Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La comunità “impossibile” di Georges Bataille

 | 
Marina Galletti

Parte seconda. Il dopoguerra: la comunità e la letteratura

5. Bataille, il surrealismo e i voyageurs del «Troisième Convoi»

Note de l’auteur

Questo capitolo è la rielaborazione dell’articolo I “voyageurs” del «Troisième Convoi» o gli “ennemis du dedans” pubblicato in Germana Cerenza Orlandi (a cura di), Narrazione e rappresentazione nel Nocevento, Marsilio, Venezia, 2001.

Texte intégral

Qu’il crève dans son bondissement par les choses inouïes et
innommables: viendront d’autres horribles travailleurs;
ils commenceront par les horizons où l’autre s’est affaissé!
Arthur Rimbaud

«Troisième Convoi» nasceva nel novembre 1945, poco dopo più di cinquant’anni fa. Attenta a registrare, dietro la letteratura patente, le inquietudini latenti di cui il tempo era portatore, questa piccola rivista stampata con pochi mezzi, in una sobria veste tipografica, era di fatto animata da un agguerrito programma: sottoporre a revisione la letteratura d’avanguardia dell’immediato passato, denunciare il conformismo e la confusione della letteratura del presente.

  • 2 Éric Bourde, Sur la mort de Michel Fardoulis-Lagrange, Calligrammes, Bernard Guillemot, Quimper, 19 (...)
  • 3 Michel Fardoulis-Lagrange, Langage et opinion, «Troisième Convoi», 3, novembre 1946, p. 7.
  • 4 Jean Maquet, Les anges pleurant, «Troisième Convoi», 1, ottobre, 1945, p. 11, e Id., Les glaires et (...)
  • 5 Conversazione privata con Francine Fardoulis-Lagrange, Parigi, novembre l995.

1Tale volontà di rottura, dietro la quale si celava la rimessa in questione della letteratura stessa e della nozione di rappresentazione su cui essa si fonda, era l’espressione della convergenza di due intellettuali temerari – entrambi trapiantati a Parigi, entrambi versati nella filosofia: Michel Fardoulis-Lagrange e Jean Maquet. L’uno lettore dei presocratici, di Platone, di Hegel, di Nietzsche, «avait fait sien le principe moteur du nihilisme: tout demeure inconnu»2 e dichiarava «Toutes les voies sont bloquées»3; l’altro, allievo del filosofo Jean Grenier del quale condivideva il rifiuto di ogni ortodossia, proclamava dinanzi all’imperialismo dell’umanesimo e alla sua riattualizzazione, «tout est donné, il n’y a rien à créer» e adombrava, al di là degli stadi kierkegardiani, un altro stadio «qui ne peut plus s’accomoder d’ironie, ni d’humour, ni d’aucun des paradoxes romantiques» – quello dello stupore, che definiva «ni vie ni mort mais manque à naître»4. Solidali con la frase di Kafka che apre il primo numero di «Troisième Convoi», «Il reste à faire le négatif, le positif nous est déjà donné», avevano fatto della Closerie des Lilas il luogo di gestazione del loro ambizioso progetto che avrebbero portato avanti ai Deux Magots o nell’appartamento dello stesso Fardoulis-Lagrange a Boulogne con il poeta e pittore René de Solier, terzo membro del triumvirato, e con un piccolo nucleo di fedeli – Raoul Ubac, Georges Lambrichs, Henri Goetz, Christine Boumeester, ai quali si sarebbero poi aggregati Georges Henein, Marcel Lecomte, Yves Bonnefoy, Jean Pfeiffer Jacques Hérold e, da ultimo, più marginalmente, Robert Crégut, Charles Duits e Francis Bouvet5.

  • 6 Jean Maquet, Journal (in data 29 gennaio 1949), in «Troisième Convoi». Édition préparée et annotée (...)

2Nondimeno – a dispetto della violenza della passione che esigeva di rompere con il passato e di ricominciare da zero – quelle affinità elettive che avevano precipitato il sodalizio tra i due non avrebbero potuto annullare le differenze di temperamento e di esperienza, né tanto meno occultare un dissidio più profondo, causa immediata, nel 1951, della defezione di Maquet: la tesi di Hegel, di Nietzsche, di Freud, condivisa da Fardoulis-Lagrange, «que le fond de notre nature est extase devant la mort»6.

  • 7 Il primo, uscito nel 1942, il secondo, redatto nel 1939 e uscito nel 1944 con una prefazione di Mic (...)
  • 8 E contro l’asservimento al partito comunista. È in questo ambito che Fardoulis-Lagrange si era lega (...)
  • 9 Georges Bataille, [Collège socratique], in Id., O.C., t. VI, pp. 282, 284. Cfr. in proposito, supra(...)

