Battista Confalonieri prefetto dell’archivio di Castel Sant’Angelo, con la riserva di tutta la provisione a favore del medesimo Confalonieri durante la sua vita»39. Nel ripercorrere le tappe della propria carriera contava anche in questa sede ricordare l’episodio della consegna dell’archivio come atto giuridico: «Seguì in quell’anno la consegna delle scritture per istrumento, et il possesso dell’esercizio a favore del detto Confalonieri, né il Confalonieri comparve più in archivio, per l’infermità che pativa (...)». Ciò per sottolineare un esercizio diretto della propria responsabilità, in assenza del superiore. Quanto alla rendita che veniva da questo compito, «si è esercitata la carica dall’oratore per lo spazio di anni dieci e mezzo con quella fedeltà possibile, e senza altro emolumento (benché da esso molto stimato) che di servire alla Sede Apostolica». Vedremo tra poco occasioni in cui i riferimenti alle entrate spettanti a un archivista avrebbero trovato spazio nelle conversazioni avute da Cartari con altri archivisti. Egli affermava ora, dopo i primi dieci an-ni del suo lavoro in archivio, che questo non recava con sé alcuna ri-compensa finanziaria.

  • 40 Confalonieri morì il 29 ottobre 1648. La sua morte diede l’opportunità a Cartari di prelevare, tra (...)
  • 41 ASV, Indice 64, f. 231r.

23Era anche, questo, un momento in cui si rivelava proficuo utilizzare la redazione dell’indice generale come strumento di pressione. A quanto scritto finora, infatti, Cartari aggiunge a margine della prima stesura: «avendo inoltre principiato e ridotto a qualche perfezione un nuovo Indice delle materie che si conservano in detto Archivio». Il nuovo indice generale ha in questo essere millantato, senza essere mai realizzato, una delle sue funzioni primarie. Soprattutto, era finalmente venuto il momento, con la morte di Confalonieri, di ottenere l’attesa successione e, con essa, gli auspicati emolumenti: «Per la morte del Confalonieri seguita li 29 del cadente si è fatto luoco alla grazia; perciò [l’oratore] supplica la generosissima benignità di Vostra Eminenza di rappresentare a Nostro Signore le sue ragioni»40, nella riconoscenza dell’orvietano. Cartari ottenne ciò che voleva: la sollecitazione fu adeguata alle circostanze. Rimane poi traccia di un’azione svolta anche su altri fronti: la nota, per se stesso, di dare una certa somma di denaro ad un personaggio che non identifichiamo «se avessi avuto l’archivio senza determinazione di tempo», e l’osservazione «eseguito»41.

24Ritornando però ai primi anni di Cartari in archivio, prestiamo ora attenzione a ciò che egli apprendeva, riguardo al proprio ruolo, da Contelori, da persone che operavano a vario titolo a contatto con l’archivio e da altri archivisti.

  • 42 Contelori disse a Cartari, che lo riferisce, «che io non dovevo essere dal cardinale Spada, perché (...)

25Il principale artefice della formazione dell’avvocato concistoriale fu, abbiamo detto, Contelori. Fu lui, ancora, ad avvertire Cartari dei limiti della sua carica di archivista: questa non recava con sé di necessità, ad esempio, la possibilità o il dovere di partecipare alle riunioni della Congregazione dei Confini. La consuetudine cui il nostro assisteva in proposito richiedeva una nomina apposita: Cartari l’avrebbe richiesta, come vedremo42.

  • 43 ASR, C. F., 9, s. d., [ante 1639]: «La mattina in anticamera dissi a monsignor Contelori che mi er (...)
  • 44 ASR, C. F., 9, s. d., [ante 1639]: «Fui a casa del signor Francesco Amadori provveditore di Castel (...)
  • 45 Contelori disse «che la prima volta ch’io andassi da lui gli portassi a mostrare un quinternetto d (...)
  • 46 Così ad esempio: «Monsignor Contelori mi mostrò uno dei suoi libri, che esso fa de’ sommarii delle (...)

26In una prima fase, poi, i rapporti con Contelori sono segnati dall’eccesso di zelo di Cartari e dal suo progressivo acquisire un metodo di lavoro appropriato. Impadronirsi del lessico dell’archivio, iniziare una registrazione di ciò che accadeva e riconoscere le gerarchie che vi regnavano faceva parte di questo processo di apprendimento. Così, lo stesso zelo che portava l’archivista a far nota-re a Contelori una dimenticanza nei documenti con cui egli aveva preso possesso dell’archivio (circostanza in cui apprendiamo che il confronto aveva riguardato anche gli strumenti di corredo effettivamente esistenti in archivio)43 conduceva il nostro a registrare le risposte che formulava alle richieste che riceveva. Cartari avviava poi la stesura del diario dell’archivio, uno strumento di descrizione della vita dell’istituto attraverso gli spostamenti del materiale conservato. Si trattava di un’iniziativa personale, connessa alla Camera per il fatto che ad essa si rinviava per le spese44. La preminenza di Contelori su Cartari si manifestava anche nel controllo degli strumenti di descrizione che l’avvocato concistoriale redigeva45. Il confronto del prefetto di Castello con il prefetto dell’Archivio Vaticano si svolse, nel tempo, anche su questo piano, del raffronto tra gli strumenti di descrizione elaborati46.

27Lasciamo per un momento ciò che Cartari apprendeva dagli archivisti per passare a ciò che egli imparava da altre figure operanti a contatto con l’archivio. Per questa via lo vediamo riferire caratteristiche del ruolo di Confalonieri, suo prefetto.

  • 47 ASR, C. F., 24, 18 [luglio 1639].

28Dal copista della Camera apostolica l’orvietano apprese ad esempio che uno degli àmbiti della propria autorità e del proprio dovere risiedeva nell’avere copia di ciò che la Camera produceva. Egli disse a Cartari, come quest’ultimo riferisce, «ch’io potevo e dovevo ordinarli copie di tutte le scritture per mettere in archivio, come faceva il Confalonieri». Dal copista venivano poi confuse notizie su riunioni di congregazioni svolte in archivio: «in tempo del detto Confalonieri in archivio si sono fatte delle congregazioni (non seppe perché)»47.

  • 48 Così risulta alla lettura di una delle lettere con cui Cartari domandava a Confalonieri la chiave (...)

29Ritornando alle altre figure d’archivio, alla crescente intensità dei legami con il prefetto del Vaticano corrispondeva, come abbiamo evidenziato, un assai più pallido rapporto di Cartari con Confalonieri. Il prefetto di Castel Sant’Angelo compare in questo periodo sostanzialmente come detentore, insieme al coadiutore orvietano, delle chiavi di una, appunto, cassetta delle due chiavi, la cui gestione non sembra essere in discussione o presentare difficoltà, e pare esse-re affidata in sostanza al coadiutore48.

  • 49 La conversazione proseguì con i consigli del cardinal Barberini a Cartari in relazione al modo in (...)
  • 50 ASR, C. F., 116, 28 [ottobre 1644].

30Se è pallido ma scarsamente conflittuale il rapporto di Cartari con Confalonieri, più doloroso è quello dell’avvocato concistoriale con Costanzo Centofiorini, cui nel 1644, con la successione di Innocenzo X ad Urbano VIII, venne affidato l’Archivio Vaticano. Preannunciata dall’annotazione di una oscura conversazione con il cardinal Barberini, giunge la registrazione della notizia dell’incarico assegnato ad un altro: «Il cardinal Barberini mi domandò se m’era stata detta cosa alcuna dell’archivio; gli dissi di no»49, ma il giorno dopo «intesi che l’Archivio Vaticano era stato dato al signor Centofiorini, già segretario di Nostro Signore e ora cameriere segreto di Sua Santità»50. Centofiorini succedeva a Contelori, contro ogni speranza dell’avvocato concistoriale di accedere all’Archivio Vaticano. L’orvietano non commenta di più, nella sua scrittura memorialistica, una successione spiacevole ma forse giudicata inevitabile.

  • 51 ASR, C. F., s. n., 29 [maggio 1645].

31Gli anni quaranta sono caratterizzati da rapporti costanti e stabili di Cartari con Costanzo Centofiorini, mentre era impallidita la presenza di Felice Contelori, che tanto rilievo aveva avuto nella formazione del collega di Castel Sant’Angelo ed era stato destituito nel 1644 dalla carica di prefetto. Centofiorini mostrava interesse a studiare la vita del collega e le condizioni dei documenti. Apprendiamo così anche noi di singolari differenze tra i due archivi: «Mi domandò se il mio archivio aveva proibizione di levar scritture, come il suo», ricorda Cartari del collega. Ebbene, una differenza tra l’Archivio Vaticano e Castel Sant’Angelo risiedeva nel fatto che ai documenti affidati alle cure dell’avvocato concistoriale era permessa una maggiore mobilità di quella garantita alle carte su cui vigilava Centofiorini: «Gli risposi di no», ricorda l’orvietano. Vigeva però una normativa comune per entrambi i depositi di documenti: «[Risposi che] solo vi era il breve della santa memoria di Urbano circa la visita», e questa normativa riguardava «anco l’Archivio Vaticano». Lo ignorava Centofiorini, che si affrettò a richiedere copia del breve che, pure, presiedeva alla sua attività ponendo entrambi gli archivi nella vigile tutela della Camera apostolica: «Mi disse che gliene portassi copia» annota Cartari51. Se dunque abbiamo sottolineato, riguardo all’apprendistato dell’avvocato concistoriale, come non sempre divenissero chiare le regole che presiedevano alla vita dell’archivio di Castello, dobbiamo ora rinvenire nella sua ignoranza un atteggiamento comune almeno anche all’archivista dell’altro archivio pontificio.

32La fine degli anni quaranta porta con sé anche il tentativo, da parte di Cartari, di stabilire meglio la propria posizione ad imitazione di quanto era stato caratteristico dei suoi predecessori. Merita ricordarlo qui, ad indicare il suo rapporto ideale con gli esempi che aveva presente. Egli si rivolse, in particolare, al cardinale Bernardino Spada: «gli parlai della Congregazione dei confini, se fosse caso». L’immissione dell’archivista di Castello alle riunioni della Congregazione dei confini, ordinariamente sottoposta all’approvazione papale, poteva essere disposta dallo stesso cardinale, ma ciò non bastò a Cartari, che pretese l’assenso papale. Male gliene incolse, nel rifiutare la disponibilità di Spada: lo ritroveremo ad affrontare ancora questo tema, e per il momento egli non potè accedere alle riunioni, come era accaduto ad alcuni predecessori.

  • 52 ASV, Indice 64, f. 235r.

33Ci è conservata un’altra lettera, su questo tema, indirizzata al cardinal Pamphili; non è datata, ed ha per oggetto l’ammissione ai lavori della Congregazione dei confini. Si chiede al cardinale di «cooperare appresso Nostro Signore acciò l’oratore come archivista di Castello sia ammesso nella Congregazione de’ confini, conforme v’intervenne il suo antecessore Giovan Battista Confalonieri, parendo che la mente della santa memoria di Urbano ottavo fosse che v’intervenissero gl’archivisti pro tempore del Vaticano e di Castello, non solo per somministrare dalli detti archivii le notizie e scritture che possono bisognare, ma anco per conservare nelli medesimi le scritture delle cause già terminate e gelose»52. Che la lettera non rechi segno di approvazione ben si accorda con il fatto che, come abbiamo visto, occorsero molti anni al nostro per ottenere un riconoscimento ufficiale agli interventi in congregazioni.

  • 53 ASR, C. F., s. n., 1 [dicembre 1649]: «Gli parlai della Congregazione dei Confini, se fosse caso, (...)
  • 54 Così corregge, rispetto ad un originario «prefetto».
  • 55 ASR, C. F., s. n., giovedì 28 marzo 1669.
  • 56 ASR, C. F., s. n., 9 [giugno 1666]: «Il giorno fui con monsignor Ravizzi a Monte Cavallo alla Cong (...)

34Inizialmente Cartari venne coinvolto nei lavori della Congregazione dei confini insieme a Centofiorini, solo per ricerche d’archivio egualmente disposte dalla Congregazione nei due depositi53. Solo nel 1669 troviamo traccia di una soluzione formale al quesito dell’orvietano riguardo alla sua ammissione ai lavori della Congregazione dei confini. Ciò lascia credere che fino ad allora Cartari non avesse partecipato alle riunioni di congregazioni o, più verosimilmente, lo avesse fatto senza sciogliere il nodo della nomina. Egli scrive allora: «Dissi al Papa aver bisogno di sua grazia circa la Congregazione de’ confini. Dissi che la santa memoria di Urbano VIII aveva instituita la Congregazione de’ confini nella quale dichiarò allora per consultori monsignor Contelori archivista54 vaticano et il Confaloniero archivista di Castello, quali morti, il signor cardinale Spada prefetto di quella congregazione, desiderando che vi fussero gli archivisti, parlò a monsignor Salvetti archivista Vaticano, e quasi suppose ch’io già intervenissi in Congregazione, nella quale veramente non ero intervenuto, e perciò parendo quasi una grazia surrettizia supplicavo Sua Santità per la validazione. Si contentò, facendo croce con la mano. Dissi di più, che monsignor Bertini, segretario di detta Congregazione, trovandosi infermo aveva surrogato me in suo luogo, ma che ne desideravo l’assenso di Sua Santità. Anco di questo si contentò facendo croce con la mano. Per terzo dissi che nelle due congregazioni occorre alle volte di trattar cause d’ecclesiastici, e se bene la detta Congregazione che è composta di prelati ha facoltà di conoscere le cause anco degli ecclesiastici, essendo io laico, benché clerico coniugato, per aver moglie, e la prima tonsura, supplicavo Sua Santità di concedermi che potessi ingerirmi in dette cause, a che anche il Papa benignamente condiscese e fece il segno di croce con la mano, dicendo «Vostra Signoria operi allegramente, e secondo il suo valore». Lo ringraziai e dissi che così averei operato più francamente e senza scrupoli»55. Oltre agli scrupoli dell’avvocato concistoriale sembra importante rilevare la consuetudine della presenza degli archivisti, del Vaticano e di Castello, almeno ad alcune riunioni della Congregazione dei confini. Sintomo del rilievo dell’attività di Cartari è la sua crescente ed intensa partecipazione alla vita di organismi di curia: non solo la Congregazione dei confini, in cui lo troviamo ammesso per la prima volta nel 1666, ma anche la Congregazione camerale56.

  • 57 ASR, C. F., s. n., agosto 1670.

35Se gli anni sessanta ci hanno presentato un Cartari impiegato in congregazioni, con il viatico della maggior capacità acquisita e mostrata dall’orvietano in questi anni passiamo agli anni settanta. Prima di questo, però, dobbiamo segnalare un episodio che apre questa decade gettando un’ombra sull’operato dell’avvocato concistoriale: non sulla sua efficienza di prefetto di Castello, ma ancora sulla sua volontà di rimanere prefetto di quell’archivio. L’ambizione di Carta-ri di essere trasferito all’Archivio Vaticano era già comparsa, abbiamo visto, nel tempo del suo apprendistato. Con il tempo essa non era venuta meno. Da Cartari apprendiamo ora che il cardinale Altieri «mi disse che aveva ringraziato a mio nome Nostro Signore delle medaglie datemi, e che l’istesso aveva anco fatto in sua presenza monsignor de’ Massimi, anzi che questo aveva detto a Nostro Signore che sarebbe stato bene di darmi adito ch’io avessi potuto vedere le scritture dell’Archivio Vaticano, e che si era pensato di darlo a me. Ringraziai, e dissi che sempre questo era stato il mio desiderio, ma che era ora provveduto»57. Si conferma il punto di vista per cui il prefetto avrebbe preferito questa seconda carica, cosa che segnala il maggior prestigio dell’Archivio Vaticano, cui il nostro ambiva, rispetto a quello di cui egli allora aveva cura.

  • 58 ASR, C. F., s. n., [1673].

36Abbiamo, ancora, in questo stesso periodo, informazioni su un altro punto di rilievo nella vita dell’avvocato concistoriale in archivio, quello della remunerazione che a lui spettava per il compito di prefetto. Il tema emergeva ad esempio nel corso delle conversazioni con il vicecastellano Massimi, il quale chiese a Cartari, che poi ne prese nota, «quanto rendeva l’offizio di archivista»58. Le curiosità del vicestellano ricordano come si guardasse all’ufficio di prefetto come ad una carica, un ufficio tra i molti di curia, cui era legato un emolumento la cui misura diceva, insieme ad altre cose, il prestigio di chi ne era investito, ben prima di una competenza o di un interesse culturale.

  • 59 A proposito del rapporto tra onorario e onorabilità, «ciò che sembra accomunare le diverse attivit (...)
  • 60 ASR, C. F., 19, [1677].

37Sullo stesso tema, non senza vantare gli aspetti positivi di quella carica, Cartari sottolineò durante un’udienza papale l’opportunità di incrementare la remunerazione che egli otteneva per il proprio incarico, legando questo incremento alla redazione dell’«indice delle scritture» che stava elaborando. Dopo aver riferito alcune recenti ricerche di documenti fatte in archivio, l’orvietano passò in questa occasione a parlare di sé: al Papa «dissi esser questi gli affari dell’archivio, e che supplicavo Sua Santità a darmi licenza che parlassi dell’archivista». Seguì un lungo preambolo alla propria richiesta incentrato su due punti: il modo dignitoso, nel senso di privo della necessità e della volontà di arricchirsi, in cui egli aveva esercitato la propria carica, e le esigenze economiche in cui si trovava. Per il primo aspetto, ricorda Cartari, «gli narrai che mai per il passato avevo dimandate grazie ai sommi Pontefici, perché dalla santa memoria di Papa Urbano ottavo mi fu dato spontaneamente sia l’archivio come l’avvocazione concistoriale». Per il secondo, nobilitava il ricordo del padre, «uomo così onorato e così integro» che alla morte, però, «aveva lasciato me in stato che non potevo mantenermi a Roma», ed ora le «rendite della Sapienza» non erano più adeguate per l’avvocato concistoriale, poiché, infatti «li curiali» esercitavano ormai «la procura e l’avvocazione» e andavano «in governo senza esser dottori». Il Papa pareva condiscendere a queste argomentazioni, così Cartari descrisse meglio le condizioni di quanto voleva: «Proposi la mia fatica dell’indice generale, et insinuai l’assegnamento di venti scudi il mese per tre anni, finché compissi il detto indice»59. Le condizioni delle finanze della Camera erano un argomento valido anche per rispondere ad un archivista importuno negando tanta larghezza: «Il Papa fece qualche difficoltà dicendo che faceva il possibile per sgravare la Camera, la quale era in molti debiti»60.

38Mutava intanto, in questi anni, qualcosa nel rapporto dell’archivio con l’esterno e con l’Archivio Vaticano. Nello stesso tempo, aumentava l’autorevolezza del prefetto di Castel Sant’Angelo presso altri personaggi del mondo archivistico pontificio. Vediamo ad esempio, a questo proposito, con quanta fiducia ricorresse ormai all’esperienza del prefetto di Castello «monsignor Valemari cameriero segreto, proveduto dell’Archivio Vaticano vacato per morte di monsignor Ravizzi, benché in esercizio fin dal tempo di Innocenzo decimo vi sia il Bissaiga». Valemari si informò presso Cartari del modo in cui prendere possesso dell’archivio, mosso da uno scrupolo analogo a quello che a suo tempo aveva condotto l’avvocato concistoriale a pretendere la consegna dell’archivio di Castello mediante un raffronto analitico del contenuto dell’archivio con gli inventari.

39Così l’orvietano descrive la richiesta di Valemari che gli fece ricordare un episodio di tanti anni prima, episodio che abbiamo descritto:

Mi dimandò parere circa la consegna delle scritture di detto archivio, volendole esso omninamente per inventario dal Bissaiga, benché per il possesso non si sia costumato. Lodai assai il suo pensiero, e l’esortai ad effettuarlo, sì per servizio della Sede apostolica come per cautela di lui stesso.

