Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Lugné-Poe e l’Œuvre simbolista

 | 
Giuliana Altamura

8. L’amicizia coi Nabis

Texte intégral

  • 1 Ivi, p. 189.

1Tornato nella capitale, Lugné-Poe si trasferì con i tre amici pittori Maurice Denis, Édouard Vuillard e Pierre Bonnard, al 28 di Rue Pigalle, in un piccolo atelier dove si sarebbe cementata «une fraternité qui ne se sépara pas quinze ans durant»1.

  • 2 Il ricordo è riportato in una lettera di Denis datata 4 dicembre 1890 e riportata ne Le Sot du Trem (...)

2Lugné aveva conosciuto Denis al Condorcet e dal primo momento li aveva uniti una profonda complicità. Parrebbe sia stato il pieds-de-nez fatto dalla pecora nera Lugné a un professore ad attirare l’attenzione di Denis che, ridendo stupidamente, avrebbe poi attratto la sua2. Si trattò forse dell’amicizia più significativa del giovane Aurélien.

3Tramite Denis – che aveva avuto modo di frequentarli negli ateliers dell’Académie Julian e dell’École des beaux-arts, destinato a divenire uno dei teorici principali del movimento – Lugné era poi entrato in contatto con quel gruppo di pittori che, proprio intorno al 1890, prese il nome di Nabis. Paul Sérusier, Bonnard, Vuillard, Roussel, lo stesso Denis (e poi ancora, fra gli esponenti principali: Ibels, Lacombe, Hermant, Seguin, Piot, Verkade, Vallotton, Maillol, Percheron) – sotto la guida del primo e innalzando il vessillo di Paul Gauguin, che ne avrebbe preso però le distanze – diedero vita a questo nuovo movimento artistico il cui nome in ebraico significa profeti, destinato a rivestire un’importanza eccezionale tanto per lo sviluppo della sensibilità simbolista di Lugné-Poe quanto poi materialmente per l’allestimento scenico degli spettacoli dell’Œuvre, in cui si sarebbe avvalso della loro preziosa collaborazione.

  • 3 J. Robichez, Lugné-Poe, L’Arche Éditeur, (Collection «Le théâtre & les jours»), Paris 1955, p. 49; (...)

4«D’eux vint l’orientation initiale», scrive Robichez, ed è in effetti lo stesso Lugné a riconoscere come siano stati i suoi amici pittori, «ces poètes que je voyais faire chanter la lumière, la couleur, la pensée», ad arricchirlo spiritualmente e a spingerlo a cercare qualcos’altro al di là del Conservatorio e del Libre, il cui «manque absolu de fantasie» l’aveva stancato3.

  • 4 Lugné ha riportato in allegato nel Sot du tremplin (alle pp. 243-272) un gran numero di lettere inv (...)
  • 5 J. Robichez, Lugné-Poe cit., p. 49.
  • 6 Cfr. a proposito dei punti elencati le lettere in allegato al Sot du tremplin. Racconta Lugné-Poe d (...)
  • 7 Lettera s.d. riportata ivi, p. 248.

5Lugné, già prima di partire per Reims, si adoperava per cercare di vendere le tele degli amici Denis, Bonnard e Vuillard sfruttando le sue conoscenze nel mondo teatrale e letterario parigino – cosa non facile, dal momento che si trattava delle opere di pittori giovani (al tempo della condivisione dell’appartamento in rue Pigalle Denis aveva vent’anni, Vuillard ventitré, Bonnard ventiquattro e Aurélien ventidue) e del tutto sconosciuti. Eppure Lugné era abile a mercanteggiare, e lo testimonia la fitta corrispondenza intrattenuta con Denis durante il servizio militare4. Già da allora dimostrava questa sua particolare dote caratteriale, la capacità di unire uno spirito profondamente idealista a un certo «sens pratique»5. Aveva proposto le loro opere a Claretie e a Coquelin che si sarebbe dimostrato sempre molto disponibile nei confronti del gruppo; aveva domandato a Catulle Mendès una raccomandazione presso un editore col quale Denis avrebbe voluto pubblicare delle illustrazioni; si era interessato presso giornalisti e critici come Geffroy perché scrivessero in favore dei suoi amici pittori; li aveva raccomandati al Libre perché potessero disegnare qualche programma di sala6. Denis arrivò addirittura ad affermare che «c’est Lugné qui est à la clef du succès de Gauguin», proprio grazie all’interesse che l’amico ha cercato di risvegliare per la sua pittura e quella dei suoi proseliti7.

  • 8 Gli articoli compaiono sui numeri del 23 e 30 agosto 1890 (rispettivamente alle pp. 540-542 e 556-5 (...)
  • 9 M. Denis, Théories, 1890-1910 cit., pp. 3 e 9.
  • 10 Ivi, p. 12.
  • 11 Ivi, p. 11.

6Lugné-Poe dimostrava già quindi una certa autorità nonostante la giovane età. Di certo fu grazie alla sua intermediazione e alle sue sollecitazioni che Denis arrivò a pubblicare su «Art et Critique», con lo pseudonimo di Pierre Louis, delle note intitolate Définition du Néo-Traditionalisme, che sarebbero poi diventate un vero e proprio punto di riferimento dottrinale per il movimento pittorico simbolista8. Denis nega la possibilità stessa di quell’oggettività rappresentativa che è alla base del naturalismo: «tout change dans nos sensations, objet et sujet», ed è proprio dallo stato d’animo dell’artista, dalle sue sensazioni che deve derivare «tout le Sentiment de l’œuvre d’art»9. La vera arte è quella che arriva a liberarsi dal pregiudizio della riproduzione fotografica, del trompe d’œil, per diventare sintesi definitiva, rappresentare nella sua stessa bellezza il contenuto. Bisogna aspirare al «triomphe universel de l’imagination des esthètes sur les efforts de bête imitation» perché possa essere il «triomphe de l’émotion du Beau sur le mensonge naturaliste»10. Non deve più interessare quindi la fedeltà al soggetto rappresentato, ma è la natura stessa a dover essere trasposta nell’equivalente psichico dell’artista che comunica attraverso la propria emozione. Denis scrive, a proposito delle illustrazioni dei libri, che non dovrebbero essere al servizio del testo, non dovrebbero corrispondere esattamente a ciò che viene descritto, ma rappresentare piuttosto «une broderie d’arabesque sur les pages, un accompagnement de lignes expressives»11. Come non riconoscere in questo il principio che verrà applicato ai décors, ma anche ai programmi di sala, realizzati dai Nabis per gli spettacoli dell’Œuvre?

  • 12 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 191.

7L’influenza che ebbe sul giovane attore la dottrina del sintetismo pittorico, del quale un artista vicino a Lugné più di chiunque altro nei suoi primi anni di attività era stato uno dei principali rappresentati, fu indubbiamente fondamentale per sancire il suo allontanamento dalla formazione classico-naturalista che aveva ricevuto. «Ne trouvant pas le théâtre, mes tréteaux rêvés, dans les rosseries du Libre, l’Atelier-Pigalle fut en quelque sorte pour moi les débuts de la parade»12.

  • 13 Da una lettera non datata di Denis (ivi, p. 260) parrebbe addirittura che si siano accordati lui, B (...)
  • 14 Lettera s.d. riportata ivi, p. 244.
  • 15 Lettera s.d. riportata ivi, p. 270.

8La corrispondenza che intrattenne con Denis, ma anche con Bonnard, nei mesi del soggiorno a Reims è testimonianza di un’amicizia salda e leale13. Denis gli domanda in continuazione dei suoi permessi per rientrare a Parigi, gli racconta ogni novità, lo mette al corrente dei suoi progetti, dei suoi sogni e dei suoi sconforti («il faudra bien souffrir avant de valoir»), e altrettanto fa Lugné14. Condividono entrambi una passione vitale per il proprio lavoro e quel desiderio, che accompagnerà Lugné-Poe in tutta la sua impresa, di dedicarsi unicamente all’«Art pour l’Art»15.

9Lugné, nell’appartamento di rue Pigalle e quindi grazie alle conoscenze degli amici Nabis, poté frequentare Morice, Retté – i teorici del simbolismo – e ancora Verlaine, Albert Saint-Paul, Mockel. Proprio Retté l’avrebbe iniziato a Mallarmé. Ma, soprattutto, sarebbero stati i Nabis ad avvicinarlo al Théâtre d’Art.

Notes

1 Ivi, p. 189.

2 Il ricordo è riportato in una lettera di Denis datata 4 dicembre 1890 e riportata ne Le Sot du Tremplin a p. 272.

3 J. Robichez, Lugné-Poe, L’Arche Éditeur, (Collection «Le théâtre & les jours»), Paris 1955, p. 49; Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., pp. 193-194.

4 Lugné ha riportato in allegato nel Sot du tremplin (alle pp. 243-272) un gran numero di lettere inviategli da Denis in quel periodo. Abbiamo reperito inoltre buona parte della loro corrispondenza negli Archivi del Museo Denis a Saint-Germain-en-Laye. Robichez infine ha potuto leggere e riportare ne Le Symbolisme au théâtre degli estratti di altre missive dello stesso Lugné-Poe indirizzate a Denis e cedutegli dalla moglie del pittore.

5 J. Robichez, Lugné-Poe cit., p. 49.

6 Cfr. a proposito dei punti elencati le lettere in allegato al Sot du tremplin. Racconta Lugné-Poe di aver venduto a Coquelin un Mystère Catholique di Denis, ma di non essere riuscito a fargli acquistare Une femme au chat di Bonnard. Dispiaciuto per l’amico, si sarebbe allora fatto dare i soldi del quadro da un parente per poi nasconderlo nella sua stanza (ivi, pp. 192-193).

7 Lettera s.d. riportata ivi, p. 248.

8 Gli articoli compaiono sui numeri del 23 e 30 agosto 1890 (rispettivamente alle pp. 540-542 e 556-558), ma Lugné lo aveva invitato a scriverli almeno da aprile: «Si tu as des notes d’art assez vives et assez actuelles, porte-les donc ou envoie-les à Jullien. Tu en tireras beaucoup de profit» (lettera datata 13 aprile, conservata al Museo Denis). Gli articoli costituiranno poi la parte iniziale del suo Théories, 1890-1910. Du Symbolisme et de Gauguin vers un nouvel ordre classique, L’Occident, Paris 1912.

9 M. Denis, Théories, 1890-1910 cit., pp. 3 e 9.

10 Ivi, p. 12.

11 Ivi, p. 11.

12 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 191.

13 Da una lettera non datata di Denis (ivi, p. 260) parrebbe addirittura che si siano accordati lui, Bonnard, Vuillard e Roussel per scrivergli a turno e non lasciarlo mai solo: «tu porrai ainsi avoir deux lettres par semaine». Nella stessa missiva Denis gli scrive di non esitare a chiedere nel caso gli servissero dei soldi, glieli avrebbero inviati volentieri appena guadagnato qualcosa.

14 Lettera s.d. riportata ivi, p. 244.

15 Lettera s.d. riportata ivi, p. 270.