Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Leggeri come in una gabbia

 | 
Alessandro Faccioli

3. Sceneggiatori-umoristi all’attacco

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Un grande artigianato di bottega

«Io ero un umorista nel senso che a questa parola si può dare anche con una certa ambizione. È una delle parole più malfamate. Ho sentito l’altra sera un grande umorista come Campanile, e lui se la scrollava di dosso la definizione, e non aveva torto, anche se si può dire che Kafka è un umorista, Pirandello è un umorista, Joyce è un umorista, intendendo per umorismo quella qualità ironica che vuol dire conoscenza dell’antitesi e del contrasto che è più perspicace e più fredda che non negli altri, anche se si scalda poi per altre vie, la emozione...»1. Zavattini aveva le idee chiare sulla propria vocazione. Negli anni Trenta il partito degli umoristi è diviso in due: c’è chi sembra non interessarsi affatto di politica, ed è il caso di Campanile, Zavattini e di molti marcaurelisti e bertoldiani; e c’è chi, pur facendo le stesse cose, si illude di sublimare il bisogno di confrontarsi criticamente con il reale aggredendo bersagli secondari, gli unici cons...

© Edizioni Kaplan, 2011

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540