40Ricordava, Cartari, quanto avesse dovuto faticare, anni prima, per questa preziosa cautela di un riscontro preciso della documentazione con ciò che la descriveva a chi la prendeva in consegna: «gli dissi, che il medesimo era succeduto a me dell’archivio di Castello, volendomisi dare le scritture senza consegna, ma io volsi che mi si consegnassero, come seguì per lo spazio di molti giorni. Gli dissi, che potevasi far l’inventario concordemente col Bissaiga, e poi coram thesaurario, e rogito di notaro» in cui Valemari avrebbe fatto certificare «di aver ricevuto li libri e le scritture descritte nel detto libro o inventario. Approvò il pensiero».

  • 61 ASR, C. F., s. n., 31 maggio 1674.

41Cartari insisteva, secondo un filo di analogia archivistica, sul ruolo del rappresentante della Camera apostolica, ruolo che pure era stato contenuto al momento della consegna a lui dell’archivio di Castello. Era poi questione di denaro: «Quanto al Bissaiga, mi disse che vivente il presente pontefice si sarebbe contentato ancor lui di dargli gli emolumenti dell’archivio, ma voleva apparire in rosso esso Valemari, e non Bissaiga, che al presente vi apparisce, ma che in altri tempi voleva l’utili per se stesso»61.

42Dalla carriera dell’orvietano, in cui non aveva trovato posto l’auspicato passaggio al «nuovo» Archivio Vaticano, e che si acquietava ora anche in una funzione di consiglio a chi di quell’archivio veniva provveduto, veniamo alla progettata carriera di Anton Stefano Car-tari, carriera su cui si concentravano le attenzioni e le aspirazioni paterne.

  • 62 Sull’acquisto di cariche, con rilievi relativi ad un livello curiale più elevato, forse utili anch (...)
  • 63 Sull’«ereditarietà archivistica» nel caso di archivi regi un illustre termine di confronto è dato (...)
  • 64 ASR, C. F., b. 72, s. n., lunedì [16 giugno 1663].

43Ricalcando il proprio percorso, questo padre accorto aveva progettato per il figlio una carriera di avvocato concistoriale e di archivista. Tale progetto, che rimanda, nella sua piccola specificità, al tratto di ereditarietà di molte carriere curiali, era ben presto sfumato, ma merita di essere ricordato per il rapporto che ha con l’esperienza di Castel Sant’Angelo62. Il proposito di una carriera legale e archivistica per Anton Stefano è testimoniato da una conversazione tra Cartari e monsignor Febei dell’inizio degli anni sessanta63. In quella circostanza l’erudito orvietano aveva parlato del figlio al prelato di famiglia in questi termini: «gli dissi che il mio desiderio era di metterlo in parte di avvocato concistoriale e di archivista. Approvò il pensiero, e disse, che se bene io non avevo bisogno di mezzi appresso Nostro Signore, quale mi vuol bene, e mi stima, con tutto ciò, occorrendo, a suo tempo ne parlerà esso, né averei difficoltà, replicando però ch’io non avevo bisogno di mezzi»64. Evidentemente quel tempo non era venuto, e la finzione gentile in cui Febei si era impegnato, di sottolineare la condizione del Cartari, negandola, per dire che vi si sarebbe rimediato, non aveva avuto alcun corso.

  • 65 ASR, C. F., b. 72, 13, s. n., mercoledì 21 [settembre 1667].

44Le aspirazioni di Cartari per sé e per il figlio, però, erano di troppo rilievo per non fare ancora ricorso al prelato, e anche questa volta senza esito. Più tardi, approfittando della nuova posizione di monsignor Febei, «prelato domestico» del nuovo Papa, Clemente IX Rospigliosi, e del prestigio che la riuscita ascesa curiale garantiva al prelato di famiglia, Cartari aveva avanzato la richiesta di divenire prefetto dell’Archivio segreto Vaticano: «Gli accennai il mio desiderio dell’Archivio Vaticano, quando vacasse; non rispose»65. Sottolineiamo, in relazione ai rapporti di famiglia, che Febei non diede alcun seguito alla richiesta, e che tale aspirazione non fu rinnovata in seguito nelle conversazioni tra i due.

  • 66 Sull’evoluzione della consapevolezza archivistica dalla pratica d’archivio, così la tradizione arc (...)

45La descrizione di questo episodio, uno dei molti tentativi di Car-tari di intervenire sul proprio iter professionale, chiude appropriatamente un percorso in cui abbiamo visto l’erudito romano acquisire un sapere relativo agli àmbiti e ai limiti della propria professione in archivio, all’intrecciarsi di molteplici influenze, da quelle dei rappresentanti della Camera apostolica al cardinal nipote e ad esponenti della famiglia papale. Vi fu, possiamo dire, una progressiva presa di coscienza del proprio stato e del proprio ruolo attraverso gli strumenti dell’informazione e del consiglio, e, da parte di Cartari, dell’ascolto, della scrittura e dell’imitazione. Abbiamo verificato una peculiarità nella trasmissione di conoscenza e competenza archivistica che si fa identità: la mancanza di qualsiasi richiamo ad una riflessione archivistica. Si tratta della trasmissione di saperi della pratica; di richiamo a princìpi relativi alla necessità della conservazione, all’utilità dell’archivio per il principe e per gli organismi del governo66. Ne emerse, in questo caso, la consapevolezza del rilievo, per l’orvietano, dell’incarico come ruolo atto ad esibire le proprie qualità, consolidare la propria posizione e conoscere la realtà curiale in cui egli viveva. L’apprendimento del comme il faut archivistico romano conduceva in questo senso a riconoscere le vie per le quali la promozione di sé e della propria famiglia era avvenuta e poteva avvenire anche attraverso l’incarico in Castello, in un modo pienamente conforme ai modi del tempo, a definire però un profilo curiale interessante nei suoi tratti personali ed esemplare nel vivere e nel restituire aspetti dell’«offizio d’archivista» nella Roma del Seicento.

Notes

1 A. Petrucci, Dizionario biografico degli italiani, t. 20, Roma, 1977, s. v. Il percorso di ascesa sociale della famiglia Cartari si inscrive in una tradizione di ascesa mediante il servizio. Per il modo in cui tale tradizione venne declinata entro lo Stato pontificio si veda E. Irace, La nobiltà bifronte. Identità e coscienza aristocratica a Perugia tra xvi e xvii secolo, Milano, 1995 (Early Modern, 4), in particolare alle p. 110-114. Sull’avvocatura concistoriale come esito «romano» di questi percorsi di ascesa, in particolare p. 113. Per i rapporti che le famiglie di rilievo di provenienza provinciale istituivano con la capitale dello Stato della Chiesa la studiosa parla di «rapporti che, nella maggior parte dei casi, si ponevano sotto il segno di vincoli clientelari che saldavano i singoli individui (e il contesto locale di appartenenza) con i propri referenti romani». Ancora su Orvieto, B. G. Zenobi, Le «ben regolate città». Modelli politici nel governo delle periferie ponticie in età moderna, Roma, 1994 (Biblioteca del Cinquecento, 59), p. 155-157. Facendo di nuovo perno su Roma, M. Pellegrini, Corte di Roma e aristocrazie italiane in età moderna. Per una lettura storico-sociale della curia romana, in Rivista di storia e letteratura religiosa, 3, 1994, p. 543-602.

2 Sul rilievo del padrinato come forma di solidarietà acquisita, parentela artificiale simile a quella acquisita con il matrimonio e l’appartenenza ad un ordine religioso, W. Reinhard, Amici e creature. Micropolitica della curia romana nel xvii secolo, in Dimensioni e problemi della ricerca storica, 2, 2001, p. 61.

3 Su Giovan Battista Confalonieri, prefetto di Castel Sant’Angelo, si veda A. Foa, Dizionario biografico degli italiani, t. 27, Roma, 1982, s. v.

4 Su Anton Stefano Cartari, A. Petrucci, Dizionario biografico degli italiani, t. 20, Roma, 1977, s. v.

5 Restavano delle perplessità a Cartari, che così proseguiva: «Di questo dovrò meglio accertarmene, e in che modo dovrò darle, non avendoglielo potuto domandare» (ASR, C. F., 12, s. d., [ante 1639]). Pochi giorni dopo a Contelori sembrò necessario ripetere a Cartari l’indicazione «che mai dessi fuora senza ordine espresso l’originali delle scritture» (ASR, C. F., 13, s. d., [ante 1639]). Su Contelori, custode della Biblioteca Vaticana ed insieme di Castel Sant’Angelo, poi prefetto dell’Archivio Vaticano, si veda F. Petrucci, Dizionario biografico degli italiani, t. 28, Roma, 1983, s. v.

6 ASR, C. F., 12, s. d., [ante 1639].

7 Di un vero e proprio «diritto di spoglio», applicabile a nostro avviso anche a queste circostanze, parla Elio Lodolini: «La Chiesa Cattolica affermò altresì, sul piano generale, il diritto di ‘spoglio’ riferito anche alle carte, nei confronti dei cardinali e degli alti prelati» (E. Lodolini, Archivi privati, archivi personali, archivi familiari, ieri e oggi, in Il futuro della memoria. Atti del convegno internazionale di studi sugli archivi di famiglie e di persone. Capri, 9-13 settembre 1991, Roma, 1997 (Pubblicazioni degli archivi di Stato, Saggi, 45), I, p. 40). Sullo stesso tema Peter Burke insiste, con considerazioni che paiono non pienamente persuasive, sull’affermazione, tipica dell’età moderna, dell’uso di consegnare i documenti allo Stato. Egli interpreta questo come un mutamento da ricondurre alla sfera della proprietà: «I documenti che precedentemente erano stati trattati come proprietà privata degli alti funzionari – perfino Richelieu lasciò le sue carte alla nipote – erano ora considerati proprietà dello Stato». Non la titolarità del diritto di proprietà, ma la capacità statale di avocare a sé i documenti, rivendicare carte rilevanti per il loro contenuto a prescindere dall’aspetto della proprietà, pare essere centrale. Alcune perplessità lascia anche il legame istituito dallo stesso autore tra affermarsi del lavoro degli ufficiali in appositi uffici e maggiore conservazione dei documenti in archivio. Insistendo sulla «convenienza degli amministratori» come motore della vita archivistica, Burke scrive che «fu un momento importante della storia dello Stato quando gli alti burocrati passarono gradualmente dal lavoro a casa, e dal conseguente trattamento dei documenti ufficiali come loro proprietà privata, a quello in appositi uffici e alla conseguente conservazione dei documenti negli archivi». Pare a noi che a lungo il panorama sia rimasto assai più frastagliato, con un’affascinate mobilità delle carte tra archivi, palazzi e luoghi curiali, mobilità la cui interruzione non avrebbe forse rappresentato, una vol-ta avvenuta, una cristallizzazione foriera di maggiore conoscenza, ma solo, forse, un’impressione di maggiore certezza. Ancora, è di grande interesse una delle chiavi di lettura del fenomeno archivistico offerta da questo studioso, quella cioè del passaggio, che egli intende come progressivo, da «archivisti a tempo parziale» ad «archivisti a tempo pieno»: «Archivisti a tempo parziale prima e più tardi a tempo pieno furono nominati per custodire e catalogare i documenti», egli scrive riferendosi all’opera di Paolo V e al «modello papale» che venne «gradualmente seguito in altre sedi ecclesiastiche». P. Burke, Storia sociale della conoscenza. Da Gutenberg a Diderot, Bologna, 2002, p. 182 e 184; per un dettagliato panorama del percorso archivistico europeo in età moderna ivi, p. 183-184.

8 ASR, C. F., b. 72, s. d., s. n., [1672]. Per un’introduzione alle funzioni istituzionali della Camera apostolica cfr. L. Londei, Le magistrature dello Stato della Chiesa nell’età moderna. Qualche nota di sintesi, in Le carte e la Storia, 2, 1999, p. 40-43. Vi si sottolinea che tra le prerogative di questo organo dell’amministrazione centrale pontificia era prevista la vigilanza sugli archivi notarili (ivi, p. 41). Si veda anche, per un panorama più vasto sulle vicende della Camera, N. Del Re, La curia romana. Lineamenti storico-giuridici, Città del Vaticano, 4a ed., 1998, p. 286-297. Sullo sviluppo degli archivi della Camera e sulle competenze del commissario in materia di archivi si veda M. G. Pastura Ruggiero, Breve storia dello smembramento degli archivi della Camera apostolica, in Roma moderna e contemporanea, 2, 1993, p. 159-182.

9 ASR, C. F., b. 72, s. d., s. n., [1644]. Al tesoriere della Camera apostolica «spettava controllare lo stato della cassa ed esercitare, assistito da un vice-tesoriere, una continua azione di vigilanza e di controllo su tutti i tesorieri dello Stato pontificio, provinciali e particolari, nonché sulle numerose collettorie e sottocollettorie sparse in tutto il mondo cattolico, rendendo conto alla Camera apostolica semestralmente di tutto il denaro introitato ed erogato» (N. Del Re, La curia romana... cit., p. 290-291).

10 Per la questione dei contenitori dei documenti, da cui il custode dell’archivio traeva nome, ricordiamo le considerazioni di Paul Delsalle: «Le nom de la personne de qualité chargée des archives varie selon les lieux et les époques: greffiers, archivaires, sous-archivaires, archivistes, clavaires, gardes de archives, gardes-notes... On a parfois employé le mot «clavaire», qui fait allusion à la conservation des clés du coffre. C’est le cas en Savoie aux xvie et xviie siècles» (P. Delsalle, L’archivistique sous l’Ancien Régime, le trésor, l’arsenal et l’histoire, in Histoire économie et société, 4, 1993, p. 447-472, alla p. 457). Per il passaggio dai «coffres» agli «armoires», che ci importa in confronto agli usi di Castel Sant’Angelo e agli «armari» che vi si trovavano, ancora Delsalle: «Aux xvie et xviie siècles, on conserve habituellement les archives dans les coffres. Le mot «archives» provient d’ailleurs de «arche», ancient mot désignant le coffre. Comme l’Arche de l’alliance de Moïse qui contenait les Tables de la Loi, le coffre contient précieusement le trésor archivistique. Le coffre reste en usage jusqu’à la fin du xviiie siècle. La ville de Nantes fait confectionner en 1436 un coffre à 3 serrures et Beaune en fait façonner un à 7 serrures en 1569. (...) On assiste durant l’Ancien Régime au remplacement progressif du coffre par l’armoire, qui offre une plus grande capacité et surtout une meilleure facilité d’accès aux documents, de plus en plus nombreux. L’armoire à casiers ou à tiroirs se répand dès le xve siècle» (ivi, p. 450). Considerazioni critiche sulla periodizzazione offerta da Delsalle, sviluppata nel suo Une histoire de l’archivistique (Sainte-Foy (Québec), 1998 [Collection Gestion de l’information]), sono però proposte da Elio Lodolini, che non si persuade del nesso istituito da Delsalle tra archivistica e storia della vita amministrativa, preferendo portare l’attenzione sul legame tra archivistica e storia dell’autorità statale (E. Lodolini, «Una» storia dell’archivistica: un libro di Paul Delsalle, in Rassegna degli Archivi di Stato, 1, 1998, p. 104-113).

11 Con riguardo agli archivi, del commissario generale, «(...) altra figura di rilievo nel complesso funzionamento del dicastero, a cui spettava difendere i diritti del fisco ed intervenire nella trattazione dei singoli affari al fine di tutelare gli interessi camerali, e tanta era l’importanza di questo ufficio che Sisto V dispose nel 1587 che esso non doveva mai rimanere vacante, per cui lo costituì in ufficio perpetuo e vacabile con la costituzione Ad excelsum universalis del 12 ottobre, affidando altresì al suo titolare la direzione dell’Archivio camerale», scrive N. Del Re, La curia romana... cit., p. 292.

12 ASR, C. F., b. 72, s. d., s. n., [marzo 1655].

13 ASR, C. F., b. 72, s. n., [marzo 1655].

14 ASR, C. F., 3, s. d., [ante 1639]): «cum futura successione, et mea vita durante»: Cartari ne richiama l’avvio.

15 Per volere di Urbano VIII Felice Contelori era custode dal 1626 della Biblioteca Vaticana e, dunque, anche prefetto dell’Archivio Vaticano secondo le disposizioni ancora in vigore al suo tempo. Nello stesso tempo Castel Sant’Angelo era affidato a Giovan Battista Confalonieri.

16 ASR, C. F., 3, s. d., [ante 1639]: «Aspettai Contelori (...) per esser nelle congregazioni avanti Nostro Signore per l’Indice e poi in quella dell’Acque». Un precedente per l’orvietano, che in seguito cercherà di essere ammesso alle sedute della Congregazione dei confini in qualità di prefetto dell’archivio.

17 ASR, C. F., 3, s. d., [ante 1639].

18 ASR, C. F., 3, s. d., [ante 1639]: «Fui da M. B., gli raccontai la difficoltà, mi persuase di non ci lassar mettere la clausola del consenso del coadiuto; andai subito da Gualtiero, e restai che la sera ne parlasse con monsignor Maraldi».

19 ASR, C. F., 4, s. d., [ante 1639].

20 Confalonieri, malato dal 1638, lasciò di frequentare l’archivio, e Cartari gli succedette ufficialmente solo alla sua morte, avvenuta nel 1648.

21 ASR, C. F., 4, s. d., [ante 1639].

22 Ivi.

23 Ivi.

24 ASR, C. F., 5, s. d., [ante 1639].

25 ASR, C. F., 31, 6 ottobre 1639.

26 ASR, C. F., 25, 9 novembre 1639.

27 Questa volta, per ordine del pontefice, delle chiavi si fece uso durante l’assenza dell’orvietano (ASR, C. F., 87, 4 settembre 1643).

28 ASR, C. F., s. n., [1655]. Per il convivere di «utilitas» e «venustas» nella storia dell’archivio rimandiamo a C. Savettieri, Lo spettacolo del potere: i luoghi, i simboli, le feste, in A. Pinelli (a cura di), Roma nel Rinascimento, Roma-Bari, 2001, p. 176-180.

29 Percezione di un carattere sacrale che trascina un effetto di immutabilità. Sull’immutabilità tendenziale avvertita come valore nel rapporto tra la Chiesa ed il proprio patrimonio storico scrive Adriano Prosperi: «Soffermarsi sulle parole, quando si affrontano temi di storia della Chiesa, è un esercizio che ha un fascino specifico, non diverso per qualità da quello legato sempre a siffatti esercizi, ma tanto più notevole perché la modificazione dei termini è più lenta e vischiosa, frenata com’è da valori lungamente sedimentati e dal carattere sacrale di un patrimonio storico che nella sua immutabilità tendenziale ripone un valore in sé» (A. Prosperi, Missioni popolari e visite pastorali in Italia tra «500 e «600, in A. L. Coccato, A. Lorenzin et alii (a cura di), Nuove prolusioni accademiche (seconda serie: 1986-1995), Trieste (Istituto per le ricerche di storia sociale e religiosa), 1996, p. 189.

30 R.-H. Bautier, La phase cruciale de l’histoire des archives: la constitution des dépôts d’archives et la naissance de l’archivistique (xvie-début du xixe siècle), in Archivum, 18, 1968, p. 138-149.

31 Segretezza e fedeltà, dal punto di vista degli archivisti, e nel contempo visibilità dell’autorità per il carattere imponente del luogo di conservazione, una fortezza, sono tratti di analogia di diversi degli archivi sovrani di antico regime, tra i quali naturalmente Castel Sant’Angelo. Emblematico è il caso della fortezza di Simancas, per il cui governo Filippo II dispose la Instrucción del 1588 facendone l’archivio della corona di Castiglia. Si veda appunto Instrucción para el gobierno del archivo de Simancas (año 1588), a cura di J. L. Rodríguez de Diego, Madrid, 1988. Per il legame tra inaccessibilità del luogo e garanzia «de los derechos de la corona y de los vasallos», ivi, p. 64. Sulla coincidenza cronologica tra la costituzione dell’archivio di Simancas e lo stabilirsi a Madrid di una corte non più itinerante porta l’attenzione A. Mattone, Sull’utilità e il danno degli archivi per la vita degli uomini, in Le carte e la storia, 1, 1997, p. 34. Un altro esempio che permette di cogliere il legame tra sicurezza dell’archivio e percezione della certezza dei documenti è offerto dal caso inglese, in cui «nel 1621 gli acts, i journals e altri documenti dei Lords furono trasferiti nella Jewel Tower, un edificio medievale isolato, circondato da un fossato, all’angolo sud-occidentale del Palazzo di Westminster». Lo ricorda D. Johnson, Cinquecento anni di documentazione archivistica nel Par-lamento del Regno Unito, 1497-1997, in Le carte e la storia, 2, 1997, p. 17. Su questo tema riportiamo ancora la suggestiva affermazione di Leibniz: «Dopo che il Templum Pacis di Roma e la splendida biblioteca di Alessandria sono stati divorati dal fuoco, e Castel Sant’Angelo a Roma e, ai nostri tempi, la stessa Parigi sono stati espugnati dalle armi nemiche, cosa può essere considerato inviolabile e sicuro? Ma al tempo stesso non va tralasciata ogni possibile cura». Il passo proviene da tre scritti di tema archivistico redatti da Leibniz nel 1680. La traduzione viene svolta sui Politische Schriften, III, 1677-1689 (Berlin, 1986, p. 332-349 e 376381), come ricorda Elio Lodolini nel commentare i testi nel suo Archivio e registratura (archivistica e gestione dei documenti) nel pensiero di Leibniz, in Rassegna degli archivi di Stato, a. LVIII, 1998, 2-3, p. 245-267.

