Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Lugné-Poe e l’Œuvre simbolista

 | 
Giuliana Altamura

40. La rappresentazione mancata di Un Jour

Texte intégral

  • 1 Alla p. 3.
  • 2 «Mlle Bady, qui vient de quitter l’Odéon, reprendra, cette saison, sa place à l’Œuvre. Elle créera (...)

1La rappresentazione dell’Ubu Roi sarebbe dovuta essere accompagnata dal poema di Francis Jammes Un Jour, o almeno così era stato annunciato sull’«Écho de Paris» il 27 settembre – in cui era scritto fra l’altro che sarebbe stato introdotto da una conferenza di Bataille1. La pièce però non venne mai messa in scena all’Œuvre, né allora né in seguito ai tentativi dell’anno successivo, proprio a causa delle macchinazioni – cui abbiamo visto non essere nuovo – dell’autore della Belle au bois dormant, che avrebbe cercato progressivamente di accaparrarsi l’opera facendo leva sul fatto che la principale interprete sarebbe stata la sua Bady, il cui ritorno all’Œuvre era stato annunciato a fine settembre2. Confrontando infatti gli scambi epistolari fra Jammes, Lugné-Poe, Bataille e Gide – che di Jammes rappresentava i diritti a Parigi assieme a Rouart, Samain e Saint-Georges de Buhélier – possiamo facilmente ricostruire le dinamiche segrete che operarono alle spalle del direttore dell’Œuvre e su cui vale la pena soffermarsi, prima di occuparsi della grande tappa dell’Ubu, proprio per comprendere le difficoltà anche interne che ostacolavano la riuscita dell’impresa di Lugné, cui una prima dell’opera di Jammes avrebbe indubbiamente giovato.

  • 3 F. Jammes, Francis Jammes et André Gide. Correspondance, 1893-1938, a cura di R. Mallet, Gallimard, (...)
  • 4 «Lugné, comme semblait l’émettre dans la lettre que me communiqua Bataille, joindra-t-il mon Jour a (...)
  • 5 Lettera di Jammes a Gide datata fine settembre, ivi, p. 88.
  • 6 Si vedano in proposito due lettere inedite, datate ottobre, inviate da Jammes a Lugné-Poe e conserv (...)
  • 7 Jammes aveva inviato a Lugné-Poe, come risulta da una lettera inedita datata novembre ’96 conservat (...)
  • 8 Lettera inedita non datata di Lugné-Poe a Bataille, conservata alla Doucet.
  • 9 Lettera inedita non datata di Jammes a Lugné-Poe, conservata alla SACD.
  • 10 Lettera datata 3 dicembre, indirizzata da Gide a Jammes: «Pourquoi es-tu malade, puisque tu n’es pa (...)
  • 11 Lettera dei primi del febbraio 1897, ivi, p. 100.

2Bataille parrebbe essere stato il primo intermediario fra Jammes e Lugné-Poe, dal momento che – in una lettera indirizzata a Gide del settembre 1896 – Jammes scrive, in uno stato d’incertezza riguardo le sorti della sua opera, che lo snerva: «Je serais désolé, après les espérances de toute sorte que me donna Bataille et l’importance qu’il y attachait, de n’être pas joué à l’Œuvre»3. Bataille gli avrebbe infatti comunicato le intenzioni di Lugné di rappresentare Un Jour addirittura nello spettacolo successivo, e domanda a Gide con una certa insistenza di recarsi personalmente dal direttore dell’Œuvre per persuaderlo definitivamente a rappresentarlo4. Jammes teneva evidentemente moltissimo a essere messo in scena da Lugné ed esulta quando finalmente, a fine settembre, i giornali ne danno notizia ufficiale, annunciando Un Jour per il secondo spettacolo5. A fine ottobre però, non avendo ancora una data precisa, Jammes preme i suoi amici parigini perché facciano a loro volta pressione a Lugné6. Il mese successivo scrive a Gide di non avere ancora alcun dettaglio, ma di continuare comunque a fare affidamento sulla buona volontà di Lugné e della Bady, nonostante qualcosa nel comportamento di Bataille non lo convincesse7. Ai primi di dicembre Lugné decide di posticipare Un Jour per motivi di tempistica, dal momento che l’Ubu durava già tre ore senza musica. Scrive infatti – e significativamente per primo – a Bataille che non vi è alcun’altra ragione se non quella nella sua scelta8. Lugné doveva evidentemente aver promesso a Jammes di mettere in scena comunque l’opera quanto prima, dal momento che il drammaturgo gli risponde di non volergliene, di giudicarlo un uomo di parola che non mancherebbe mai a un accordo, e chiedendogli di convenire al più presto una data – e stavolta definitiva – con Bataille9. Se quindi questa prima rinuncia sembrerebbe imputabile unicamente a Lugné-Poe, vi è sempre l’ombra dell’antagonista che agisce dietro le quinte, mirando evidentemente a far rappresentare lui stesso l’opera con la Bady: non a caso Gide, messo al corrente della questione, accusa Lugné di cattiva volontà e intanto si dice affascinato da Bataille e dalla recitazione della compagna in Un Jour, che gli aveva mostrato in sede privata10… Qualcosa, tuttavia, comincia qualche mese dopo a non quadrare nemmeno a lui: «Régnier est venu l’autre jour avec Paul Fort […]. Nous avons beaucoup causé de toi et de cette représentation d’Un Jour. Il y a des secrets ressorts que je ne comprends pas encore bien»11.

  • 12 Lettera del marzo 1897, ivi, p. 103.
  • 13 Lettera del 16 marzo ivi, pp. 103-104.

3Lugné intanto vuole tentare nuovamente la rappresentazione per quella primavera, ma ancora una volta le cose non vanno a buon fine e stavolta l’intrigo ordito da Bataille appare più evidente. A marzo Jammes domanda a Gide se ha qualche notizia in proposito da Bataille12. Gide allora gli risponde riportando una conversazione avuta con lui i primi di marzo, in cui Bataille gli diceva di aver parlato con Lugné-Poe e che avevano la loro parola: alla prima occasione, appena avrebbero avuto «la place de mettre un acte dans une représentation pas assez pleine», si sarebbe rappresentato Un Jour 13. Gide allora gli aveva fatto notare che avevano già avuto più di un’occasione ed avevano scelto altre pièces, «pourquoi pas Un Jour?». Bataille a quel punto aveva tergiversato dandogli la parola d’onore sua e della Bady che «si ce n’est pas à l’Œuvre, nous jouerons cette pièce, ce chef-d’œuvre… à la Bodinière… ou n’importe où». Qualche giorno dopo poi, aveva giurato all’amico comune Vandeputte di non vedere Gide da più di due mesi e mezzo.

  • 14 Lettera comunicata personalmente dalla moglie di Jammes al curatore del volume F. Jammes, Francis J (...)
  • 15 La lettera che Jammes invia a Lugné-Poe è datata 8 ottobre 1897 ed è conservata alla SACD. Della su (...)
  • 16 Lettera inedita conservata alla SACD.
  • 17 Jammes invia in proposito una lettera pubblica indirizzata a Vallette, pubblicata a p. 966.
  • 18 Cfr. lettera del dicembre 1897 indirizzata da Gide a Jammes: «Bataille-Bady […] ont l’adulation si (...)

4Il terzo e ultimo tentativo di Lugné risale al settembre 1897. Scrive direttamente a Jammes, cercando di escludere intermediari: «Vous m’avez autorisé à vous jouer l’an passé, je vous ai promis et je voudrais tenir ma promesse. L’an passé, j’étais chagrin que l’on voulût introduire des arrangements dans votre œuvre, un bon directeur n’aime pas avoir de collaborateur imprévu et j’avais aimé Un Jour, mais je ne m’attendais pas à voir naître une collaboration. Cette année, je reprendrai votre œuvre si vous me le permettez, mais ce faisant je serais heureux de voir de vos amis, de m’entretenir avec eux des interprètes (j’en vois une très belle), mais si l’on touche à votre texte, je ne veux en référer qu’à vous…»14. Jammes però appare stavolta più sulla difensiva. Ad ottobre gli scrive per domandargli dei renseignements sullo spettacolo: sembra in particolare preoccupato per l’interprete principale, che rischia di non essere più la Bady a causa delle polemiche che – come vedremo in seguito – c’erano state fra Bataille e Lugné15. Alla fine però, Jammes decide di rinunciare per il momento alla rappresentazione all’Œuvre, come comunica a Lugné in una lettera del 6 novembre, in cui gli scrive che crede si tratti della soluzione più saggia16. Jammes non gli dà altre spiegazioni, né lo fa nella sua rinuncia ufficiale pubblicata sul «Mercure de France» di dicembre17. Dalla corrispondenza con Gide però è evidente la sua scelta di affidarsi per la rappresentazione interamente a Bataille, che l’avrebbe portata su di un’altra scena, forse agli Escholiers18. Lui e la Bady tuttavia non realizzeranno mai le loro intenzioni e Un Jour sarebbe arrivato a teatro soltanto nel 1939, al Théâtre-Français e ancora solo come lettura scenica. Jammes sarebbe stato sì rappresentato all’Œuvre, ma solo nel 1913 e con La Brebis égarée.

Notes

1 Alla p. 3.

2 «Mlle Bady, qui vient de quitter l’Odéon, reprendra, cette saison, sa place à l’Œuvre. Elle créera les principaux rôles de Edouard II, adaptation de Marlowe par Georges Eeckhoud, et de Ton sang, une nouvelle pièce de M. Henry Bataille», in «Journal des débats politiques et littéraires», 24 settembre 1896, p. 3.

3 F. Jammes, Francis Jammes et André Gide. Correspondance, 1893-1938, a cura di R. Mallet, Gallimard, Paris 1948, pp. 87-88.

4 «Lugné, comme semblait l’émettre dans la lettre que me communiqua Bataille, joindra-t-il mon Jour au prochain spectacle? Que je voudrais, que je désirerais que tu pusses me fixer à cet égard. Rouart absent, j’ai recours à toi qui t’en es déjà occupé. Je suis certain que ton opinion serait d’un grand poids: dire à Lugné que Bady que tu as entendue est merveilleuse dans mon Un Jour, que tu crois à un succès; que l’acte est court, la mise en scène rapide et que, soit comme lever de rideau, soit comme fin de spectacle cela ne peut guère allonger etc. Tu sais ça mieux que moi. Serait-il bon que quelque ami à toi, influent, Hérold ou autre, t’accompagnât? […] J’ai été vexé qu’on attendît ma pièce et qu’elle n’ait pas été jouée. […] Je t’en prie, occupe-toi de cela comme si tu avais à guérir ma fièvre. Je t’en prie, occupe-t’en, […] vois Lugné le plus tôt possible» (ibid.).

5 Lettera di Jammes a Gide datata fine settembre, ivi, p. 88.

6 Si vedano in proposito due lettere inedite, datate ottobre, inviate da Jammes a Lugné-Poe e conservate alla SACD: nella prima lo scrittore invita caldamente l’attore a dare ogni tipo d’informazione riguardante la rappresentazione ai suoi amici fidati Gide, Ruart e Samain; nella seconda gli chiede di far assistere gli stessi Gide, Samain e il musicista Bonheur alle prove. Cfr. inoltre la lettera del 30 ottobre scritta da Albert Samain a Lugné – pubblicata poi sul «Gil Bas» del 12 aprile 1913 in occasione della rappresentazione de La Brebis égarée di Jammes all’Œuvre e riportata in nota in F. Jammes, Francis Jammes… cit., p. 326 – in cui Samain gli chiede personalmente di poter assistere alla prova per volontà di Jammes, domandandogli per quando sarebbe prevista.

7 Jammes aveva inviato a Lugné-Poe, come risulta da una lettera inedita datata novembre ’96 conservata alla SACD, un prologo in prosa da recitare prima dello spettacolo, per poi chiederglielo indietro (altra missiva inedita di novembre conservata sempre alla SACD) dopo aver saputo che Bataille intendeva scrivere lui stesso un’introduzione per l’occasione. A fine mese scrive a Gide: «Je ne comprends rien à la conduite de Bataille. Je l’ai remercié! Il me répondra, je pense explicitement. J’avais fait, avant de rien savoir de son avant-propos, un petit prologue à Un Jour, en prose. Puis j’ai songé à le retirer. Puis Lugné m’écrit que Bataille le paraphrasera et je télégraphie à Lugnè de le donner à Bataille. Laissons faire! […] Lugné (qui fait le poète) et Bady voulaient, veulent jouer Un Jour et le jouent. Je n’ai pas de détails» (F. Jammes, Francis Jammes… cit., p. 93).

8 Lettera inedita non datata di Lugné-Poe a Bataille, conservata alla Doucet.

9 Lettera inedita non datata di Jammes a Lugné-Poe, conservata alla SACD.

10 Lettera datata 3 dicembre, indirizzata da Gide a Jammes: «Pourquoi es-tu malade, puisque tu n’es pas à Paris? […] Sinon ne viendrais-tu pas à Paris quelques jours, puisque l’on ne joue pas encore ta pièce? A ce sujet nous nous sommes démenés comme des diables et Lugné nous a relevé nos espoirs. Je craignais de la mauvaise volonté, mais non. Au moins avons-nous, chez Bataille, entendu Bady te réciter. […] Bataille est charmant; j’ai eu très grand plaisir à le connaître» (F. Jammes, Francis Jammes… cit., p. 94).

11 Lettera dei primi del febbraio 1897, ivi, p. 100.

12 Lettera del marzo 1897, ivi, p. 103.

13 Lettera del 16 marzo ivi, pp. 103-104.

14 Lettera comunicata personalmente dalla moglie di Jammes al curatore del volume F. Jammes, Francis Jammes… (cit.) e riportata nelle note alle pp. 331-332.

15 La lettera che Jammes invia a Lugné-Poe è datata 8 ottobre 1897 ed è conservata alla SACD. Della sua preoccupazione per la Bady e in generale per le sorti dello spettacolo leggiamo nella lettera che invia subito dopo a Gide: «Je suis fixé, tu es fixé, il est fixé (Rouart) nous sommes fixés sur la confiance que nous devons avoir en B… Bady jouerait-elle??? En tout cas, étant donné la protestation de Bat… contre l’œuvre, j’échapperai à sa conférence. Ce qui est déjà beaucoup» (F. Jammes, Francis Jammes… cit., pp. 122-123).

16 Lettera inedita conservata alla SACD.

17 Jammes invia in proposito una lettera pubblica indirizzata a Vallette, pubblicata a p. 966.

18 Cfr. lettera del dicembre 1897 indirizzata da Gide a Jammes: «Bataille-Bady […] ont l’adulation si facile que, peut-être, après tout, faut-il croire que ce n’est plus de l’adulation… Charmants d’ailleurs; je m’amuse et me plais auprès d’eux […]. Bady cause avec moi de ta pièce; décidément elle a l’air de vouloir te jouer; ce serait aux Escholiers; j’ai dit plaisamment que tu me donnais carte blanche et me suis posé comme ambassadeur […]. Celle-ci s’entend avec moi pour convenir qu’il faut d’abord laisser paraître le livre et remettre la représentation, – donc à la fin de l’hiver. Tout va bien» (F. Jammes, Francis Jammes… cit., pp. 131-132).