Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Itinerari mediterranei fra IV e IX secolo. Città-capitale e Deserto-monastico

 | 
Beatrice Astrua

Le missioni archeologiche italiane in Egitto

I siti e le istituzioni italiane impegnate

Taha Mattar

Texte intégral

1Le spedizioni archeologiche del xix e dell’inizio del xx secolo si ponevano come scopo fondamentale la raccolta di materiali con cui completare la documentazione esposta nei musei. Le missioni attuali, invece, anche a prescindere dalle leggi di tutela di cui nel frattempo l’Egitto si è venuto dotando, si propongono un obiettivo del tutto differente: la ricerca orientata all’indagine di momenti o di situazioni particolari e all’approfondimento delle conoscenze storiche su determinati siti o periodi.

2A partire dalla prima “avventura” archeologica franco-italiana in Egitto a opera di Jean-Francois Champollion e Ippolito Rossellini tra il 1828 e il 1829, le missioni italiane sono state numerose e supportate in primo luogo da università come La Sapienza di Roma, l’Università degli Studi di Pisa e quella di Palermo, l’Istituto per l’Oriente di Napoli, ma anche da altri enti come l’Istituto Papirologico Vitelli di Firenze e il Museo Egizio di Torino.

3I siti che sono stati oggetto di studio delle spedizioni archeologiche italiane sono svariati: Alessandria d’Egitto (Nelson Island, Abuqir), la piana di roccia calcarea di Assasif, l’Oasi di Farafra, Kalbasha, Deir el Medina, Saqqara ecc. Numerose sono anche le istituzioni italiane che operano sul campo in Egitto, tra cui ricordiamo il Centro della Missione Archeologica Italiana ad Alessandria d’Egitto (CMAIA), la Missione Archeologica Italiana, l’Associazione Culturale “Harwa 2001” (ONLUS), l’Istituto italiano di Culture (Dipartimento di Archeologia, ll Cairo), l’Istituto Internazionale del papiro di Siracusa e il centro di Egittologia Francesco Ballerini (CEFB).

4Tra le missioni archeologiche di rilievo possiamo menzionare quelle preistoriche dell’Università di Roma all’Oasi di Farafra (B. Barich) e dell’Istituto Universitario Orientale di Napoli (R. Fattovich) nel delta orientale, che indagano il nascere e il formarsi della cultura egiziana in rapporto rispettivamente con l’ambiente sahariano e con le contemporanee culture del Vicino Oriente.

5All’apice del Delta, a Maadi, un’altra spedizione dell’Università di Roma (M. Frangipane) si è occupata della ricostruzione dell’impianto urbanistico di città e villaggi. Interessati a questo ambito e all’individuazione delle fasi di sviluppo e delle caratteristiche tipologiche dei centri urbani, anche al fine di ricostruirne storicamente l’ambiente sociale e i modi di vita, sono gli scavi dell’Università di Pisa a Medinet Madi (E. Bresciani), dell’Istituto Papirologico Vitelli ad Antinoe (M. Manfredi), e dell’Università di Milano a Tebtynis (C. Gallazzi). Altri incarichi hanno come scopo non tanto lo scavo quanto la ricognizione di vasti territori, come quello dell’Università di Roma (L. Bongrani) allo Wadi Hammamat. Il Museo di Torino ha ripreso l’esplorazione di Gebelein e Qau el Kebir nell’intento di delinearne una carta archeologica. L’Università di Roma, con un lavoro iniziato da Donadoni e ora proseguito da A. Roccati, si impegna nello studio, ricomposizione e ripristino della sepoltura tebana di Sheshonq. Infine menzioniamo l’impegnativo e tecnicamente raffinatissimo restauro che l’Università di Pisa, sotto la guida di Edda Bresciani, attua sulla tomba di Boccori a Saqqara.

Auteur