32 ASR, C. F., 4, s. d., [ante 1639]: «Si poteva vedere come [la consegna] era stata fatta al Confalonieri, e conformarsi con quella».

33 ASR, C. F., 5, s. d., [ante 1639].

34 Stando a Cartari Confalonieri aveva detto che «gli pareva impossibile il potersi far la consegna particolare se non con grandissimo tempo; che a lui era stata fatta quasi con tempo di un anno con l’assistenza del commissario della Camera; che vi erano due chiavi; e per conclusione, che la mattina sarebbe stato da monsignor Contelori per intendere quello [che] doveva farsi» (ASR, C. F., 5, s. d., [ante 1639]).

35 ASR, C. F., 6, s. d., [ante 1639]: «Fui a complire alle 10 ore con il vice castellano. Ordinò ad un sargente, che mi conducesse all’archivio, e che per l’avvenire sempre mi lassasse passare».

36 ASR, C. F., 6, s. d., [ante 1639]. La distinzione tra due serie di armadi, «armaria superiora» e «armaria inferiora», nell’archivio di Castello era relativamente recente, poiché risaliva ai tempi di Clemento VIII Aldobrandini (1592-1605). Guida delle fonti per la storia dell’America Latina negli archivi della Santa Sede e negli archivi ecclesiastici d’Italia, a cura di L Pásztor, Città del Vaticano 1970 (Collectanea Archivi vaticani, 2), p. 22.

37 ASR, C. F., 7, s. d., [ante 1639].

38 Contelori disse a Cartari di aver visitato Confalonieri, ed «esser restato seco, che si facesse l’istromento della consegna, per mano di Brunoro notaro della Camera, con inserirvi il foglio delle difficoltà». Pochi giorni dopo l’orvietano ricevette l’atto del notaio, e insieme a questo le agognate chiavi dell’archivio: da Contelori «si fece l’istromento con l’inserzione del breve e della nota delle difficoltà. (...) Mi furono consegnate le chiavi, come del tutto n’apparisce nell’istromento rogato il medesimo giorno» (ASR, C. F., con numerazione originale, rispettivamente 8 e 9, s. d., [ante 1639]).

39 La lettera è conservata in ASV, Indice 64, f. 230r.

40 Confalonieri morì il 29 ottobre 1648. La sua morte diede l’opportunità a Cartari di prelevare, tra quanto di lui si conservava, materiale per una selezione di ciò che sarebbe stato da portare in archivio. L’avvocato concistoriale aveva dunque fatto tesoro di quanto gli abbiamo visto apprendere riguardo all’acquisizione all’archivio delle carte di Michele Lonigo. La circostanza, in questo caso, permette di sottolineare il ruolo del commissario della Camera: «A casa del signor Confalonieri scelsi 14 libri scritti, quali poi (...) furono da monsignor commissario fatti levare per scegliere quello v’era» (ASV, Indice 64, f. 231r).

41 ASV, Indice 64, f. 231r.

42 Contelori disse a Cartari, che lo riferisce, «che io non dovevo essere dal cardinale Spada, perché prima dovevo esser da Nostro Signore dichiarato della Congregazione de’ confini, non essendo annessa quella all’offizio d’archivista» (ASR, C. F., 8, s. d., [ante 1639]). Il prefetto dell’Archivio Vaticano conosceva be ne queste consuetudini poiché era stato commissario della Congregazione dei confini dal 1627. Riguardo alla Congregazione dei confini, «le cui precipue funzioni furono (...) quelle di salvaguardare, impedendo ogni alienazione abusiva, l’integrità territoriale dello Stato e provvedere quindi alla sua difesa, nonché di prendere all’occorrenza le necessarie misure contro ogni eventuale propagazione di malattie contagiose», Del Re scrive ancora che questa si componeva «del cardinale prefetto (...), del segretario e di vari consultori, presi in parte tra i membri della Reverenda Camera apostolica, in parte della Congregazione della sacra consulta, ed in parte scelti direttamente dal Sommo Pontefice tra altri prelati di curia. Il maggior lavoro esplicato da questa congregazione, che riunivasi di regola una volta al mese, non fu rivolto tanto alla sorveglianza dei confini esterni dello Stato, quanto a vigilare quelli interni, al fine soprattutto di dirimere le eventuali controversie che potessero sorgere circa la loro determinazione tra i vari comuni dello Stato pontificio; a tal proposito, infatti, sin dal 1628 il dicastero aveva inviato un’istruzione circolare a tutti i governatori e podestà, invitandoli a rimettere al più presto accurate piante delle rispettive giurisdizioni con l’esatta descrizione dei loro confini», cfr. N. Del Re, La curia romana... cit., p. 376-377.

43 ASR, C. F., 9, s. d., [ante 1639]: «La mattina in anticamera dissi a monsignor Contelori che mi ero scordato di porre nell’istromento tra l’altri inventari quello di Urbino. Disse, che si poteva far di manco, perché ne appariva rogito di notaro».

44 ASR, C. F., 9, s. d., [ante 1639]: «Fui a casa del signor Francesco Amadori provveditore di Castello. Mi disse ch’io dessi a lui in nota quello che bisognava nell’archivio, che lui l’averebbe dato a monsignor tesoriere; che il libro per il diario lo comprassi io, e ne dessi debito alla Camera; che non andassi in Castello prima della levata del sole, e che non vi stessi la sera al tardo».

45 Contelori disse «che la prima volta ch’io andassi da lui gli portassi a mostrare un quinternetto delli sommarii ch’io facevo» (ASR, C. F., 13, s. d., [ante 1639]). In seguito, «alli 13 di gennaro 1639 mostrai a monsignor Contelori a sua richiesta il quinternetto delli sommarii ch’io facevo, dell’armario 2 capsola 3. Dimostrò di piacergli» (ASR, C. F., 14, s. d., [ante 1639]).

46 Così ad esempio: «Monsignor Contelori mi mostrò uno dei suoi libri, che esso fa de’ sommarii delle scritture del suo archivio» (ASR, C. F., 25, 4 agosto 1639).

47 ASR, C. F., 24, 18 [luglio 1639].

48 Così risulta alla lettura di una delle lettere con cui Cartari domandava a Confalonieri la chiave che quest’ultimo deteneva. Si osservi che Cartari recuperò anche, con quest’occasione, la registrazione che il prefetto dell’archivio di Castello deteneva circa le scritture conservate con questa cura particolare. Scriveva dunque l’avvocato concistoriale a Confalonieri: «Si compiacerà Vostra Signoria di dare al latore della presente la chiave che ella tiene della cassetta delle due chiavi che sta in archivio, et avendo appresso di sé nota delle scritture che vi si conservano, mandarmela» (ASR, C. F., 105 e 106, 14 giugno 1644). Non è privo di ironia l’esito dell’operazione: Confalonieri consegnò subito la chiave richiesta «assieme con un’altra (che non so di dove sia)», commenta Cartari. La conoscenza che l’avvocato concistoriale aveva dell’archivio lasciava ancora a desiderare.

49 La conversazione proseguì con i consigli del cardinal Barberini a Cartari in relazione al modo in cui rendersi presente al nuovo pontefice. Si trattava di sottolineare, per il passato, la propria riservatezza: «[Gli dissi] che anco non avevo parlato a Nostro Signore. Mi disse che vi andassi presto e mi lasciassi vedere, e che gli dicessi lo stile che tenevo prima, in non dar scritture che d’ordine di papa Urbano o del signor cardinal Barberini» (ASR, C. F., 116, 27 [ottobre 1644]).

50 ASR, C. F., 116, 28 [ottobre 1644].

51 ASR, C. F., s. n., 29 [maggio 1645].

52 ASV, Indice 64, f. 235r.

53 ASR, C. F., s. n., 1 [dicembre 1649]: «Gli parlai della Congregazione dei Confini, se fosse caso, e disse che ne averebbe parlato a Nostro Signore, e che anco senza parlarne a Sua Santità esso poteva, in esecuzione della bolla di Urbano Sanctae Memoriae dichiararmi (...), ma io stimai bene che ne parlasse a Sua Santità». Siamo già nel 1652 allorché Cartari registra una ricerca «che anco era stata ordinata a monsignor Centofiorini» dalla Congregazione dei confini.

54 Così corregge, rispetto ad un originario «prefetto».

55 ASR, C. F., s. n., giovedì 28 marzo 1669.

56 ASR, C. F., s. n., 9 [giugno 1666]: «Il giorno fui con monsignor Ravizzi a Monte Cavallo alla Congregazione de’ confini». Nello stesso anno, ma per diversa questione, «si era fatta una Congregazione Camerale, nella quale io intervenni».

57 ASR, C. F., s. n., agosto 1670.

58 ASR, C. F., s. n., [1673].

59 A proposito del rapporto tra onorario e onorabilità, «ciò che sembra accomunare le diverse attività che prefigurano le professioni liberali è la valutazione della loro ‘onorabilità’, che emerge tanto nelle discussioni teoriche affrontate dai trattatisti di politica e di diritto, quanto nelle rigide norme fatte proprie dai diversi collegi nello stabilire le griglie che determinano l’appartenenza al corpo e l’accesso all’esercizio professionale. Sarà a questo proposito sufficiente ricordare, sul piano lessicale, che con il termine di ‘honorarium’ si indicava la remunerazione da attribuire a giuristi, teologi e medici come specifica delle «arti oneste», che non implicavano mansioni di natura fisico-manuale». Così A. Pastore e M. L. Betri nell’Introduzione al volume da loro curato Avvocati, medici, ingegneri. Alle origini delle professioni moderne (secoli xvi-xix), Bologna, 1997 (Heuresis, 9; Sezione di scienze storiche, 3), p. 9-10.

60 ASR, C. F., 19, [1677].

61 ASR, C. F., s. n., 31 maggio 1674.

62 Sull’acquisto di cariche, con rilievi relativi ad un livello curiale più elevato, forse utili anche qui, sostiene Wolfgang Reinhard: «(...) la professionalizzazione, la crescente importanza degli amministratori di professione, andò necessariamente di pari passo con il sorgere di una carriera costante, che a Roma e in Francia nel xvi e xvii secolo assomigliava meno a una moderna carriera di funzionario che all’antico cursus honorum dei romani. Vi era una successione stabilita nel rivestire le cariche e, oltre a ciò, la possibilità di specializzarsi in rami specifici (giustizia, finanza, diplomazia e così via). Di conseguenza ci si impegnava mol-to per lasciare aperto alla famiglia l’accesso ai tipici primi livelli (a Roma il referendario, in Francia il maître des requêtes). Soprattutto a questo scopo era indicato l’acquisto delle cariche». W. Reinhard, Storia del potere politico in Europa, Bologna, 2001, p. 227.

63 Sull’«ereditarietà archivistica» nel caso di archivi regi un illustre termine di confronto è dato dall’esperienza di Diego de Ayala, «secretario y archivero» di Filippo II, che a Simancas introdusse il figlio Pedro, cfr. F. Bouza Alvárez, Imagen y propaganda. Capítulos de historia cultural del reinado de Felipe II, Madrid, 1998, p. 121 e 124.

64 ASR, C. F., b. 72, s. n., lunedì [16 giugno 1663].

65 ASR, C. F., b. 72, 13, s. n., mercoledì 21 [settembre 1667].

66 Sull’evoluzione della consapevolezza archivistica dalla pratica d’archivio, così la tradizione archivistica francese: «Peu à peu, empiriquement, des règles se sont dégagées, liées aux pratiques administratives propres à chaque institution et à chaque pays. A partir du xviie siècle, des archivistes ont commencé à rédiger des ouvrages sur leur pratique professionnelle et tenté d’en dégager des principes généraux» (Direction des archives de France, La pratique archivistique française, Paris, 1993, p. 19 e p. 19 nota 1). Queste considerazioni sono svolte ripercorrendo la storia dell’identità archivistica come progressiva acquisizione di autonomia da altre professioni della cancelleria e della corte: «Le métier d’archiviste (...) a évolué au cours des siècles et des sociétés, à mesure qu’évoluaient la nature même des documents à conserver et le genre d’information qu’on venait y chercher. Il s’est spécialisé, se dégageant lentement – et différemment selon les pays et les époques – d’autres métiers avec lesquels il était, à l’origine, plus ou moins confondu: ceux de notaire, de clerc de chancellerie, de greffier, de bibliothécaire, de documentaliste» (ivi, p. 19).

© Publications de l’École française de Rome, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540