3Originario dell’Egitto, Michel Fardoulis-Lagrange aveva lasciato alle spalle il silenzio e gli spazi desertici del paese natio per intraprendere – dopo il détour della militanza nel P.C.F. – il lungo percorso poetico e filosofico dal quale sarebbero emersi i grandi miti solari della Grecia che permeano la sua opera matura. Di undici anni più giovane dell’amico, Jean Maquet veniva invece come Rimbaud dalle terre brumose del Nord e cercava ancora la sua via… Se per lui «Troisième Convoi» sarebbe stata una breve, rabbiosa parentesi prima della fuga nel giornalismo, per Michel Fardoulis-Lagrange, autore di due “romanzi-poesia” che lo avevano situato di colpo tra i sovvertitori dell’estetica surrealista – Sébastien, l’enfant et l’orange e Volonté d’impuissance7 –, era un bivio cruciale. Al tempo stesso il momento del ritorno alla letteratura dopo un anno di detenzione alla Santé per ragioni politiche (sono di questi anni alcune opere maggiori, da Goliath cominciato nel 1944, ai due testi-cerniera Le Grand Objet-Extérieur di redazione più remota ma pubblicato nel 1948, e Le Texte inconnu, scritto nel 1945-1946) e lo sbocco di un percorso che lo aveva sottratto inaspettatamente alla solitudine per votarlo all’esperienza comunitaria: quella della collaborazione a «Messages», la rivista di poesia che Jean Lescure aveva fondato nella zona occupata come strumento di lotta implicita contro il regime di Vichy8; quella soprattutto dell’amicizia con Georges Bataille che, coagulata da Sébastien l’enfant et l’orange, si era prolungata nell’ambito del Collège socratique, il gruppo a carattere filosofico, nato attorno a Blanchot, Leiris, Queneau e altri, nell’intento di cercare – «hors des voies tracées» e con la volontà di andare all’estremo della coscienza – «le chemin d’une vie intérieure s’opposant à l’enlisement chrétien»9.

***

  • 10 Michel Fardoulis-Lagrange, [«Troisième Convoi»], in «Troisième Convoi» […] par Philippe Blanc, cit. (...)
  • 11 André Breton, Les Vases communicants, in Id., Œuvres complètes, t. II, Bibliothèque de la Pléiade, (...)
  • 12 Pourquoi écrivez-vous?, «Littérature», 9, novembre 1919.
  • 13 Michel Fardoulis-Lagrange s’entretient avec Eric Bourde, France Culture, novembre, 1992, ripreso in (...)

Ci voleva forse il distacco del tempo per poterlo vedere: con il suo vocabolario ellittico, volutamente estraneo al linguaggio «qui aurait pu satisfaire les sollicitations les plus pressantes en matière de groupe littéraire ou d’activité pensante»10, «Troisième Convoi» occupa nel clima dell’immediato dopoguerra un posto a parte. A sfogliare i pochi numeri della rivista, oggi sconosciuta ai più, non si può restare indifferenti alla volontà di disciplina interiore e di dépouillement che volle rappresentare e che la votò consapevolmente alla marginalità. Denunciare il disorientamento e la facilità che sembravano accompagnare il ritorno alla normalità, contrapporre alla bandiera dell’engagement quella più precaria e arrischiata dell’embarquement, riaprire il dibattito sul surrealismo che la lontananza di Breton e i ripetuti dissidi dei giovani poeti di La Main à Plume avevano svilito, e del quale troppo frettolosamente si era diagnosticata la fine: questo il lavoro “negativo” da compiere. «Sous l’angle de la rupture les voyageurs du “Troisième Convoi” se mettaient sous le drapeau du surréalisme», avrebbe precisato in tal senso Fardoulis-Lagrange nel corso del nostro primo incontro, nel gennaio 1987, sottolineando come il titolo stesso della rivista richiamasse esplicitamente la formula «nous voyageurs du second convoi» che, subito dopo il riassestamento del Second manifeste du surréalisme e la crisi scatenata da Aragon, Breton aveva introdotto ne Les Vases communicants, quasi a volere rafforzare – nel momento in cui radicava la poetica surrealista in una prospettiva materialista – la specificità del proprio gruppo differenziandolo da chi si era infeudato all’istanza politica11. A sottolineare la filiazione dal surrealismo, il primo numero di «Troisième Convoi» riproponeva – seppure per rimettere in causa il surrealismo stesso – l’inchiesta sul perché della letteratura lanciata da Breton subito dopo la fine della Prima guerra mondiale12, mentre l’implicito richiamo del titolo della rivista a un «premier convoi» rimandava alla genealogia stessa del surrealismo, quella delineata dal Second manifeste: «Lautréamont était le voyageur du premier [convoi], les Surréalistes du deuxième et nous du troisième»13.

