Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Lontane da casa

Friulane all’estero e in patria nel primo Novecento

Le donne come protagoniste e garanti dell’esperienza migratoria

Javier P. Grossutti

Texte intégral

  • 1 Tra i lavori sull’emigrazione femminile in Friuli si segnalano, per esempio, Cantarutti, Novella, « (...)
  • 2 Ermacora, Matteo, «L’emigrazione dal Friuli. Acquisizioni storiografiche e orientamenti della ricer (...)

1La presenza femminile e il ruolo della donna nei flussi migratori che interessarono il Friuli a partire dall’inizio del Novecento e fino agli anni trenta hanno caratteristiche diverse a seconda del periodo preso in esame e del territorio dal quale mossero le emigranti. Solo lo studio e la riflessione puntuali sulle diverse esperienze che hanno visto le donne coinvolte direttamente o indirettamente in tali flussi possono contribuire ad arricchire il quadro dell’emigrazione di genere in Friuli, che non ha ricevuto molta attenzione da parte degli studiosi1. In una recente rassegna sull’emigrazione friulana, per esempio, la dimensione di genere e il ruolo delle donne in particolare non vengono debitamente approfondite2.

  • 3 Cosattini, Giovanni, L’emigrazione temporanea del Friuli (ristampa anastatica dell’edizione origina (...)
  • 4 P[icotti], G[uido], L’emigrazione femminile, «La Patria del Friuli», 9 dicembre 1906, p. 1; Paoloni(...)

2Nel 1903, l’esponente socialista ed esperto di emigrazione Giovanni Cosattini riporta alcune statistiche sull’emigrazione friulana per il periodo 1888-1902. Secondo lo studioso, l’emigrazione temporanea «è costituita quasi esclusivamente di maschi a differenza dell’emigrazione permanente, la cui forma caratteristica rappresenta un vero esodo di famiglie e nella quale il contingente dato dalle donne per il Friuli dal 1888 al 1900 va dal 26 al 40 per cento, con una media del 38 per cento». Queste donne raggiungono soprattutto le campagne dell’Argentina e del Brasile, alimentando un flusso tendenzialmente permanente che ha come meta principale le zone rurali dei due Paesi. Il contingente femminile nell’emigrazione temporanea europea, invece, è molto limitato. Aggiunge Cosattini: «Per lungo ordine d’anni esso non raggiunse mai il 3 per cento; da qualche anno a questa parte presenta invece una certa tendenza all’accrescimento, sino infatti a raggiungere quasi la proporzione del 5 per cento»3. Il progressivo aumento della presenza femminile nei flussi migratori stagionali che muovono dal Friuli è confermato nel 1906 da Guido Picotti, responsabile dell’Ispettorato provinciale del lavoro di Udine: «È da qualche anno soltanto che le donne friulane principiarono ad unirsi alle comitive degli operai per varcare il confine in cerca d’una fortuna e d’un miglioramento ipotetici e spesso inesistenti. E ogni anno vediamo ingrossare le file di queste disgraziate che partono con l’illusione nel cuore e ritornano vinte ed abbrutite»4. Mentre le donne che raggiungono le campagne argentine e brasiliane negli ultimi due decenni dell’Ottocento si occupano, come in patria, dei lavori domestici, accudiscono i propri figli e aiutano nelle faccende campestri, quelle che si trattengono in Europa svolgono attività diverse. Osserva Cosattini:

  • 5 Cosattini, L’emigrazione temporanea del Friuli cit., p. 37.

Le donne [che emigrano nei paesi europei] si rivolgono nella maggioranza alle medesime occupazioni che sono ricercate dagli uomini, e che sono distinte appunto da una assoluta periodicità. Il massimo contributo è dato dalla categoria delle giornaliere e braccianti e da quella delle addette all’agricoltura, che insieme raggiungono ben il 60 per cento delle donne emigranti. Seguono le nutrici e le domestiche, col 19 per cento, la qual cifra sarebbe notevolmente superiore, se comprendesse anche l’emigrazione interna5.

3Le giornaliere e le braccianti, precisa Cosattini, sono occupate nelle fornaci

  • 6 Ivi, p. 38.

a trasportare il materiale che esce dalle macchine, a mondarlo dalle imperfezioni dello stampo, a raccoglierlo in cataste; oppure preparano il cibo, lavano e curano la biancheria a gruppi di emigranti, per lo più loro compaesani, che le pagano. Sono occupate ancora come manovali nel trasporto della calcina e dei mattoni. Se coniugate accompagnano i rispettivi mariti, se zitelle quasi sempre i fratelli od i genitori, hanno per alloggio locali separati. […] I salari che percepiscono sono poco più elevati di quelli dei fanciulli. Esse però superano sempre gli uomini in una maggiore tenacia di risparmio6.

  • 7 Gortani, Giovanni, «La sfilera», in Id., Bozzetti alpini. Novelle carniche, Udine, Libreria Editric (...)

4Destinazioni e modalità migratorie, quindi, sono identiche a quelle dei maschi. Assieme ai mariti, segantini nelle valli carinziane, per esempio, lavorano le «sfilere», le quali si occupano di aiutare gli uomini a raffilare le assi di legno, di portare fuori dalla segheria il tavolame e di accatastarlo a stagionare7.

  • 8 Cosattini, L’emigrazione temporanea del Friuli cit., p. 38.

5A margine di questi flussi esteri, alcune donne e ragazze lasciano le campagne friulane per recarsi a lavorare temporaneamente negli stabilimenti industriali di città vicine e lontane, soprattutto del Piemonte e della Lombardia, spesso sotto la custodia e la direzione di religiose. Scrive Cosattini: «Altra emigrazione di carattere temporaneo, ma di lieve importanza, è quella che si verifica da qualche anno verso cotonifici e stabilimenti di tessitura, ove vengono attirate in gruppi di 15-20 per lo più dello stesso paese, con buone promesse e con contratti di lavoro per 2 anni»8. Mentre rileva la difficile condizione delle donne emigrate, Cosattini non tace sul duro lavoro in patria delle contadine e casalinghe divenute operaie:

  • 9 Ibidem.

È certo che questa vita collettiva lontana dalla famiglia con un lavoro gravoso è tutt’altro che meritevole di incoraggiamento, anche in vista dei maggiori salari che percepiscono e dei discreti risparmi che riescono ad accumulare. Tuttavia essa non è molto peggiore di quella delle nostre filatrici di seta, che dal contado affluiscono alla città, ricevendo vitto ed alloggio nelle filande, con orari estenuanti ed irrisori salari9.

  • 10 Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, Direzione Generale della Statistica, Annali di sta (...)
  • 11 Ivi, p. 81.
  • 12 Ivi, p. 91.

6Negli ultimi decenni dell’Ottocento e lungo tutto il periodo che intercorre fino agli anni quaranta del Novecento, infatti, il settore tessile rappresenta l’attività industriale più importante dell’allora provincia di Udine. Nel 1890 il Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio stima in 21.793 il numero complessivo dei lavoranti nelle varie industrie friulane: quella tessile accoglie oltre il 50 per cento degli occupati (11.307 unità, rispettivamente 6792 appartenenti al settore della seta e 4237 a quello del cotone, mentre le restanti 278 sono operaie e operai di tintorie e di stabilimenti per la fabbricazione di tessuti reticolati, nastri di cotone, maglierie e cordami); l’industria mineraria, meccanica e chimica (4698 addetti), quella alimentare (1745 addetti), le industrie tipografiche e litografiche, le tornerie, i mobilifici, le segherie, le concerie, le cartiere e così via (4043 addetti), per un totale di 10.486 lavoratori, impiegano il restante 48 per cento degli operai10. La trattura della seta è il settore che occupa la percentuale più alta di manodopera: «La trattura si esercita attualmente [nel 1890] in 154 opifici, sparsi in 55 comuni della provincia [di Udine]. Occupano nell’insieme 6003 operai, per la massima parte femmine adulte (4512), che lavorano in media per circa 200 giorni dell’anno»11. L’industria della tessitura del cotone, invece, «è esercitata in Friuli in 7 grandi opifici meccanici ed in altri minori ed occupa 1860 persone, in gran parte femmine adulte (1045) per 270 giorni in media all’anno»12.

  • 13 Picotti, Guido, Le condizioni dell’industria nella provincia di Udine. Note sull’emigrazione e sull (...)

7Nel 1914 Guido Picotti pubblica un rapporto sulle condizioni dell’industria nella provincia di Udine: il lavoro è il risultato di quattro anni d’indagini, condotte dal momento in cui è stato istituito l’Ispettorato nel 1910. Secondo Picotti, la manodopera occupata nell’industria è costituita da 11.470 maschi contro 15.695 femmine (per un totale di 27.165 addetti): «Queste ultime costituiscono quindi il 58 per cento della maestranza occupata nell’industria. I maschi differiscono dalle femmine per la costanza e stabilità al lavoro industriale […] Le donne invece non costituiscono una maestranza stabile; non sono, in una parola, operaie industriali»13. L’instabilità della manodopera femminile, tuttavia, è una delle caratteristiche stesse dell’industria tessile, che vede un ricambio permanente delle lavoratrici. Secondo il rapporto, le filande per la trattura della seta, i cotonifici, gli stabilimenti per la tessitura del cotone e per la lavorazione di fibre tessili impiegano 12.096 donne (che rappresentano il 77 per cento di tutte le donne occupate nell’industria).

  • 14 Grossutti, Javier P., Chi d’una parte chi dall’altra. Emigranti di Bonzicco, Carpacco, Dignano e Vi (...)

