Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Quarantotti Gambini e il cinema

 | 
Luciano De Giusti

Documenti e testimonianze

L’avventura produttiva de La rosa rossa

Tullio Kezich

Texte intégral

1Avevo sempre ammirato il lavoro di Franco Giraldi e continuavo a ripetermi: «In fin dei conti, potrebbe fare qualcosa di meglio dei film di genere, western o commedie che siano». Avendo iniziato a lavorare come produttore con la RAI, dopo l’esperienza fatta con la società “22 Dicembre” creata a Milano assieme a Ermanno Olmi, tentai di portare Giraldi in televisione. C’era in ballo una serie – che poi non fu tale perché riuscii a realizzarne solo il pilota – che doveva chiamarsi Storie di caccia e di guerra, ma poi, per prudenza, diventò Storie di montagna e di caccia, scritta da me con Mario Rigoni Stern nella sua casa di Asiago. Avevo sentito dalla viva voce di Mario dei racconti che non aveva mai scritto e gli avevo proposto di elaborarli in forma di sceneggiatura per poi farne vari episodi. Proposi Franco per girare il “pilota”, che fu Il bracconiere poi diretto da Eriprando Visconti. Lo portai da Angelo Romanò, direttore dei programmi TV alla sede di Milano, che per la verità lo accolse bene, ma con il risultato che un paio di giorni dopo mi disse: «Ah, simpatico quel ragazzo che mi hai portato»; e fu tutto.

2Questo avveniva nel ’66 e dovemmo aspettare alcuni anni finché nel ’72 inaspettatamente si liberò un progetto affidato a uno dei registi che lavoravano di più, il bravo Sandro Bolchi. Il quale, pur non essendo triestino ma avendo vissuto molto a Trieste, era legato alla nostra letteratura e voleva dirigere La rosa rossa dal romanzo istriano di Pier Antonio Quarantotti Gambini. Aveva fatto fare la sceneggiatura a Dante Guardamagna, fiumano, e insomma c’era questo copione, il film doveva partire, forse anzi lo volevano girare in video e non in pellicola, Sandro era pieno di impegni, di cose che si accavallavano… A un certo punto ci disse: «Guardate, io quest’anno non lo posso fare». La fortuna volle che il dirigente del settore fosse Pio De Berti Gambini, cugino del compianto Pier Antonio, comprensibilmente dispiaciuto per il fatto che la cosa andasse persa e mi chiese se avessi qualcuno per prendere le redini dell’impresa. Certo che ce l’avevo, gli portai Franco e in questo caso andò tutto molto bene.

3Decidemmo di fare un film vero e proprio e partimmo con questa impresa, che fu una bella avventura comune perché fummo io e Franco a fare i sopralluoghi in Istria, nei luoghi del romanzo… Girammo in luoghi reali, con pochi adattamenti, tutto dal vero. Avevamo un produttore esecutivo, Arturo La Pegna, sensibile e molto capace che riuscì a fare il film con pochissimi soldi. A Capodistria girammo delle scene bellissime con i nobili istriani che vanno e vengono da teatro… Ovviamente bisognava stare attenti a inquadrare perché se facevi una mezza panoramica a sinistra c’era il rischio di veder spuntare un orrendo supermarket fatto dagli Jugoslavi, un pugno nell’occhio in questa meravigliosa piazza veneta. Anche l’interno del teatro di Pola era devastato e obsoleto, difficile isolare un paio di palchi presentabili. Quanto alla scena di Il barbiere di Siviglia è un pezzo trapiantato: siccome non avevamo i mezzi per realizzare una scenetta con cantanti e coro, l’abbiamo preso da un precedente film “ricco” di Giraldi.

4Mi ricordo le grandi discussioni sul cast del film. Si affacciò per la protagonista, che doveva essere una signora ancora bella ma un po’ anziana, l’idea di cercare una diva ritirata del cinema italiano. Facemmo venire Maria Denis, all’epoca ancora splendida. Talmente bella che il nostro Arturo si mise discretamente a corteggiarla, ma lei si risentì e se ne andò dopo avermi detto: «Guardi, sapevo che non dovevo venire, perché il cinema è un ambientaccio». E così la perdemmo, ma rimediammo subito prendendo Elisa Cegani, carinissima, brava, una gran signora anche lei. Per il marito non ci furono esitazioni, scegliemmo Antonio Battistella, attore di teatro meraviglioso, che mi costò una tirata d’orecchi da parte di un dirigente RAI il quale mi chiamò e mi disse: «Ma come? Facciamo un film e tu mi prendi Battistella? Battistella lo posso avere quando voglio, ma in altre cose, nel teatro televisivo…». «Abbi pazienza – gli risposi. – Ormai è scritturato e ce lo teniamo. Vedrai però che non avrai da lamentarti». Infatti Battistella con questo film vinse il premio per il miglior attore al festival di Taormina. Battistella era un uomo introverso, timido, non parlava con nessuno. Istriano d’origine, il ritorno nelle sue terre gli fece un bene incredibile: con noi diventò affettuoso, cooperativo, grato…. E riuscii ad avere un reduce della Dolce vita, Alain Cuny, per la parte del generale austriaco: poche pose ma importanti e le fece molto bene. Mi ricordo che fu molto soddisfatto perché gli fu data una vestaglia facendogli notare che era quella indossata da Burt Lancaster nel Gattopardo. Visconti riempiva le case d’arte e di costumi che poi venivano utilizzati in molti film successivi… Bisognava vedere la contentezza di Cuny quando si mise quella vestaglia…

5Per la servetta volevamo Ornella Muti, allora esordiente. Si presentò con la madre. Ci affannammo a spiegarle che era un film d’arte, che non assicurava grandi guadagni ma nobilitava. La ragazza in quel momento aveva fatto un paio di film. Cercai di far capire, soprattutto alla madre, che le offrivamo la possibilità di fare una cosa che avrebbero visto i critici... Ornella fu subito disponibile, e disse: «Ah, sì, mi pare bene…». Io incalzai: «Beh, ci dovete un po’ venire incontro….». La mamma mi interruppe: «Cinque milioni!». Avevamo settanta milioni per fare tutto il film, come avremmo potuto darne cinque alla Muti? Non restava che insistere: «Cara signora, tenga conto che è un film d’arte, una cosa pregevole, sua figlia viene in qualche modo incorniciata, ha intorno dei grandi attori…». Lei ribatté: «Sì, sì, ho capito benissimo…». «E allora?». «Cinque milioni!». Rinunciammo e prendemmo una cecoslovacca bella e brava, Susanna Martinkova, per cinquecentomila lire.

6A proposito di soldi, è da La rosa rossa che Franco, per il gusto di fare cose belle, cominciò a guadagnare poco o niente. Questo volevo esprimere quando dicevo che io l’ho rovinato rubandolo al cinema commerciale per farlo lavorare nella televisione di qualità. Franco ha visto così dissolversi o quasi il piccolo castelletto che si era fatto con il cinema. Ha pagato di persona, in senso stretto, e non si è mai lamentato, tanto è vero che dopo Quarantotti Gambini abbiamo continuato a fare cose insieme.

Auteur

© Edizioni Kaplan, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540