Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Lugné-Poe e l’Œuvre simbolista

 | 
Giuliana Altamura

7. Militare

Texte intégral

1L’11 novembre 1890, Lugné entra dunque a far parte del 132° Régiment d’Infanterie a Reims. L’articolo 23 della legge militare sancita l’anno precedente gli permetteva di svolgere, in quanto allievo del Conservatorio, un anno soltanto di servizio militare, ma a condizione che risultasse primo al concorso conclusivo. Di fatto però Lugné rimase a Reims solo fino a metà marzo per poi essere messo in congedo per malattia grazie all’intervento – vedremo – di Coquelin Cadet. Il 20 maggio sarebbe stato spostato di reggimento al 124°, con sede a Parigi stessa, dove si sarebbe presentato di rado. Il 23 settembre 1891, infine, sarebbe stato messo in disponibilità.

  • 1 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., pp. 144 e 151.

2Lugné dedica un capitolo intero della sua autobiografia a quei cinque mesi scarsi trascorsi a Reims, ricco di aneddoti e personaggi a tratti caricaturali, interessante soprattutto per comprendere quanto le sue aspirazioni teatrali si facessero sempre più pressanti. Non ricorda affatto con piacere quel periodo alla caserma Colbert che l’aveva tenuto lontano dal fervore culturale dei teatri parigini. Nonostante Antoine gli avesse detto che «le métier militaire fait toujours du bien» e che i suoi mesi da soldato in Tunisia gli avevano donato «de la clarté, de la méthode», Lugné partiva già prevenuto e le notizie che non smetteva mai di ricevere dai suoi amici lo rafforzavano sempre più nell’idea che «la destinée du théâtre» dipendeva dalla sua libertà: «chaque jour qui passa me parut en être un qui m’était dérobé»1.

  • 2 La lettera è conservata alla Bnf.

3Da una lettera inedita indirizzata a Geffroy, ricaviamo testimonianza di come Lugné avesse tentato in ogni modo di evitare la partenza a Reims, cercando di farsi spostare di reggimento a Parigi, come avrebbe ottenuto solo nel maggio successivo: dopo avergli scritto che Larroumet – alto funzionario del Ministero dell’Istruzione e dall’88 direttore dell’École des beaux-arts – stava già cercando d’intercedere per lui, gli ricorda la sua proposta di far interessare alla questione un amico deputato, dal momento che gli avrebbero confermato che la buona parola di un politico influente avrebbe potuto effettivamente aiutarlo2. L’operazione evidentemente non ebbe l’esito sperato.

  • 3 Lettera inedita s.d. (timbro postale: 14 novembre 1890), conservata alla Bnf. Lugné lamenta all’ami (...)
  • 4 Lettera inedita con timbro postale del 23 novembre 1890, conservata alla Bnf. Nella stessa lettera (...)

4«Comme cette vie est triste», scrive a Geffroy dopo solo pochi giorni di permanenza3. Qualche settimana dopo sembra già essersi in parte rassegnato e, a modo suo, ambientato: «Je voudrais bien être a Paris. Toutefois je supporte la vie dans un régiment. […] Mes chefs immédiats […] hésitent à me commander, j’ai plus l’air, tout pris pour moi [,] d’être leur supérieur, que leur inférieur […] J’attends, impatient toujours»4.

  • 5 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 149.
  • 6 «Je bénéficie de permissions de soirée pour fréquenter le théâtre, de celles du dimanche soir et mê (...)

5Lugné non si dimostrava affatto indisciplinato o privo di volontà, ma finiva col soffrire enormemente per la noia e la «maladie du théâtre»: «il me revenait tout le temps à l’esprit les idées de théâtre, de révolte, d’anarchie»5. Fortunatamente aveva qualche contatto a Reims per poter continuare a recitare occasionalmente qualche monologo e, appena poteva, fuggiva a Parigi sfruttando la vicinanza della caserma alla stazione e usufruendo di tutti i permessi disponibili6. In caserma poi si era creato una sorta di proselitismo fra i seminaristi che frequentavano la biblioteca e con cui egli amava intrattenersi.

  • 7 Ivi, p. 156.
  • 8 Ivi, pp. 158 e 161. In una lettera inedita indirizzata a Geffroy (t. p.: 2 dicembre 1890) Lugné scr (...)

6Lugné non era assolutamente in grado di svolgere i compiti che gli venivano richiesti, tanto meno di maneggiare armi. Veniva spesso esentato dallo svolgere gli esercizi «par impossibilité» senza essere malato, né aver mai domandato di poterlo risultare. «Aux tirs où l’on avait essayé de m’entraîner, je m’étais efforcé de donner toutes les apparences de la meilleure volonté, mais tout ce que je fis fut cause de scandale militaire, il n’y a pas d’autre mot… Là j’ai du sentir vraiment que j’avais le théâtre dans les moelles»7. Per sua fortuna, Lugné riuscì a entrare nelle grazie di alcuni luogotenenti, fra cui l’excellent Mézière, disposto a coprire le sue partecipazioni teatrali – ovviamente in abiti civili – a Reims, e lo stesso colonnello Hartschmidt, «un soldat dans l’ancienne compréhension du mot», che finì sorprendentemente per prenderlo in simpatia nonostante la sua «rudesse» lo rendesse uno dei più temuti8. Certo questi favoritismi gli causarono qualche antipatia fra i compagni che per lo più, però, rimasero indifferenti alla questione.

  • 9 Ivi, p. 170.
  • 10 Leggiamo in una lettera di Hartschmidt indirizzata a Coquelin del 13 marzo 1891 e riportata da Lugn (...)

7Indubbiamente l’episodio più importante del periodo a Reims fu per Lugné-Poe avere la possibilità di sostituire Coquelin Cadet. Andato a trovare nel suo hotel l’attore, in città per una serata di beneficenza organizzata dai militari al Grand Théâtre, sarebbe stato proprio quest’ultimo a domandargli di recitare al suo posto perché senza voce. Ancora una volta fu l’intervento del Colonnello a permettergli di prendere il posto di Coquelin, nonostante l’opposizione del capitano Magendie: «D’avoir remplacé Coquelin, cela me fit prendre un nouvel élan. Je pus prévoir dès lors que mes jours à Reims étaient comptés»9. Sarà infatti proprio per intercessione di Coquelin, rimasto in buoni rapporti col colonnello Hartschmidt, che Lugné riuscì ad avere il congedo per malattia e rientrare a Parigi10.

Notes

1 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., pp. 144 e 151.

2 La lettera è conservata alla Bnf.

3 Lettera inedita s.d. (timbro postale: 14 novembre 1890), conservata alla Bnf. Lugné lamenta all’amico tanto la stupidità del sistema, dalle convenzioni linguistiche alle punizioni, quanto questioni di ordine pratico, come la mancanza d’acqua per lavarsi all’interno della caserma.

4 Lettera inedita con timbro postale del 23 novembre 1890, conservata alla Bnf. Nella stessa lettera Lugné scrive a Geffroy che, al momento della partenza, ha subìto un duro colpo perché un societario influente del Théâtre-Français stava per farlo entrare nella compagnia. A noi risulta un ingaggio all’Odéon, stando a quanto pubblicato sulla «Revue Indépendante» del luglio 1890 (p. 128), dove – nell’elenco dei vincitori del concorso del Conservatorio – Lugné è segnalato come «engagé à l’Odéon». Inoltre Lugné riporta a p. 207 del Sot du Tremplin una lettera che lo stesso direttore Porel gli avrebbe scritto all’indomani del concorso di fine anno del 1891, in cui – invitandolo a lavorare nel suo teatro – fa riferimento al rifiuto che Lugné gli avrebbe dato l’anno precedente.

5 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 149.

6 «Je bénéficie de permissions de soirée pour fréquenter le théâtre, de celles du dimanche soir et même, lorsque cela put être réglementaire, de vingt-quatre heures vers Paris» (ivi, pp. 153-154).

7 Ivi, p. 156.

8 Ivi, pp. 158 e 161. In una lettera inedita indirizzata a Geffroy (t. p.: 2 dicembre 1890) Lugné scrive all’amico che il colonnello gli avrebbe addirittura permesso di organizzare una festa nel reggimento e che, inoltre, era l’unica recluta cui avesse già concesso un permesso di ventiquattr’ore. Racconta inoltre nel Sot du Tremplin (pp. 162-167) un divertente episodio in cui, dopo essersi trattenuto a Parigi per uno spettacolo e in seguito da un’amica, aveva finito col ritirarsi all’alba e, mentre cercava di filarsela nuovamente la mattina dopo, sarebbe stato intercettato dal capitano Magendie che, constatando il numero incredibile di permessi di cui aveva usufruito per malattia, decise di estrometterlo dal servizio – che non era evidentemente in grado di svolgere per ragioni di salute – e di farlo passare alle cucine come aiuto-cuoco. Il colonnello, venutone a conoscenza, si sarebbe indignato e l’avrebbe rimesso al suo posto prendendosela col povero capitano. Magendie sarebbe stato nuovamente surclassato da Lugné per l’episodio di Coquelin raccontato di seguito.

9 Ivi, p. 170.

10 Leggiamo in una lettera di Hartschmidt indirizzata a Coquelin del 13 marzo 1891 e riportata da Lugné-Poe nel Sot du Tremplin (pp. 184-185): «J’arrive au jeune Lugné. Il sera fait comme vous le désirez et même il sera fait mieux. J’ai promis de m’employer à le faire passer dans un régiment de Paris dès qu’il aura six mois de présence au 132e – délai ou temps exigé par les règlements – Une fois à Paris, il lui sera facile, à l’aide de certaines tolérances, de reprendre ses anciennes occupations».

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable