Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Quarantotti Gambini e il cinema

 | 
Luciano De Giusti

Documenti e testimonianze

La calda vita: i pregi del film

Pier Antonio Quarantotti Gambini

Texte intégral

1Il pregio forse maggiore de La calda vita di Florestano Vancini consiste, a mio parere, nella grande novità d’ambientazione e d’atmosfera. In una produzione cinematografica, come l’attuale italiana, che si attarda in certe atmosfere post-neorealistiche, sia in chiave drammatica sia in chiave comico-satirica, quando non s’impania nelle paludi della incomunicabilità, è come se Vancini avesse spalancato finalmente le finestre.

2Sino ad oggi è sembrato che i registi italiani riluttassero, chi più chi meno, dal porre a sfondo dei loro film la bellezza naturale dell’una o dell’altra parte d’Italia: che temessero, quasi, d’immedesimare i loro protagonisti con essa, analogamente a quanto fa – poniamo – un Ingmar Bergman con una quasi stregata natura nordica. Vancini, più arditamente di ogni altro, ha fatto il grande salto.

3Ma La calda vita ha molti altri pregi, specie nella lunga parte che si svolge sull’isola.

4Come spettatore vorrei indicare almeno alcuni momenti che non potrò dimenticare. Quello, per esempio, in cui Fredi, stiracchiandosi nella notte prima di rientrare in casa, urta con la mano il volto di Sergia, e quel suo movimento si tramuta in una lieve carezza, e lei accende su di lui la torcia elettrica e gli sorride. Scena breve, di alcuni attimi; ma che sembra contenere in sé, nella sua grazia improvvisa, tutta la spontaneità, la freschezza e la gentilezza degli amori tra adolescenti. Momenti come questo e come quello dei tre – Fredi, Sergia e Guido – che, rincorsi dal cane, si allontanano dalla casa e diventano sempre più piccoli laggiù lungo l’arco sabbioso della costa: visti alle spalle, perché alle loro spalle, sull’isola, rimane l’incontro dei loro destini ed essi diventano nulla più che tre puntolini nell’immensità della vita: momenti come questi raggiungono la poesia.

5E che dire dello stringente gioco di espressioni, differentemente sconvolte, tra Fredi, Sergia e Guido durante il ritorno in motoscafo? E dei volti impietriti, in primo piano di Fredi, Guido e Sergia, contro uno sfondo grigio roccioso – uno sfondo anch’esso di pietra – mentre il corpo sfracellato di Max viene portato via dall’isola? In scene come questa de La calda vita di Vancini si riconosce l’impronta della grande arte cinematografica.

Manoscritto per una ipotetica quarta edizione de La calda vita in due diversi romanzi (Archivio Irci)

Manoscritto per una ipotetica quarta edizione de La calda vita in due diversi romanzi (Archivio Irci)

Note dello scrittore su La vita calda di Floreztano Vancini (Archivio Irci)

Note dello scrittore su La vita calda di Floreztano Vancini (Archivio Irci)

Lo scrittore con Catherine Spaak e Florestano Vancini

Lo scrittore con Catherine Spaak e Florestano Vancini

Table des illustrations

Titre Manoscritto per una ipotetica quarta edizione de La calda vita in due diversi romanzi (Archivio Irci)
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/661/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 204k
Titre Note dello scrittore su La vita calda di Floreztano Vancini (Archivio Irci)
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/661/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 304k
Titre Lo scrittore con Catherine Spaak e Florestano Vancini
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/661/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 150k

© Edizioni Kaplan, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540