8La presenza, in un paese, o in una determinata zona, di filande, cotonifici, setifici e cascamifici, quindi, riveste un ruolo fondamentale nell’andamento, nelle dimensioni e nelle caratteristiche dell’emigrazione femminile. Questi stabilimenti industriali disseminati a macchia di leopardo su tutto il territorio friulano offrono reali possibilità di lavoro che sono invece per lo più incerte nell’Europa centrale, dove i mestieri maggiormente richiesti sono legati all’edilizia e dove l’ingaggio è temporaneo. Molti uomini partono stagionalmente da soli, senza moglie e figli al seguito, probabilmente perché le donne contribuiscono all’economia familiare con il lavoro salariato, anche se intermittente, in filande e cotonifici: per molte friulane, dunque, l’emigrazione avrebbe sottratto, e non aggiunto, risorse all’economia familiare. Nel 1878 a Dignano e Bonzicco, due comunità collocate a ridosso del fiume Tagliamento nella pianura centrale friulana, la chiusura provvisoria della filanda rompe un equilibrio precario basato sul binomio tra l’attività agricola familiare in proprio o in colonia (che spesso non garantisce l’autosufficienza) e gli scarsi proventi del lavoro di donne e ragazze setaiole. In un contesto economico depresso come quello delle campagne friulane, la crisi della filanda, sommata al peggioramento delle condizioni dei patti colonici imposti da alcuni proprietari terrieri di Dignano e Bonzicco, determina l’emigrazione di molti contadini: si tratta, tuttavia, di partenze temporanee e pluriennali, anche se dirette oltreoceano, in Argentina. Nel territorio comunale di Dignano, infatti, l’emigrazione è un flusso sostanzialmente maschile perché le donne lavorano, almeno fino alla chiusura definitiva, tra gli anni quaranta e cinquanta del Novecento, nelle filande presenti nel capoluogo e nella vicina frazione di Carpacco14.

  • 15 Ufficio Provinciale del Lavoro di Udine, Inchiesta sulle condizioni di lavoro dei salariati e dei c (...)
  • 16 Ibidem.
  • 17 Picotti, Guido, Le donne e i fanciulli nell’emigrazione d’oltre il Tagliamento, «La Patria del Friu (...)
  • 18 Id., Le donne e i fanciulli nell’emigrazione carnica, «La Patria del Friuli», 8 agosto 1909, p. 1.
  • 19 Ibidem.
  • 20 Id., L’intensità del fenomeno migratorio nel Circondario di Udine, «La Patria del Friuli», 28 ottob (...)

9Nel 1909, l’Ufficio provinciale del lavoro di Udine valuta in 9880 le donne friulane emigrate nei Paesi europei: rappresentano l’11 per cento del totale degli emigranti stagionali (pari a 89.315 su una popolazione di 688.429 abitanti)15. Il circondario di Tolmezzo contribuisce con 1896 donne, quello di Udine con 5344, quello di Pordenone con 2640. In alcuni distretti l’incidenza dell’emigrazione femminile sul totale degli emigranti stagionali è particolarmente elevata. Nel distretto di Moggio del circondario di Tolmezzo, per esempio, le donne emigranti sono 1185 su un totale di 5850 stagionali, pari al 20,2 per cento. Nel distretto di Maniago del circondario di Pordenone, su 6823 emigranti le donne rappresentano il 15,32 per cento (pari a 1045 unità). Nel circondario di Udine, il distretto che presenta la percentuale più elevata di emigranti donne sul totale degli stagionali è quello di Gemona, con il 16,4 per cento (1500 donne su 9150 emigranti stagionali)16. Una lettura più dettagliata del fenomeno permette di individuare borghi e paesi che all’interno dei distretti mostrano la maggiore percentuale di donne che partono. Nel distretto di Maniago, il comune di Erto e Casso conta 600 donne emigranti su un’emigrazione di circa 1000 individui, cioè il 60 per cento, mentre il comune di Sequals conta 500 donne su circa 2000 emigranti, vale a dire il 25 per cento17. Nel distretto di Moggio, «Resia da sola conta un migliaio di donne emigranti, cioè 33,33 per cento circa» dei 3000 emigranti, scrive Picotti18. Nel distretto di Gemona, il comune di Buia conta 900 donne su 3500 emigranti (pari al 25,7 per cento). Nei quattro casi sopramenzionati, la forte presenza femminile nei flussi migratori riflette cause ben precise. Nel comune di Resia, nelle Prealpi Giulie, dove emigra il 65 per cento circa della popolazione (3000 emigranti su 4599 abitanti, la più alta percentuale di tutto il Friuli), «emigrano molti negozianti in agrumi, i quali per le condizioni di tale commercio, si portano lontano anche la moglie e spesso anche i figli»19. Nel caso di Buia, oltre alle donne occupate stagionalmente nei paesi dell’Europa centrale come portatrici di malta, nel lavaggio dei vestiti e nella preparazione dei pasti nei cantieri edili e nelle fornaci per conto di nuclei di emigranti compaesani o di parenti, un buon numero lavora anche come setaiole20. Nel comune di Erto e Casso le donne, per antica consuetudine migratoria, si dedicano al commercio girovago: le «sedonere» (da «sedon», cucchiaio in friulano), come vengono chiamate, smerciano oggetti di legno lavorato greggio o lucido di uso domestico (mestoli e cucchiai in legno, porta abiti e così via) e oggetti di chincaglieria. Nell’emigrazione dal comune di Sequals, infine, la presenza femminile è costituita dalle mogli dei mosaicisti e terrazzieri (costruttori di pavimenti in battuto, conosciuti anche come terrazzi alla veneziana) presenti in molti paesi europei e d’oltreoceano i quali, potendo lavorare anche durante il periodo invernale ed essendo spesso titolari di imprese, si trattengono stabilmente all’estero e richiamano, quindi, tutta la famiglia.

  • 21 Arpea, Mario, «Lavoratori italiani in Siberia e Manciuria», Affari Sociali Internazionali, x, 3, 19 (...)

10Nei primi anni del Novecento, non poche donne della pedemontana del Friuli occidentale si spingono addirittura in Siberia, dove scalpellini loro compaesani di Forgaria e della Val d’Arzino sono impegnati nella costruzione dei viadotti e dei ponti della Transiberiana: «Benefica risultava allora la rara presenza di alcune mogli di scalpellini friulani, che avevano coraggiosamente seguito i loro uomini fin laggiù e che volentieri si adoperavano per rendersi utili a tutta la comunità»21.

  • 22 Lettera della Regia Prefettura della Provincia di Udine ai sindaci del 1° circondario, 28 dicembre (...)
  • 23 Holmes, Madelyn, Forgotten Migrants. Foreign Workers in Switzerland before World War i, Rutherford, (...)
  • 24 Ivi, p. 93.
  • 25 Danieli Camozzi, Maria Lisa, La tutela delle donne e dei fanciulli italiani in Europa, relazione pr (...)

11Da alcuni paesi del Friuli, donne e ragazze partono anche per le fabbriche di merletti a macchina del cantone di San Gallo, in Svizzera. L’arruolamento, come segnala il prefetto di Udine il 28 dicembre 1911, avviene tramite gli agenti delle fabbriche, che percorrono alcune zone del Friuli. Per il console italiano a San Gallo «il maggior numero di ragazze arruolate per le dette fabbriche proviene dal Veneto e specialmente da Enemonzo, Forni [Avoltri], Montenars, Prata di Pordenone, Brugnera, Tarcento, ecc.», tutte località dell’allora circondario di Udine22. A San Gallo, le donne operaie occupano una particolare nicchia lavorativa, quella del ricamo a macchina, mentre i loro compaesani maschi sono soprattutto impegnati nel settore edile. Nei quindici anni che precedono la Prima guerra mondiale, il settore del ricamo attraversa una fase di notevole espansione: «The sudden and enormous expansion of embroideries was the result of the introduction of the Schiffchenstickmaschine and the effect that this machine had on production methods»23. In effetti, «[n]ot only did the Schiffchenstickmaschine make possible wide-scale employment of females and youths in the embroidery industry, but it also enabled the industry to employ a relatively large number of foreign workers. In 1911, 25 percent of the factory labor force in this branch of the textile industry were non-Swiss»24. Nel 1911, infatti, dei 7282 operai e operaie stranieri delle fabbriche svizzere di merletti a macchina 1463 sono tedeschi, 1072 austro-ungarici e ben 4717 italiani. Nel 1916, Maria Lisa Danieli Camozzi, presidente del Segretariato permanente femminile per la tutela delle donne e dei fanciulli emigranti, stima in 4000 le ragazze italiane che lavorano, spesso a cottimo, nel cantone di San Gallo: quasi tutte sono venete, molte della provincia di Treviso25.

  • 26 Pisa, Beatrice, «Il Segretariato permanente femminile per la tutela delle donne e dei fanciulli emi (...)
  • 27 Per un elenco delle operaie emigranti si veda Ceconi, «La condizione femminile» cit., pp. 46-49, 53 (...)
  • 28 Lorenz, Jakob, Zur Italienerfrage in der Schweiz, Zurich, Borsig, 1908, p. 10 (citato in Holmes, Fo (...)

12La maggior parte delle ragazze che lavora nelle fabbriche tessili della Svizzera alloggia nelle residenze costruite dalle aziende del settore, ma anche in convitti e pensionati gestiti da religiose e missionari bonomelliani (i cosiddetti Heime)26. Nella piccola località carnica di Forni Avoltri, a ridosso del confine con la provincia di Belluno e specificamente con la località di Sappada, la Svizzera rappresenta una destinazione raggiunta marginalmente dagli uomini, ma le donne che partono per lavorare nelle fabbriche di pizzo di San Gallo tra 1900 e 1913 sono quasi sessanta27. Per molte donne l’esperienza lavorativa negli opifici di San Gallo è spesso finalizzata ad aiutare materialmente le proprie famiglie, ma anche al risparmio di una somma di denaro per prepararsi la dote. In effetti, si tratta soprattutto di giovani ragazze: il flusso migratorio italiano che interessa il settore del ricamo «involved mostly girls aged fourteen to twenty years, who as a rule were imported directly by the enterprise and were prized as a cheap work force»28.

  • 29 Ceconi, «La condizione femminile» cit., p. 50.
  • 30 Grandi, Casimira, Donne fuori posto. L’emigrazione femminile rurale dell’Italia postunitaria, Roma, (...)
  • 31 Camera del Lavoro. Sottoscrizione pro «cotoniere e cotonieri», «Il Lavoratore Friulano», 25 maggio (...)
  • 32 Per la «Propaganda invernale» in Friuli, «Il Lavoratore Friulano», 12 ottobre 1907, p. 2.
  • 33 Sottoscrizione permanente, «Il Lavoratore Friulano», 18 luglio 1908, p. 4.

13A differenza di quello maschile, il soggiorno svizzero delle operaie di Forni Avoltri dura qualche anno (fino ad un massimo di tre) e il rientro in paese è seguito sia da un nuovo espatrio che dalla decisione di trattenersi definitivamente in patria, dove le donne «rientravano» anche nel ruolo di mogli, madri e responsabili della gestione dell’economia familiare. Il lavoro salariato nella Confederazione rappresenta, tuttavia, un momento di emancipazione: «Per le donne di Forni Avoltri addette alla lavorazione dei pizzi e dei tessuti in genere, la qualifica di operaia era comunque vissuta come una conquista in ambito sociale e lavorativo»29. Benché sottoposte a ritmi di lavoro pressanti, per molte donne «la dislocazione dello spazio lavorativo lontano dalla propria casa era fondamentale per l’emancipazione»30. Tra 1907 e 1908, per esempio, il periodico settimanale socialista Il Lavoratore Friulano, edito a Udine, pubblica una serie di sottoscrizioni di operaie di Forni Avoltri a San Gallo. Il 25 maggio 1907 le «Sorelle Del Fabbro I, Sorelle Romanin, Sorelle Del Fabbro II» inviano una lira ciascuna «sperando non sia lontano il giorno in cui le nostre sorelle di fatica lottando più compatte riescano a vincere la prepotenza del capitale»; nella stessa pagina «Romanin D. 0,50 L, Romanin G. 0,50 L, Romanin S. 0,50 L e Del Fabbro C. 0,70 L», tutte lavoratrici di Forni Avoltri a San Gallo, sottoscrivono «protestando contro i malviventi che osarono alzare la mano contro le nostre sorelle scioperanti mandiamo loro il saluto della solidarietà più affettuosa»31. Le operaie carniche di San Gallo solidarizzano con le colleghe del «Cotonificio Udinese» che, dopo aver ingaggiato uno sciopero per migliorare le condizioni salariali e lavorative, sono state costrette a sospendere la protesta. Qualche mese dopo, il 12 ottobre 1907, «operai ed operaie di Langass (San Gallo)» tra cui «Romanin Giacomo 0,20 L, Del Fabbro Giovanni 1 L, Romanin Giacomo «portil» 0,40 L, Romanin Rossetti Teresa 20 L, Romanin Giuseppe 50 L, Romanin Cipriano 0,50 L, Del Fabbro A. 20 L, Del Fabbro G. 30 L» sottoscrivono «per la propaganda invernale in Friuli»32. Assieme ad altri emigranti carnici, il 18 luglio 1908 «Romanin Luigia salutando tutti [gli] emigranti di Forni Avoltri» e «Romanin Giacomo protestando contro l’ipocrisia clericale» sottoscrivono da San Gallo con 20 e 30 lire rispettivamente33.

14Quasi tutte le donne di Forni Avoltri partite nei primi anni del Novecento ritornano in patria prima della Grande Guerra. Ricorda Bianca Cadore:

  • 34 Del Fabbro, Novella e Vucusa, Annalisa, «Testimonianze ed interviste», in Ceconi (a cura di), Donna (...)

Mia madre [Teresa Del Fabbro] era del 1886 ed è andata in Svizzera prima della I Guerra Mondiale insieme ad altre donne del paese […] Si era trovata bene: vivevano tutte insieme e facevano pezzi a macchina in una fabbrica tessile. Cercavano di risparmiare il più possibile, per mandare soldi a casa. A volte mangiavano pane e cioccolato per non spendere. La mamma aveva vent’anni e si è sposata a Toblat, in Svizzera, nel 1906 con Cadore Luigi, nato a Lauco il 9 novembre 1883. Sono rimasti là fino al 1911 e quando è nato il primo figlio, nel 1912, erano già rientrati in paese […] Sono tornate tutte più o meno nello stesso periodo, prima della I Guerra. La località [dove lavorava mia mamma] era St. Fiden, periferia di San Gallo34.

15Prima della Grande Guerra, le donne friulane, quelle della pianura centrale in particolare, raggiungono talvolta anche il Canada, soprattutto le province occidentali, British Columbia e Alberta specialmente. La scelta degli abitati di Frank, Coleman e Blairmore (Alberta) e di Michel (British Columbia) ha motivazioni precise. Il completamento del tratto ferroviario nella zona di Crowsnest Pass, ultimato nel 1898 dalla Canadian Pacific Railway, permette l’avvio dello sfruttamento minerario in questa parte delle Montagne rocciose. A partire dal 1903, e soprattutto dal 1904, infatti, il Canada attira molti lavoratori e prende il posto dell’Argentina come meta dell’emigrazione transatlantica friulana:

  • 35 Picotti, Guido, Il soggiorno lontano dei nostri emigranti, «La Patria del Friuli», 3 novembre 1909, (...)

L’America [del sud] non ha più le grandi attrattive di anni addietro pei nostri operai, i quali in quest’ultimo ventennio hanno man mano abbandonato quasi l’idea dell’emigrazione transoceanica, ch’è andata sempre riducendosi per modo che oggi partono pochissimi […] Sono quasi un’eccezione, adesso, i contadini che vanno in America dal Friuli. L’emigrazione transoceanica nostra attuale è composta in gran parte di minatori, braccianti, sterratori e preferiscono l’America del Nord. Si occupano nei grandi lavori edilizii e ferroviari, nelle colossali costruzioni americane di varia natura. Specialmente il Canada è meta dei nostri emigranti transoceanici, i quali non vanno però per restare laggiù, ma per rimpatriare, dopo un periodo d’anni più o meno lungo, a seconda della fortuna e di altre varie ragioni d’economia e d’interesse35.

  • 36 Harney, Robert, «Il re dei lavoratori italiani di Montreal: un caso esemplare di padronismo», in Id(...)
  • 37 Ivi, pp. 145 e 284.
  • 38 Commissariato Generale dell’Emigrazione, Annuario statistico dell’emigrazione italiana dal 1876 al (...)

16Nel 1903, la Canadian Pacific Railway ingaggia, tramite Antonio Cordasco, agente marittimo, «banchista» e direttore di un’agenzia di collocamento nella città di Montreal, più di 3500 lavoratori italiani provenienti soprattutto dalle province meridionali, dal Veneto e dal Friuli. Il Ministero di Agricoltura Industria e Commercio segnala la cancellazione per emigrazione in Canada di 206 persone originarie dalla provincia di Udine. Si tratta, in quasi tutti i casi, di emigranti stagionali o pluriennali, di «target migrants», secondo la definizione di Robert Harney, vale a dire di persone che intendevano rimanere nel paese ospite solo per un periodo limitato di tempo, in funzione dello scopo («target») che si erano prefissi. «Non erano venuti nel Nord America per stabilirvisi, ma per guadagnare abbastanza da cambiare le proprie condizioni di vita nel vecchio mondo. […] Una sola campagna di lavoro li metteva in condizione di risparmiare denaro da spedire a casa; e, restando per più stagioni, potevano racimolare un gruzzolo tale da non dovere più ritornare»36. Non a caso, nel 1908 per esempio, la media delle rimesse provenienti dal Canada, pari a 221 lire, è la più alta tra quelle inviate dai paesi di emigrazione oltreoceano maggiormente frequentati dagli italiani (Argentina 194 lire, Stati Uniti 185, Brasile 168)37. I vantaggi economici offerti dal lavoro in Canada sembrano attirare i quasi 800 friulani, in buona parte originari del distretto di Codroipo, che raggiungono il Paese del Nord America nel corso del 1904. Dopo il 1905, e fino allo scoppio della Grande guerra, le partenze dal Friuli per il Canada seguono un andamento relativamente stabile, con forti impennate soprattutto nel 1906 (con 1100 espatri) e nel biennio 1912-1913, quando verso il Dominion emigrano quasi 4000 abitanti originari della provincia di Udine38.

  • 39 Picotti, Guido, I caratteri economico-sociali dell’emigrazione d’oltre Tagliamento, «La Patria del (...)

17Guido Picotti conferma le motivazioni della preferenza per il Canada accordata dai friulani, vale a dire «il maggior guadagno di quell’emigrazione che si dirige in America», rispetto all’emigrazione stagionale nell’Europa centrale39. Si tratta di una scelta che cerca di massimizzare i benefici economici del lavoro all’estero, che ha come scopo l’accumulazione di denaro da utilizzare, in patria, per pagare debiti (tasse e ipoteche), per l’acquisto di terra o per la costruzione e il miglioramento della propria abitazione. Oltreoceano, gli emigranti si trattengono qualche anno e il rientro in patria è spesso seguito da una nuova partenza, perché più stagioni lavorative in Canada consentono di accumulare risorse da impiegare in Friuli. Sono numerosi, tuttavia, i trasferimenti in pianta stabile di interi nuclei familiari, e quindi anche di donne che, nella maggior parte dei casi, si occupano delle faccende domestiche e dei figli.

  • 40 Musoni, Francesco, Sull’emigrazione, specialmente temporanea, dal Veneto e più particolarmente dal (...)
  • 41 Fascicolo emigrazione, Archivio della Biblioteca Civica di Vigonovo.
  • 42 Atti della Giunta per la Inchiesta Agraria e sulle condizioni della classe agricola, iv, Relazione (...)
  • 43 Sul fenomeno delle «aleksandrinke» si veda, per esempio, Makuc, Dorika, Aleksandrinke, Gorica, Gori (...)

18Particolarmente interessante è il percorso migratorio delle balie da latte di Vigonovo e di Ranzano di Fontanafredda (a ridosso del confine con il Veneto), e in parte anche di Aviano, le quali, tra Ottocento e Novecento, ma soprattutto nei primi anni del secolo scorso, raggiungono numerose Il Cairo e Alessandria d’Egitto per lavorare presso famiglie benestanti europee dell’allora cosmopolita città africana40. Le balie partono con documenti regolari e con un contratto di lavoro; al fine del rilascio del nulla osta le autorità italiane assicurano sull’«onestissima fama» di queste donne e sulle ragioni dell’espatrio, che sono quelle di «assistere la propria famiglia». Il viaggio in piroscafo da Venezia ad Alessandria d’Egitto (e viceversa) dura sei giorni. Da una lettera giunta a Vigonovo, spedita dall’Egitto da una balia e indirizzata al marito incaricato di intercedere per far arrivare notizie alla compaesana Ida Del Fiol della vicina Ranzano, intenzionata a partire come balia, si legge: «La paga sono 7 lire 79 e se le cose va bene sarà di più, sono catolichi [h]anno 3 bambini con cuesto che vegnerà alla luce»41. Questi flussi interessano non soltanto la zona di Fontanafredda, Aviano e alcuni villaggi dei dintorni, ma anche Povoletto. Nel 1882 Emilio Morpurgo osserva, infatti, che nel piccolo borgo alla periferia di Udine «s’affaccia la povertà quotidiana, inesorata, spaventosa, anche a famiglie di piccoli proprietari, e la causa che spinge questa gente, maschi e femmine, alcune di queste ultime fino nel Cairo, ad uffici di balie (da Povoletto e da Romanzano [potrebbe trattarsi della vicina località di Remanzacco]) al “miserabile delirio” dell’emigrazione, è la mancanza di lavoro»42. Si tratta di un’emigrazione autonoma da quella maschile, perché gli uomini raggiungono solo marginalmente l’Egitto. Un flusso consistente di donne che si collocano come personale domestico ma anche come cameriere e levatrici si manifesta in larga parte del Goriziano, specialmente nella valle del Vipacco, a ridosso del confine tra Italia e Slovenia, e anche in Istria43. Nella valle del Vipacco le donne che raggiungono l’Egitto sono chiamate «aleksandrinke» (alessandrine).

19In sintesi, si potrebbe dedurre che, fino alla Grande Guerra, le donne, quando emigrano, seguono di regola il marito, i familiari e i compaesani per lavorare nello stesso settore degli uomini, oppure occupano nicchie lavorative autonome come ad esempio le «sedonere», le setaiole, le operaie nelle fabbriche di merletti, le cameriere, le balie, le domestiche. Fino allo scoppio della Prima guerra mondiale, tuttavia, il contributo quantitativo delle donne ai flussi migratori friulani è piuttosto contenuto. Nel periodo giolittiano il modello migratorio più diffuso è maschile, temporaneo o pluriennale, e in quasi tutti i casi prevede, dopo una o più stagioni migratorie, il rientro in patria. Le donne non emigrano, anche perché costituiscono la mano d’opera industriale più importante del Friuli, il cui tessuto produttivo è monopolizzato dalle filande e dai setifici.

«tu sei in corente delle cose e saprai tu come devi fare e impegnare questo denaro»: la donna come garante del successo migratorio

  • 44 Marchettano, Enrico, «Emigrazione ed agricoltura in Carnia», Bullettino della Associazione Agraria (...)
  • 45 Dall’Oglio, Antonio, «Gli abitanti dell’Alpi Carniche. Costumi ed emigrazione», Nuova Antologia di (...)
  • 46 Merzario, Raul, «Bestie a due gambe. Le donne nelle valli insubrìche», L’Alpe, iv, 2001, pp. 20-23, (...)
  • 47 Picotti, Le donne e i fanciulli nell’emigrazione carnica cit.

20L’assenza temporanea o pluriennale degli uomini costringe le donne a occuparsi della famiglia, della casa, dei campi. Nei villaggi carnici, per esempio, «tutti i lavori agricoli, anche i più faticosi, devono venire compiuti dalle donne» perché «ben poche braccia di uomini atti al lavoro rimangono a casa», segnala Enrico Marchettano nel 1905, concludendo che «in Carnia non vi sono agricoltori ma agricoltrici»44. La situazione non era cambiata rispetto a trentacinque anni prima, quando il commissario distrettuale Antonio Dall’Oglio scriveva che le donne «rimangono alla direzione delle famiglie», trattate, aggiungeva, «al pari di qualunque altro utile animale»45. Tale situazione, peraltro, prevaleva in ampia parte della fascia alpina: a Ottocento inoltrato, come ricorda Raul Merzario, nelle note di alcuni viaggiatori nei villaggi svizzeri si legge che «per le femmine non v’ha scuola ne istruzione pubblica. Nascono, vivono, muoiono bestie a due gambe»46. L’esperienza migratoria rappresenta, quindi, una sorta di emancipazione dalle fatiche in patria e allenta, almeno temporaneamente, la sottomissione al maschio di casa, alle sue scelte indiscusse e all’opprimente gerarchia parentale, anche femminile. Nel 1909 Picotti conferma il ruolo dell’emigrazione come fuga da una condizione di vita gravosa: «La donna carnica, anziché calcolare un sacrificio l’emigrazione, la giudica un sollievo almeno nei propri riguardi, specialmente in considerazione dei faticosi lavori ai quali viene a sottrarsi emigrando»47.

  • 48 Audenino, Patrizia, «Introduzione - La dinamica dei ruoli», in Valsangiacomo, Nelly e Lorenzetti, L (...)
  • 49 Si veda D’Agostin, Adriano e Grossutti, Javier P. (a cura di), Ti ho spedito Lire Cento. Le stagion (...)
  • 50 Audenino, Patrizia, Un mestiere per partire. Tradizione migratoria, lavoro e comunità in una vallat (...)

21Numerose sono le incombenze affidate alle mogli degli emigranti stagionali e pluriennali che rimangono in patria. Il marito affida alla consorte il compito di provvedere a se stessa, ai figli e agli anziani di casa, le delega il ruolo della conduzione della famiglia e dell’economia domestica. Le donne, come ricorda Patrizia Audenino a proposito delle comunità alpine, sono «responsabili della gestione finanziaria dei risparmi procacciati dagli uomini nelle attività svolte nell’emigrazione»48. Tra il 1905 e il 1915, per esempio, la friulana Giulia Fabris, nel lungo periodo di emigrazione stagionale del marito, Luigi Piccoli, e poi dei figli in varie regioni dell’Austria, non si sposta dal borgo natio, Zompicchia49. Giulia bada alla casa, accudisce i bambini, provvede ai lavori agricoli, acquista il maiale, fa pervenire le comunicazioni del marito polier (capo-operaio) ai compaesani e amministra le rimesse che arrivano mensilmente dall’Austria. La donna, quindi, è chiamata a prendere decisioni che tradizionalmente spettano al capo famiglia e che aprono vie di emancipazione estranee ai modelli elaborati dai ceti dirigenti e dalle gerarchie ecclesiastiche. Per molte donne, infatti, l’assenza dei mariti «riporta ad una situazione di autonomia che se non intacca in teoria l’autorità maschile la sostituisce nelle decisioni di ogni giorno»50. Scrive Luigi Piccoli alla moglie il 10 settembre 1912 da Zell am See:

  • 51 D’Agostin e Grossutti (a cura di), Ti ho spedito Lire Cento cit., p. 197.

Carissima Giulia, io ti ho spedito L. 40 quaranta lì otto del mese corente, gredo che li abbi ricevuti, tu ti farai quella cura che ti è necessaria, in ogni modo io non ti ho dimandato né questo né quello, quel che fai è tutto ben fatto, non sarai una bimba, quello che è indispensabile no si può far di meno, io di quello che posso non ho mai mancato51.

  • 52 Merzario, Raul, «Donne sole nelle valli e nelle montagne», in Groppi, Angela (a cura di), Il lavoro (...)

22Giulia diventa coprotagonista dell’esperienza migratoria del marito perché la scelta del lavoro all’estero rappresenta una strategia familiare: donne e uomini decidono all’interno della famiglia l’opportunità (o meno) della partenza stagionale o pluriannuale di mariti e figli52. La riuscita migratoria della famiglia Piccoli, e con loro di tante altre famiglie friulane tra Otto e Novecento dipende, quindi, tanto da chi emigra quanto da chi rimane a casa. Non è scontato, inoltre, che «la fatica di chi è per il mondo», come scrive Luigi Piccoli in una delle centoquindici lettere ritrovate a Zompicchia, sia minore di quella di chi resta.

23Alle donne sono affidati anche i risparmi che, sotto forma di rimesse, giungono nei borghi e paesi del Friuli dagli emigranti che si trattengono per diversi anni oltreoceano, soprattutto nei cantieri edilizi, nei lavori ferroviari e nelle miniere canadesi. Da Michipicoten Harbor sul Lago Superiore, nella provincia dell’Ontario, il 16 febbraio 1912 Giovanni Primus scrive alla moglie Matilde residente a Pantianicco, un piccolo borgo del medio Friuli:

  • 53 Giovanni Primus alla moglie Matilde, busta 3.xiii.14 Esteri, acmt.

Carissima Moglie Ricevuta tua lettera in data 8 Gennaio p.p. bene intesi il tutto. Di ogni appare nulla mi sgomenta ma della tua poca buona salute che tanto a longo tieni senza migliorare certo mi fa pensare e temere, io te lo già tante volte detto, e ora te lo ripeto, procura e cerca se puoi trovare qualche rimedio; e non guardar denaro per soffrire; voglio sperare poi che al ragiungere della presente ti trovi in miglioramento.
Ora per mezzo Posta ti spedisco Dollari 160.00 dico Cento Sesanta Dollari. Di questo denaro tu pagherai il mio Viaggio, il resto prendi Biava per non andare ogni giorno col sacco sulla piazza; caso poi non è sufficiente il denaro che resta pei bisogni di famiglia, paga 500.00 Lire sulla cambiale grande cosi ti resta cento lire in più per famiglia, in fine ti dico tu sei in corente delle cose e saprai tu come devi fare e impegnare questo denaro.
[…] Per imprestare denaro io so che tu [h]ai ragione, ma si crede fare un piacere pel momento, poi tradiscono e mancano alle promesse; così fanno imparare.
Mi dispiace che Lasto [figlio di Giovanni, nato il 26 novembre 1900] non può andare a Scuola però gli raccomando almeno cuando può di non mancare, e alla Comare Gioconda [Buttazzoni, maestra] dagli 10. Lire pregandola volerlo tenere sempre in lezione anche se resta a casa.
[…] Di salute io sto bene e lavoro sempre a eccesione di qualche giornata. Sperando trovarvi tutti sani, prima te e poi la nostra famiglia e parenti tutti, e salutandoti infinitamente unito ai figli e Madre, più tuo fratello e sua Moglie, poi tutti Cognati e Cognate; controcambio il saluto della Comare Gioconda, segnandomi per sempre Il tuo affe.mo Marito Gio Primus Harbor il 16 II 1912.
Darai L. 5.00 a Cecilia; 5 a Italia e 5.00 a mia madre, per la tua povera Madre una messa; ai figli darai tu cio che credi e alla piccola Olga pure il regalo dalle purche sia buona e che vada a scuola, fari dire come ogni anno la messa a St. Antonio53.

24Le donne governano l’economia familiare, amministrano con parsimonia le rimesse che arrivano cospicue dall’estero, pagano le cambiali, assistono gli anziani rimasti a casa, allevano i propri figli. Fino alla Grande Guerra, l’economia del Friuli dipende sostanzialmente dal lavoro esterno: i proventi ottenuti nei Paesi dell’Europa centrale e d’oltreoceano sostengono l’economia domestica perché gli uomini all’estero e le donne in patria concordano su mutua responsabilità e fiducia reciproca, intenti entrambi a migliorare le condizioni socio-economiche del gruppo familiare.

«Questo immenso esercito femminile»: l’emigrazione negli anni venti e trenta del Novecento

  • 54 Lorenzon, Onorato e Mattioni, Piero, L’emigrazione in Friuli, Udine, Amministrazione provinciale di (...)
  • 55 Valentinis Zorzi, Anna, Le donne friulane, massime carniche a servire per il mondo, «La Patria del (...)
  • 56 Braida, Giovanni, «Serve friulane pel mondo», La Panarie, iii, 14, 1926, pp. 140-43, p. 141.
  • 57 Zoldan, Carlo, «Via a Sarvir… Ragazze a servizio nelle grandi città italiane», in Id. (a cura di), (...)

25Nel primo dopoguerra la partecipazione quantitativa e il ruolo qualitativo delle donne nei flussi migratori friulani presentano tratti ancora più rilevanti. Negli anni venti e trenta del Novecento l’emigrazione femminile assume contorni ben definiti: le donne diventano protagoniste del processo migratorio, costituiscono una componente significativa dei flussi che, ora, interessano soprattutto le altre regioni italiane. Secondo Onorato Lorenzon e Piero Mattioni, l’apice dell’esodo si sarebbe avuto tra gli anni 1930 e 1932, quando le friulane fuori del Friuli, la maggioranza a servizio, sarebbero state 26.32254. La principale caratteristica dei flussi migratori femminili negli anni venti e trenta, infatti, è data dall’emigrazione interna, costituita prevalentemente da domestiche ma anche da balie. Le domestiche, le «serve» come venivano allora chiamate, sono presenti nelle città lungo tutta la penisola e non più soltanto nelle vicine Venezia e Trieste55. Come osserva Giovanni Braida nel 1926, «Per poco che si consultino i ruoli della tassa domestici, specie quelli delle grandi città, si vedrà che le ragazze occupate così nelle case assommano a migliaia; e per poco che si indaghi per stabilire quale sia la proporzione delle friulane in questo immenso esercito femminile, si vedrà subito che il loro numero è imponente». Le motivazioni che spingono tante donne e ragazze fuori dal Friuli sono di natura economica. Aggiunge Braida: «È cioè la mancanza di qualsiasi lavoro rimunerativo quella che svuota le famiglie numerose dell’infinità dei paesi che non hanno industrie e riversa, si può dire giornalmente, frotte di giovani che sanno di poter trovare lavoro come l’hanno trovato le altre partite prima di loro». I canali che fanno incontrare offerta e domanda sono del tutto informali, individuali: «E ciò che è interessante in questo fenomeno, si è che esso non è regolato da nessuna norma, né disciplina. Si va da uno sperduto paesello a Milano, a Torino, a Roma, a Genova solo in seguito alla lettera dell’amica, la quale si è interessata per il posto dell’aspirante»56. Per una gran parte delle donne, l’emigrazione rappresenta un passaggio geografico e allo stesso tempo lavorativo. Ricorda Fiorella, classe 1922, domestica di Sarone di Caneva nella provincia di Pordenone: «E allora sono giunta a Milano e sono andata a servizio, prima… avevo un posto, ma sono andata a servizio con mia sorella, la più vecchia, che mi doveva tenere con sé un po’ di giorni… eh, per imparare a fare qualcosa, perché prima di andare a servizio a Milano andavo a zappare il granoturco giù di qua»57.

26Tra le due guerre, molti percorsi e scelte migratorie insistono su antiche consuetudini paesane. A Vigonovo, per esempio, il fenomeno del baliatico si protrae lungo gli anni venti, tanto da attirare l’attenzione dell’arciprete della parrocchia che, in una relazione al vescovo di Concordia per la visita pastorale del 1928, scrive:

  • 58 Arciprete di Vigonovo a Vescovo di Concordia, cartolario 33, busta 3, fascicolo 11, Archivio Vescov (...)

Per ultimo è da annotarsi che l’emigrazione delle ragazze e delle donne ha portato e porta un danno morale rilevante. Di cinque illegittimi quest’anno, quattro sono figli di ragazze emigranti nell’interno. La donna non emigra solo nell’interno ma anche all’estero e specialmente in Cairo e purtroppo c’è da lamentare che tre madri dimentiche del loro dovere di madri e di spose non si pensano più dei loro figli lasciati in patria e vivono una vita punto morale sul luogo di emigrazione58.

  • 59 Passaporti per l’espatrio, faldone n. 134, Archivio Comunale di Erto e Casso, acec.
  • 60 Licenze Commercio, 2/2, faldone n. 137, acec.
  • 61 Licenze Commercio, 1/2, faldone n. 136, acec.

27Nell’immediato dopoguerra, anche il movimento degli ambulanti di Erto e Casso si sviluppa secondo percorsi tracciati in precedenza, sia all’interno dei confini nazionali che all’estero. In un elenco dei passaporti per l’espatrio rilasciati dal Comune di Erto e Casso tra il 1919 e il 1921, su un totale di 36 nominativi, 8 si riferiscono a donne, di cui 6 per «girovaga» in Svizzera e altri Stati d’Europa, 1 per la sola Svizzera e 1 per «ricamatrice» in America del Nord59. Nella seconda metà degli anni venti il numero degli emigranti aumenta e nel 1927, su un totale di 2400 abitanti circa, si contano 400 venditori ambulanti di filati e minutaglie. In un elenco dei rivenditori ambulanti domiciliati nel Comune di Erto e Casso relativo all’anno 1930, su 605 nominativi le donne sono 34860; nel 1934, su un totale di 334 permessi, 148 sono rilasciati a donne61. Le condizioni economiche della popolazione della vallata non sono cambiate rispetto a trenta o quarant’anni prima. Nel 1930, in una relazione scritta per richiedere un contributo per girovaghi alla Confederazione nazionale sindacati fascisti del commercio di Udine, il sindaco di Erto e Casso scrive:

  • 62 Sindaco di Erto e Casso alla Confederazione Nazionale Sindacati Fascisti del Commercio di Udine, 19 (...)

La popolazione di questo Comune è costituita da piccoli proprietari che possiedono, generalmente, una piccola casetta rustica ed alcuni piccoli appezzamenti di terreno situati sulle pendici di questi monti, di natura sassosa e arida, che vengono coltivati direttamente dai proprietari medesimi. Data l’aridezza del suolo e la piccola quantità di terreno posseduta, ne consegue che la quasi totalità delle famiglie è assolutamente impossibile che possano ritrarre il necessario per vivere dalla loro proprietà e pertanto devono cercare altre fonti di guadagno per supplire alla deficienza dell’azienda agricola62.

  • 63 Ibidem.

28Così, aggiunge il sindaco, «per antica consuetudine, tramandata di generazione in generazione, questa popolazione cerca nell’esercizio del commercio girovago l’ausilio economico negato dalla terra natale»63. Tre anni prima il sindaco si era rivolto al Prefetto di Udine per chiedere una diminuzione della cauzione da versare per l’esercizio dell’attività perché

  • 64 Sindaco di Erto e Casso a Prefetto di Udine, 1927, Licenze Commercio, 1/2, faldone n. 136, acec.

[gli abitanti] con una gerla contenente molte volte non più di cento lire di merce intraprendono lunghi viaggi, qualche volta sino a Napoli, più spesso sulla riviera del Mediterraneo o nell’Alto Adige per guadagnare attraverso stenti, fatiche, privazioni di ogni genere, vivendo molte volte della bontà altrui, dormendo sui fienili, poche decine di lire con le quali comperare l’elemento primo di vita, la polenta con la quale molte volte scambiano le loro merci. È appunto per tale dolorosa necessità, e non per professione eletta, che la quasi totalità della popolazione di questo comune è costretta ad industriarsi in qualche modo per non lasciarsi morire di fame64.

  • 65 Grossutti, Javier P., «Emigrazione specializzata del Friuli: gli infermieri di Pantianicco in Argen (...)
  • 66 Ivi, p. 162.

29Negli anni venti e trenta, insieme a domestiche, balie e ambulanti, altre donne emigrano oltreoceano per impiegarsi come infermiere negli ospedali di Buenos Aires65. È il caso delle donne di Pantianicco e di molti altri paesi del Friuli centrale, che in gran numero raggiungono i nosocomi argentini i quali, fino alla Grande Guerra, erano stati approdo lavorativo dei compaesani maschi assunti come infermieri. La specializzazione di mestiere dei pantianicchesi distingue l’esperienza migratoria argentina fino al primo conflitto mondiale, ma soprattutto negli anni venti e trenta. Nel primo dopoguerra gli uomini richiamano oltreoceano le proprie famiglie e anche le donne, insieme agli uomini, entrano negli ospedali argentini: le partenze diventano definitive. In questo periodo, l’ingresso come infermiera negli ospedali argentini delle donne di Pantianicco coincide con il processo di femminizzazione della professione iniziato oltreoceano nel 1912. L’apertura degli ospedali argentini dischiude alle donne pantianicchesi e friulane opportunità lavorative prima inimmaginabili. Non a caso, rispetto al periodo che precede la Prima guerra mondiale, le dimensioni del flusso si allargano notevolmente. Dal 1919 al 1931, secondo i registri anagrafici comunali, i cancellati di Pantianicco per emigrazione in Argentina sono oltre 300. Nel gruppo dei partenti le donne sono numerose. Tra 1921 e 1931, infatti, la popolazione residente diminuisce del 27,7 per cento, passando da 1222 a 883 abitanti (-339)66. Bisogna precisare che, tra le due guerre, da Pantianicco si parte ancora senza un mestiere: sono i corsi per infermieri avviati dai nosocomi argentini quelli che permettono, soprattutto alle donne, di migliorare la propria professionalità. Il percorso formativo, tuttavia, consente di svolgere tutta una serie di mansioni generiche. Inservienti, infermiere e tirocinanti fanno iniezioni, puliscono i pavimenti o aiutano come impiegate, mentre imparano anche le mansioni teoricamente assegnate ai tecnici. Olga Sabbadini, figlia di emigranti pantianicchesi nata a Mar del Plata il 29 giugno 1914, torna a Buenos Aires nel 1930. La testimonianza di Olga ripropone il percorso comune a tante donne di Pantianicco approdate in Argentina tra le due guerre:

  • 67 Olga Sabbadini, intervista di Javier P. Grossutti, 19 marzo 2004.

Dopo essere arrivata a Buenos Aires, sono stata ospitata dai miei compaesani che lavoravano come inservienti presso una famiglia molto potente della capitale. Mi hanno tenuta tre giorni e dopo sono andata a Luján, dove abitava una mia sorella. Da lì mi hanno portata a General Villegas, dove c’erano i miei zii che dirigevano un sanatorio. Mi hanno fatto infermiera nell’Ospedale di General Villegas. Poveri ammalati! Io non sapevo niente! Per fortuna avevo un cugino che lavorava nella sala attigua alla mia e mi ha molto aiutata, mi ha molto aiutata a svolgere il lavoro. Bene, dopo cambiò la politica: prima c’erano i radicali e poi vinsero i conservatori. Il direttore era radicale e allora l’altro, il conservatore, il nuovo direttore, prese su e ci licenziò, i medici, gli infermieri, tutti! Allora sono tornata a Buenos Aires dove lavorai in un istituto per bambini, l’Istituto Riglos. Dopo un periodo, passai all’Ospedale di Quilmes: lavoravo come inserviente, pulivo molto e lavoravo molto. Lavoravamo tredici ore al giorno! Potevamo uscire un pomeriggio ogni quindici giorni! Con molto sacrificio ho studiato per diventare infermiere della Croce Rossa: mi assunsero come infermiera all’Ospedale di Quilmes. Mentre lavoravo a Quilmes frequentavo la città di La Plata dove studiavo per diventare ostetrica. Io avevo pochi soldi e bisognava pagare il corso. Io avevo risparmiato 1.000 pesos e dissi a me stessa: «Faccio il primo anno, ma dopo mi impegnerò e vincerò il primo premio!» Il primo premio permetteva di avere tutto gratis, l’insegnamento, l’alloggio, tutto. Vinsi il primo premio per i due anni successivi. Ero l’unica, l’unico premio! Nell’Ospedale di Quilmes non mi davano molti permessi perché bisognava lavorare tredici ore al giorno e quindi non avevo tempo per studiare. Ho studiato per tre anni e presi il diploma67.

  • 68 Norina Mattiussi, intervista di Javier P. Grossutti, 17 marzo 2004.

30Gli ospedali argentini permettono di raggiungere condizioni di vita discrete, talvolta buone, ma comunque migliori di quelle che nello stesso periodo può offrire Pantianicco e il Friuli in genere. L’emigrazione maschile «a tempo e scopo definito» che sembra caratterizzare il periodo che precede la Prima guerra mondiale, e che alla fine dell’esperienza negli ospedali argentini presuppone il ritorno al lavoro nelle campagne friulane, non regge più. Il consolidamento del fascismo e l’aggravarsi della situazione economica, inoltre, non incoraggiano un ritorno definitivo in patria. Sembrano soprattutto le donne a voler rifuggire definitivamente dal lavoro in campagna a Pantianicco: nel primo dopoguerra, infatti, sarà soprattutto la consapevolezza di questo dislivello tra due modelli di vita completamente diversi, quello urbano di Buenos Aires e quello rurale del Friuli, a trattenere in Argentina molte donne, a modificare le strategie migratorie dei maschi, a radicare oltreoceano molte famiglie. A soli vent’anni, nell’agosto 1935, Norina Mattiussi arriva in Argentina e pochi mesi dopo viene assunta come inserviente nell’Ospedale Italiano. A Pantianicco, Norina aiutava il padre Matteo nei lavori della campagna e seguiva lezioni di cucito con le monache del paese. Un anno dopo essere entrata nell’Ospedale Italiano inizia a frequentare il corso biennale obbligatorio della Scuola di Infermieri del nosocomio e, dopo aver superato l’esame finale, nel dicembre 1938 ottiene il diploma di infermiera. Nonostante le basse paghe di un’aspirante infermiere, Norina afferma di aver capito allora la durezza della sua precedente vita da contadina a Pantianicco che, per certo, non rimpiange68.

«Con l’emigrazione in Francia si è fatto strada il maltusianesimo»: i «ritorni» dell’emigrazione femminile

31La maggiore partecipazione femminile all’emigrazione genera inquietudine e preoccupazione, soprattutto negli ambienti ecclesiastici e in alcuni settori della borghesia, per il «grave danno alla moralità» provocato dall’esperienza all’estero. Danno alla moralità che si sarebbe tradotto anche in decadenza dei costumi, ubriachezza, bestemmia e indifferenza religiosa. Il 18 e 19 gennaio 1904 il periodico cattolico «Il Crociato» pubblica due articoli sui «danni morali e fisici» dell’emigrazione femminile:

  • 69 Sull’emigrazione della donna. Danni morali, «Il Crociato», 18 gennaio 1904, p. 1.

Chi non ha veduto cogli occhi propri il contegno tutt’altro che cristiano delle nostre povere emigranti, abbandonate a se stesse all’estero; chi non ha udito colle proprie orecchie i loro canti e discorsi osceni, specialmente le feste tra le danze nelle osterie, e ritornando al quartiere la sera, spesso in compagnia di uomini e giovanotti brilli, scostumati, procaci, non può farsi una giusta idea della riprovevole condotta delle nostre donne all’estero, specialmente se occupate nelle fornaci e nelle segherie. Vedetele: esse partono e presto presto vengono trasportate dal treno, lontano dal proprio paese; eccole senza guida, senza custodia in terra straniera, sottratte ad ogni influenza religiosa69.

  • 70 Miccoli, Giovanni, «Clero friulano ed emigrazione», Qualestoria, x, 3, 1982, pp. 71-82, p. 78.
  • 71 Ivi, p. 81.

32Nei primi anni del Novecento, i richiami più insistenti del clero riguardano il timore per l’alterazione di situazioni e rapporti ormai consolidati e antichi che avrebbe provocato la massiccia emigrazione temporanea: giudizi che chiamano in causa «la degradazione dei costumi, l’indebolirsi del principio di autorità, l’affievolirsi dell’avito rigore e dell’originaria morigeratezza, per cui era il fatto stesso di emigrare che poteva costituire un indizio che la corruzione della civiltà moderna stava intaccando anche le masse popolari, incapaci ormai di accontentarsi della loro condizione e del loro stato»70. Per buona parte del clero gli emigrati all’estero rischiano di perdere la religione, ed è proprio su questa base che esso comincia a interessarsi a loro. Per il clero friulano, «fu soprattutto l’esperienza dell’emigrazione a dare il senso concreto che la deprecata “civiltà moderna”, che le sue realtà, le sue contraddizioni, i suoi principi e le sue abitudini stavano in qualche modo penetrando profondamente anche in Friuli»71. Da questo punto di vista, l’esperienza migratoria stagionale all’estero delle donne offre un chiaro indizio dello sconvolgimento e della sovversione dei valori tanto temuti dal clero. Pur senza tralasciare le condanne che la condizione lavorativa delle donne emigranti suscita nei curati, le critiche insistono particolarmente sulla degradazione morale e dei costumi cui esse vanno incontro. Nel 1904, don Eugenio Blanchini, che tuttavia fu uno dei più attivi nella tutela dei diritti dei lavoratori e nella promozione dell’organizzazione degli stagionali all’estero, esprime giudizi taglienti, non privi da accenti misogini, sulle donne nelle fornaci:

in mezzo a quella turba di uomini tra cui non vi è un padre ed un marito più coscienzioso, Dio ci guardi! Mi ricordo che nei dintorni di una città, che per rispetto non nomino, io vi capitai con un buon numero di emigranti i quali venivano con me a casa. Là in quelle fornaci vi è un gran numero di ragazze, infelici! Esse mi hanno fatto tanto ribrezzo colla loro procace sfacciataggine in mezzo a quei giovani, che ne fui stomacato. I giovani più cattivi con cui viaggiavo mi parevano tanti angeli in mezzo a quelle donne.

  • 72 Blanchini, Eugenio, Per gli emigranti, «Il Crociato», 16 gennaio 1904, p. 1.

33Le conclusioni cui giunge don Blanchini sono quasi scontate: «Sarà dunque una grande opera la nostra se impediremo in tutti i modi l’emigrazione delle donne: faremo opera sociale di grande importanza»72.

  • 73 Miccoli, Clero friulano ed emigrazione cit., p. 82.

34A distanza di due decenni, negli anni venti, le risposte dei parroci al questionario distribuito dalla Curia udinese in occasione della visita pastorale del vescovo cominciano a rilevare con frequenza violazioni «contro la santità del matrimonio». L’emigrazione, soprattutto al momento dei rientri, provoca profondi mutamenti nei quadri mentali e nei parametri culturali prevalenti delle aree di partenza. Ciò si riflette anche nei costumi sessuali delle nuove coppie: la limitazione delle nascite ne rappresenta un esempio concreto. «Con l’emigrazione in Francia si è fatto strada il maltusianesimo», risponde il parroco di San Vito di Fagagna nella pianura centrale udinese al questionario distribuito da mons. Antonio Anastasio Rossi73. Il dato è significativo perché, tra le due guerre, la Francia accoglie il maggior numero di emigranti friulani.

35Segno del nuovo carattere che viene assumendo l’emigrazione femminile, il questionario distribuito ai parroci friulani prevede una serie di domande sulle donne «che vanno a servire»: «Tra gli emigranti vi sono giovani o donne che si collocano come domestiche? a quali centri di preferenza si dirigono? sono collocate in luoghi pubblici (alberghi, case di salute, ecc.)? o presso famiglie private?». Con un certo allarmismo, il 16 maggio 1937, il settimanale cattolico Il Popolo di Pordenone titola: «12.313 donne e ragazze della nostra diocesi a servizio. Un problema che attende la soluzione»:

  • 74 V., A., «Il Popolo», 16 maggio 1937.

Il fenomeno delle persone a servizio si è esteso ovunque, anche nelle parrocchie eminentemente rurali. Basta che una parta dal proprio paese e ritorni poi per breve tempo in parrocchia, per servire di richiamo e portare con sé in città altre compagne. Così le nostre case si spopolano, le nostre parrocchie diminuiscono di fedeli, e i nostri paesi hanno fabbricati vuoti, che attendono invano chi li abiti. Non bisogna dimenticare che ci si trova, in Italia, davanti ad una massa di giovani donne, valutabili in cifre che vanno dalle trecento alle quattrocento mila anime: enorme massa che per l’età, il sesso, le circostanze di vita, si trova in condizioni particolarmente delicate74.

36La sola città di Milano ne avrebbe contate 50.000, di cui molte provenienti dal Veneto e dal Friuli. Le cifre sulle domestiche fuori dal paese riportate per ogni parrocchia sono relativamente consistenti. La Chiesa è preoccupata e allarmata per la moralità di queste giovanissime, ammaliate «dagli ambienti famigliari in cui sono entrate, le nuove amicizie contratte, i ritrovi domenicali come il cinema, la sala da ballo, e i caratteristici raduni dell’ex bastione Venezia e dei giardini pubblici […] è ormai noto che una fortissima percentuale delle nascite illegittime è data appunto da questa categoria di ragazze», conclude il settimanale diocesano.

  • 75 Boz, Nadia, Parà via. L’emigrazione da Barcis, Sequals, Comune di Barcis, 2004, p. 149, n. 54.

37Analoghi cambiamenti dei costumi sono già in atto, risultato dei primi flussi, forse meno consistenti, ma ugualmente incisivi. In Valcellina, ad esempio, sono le donne costrette a muoversi e a viaggiare per l’impervia via che porta alla pianura che cominciano a dare i primi contributi a un cambiamento, inteso come emancipazione nei comportamenti, nei costumi e specialmente nell’abbigliamento. Giovanna Malattia ricorda che una propria ava, Maria Paulon, tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento si recava da Barcis alle coltellerie di Maniago per ordinare la merce da spedire al figlio venditore in Romania. Durante gli spostamenti Maria indossava spesso i pantaloni perché erano più comodi: impietosamente, i compaesani la soprannominarono la mascja (la maschia)75.

  • 76 Treves, Anna, «Percorsi di studio e percorsi migratori. Le migrazioni interne italiane come un cont (...)
  • 77 Tirabassi, Maddalena, «Le emigrate italiane: dalla ricerca locale a quella globale», in Sanfilippo, (...)
  • 78 Cosattini, L’emigrazione temporanea del Friuli, cit., p. 96. Sulla contrapposizione tra identità ma (...)

38Mogli di emigranti o emigranti esse stesse, il ruolo delle donne nell’esperienza migratoria friulana e italiana è tutt’altro che marginale. A partire dagli anni settanta e ottanta del Novecento, women studies e gender studies hanno dimostrato – ricorda Anna Treves – «come la donna non ricoprisse affatto, come si credeva, un ruolo trascurabile nei processi migratori, un ruolo improduttivo e di dipendenza dall’uomo […]. È stato messo in evidenza il ruolo fondamentale, nella costruzione dei processi migratori, svolto della donna che rimaneva in patria»76. Molti di questi studi, i quali finalmente incorporano a pieno titolo anche le donne che rimanevano a casa, mostrano come, sempre di più, esse «diventarono le garanti del successo dell’esperienza migratoria»77. Non dunque moglie in trepida attesa del marito, secondo l’immagine stereotipata, ma nemmeno donna che, come osserva Giovanni Cosattini, «rimane chiusa al paese natale, che non ha aperto l’intelletto viaggiando mezza Europa, che non sa guadagnare ed accrescere il piccolo patrimonio», a differenza dell’uomo di montagna che valica le Alpi in cerca di cantieri di lavoro sempre più convenienti78. Le molte ricerche a livello locale, a scala di comunità, di paese, l’approccio microstorico, l’analisi di ristretti gruppi migratori all’interno dell’esercito di donne migranti hanno portato (e portano) alla luce esperienze di riscatto. Esperienze che, lungi dal pietismo con il quale è stato di solito affrontato il problema dagli osservatori coevi, dimostrano che l’emigrazione ha offerto spesso occasioni di emancipazione individuale che le donne nelle comunità di partenza hanno raggiunto, talvolta, solo molti decenni più tardi.

Notes

1 Tra i lavori sull’emigrazione femminile in Friuli si segnalano, per esempio, Cantarutti, Novella, «Emigrazione femminile e cultura tradizionale a Erto», Atti dell’Accademia di Scienze Lettere e Arti di Udine, lxxvi, 1983, pp. 193-207; Franzina, Emilio, «Il Friuli e l’America. Donne, società, emigrazione fra ’800 e ’900», in Comitato Tina Modotti, Tina Modotti una vita nella storia, Atti del Convegno Internazionale di Studi, Udine, Arti Grafiche Friulane, 1995, pp. 79-95; Micelli, Francesco, «L’emigrazione temporanea friulana e la mobilità femminile tra 1900 e 1915», Studi Trentini di Scienze Storiche, lxxvii, 3, 1983, pp. 335-42; Boz, Nadia e Grossutti, Javier P., «Protagoniste o comparse? L’emigrazione femminile dal Friuli», in Verrocchio, Ariella e Tessitori, Paola (a cura di), Il lavoro femminile tra vecchie e nuove migrazioni. Il caso del Friuli Venezia Giulia, Roma, Ediesse, 2009, pp. 25-42.

2 Ermacora, Matteo, «L’emigrazione dal Friuli. Acquisizioni storiografiche e orientamenti della ricerca», Archivio Storico dell’Emigrazione Italiana, vi, 2010, pp. 91-104.

3 Cosattini, Giovanni, L’emigrazione temporanea del Friuli (ristampa anastatica dell’edizione originale del 1903), Trieste-Udine, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, 1983, p. 36.

4 P[icotti], G[uido], L’emigrazione femminile, «La Patria del Friuli», 9 dicembre 1906, p. 1; Paoloni, G., L’emigrazione femminile, «La Nostra Bandiera», 22 dicembre 1912, p. 1.

5 Cosattini, L’emigrazione temporanea del Friuli cit., p. 37.

6 Ivi, p. 38.

7 Gortani, Giovanni, «La sfilera», in Id., Bozzetti alpini. Novelle carniche, Udine, Libreria Editrice «Aquileia», 1929, pp. 10-39.

8 Cosattini, L’emigrazione temporanea del Friuli cit., p. 38.

9 Ibidem.

10 Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio, Direzione Generale della Statistica, Annali di statistica. Statistica industriale, xxvii, Notizie sulle condizioni industriali della provincia di Udine, Roma, Tipografia Eredi Botta, 1890, pp. 118-19.

11 Ivi, p. 81.

12 Ivi, p. 91.

13 Picotti, Guido, Le condizioni dell’industria nella provincia di Udine. Note sull’emigrazione e sulla legislazione del lavoro, Roma, Officina Poligrafica Italiana, 1914, p. 14 (estratto dal Bollettino dell’Ispettorato dell’Industria e del Lavoro, v, 7-8, 1914).

14 Grossutti, Javier P., Chi d’una parte chi dall’altra. Emigranti di Bonzicco, Carpacco, Dignano e Vidulis, Udine, Forum Editrice Universitaria Udinese, 2013, pp. 17-18. Tra le due guerre le donne rappresentano ancora una percentuale molto consistente della manodopera industriale friulana. Secondo il censimento industriale del 1927, dei 49.307 addetti dell’industria più di un terzo (19.420) è costituito da donne: «a determinare questa elevata percentuale contribuisce per i ¾ il settore tessile, ove le donne sono l’85 per cento degli occupati». Si veda Parmeggiani, Nico, Gli stadi dello sviluppo industriale nella provincia di Udine. Ricognizione storica dal primo Ottocento ad oggi, Udine, Del Bianco Editore, 1966, p. 97.

15 Ufficio Provinciale del Lavoro di Udine, Inchiesta sulle condizioni di lavoro dei salariati e dei coloni nella provincia di Udine, Udine, Tipografia Giuseppe Seitz, 1911, p. 4 (estratto dal Bollettino dell’Associazione Agraria Friulana, 1911).

16 Ibidem.

17 Picotti, Guido, Le donne e i fanciulli nell’emigrazione d’oltre il Tagliamento, «La Patria del Friuli», 14 settembre 1909, p. 1.

18 Id., Le donne e i fanciulli nell’emigrazione carnica, «La Patria del Friuli», 8 agosto 1909, p. 1.

19 Ibidem.

20 Id., L’intensità del fenomeno migratorio nel Circondario di Udine, «La Patria del Friuli», 28 ottobre 1909, p. 1.

21 Arpea, Mario, «Lavoratori italiani in Siberia e Manciuria», Affari Sociali Internazionali, x, 3, 1982, pp. 81-108, pp. 86-87.

22 Lettera della Regia Prefettura della Provincia di Udine ai sindaci del 1° circondario, 28 dicembre 1911, cat. xiii Esteri 1911-1915, busta 03.xiii.14, Archivio del Comune di Mereto di Tomba (acmt). Sulle donne del piccolo villaggio carnico di Forni Avoltri si veda per esempio Ceconi, Tullio, «La condizione femminile», in Id. (a cura di), Donna ed emigrante. Storia di vita femminile tra stanzialità ed emigrazione nella comunità di Forni Avoltri, s.l., Comune di Forni Avoltri, 2011, pp. 46-57.

23 Holmes, Madelyn, Forgotten Migrants. Foreign Workers in Switzerland before World War i, Rutherford, nj, Fairleigh Dickinson University Press, 1988, p. 88.

24 Ivi, p. 93.

25 Danieli Camozzi, Maria Lisa, La tutela delle donne e dei fanciulli italiani in Europa, relazione presentata al Secondo congresso degli italiani all’estero, Istituto coloniale italiano, Roma, Tipografia editrice nazionale, 1911, p. 7.

26 Pisa, Beatrice, «Il Segretariato permanente femminile per la tutela delle donne e dei fanciulli emigranti (1908-1918)», Studi Emigrazione, xxv, 89, 1988, pp. 27-56, pp. 39-44; Bianchi, Bruna, «Lavoro ed emigrazione femminile (1880-1915)», in Bevilacqua, Piero, De Clementi, Andreina e Franzina, Emilio (a cura di), Storia dell’emigrazione italiana. Partenze, Roma, Donzelli, 2001, pp. 257-74, p. 265.

27 Per un elenco delle operaie emigranti si veda Ceconi, «La condizione femminile» cit., pp. 46-49, 53-54.

28 Lorenz, Jakob, Zur Italienerfrage in der Schweiz, Zurich, Borsig, 1908, p. 10 (citato in Holmes, Forgotten Migrants cit., p. 93).

29 Ceconi, «La condizione femminile» cit., p. 50.

30 Grandi, Casimira, Donne fuori posto. L’emigrazione femminile rurale dell’Italia postunitaria, Roma, Carocci, 2007, p. 92.

31 Camera del Lavoro. Sottoscrizione pro «cotoniere e cotonieri», «Il Lavoratore Friulano», 25 maggio 1907, p. 3.

32 Per la «Propaganda invernale» in Friuli, «Il Lavoratore Friulano», 12 ottobre 1907, p. 2.

33 Sottoscrizione permanente, «Il Lavoratore Friulano», 18 luglio 1908, p. 4.

34 Del Fabbro, Novella e Vucusa, Annalisa, «Testimonianze ed interviste», in Ceconi (a cura di), Donna ed emigrante cit., pp. 117-70, pp. 119-20.

35 Picotti, Guido, Il soggiorno lontano dei nostri emigranti, «La Patria del Friuli», 3 novembre 1909, p. 1.

36 Harney, Robert, «Il re dei lavoratori italiani di Montreal: un caso esemplare di padronismo», in Id., Dalla frontiera alle Little Italies. Gli italiani in Canada 1800-1945, Roma, Bonacci Editore, 1984, pp. 113-46, 280-84, pp. 116-17.

37 Ivi, pp. 145 e 284.

38 Commissariato Generale dell’Emigrazione, Annuario statistico dell’emigrazione italiana dal 1876 al 1925, Roma, Edizione del Commissariato Generale dell’Emigrazione, 1926, pp. 831-67.

39 Picotti, Guido, I caratteri economico-sociali dell’emigrazione d’oltre Tagliamento, «La Patria del Friuli», 17 settembre 1909, p. 1.

40 Musoni, Francesco, Sull’emigrazione, specialmente temporanea, dal Veneto e più particolarmente dal Friuli, in Atti del IV Congresso Geografico Italiano, Milano, Stabilimento Tipografico P.B. Bellini, 1902, pp. 361-73, p. 368.

41 Fascicolo emigrazione, Archivio della Biblioteca Civica di Vigonovo.

42 Atti della Giunta per la Inchiesta Agraria e sulle condizioni della classe agricola, iv, Relazione del Commissario Comm. Emilio Morpurgo sulla xi Circoscrizione (provincie di Verona, Vicenza, Padova, Rovigo, Venezia, Treviso, Belluno e Udine), Roma, Forzani e C., Tipografi del Senato, 1882, p. 104.

43 Sul fenomeno delle «aleksandrinke» si veda, per esempio, Makuc, Dorika, Aleksandrinke, Gorica, Goriška Mohorjeva Družba, 2006, pp. 55-56; Barbič, Anna e Miklavčič-Brezigar, Inga, «Domestic Work Abroad. A Necessity and an Opportunity for Rural Women from the Goriška Borderland Region of Slovenia», in Henshall Momsen, Janet (a cura di), Gender, Migration and Domestic Service, London-New York, Routledge, 1999, pp. 164-77; Miklavčič-Brezigar, Inga, In Memory of the Aleksandrinke – the Alexandrian Women, Prvačina, Society for the Preservation of the Cultural Heritage of the Alexandrian Women, 2008; Aa.Vv., Blišč in beda aleksandrink – Splendori e miserie delle alessandrine – Splendôrs e miseriis des alessandrinis, Gorizia, Zveza slovenskih kulturnih društev – Provincia di Gorizia, 2010; Però, Franco e Vascotto, Patrizia (a cura di), Le rotte di Alexandria. Po aleksandrijskih poteh, Trieste, Edizioni Università di Trieste, 2011 (in quest’ultimo volume si vedano specialmente i saggi di Verginella Marta, «Le aleksandrinke tra mito e realtà»; Kalc, Aleksej, «Le aleksandrinke: fenomeno di spicco in un contesto migratorio composito», pp. 177-97, e Škrlj, Katja, «Le storie delle aleksandrinke tra memoria e oblio», pp. 237-47). Sulle donne istriane emigrate in Egitto rimando al mio Via dall’Istria. L’emigrazione istriana dalla seconda metà dell’Ottocento ai primi anni Quaranta del Novecento, Trieste, Università Popolare di Trieste-Unione Italiana Fiume, 2013, pp. 109-10.

44 Marchettano, Enrico, «Emigrazione ed agricoltura in Carnia», Bullettino della Associazione Agraria Friulana, xii, 1905, pp. 233-39, pp. 235-36.

45 Dall’Oglio, Antonio, «Gli abitanti dell’Alpi Carniche. Costumi ed emigrazione», Nuova Antologia di Scienze, Lettere ed Arti, xiv, 1870, pp. 802-22, p. 810.

46 Merzario, Raul, «Bestie a due gambe. Le donne nelle valli insubrìche», L’Alpe, iv, 2001, pp. 20-23, p. 22.

47 Picotti, Le donne e i fanciulli nell’emigrazione carnica cit.

48 Audenino, Patrizia, «Introduzione - La dinamica dei ruoli», in Valsangiacomo, Nelly e Lorenzetti, Luigi (a cura di), Donne e lavoro. Prospettive per una storia delle montagne europee xviii-xx secc., Milano, Franco Angeli, 2010, pp. 17-25, pp. 18-19.

49 Si veda D’Agostin, Adriano e Grossutti, Javier P. (a cura di), Ti ho spedito Lire Cento. Le stagioni di Luigi Piccoli, emigrante friulano. Lettere familiari (1905-1913), Udine - Codroipo, ermi - Comune di Codroipo, 1997.

50 Audenino, Patrizia, Un mestiere per partire. Tradizione migratoria, lavoro e comunità in una vallata alpina, Milano, Istituto di studi storici Gaetano Salvemini - Franco Angeli, 1990, p. 189.

51 D’Agostin e Grossutti (a cura di), Ti ho spedito Lire Cento cit., p. 197.

52 Merzario, Raul, «Donne sole nelle valli e nelle montagne», in Groppi, Angela (a cura di), Il lavoro delle donne, Roma-Bari, Laterza, 1996, pp. 229-46, p. 229.

53 Giovanni Primus alla moglie Matilde, busta 3.xiii.14 Esteri, acmt.

54 Lorenzon, Onorato e Mattioni, Piero, L’emigrazione in Friuli, Udine, Amministrazione provinciale di Udine, 1962, pp. 62-63.

55 Valentinis Zorzi, Anna, Le donne friulane, massime carniche a servire per il mondo, «La Patria del Friuli», 14 ottobre 1908, pp. 1-2.

56 Braida, Giovanni, «Serve friulane pel mondo», La Panarie, iii, 14, 1926, pp. 140-43, p. 141.

57 Zoldan, Carlo, «Via a Sarvir… Ragazze a servizio nelle grandi città italiane», in Id. (a cura di), Via a sarvìr. Storie di emigrazione femminile dal Comune di Caneva, Trieste, Comune di Caneva, 2005, p. 44.

58 Arciprete di Vigonovo a Vescovo di Concordia, cartolario 33, busta 3, fascicolo 11, Archivio Vescovile di Pordenone.

59 Passaporti per l’espatrio, faldone n. 134, Archivio Comunale di Erto e Casso, acec.

60 Licenze Commercio, 2/2, faldone n. 137, acec.

61 Licenze Commercio, 1/2, faldone n. 136, acec.

62 Sindaco di Erto e Casso alla Confederazione Nazionale Sindacati Fascisti del Commercio di Udine, 1930, Licenze Commercio, 1/2, faldone n. 136, acec.

63 Ibidem.

64 Sindaco di Erto e Casso a Prefetto di Udine, 1927, Licenze Commercio, 1/2, faldone n. 136, acec.

65 Grossutti, Javier P., «Emigrazione specializzata del Friuli: gli infermieri di Pantianicco in Argentina», in Id. e Micelli, Francesco (a cura di), Pantianicco a Buenos Aires. Da contadini a infermieri: un caso di emigrazione specializzata, Udine, Comune di Mereto di Tomba, 2007, pp. 119-213.

66 Ivi, p. 162.

67 Olga Sabbadini, intervista di Javier P. Grossutti, 19 marzo 2004.

68 Norina Mattiussi, intervista di Javier P. Grossutti, 17 marzo 2004.

69 Sull’emigrazione della donna. Danni morali, «Il Crociato», 18 gennaio 1904, p. 1.

70 Miccoli, Giovanni, «Clero friulano ed emigrazione», Qualestoria, x, 3, 1982, pp. 71-82, p. 78.

71 Ivi, p. 81.

72 Blanchini, Eugenio, Per gli emigranti, «Il Crociato», 16 gennaio 1904, p. 1.

73 Miccoli, Clero friulano ed emigrazione cit., p. 82.

74 V., A., «Il Popolo», 16 maggio 1937.

75 Boz, Nadia, Parà via. L’emigrazione da Barcis, Sequals, Comune di Barcis, 2004, p. 149, n. 54.

76 Treves, Anna, «Percorsi di studio e percorsi migratori. Le migrazioni interne italiane come un continuum tra anni venti e anni sessanta», in Grossutti e Micelli (a cura di), Pantianicco a Buenos Aires cit., pp. 21-67, p. 56.

77 Tirabassi, Maddalena, «Le emigrate italiane: dalla ricerca locale a quella globale», in Sanfilippo, Matteo (a cura di), Emigrazione e storia d’Italia, Cosenza, Luigi Pellegrini Editore, 2003, pp. 179-88, p. 180.

78 Cosattini, L’emigrazione temporanea del Friuli, cit., p. 96. Sulla contrapposizione tra identità maschile «aperta» e identità femminile «chiusa» come risultato dell’esperienza migratoria si veda, per esempio, Albera, Dionigi, Audenino, Patrizia e Corti, Paola, «I percorsi dell’identità maschile nell’emigrazione. Dinamiche collettive e ciclo di vita individuale», Rivista di Storia Contemporanea, xx, 1, 1991, pp. 69-87.

Auteur

Si occupa da oltre vent’anni di emigrazione friulana, di emigrazione di ritorno e delle problematiche legate alle comunità friulane e italiane all’estero. Attualmente è Visiting Scholar presso la Swinburne University of Technology, Australia. Tra i suoi numerosi lavori si segnalano Non fu la miseria, ma la paura della miseria: la colonia della Nuova Fagagna nel Chaco argentino (1877-1881), Udine, Forum, 2009; Egidio Feruglio. Patagonia e Terra del Fuoco, ivi, 2010; Via dall’Istria. L’emigrazione istriana dalla seconda metà dell’Ottocento ai primi anni Quaranta del Novecento, Trieste-Fiume, Università Popolare-Unione Italiana, 2013.