4In realtà dietro l’apparente adesione alle direttive del «second convoi» si nascondeva una radicale incompatibilità sia con quelli che erano stati, rispetto agli intenti programmatici, i risultati concreti del surrealismo, sia con la svolta rappresentata dai Prolégomènes à un troisième manifeste du surréalisme ou non e da Arcane 17, il libro scritto da Breton mentre si decidevano le sorti della Francia occupata.

  • 14 Michel Fardoulis-Lagrange, L’analyse de la fiction, «Troisième Convoi», 1, ottobre 1945, pp. 3-4.

5In apertura al primo numero, in un testo-manifesto, Fardoulis-Lagrange nel sottolineare la perdita di lucidità del surrealismo, metteva in luce l’impasse in cui il movimento si dibatteva: «L’amour absolu comme les “vases communicants” donnent licence à toute entreprise “vulgaire”, sans que les textes eux-mêmes soient dépourvus d’authenticité», e giungeva a ricusare le origini stesse del movimento di Breton: «toute tradition nous vint-elle de Lautréamont est à reconsidérer»14. Simultaneamente Maquet denunciava il persistere nel surrealismo di una matrice religiosa:

En fait, si l’on se retourne vers ce que le surréalisme fut entre les deux guerres, il faut bien dire qu’en dépit de ce que sa virulence avait de séduisant, il fut un composé bizarre et instable. Révolte d’une part, provocation organisée, procès intenté au réel dans la réalité même, il n’eut cependant de cesse qu’il n’ait réinstallé des divinités nouvelles qui, pour révolutionnaires qu’elles aient été tant que dura leur nouveauté, n’en laissaient pas moins d’être autorités et comme telles menaces pour l’avenir.

  • 15 Jean Maquet, Les anges pleurant, cit., pp. 8, 10.

6E tirando direttamente in ballo Breton, concludeva: « […] et l’on sait qu’en dépit – ou à cause – de son ostracisme à l’égard de ce qui est religieux, l’autre convoi, le second, n’a manqué ni d’un pape ni de bénisseurs»15.

  • 16 Raoul Ubac, La Beauté aveugle, «Troisième Convoi», 3, novembre 1946, p. 39; cfr. anche Raoul Ubac, (...)

7A sua volta Raoul Ubac, prolungando le ricerche da lui intraprese su «Messages» nel campo della fotografia, condensava nella formula la «Beauté aveugle de l’œil révulsé» le coordinate di un’estetica agli antipodi non solo dell’«abominable pureté de la Beauté désincarnée et abstraite», ma anche del «parapluie de Lautréamont et de ses applications multiples»16.

8Guerra dunque all’estetismo della scrittura automatica e al lato «sucrerie» o «parade criante» di gran parte della produzione surrealista, nonché a ciò che appariva – con conseguenze anche sul piano politico – come il «complesso dell’Età dell’Oro» della coscienza surrealista: la tendenza ad accordare a forme di pensiero legate alle antiche società, quali quelle della tradizione esoterica, il valore di una reintegrazione dell’uomo nel proprio destino: è quanto sottolineava nel numero 4 della rivista, il lungo articolo di Marcel Lecomte, Les secrets perdus, volto a mettere a fuoco il divario esistente tra la démarche rivoluzionaria surrealista, tesa a «projeter les données poétiques de l’Âge d’or d’un pôle à l’autre de l’histoire», e il pensiero proletario volto a creare invece «un sacré intégralement neuf».

  • 17 Michel Fardoulis-Lagrange, Idées et littérature en France, in «Troisième Convoi» […] par Philippe B (...)

9Peraltro a essere sotto accusa era il nuovo orizzonte ideologico del dopoguerra: l’assemblaggio gratuito di scrittori nelle riviste di poesie che pure erano state organi della Resistenza – «L’Arche», «Confluences», «Fontaine», «Poésie 45», gli stessi cahiers di «Messages»17 –, le tendenze controrivoluzionarie delle «Lettres françaises» e soprattutto la «révolte inconditionnée» dell’esistenzialismo.

10Più sotterraneamente, l’articolo di Louis Richet, La confusion en 1945, nel riassumere in chiusura al primo numero, le posizioni della rivista, allargava la sua critica anche a Paulhan che pure a «Troisième Convoi» sarebbe stato sollecitato a collaborare.

  • 18 Justin Saget (pseud. di Maurice Saillet), «Troisième Convoi», «Terres des Hommes», 19 gennaio 1946.
  • 19 André Breton à Michel Fardoulis-Lagrange, Paris 16 février 1947, in «Troisième Convoi» […] par Phil (...)

11Nondimeno viene spontanea la domanda: in questa lotta condotta simultaneamente su più fronti si trattava veramente di tagliare i ponti con la cellula madre? Giacché, se – come avrebbe puntualizzato Maurice Saillet18 – la rivista non mirava affatto alla «réouverture du Palais des merveilles surréaliste», il messaggio sulla fascetta del primo numero, «Vingt ans de Surréalisme. Et après?», suonava pur sempre come un implicito omaggio al movimento di Breton. Ancor più disorientante è la presenza, nei sommari – accanto a scrittori in rotta con il surrealismo, quali René Char o Antonin Artaud – di artisti i cui nomi si ritrovano nella prima grande mostra internazionale del surrealismo nel dopoguerra – Victor Brauner, Marcel Duchamp, Jacques Hérold – senza parlare del progetto di adesione dello stesso Breton alla rivista19.

12Per districare la questione converrà abbandonare momentaneamente la strada maestra delle posizioni espresse pubblicamente da «Troisieme Convoi» e abbordarla da un’altra postazione: il carteggio tra Fardoulis-Lagrange e Bataille pubblicato in appendice alla recente riedizione della rivista.

 

  • 20 Georges Bataille à Michel Fardoulis-Lagrange, Vézelay, 17 octobre 1945, in «Troisième Convoi» […] p (...)
  • 21 Ultimato nell’agosto 1945, Méthode de méditation di cui un frammento sarebbe uscito nel numero di g (...)
  • 22 Georges Bataille à Michel Fardoulis-Lagrange, Vézelay, 25 novembre 1945, in «Troisième Convoi» […] (...)
  • 23 Georges Bataille, À propos d’assoupissements, «Troisième Convoi», 2, gennaio 1946, p. 3.
  • 24 Georges Bataille, À prendre ou à laisser, «Troisième Convoi», 3, novembre 1946, p. 25.
  • 25 Georges Bataille, À propos d’assoupissements, cit., p. 4.
  • 26 Ivi, p. 3.
  • 27 Georges Bataille, Henri Pastourau «La blessure de l’homme» […], «Critique», 8-9, gennaio-febbraio, (...)
  • 28 Michel Fardoulis-Lagrange, Sur un débat épuisé d’avance, «Troisième Convoi», 4, maggio 1947, pp. 6- (...)

