Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Lugné-Poe e l’Œuvre simbolista

 | 
Giuliana Altamura

6. Verso un teatro simbolista

Texte intégral

1Lugné-Poe si trovò a dover abbandonare la capitale in un momento particolarmente rilevante per le sorti del simbolismo teatrale di cui era destinato a prendere le redini. Prima della sua partenza tuttavia, aveva potuto assistere ad alcuni eventi significativi che testimoniavano il fermento di questo movimento estetico in ambito spettacolare.

  • 1 Sul numero del 5 aprile, a p. 218, compare l’annuncio: «Le Théâtre Idéaliste fait appel à tous les (...)
  • 2 «Le naturalisme est la constatation de la douleur humaine, comme l’idéalisme en est la pitié. Celui (...)

2Il 5 aprile 1890 era comparso su «Art et Critique» un articolo di Louis Germain che annunciava l’intenzione di fondare un Théâtre Idéaliste, il cui programma sarebbe poi stato presentato sulla stessa rivista il 26 aprile, seppure in termini unicamente teorici1. «Voici que le naturalisme se meurt», così comincia la presentazione: «Il me semble que le théâtre de demain est celui du Rêve»2.

3Il primo spettacolo del Théâtre Idéaliste era previsto per il 28 giugno e Germain intendeva farvi rappresentare il proprio dramma François Villon, del quale aveva già recitato dei frammenti in occasione di una serata dedicata alla rivista «La Plume» il 24 maggio. Lugné avrebbe dovuto interpretare proprio la parte del protagonista, ma lo spettacolo non andò mai in scena.

  • 3 Il programma dello spettacolo era costituito da un prologo in versi di Marc Legrand, À propos du Th (...)
  • 4 Articolo apparso su «La Revue Indépendante» del settembre 1890 (Carnet des Théâtres, p. 416). Nello (...)

4Il giovane poeta Paul Fort, intanto, aveva fondato il Théâtre Mixte, il cui primo spettacolo era stato rappresentato il 27 giugno, senza riscuotere molto successo3. Gli intenti con cui nasceva il Théâtre Mixte non erano propriamente rivoluzionari: Fort mostrava ammirazione per Antoine e intendeva portare in scena opere di ogni genere e scuola, da cui la definizione di mixte. Specificava tuttavia l’intento, che sarebbe stato poi fatto proprio dall’Œuvre, di rappresentare opere «inédites et oubliées»4.

  • 5 «La Plume» del 1° settembre annuncia in realtà la presenza di un terzo direttore, Paul de Riel, il (...)
  • 6 «Le Théâtre Mixte s’annonce peu original, et manque de modernisme» (A. Vallette, Théâtre, in «Mercu (...)

5Un mese dopo venne annunciata la fusione del Théâtre Mixte e del Théâtre Idéaliste in un nuovo Théâtre Mixte sotto la direzione sia di Fort che di Germain5. Il nuovo Mixte avrebbe offerto però solamente due serate inaugurali, il 5 e il 12 ottobre, in cui vennero portati sulla scena del Théâtre Beaumarchais, preceduti da una conferenza dello stesso Germain: La Petite Bête, commedia in un atto di Fort; il Caïn, dramma in versi di Grandmougin; la commedia eroica in versi di Gayda, Kallisto e il già citato François Villon di Germain. Ancora una volta la critica dovette constatare la mancanza di originalità in un programma dal gusto parnassiano e indubbiamente poco innovativo, sebbene avesse il merito di portare alla ribalta la giovane attrice Georgette Camée negli atti di Fort e Villon, futura stella del Théâtre d’Art6.

6Nel mese di novembre la collaborazione fra Fort e Germain ebbe già termine e il primo fondò il Théâtre d’Art come direttore unico.

  • 7 «Maeterlinck nous a donné l’œuvre la plus géniale de ce temps, et la plus extraordinaire et la plus (...)
  • 8 La prima parte è pubblicata sul numero del dicembre 1889, la seconda e la terza sui numeri del genn (...)

7Intanto l’articolo di Mirbeau pubblicato sul «Figaro» del 24 agosto, dal titolo Maurice Maeterlinck, aveva lanciato il drammaturgo belga7. Certo si è creata una sorta di leggenda riguardo l’articolo di Mirbeau: in realtà Retté l’aveva anticipato col suo pezzo sulla Princesse Maleine apparso su «Art et Critique» il 4 gennaio 1890, ma già cominciato a scrivere il 20 novembre dell’anno precedente, come testimonia una lettera inviata a Jullien; la stessa Maleine aveva avuto un’edizione limitata già nel 1889 ed era poi stata pubblicata su «La Société Nouvelle» nei numeri del secondo semestre di quello stesso anno e nel primo del successivo8.

  • 9 A. Retté, La Princesse Maleine, in «Art et Critique», n. 32, 4 gennaio 1890, p. 9.

8Non sappiamo di preciso quando Lugné scopra Maeterlinck, ma di sicuro aveva letto l’articolo di Retté prima ancora di quello di Mirbeau, in cui il critico annunciava: «Désormais la preuve est faite: il y a un Théâtre symboliste»9.

  • 10 M. Maeterlinck, Menus Propos: le théâtre, in «La Jeune Belgique», settembre 1890, pp. 331-336; Id., (...)
  • 11 M. Maeterlinck, Menus Propos… cit.

9Sulla «Jeune Belgique» di settembre appare a questo proposito un importante articolo di Maeterlinck intitolato Menus Propos: le théâtre, contenente in nuce i cardini della sua poetica teatrale poi sviluppata nel Tragique quotidien, destinata a divenire l’indirizzo teorico principale del teatro simbolista10. Il drammaturgo arrivava ad affermarvi che «la plupart des grands poèmes de l’humanité ne sont pas scéniques», dacché «la scène est le lieu où meurent les chefs-d’œuvre, parce que la représentation d’un chef-d’œuvre à l’aide d’éléments accidentels et humains est antinomique», spiegando come la «présence active de l’homme» non possa coesistere con l’universalità del simbolo11.

  • 12 Si vedano, per quanto riguarda la stampa, l’articolo di Alfred Vallette sul «Mercure de France» del (...)
  • 13 «La Princesse Maleine vous appartient, et, dans ma pensée, vous a toujours appartenu» (lettera pubb (...)

10Oltre a risvegliare l’attenzione della critica, l’opera di Maeterlinck cominciava ad attirare anche proposte di rappresentazione: parrebbe se ne fosse interessato senza alcun seguito Albert Carré, direttore del Vaudeville e un «directeur» del Théâtre Mixte aveva preso a scrivergli per domandargli non solo Maleine, ma anche L’Intruse, appena pubblicata12. Ma è ad Antoine che Maeterlinck decide di cedere la prima pièce, pubblicando su l’«Écho de Paris» del 30 ottobre (poco prima della partenza di Lugné-Poe per Reims) una vera e propria dichiarazione di fedeltà al Libre13.

  • 14 Ivi, p. 191. Lugné-Poe aggiunge inoltre che Antoine intuiva il simbolismo di Ibsen, ma lo accusa di (...)

11Antoine, intanto, aveva portato per la prima volta sulle scene parigine il 29 e il 30 maggio una pièce di Ibsen, Les Revenants. Il drammaturgo norvegese sarebbe suo malgrado divenuto, grazie all’Œuvre di Lugné-Poe, il cavallo di battaglia del simbolismo teatrale in Francia, nonostante il suo ingresso lo si dovesse proprio alla scuola naturalista. «Antoine avait avec Les Revenants (1890) introduit le loup dans la bergerie du Naturalisme», scrive Lugné14.

  • 15 L’articolo si trova alle pp. 532-541. Ricordiamo che già nel marzo e aprile 1887 Jacques Saint-Cère (...)
  • 16 Numero del 5 giugno 1888.

12Il 25 maggio 1888 Adrien Wagnon aveva dedicato a Les Revenants un articolo apparso su «Le Revue internationale» in cui esaltava Ibsen come «un réaliste, mais aussi un poète» che aveva idealizzato il principio del realismo15. Qualche giorno dopo su «Le Figaro» veniva annunciato l’intento di Antoine di metterlo in scena16.

  • 17 In realtà Antoine aveva già domandato di occuparsi della traduzione a Henry Céard, chiedendogli ino (...)
  • 18 Maurice Prozor (1848-1928) era un diplomata russo, poi segretario dell’Ambasciata a Stoccolma dal 1 (...)

13Les Revenants furono rappresentati nella traduzione di Rodolphe Darzens, direttore del «Théâtre Libre Illustré», cui Antoine – in ragione del vincolo amicale che li legava – non aveva potuto togliere la precedenza17. Questo scatenò il primo capitolo di una querelle col Conte Prozor, il solo ad avere l’autorizzazione di Ibsen come traduttore delle opere ibseniane in Francia18. Nonostante i divieti suoi e dell’autore (che il 14 aprile aveva siglato ufficialmente l’accordo con Prozor), Antoine poté comunque rappresentare l’opera nella traduzione di Darzens dal momento che il Libre era un teatro privato e non necessitava dunque dell’autorizzazione autoriale. Già il 2 giugno comunque, Prozor scriveva alla Société des Auteurs per domandare loro di ufficializzare i suoi diritti su Ibsen in Francia.

  • 19 Ivi, p. 11.
  • 20 Ivi, p. 13.

14Lugné assistette alla rappresentazione e nel suo Ibsen, unico volume da lui pubblicato al di là della Parade, ne parla come di un vero e proprio «coup de tonnerre dans la vie de la scène de France», riconoscendo all’avvenimento un’importanza che a suo tempo nessuno era stato in grado di comprendere19. Ovviamente Lugné fa riferimento alla scoperta scenica di Ibsen – cui dà merito tanto ad Antoine, senza rinunciare a un filo di polemica, quanto a Darzen – e non alla rappresentazione in sé, certamente molto lontana da quelle che sarebbero state le interpretazioni ibseniane dell’Œuvre: «Antoine, comédien, n’ayant vu dans la représentation de la pièce que des scènes de gâtisme sexuel qui révolteraient, s’était fait son zélateur… Mais quel service il a rendu au théâtre!»20.

  • 21 «Le Canard sauvage tentait Antoine. Le rôle du photographe Hialmar Ekdal offrait une saveur facile (...)
  • 22 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 195.

15La battaille con Prozor riprese durante l’inverno: Antoine annunciò di voler rappresentare Le Canard sauvage nella traduzione di Ephraïm e Lindenlaub21. Prozor fece intervenire la Société des Auteurs e Ibsen stesso, ma non ci fu nulla da fare: il Libre avrebbe portato in scena l’opera il 27 aprile 1891, quando Lugné sarebbe ormai rientrato definitivamente a Parigi. «Nous sommes allés avec mes amis aux Revenants comme au Canard, et nous sentions que ce naturalisme qu’imposait chez nous ce poète, taxé de symbolisme dans toute l’Europe, préparait une grande évolution»22.

  • 23 Barrucand aveva preparato la sua traduzione de Le Canard sauvage nel novembre 1890 assieme allo sca (...)

16Circolava intanto anche una terza traduzione dell’opera, quella di Victor Barrucand, futuro autore dell’Œuvre23. Questo ci dimostra il fermento che proprio in quel periodo di passaggio tanto fondamentale per Lugné si stava creando attorno a Ibsen, così come a Maeterlinck, proprio quando Fort tentava l’impresa di un teatro che si opponesse al Libre.

Notes

1 Sul numero del 5 aprile, a p. 218, compare l’annuncio: «Le Théâtre Idéaliste fait appel à tous les jeunes auteurs, aux artistes dramatiques désireux de débuter, aux compositeurs de musique».

