Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La mort, les morts dans les sociétés anciennes

 | 
Gherardo Gnoli
, 
Jean-Pierre Vernant

Articolazione sociale, differenze di rituale e composizione dei corredi nella necropoli di Pithecusa

Giorgio Buchner

Texte intégral

  • 1 Un primo inizio di una elaborazione statistica del materiale rinvenuto nelle tombe della seconda m (...)

1A pochi passi dalla sala in cui si svolge questo Convegno dedicato all’ideologia funeraria nel mondo antico, si estende la necropoli della prima colonia greca dell’Italia meridionale. Non ho potuto percio sottrarmi all’invito di parlarne, rivoltomi dall’amico Bruno d’Agostino, anche se, sinceramente, avrei preferito non prendere la parola. Sebbene siano trascorsi ormai 25 anni da quando scoprii le prime tombe nella valle di San Montano, e sebbene il loro numero sia ormai ragguardevole, manca tuttora quella elaborazione statistica della moltitudine di informazioni raccolte che sarebbe la base indispensabile per il discorso che avrei voluto fare oggi, elaborazione che presuppone il restauro di tutto il materiale finora scavato, purtroppo ancora ben lungi dall’essere completato.1 Sono costretto a limitarmi perciò a brevi cenni non corroborati da cifre precise e ben poco potrò aggiungere a quanto ho già osservato in altre occasioni.

2La valle di San Montano — che si estende in direzione SE-NW per una lunghezza di 500 m e una larghezza tra 70 e 150 m, delimitata dal fianco SW dall’acropoli di Monte di Vico da un lato e da un tratto del fianco NW della colata di lava di Zaro dall’altro lato —, è stata usata ininterrottamente per un millennio come luogo di sepoltura, dalla metà, almeno, dell’VIII secolo a.C. al III secolo d.C. Le tombe che vi si affollano e vi si sovrappongono permettono quindi di seguire il perdurare e il cambiare delle usanze funebri, dai primi tempi dell’insediamento euboico fino all’età romana inoltrata. Oggi intendo occuparmi tuttavia soltanto dei primi 175 anni circa della necropoli, dalle tombe più antiche fino a quelle caratterizzate dalla ceramica corinzia. Durante tutto questo periodo, al quale appartiene la maggioranza — più di quattro quinti — delle tombe finora scoperte, le usanze funebri non subiscono mutamenti, tranne per un particolare di cui si dirà più tardi.

3La campagna di scavo dell’anno 1977 che — completando un ampio taglio attraverso tutta la larghezza della valle — si è spinta per la prima volta fin sotto il piede dell’acropoli di Monte di Vico, ha permesso di chiarire meglio la topografia dell’impianto cimiteriale. Si è potuto accertare che le tombe più antiche, cioè quelle del terzo quarto dell’VIII secolo, si trovano nel tratto della valle che è più lontano dall’acropoli. In questo taglio trasversale, largo 15 e lungo ca. 70 m, la situazione si presenta nel modo seguente, a cominciare dal versante più distante dal piede di Monte di Vico: a un primo tratto, subito sotto la strada attuale che conduce alla spiaggia di San Montano, in cui le tombe a fossa sono rade e mancano tombe a cremazione a tumulo — cosa facilmente comprensibile perchè qui, in antico, il pendio era ancora piuttosto scosceso —, segue un tratto largo ca. 25 m fittamente coperto di tumuli a cremazione e sottostanti tombe a fossa in massima parte appartenenti al terzo quarto dell’VIII secolo, e soltanto poche tombe dell’ultimo quarto dell’VIII e del VII secolo. Segue un ulteriore tratto largo ca. 15 m che soltanto inizialmente contiene ancora qualche tomba della fine dell’VIII secolo, mentre per il resto è coperto di tumuli del VII e inizio VI secolo con sottostanti tombe a fossa dello stesso periodo. Le tombe si arrestano al limite di una strada col fondo di terra battuta, larga ca. 4 m, che doveva conduire alla spiaggia. Tra questa strada e il piede di Monte di Vico si trova ancora uno spazio largo una quindicina di metri, privo di tombe e di qualsiasi altra traccia archeologica. Le tombe del terzo quarto dell’VIII secolo iniziano quindi a una distanza di una quarantina di metri dal piede dell’acropoli, e soltanto nel VII secolo la necropoli vi è stata rawicinata di un’altra quindicina di metri.

4L’area scavata tra il 1952 e il 1961, più vicina alla spiaggia, contiene invece prevalentemente tombe dell’ultimo quarto dell’VIII secolo e in numero minore tombe del terzo quarto dell’VIII e del VII secolo.Tra le due aree scavate si estende, per una lunghezza di un centinaio di metri, una zona non ancora esplorata.

5Ricordiamo brevemente i diversi tipi di sepoltura che sono stati simultaneamente in uso a Pithecusa, per tutto il tempo che va dalla metà dell’VIII all’inizio del VI secolo. Il rito della cremazione era quello generalmente usato per gli adulti, uomini e donne, ma ci sono anche dei casi di fanciulli cremati. Le tombe a cremazione finora rinvenute sono senza eccezione a tumulo, e senza urna cineraria. Si traita di piccoli tumuli del diametro tra 1,5 e 4 m, alti in origine ca. 1,00-1,50 m, i quali coprono una lente di terra nera di perimetro tondeggiante, contenente alla rinfusa i frammenti di ossa cremate, di vasi e di ornamenti personali bruciati e legno carbonizzato, cioè l’insieme degli avanzi del rogo. I roghi stessi non erano mai accesi sul posto dove fu eretto il tumulo, ma su un ustrino comune che non è stato ancora trovato. I resti furono portati poi sul posto della sepoltura definitiva e accumulati in un leggero incavo praticato sulla superficie pianeggiante del piano di calpestio, dunque non sotterrati, e ricoperti col tumulo la cui faccia esterna è costruita con pietre grezze ma connesse a regola d’arte, mentre internamente è riempito di pietre e terra alla rinfusa.

6L’inumazione in tombe a fossa con corredo è stata usata invece per infanti, bambini e fanciulli e soltanto molto raramente anche per adulti. In genere il morto veniva deposto in una cassa di legno sul coperchio della quale erano posate molto spesso alcune pietre più ο meno grandi, mentre pietre di rincalzo si trovano incastrate tra la cassa e le pareti della fossa.

7I neonati venivano inumati ad enchytrismos, in anfore ο più raramente in pithoi. Anche feti immaturi erano sepolti nella necropoli, in quelle semplici pentole da cucina i cui frammenti sono frequentissimi nei livelli di abitazione e che sono troppo piccole per aver potuto contenere un neonato maturo.

8Un gruppo distinto costituiscono le contemporanee sepolture ad inumazione senza corredo in fosse che sono in genere meno profondamente scavate, più strette, senza cassa di legno e senza pietre. A differenza delle tombe a fossa con corredo, quelle senza corredo appartengono per buona parte a individui adulti.

  • 2 Questi dati si riferiscono alle tombe dell’VIII-inizio VI secolo scavate tra il 1952 e il 1961 (co (...)

9Le tombe a cremazione a tumulo ammontano al 23,5%, il totale di quelle ad inumazione al 76,5%, ivi comprese anche le tombe senza corredo e quelle a enchytrismos. Queste ultime rappresentano il 32% di tutte le altre tombe ad inumazione e sono un indice della altissima mortalità perinatale.2

10Ho già osservato in altra occasione come le piante della necropoli, che a prima vista sembrerebbero presentare una disposizione del tutto caotica delle tombe, a un esame meno superficiale rivelano invece una articolazione in appezzamenti familiari (family plots) entro i quali si osserva una stratigrafia orizzontale delle sepolture. Sono specialmente le tombe a cremazione, in genere riunite in agglomerati formati da tumuli agglutinati successivamente, che permettono di riconoscere questi appezzamenti, anche se, nei particolari, spesso non è agevole individuare la delimitazione precisa poichè non si tratta di riquadri rigidamente tracciati.

11Questi appezzamenti familiari sono stati in genere rispettati a lungo. Soltanto dalla seconda metà del V secolo in poi, quando ormai i tumuli antichi erano interamente scomparsi sotto terra, per il continuo apporto di terreno alluvionale dilavato dalle colline circostanti, si riprese a seppellire nuovamente nelle stesse aree senza tener più alcun conto delle sepolture sottostanti. Avevamo finora un unico caso in cui un appezzamento contenente tombe del terzo e dell’ultimo quarto dell’VIII secolo è stato riassegnato ad un’altra famiglia nel periodo medio-protocorinzio e da questa usato fino all’mizio del VI secolo. Cio che restava fuori terra dei tumuli precendenti è stato demolito allora e i nuovi tumuli sono stati sovrapposti. Un secondo caso analogo è apparso nell’ultima campagna di scavo del 1977, con un intervallo sorprendentemente breve tra la prima e la successiva occupazione della stessa area. Si tratta infatti di tumuli con materiale tardo-protocorinzio e corinzio-antico che sono stati rasi al suolo, asportando parzialmente anche le lenti di terra nera, per sovrapporvi altri tumuli contenenti ugualmente ceramica del periodo corinzio antico.

12L’impianto della necropoli appare dunque programmato fin dall’inizio — si ricordi quanto abbiamo detto circa la localizzazione delle tombe più antiche nella zona più distante dall’acropoli —, e la scelta del posto della sepoltura entro l’area della necropoli stessa non era lasciata all’arbitrio individuale. Doveva esistere fin dalla fondazione della colonia una precisa regolamentazione della necropoli, cosa che presuppone un’autorità a cio preposta che assegnava gli appezzamenti alle singole famiglie e in certi casi, presumibilmente quando la famiglia si era estinta ο era emigrata, aveva la facoltà di ordinare la demolizione dei tumuli di un appezzamento e la ridistribuzione dello stesso a un’altra famiglia.

  • 3 Cfr. n. 1.
  • 4 Cfr. G. Buchner, «Nuovi aspetti e problemi posti dagli scavi di Pithecusa», Contribution à l’étude (...)

13Anche per quanto riguarda cio che si puo desumere dalle tombe circa l’articolazione sociale degli abitanti di Pithecusa nell’VIII e VII secolo non posso aggiungere nulla alle cose già dette. Tutte le tombe finora scavate a Pithecusa appartengono a famiglie di ceto medio. Tra i singoli appezzamenti familiari si osservano peraltro delle differenze che denotano gradi socio-economici diversi delle varie famiglie. Quelle di livello medio-alto sono caratterizzate da ornamenti personali in prevalenza di argento, quelle di livello medio-basso possiedono invece ornamenti personali di bronzo. Dalle statistiche elaborate da David Ridgway3 risulta, per tutta la seconda metà dell’VIII secolo, una percentuale più alta di ornamenti personali di argento nelle tombe a cremazione, vale a dire di adulti, rispetto alle tombe a inumazione, ovvero di bambini; e in genere, una percentuale più alta di oggetti di argento nelle tombe del terzo quarto dell’VIII secolo rispetto a quelle dell’ultimo quarto del secolo. La maggiore ricchezza di argento nel periodo più antico viene confermato dalle tombe successivamente scavate che Ridgway non ha potuto ancora utilizzare. Nelle tombe del VII secolo, invece, l’argento diventa molto raro. Owiamente questi dati statistici rispecchiano la maggiore prosperità di Pithecusa nella fase iniziale della colonia — che corrisponde anche alla massima estensione topografica dell’abitato —4 e il suo successivo graduale impoverimento che diventa evidente dal principio del VII secolo in poi, ma forse ebbe inizio già nell’ultimo quarto dell’VIII secolo. Che ciò sia connesso con la fondazione e il progressivo sviluppo di Cuma, non pare dubbio.

14Un’altra indicazione sulla struttura sociale forniscono le tombe ad inumazione senza corredo ο con corredo poverissimo, che si trovano frammischiate, nello stesso appezzamento familiare, a quelle con corredo, a volte in gruppi, a volte isolate. Che non si tratti di sepolture più recenti è dimostrato dal fatto che sono ugualmente sottoposte ai tumuli delle tombe a cremazione. Quasi sempre si tratta di fosse molto meno profondamente scavate rispetto al piano di campagna antico — che è indicato dal livello della base dei tumuli — spesso molto strette e corte, appena sufficienti a contenere il cadavere. Mentre awiene soltanto raramente che una fossa con corredo venga tagliata altro che marginalmente, e senza danneggiare il suo contenuto, da una successiva fossa con corredo, si osserva abbastanza frequentemente che scheletri senza corredo sono stati tagliati senza alcun rispetto da fosse con corredo. Si tratta evidentemente di individui di infimo rango sociale, di condizione servile, che tuttavia venivano sepolti nello stesso appezzamento cimiteriale della famiglia alla quale appartenevano come schiavi.

  • 5 Cfr. E. Lepore in Contribution..., op. cit., p. 130.

15Non conosciamo da Pithecusa, fino ad oggi, le tombe appartenenti al ceto aristocratico, quelle tombe a cremazione che contengono le ossa cremate raccolte in un lebete di bronzo e che sono, invece, note da Cuma e da Eretria. Non mi resta che repetere: tombe di questo tipo non potevano mancare a Pithecusa, perchè non è immaginabile, nella seconda metà dell’VIII secolo, una società greca — anche se coloniale — composta di soli individui di ceto medio, di commercianti e artigiani, contadini e marinai, senza uno strato sociale dominante aristocratico. Su questo assunto, se non erro, gli storici si trovano d’accordo.5 Che queste tombe non siano state ancora trovate, dipende dalla circostanza casuale di aver incontrato, nelle aree relativamente molto limitate che sono state finora esplorate della necropoli di San Montano, soltanto appezzamenti appartenenti a famiglie di ceto medio, entro i quali, come è owio, non possono essere frammischiate tombe di individui del ceto nobile.

  • 6 G. Buchner, «Cuma nell’VIII sec. a.C., osservata dalla prospettiva di Pithecusa», Atti del Convegn (...)

16Qui vorrei aprire una breve parentesi per dire che sono convinto che la differenza di rituale nelle tombe di ceto medio a Pithecusa da una parte e a Cuma dall’altra parte è soltanto apparente, come più diffusamente ho esposto in altra sede.6 Infatti, si ha notizia da Cuma di almeno sei ο sette tombe a cremazione con lente di terra nera contenente alla rinfusa ossa e ceramica bruciate. Che non venga menzionato il tumulo di pietre non fa meraviglia. Anche a Pithecusa talvolta il tumulo è stato successivamente asportato in antico, oppure sono rimaste in posto soltanto poche pietre, in modo che il tumulo non è più riconoscibile come tale a uno scavatore che non sia molto esperto. Anche il numero ridotto di queste tombe osservato dallo Stevens non puo sorprendere. Poichè non esistono a Cuma quelle particolari condizioni che a Pithecusa hanno reso possibile la preservazione di questo tipo di sepoltura così facilmente degradabile perchè tutta in superficie, si comprende che nella maggioranza dei casi non soltanto i tumuli, ma anche le lenti di terra nera siano interamente sparite già in antico. E’dunque giustificato ammettere che il loro numero sia stato in realtà molto più grande e che la proporzione tra tombe a cremazione a tumulo e tombe ad inumazione a fossa sia stata la medesima a Cuma come a Pithecusa — e di conseguenza anche che praticamente tutte le tombe a fossa dell’VIII e VII secolo di Cuma siano in realtà sepolture di bambini. La circonstanza che da Cuma vengano ricordate anche delle fosse di grandi dimensioni non è un argomento contrario: anche a San Montano si incontrano talvolta delle sepolture di bambini in fosse molto grandi.

17Ritornando a Pithecusa vogliamo esaminare ora un po’ più da vicino le tombe e i loro corredi. Nei particolari degli usi funebri — sia per il modo di costruzione delle tombe che per la composizione dei corredi — si riscontrano certe consuetudini prevalenti, ma non si tratta di norme fisse. Accanto ai modi più frequentemente usati si trovano delle varianti che sembrano dovute a preferenze individuali le cui ragioni ci sfuggono.

18Le tombe ad inumazione a fossa sono in genere orientate all’incirca SE-NW — che è anche la direzione della valle e delle colline che la fiancheggiano — con la testa del morto a oriente, ma vi sono peraltro dei casi in cui la testa si trova a occidente, come vi sono dei casi in cui la fossa è orientata all’incirca N-S.

  • 7 Eretria: C. Bérard, L’Hérôon à la porte de l’ouest. Eretria 3, Berne, 1970, p. 49; Cuma: E. Gàbric (...)

19Nella maggioranza delle tombe a fossa con corredo il morto era deposto entro una cassa di legno di cui talvolta si sono conservate le tracce. Sul coperchio della cassa venivano poste molto spesso alcune pietre abbastanza grandi e qualche volta, inoltre, tutta la parte inferiore della fossa è riempita di pietre. Lo stesso rito, cioè cassa di legno con pietre poste sul coperchio, si ritrova tanto a Cuma quanto a Eretria, nelle tombe ad inumazione dei bambini del sepolcreto presso la porta occidentale.7 Che le pietre poste sul coperchio della cassa abbiano avuto lo scopo di impedire un nefasto ritorno del morto tra i vivi, mi sembra tuttora la spiegazione più probabile. Ma anche qui si riscontra un certo numero di casi in cui questa usanza non viene osservata e mancano del tutto le pietre sulla cassa.

20In superficie le tombe ad inumazione, comprese quelle ad enchytrismos, erano indicate con un segnacolo costituito da un mucchio di pietre o, in rari casi, anche con un vero e proprio tumulo costruito allo stesso modo di quelli delle tombe a cremazione. E’ da presumere che in origine tutte le tombe ad inumazione fossero contrassegnate in tal modo, anche se spesso i segnacoli non si sono conservati, specie quando vi furono sovrapposti dei tumuli a cremazione.

21Testimonianze di un culto dei morti dopo la sepoltura, cioè di eventuali offerte fatte sulla tomba, non sono mai state osservate finora nella necropoli pithecusana. E’ da tener anche presente che, per le tombe ad inumazione che sono state in seguito ricoperte da tombe a cremazione a tumulo, come è avvenuto per la maggior parte di esse, la localizzazione precisa della tomba non era più individuabile per i parenti.

22Passiamo ora alla considerazione dei corredi funebri, termine col quale comprendiamo, per maggiore semplicità, l’insieme degli oggetti che si trovano nella tomba.

23La presenza degli ornamenti personali, e particularmente le fibule e i fermatrecce, indicano che il morto è stato sepolto vestito con il suo abito da parata, sia quando è stato inumato che quando è stato cremato. Gli stessi tipi di fibule, nelle stesse dimensioni e nelle stesse posizioni sul corpo, si trovano usati per adulti e per fanciulli e bambini di tutte le età, fino a infanti piccolissimi, anzi, sono proprio questi ultimi che presentano talvolta un numero stragrande di fibule, per esempio la tomba 364 con undici e 355 con tredici fibule, ambedue di infanti di circa sei mesi, come risulta dall’esame delle gemme di denti conservate, e la tomba 656 con ventidue fibule che ricoprivano interamente il torace di una bambina alta tra 60 e 80 cm al massimo. Si tratta in questi tre casi sempre di fibule di bronzo, quindi non di famiglie di ceto più elevato. Anche l’uso degli amuleti esotici, frequenti nelle tombe di bambini del terzo e dell’ultimo quarto dell’VIII secolo, sembra dipendere più da preferenze individuali che da maggiore ο minore ricchezza della famiglia. Il 36% delle tombe ad inumazione del terzo quarto e il 21% di quelle dell’ultimo quarto dell’VIII secolo contengono uno ο più sigilli ο scarabei (Ridgway).

24Piuttosto rari sono gli strumenti da lavoro. Un caso singolare rappresenta una tomba ad inumazione dell’ultimo quarto dell’VIII secolo di un uomo dell’età di circa venti anni (secondo l’esame dei denti) che conteneva oltre a un coltello di ferro un’ascia a cannone, tre scalpelli, due punteruoli, una lama e una lunga asta di ferro, probabilmente gli attrezzi di un carpentiere. Altre otto tombe della seconda metà dell’VIII secolo contengono coltelli di ferro più ο meno grandi. Per lo più si tratta di tombe maschili, ma un piccolo coltello, insieme a un ago da cucire di bronzo, era contenuto nella tomba di una giovanetta. Altre due tombe contengono un’ascia a cannone, una uno scalpello e quattro dei punteruoli di ferro. Otto tombe hanno fusaiole di impasto e una fusaiola di faience di tipo egizio.

25Per quanto riguarda la ceramica contenuta nelle tombe, è da osservare anzittutto che gli stessi tipi di vasi compaiono indifferentemente nelle tombe ad inumazione e, bruciati, in quelle a cremazione. Una particolarità di queste ultime, la oinochoe integra e non bruciata che spesso si trova deposta negli avanzi del rogo, e che dev’essere servita per un’ultima libazione, è ormai ben nota e si trova riportata anche nei manuali, per cui non ce ne occuperemo ulteriormente. Piuttosto è da rilevare che, in tutti i periodi esaminati, si trova una certa percentuale di tombe a cremazione a tumulo prive di corredo, ο che contengono soltanto l’oinochoe non bruciata. Vedremo più oltre la spiegazione di questa circostanza a prima vista sorprendente.

26In ambedue i riti si osserva una significativa differenza tra le tombe del terzo quarto dell’VIII secolo (LG I) e quelle di tutti i periodi successivi. Nelle prime mancano infatti i piccoli vasi chiusi, aryballoi e lekythoi, che sono invece cosi frequenti a cominciare dal protocorinzio antico e fino al corinzio medio. Soltanto in alcune tombe appartenenti alla fine del Tardogeometrico I compare qualche aryballos di un particolare tipo orientale, sicuramente non greco e presumibilmente proveniente dalla Siria settentrionale, che non si trova più nel periodo successivo. Non c’è dubbio che tutti questi piccoli vasi chiusi provenienti da vari centri di fabbricazione — comprese le lekythoi a corpo conico che talvolta impropriamente vengono chiamate oinochoai dagli studiosi — siano degli unguentari che contenevano essenze oleose profumate, oppure, come è forse più probabile per le lekythoi a corpo conico che hanno dimensioni maggiori, dell’olio d’oliva. C’è da chiedersi se questi unguentari fossero deposti nella tomba pieni — e che quindi si pensasse che il contenuto poteva servire al defunto nella sua esistenza postmortale — oppure se fossero deposti vuoti, dopo che il loro contenuto era servito per ungere e profumare la salma. La circostanza che questo tipo di vasi, a Pithecusa, è estremamente raro nei livelli di abitazione, mentre è comunissimo nelle tombe a partire dall’ultimo quarto dell’VIII secolo, indica che l’usanza di profumarsi in vita fosse assai poco diffusa. La seconda possibilità ci sembra essere percio più probabile. Che gli aryballoi e gli altri piccoli vasi chiusi fossero prevalentemente vasi di uso funerario non esclude tuttavia che contenuto e contenitori venissero talvolta usati dalle donne per profumarsi in vita, come insegnano la famosa lekythos di Tataie da Cuma e un frammento di aryballos globulare protocorinzio dall’abitato pithecusano di Mazzola che conserva la terminazione di un graffito costituita dalle lettere... MI, recava cioè anch’esso un’iscrizione di possessore con il nome in genitivo seguito dalla parola EMI (io sono di, io appartengo a).

27Moltissime tombe, da quelle più antiche a quelle dell’inizio del VI secolo, contengono una oinochoe e un potenon — kotyle, skyphos, kantharos —, talvolta anche in più esemplari. Ci doveva essere dunque una credenza diffusa e costante che il defunto avesse bisogno di bere nella sua esistenza postmortale. Non sappiamo se queste brocche erano vuote ο piene di vino ο acqua; si puo dire soltanto che spesso si trovano ancora ritte nella tomba, e quelle oblique ο giacenti possono essere cadute in un secondo momento. Meno frequentemente si trovano anche piatti e scodelle che si possono interpretare come stoviglie per mangiare, ma non abbiamo mai osservato resti di cibi che fossero stati deposti nella tomba, come ossa di animali ο gusci di uova. E’ da tener presente, peraltro, che vi è sempre anche una certa percentuale di tombe che non contengono l’oinochoe e il poterion, ο almeno uno dei due recipienti, come talvolta accade. Non da tutti era considerato dunque necessario fornire il morto dei vasi occorrenti per bere.

28Ancora una volta dobbiamo osservare che ci sfuggono le ragioni delle molte varianti individuali che si riscontrano nella composizione dei corredi e che appariranno evidenti in quelle tabelle statistiche che non sono state ancora elaborate. In ogni caso un maggiore ο minore numero di vasi non è un indice per le condizioni economiche dell’individuo sepolto, ο meglio della famiglia del morto. Ε questo vale tanto per i piccoli vasi chiusi, gli unguentari, quanto per le altre categorie di ceramica. Vi sono tombe con ornamenti personali, fibule e altri monili, di argento, vale a dire di individui di livello socio-economico più elevato, con molta, poca ο addirittura senza ceramica, così come vi sono tombe con scarsi ornamenti personali di bronzo, quindi di livello socio-economico più basso, con molti e con pochi vasi. Tanto meno possiamo comprendere la ragione per la quale qualche volta in una tomba si trova un numero eccezionale di vasi dello stesso genere, come per esempio dicianove piatti, tutti quasi uguali, nella tomba a cremazione 137, del primo quarto del VII secolo, oppure circa cinquantacinque kotylai corinzie — di cui una quarantina del tipo detto black kotyle e una quindicina delle piccole kotylai con cani correnti (= NC fig. 9A e 9C) — oltre a numerosi aryballoi, alabastra ed altri vasi per lo più corinzi nella tomba a cremazione 1083 B.

29Ho già ricordato che un certo numero di tombe a cremazione a tumulo è del tutto privo di corredo oppure contiene soltanto l’oinochoe non bruciata che ha servito per l’ultima libazione. Sembra molto probabile che ci sia una relazione tra questa circostanza e la presenza, nella necropoli di San Montano, di aree più ο meno estese su cui si trova uno strato pieno zeppo di cocci bruciati, ma senza ossa bruciate. Abbiamo trovato almeno tre di tali depositi. Questi cocci furono riversati, per uno spessore tra 10 e 20 cm, sulla superficie del piano di calpestio in zone ancora prive di tombe, come si è potuto osservare in qualche tratto non successivamente disturbato, e talvolta giungono fino al contatto con il perimetro di un tumulo preesistente. In seguito su queste stesse aree furono scavate tombe a fossa e costruiti tumuli a cremazione. Frammenti pertinenti ai medesimi vasi si trovano percio nella terra di riempimento delle fosse, sottostanti a tumuli posteriori (e qualche volta perfino penetrati nella sovrapposta lente di terra nera di questi ultimi), e nei pochi tratti rimasti indisturbati dello strato di cocci. Da questi depositi di cocci bruciati abbiamo potuto ricomporre interamente, ο quasi interamente, numerosi vasi — e spesso si tratta proprio di vasi di maggior pregio, come per esempio il ben noto cratere tardogeometrico con la rappresentazione di un naufragio e diversi altri crateri.

30Non vedo un’altra spiegazione di questo fatto, se non quella che talvolta la ceramica non sia stata bruciata sullo stesso rogo insieme col morto, ma su un rogo a parte, e che i resti di questi roghi secondari non siano stati sepolti insieme a quelli del rogo principale, ma lasciati ad accumularsi per un certo tempo sull’ustrino finchè, diventati troppo ingombranti, vennero raccolti e riversati su uno spazio ancora libero della necropoli. Non mancano, del resto, esempi di usanze analoghe, cioè che la ceramica non è stata bruciata insieme al morto, ma separatamente. Basti ricordare le note Opferrinnen del Kerameikos di Atene. Quanto abbiamo ora osservato nella necropoli di Pithecusa ci induce a riconsiderare le usanze funebri della classe aristocratica euboica che conosciamo da Eretria e da Cuma. Qui dobbiamo distinguere anzittutto tra le tombe di individui di ceto aristocratico medio e quelle di individui di rango eccelso ο «principesco», di cui conosciamo un unico esempio, la famosa tomba 104 del fondo Artiàco di Cuma.

  • 8 Bérard, op. cit., pp. 18 sgg., fig. 6; 7; tav. 15, 67 (oinochoe).
  • 9 Bérard, op. cit., p. 29.

31Le tombe del ceto aristocratico medio, a Eretria come a Cuma, non contengono ceramica e, oltre al lebete in cui erano deposte le ossa cremate raccolte tra gli avanzi del rogo, presentano soltanto armi, quando si tratta di tombe maschili, e oggetti di ornamento personale. C’è tuttavia una eccezione, la tomba 9 di Eretria che, al disopra della lastra di calcare che ricopre la fossetta contenente l’urna cineraria, presenta una spessa lente di ceneri del diametro di ca. 1 m, con legno carbonizzato, armi di ferro, ancora frammenti di ossa bruciate e frammenti di vasi bruciati, tra cui una semplice oinochoe;8 e un piccolo coccio bruciato è stato trovato nell’interno di ciascuno dei lebeti delle tombe 6 e 10, frammisto alle ossa bruciate selezionate. Quest’ultima circostanza puo significare soltanto che ceramica era stata bruciata anche su quei roghi e qualche frammento vi è stato per sbaglio raccolto insieme alle ossa cremate. Si noti che la tombe 6 appartiene al personaggio più ragguardevole di tutto il sepolcreto, caratterizzato da quattro spade, una punta di lancia di bronzo e un sigillo montato in oro. Claude Bérard osserva quindi giustamente che non c’è dubbio che ceramica è stata bruciata anche sui roghi della classe aristocratica di Eretria.9 Soltanto che, aggiungiamo noi, in genere non si ritenne necessario raccoglierla e seppellirla nella tomba perchè, una volta offerta e bruciata nel corso della cerimonia funebre, la ceramica aveva compiuto la sua funzione — qualunque questa sia stata nella immaginazione degli offerenti — e i suoi resti non avevano più importanza.

32La medesima noncuranza nei confronti della ceramica, dopo che questa era stata bruciata, si ritrova ugualmente nel ceto medio di Pithecusa: quando è stata bruciata insieme al morto fu sepolta naturalmente insieme a tutti gli altri avanzi del rogo, ma quando è stata bruciata a parte, come abbiamo appena visto, non si ebbe cura di aggiungerla ai resti del rogo su cui era stato cremato il morto, perchè soltanto questi ultimi avevano valore.

  • 10 Vasi a poppatoio si trovano anche a Pithecusa in tombe di infanti.

33E’ un fatto, dall’altra parte, che i nobili guerrieri di Eretria seppelliscono i loro bambini esattamente allo stesso modo come lo fanno i pithecusani di ceto medio, ad inumazione in cassa di legno, forniti di corredo di ceramica comprendente i vasi atti per bere — oinochoe, tazze, poppatoio per i lattanti —10 e aryballoi-unguentari; e ugualmente sono preoccupati di appesantire il coperchio della cassa di legno poggiandovi delle pietre. La perfetta analogia fra le tombe dei bambini dei guerrieri di Eretria e quelle dei bambini della gente di ceto più basso di Pithecusa è stata del resto messa subito bene in evidenza da Claude Bérard.

34La stessa tomba principesca cumana del fondo Artiàco si differenzia soltanto per l’ostentato sfoggio della ricchezza del defunto. Anche qui, oltre alle armi e agli sfarzosi oggetti di ornamento personale di oro, troviamo utensili per bere, il lebete con sostegno, oinochoe, kotyle, l’anfora attica SOS — contenitore comune di vino ο olio —, piatti su cui mangiare, soltanto che questi oggetti, come si addice a persona di rango principesco, sono di metallo, bronzo e argento, così come in tutti i tempi i principi mangiavano e bevevano da recipienti di metallo prezioso e gli altri da stoviglie di terracotta.

  • 11 Di diverso awiso è B. D’Agostino che vede una opposizione tra la presenza di ceramica nelle tombe (...)

35In conclusione, a noi sembra che le tombe che abbiamo esaminato rispecchiano una sostanziale identità di usi e di credenze — ο di ideologia funeraria che dir si voglia —, diffusa in tutte le classi sociali delle genti di Eubea e delle sue colonie durante l’VIII e VII secolo a.C., dai ceti medio-bassi fino a quelli di rango altissimo.11

Notes

1 Un primo inizio di una elaborazione statistica del materiale rinvenuto nelle tombe della seconda metà dell’VIII secolo, limitatamente all’area scavata negli anni 1952-1961, è stato recentemente compiuto dal mio collaboratore David Ridgway.

2 Questi dati si riferiscono alle tombe dell’VIII-inizio VI secolo scavate tra il 1952 e il 1961 (complessivamente 592).

3 Cfr. n. 1.

4 Cfr. G. Buchner, «Nuovi aspetti e problemi posti dagli scavi di Pithecusa», Contribution à l’étude de la Société et de la Colonisation Eubéennes, Centre Jean Bérard, Napoli, 1975, p. 66 e pianta topografica.

5 Cfr. E. Lepore in Contribution..., op. cit., p. 130.

6 G. Buchner, «Cuma nell’VIII sec. a.C., osservata dalla prospettiva di Pithecusa», Atti del Convegno I Campi Flegrei nell’archeologia e nella storia, Accademia Nazionale dei Lincei, Roma, 1977, pp. 134 sgg.

7 Eretria: C. Bérard, L’Hérôon à la porte de l’ouest. Eretria 3, Berne, 1970, p. 49; Cuma: E. Gàbrici, «Cuma», MAL 22, 1913, c. 366 e figg. 90, 91, 93, 103, 106, 109.

8 Bérard, op. cit., pp. 18 sgg., fig. 6; 7; tav. 15, 67 (oinochoe).

9 Bérard, op. cit., p. 29.

10 Vasi a poppatoio si trovano anche a Pithecusa in tombe di infanti.

11 Di diverso awiso è B. D’Agostino che vede una opposizione tra la presenza di ceramica nelle tombe ad inumazione di Cuma e Pithecusa, e la sua assenza nelle tombe a cremazione con lebete di bronzo, e ritiene che questa differenza «possa più probabilmente ricondursi ad un diverso orientamento ideologico: l’ideologia che si esprime nelle tombe ad incinerazione con il lebete di bronzo ammette che con il defunto siano deposti esclusivamente gli ktêmata, quegli oggetti di prestigio nei quali si esprimeva la personalità del defunto». (Contribution..., op. cit. [supra, n. 4], p. 119). Cfr. anche B. D’Agostino, «Ideologia e rituale funerario in Campania nei secoli VIII e VII a.C.», ibid., pp. 107-110 ed ora soprattutto id., «Tombe ”principesche” dell’Orientalizzante antico da Pontecagnano», MAL 49, 1977, pp. 57 sgg.

© Éditions de la Maison des sciences de l’homme, 1990

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540