13«L’insistance que vous introduisez est celle que je m’étonnais de ne pas voir s’introduire»: in questi termini Bataille il 17 ottobre 1945 annunciava all’amico la sua adesione «incondizionata» alla tendenza espressa da «Troisième Convoi», alla quale egli associava le sue preoccupazioni, che in tale inaspettata convergenza sembravano trovare la loro giusta illuminazione: «Si j’avais connu Troisième Convoi avant d’écrire, je ne me serais pas exprimé de la même façon», egli precisava ancora nella stessa lettera20, alludendo a Méthode de méditation, il volumetto in cui, nel clima di «affaissement général» del dopoguerra aveva – non senza impaccio – ridefinito la sua posizione rispetto al surrealismo21. Il mese successivo, liquidati i tentennamenti ancora percepibili in Méthode de méditation, egli inviava a Fardoulis-Lagrange il suo primo contributo alla rivista, À propos d’assoupissements, vero e proprio manifesto in difesa del surrealismo a proposito del quale precisava: «Il me semble qu’il marque un accord»22. Egli si poneva così al seguito del dibattito aperto dal primo numero della rivista con un articolo in cui, riaprendo nuovamente la questione dei suoi difficili rapporti con Breton, per la prima volta – di fronte all’affermarsi dell’esistenzialismo – rinnegava le querelle del passato e rivendicava pubblicamente la propria appartenenza al surrealismo. «Je me suis, chaque fois que j’en eus l’occasion, opposé au surréalisme. Et je voudrais maintenant l’affirmer du dedans comme l’exigence que j’ai subie et comme l’insatisfaction que je suis», dichiarava in apertura all’articolo23 e, salpando con i viaggiatori del «Troisième Convoi» verso la rotta elusa dal surrealismo – «le débat de l’être dans la nuit» – sullo sfondo di ciò che in quegli anni avrebbe chiamato l’«absence de communauté»24, annunciava con la foga di chi scende nell’arena: «Le grand surréalisme commence»25. A partire da lì non è azzardato affermare che «Troisième Convoi» avrebbe avuto nei confronti del surrealismo il ruolo che Bataille, proprio sulle pagine della rivista di Fardoulis-Lagrange, aveva assegnato a sé stesso: costituire in margine al gruppo di Breton una sorta di controgruppo attraverso cui agire sul surrealismo come il suo «vieil ennemi du dedans»26per delineare un surrealismo più ampio. È un fatto che proprio in questo ambito lo scrittore avrebbe adombrato – e precisamente in opposizione all’assenza di rigore intellettuale del surrealismo – ciò che in molti scritti e conferenze dello stesso periodo avrebbe chiamato in una sorta di dialogo ininterrotto con Breton, «l’éveil de la conscience»: superamento della «religione surrealista» attraverso il riconoscimento dell’impossibilità per l’uomo del ventesimo secolo di accedere a veri miti; necessità di ridare efficacia alla posizione politica del surrealismo mediante l’abbandono del «quiétisme de naufrage» di Breton; messa in rilievo dell’esperienza di pensatori cristiani, in una sorta di ripristino dell’appello nietzscheano a un ipercristianesimo capace di farsi erede del cristianesimo seppure nel suo superamento: «Il est dangereux du point de vue du surréalisme, de situer une expérience à la suite, et exclusivement, de celle des écrivains et des poètes – et de négliger la rigueur extrême et les rages de ceux qui voulurent mener chrétiennement jusqu’au bout l’aventure humaine», avrebbe scritto in tal senso su «Critique»27 introducendo la nozione di ateologia a partire precisamente da ciò che Jean Maquet aveva scritto nel primo numero di «Troisième Convoi» sull’opportunità di «organizzare la rivolta» tenendo conto dell’esperienza di Pascal, di Rimbaud, Kierkegaard, Nietzsche, Šestov, Dostoevskij, Baudelaire. Reciprocamente, Fardoulis-Lagrange, che, nei suoi articoli, poneva l’accento sul misconoscimento di Hegel e la «corruption du hasard» della poetica surrealista, non avrebbe omesso di confrontarsi con quanto Bataille aveva scritto a proposito della «morale de l’instant» adombrata dal surrealismo nel grande omaggio che – subito dopo la pubblicazione di L’Évidence surréaliste – aveva reso a Breton su «Critique»: Le surréalisme et sa différence avec l’existentialisme28.

  • 29 Jean Maquet, Le cas Éluard, «Critique», 1, giugno 1946.
  • 30 André Breton, Devant le rideau, in Le Surréalisme en 1947, Les Éditions Pierre à Feu, Maeght éditeu (...)
  • 31 Georges Henein, L’Esprit frappeur (Carnets 1940-1973). Postface d’Éric Bourde, Encre éditeur, Paris (...)

14Dal canto suo, Breton, il cui nome figura nel luglio 1946 in calce al manifesto Les brûlots de la peur con cui la rivista aveva replicato all’inchiesta Faut-il brûler Kafka? lanciata dal settimanale comunista «L’Action», prendeva atto, dopo «diverses oscillations pendulaires», della posizione ambigua di Maquet nei confronti di Éluard29 e del surrealismo stesso, e inviava a Fardoulis-Lagrange una lettera in cui annunciava il suo rifiuto di collaborare alla rivista: gesto che reiterava nel catalogo della mostra Le Surréalisme en 194730 tirando apertamente in ballo il contributo di Maquet al primo numero di «Troisième Convoi». Con questa defezione, che seguiva a distanza di un anno quella di altri membri del surrealismo, tra cui Henri Pastoureau, si dissolveva il sogno che il poeta Georges Henein – finanziatore della rivista insieme a Michel Roethel e Robert Crégut – aveva affidato alla pagine del suo diario: vedere «s’ébaucher une conjonction Breton-Bataille-3e Convoi» che ponesse fine «aux marchandages de l’intelligence, au jeu putassier des réponses et des recettes»31.

***

  • 32 Sarane Alexandrian, Le Surréalisme et le rêve, Gallimard, Paris, 1974, p. 476.
  • 33 È noto che contro questa antologia di poeti della Resistenza riunita da Éluard e Lescure (di cui il (...)
  • 34 Dei due testi, destinati a confluire entrambi in Sûppots et suppliciations, solo il secondo sarebbe (...)
  • 35 Georges Bataille, Le surréalisme au jour le jour, in Id., O.C., t. VIII, 1976, pp. 179-184.

«Troisième Convoi», la cui storia – riprendendo in una diversa sfumatura l’affermazione di Sarane Alexandrian32 – si può leggere come un capitolo della storia del surrealismo, avrebbe avuto breve vita: appena cinque numeri tra il 1945 e il 1951. Nondimeno la sua fisionomia meriterebbe di essere precisata: a partire dalla posizione stessa del surrealismo nei confronti dell’esistenzialismo e della poesia engagée – di cui l’antologia L’Honneur des poètes era stata, nel 1944, l’espressione più mediocre33; ma soprattutto in rapporto alle manifestazioni surrealiste dell’epoca (il quaderno di «Les Quatre Vents» consacrato a L’Évidence surréaliste, nel 1946; il numero del febbraio 1947 di «La Part du sable», la rivista che Henein dirigeva al Cairo; il più tardivo «Disque vert», l’organo di Franz Hellens e di René de Solier ecc.) e alla stessa mostra internazionale del 1947. In tale ottica l’ago della bilancia potrebbe essere il grande assente della mostra stessa, Artaud, che nel 1946 sottoscriveva Les brûlots de la peur e redigeva per «Troisième Convoi» due dei suoi testi più intensi, Centre pitère et potron chier e Centre-Nœuds34, ai quali potremmo applicare la definizione data qualche anno dopo da Bataille per le Lettres de Rodez: «écrits suffocants qui sont comme de derniers éclats au couchant du surréalisme délabré – et qui n’ont pas cessé de porter témoignage d’un caractère exorbité et prodigieux de ce mouvement»35.

  • 36 L’éveil è uscito nel. numero 7 di «84», nel 1949. Il frammento Les problèmes du surréalisme è stato (...)

15«Troisième Convoi» ha un altro titolo di gloria: l’avere riunito attorno a sé, insieme ad Artaud e a Bataille, alcune figure-chiave del ventesimo secolo: da Francis Picabia, il padre del dadaismo, a Roger Gilbert-Lecomte, l’animatore del Grand Jeu (presente in modo postumo), da Marcel Lecomte, esponente di rilievo del surrealismo belga, a René Char verso cui puntavano lo sguardo Bataille e Lambrichs, da Arthur Adamov allo stesso Henein che, proprio nel luglio 1947, poco prima della nascita di «Néon», veniva chiamato da Breton a giocare un ruolo di primo piano nella riorganizzazione del surrealismo – senza contare la “cooptazione” più tardiva di Yves Bonnefoy, autore nel 1946 di un coraggioso cahier, «La Révolution la nuit», e la fugace collaborazione di Jean Grenier… Se l’elemento aggregante fu sempre l’amicizia (come Henri Parisot non avrebbe mancato di rimproverare a Fardoulis-Lagrange), resta da elucidare il significato che per ciascun collaboratore ebbe la partecipazione a «Troisième Convoi». Basti qui rammentare che Bataille avrebbe elaborato il primo nucleo di La Souveraineté proprio a partire da un articolo inizialmente destinato a «Troisième Convoi» e poi confluito su «84», la rivista di Marcel Bisiaux, sotto il titolo L’éveil, di cui una versione ampliata, ritrovata tra le carte dello scrittore, reca significativamente il titolo Les problèmes du surréalisme36.

16A interrompere la pubblicazione sarebbero state difficoltà di ordine economico: «consacré au thème de la violence», il sesto numero di «Troisième Convoi» – nel cui sommario, stando alla testimonianza di Fardoulis-Lagrange dovevano figurare, oltre al suo, i nomi di Bataille, di Maquet e di Henein – non sarà dato alle stampe: né in margine alla rivista avrà un seguito il progetto della collana Troisième-Convoi che avrebbe dovuto essere inaugurata da un libro dello stesso Fardoulis-Lagrange Les Enfants d’Édom, destinato a confluire nel l955 nella rivista di Marcel Béalu, «Réalités secrètes».

Notes

2 Éric Bourde, Sur la mort de Michel Fardoulis-Lagrange, Calligrammes, Bernard Guillemot, Quimper, 1994, p. 26.

3 Michel Fardoulis-Lagrange, Langage et opinion, «Troisième Convoi», 3, novembre 1946, p. 7.

4 Jean Maquet, Les anges pleurant, «Troisième Convoi», 1, ottobre, 1945, p. 11, e Id., Les glaires et le sang, «Troisième Convoi», 4, maggio 1947, p. 30.

5 Conversazione privata con Francine Fardoulis-Lagrange, Parigi, novembre l995.

6 Jean Maquet, Journal (in data 29 gennaio 1949), in «Troisième Convoi». Édition préparée et annotée par Philippe Blanc, Farrago, Tours, 1998, p. 225.

7 Il primo, uscito nel 1942, il secondo, redatto nel 1939 e uscito nel 1944 con una prefazione di Michel Leiris.

8 E contro l’asservimento al partito comunista. È in questo ambito che Fardoulis-Lagrange si era legato ad alcuni dei futuri collaboratori di «Troisième Convoi»: Raoul Ubac, Marcel Lecomte e Georges Lambrichs. È peraltro nell’ottavo dei «Cahiers Messages» che Fardoulis avrebbe pubblicato Volonté d’impuissance.

9 Georges Bataille, [Collège socratique], in Id., O.C., t. VI, pp. 282, 284. Cfr. in proposito, supra, Nella Francia dell’Occupazione. Il Collège socratique e «Messages», pp. 122-138.

10 Michel Fardoulis-Lagrange, [«Troisième Convoi»], in «Troisième Convoi» […] par Philippe Blanc, cit., p. 247.

11 André Breton, Les Vases communicants, in Id., Œuvres complètes, t. II, Bibliothèque de la Pléiade, Gallimard, Paris, 1992, p. 192.

12 Pourquoi écrivez-vous?, «Littérature», 9, novembre 1919.

13 Michel Fardoulis-Lagrange s’entretient avec Eric Bourde, France Culture, novembre, 1992, ripreso in «Troisième Convoi» […] par Philippe Blanc, cit., p. 249.

14 Michel Fardoulis-Lagrange, L’analyse de la fiction, «Troisième Convoi», 1, ottobre 1945, pp. 3-4.

15 Jean Maquet, Les anges pleurant, cit., pp. 8, 10.

16 Raoul Ubac, La Beauté aveugle, «Troisième Convoi», 3, novembre 1946, p. 39; cfr. anche Raoul Ubac, L’envers de la face, in Exercice de la pureté, «Messages», cahier 3, 1942.

17 Michel Fardoulis-Lagrange, Idées et littérature en France, in «Troisième Convoi» […] par Philippe Blanc, cit., pp. 234-235.

18 Justin Saget (pseud. di Maurice Saillet), «Troisième Convoi», «Terres des Hommes», 19 gennaio 1946.

19 André Breton à Michel Fardoulis-Lagrange, Paris 16 février 1947, in «Troisième Convoi» […] par Philippe Blanc, cit., pp. 217-218.

20 Georges Bataille à Michel Fardoulis-Lagrange, Vézelay, 17 octobre 1945, in «Troisième Convoi» […] par Philippe Blanc, cit., p. 189.

21 Ultimato nell’agosto 1945, Méthode de méditation di cui un frammento sarebbe uscito nel numero di gennaio-febbraio 1946 di «Fontaine», sarebbe stato pubblicato nel 1947. Nell’«Avertissement» Bataille scriveva: «Je situe mes efforts à côté, à la suite du surréalisme» (Georges Bataille, O.C., t. V, p. 193).

22 Georges Bataille à Michel Fardoulis-Lagrange, Vézelay, 25 novembre 1945, in «Troisième Convoi» […] par Philippe Blanc, cit., p. 190.

23 Georges Bataille, À propos d’assoupissements, «Troisième Convoi», 2, gennaio 1946, p. 3.

24 Georges Bataille, À prendre ou à laisser, «Troisième Convoi», 3, novembre 1946, p. 25.

25 Georges Bataille, À propos d’assoupissements, cit., p. 4.

26 Ivi, p. 3.

27 Georges Bataille, Henri Pastourau «La blessure de l’homme» […], «Critique», 8-9, gennaio-febbraio, 1947, pp. 181-182 (ried, in Id., O.C., t. XI, pp. 190-191). Su «Critique» Bataille avrebbe ripetutamente pubblicizzato «Troisième Convoi» e accolto tra i collaboratori della rivista Jean Maquet.

28 Michel Fardoulis-Lagrange, Sur un débat épuisé d’avance, «Troisième Convoi», 4, maggio 1947, pp. 6-11. Quanto all’articolo di Bataille, uscito nel numero 2 di «Critique» nel luglio 1946, costituiva un commento, oltre che di L’Évidence surréaliste, di Arcane 17 la cui seconda edizione era uscita nel giugno 1947. Sull’esemplare che Breton aveva inviato a Bataille figura la seguente dedica: «A Georges Bataille l’un des seuls hommes que la vie ait valu pour moi la peine de connaître».

29 Jean Maquet, Le cas Éluard, «Critique», 1, giugno 1946.

30 André Breton, Devant le rideau, in Le Surréalisme en 1947, Les Éditions Pierre à Feu, Maeght éditeur, 1947, p. l6 (ried. in Id., La Clé des champs, Société nouvelle des Éditions Pauvert, Paris, 1985, pp. 88-95). A proposito dello stesso passo dell’articolo di Maquet, Henri Pastoureau, nella sua testimonianza Le Surréalisme de l’après-guerre. 1946-1950, in Id., Ma vie Surréaliste, Maurice Nadeau, Mayenne, 1992, p. 169 (già apparsa in Le Surréalisme de l’après-guerre, Éditions du Centre éducatif et culturel Inc., Montréal, 1969), avrebbe scritto a sua volta: «mais pourquoi Maquet veut-il vider le surréalisme de son contenu?»). Bataille, il cui nome non figura tra quelli dei firmatari del manifesto Les brûlots de la peur, sarebbe tornato sulla questione nel saggio Faut-il brûler Kafka? inizialmente destinato alla Souveraineté e poi pubblicato in La Littérature et le Mal ma di cui il primo abbozzo è da riportarsi a un articolo apparso su «Critique» nell’ottobre 1950 con il titolo Franz Kafka devant la critique communiste (cfr., infra, Per una politica della «dépense»: l’assenza di comunità, pp. 197 ss.).

31 Georges Henein, L’Esprit frappeur (Carnets 1940-1973). Postface d’Éric Bourde, Encre éditeur, Paris, 1980, p. 69.

32 Sarane Alexandrian, Le Surréalisme et le rêve, Gallimard, Paris, 1974, p. 476.

33 È noto che contro questa antologia di poeti della Resistenza riunita da Éluard e Lescure (di cui il primo tomo era uscito nel 1943), Benjamin Péret aveva lanciato nel 1945 il pamphlet Le Déshonneur des poètes, violenta denuncia della subordinazione della poesia al politico. Cfr. in proposito Guy Prévan, Trajectoire politique d’un révolutionnaire poète, in Jean-Michel Goutier (a cura di), Benjamin Péret, Henri Veyrier, Paris, 1982, pp. 80-104.

34 Dei due testi, destinati a confluire entrambi in Sûppots et suppliciations, solo il secondo sarebbe in realtà uscito su «Troisième Convoi» (3, novembre 1946), l’altro avrebbe visto la luce su «Juin» (18, 18 giugno 1948). Era stata Marthe Robert, firmataria del manifesto Les brûlots de la peur a chiedere ad Artaud un testo per «Troisième Convoi». In una lettera dell’aprile 1946, così scriveva: «Il existe ici une petite revue: “Troisième Convoi”, inspirée du surréalisme, qui voudrait beaucoup publier quelque chose d’inédit de vous. Si c’est possible envoyez-le moi» ( Antonin Artaud, Œuvres complètes, Gallimard, Paris, 1978, vol. XIV, t. 1, p. 241). In risposta a questa lettera, Artaud aveva redatto Centre-Nœuds (cfr. le Lettres écrites de Rodez. 1945-1946, in Id., Œuvres complètes, cit., 1974, p. 251). Questo primo scritto non essendo pervenuto alla rivista, in luglio i collaboratori di «Troisième Convoi» avevano sollecitato un nuovo testo: una prima e una seconda versione di Centre pitère et potron chier erano state redatte in agosto, ma sarebbe stata la terza versione a essere inviata, tramite Lambrichs, a «Troisième Convoi». Cfr. inoltre, sulla partecipazione di Artaud a «Troisième Convoi», Jacques Prével, En compagnie d’Antonin Artaud, Flammarion, Paris, 1994. Utili ragguagli sulle ragioni che avrebbero spinto Artaud a rifiutare l’invito di Breton a prendere parte alla mostra del 1947 e, più in generale, sulle reazioni di Breton alla sua performance al Vieux Colombier nel gennaio 1947, si trovano peraltro in Antonin Artaud, Sei lettere a André Breton. A cura di Carlo Pasi. Con quattro tavole di Sol LeWitt, L’Obliquo, Brescia, 1992.

35 Georges Bataille, Le surréalisme au jour le jour, in Id., O.C., t. VIII, 1976, pp. 179-184.

36 L’éveil è uscito nel. numero 7 di «84», nel 1949. Il frammento Les problèmes du surréalisme è stato pubblicato in «Change» (7, Seuil, Paris, 1970). Anche questa versione risalirebbe al 1949 (cfr. Georges Bataille, O.C., t. VII, 1976, p. 613). È peraltro alla fine del 1948 che risale il progetto di Bataille di un libro sul surrealismo, Philosophie et religion surréalistes.

© Edizioni Kaplan, 2008

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable