Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Itinerari mediterranei fra IV e IX secolo. Città-capitale e Deserto-monastico

 | 
Beatrice Astrua

Il deserto nell’Egitto faraonico

Qualche nota

Giuseppina Capriotti Vittozzi

Note de l’auteur

Il presente contributo intende fornire, in un ambito interdisciplinare, qualche dato riguardante la visione del deserto nella cultura egizia, con particolare attenzione per il deserto orientale.

Texte intégral

  • 1 Y. Koenig, Conclusion. La magie égyptienne: pour une meilleure prise en compte de la magie, in Y. K (...)
  • 2 E. Teeter, The Presentation of Maat: Ritual and Legitimacy in Ancient Egypt, Studies in Ancient Ori (...)
  • 3 G. Capriotti Vittozzi, Il fiume e gli acquitrini, in A. Roccati - G. Capriotti Vittozzi (a cura di) (...)
  • 4 A. Roccati, La conception rituelle du désert chez les anciens Égyptiens, in Le désert, image et réa (...)
  • 5 H. Altenmüller, Papyrusdickicht und Wüste. Überlegungen zu zwei Statuenensembles des Tutanchamun, i (...)

1La visione del mondo tràdita dall’Egitto antico si generò da un’osservazione attenta della natura: la realtà biologica e l’universo minerale quale ordito e trama su cui tessere un complesso quadro mitologico che intreccia i fili del divino con l’umano, la conoscenza scientifica e la speculazione teologica assolutamente inscindibili, costruite su procedimenti analogici e suggestivi, espressi da rituali di magia simpatica1, in un contesto naturale peculiare dove convivono e si giustappongono deserto-aridità e oasi altamente produttiva. L’intera costruzione socio-politica e mitico-religiosa era tesa a garantire l’ordine e l’armonia cosmica, la Maat, grazie alla dialettica tra divinità e sovrano, nel suo status di figlio divino2. L’universo ordinato era indubbiamente la valle, la stretta oasi coltivata che si allungava da sud a nord, tutta parcellizzata in modo preciso ai fini dell’irrigazione. Ai bordi netti di questo verde, premeva – e preme – il deserto, denso di forze incontrollabili; in questo ambiente organizzato, irrompeva annualmente la piena, memoria del Nun, oceano primordiale che aveva dato vita all’universo. L’esondazione, pur iscritta in un registro temporale abbastanza calcolabile, poiché giungeva intorno al 19 luglio e determinava il capodanno, portava fertilità ma era comunque incontrollabile e rischiosa; inoltre, essa nutriva aree paludose e difficilmente praticabili ai bordi del mondo ordinato, dove brulicava la vita e proliferavano animali aggressivi. Ai margini dell’area abitata, si giustapponevano dunque due ambienti naturali pericolosi e caotici, l’uno – gli acquitrini – connotato da una straordinaria densità biologica3, l’altro – il deserto – caratterizzato dall’aridità e dalla rarità di fauna e flora4. In questi luoghi era possibile entrare in contatto con il divino5. Ai nostri occhi, il pensiero egizio è intessuto di contraddizioni e ambiguità: quelli che ci sembrano dualismi e opposizioni convivono e si integrano, si alimentano vicendevolmente. La ricerca di Maat e quella di stabilità e durevolezza procedono da un universo in continua trasformazione, dove gli eventi naturali, in particolare la piena, più che in qualsiasi altro paese vicino, potevano cambiare i connotati del territorio. Il deserto, nella sua apparente immutabilità, è soggetto anch’esso a continue metamorfosi: se da un lato può conservare i corpi grazie all’aridità, dall’altro l’erosione consuma e muta i profili, mentre è sufficiente una tempesta di sabbia per cambiare notevolmente il rilievo. Questi spazi mutevoli e incontrollabili erano luoghi numinosi capaci di lasciar intravedere la totale alterità del divino.

  • 6 S.H. Aufrère, L’univers minéral dans la pensée égyptienne (Bibliothèque d’études 105.1), Il Cairo 1 (...)
  • 7 A. Erman - H. Grapow, Wörterbuch der Ägyptischen Sprache, Berlin 1982, vol. I, pp. 17-19.
  • 8 B.E. Shafer, Temples, Priests and Rituals. An Overview, in B.E. Shafer et al. (a cura di), Temples (...)
  • 9 S. Wenig, Aker, in W. Helck - W. Westendorf (a cura di), Lexikon der Ägyptologie, Wiesbaden 1975, v (...)
  • 10 G. Capriotti Vittozzi, Note sull’‘interpretatio’ dell’Egitto nel Medioevo. Leoni e sfingi nella Rom (...)
  • 11 B. Bruyère, La tombe n. 1 de Sen-nedjem à Deir el Médineh, Il Cairo 1959, tav. xxxiv.c.
  • 12 B. Bruyère, Mrt Seger à Deir el Médineh (MIFAO 58, I-II), Il Cairo 1929-30, pp. 134-138.
  • 13 S.H. Aufrère, L’univers minéral cit., pp. 11, 21-22.
  • 14 A. Loprieno, Viaggi e paesaggi nella letteratura egizia, in A. Roccati - G. Capriotti Vittozzi (a c (...)

Esiste un lessico6 egizio capace di indicare la diversità del deserto e della valle, sia da un punto di vista morfologico che cromatico: tAImage 100000000000003000000030BFACCCBE.jpg è la terra piatta, coltivabile, mentre Image 100000000000002F00000014FB5DD32A.jpg xAst indica i rilievi del deserto, che essendo tre mostrano la loro pluralità indefinita. L’estraneità di tale paesaggio per chi viveva nella valle portò a utilizzare tale segno per indicare anche i paesi stranieri. Il deserto è anche Dw Image 10000000000000260000001B91A7C807.jpg, i due rilievi che inquadrano una valle, o wadi; la diversità cromatica è notata invece dai vocaboli kmt Image 100000000000007C00000033969DBC78.jpg, la terra nera, feconda per il limo, e dSrt Image 10000000000000A400000033852227C9.jpg, la terra rossa, il deserto. I geroglifici per xAst e Dw esprimono con chiarezza l’identificazione tra deserto e montagna: ai lati della valle, il primo si identificava con una quantità infinita di protuberanze montuose e con l’alto profilo delle falesie rocciose. Queste costituivano i due orizzonti attraverso i quali transitava la divinità solare a Oriente e a Occidente: il segno Dw mostra proprio le due alture attraverso le quali il divino si manifestava. Il vocabolo che indica l’orizzonte Image 10000000000000260000001FA1D8DE96.jpg, Axt, è costruito su di esso e servì anche a indicare il tempio7, che con i suoi piloni ricalca i massicci montuosi dell’orizzonte (fig. 1), tra i quali avveniva l’epifania divina quando la divinità si manifestava dal naos che si trova in asse8. Se le montagne dell’Occidente erano il luogo dove il sole spariva e dove generalmente si scavavano le necropoli, l’orizzonte orientale era il luogo della rinascita divina, le cime identificate con due leoni9 (fig. 2), segnacoli della rivelazione, che non a caso ritroviamo ai lati della porta del tempio e, infine, delle chiese10. La montagna del deserto occidentale può essere invece identificata con la dea materna i cui seni, accogliendo il sole, ricalcano il segno Dw e dunque Axt11 (fig. 3). Il monte è ventre materno, dove avvengono le trasformazioni per la rigenerazione12. I termini xAst e Dw servono dunque anche a indicare la necropoli13: il farsi scavare una tomba nella montagna-deserto-necropoli è una delle maggiori aspirazioni degli Egizi in vista della morte, mentre per il proprio presente, il primo desiderio testimoniato dalle fonti letterarie14 è quello di tornare al tA, la terra piatta coltivata, o meglio il tA mri, cioè la terra amata, altro modo per indicare l’Egitto.

  • 15 Oltre all’ampia bibliografia di S.H. Aufrère, cfr. A. Castiglioni et al., L’Eldorado dei Faraoni, N (...)
  • 16 B.M. Sampsell, A Traveler’s Guide cit., pp. 137-153; O.E. Kaper - W.Z. Wendrich, East and West in R (...)
  • 17 A. Lemaire, Les phéniciens et le commerce entre la Mer Rouge et la Mer Méditerranée, in E. Lipin´sk (...)
  • 18 S.H. Aufrère, L’univers minéral cit., p. 9.
  • 19 G. Rosati, Il gebel, i suoi dei e i suoi uomini, in A. Roccati - G. Capriotti Vittozzi (a cura di), (...)
  • 20 A.F. Shore, Egyptian Cartography, in J.B. Harley - D. Woodward (a cura di), The History of Cartogra (...)
  • 21 Gli interventi recenti di D. Meeks (con bibliografia precedente) nel lungo dibattito dimostrano che (...)
  • 22 P.M. Laisney, Les encensoirs égyptiens en forme de ‘Bras de Horus’ avec une insistance sur les moin (...)
  • 23 A. Erman - H. Grapow, Wörterbuch cit., vol. IV, p. 180.
  • 24 Hist. ii 73.
  • 25 S.H. Aufrère, L’univers minéral cit., p. 37; Id., L’univers des minéraux et des métaux précieux dan (...)
  • 26 Id., L’univers minéral cit., pp. 9-10, 22, passim.
  • 27 Id., L’univers des minéraux cit., p. 366; Id., Autour de l’univers minéral X cit.
  • 28 Id., Religious Perceptions of the Mine in the Eastern Desert in Ptolemaic and Roman Times (Autour d (...)
  • 29 Lo stesso sovrano è esploratore del deserto per la ricerca dei minerali, assumendo il ruolo di alcu (...)
  • 30 B. Aston - J. Harrell - I. Shaw, Stone, in P.T. Nicholson - I. Shaw (a cura di), Ancient Egyptian M (...)
  • 31 Per una sintesi sul valore di questi, cfr. E.M. Ciampini, Gli obelischi iscritti di Roma antica, Ro (...)
  • 32 S.H. Aufrère, The Egyptian Temple, Substitute for the Mineral Univers, in W.V. Davis (a cura di), C (...)
  • 33 B.E. Shafer, Temples cit., pp. 1-9.
  • 34 S.H. Aufrère, Les trésors cit.
  • 35 Ivi, p. 279.

2Il deserto orientale e quello occidentale sono morfologicamente diversi: più roccioso e montagnoso il primo15, sabbioso e punteggiato di oasi il secondo16. Essi ebbero vite economicamente differenti: l’est celava ricchezze minerarie, mentre l’ovest poteva produrre beni agricoli pregiati, come per esempio il vino delle oasi, famoso in particolare nel i millennio a.C. Attraverso ambedue, tuttavia, si accedeva a beni esotici: a ovest si apriva da sud a nord la via che attraverso le oasi collegava il meridione africano al Mediterraneo, mentre a est attraverso gli wadi si giungeva al Mar Rosso. Sono queste le strade del reperimento degli aromata, le preziose resine odorifere17; lo stesso deserto orientale, con il Sinai, è ricco di pietre pregiate e metalli, tra i quali l’oro. Esso, la cui fisionomia mitico-religiosa è fortemente caratterizzata, sembra particolarmente interessante in questa sede. Fin dai più antichi periodi dinastici, gli Egizi lo attraversarono per reperire beni raffinati, arrivando fino alle aree minerarie del Sinai. Il sovrano era anche nb xAst, signore del deserto18, ed esisteva un ramo dell’amministrazione del paese, con funzionari dedicati, che si occupava dello sfruttamento mineralogico, e una sorta di corporazione di esploratori-geologi che percorrevano il deserto19: al Museo Egizio di Torino abbiamo anche una mappa – su papiro – che mostra la collocazione di miniere nel deserto orientale20. Inoltre, attraverso queste strade si raggiungeva Punt, la Terra del dio, tanto reale quanto difficile per noi da individuare con certezza21: le spedizioni faraoniche a Punt portavano nella Valle del Nilo prodotti esotici, resine odorose e addirittura alberi produttori con il loro pane di terra, per essere ripiantati in Egitto e ivi rendere presente la Terra del dio. Queste resine, che erano fondamentali nel culto, venivano usate anche in ambito funerario. Il vocabolo per indicare l’incenso, in senso lato, e l’atto dell’incensare è sntr22, che significa precisamente “rendere divino”23. Un’eco di ciò si ritrova nel racconto di Erodoto riguardo alla fenice24: essa viene dall’Arabia, dunque dai territori a est, con un uovo di mirra, nel quale racchiude i resti di suo padre ai fini della rigenerazione. Se a Oriente, nella Terra del dio, crescevano queste piante, nel ventre delle montagne del deserto orientale si formavano i materiali preziosi connessi con la divinità25 e dunque i deserti andavano considerati proprietà divina26. Come ha ben sottolineato Sydney Hervé Aufrère, nel pensiero egizio l’oro, l’argento e le pietre preziose emanano dal corpo divino e hanno il potere di rendere l’uomo simile a dio27: questo spiega come, nel periodo tardo, per un fenomeno di democratizzazione delle prerogative un tempo solo regali, si diffuse l’uso di coprire di una sottile lamina d’oro i sarcofagi. D’altra parte, nel corso della storia egizia, si può rilevare come questi materiali fossero strettamente riservati alla divinità e a un esiguo entourage faraonico, e dunque oggetto di tabù per i comuni mortali28, e come essi non partecipassero, almeno teoricamente, dei meccanismi di mercato, contribuendo probabilmente alla lunga resistenza dell’Egitto all’uso della moneta. Ciò che il sovrano cerca attraverso le spedizioni nel deserto29 sono quei minerali emanati dai raggi astrali e dei quali le stesse divinità hanno bisogno per rigenerarsi: il deserto partecipa dunque di uno scambio continuo con le forze cosmiche e, potremmo dire, è gravido di potere divino. Non solo i metalli e le gemme ne sono la dimostrazione, ma anche le pietre dure e colorate abbondantemente estratte dagli Egizi dalle cave del deserto orientale, tra cui la bekhen dell’Wadi Hammamat30, la cosiddetta basanite, se lucidata simile al bronzo, cangiante dal verde scuro al nero: ambedue colori della rigenerazione, l’uno della vegetazione, l’altro del limo della piena. La pietra, per la sua estrema alterità rispetto alla vita biologica e dunque umana, grazie alla sua perenne durata, è in se stessa divina, come ci dicono quelle innalzate, gli obelischi31. Lapidei e monolitici sono anche i naoi, tabernacoli dove soggiornava l’immagine divina, un’effigie vivente, composta di minerali preziosi. È come se il naos replicasse la montagna sacra: il dio viveva all’interno della pietra del deserto32. Tutto il tempio egizio rappresenta il cosmo e in particolare questi due ambienti apparentemente opposti ma complementari, impossibili da antropizzare: il deserto e gli acquitrini, i luoghi del divino. Se i piloni sono le montagne dell’orizzonte, la sala ipostila, davanti al naos, è la palude con le sue colonne vegetali a forma di papiro e il soffitto stellato33. Tuttavia, insieme all’elemento botanico ritroviamo quello minerale, come validamente sottolineato da Aufrère: il tesoro del tempio conservava i materiali preziosi portati dal deserto orientale34 e nel giorno del capodanno la statua di culto veniva sottoposta a riti, coperta di elementi pregiati e poi portata sul tetto del tempio, dove in un chiosco aperto avveniva l’unione con il disco, che rigenerava l’immagine vivente35. Simbolicamente si percorreva in processione una rampa ascendente verso l’astro e poi si tornava nel buio di quel naos che sembrava essere ventre della montagna. Il complesso templare è dunque un’esemplare tessitura di deserto e acquitrini, per rendere presente, nel mondo ordinario e ordinato, l’alterità del divino, porlo in rapporto con l’uomo e pacificarlo affinché non si mostri nel suo volto terrifico.

3Il deserto orientale partecipa dunque in modo singolare ai processi di rigenerazione del creato: la direttrice est-ovest è propriamente l’asse della resurrezione della divinità solare, anche nel suo aspetto lunare di sole notturno. La coincidenza tra il luogo della rinascita solare e la collocazione delle miniere d’oro, nel deserto orientale, sottolineava il potere rigenerante del metallo.

  • 36 Id., Autour de l’univers minéral X cit.

4Il deserto orientale è anche particolarmente legato a divinità lunari. Nel mito egizio i due luminari corrispondono a due occhi divini; la luna, nel suo progressivo “consumarsi”, è l’occhio perduto di Horo che va recuperato e ricostituito nella sua interezza: i riti finalizzati a ciò (per il riempimento dell’occhio udjat) fanno riferimento precisamente alle materie preziose provenienti dal deserto orientale che vanno a ricostituire l’astro perduto36.

  • 37 Ivi, pp. 124-125.
  • 38 F. Daumas, Hathor, in W. Helck - W. Westendorf (a cura di), Lexikon der Ägyptologie, Wiesbaden 1977 (...)
  • 39 Cfr. inoltre G. Scandone Matthiae, L’oro e la dorata. Un’ipotesi su un epiteto di Afrodite e di Hat (...)

5L’altro occhio, quello solare, va anch’esso, secondo il mito, recuperato. Capace di incenerire, divinità tutelare della regalità, è una figura femminile, la figlia del dio solare. Si tratta, anche in questo caso, di una dea che ha a che fare con il deserto, leonessa pericolosa, selvaggia e sanguinaria. Anche in questo caso, l’osservazione della natura è alla base del mito: all’imboccatura degli wadi, letti di fiumi fossili che dalla valle si addentrano nel deserto, era possibile imbattersi in leoni che scendevano ad abbeverarsi nelle pozze d’acqua che stagnavano ai margini della valle37. È così che all’ingresso degli wadi, vere e proprie vie di penetrazione nel deserto, è possibile imbattersi nel culto di dee leonesse: esse possono portare nomi diversi ma tutte sono riferibili alla meglio conosciuta Sekhmet (la potente). Nel mito, la figlia di Ra, allontanatasi dal padre, vaga assetata di sangue nei deserti meridionali; è missione di Thot, dio della sapienza e visir degli dei, nella sua forma di babbuino, riportarla a casa dopo averla ammansita38. Al suo ritorno in Egitto, la dea ormai pacificata si identifica con la piena e diventa Bastet, divinità gatta dalle connotazioni materne. Tali dee sono assimilate a Hathor, signora dell’erotismo e della gioia, preposta alle miniere, in particolare quelle di turchese ma non solo, cui si attribuiva il titolo “la Dorata”39.

6I miti riguardanti il recupero dei due luminari, dunque, sono strettamente legati all’ambiente desertico. Dalle infuocate e aride terre del sud giunge la piena, che è la fecondità stessa; attraverso il deserto arrivano in Egitto le resine odorose che, con la fumigazione rituale, hanno il potere di divinizzare; dalle miniere e dalle cave del deserto si estraggono minerali preziosi che sono il corpo stesso degli dei; grazie a un graduale accesso, nel tempo, a questi materiali, ciascuno può sperare di associarsi alla rinascita del dio solare, divenendo simile a lui.

  • 40 Essa è ben testimoniata dai numerosi graffiti lasciati nei vari periodi storici: R.D. Rothe - W.K. (...)
  • 41 Sull’argomento cfr. inoltre D. Arnold, The Encyclopaedia of Ancient Egyptian Architecture, Il Cairo (...)
  • 42 I siti scelti a titolo esemplificativo sono a nord di Assuan.
  • 43 S.H. Aufrère, Religious Perceptions cit., pp. 8-9.
  • 44 P.J. Brand, The Monuments of Seti I: Epigraphic, Historical, and Art Historical Analysis, Leiden 20 (...)
  • 45 D. Arnold, The Encyclopaedia cit., p. 83, con bibliografia precedente.
  • 46 P. Ballet et al., Coptos. L’Égypte antique aux portes du désert, Catalogo della mostra (Lyon, 3 feb (...)
  • 47 S.E. Sidebotham - M. Hense - H.M. Nouwens, The Red Land cit., pp. 63-69.
  • 48 Cfr. supra la nota 30.
  • 49 J. Yoyotte, Une epithète de Min cit.; C. Traunecker, Le panthéon du Ouadi Hammâmât, in M.F. Boussac (...)
  • 50 G. Hölbl, Altägypten im Römischen Reich. Der römische Pharao und seine Tempel, Mainz am Rhein 2000, (...)
  • 51 S.H. Aufrère, Religious Perceptions cit., p. 6.
  • 52 D. Arnold, The Encyclopaedia cit., pp. 207-208.
  • 53 C. Leitz - D. Mendel - Y. El-Masry, Athribis. II, Der Tempel Ptolemaios XII. Die Inschriften und Re (...)
  • 54 N. Baum, La salle de Pount du temple de Repyt à Wennina, in C. Berger - G. Clerc - N. Grimal (a cur (...)

7Il deserto orientale era percorso da valli a pettine, gli wadi, che costituivano vie di penetrazione; in prossimità dell’apertura dei più importanti di questi, si svilupparono nella valle del Nilo importanti insediamenti, connotati da peculiari luoghi di culto. Spostarsi sul fiume (fig. 4) toccando questi centri significa percorrere un itinerario di geografia economica e religiosa, alla base di quella che potremmo definire una “mitologia economica” o meglio, un’economia “mitologizzata”40: si tratta di un quadro parziale ma esemplificativo, nel quale si tenga conto che spesso, in questi stessi siti, si sono stabilite più tardi le comunità monastiche e che un ruolo notevole hanno i templi rupestri (speoi), particolarmente significativi della sacralità della montagna41. Partendo da sud42, all’altezza di Kom Ombo43, si accedeva ad alcune miniere d’oro. Un po’ più a nord, vicino a Edfu, si apre verso Oriente lo wadi Abbad, che in età tolemaica e romana conduceva fino al porto di Berenice sul Mar Rosso; da tempi molto più antichi gli Egizi lo frequentavano per la ricerca dell’oro. All’imboccatura dello wadi, a El- Kanais44, si trova un tempio rupestre dell’epoca di Sethi I (XIX dinastia, xiii secolo a.C.), che ricorda che il re si fermò qui nel suo duro viaggio a ispezionare le miniere d’oro. In questo tempio, il dio tebano Amon-Ra è identificato con Min, dio di Copto e precisamente preposto al deserto orientale, riconosciuto dai Greci come Pan. In prossimità di El Kab, si apre lo Wadi Hellal: all’ingresso di questo ci sono vari monumenti, tra i quali un tempio rupestre dedicato alla dea leonessa Shesmetet45. Copto era la vera testa di ponte per le miniere orientali, luogo di culto di Min, ma connotato anche da un importante culto a Geb, dio della terra46: qui si apre l’importantissimo Wadi Hammamat47, che conduceva non solo a miniere, ma anche a importanti cave48, utilizzate in Egitto da tempi antichissimi e sfruttate ancora dai Romani. Le cave dello Wadi Hammamat ci mostrano in maniera evidente che il deserto non era tale: le pareti lisce sono state oggetto di lavori – talvolta pregevolissimi – con i quali i sovrani delle varie epoche hanno ricordato la loro presenza dedicando iscrizioni e veri e propri naoi graffiti alle divinità del deserto, e in particolar modo a Min di Copto, dio itifallico e dunque collegato alla fertilità, dai particolari connotati di geologo ed esploratore49. Il dio fu identificato con Pan e qui si trova un Paneion50 di epoca greco-romana, la cui area è coperta di incisioni realizzate in varie scritture (demotico, greco e altre). Va notata la presenza importante e protratta nel tempo di divinità tipicamente legate alla fecondità nel bel mezzo del deserto. Ancora a nord, in corrispondenza dello Wadi Qena, troviamo Dendera51, con il suo importante tempio di Hathor, dea preposta alle miniere. Navigando secondo corrente, si arriva alla zona di Sohag e Akhmim: quest’ultima fu Panopoli per i Greci, perché anche qui era venerato il dio Min. A nord-est della città, a Salamuni, in prossimità dell’apertura di uno wadi, uno speos del Nuovo Regno è dedicato a questo dio52. Dall’altro lato del fiume, a ovest, non lontano dal Monastero Bianco, a ridosso della falesia rocciosa occidentale, sorgono i resti de complesso templare dedicato alla dea leonessa Repyt e allo stesso Min53. Si tratta, in questo caso, di una situazione un po’ diversa, dal momento che ci troviamo a ovest del corso d’acqua e non lontano da una pista che conduceva all’oasi di Kharga. Tuttavia la dea non smentisce il suo carattere di occhio solare e signora dei prodotti del deserto orientale: nel tempio, infatti, una sala è dedicata al paese di Punt e sulle pareti sono rappresentati gli alberi produttori di resine odorifere, mentre i testi si rivolgono alla dea, che viene abbellita con i prodotti minerari, e a Min che è definito dio esploratore del paese di Punt54.

  • 55 D. Arnold, The Encyclopaedia cit., p. 226, con bibliografia precedente; H. Goedicke, The Speos Arte (...)
  • 56 S.H. Aufrère, Religious Perceptions cit., p. 7.
  • 57 S.E. Sidebotham - M. Hense - H.M. Nouwens, The Red Land cit., pp. 42-52.

8Vicino a el-Minya, troviamo lo Speos Artemidos: conosciuto ormai con un nome greco, si tratta in realtà di un tempio rupestre dedicato alla dea leonessa Pakhet, signora della bocca dello wadi, realizzato all’epoca della regina Hatshepsut (XVIII dinastia, xv secolo a.C.) in un’area ricca di cave55. La vicina necropoli del Medio Regno a Beni Hasan ci ha conservato memoria dei nomarchi locali che avevano speciali incarichi per lo sfruttamento delle miniere orientali, in particolare quelle di galena56; la continuità dell’importanza dell’area rispetto al deserto orientale è sottolineata dal fatto che Antinoopolis è poco lontana e qui fu aperta la Via Nova Hadriana che attraversava il deserto e poi piegava verso sud in prossimità della costa57.

  • 58 J. Baines - J. Málek, Atlante dell’antico Egitto, Novara 1985, p. 21.
  • 59 B.M. Sampsell, A Traveler’s Guide cit., pp. 157-158.

9Più a nord, lo Wadi Araba si apre vicino all’antica Eracleopoli Magna presso Beni Suef: la pista procedeva verso est in direzione delle miniere di rame58. Lungo l’estremità orientale si trova il monastero di Sant’Antonio al Mar Rosso59.

  • 60 G. Posener, Le canal du Nil à la Mer Rouge avant les Ptolémées, in «Chronique d’Égypte», xxvi (1938 (...)
  • 61 S.H. Aufrère, Le ‘champ divin’ de Bastet cit.

10Infine, presso l’apice meridionale del Delta (fig. 5), si apre lo Wadi Tumilat60, tra Bubasti e Tell el-Maskhuta, via privilegiata per l’Oriente, dove durante la XXVI dinastia fu scavato un canale navigabile affinché la valle del Nilo, e dunque il Mediterraneo, fossero collegati al Mar Rosso. Bubasti61, presso l’apertura dello wadi, era la città della dea leonessa-gatta, particolarmente legata ai profumi dell’Oriente, al punto che dal suo nome deriverebbe il termine alabastro nell’indicare sia i contenitori degli aromi sia la pietra della quale essi erano prodotti.

  • 62 Matteo 4, 1-11; Marco 1, 12-13; Luca 4, 1-13.
  • 63 Esodo 33, 20.
  • 64 Esodo 32, 1-35.
  • 65 S.H. Aufrère, Autour de l’univers minéral X cit., p. 128.
  • 66 Id., L’univers minéral cit., p. 18; Id., Autour de l’univers minéral X cit., p. 115.

11In conclusione, questo excursus ci ha mostrato nella concretezza come il reperimento di beni preziosi fosse precisamente incastonato all’interno di un sistema geografico che potremmo definire mitopoietico. Prima ancora che di questioni economiche, per gli Egizi si trattava di rapporto con il divino e di conservazione dell’universo e del suo ordine, così come del deserto: i beni che vi venivano estratti non erano umanamente controllabili e dunque commercialmente utili. Si andava nel deserto con la consapevolezza di entrare in un mondo altro dal proprio, popolato di divinità e, al tempo stesso, di forze spaventose sempre pronte a manifestarsi. Certamente questo ci rimanda all’esperienza mosaica del Sinai nell’Esodo, alle tentazioni di Gesù nel deserto narrate dai sinottici62 e infine alle storie di sant’Antonio: avviandosi per il deserto si va verso la Terra del dio ma con la consapevolezza di affrontare forze oscure. Ciò che indubbiamente distingue l’esperienza egizia è il tentativo di controllare la divinità, farla vivere nel buio del santuario in un’effige di materie preziose e poterla guardare in faccia, esperienza negata a Mosè nel Sinai63 e vietata ai forgiatori del vitello d’oro64. In questo alternarsi di riconoscimento dell’alterità da una parte e tentativo di controllarla dall’altra, ci possiamo chiedere se nella scelta del deserto di alcune comunità cristiane non ci fosse il rifiuto di questa seconda possibilità, in un’epoca in cui, peraltro, forze economiche e commerciali eterogenee avevano da tempo investito la valle monetizzando anche i beni della Terra del dio, una scelta che è in definitiva la ricerca di dio nel riconoscimento che il possesso non compete all’uomo – come già si leggeva nelle iscrizioni di El-Kanais65 – in luoghi, i monasteri, il cui nome copto TOOY ricalca l’antico nome Dw66.

Annexes

Fig. 1. Luxor, il pilone del tempio.

Image 10000000000001C6000000D6C32C8496.jpg

Dalla riproduzione della Déscription de l’Égypte, vol. III, pl. 6

Fig. 2. Deir el-Medina, tomba di Sennedjem, i due leoni dell’orizzonte orientale

Image 10000000000001C60000010F875951D3.jpg

Fonte: B. Bruyère, La tombe n. 1 de Sen-nedjem à Deir el Médineh, Le Caire 1959, tav. xxxiv.b

Fig. 3. Deir el-Medina, tomba di Sennedjem, le braccia materne della dea del cielo accolgono il Sole a Occidente

Image 10000000000001C6000002C9E79C6FC6.jpg

Fonte: B. Bruyère, La tombe n. 1 de Sen-nedjem à Deir el Médineh cit., tav. xxxiv.c

Fig. 4. La valle del Nilo in Egitto

Image 10000000000001C60000026380B52A61.jpg

Fonte: S.E. Sidebotham - M. Hense - H.M. Nouwens,The Red Land cit., p. 39

Fig. 5. Il Delta del Nilo

Image 10000000000001C6000001004E02492A.jpg

Fonte: P. Chuvin - J. Yoyotte, Documents relatifs au culte pélusien de Zeus Casios, in «Revue Archéologique», 1986, p. 43; immagine adattata, trattata da M.D. Vittozzi

Notes

1 Y. Koenig, Conclusion. La magie égyptienne: pour une meilleure prise en compte de la magie, in Y. Koenig (a cura di), La magie en Égypte: à la recherche d’une définition, Atti del convegno (Paris, 29-30 settembre 2000), Paris 2002, pp. 397-413.

2 E. Teeter, The Presentation of Maat: Ritual and Legitimacy in Ancient Egypt, Studies in Ancient Oriental Civilization 57, Chicago 1997.

3 G. Capriotti Vittozzi, Il fiume e gli acquitrini, in A. Roccati - G. Capriotti Vittozzi (a cura di), Egitto, Terra del Nilo, Catalogo della mostra (San Benedetto del Tronto, 14 luglio-30 ottobre 2002), Poggibonsi 2002, pp. 110-115.

4 A. Roccati, La conception rituelle du désert chez les anciens Égyptiens, in Le désert, image et réalité (Cahiers du Centre d’études pour le Proche-Orient ancien 3), Atti del convegno (Cartigny 1983), Leuven 1989, pp. 127-130; Id., Il deserto, in A. Roccati - G. Capriotti Vittozzi (a cura di), Egitto, Terra del Nilo cit., pp. 140-141.

5 H. Altenmüller, Papyrusdickicht und Wüste. Überlegungen zu zwei Statuenensembles des Tutanchamun, in «Mitteilungen des Deutschen Archäologischen Instituts Abteilung Kairo», xlvii (1991), pp. 11-19.

6 S.H. Aufrère, L’univers minéral dans la pensée égyptienne (Bibliothèque d’études 105.1), Il Cairo 1991, pp. 4-32.

7 A. Erman - H. Grapow, Wörterbuch der Ägyptischen Sprache, Berlin 1982, vol. I, pp. 17-19.

8 B.E. Shafer, Temples, Priests and Rituals. An Overview, in B.E. Shafer et al. (a cura di), Temples of Ancient Egypt, Ithaca, New York 1997, p. 8. Per una buona sintesi sull’argomento cfr. G. Hölbl, Il tempio nell’antico Egitto, in A. Roccati - G. Capriotti Vittozzi (a cura di), Egitto, Terra del Nilo cit., pp. 96-103.

9 S. Wenig, Aker, in W. Helck - W. Westendorf (a cura di), Lexikon der Ägyptologie, Wiesbaden 1975, vol. I, pp. 114-115.

10 G. Capriotti Vittozzi, Note sull’‘interpretatio’ dell’Egitto nel Medioevo. Leoni e sfingi nella Roma medievale, in P. Minà (a cura di), ‘Imagines et iura personarum’ nell’Egitto antico, Atti del ix Convegno Internazionale di Egittologia e Papirologia per i novanta anni di Sergio Donadoni (Palermo, 10-13 novembre 2004), Palermo 2006, pp. 43-59.

11 B. Bruyère, La tombe n. 1 de Sen-nedjem à Deir el Médineh, Il Cairo 1959, tav. xxxiv.c.

12 B. Bruyère, Mrt Seger à Deir el Médineh (MIFAO 58, I-II), Il Cairo 1929-30, pp. 134-138.

13 S.H. Aufrère, L’univers minéral cit., pp. 11, 21-22.

14 A. Loprieno, Viaggi e paesaggi nella letteratura egizia, in A. Roccati - G. Capriotti Vittozzi (a cura di), Egitto, Terra del Nilo cit., pp. 87-91.

15 Oltre all’ampia bibliografia di S.H. Aufrère, cfr. A. Castiglioni et al., L’Eldorado dei Faraoni, Novara 1995; B.M. Sampsell, A Traveler’s Guide to the Geology of Egypt, Il Cairo-New York 2003, pp. 154-164; S.E. Sidebotham - M. Hense - H.M. Nouwens, The Red Land. The Illustrated Archaeology of Egypt’s Eastern Desert, Il Cairo-New York 2008.

16 B.M. Sampsell, A Traveler’s Guide cit., pp. 137-153; O.E. Kaper - W.Z. Wendrich, East and West in Roman Egypt. An Introduction to ‘Life on the Fringe’, in O.E. Kaper (a cura di), Life on the Fringe: Living in the Southern Egyptian Deserts during the Roman and early-Byzantine Periods, Atti del convegno (Il Cairo, 9-12 dicembre 1996), Leiden 1998, pp. 1-4; S.H. Aufrère, L’univers minéral dans la pensée égyptienne: essai de synthèse et perspectives (Autour de l’univers minéral x), in «Archéo-Nil», vii (1997), pp. 121-122.

17 A. Lemaire, Les phéniciens et le commerce entre la Mer Rouge et la Mer Méditerranée, in E. Lipin´ski (a cura di), Phoenicia and the East Mediterranean in the First Millennium B.C. (Studia Phoenicia v), Atti del convegno (Leuven, 14-16 novembre 1985), Leuven 1987, pp. 49-60; S.H. Aufrère, Le ‘champ divin’ de Bastet à Bubastis, l’albâtre, les parfums et les curiosités de la Mer Rouge (Autour de l’univers minéral xi), in R. Gyselen (a cura di), Parfums d’Orient (Res Orientales xi), Bures-sur-Yvette 1998, pp. 65-83.

18 S.H. Aufrère, L’univers minéral cit., p. 9.

19 G. Rosati, Il gebel, i suoi dei e i suoi uomini, in A. Roccati - G. Capriotti Vittozzi (a cura di), Egitto, Terra del Nilo cit., pp. 142-144.

20 A.F. Shore, Egyptian Cartography, in J.B. Harley - D. Woodward (a cura di), The History of Cartography: Cartography in Prehistoric, Ancient and Medieval Europe and the Mediterranean, London 1987, vol. I, pp. 121-124.

21 Gli interventi recenti di D. Meeks (con bibliografia precedente) nel lungo dibattito dimostrano che il paese di Punt andrebbe localizzato lungo la costa occidentale della penisola arabica; cfr. D. Meeks, Coptos et les chemins de Pount, in M.F. Boussac et al. (a cura di), Autour de Coptos, Atti del convegno (Lyon, 17-18 marzo 2000), Lyon 2002, pp. 267-335; Id., Locating Punt, in D. O’Connor - S. Quirke (a cura di), Mysterious Lands, London 2003, pp. 53-80.

22 P.M. Laisney, Les encensoirs égyptiens en forme de ‘Bras de Horus’ avec une insistance sur les moins connus, in «Orientalia», lxxviii (2009), pp. 229-228.

23 A. Erman - H. Grapow, Wörterbuch cit., vol. IV, p. 180.

24 Hist. ii 73.

25 S.H. Aufrère, L’univers minéral cit., p. 37; Id., L’univers des minéraux et des métaux précieux dans l’Égypte ancienne, in A. Caubet (a cura di), Cornaline et pierres précieuses: la Méditerranée, de l’antiquité à l’Islam, Atti del convegno (Paris, 24-25 novembre 1995), Paris 1999, pp. 357-371; Id., Autour de l’univers minéral X cit.

26 Id., L’univers minéral cit., pp. 9-10, 22, passim.

27 Id., L’univers des minéraux cit., p. 366; Id., Autour de l’univers minéral X cit.

28 Id., Religious Perceptions of the Mine in the Eastern Desert in Ptolemaic and Roman Times (Autour de l’univers minéral viii), in O.E. Kaper (a cura di), Life on the Fringe cit., p. 8; Id., L’univers des minéraux cit.; Id., Autour de l’univers minéral X cit., p. 128.

29 Lo stesso sovrano è esploratore del deserto per la ricerca dei minerali, assumendo il ruolo di alcune divinità, in particolare Min; cfr. J. Yoyotte, Une epithète de Min comme explorateur des régions orientales, in «Revue d’égyptologie», ix (1952), pp. 125-137; S.H. Aufrère, Les trésors dans les temples égyptiens, in A. Caubet (a cura di), Cornaline et pierres précieuses cit., p. 279.

30 B. Aston - J. Harrell - I. Shaw, Stone, in P.T. Nicholson - I. Shaw (a cura di), Ancient Egyptian Materials and Technology, Cambridge 2000, pp. 57-58; B.M. Sampsell, A Traveler’s Guide cit., pp. 160-161.

31 Per una sintesi sul valore di questi, cfr. E.M. Ciampini, Gli obelischi iscritti di Roma antica, Roma 2004, pp. 17-35.

32 S.H. Aufrère, The Egyptian Temple, Substitute for the Mineral Univers, in W.V. Davis (a cura di), Colour and Painting in Ancient Egypt, London 2001, pp. 158-163; Id., Autour de l’univers minéral X cit., p. 125; G. Capriotti Vittozzi, La Montagna dell’Occidente, luogo del Divino. Note per una ricerca egittologica all’interno del progetto ‘Convento Rosso’, in B. Mazzei (a cura di), Progetto pilota Deir el Ahmar, Deir Anba Bishoi ‘Convento Rosso’, introduzione di S. Casartelli Novelli, Roma 2004, pp. 49-64.

33 B.E. Shafer, Temples cit., pp. 1-9.

34 S.H. Aufrère, Les trésors cit.

35 Ivi, p. 279.

36 Id., Autour de l’univers minéral X cit.

37 Ivi, pp. 124-125.

38 F. Daumas, Hathor, in W. Helck - W. Westendorf (a cura di), Lexikon der Ägyptologie, Wiesbaden 1977, vol. II, pp. 1024-1033; E. Bresciani (a cura di), Il mito dell’Occhio del Sole, Brescia 1992; D. Inconnu-Bocquillon, Le mythe de la Déesse Lointaine à Philae (Bibliothèque d’études 132), Il Cairo 2001.

39 Cfr. inoltre G. Scandone Matthiae, L’oro e la dorata. Un’ipotesi su un epiteto di Afrodite e di Hathor, in C. Berger - G. Clerc - N. Grimal (a cura di), Hommages à Jean Leclant, Bibliothèque d’études 106.3, Il Cairo 1994, vol. III, pp. 435-440; S.H. Aufrère, Autour de l’univers minéral X cit.

40 Essa è ben testimoniata dai numerosi graffiti lasciati nei vari periodi storici: R.D. Rothe - W.K. Miller, Pharaonic Inscriptions from the Southern Eastern Desert of Egypt, Winona Lake 2008.

41 Sull’argomento cfr. inoltre D. Arnold, The Encyclopaedia of Ancient Egyptian Architecture, Il Cairo 2003, pp. 200-201.

42 I siti scelti a titolo esemplificativo sono a nord di Assuan.

43 S.H. Aufrère, Religious Perceptions cit., pp. 8-9.

44 P.J. Brand, The Monuments of Seti I: Epigraphic, Historical, and Art Historical Analysis, Leiden 2000, pp. 279-281, numero 3.127, con bibliografia precedente; S.H. Aufrère, Religious Perceptions cit., pp. 6, 9; Id., Autour de l’univers minéral X cit., p. 128; S.E. Sidebotham - M. Hense - H.M. Nouwens, The Red Land cit., pp. 112, 114, 306.

45 D. Arnold, The Encyclopaedia cit., p. 83, con bibliografia precedente.

46 P. Ballet et al., Coptos. L’Égypte antique aux portes du désert, Catalogo della mostra (Lyon, 3 febbraio-7 maggio 2000), Paris 2000; Autour de Coptos cit.

47 S.E. Sidebotham - M. Hense - H.M. Nouwens, The Red Land cit., pp. 63-69.

48 Cfr. supra la nota 30.

49 J. Yoyotte, Une epithète de Min cit.; C. Traunecker, Le panthéon du Ouadi Hammâmât, in M.F. Boussac et al. (a cura di), Autour de Coptos cit., pp. 355-383.

50 G. Hölbl, Altägypten im Römischen Reich. Der römische Pharao und seine Tempel, Mainz am Rhein 2000, vol. III, pp. 15-17.

51 S.H. Aufrère, Religious Perceptions cit., p. 6.

52 D. Arnold, The Encyclopaedia cit., pp. 207-208.

53 C. Leitz - D. Mendel - Y. El-Masry, Athribis. II, Der Tempel Ptolemaios XII. Die Inschriften und Reliefs der Opfersäle, des Umgangs und der Sanktuarräume, Il Cairo 2010.

54 N. Baum, La salle de Pount du temple de Repyt à Wennina, in C. Berger - G. Clerc - N. Grimal (a cura di), Hommages à Jean Leclant cit., vol. III, pp. 23-37; S.H. Aufrère, Religious Perceptions cit., p. 7.

55 D. Arnold, The Encyclopaedia cit., p. 226, con bibliografia precedente; H. Goedicke, The Speos Artemidos Inscription of Hatshepsut and Related Discussions, Oakville 2004.

56 S.H. Aufrère, Religious Perceptions cit., p. 7.

57 S.E. Sidebotham - M. Hense - H.M. Nouwens, The Red Land cit., pp. 42-52.

58 J. Baines - J. Málek, Atlante dell’antico Egitto, Novara 1985, p. 21.

59 B.M. Sampsell, A Traveler’s Guide cit., pp. 157-158.

60 G. Posener, Le canal du Nil à la Mer Rouge avant les Ptolémées, in «Chronique d’Égypte», xxvi (1938), pp. 259-273; C.A. Redmount, The Wadi Tumilat and the ‘Canal of the Pharaohs’, in «Journal of Near Eastern Studies», liv (1995), pp. 127-135; E. Bresciani, L’Egitto achemenide. Dario I e il canale del Mar Rosso, in «Transeuphatène», xiv (1998), pp. 103-111.

61 S.H. Aufrère, Le ‘champ divin’ de Bastet cit.

62 Matteo 4, 1-11; Marco 1, 12-13; Luca 4, 1-13.

63 Esodo 33, 20.

64 Esodo 32, 1-35.

65 S.H. Aufrère, Autour de l’univers minéral X cit., p. 128.

66 Id., L’univers minéral cit., p. 18; Id., Autour de l’univers minéral X cit., p. 115.

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable