Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Carmelo Bene fra teatro e spettacolo

 | 
Salvatore Vendittelli

Introduzione

Armando Petrini

Note de l’éditeur

D’accordo con l’autore, abbiamo scelto di lasciare alla scrittura la freschezza del ricordo. Gli interventi sul testo sono stati perciò assai limitati. Si è deciso anche di contenere al massimo l’apparato di note, introducendole solo in rarissimi casi o quando l’autore cita direttamente una fonte. Tutte le note sono in ogni caso del curatore.

Texte intégral

1La testimonianza che qui pubblichiamo di Salvatore Vendittelli è un documento davvero prezioso. Per più di una ragione. Innanzitutto perché aiuta il lettore a ricostruire un periodo della vita di Carmelo Bene – i suoi primi anni di attività – ancora oggi poco conosciuto, e perciò a volte sottovalutato o frainteso.

2Poco conosciuto naturalmente per chi non lo ha vissuto in prima persona, ma denso di ricordi per chi lo ha attraversato da protagonista com’è appunto il caso di Vendittelli, al fianco di Bene nel ruolo di collaboratore e scenografo per una decina d’anni, fra il 1961 e il 1971. Un periodo che Vendittelli ci permette di comprendere meglio, grazie al suo sguardo particolare e alla sua memoria attenta.

3Le parole di Vendittelli sono però preziose anche per un altro motivo, e cioè per il peculiare punto di vista che consegnano al lettore: quello di un artista politicamente ed esteticamente molto consapevole, per diverso tempo docente all’Accademia dell’Aquila e di Venezia, tutt’oggi in attività, che nel corso del lungo sodalizio con Bene condivide, discute, accetta, a volte rifiuta ma comunque complessivamente aderisce a un percorso teatrale composito, di grandissimo significato, fortemente di rottura, carico di futuro. Un approccio che – pur molto passionale e appassionato (o forse precisamente per questo motivo) – riesce a mettere a fuoco con estrema lucidità gli snodi principali del lavorio artistico di Bene, a indicare i picchi straordinari della sua arte e i nervi scoperti di una proposta teatrale la cui “scandalosa grandezza” non è priva di contraddizioni.

 

4Richiamiamo rapidamente le prerogative a nostro avviso più significative dello scritto di Vendittelli, ancorché tutto il testo, nella sua interezza, costituisca una testimonianza utilissima per chi voglia oggi approfondire il percorso di uno dei più importanti uomini di teatro del Novecento.

5Innanzi tutto le parole di Vendittelli, pur sottolineando ripetutamente la grandezza e la forza irresistibile del Carmelo Bene attore e creatore di teatro, non cedono mai al così frequente approccio agiografico nei confronti del maestro, favorito dallo stesso atteggiamento di Bene negli ultimi anni di vita. Lo sguardo di Vendittelli si mantiene al contrario sorvegliato, critico, capace di contestualizzare il percorso beniano in un quadro più complessivo, riconoscendone i tratti di eccezionalità ma non rimuovendone le contraddizioni. Il racconto muove così dal rapporto professionale fino al legame personale, tornando ora sull’uno ora sull’altro, mescolando e confondendo a tratti i piani, confermando nel lettore l’idea di un intenso e contrastato rapporto d’amore, che le frecciate e i risentimenti non fanno in fondo che confermare.

6In secondo luogo Vendittelli coglie con grande efficacia i tratti davvero essenziali dell’arte del primo Carmelo Bene: il conflitto, la contraddizione, la tensione fra poli opposti, divergenti ma complementari. Invitiamo a questo proposito il lettore a soffermarsi sulle pagine dedicate alle opere più significative di questi anni. Prendiamo per esempio il Majakovskij: oltre all’importanza e alla bellezza del racconto, emerge con molta precisione la cifra stilistica beniana. Ne anticipiamo uno stralcio:

Anche qui, come era stato per il Gregorio, tutto iniziava in sordina. Carmelo entrando in scena sembrava che camminasse sulle uova. In punta di piedi, sussurrava e recitava in falsetto il prologo di Guerra e universo di Majakovskij: «Voi state bene! / Per i morti non c’è disonore / Soffoca l’odio / per gli assassini morti! / Lo lava l’acqua più pura / il peccato dell’anima che s’invola». Anche la musica era calma, dolce, poi lentamente il tono della voce si alzava, la musica anche, le bottiglie si facevano vive. Nasceva la solita gara di visibilità, di presenza fra le tre voci. E più l’uomo tentava di elevarsi a Dio, più scivolava giù, più urlava e più veniva soverchiato dal suono del pianoforte che incalzava, contrastati entrambi dal rumore delle bottiglie. Un crescendo pazzesco. Si sentiva chiaramente lo stacco autonomo di ogni personaggio che voleva prevalere sugli altri, l’intervento libero e indipendente di ogni voce che sgomitava per sopraffare le altre due. Per la prima volta vidi Carmelo trasformarsi in un ossesso. Le vene del collo scoppiavano. Pianto e urlo non riuscivano a dominare il grido straziante del pianoforte suonato con pugni e gomiti, imitando Bussotti. Il suono demoniaco delle bottiglie, stridulo, ghiacciato, straziava l’uomo che non si rassegnava, la musica non cedeva. Lui saliva e scivolava, imprecando. La preghiera, l’insulto, lo strazio nel sentirsi rifiutato, la terra inconsistente sotto i suoi piedi, la voce ribelle del vetro che si imponeva su quella del pianoforte e su quella disperata dell’uomo. Un pezzo drammatico così non lo avevo mai visto né sentito. Era un conflitto astratto e vero. La lotta dell’uomo tra il bene e il male. Da brivido. Avevo la pelle d’oca.

7Un ricordo bellissimo, come diversi altri nel libro, che ha la capacità di rendere ancora vivo lo stile dell’attore di quegli anni, anche agli occhi di chi non ha avuto la fortuna di conoscerlo direttamente.

8Un ulteriore merito del racconto è quello di evidenziare la magmaticità dell’opera di Carmelo Bene. Un’arte certo lucida e consapevole ma pur sempre sovraccarica di elementi eterogenei, conseguenza del tipico modo di procedere per accumulo e sovrabbondanza formale che caratterizza l’impostazione beniana. La netta predilezione di Vendittelli per il primo periodo del teatro del maestro non fa velo all’autore di queste pagine sul carattere complesso del lavoro dell’artista pugliese tanto nel primo quanto nel secondo periodo. Se l’allegorismo grottesco è la cifra del teatro di Bene negli anni giovanili e il simbolismo il tratto dominante della fase successiva, è pur vero che allegoria e simbolo sono in Bene sempre intrecciati e mai del tutto scissi l’uno dall’altro. Tracce di simbolismo sono ben presenti – come appunto evidenzia Vendittelli – nei suoi primi lavori, così come elementi grotteschi non mancano di far capolino anche negli anni successivi. Un teatro dunque ricco, complesso, eterogeneo, non semplicemente riconducibile alle teorizzazioni sulla phoné degli ultimi anni.

9Vendittelli ci aiuta poi a collocare l’arte di Carmelo Bene – secondo una prospettiva per nulla scontata – fra i due poli del «teatro» e dello «spettacolo», fra l’autenticità del gesto teatrale e la sua (inevitabile?) trasformazione in momento spettacolare, alludendo così al dilemma più grande e cruciale in cui si dibatte l’arte tutta della modernità: il conflitto insanabile fra il tentativo di realizzare una forma di pienezza nell’arte e la percezione della sua avvenuta e irrimediabile perdita. Carmelo Bene – suggerisce implicitamente Vendittelli – ha vissuto fino in fondo questa aporia, anche laddove non sembri a tutta prima, scontandone contraddizioni e opportunità, naturalmente con il genio che ne ha contraddistinto la figura e l’opera (quel genio che appunto – wildianamente – non “fa quel che vuole” ma “quel che può”).

 

10Molte altre sono le cose notevoli di queste pagine.

11Per esempio quel voler sottolineare l’importanza del gruppo di collaboratori, attori, amici che sono ruotati intorno a Carmelo Bene negli anni del suo primo periodo di attività. Un gruppo che non a caso resta abbastanza omogeneo e costante nel corso degli anni, a testimonianza di una modalità di lavoro molto distante da quella più asetticamente “professionale” allora normale (e tutt’oggi normale) e piuttosto paradossalmente vicina alla tradizione, pur rivista in altra chiave, delle compagnie “all’antica italiana”. Un’accentuazione tanto più significativa quanto più riferita a un caso di indubbia grandezza solitaria, laddove verrebbe quasi naturale isolare il percorso dell’attore-artifex da quello dei suoi collaboratori. Ma Vendittelli richiama implicitamente il lettore alla considerazione che il teatro è sempre frutto di un lavoro collettivo, per quanto ciò avvenga in modi diversi a seconda dei casi. E il caso di Carmelo Bene, pur presentandosi senza dubbio con tratti particolari, non fa eccezione.

12Val la pena infine sottolineare un ultimo aspetto, decisivo, del libro. La capacità di Vendittelli di collocare il lavoro beniano in un contesto più ampio, che riguarda non solo il teatro nel suo complesso ma anche le altre arti (e in particolare, viste le competenze dell’autore, le arti figurative). Si tratta altresì di una contestualizzazione storica e politica, che a Bene non sarebbe probabilmente piaciuta ma che nondimeno appare ai nostri occhi essenziale per capire quel che è stato.

13Un libro che offre poi molti spunti per ulteriori indagini. Come a proposito del legame fra il percorso di Bene e quello delle avanguardie americane, tenuto conto del prezioso ricordo sul debito del Living Theatre nei confronti dei primi spettacoli di Carmelo Bene, per esempio del Gregorio (1961). Un episodio su cui riflettere, da approfondire e precisare: non si tratta solo di evidenziare l’autonomia del percorso artistico e culturale della “neoavanguardia” italiana (Bene, certo, e poi la compagnia Quartucci e altri) ma anche di tornare sugli intrecci fra le varie esperienze artistiche che si svilupparono contemporaneamente in paesi e contesti diversi.

 

14Naturalmente non è detto che tutto quello che ricorda Vendittelli corrisponda precisamente e minuziosamente a quanto effettivamente accaduto nel corso degli anni. Le pagine che abbiamo di fronte esprimono la più classica contraddizione della memoria, che a volte più si concentra su un singolo dettaglio più sgrana l’immagine complessiva, perdendo proprio, o forse confondendo, altri dettagli. E non è detto che tutto quello che leggiamo in queste pagine sia condivisibile. Ma d’altra parte ciò che è in gioco qui non è tanto la condivisione delle opinioni, piuttosto il tentativo di capire ciò che è stato. E il libro di Vendittelli costituisce, in questo senso, un tassello indispensabile.

Annexes

Salvatore Vendittelli con i suoi pupazzi

Salvatore Vendittelli con i suoi pupazzi

Table des illustrations

Titre Salvatore Vendittelli con i suoi pupazzi
URL http://books.openedition.org/aaccademia/docannexe/image/857/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 92k