Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Leggeri come in una gabbia

 | 
Alessandro Faccioli

Introduzione

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

L’idea comica reclama sugli schermi italiani, nelle sue relazioni con gli altri media e in particolare con le riviste umoristiche, sempre più spazio, per tutti gli anni Trenta e fino alla caduta del fascismo. Le case di produzione trascurano a lungo questo genere, almeno sino alla fine del decennio. La riflessione critico-teorica non si interrompe invece mai, nemmeno quando i più corposi indizi di comicità sono rinvenibili esclusivamente nelle commedie brillanti e sentimentali di Mattoli, Camerini, Bragaglia o Righelli.

Lo spirito comico che pervade i film di Macario o di altri interpreti agli esordi come per esempio Totò, deve certo molto alla personalità forte e carismatica di Cesare Zavattini e Achille Campanile. Il primo sostiene a spada tratta la candidatura al set dei protagonisti del teatro di rivista e dell’avanspettacolo, regalando alla causa, con la sua proverbiale generosità, idee a non finire e cullando l’utopia di film “bizzarri”, capaci di scuotere finalmente lo spettat...

© Edizioni Kaplan, 2011

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540