Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

L’immagine spezzata

 | 
Ivelise Perniola

Prefazione

Giorgio De Vincenti

Texte intégral

1Con questo volume inizia la seconda serie della collana “Spettacolo e Comunicazione”, con un nuovo editore giovane e motivato, che fa del cinema e dell’audiovisivo il suo territorio privilegiato.

2E ci piace iniziare con questo volume di Ivelise Perniola, dedicato a un autore “difficile”, a un intellettuale celebrato ma sottilmente scomodo, Claude Lanzmann, critico e regista, che con il suo Shoah ha segnato nel 1985 un luogo ineludibile di confronto nel dibattito sulle pratiche dell’audiovisione.

3Confronto che investe sia gli aspetti formali sia quelli politici e morali che al tema dei media sono collegati, oggi più che mai.

4Usiamo non a caso le parole “audiovisione” e “media” piuttosto che la parola “cinema”, perché se è indubbiamente alla settima arte (e all’“Arte” tout court, con la maiuscola) che l’opera di Lanzmann appartiene di diritto, le questioni che essa solleva e il genere di pratica realizzativa da cui è generata sono così radicate nella rete degli scambi tra reale e virtuale, così innervate nel tessuto della comunicazione, della storia e della cultura, da lanciarsi come un frammento aperto nella eterogenea e multiforme galassia mediatica contemporanea.

5Un frammento, una serie di frammenti del dolore dell’uomo – e dell’orrore dell’uomo che ha voluto disumanizzarsi – offerti da Lanzmann alla circolazione delle idee con un gesto tutt’altro che frammentario, dalle precise valenze etiche e umanistiche.

6Un gesto che appare scandaloso perché sottratto alle regole che a quella circolazione sono imposte da logiche di separatezza del reale dal virtuale, regole tese a che nulla del virtuale che sia fuori della norma possa tradursi in scelta di vita, e in scelta politica.

7Il libro ci conduce lungo un complesso itinerario, in cui gli elementi disciplinari più specifici (l’opzione dell’autore francese per un cinema d’intervento rigoroso e severo fino alla crudeltà; e giustamente Perniola convoca qui Antonin Artaud, in ragione dell’unica positività pensabile, quella della consapevolezza legata al ritorno del rimosso, alla scrittura della memoria) rinviano costantemente da un lato alla vita e alla storia (del cineasta, dei testimoni che rivivono l’orrore raccontandolo) e dall’altro all’attualità del discorso culturale, di cui vengono mostrati la necessità e l’urgenza.

8Quella che il libro ci rende familiare è dunque l’immagine di un intellettuale autentico, la sua avventura esistenziale, che lo porta a collocarsi sempre più in mezzo alle cose, a calarsi sempre più dentro una vicenda, quella del popolo ebraico, il suo popolo, ai margini della quale era a lungo restato.

9E la relazione di Lanzmann con l’universo mediatico appare provocatoria e scandalosa proprio per questo, per il fatto cioè di averci coinvolto, negli ultimi trentacinque anni, in un percorso di carattere al tempo stesso privato e planetario. E la sua pacatezza, la sua severità, la sua crudeltà, ma anche le sue dolcezze, sono il segno di un itinerario di crescita personale con il quale ci invita a sintonizzarci, perché anche noi possiamo procedere con lui alla scoperta del disumano.

10Tutto questo nel segno di quell’attività di critico, intellettuale e direttore di «Les Temps Modernes», la prestigiosa rivista fondata da Jean-Paul Sartre, cui può essere ricondotta la sua forte tensione verso il rilancio dei saperi sul terreno di un dibattito delle idee ampio, condiviso e produttore di “verità”.

11Il merito di Ivelise Perniola è condurci con acume e competenza lungo questo itinerario, con una partecipazione interpretativa e morale che conferisce a questo studio la valenza che più ci sta a cuore nel momento in cui inauguriamo la nuova serie: quella di un preciso gesto al tempo stesso intellettuale, umanistico ed etico.

12Giorgio De Vincenti

13Novembre 2007

Auteur

Giorgio De Vincenti è professore ordinario di Storia e Critica del Cinema presso l’Università Roma Tre.

© Edizioni Kaplan, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540