Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Formae urbis antiquae

 | 
Emilio Rodríguez-Almeida

Prefazione

Note de l’éditeur

La revisione linguistica dell’originale testo italiano, consegnato all’École française de Rome dall’autore nel 1997, è stata curata da Rossella Pace.

Texte intégral

1La prassi cartografica a Roma ha, come in altre civiltà antiche, origini legate ad esigenze pratico-amministrative e fiscali, ma, come vedremo, anche l’ideologia e la propaganda politica vi giocano un ruolo assai importante. Per un quadro complessivo e per gli aspetti generali della questione si rimanda alla bella monografia di O. A. W. Dilke, Greek and Roman maps, Ithaca, N.Y., 1985, oppure a quella di C. Nicolet, L’inventaire du monde, Paris, 1988.

2Delineare un iter organico di questa prassi in ambito romano resta, comunque, impresa ardua, perché i dati delle fonti in nostro possesso permettono appena di intravedere un sottilissimo canovaccio ideale, in cui le lacune ed i nodi risultano molto più vasti e problematici della trama assodata, le zone nebulose, molto più ampie dei sentieri percorribili, le pericolose paludi, ben più dilatate della terra ferma.

3Tenteremo, in primo luogo, solo un’analisi delle caratteristiche della cartografia romana per il periodo compreso tra l’età repubblicana e l’inizio del Principato, allo scopo di evidenziare i principi che ispirarono il concepimento di quei documenti di cui più tardi si ha solo qualche traccia superstite. Non indugeremo, però, nella pericolosa pretesa di colmare i vuoti, temporali o formali, di finalità o di metodo, che fra essi esistono.

4In questa sede si analizzeranno, a grandi linee, i diversi documenti cartografici urbani noti e i dati da essi immediatamente deducibili, senza tener conto del loro reale ordine cronologico, incertissimo, per altro.

5La maggior parte di questi documenti è nota solo sulla base di frammenti che possono dare un’idea alquanto approssimativa del complessivo aspetto e delle caratteristiche della grande opera di cui facevano parte.

6Il tentativo di approfondire la materia, caso per caso, si vedrà in buona parte frustrato. Non desisteremo, comunque, da un serio intento di esegesi, anche a rischio di «sfondare qualche porta aperta», poiché sono persuaso che potrebbe aprirsi qualche spiraglio alla ricerca futura. Ed è questa possibilità a sostenere il nostro lavoro.

7Fra i tanti amici e colleghi a cui devo la mia riconoscenza per l’amicizia incondizionata dimostratami e i preziosi suggerimenti, un particolare ringraziamento va al Prof. Claude Nicolet, ex direttore dell’École française de Rome, padre spirituale e ispiratore di questo lavoro.

© Publications de l’École française de Rome, 2002

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540