Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Offices, écrits et papauté (XIIIe-XVIIe siècles)

 | 
Armand Jamme
, 
Olivier Poncet

Troisième partie. Enregistrement et usage des archives

Annexes

Texte intégral

1. Minute de bulle consistoriale pour la création d’archives centralisées des organismes curiaux [1593]. – [Rome]

1A. Minute, papier, marge droite frottée sur 0,5 cm. ASV, Armadio XXXVII, 40, fol. 32-33.

2a. Regestum Clementis papae V ex Vaticanis archetypis (...) nunc primum editum, cura et studio monachorum ordinis S. Benedicti, t. I, Rome, 1885, p. LV-LVII, note 1. – b. V. Peri, Progetti e rimostranze. Documenti per la storia dell’Archivio segreto vaticano dall’erezione alla metà del xviii secolo, dans Archivum historiae pontificiae 19 (1981), p. 191-237, à la p. 204, éd. partielle.

3Indiqué: G. Marini et C. Ruggieri, Memorie istoriche degli archivi della Santa Sede e della Biblioteca Ottoboniana ora riunita alla Vaticana, Rome, 1825, p. 28, repris par H. Lämmer, Monumenta Vaticana historiam ecclesiasticam saeculi XVI illustrantia, ex tabulariis Sanctae Sedis apostolicae secretis, Fribourg-en-Brisgau, 1861, p. 447.

4Au dos (fol. 33v): Con N. S. Per l’archivio delle scritture.

  • 1 Describenda a.
  • 2 Partem barré.

5Rescribenda1succinte et in optimo carattere ut non transeat primam faciem2huius folii et dicat prius Ill.mus dominus meus si est convertenda latino sermone.

6Havendo noi per l’adietro considerato la poca cura quale in tutti i secoli passati è stata et hora e più che mai usata circa la conservatione delle scritture et ragioni concernenti l’autorità et dignità di questa Santa Sede apostolica et interesse della Camera et se i primi tempi meritano alcuna scusa per le turbulentie d’Italia e di questa Santa Sede, gli più bassi meritano reprensione poiché cessate, per Dio gratia, quelle flutuationi si è continuato questa somma negligenza non già servata dalli altri principi et republiche etiam stranieri né da quelli che da noi sonno di mandati barbari. Et ancorché Benedetto XII, Sisto 4°, Innocentio 8°, Pio quinto, Gregorio XIII et Sisto V°nostri predecessori, per quanto si vede, habbino con somma pietà pensato a questa conservatione delle scritture, non dimeno per varii accidenti non l’hanno potuto essequire.

  • 3 constructioni ab.

7Per il che quelle scritture che più importano, come lettere di principi et republiche mandate al pontifice et le copie delle mandate da lui ad essi et cosi gli fatti de’ legati et nontii mandati pure a principi et republiche non si ritrovano hoggi appresso al pontifice ma rimangono etiam nelli loro originali appresso a quelli che ne sonno stati ministri co’ lor secretarii et heredi et se ne vanno in perditione et altre scritture et raggioni si trovano distratte in diversi lochi, et questi sono gli atti consistoriali appresso il R.mo vicecancellario, le capitulationi et atti de’ conclavi et electioni di pontifici appresso prothonotarii, giuramenti de obedienze de’ principi appresso maestri delle cerimoni[e], vi sonno poi la secretaria dei Brevi domestici, la secretaria di Brevi apostolati, l’altr[a] de’ Secretarii apostolici, la Bibliotheca, l’Archivio della Camera, l’Archivio di Castello, quello di Santo Offitio, registro delle bolle et registro delle suppliche, nelle quali, come in diverse botteghe, sonno disperse, erectioni di principati temporali et di chiese patri[ar]chali, metropolitane e cathedrali et altre infeudationi, vicariati, capitulatio[ni], confederationi, relationi, instruttioni, legationi, pagamenti di censi, constit[utioni]3 publiche, depositioni, devolutioni, confiscationi de’ beni feudali e lor possess[ioni] et altre raggioni attinenti alla dignità, autorità predicte et all’interesse della Ca[mera].

8Ci sono anco varie raggioni nelli archivii di Campidoglio et di monasterii, hospitali, chiese cosí di Roma come delle città del Stato et lor comunità, come sono transactioni perpetue fra esse, comunità et collegii sopra confini, fiumi, monti, gabelle, pedagii, passi et altri (sic) cose publiche, essentioni di dette communità, inventarii di rocche et altri simili et di queste et altre ne sono anco prodotte nelle cause vertenti cosi in rota come al auditor della Camera.

  • 4 li detti ab.

9Pero habbiamo pensato di constituire un’archivio in Castel Sant’Angelo senza però rimovere l’editti4 né far loro preiuditio alcuno, manco nell’avvenire, et ordinare per nostra bolla concistoriale ad perpetuam rei memoriam che in esso da qualunche persona etiam nepoti di papi et cardinali di S. Chiesa et altri a’ quali appartiene et ogn’ altra persona di qualunche dignità et titolo cosi ecclesiastica come secolare sotto pena di scommunica etc. debba in termini di quindici giorni haver consegnate dette scritture cosi originali come copie in detto archivio ritenendosene, se cosí vorrà, le copie et più provedere con modi opportuni da dechierarsi in detta nostra bolla che nell’ avvenire si debbano riporre tale scritture in esso et che nelli archivii et offitii che non sono proprii della Camera per non dar loro questo disturbo et spesa siano deputati homini a cercarle et redurle in libri a spese della Camera con dechiaratione et promissione da farsi da noi in detta bolla che dette scritture reposte che saranno non si possino mai cavare per qualunche urgente et necessaria causa di detto archivio et che non se ne possino far copie se non per interesse proprio et immediato della Sede et Camera apostolica ma per altri interessi si debba andar da quelli offitiali a chi hoggi tocca con dargli il loro emolumento a talche non gli sia fatto alcun preiuditio.

10Si deputarà in custode di detto archivio il nostro thesaurario generale che è et sarà pro tempore con doi sotto custodi, l’uno de’ quali sarà notario di Camera et l’altro notario chierico con tenere doi chiavi, una appresso detto custode principale, l’altro appresso detto notario di Camera, né possino mai entrare in detto Archivio se non tutti a tre insieme et alle scritture che loro transuntaranno se gli dia piena fede in giuditio et fora et detto custode principale giudicarà quelle scritture che si dovrà retenere et quelle che si potran restituire nella consegnatione da farsi come di sopra.

11Et con le dette provisioni si potrà effectuare cosi sanctissima opera a laude di Dio et honore et utile della Santa Sede et Camera apostolica.

2. Mémoire sur le mode de collecte des archives pontificales conservées en main privée [1593]. – [Rome]

12A. Original, papier. ASV, Armadio XXXVII, 40, fol. 34 et v.

13Per ridurre tutte le scritture della Sede Apostolica nel Archivio di Castel Santo Angelo.

14Prima è necessario di fare una constitutione delle scomuniche che tutti quelli che hanno in mano scritture auttentiche pertinenti in qualsivoglia modo alla Sede apostolica o alli papi passati, ne debbiano dare le auttentiche in detto archivio, ritenendosene se vogliono copia, comprendendo in cio etiam quelli che ritenessero lettere, instruttioni, relationi, capitulationi et qualsivoglia altra scrittura pertinente alla Sede apostolica etiam che fussero dette lettere dirette a i secretarii di detti papi.

  • 5 Antonio Boccapaduli (1534-1593), secrétaire des brefs aux princes (1591-1593).
  • 6 Marcello Vestri di Barbiano († 1606), secrétaire des brefs (1596-1606).

15È anco necessario di ordinare a chi tiene li mandati delle obedienze prestati da i principi, assieme con il rogito di dette obedienzie, che li consegni, li quali facilmente saranno in mano del Boccapaduli5 o di Mons. Vestri6 o de’ mastri di cirimonie, assieme con li rogiti e giuramenti fatti del assuntione de’ sommi pontefici e giuramenti prestati.

16Tutte le constitutioni de’ sommi pontefici originali et bolle, et in spetie la bolla di Pio quinto, e sue confermationi quale saranno appresso de’ segretarii.

17Ancora farsi dare le minute da detti segretarii dei brevi quali trattano delle giurisdittioni ritenendosene un’ [altra] copia collationata.

18Dalla Bibliotecha Vaticana far fare copie collationate delle sen[tentie] perpetue et più importanti alla Sede apostolica et l’istesso fare delle scritture nel archivio della Camera et che sonno appresso i notari di esse assieme con i pagamenti de’ canoni alla Sede apostolica et mandati di essi pagamenti.

19Item l’Ill.mo cardinale vicecancellario debbia dare una copia de’ decreti concistoriali de’ sommi pontefici.

20Item tutti li governatori debbiano fare diligenza nelli archivi di tutte [le] communità et mandar nota di tutte le scritture appartenenti a’ concession’ di castelli.

3. Note de Michele Lonigo [1611-1617]. – [Rome]

21A. Original autographe de Michele Lonigo, papier. ASV, Arch. Arcis I-XVIII, n° 6505, fol. 71.

  • 7 Tolomeo Galli (1526-1607), originaire de Côme, secrétaire d’État de Pie IV, fait cardinal en 1565, (...)
  • 8 Geronimo Rusticucci (1537-1603), secretarius intimus de Pie V, fait cardinal de Sainte-Suzanne en 1 (...)

22Informatione delli libri delle nonciature che si hebbero dalli cardinali Como7 et Rusticucci8.

23Gl’heredi dell’Ill.mo et Rev.mo signor cardinale di Como bo. me. donorono alla S.tà di Nostro Signore sei casse di lettere de’ nuntii diversi della Se-de apostolica legate in diversi libri, le quali casse furono portate nella guardarobba di S. S. et consignate al signor Giovanni Battista Simoncelli, guardarobba.

  • 9 Bartolomeo Cesi (1568-1621), trésorier général de la Chambre apostolique (1590-1596), fait cardinal (...)
  • 10 Lanfranco Margotti (1558-1611), fait cardinal en 1608, secrétaire d’État de Paul V (1609-1611).

24Cinque di dette casse poi furono di ordine espresso di detto N. S. consignate all signor cardinale di Cesi9 che si cavorono di detta guardarobba con ricevuta di detto Michele Lonigo, una delle quali casse aperta ne furono cavati li libri della nonciatura di Venetia et fatto a quelli l’indice generale delli negotii che in essi si contengono fu datto esso indice a N. S. che lo diede al signor cardinale Lanfranco10 bo. me. et li detti libri della nonciatura di Venetia furono posti in Castel Sant’Angelo come per ricevuta ch’è nelle mani di S. S. appare furono poi ultimamente le dette cinque casse di negotiati integralmente consignate alla Libraria Vaticana manco li libri di Venetia, soli quali come è detto di sopra erano stati già messi in Castello.

  • 11 Michele Ghislieri (1503-1572), fait cardinal dit Alessandrino en 1555, élu pape sous le nom de Pie (...)

25Da gl’heredi dell’Ill.mo signor cardinale Rusticucci bo. me. si hebbe solamente un mezzo sacco di lettere sciolte et confuse perché li libri di quella sua secretaria, per quanto dissero li detti heredi erano stati prima dati al cardinale Alessandrino11, di queste lettere legate insieme se ne fecero diversi volumi et quelli di Venetia, Napoli et Spagna, fattoli l’indice generale che pari-mente fu dato a S. S.tà et di là passò al signor cardinal Lanfranco furono messi in Castello. Li altri che erano di Savoia, di Fiorenza et di Francia furono ultimamente messi nella Libraria Vaticana all’hora che vi si messero quelli del signor cardinale di Como detti di sopra.

26Sono donque in Castello, del cardinale di Como li libri di Venetia solamente et del cardinale Rusticucci li libri di Venetia, Napoli et Spagna, li indici et repertorii delli quali gl’hebbe il cardinale Lanfranco dalle mani di N. S. Nella Libraria Vaticana veramente sono il rimanente delle sei casse di Como et tutti gl’altri libri del cardinale Rusticucci detti di sopra.

4. Mémoire sur les versements à obtenir pour l’Archivio segreto Vaticano [1611-1617]. – [Rome]

27A. Original, avec des ajouts autographes de Michele Lonigo, papier. ASV, Armadio XXXVII, 40, fol. 35-36v.

28Nota di quelli da’ quali si hanno da havere le scritture per ridurle nell’archivio di Castel Santo Angelo.

  • 12 et così anco da’ legati et nuncii o loro heredi, de la main de M. Lonigo, barré.

29Da nipoti di papi, segretari e heredi loro12

  • 13 copie, barré.
  • 14 in autentico fatte, barré.

30Le13 lettere, instruttioni, relationi, capitolationi et altre scritture pertinenti alla Sede Apostolica autentiche14.