2 «Le naturalisme est la constatation de la douleur humaine, comme l’idéalisme en est la pitié. Celui succède logiquement à celui-là. Et avoir pitié, n’est-ce pas être, en puissance, un poète? […] Nous détestons tout ce qui est vil, et cela est l’initiation à la religion du beau, la seul possible dans l’avenir». (L. Germain, Le Théâtre Idéaliste, in «Art et Critique», 26 aprile 1890, pp. 263-264).

3 Il programma dello spettacolo era costituito da un prologo in versi di Marc Legrand, À propos du Théâtre Mixte; dalla comédie lyrique in un atto in versi dello stesso autore, dal titolo Pierrot et la Lune; dalla commedia in un atto Le Florentin, erroneamente attribuita a La Fontaine. Sarebbe stato inoltre previsto il dramma Caïn di Charles Grandmougin, non più rappresentato per un’indisposizione dell’autore-attore, ma destinato ad andare in scena lo spettacolo successivo (Théâtre, in «Mercure de France», agosto 1890, p. 301).

4 Articolo apparso su «La Revue Indépendante» del settembre 1890 (Carnet des Théâtres, p. 416). Nello stesso articolo Fort definisce il Mixte come «une institution capable de concilier les opinions les plus diverses et de se faire agréer par tous».

5 «La Plume» del 1° settembre annuncia in realtà la presenza di un terzo direttore, Paul de Riel, il quale però avrebbe lasciato la direzione prima ancora della serata inaugurale.

6 «Le Théâtre Mixte s’annonce peu original, et manque de modernisme» (A. Vallette, Théâtre, in «Mercure de France», novembre 1890, p. 414).

7 «Maeterlinck nous a donné l’œuvre la plus géniale de ce temps, et la plus extraordinaire et la plus naïve, comparable, et oserai-je le dire, supérieure en beauté à ce qu’il y a de plus beau dans Shakespeare».

8 La prima parte è pubblicata sul numero del dicembre 1889, la seconda e la terza sui numeri del gennaio e febbraio 1890 (rispettivamente alle pp. 558, 70 e 208). L’edizione limitata cui si fa riferimento è citata da G. Harry ne La vie et l’œuvre de Maurice Maeterlinck, Lagny, impr. E. Grevin, Bibliothèque-Charpentier-Fasquelle Éditeurs, Paris 1932, p. 11. La lettera inviata da Retté a Jullien è conservata negli Archives Jullien e citata da Robichez ne Le Symbolisme au théâtre cit., pp. 81-82.

9 A. Retté, La Princesse Maleine, in «Art et Critique», n. 32, 4 gennaio 1890, p. 9.

10 M. Maeterlinck, Menus Propos: le théâtre, in «La Jeune Belgique», settembre 1890, pp. 331-336; Id., Tragique Quotidien, in Trésor des Humbles, Mercure de France, Paris 1896.

11 M. Maeterlinck, Menus Propos… cit.

12 Si vedano, per quanto riguarda la stampa, l’articolo di Alfred Vallette sul «Mercure de France» dell’ottobre 1890 (Maurice Maeterlinck et Charles van Lerberghe, pp. 377-379) e quello di Paul Perret su «La Liberté» del 6 ottobre 1890 (rubrica «Revue dramatique», p. 1), che domanda di portare in scena Maleine a dispetto del suo essere injouable supposto da Mirbeau. I propositi di Carré di andare a trovare Maeterlinck nella sua Gand per domandargli Maleine vengono riferiti dallo stesso Maeterlinck in una lettera a Mirbeau dell’ottobre 1890 citata da Robichez (Le Symblisme au théâtre cit., p. 84). Le richieste del «directeur» del Mixte – il cui nome non viene specificato e che, all’epoca, potrebbe essere ancora Germain, ma più probabilmente Fort – sono anch’esse riferite a Mirbeau in una lettera del 25 o 26 ottobre (ivi, p. 85). L’Intruse era stata pubblicata in quell’anno a Bruxelles dall’editrice Lacomblez.

13 «La Princesse Maleine vous appartient, et, dans ma pensée, vous a toujours appartenu» (lettera pubblicata in Le Capitaine Fracasse, Gazette Théâtrale, p. 3). Antoine conosceva senza dubbio Maeterlinck prima dell’articolo di Mirbeau: su «L’Information» del 27 ottobre 1919 avrebbe dichiarato di aver avuto un bell’esemplare con dedica di Maleine di ritorno da una delle sue tournées a Bruxelles (gennaio e marzo 1890). Che anche Lugné-Poe, al suo fianco in qualità di régisseur, abbia potuto leggere il testo già da allora? Antoine non metterà mai in scena Maleine. È tuttavia significativa una lettera di Maurice Denis non datata, ma che fa riferimento all’annuncio sui giornali dell’intenzione del Libre di rappresentare l’opera («Le Figaro» diede per primo l’annuncio il 25 ottobre): il pittore domanda a Lugné d’intercedere per lui presso Antoine perché possa disegnare i programmi di sala, nonostante all’epoca Lugné non lavorasse già più al Libre (lettera riportata nella sezione Annexes del Sot du tremplin, p. 256).

14 Ivi, p. 191. Lugné-Poe aggiunge inoltre che Antoine intuiva il simbolismo di Ibsen, ma lo accusa di non aver avuto il coraggio di «secouer le joug et surtout s’évader du milieu de parasites qui lui masquaient la vérité, l’empaillaient le montaient sur sa branche lui disant qu’il était l’oiseau rare, le phénix».

15 L’articolo si trova alle pp. 532-541. Ricordiamo che già nel marzo e aprile 1887 Jacques Saint-Cère aveva parlato di Ibsen al pubblico francese sulla «Revue d’art dramatique», criticandone da un lato la poca capacità tecnica che lo spingeva a portare spesso il realismo al limite del ridicolo, dall’altro riconoscendone la capacità di scrivere scene che sono dei veri e propri capolavori. Sulla fortuna critica di Ibsen in Francia si rimanda a D. Reque, Trois auteurs dramatiques scandinaves: Ibsen, Björnson, Strindberg, devant la critique française, Champion, Paris 1930.

16 Numero del 5 giugno 1888.

17 In realtà Antoine aveva già domandato di occuparsi della traduzione a Henry Céard, chiedendogli inoltre di adattare l’opera al gusto francese. Céard si era rifiutato, ritenendolo un «mauvais service» all’autore e alla sua opera (D. Reque, Trois auteurs cit., p. 35).

18 Maurice Prozor (1848-1928) era un diplomata russo, poi segretario dell’Ambasciata a Stoccolma dal 1881. Ibsen avrebbe conosciuto proprio qui Prozor, grazie probabilmente alle amicizie della moglie, di origine svedese, animatrice di un vero e proprio salotto letterario dove si riunivano «les esprits les plus raffinés de la littérature et des arts de la Venise du Nord» (Lugné-Poe, Ibsen, Les Éditions Rieder, Paris 1936, p. 15).

19 Ivi, p. 11.

20 Ivi, p. 13.

21 «Le Canard sauvage tentait Antoine. Le rôle du photographe Hialmar Ekdal offrait une saveur facile et… quelque peu vieux théâtre». Ancora una volta il giudizio di Lugné-Poe si oppone nettamente all’interpretazione naturalista di Antoine: «Au Théâtre Libre, il faut bien le reconnaître aujourd’hui […] l’interprétation du Canard sauvage pour satisfaisante qu’elle put paraître aux yeux du public des habitués, demeura incohérente du point de vue de l’orthodoxie ibsénienne» (ivi, pp. 22 e 23).

22 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 195.

23 Barrucand aveva preparato la sua traduzione de Le Canard sauvage nel novembre 1890 assieme allo scandinavo Paul Halvorsen, e l’aveva presentata sia ad Antoine che a Carré perché la rappresentasse al Vaudeville, in entrambi i casi senza successo. Carré, ad ogni modo, porterà in scena l’ultima produzione di Ibsen, Hedda Gabler, il 17 dicembre 1891.