Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Carmelo Bene fra teatro e spettacolo

 | 
Salvatore Vendittelli

Cristo 63

Texte intégral

1Quando Carmelo decise di fare Cristo 63 (rievocazione dell’ultima cena, con tanto di crocifissione in scena) io mi trovavo a Luni, vicino a La Spezia, con la compagnia di Alberto Lupo a montare Giulio Cesare, regia del critico teatrale Giorgio Prosperi. Quindi non fui a conoscenza dei fatti accaduti nell’occasione, se non per quello che scrivevano i giornali e per ciò che mi raccontarono poi gli amici presenti allo spettacolo.

2Sembra che l’attore argentino che recitava l’Apostolo Giovanni, con una tunica verde-azzurra, improvvisamente alzò la veste e si mise a orinare in platea. In prima fila c’era l’ambasciatore dell’Argentina. Il risultato fu l’accusa per Carmelo Bene di atti osceni in luogo pubblico, turpiloquio, vilipendio e oltraggio, con tanto di incidente diplomatico. Il locale venne chiuso il giorno dopo e fu la fine del Laboratorio. Non ho mai saputo che fine fece tutto il materiale che avevamo. Carmelo sparì, né io potei avvicinarmi per recuperare qualcosa, ma credo che ci pensò lui di nascosto.

Foto 12. Fotografia di scena di Cristo 63 (1963)

Foto 12. Fotografia di scena di Cristo 63 (1963)

Table des illustrations

Titre Foto 12. Fotografia di scena di Cristo 63 (1963)
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/866/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 136k