31Si puotria anco adimandare dalli heredi de’ legati et nuncii altre volte mandati a’ prencipi et a republiche gesta eorum et statuire che nell’avvenire functa eorum legatione deberent illa reponere in archivio.

32Dal vicecancellario

33Le copie de’ decreti consistoriali in autentico

  • 15 Marcello Vestri di Barbiano († 1606), secrétaire des brefs (1596-1606).

34Da Mons. Vestrio15

  • 16 et registri di bolle, barré.

35Minute de’ brevi quali sonno investiture a16 constitutioni, obedienze de’ principi, lettere di principi

  • 17 Antonio Boccapaduli (1534-1593), secrétaire des brefs aux princes (1591-1593).

36Da Boccapaduli17

37Obedienze et risposte che concernino l’autorita et dignita di questa Santa Sede

38Et anco dalla secretaria apostolica quale è in cura delli secretarii adimandare le investiture et altre cose perpetue concernenti l’interesse della Sede o Camera apostolica.

39Da maestri di ceremonie, segretario del Collegio, prothonotarii

40Rogiti de obedienze et dell’elettioni de’ Sommi pontifici et juramenti di conclave

41Dalla Bibliotheca Vaticana

42Scritture che concernino giurisditione et suprema autorita apostolica

  • 18 sonno, barré.
  • 19 bisogna, barré.
  • 20 pur, barré.

43Quanto alla biblioteca quelle cose che s’adimandino è18 troppo generale la dimanda et perché anco ci sonno investiture, obedientie19 et altre cose20 concernenti l’interesse della Sede et Camera apostolica si puotria restringere a dimanda sotto questa forma

44Dal Archivio della Camera

45Investiture de’ feudi

  • 21 Roma, barré.

46Dal governatore di citta21

47L’inventarii delle terre et della giurisditione de’ confini. Item le sententie date super privatione seu confiscatione castrorum et locorum jurisdictionalium con gli possessi pigliati

48Da abbati et altri religiosi

49Le giurisditioni temporali che hanno

50Et contra tutti questi altri

51Si spedisca una scommunica accio debbano consignare dette scritture et altri che in qualsivoglia modo appartengano all’utile, autorita et dignita della Sede apostolica

  • 22 così, barré.
  • 23 come, barré.

52Si puotria anco ordinare a tutti gli notarii massime22 di rota23 per la gravità delle cause che sono state et sonno in detto tribunale che faccino etiam permettino che chi sarà deputato a questo faeci (sic) dilligenza di ritrovare scritture perpetue che attenessero all’interesse o dignità della Sede et Camera apostolica, quali fossero stati prodotte in dette cause. Item commettere una simil dilligenza all’archivio di Campidoglio.

5. Bref ouvert ordonnant le récolement et l’inventaire des archives du Saint-Siège et de la Chambre apostolique 1624, 27 janvier. – Rome

53A. Original, velin, jadis scelle en placard de l’anneau du pêcheur. ASV, Archivum Arcis I-XVIII, n° 5521.

54B. Copie, papier. ASV, Arm. XXXVI, 38, fol. 335 et v et 338.

55Indiqué: G. Marini et C. Ruggieri, Memorie istoriche degli archivi della Santa Sede e della biblioteca Ottoboniana ora riunita alla Vaticana, Rome, 1825, repris par H. Lammer, Monumenta Vaticana historiam ecclesiasticam saeculi XVI illustrantia, ex tabulariis Sanctae Sedis apostolicae secretis, Fribourg-en-Brisgau, 1861, p. 448.

URBANUS PP. VIII

56Ad perpetuam rei memoriam. Conservationis iurium Sedis et Camerae nostrae apostolicae juxta creditum nobis desuper pastoralis officii debitum quantum cum Domino possumus prospicere cupientes motu proprio et ex certa scientia ac matura deliberatione nostris, dilectos filios thesaurarium vel prothesaurarium et commissarium nostros et dictae Camerae generales necnon clericus ejusdem Camerae nunc et pro tempore existentes archivorum Status nostri ecclesiastici praesidem et mensarium custodemque Bibliothecae nostrae Vaticanae apostolica auctoritate tenore presentium facimus, constituimus et deputamus eisque per presentes commitimus et mandamus ut quamprimum omnes vel saltem tres ex ipsis utraque archiva nostra Sedisque et Camerae predictarum scilicet tam in palatio nostro apostolico et Bibliotheca Vaticana quam in Arce Sancti Angeli existentia omniaque in eis contenta visitent necnon adhibito uno ex Camerae predictae notariis per ipsum thesaurarium seu prothesaurarium eligendo inventarium omnium et singulorum librorum, bullarum, brevium, instrumentorum et scripturarum tam publicarum quam privatarum quarumcumque in eisdem archiviis repertarum et existentium illis etiam si videbitur per suos numeros cartulatis manu dicti notarii conscribendum incipiant et ceptum usque ad finem debitum prosequantur atque ita finitum et absolutum reponant in capsulis in eisdem archiviis existentibus claudendis duabus differentibus clavibus quarum altera penes thesaurarium et altera penes custodem predictos sint et esse debeant et deinde singulis quibusque sex mensibus et etiam quoties eis similiter videbitur utraque archiva predicta illorum libros, bullas, litteras et scripturas tam publicas quam privatas quascumque ac etiam scrinia, mansiones et alia necessaria adhibito notario ut supra de novo visitent inventariumque predictum revideant, conferant, novas scripturas in eisdem archiviis reponendas eidem inventario addi ac alia quae pro meliori custodia et conservatione archivorum, librorum, scripturarum et aliorum predictorum eis necessaria videbuntur faciant et exequantur super quibus omnibus et singulis plenaria, liberam et amplam facultatem et potestatem auctoritate et tenore predictis concedimus et impartimur. Volumus autem, declaramus atque ordinamus ut si aliqui absentes vel impediti fuerint ex deputatis hujusmodi alii non impediti a nobis tamen nominandi substituantur notarius vero ut pensatur adhibendus in libro particulari quem in utriusque archiviis predictis retineri jubemus singulas visitationes describat et quicquid addendum et adnotandum erit, addat et adnotet suaque manu tam visitationes quam inventarium predictum una cum deputatis subscribat, inventarium autem et libri visitationum predictarum apud eadem archiva in suis originalibus et absque alicuius copiae sumptione relinquantur e ita observari mandamus, non osbtantibus constitutionibus et ordinationibus, prohibitionibus, privilegiis, indultis et litteris apostolicis quomodolibet editis et quibusvis concessis ac etiam juramento, confirmatione apostolica vel quavis firmitate alia roboratis caeterisque contrariis quibuscumque.

57Dat. Romae apud Sanctum Petrum sub annulo piscatoris die XXVII januarii MDCXXIIII pontificatus nostri anno primo.

  • 24 Ulpiano Volpi (1559-1629), eveque de Chieti (Theatinensis) (1609-1615), secretaire des brefs (1623- (...)

U. Theatin24

Notes

1 Describenda a.

2 Partem barré.

3 constructioni ab.

4 li detti ab.

5 Antonio Boccapaduli (1534-1593), secrétaire des brefs aux princes (1591-1593).

6 Marcello Vestri di Barbiano († 1606), secrétaire des brefs (1596-1606).

7 Tolomeo Galli (1526-1607), originaire de Côme, secrétaire d’État de Pie IV, fait cardinal en 1565, secrétaire d’État de Grégoire XIII.

8 Geronimo Rusticucci (1537-1603), secretarius intimus de Pie V, fait cardinal de Sainte-Suzanne en 1570.

9 Bartolomeo Cesi (1568-1621), trésorier général de la Chambre apostolique (1590-1596), fait cardinal en 1596.

10 Lanfranco Margotti (1558-1611), fait cardinal en 1608, secrétaire d’État de Paul V (1609-1611).

11 Michele Ghislieri (1503-1572), fait cardinal dit Alessandrino en 1555, élu pape sous le nom de Pie V (1565-1572).

12 et così anco da’ legati et nuncii o loro heredi, de la main de M. Lonigo, barré.

13 copie, barré.

14 in autentico fatte, barré.

15 Marcello Vestri di Barbiano († 1606), secrétaire des brefs (1596-1606).

16 et registri di bolle, barré.

17 Antonio Boccapaduli (1534-1593), secrétaire des brefs aux princes (1591-1593).

18 sonno, barré.

19 bisogna, barré.

20 pur, barré.

21 Roma, barré.

22 così, barré.

23 come, barré.

24 Ulpiano Volpi (1559-1629), eveque de Chieti (Theatinensis) (1609-1615), secretaire des brefs (1623-1627).

© Publications de l’École française de Rome, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540