Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Vittorio De Sica

 | 
Anna Masecchia

5. L’attore con la macchina da presa

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Il 1940 – l’anno in cui passa dietro la macchina da presa – è anche l’anno in cui De Sica, che ha seguito l’evoluzione del mondo dello spettacolo italiano, si rende conto che nel cinema qualcosa deve nuovamente cambiare. È innanzitutto l’uomo a sentire l’esigenza di un cambiamento nella sua vita, almeno stando a quanto egli ha dichiarato in vari scritti pubblicati su diverse riviste di teatro. Già nel 1937, Eugenio Bertuetti aveva del resto raccontato di un De Sica che, malgrado l’apparenza di ragazzotto semplice e gioioso, si lamentava di non accedere a parti più impegnate nel teatro di prosa e al cinema, e che dichiarava di volersi liberare dal destino di cantattore che ne limitava, per molti versi, l’espressione1.

Sulla rivista «Scenario», il 7 luglio del 1939, appare uno scritto in tal senso indicativo, intitolato In bilico tra teatro e cinematografo. L’attore non sente l’esigenza di dover prendere una decisione netta, di scegliere in maniera definitiva tra il teatro e il cinema,...

© Edizioni Kaplan, 2012

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540