Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Lugné-Poe e l’Œuvre simbolista

 | 
Giuliana Altamura

4. Al Libre

Texte intégral

1Il 19 ottobre 1888, qualche settimana prima di essere ammesso al Conservatorio, Lugné debuttava sulla scena del Théâtre Libre nel ruolo di bordier ne Les Bouchers di Icres e di figurante sia nella Cavalleria rusticana di Verga che ne L’Amante du Christ di Darzens. Antoine rappresentò dunque il suo primo patron effettivo.

  • 1 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 91. Matapan era andato in scena al Libre il 27 aprile 1888. (...)

2Era stato Kéraval ad introdurlo a lui: nella Parade scrive che il maestro aveva da poco interpretato Matapan di Moreau al Libre e, avendolo visto particolarmente colpito dagli «aspects simplificateurs d’Antoine à l’avant-scène», si era offerto di presentarlo al régisseur1. Lugné descrive in questi termini il suo primo incontro con Antoine, con cui avrebbe avuto un rapporto – lo vedremo – piuttosto burrascoso:

  • 2 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., pp. 88-89.

La première rencontre avec Antoine m’en jeta plein la vue. J’ai grimpé son escalier. J’avais supputé, rêvé, pensé, ruminé cet instant. Toute ma foi, toute ma confiance dans le théâtre étaient en éveil. […] L’œil bleu comme étonné, les sourcils convergeant vers ces yeux gros, naïfs, légèrement brides et sinueux, un je ne sais quoi d’innocent qui charmait. Ce je ne sais quoi c’était peut-être notre plus méchant miroir qui nous le reflétait et que l’individu, en face de nous, renvoyant. La popularité d’Antoine eut là son secret. […] La bouche goguenardait, assez vulgaire et goulue. Les lèvres avaient une tendance à la gouaille de tout ce qui pouvait être cher, famille, traditions, autres émois. Les gestes étaient ronds, ramenés vers lui, très homards en papier; la poignée de main, massive, solide d’apparences. […] Il y avait quelque chose qui se fixait dans votre main; les doigts étaient forts, mais c’était une sensation de peau de ballon d’enfant et sur l’instant dégonflé. Il ne restait rien et il n’y avait rien! […] Une seule chose m’interdit quelques seconds: il dégageait une odeur de sergent, plutôt de sergent-fourrier de compagnie, de contremaître de travaux. Plus tard je m’aperçus que ce n’était point si désagréable.2

  • 3 Il 5 novembre, lo stesso giorno del suo esame di ammissione al Conservatorio, fu in scena nel ruolo (...)
  • 4 La grafia «Philipon» sostituisce spesso quella di «Philippon» nei quotidiani. Muhlfeld recensisce l (...)

3Lugné – utilizzando gli pseudonimi di Philippon, Delorme e Leroy – recitò al Libre fino al marzo dell’anno successivo, per lo più in ruoli di non grande rilievo3. Si fece notare per la prima volta dalla critica interpretando il personaggio di un vecchio, Leroy-Granger (da cui derivò uno degli pseudonimi appena citati, utilizzato anche per firmare gli articoli che scriverà su «Art et Critique») ne Les Inséparables di Ancey: Muhlfeld lo definì «tout d’une pièce, un propriétaire automatique, une ganache immense»; Faguet scrisse invece di «une ganache solennelle, une girouette grave, impérieuse et cassante, du meilleur bouffe», annunciando per «Philipon» un grande avvenire4. Troviamo già in queste recensioni alcuni dei tratti che caratterizzeranno la recitazione simbolista di Lugné, il quale prediligerà frequentemente personaggi anziani nel corso della sua carriera.

  • 5 E. Faguet, Cronique Théâtrale cit., p. 2.
  • 6 Antoine, Mes souvenirs sur le Théâtre-libre, a cura di P. Besnier, Du Lérot Éditeur, Tusson, Charen (...)

4Un nuovo successo lo riscosse ne Le Pain d’autrui di Tourgueniev, dove ottenne finalmente il ruolo principale di Eletski: ancora una volta Faguet lo lodò per aver creato un personaggio «froid, sec, dur, cassante et rêche, admirablement attrapé»5. Al contrario Antoine avrebbe scritto nelle sue memorie: «12 janvier 1890. Le Pain d’autrui di Tourguéneff, que nous avons joué hier, n’a pas passé sans encombre. […] La presse n’est pas mauvaise, mais la salle a été odieuse. Il faut dire que Lugné-Poe a été bien maladroit et s’est fait cueillir pendant tout le seconde acte»6.

  • 7 Ivi, p. 133.

5Antoine fa effettivamente pochi riferimenti a Lugné nei Souvenirs e poco lusinghieri. In occasione della prima del Lebonnard di Aicard, scrive: «22 ottobre 1889. Première de Lebonnard. […] Elle remporte […] un grand succès, au troisième acte surtout, avec Grand, qui débute ce soir-là et qui est vraiment très bien. Ce serait tout à fait gagné sans Lugné Poé qui bafouille au dernier acte»7.

  • 8 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., pp. 96 e 91.
  • 9 Ivi, p. 94.
  • 10 Ivi, pp. 96-97. Antoine aveva tentato e fallito l’ammissione al Conservatorio nel 1878.
  • 11 Ivi, p. 105.

6Lo stesso Lugné, d’altra parte, non si dimostrerà affatto indulgente nella Parade nei confronti del fondatore del Libre, dipinto quasi con toni caricaturali. Il primo tratto che ne viene messo in risalto è il suo «horreur» per gli attori professionisti: Antoine faceva recitare «gens qui vivaient assez simples, et ne jouaient pas pour jouer»8. La sua «phobie des professionnels» l’avrebbe spinto spesso ai limiti del ridicolo: «La présence d’un artiste à une répétition générale […] nous valait une séance de vaudeville qui divertissait»9. Lugné insinua, piuttosto esplicitamente, che il rifiuto dei professionisti da parte di Antoine potrebbe derivare dal suo risentimento per non essere stato ammesso a suo tempo al Conservatorio; propone tuttavia in seguito un’altra motivazione meno avvelenata da motivi personali: «Je crois en avoir découvert l’origine d’autant qu’il connaissait très bien tous les acteurs, comme un enfant de Paris qui avait été assister, des petites places, à tous les spectacles d’alors. Il avait pigé les procédés, les trucs, toutes ces ficelles qui lui répugnaient»10. Antoine l’avrebbe preso «en suspicion», non gradendo affatto, anzi avendo «en horreur» gli insegnamenti che il giovane attore avrebbe potuto acquisire nella classe di Worms11.

  • 12 Ivi, p. 98.
  • 13 Ivi, p. 99.
  • 14 Ibid. L’episodio e, soprattutto, le motivazioni di Antoine sarebbero confermate anche da F. Pruner (...)

7Lugné riconosce ad Antoine un amore spropositato per il suo mestiere, al quale accompagnava il piacere – legato a una sorta di «esprit de représailles» – di lanciare dei non-professionisti, salvo poi soffrire di una profonda «jalousie» nel caso in cui abbandonassero il Libre per proseguire la loro carriera in altri teatri12. Se succedeva inoltre, prosegue Lugné-Poe, che fossero gli stessi autori a reclamare un particolare attore per la loro pièce, Antoine li accontentava, salvo poi mettere alla porta il professionista in questione all’utimo minuto, dicendogli che non era «son affaire» e impadronendosi del ruolo13. Se non agiva in questo modo era perché trovava la propria parte di gran lunga migliore o perché aveva finito con l’accettare di rappresentare una pièce che lo convinceva poco per ragioni di amicizia: sarebbe stato il caso de L’Ancien di Léon Cladel, che avrebbe allestito per far piacere ad Alphonse Daudet e preparato controvoglia, per poi lasciare il proprio ruolo all’ultimo momento a Lugné che l’interpretò «en chemise de nuit blanche, qu’à la dernière minute on fit teinter dans du café pour la culotter; la pièce s’embellit de vers faux à ne plus savoir s’il y en avait eu de vrais»14.

  • 15 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 105.
  • 16 Ivi, p. 106.

8Lugné-Poe afferma di aver vissuto ore di grande «joie du travail» al Libre, piene di passione: il disprezzo che vi apprendeva per la tecnica attoriale tradizionale portava – nel momento in cui riscuoteva successo – a una vera e propria «ivresse révolutionnaire»15. Ma Lugné riconosce in questo anche un limite del lavoro di Antoine: l’essere irrispettoso era la sua forza, finiva col «jouer au révolutionnaire plutôt par nécessité de son rôle qu’avec sincérité»16.

  • 17 Ivi, p. 112.
  • 18 Ivi, p. 113.

9Tuttavia Lugné riconosce di dovere tantissimo agli insegnamenti di Antoine. Prima di tutto deve a lui l’aver appreso cosa significhi amare il teatro in maniera così viscerale e totalizzante: «J’appris à tout donner au Théâtre, à ne pas redouter la misère et cela m’a été par la suite d’un grand réconfort qui en me pénétrant m’éleva la volonté», insegnamento di vita che il Conservatorio non era stato in grado di dargli17. Gli aveva insegnato a parler, cercando di correggere quei «balbutiements redondants» cui si lasciava andare, specie nel genere tragico18.

  • 19 Ivi, p. 101.
  • 20 Ivi, p. 112.

10Ma è soprattutto l’iniziazione alla regia che deve al suo primo padron: avendolo spesso affiancato come aiuto-regista, ammetterà che è proprio d’Antoine che apprese «le rudiment de mes bases à l’avant-scène»19. Lugné loda il suo incredibile istinto nel «régler les mises en scène», la sua capacità nel saper indicare «le mouvement» di una scena: «il avait compris que le mouvement peut tout emporter et là […] il le poussait à l’extrême avec une habilité étonnante, […] exigeant toutefois que le jeu de tous ses partenaires converge vers lui, vers ses procédés, pas nombreux mais d’un excellent rapport pour la pièce comme pour les interprètes»20. È certo questo l’insegnamento principale che Lugné apprese da Antoine, al di là di ogni divergenza e accanto a quello spirito di rivoluzione teatrale che muoveva entrambi: una lezione di semplicità scenica.

11Lugné seguì inoltre Antoine in tournée a Londra dal 3 al 9 febbraio 1889 e poi a Bruxelles nel gennaio e marzo dell’anno successivo. Nella capitale inglese si esibirono al Royalty Theatre in due pièces di Léon Hennique, La Mort du Duc d’Enghien e Jacques Damour, riscuotendo un’accoglienza piuttosto fredda, ma senza particolare ostilità. A Bruxelles rappresentarono invece otto pièces del repertorio più recente, dal 18 al 28 gennaio 1890 al Théâtre du Parc, per poi tornarvi a marzo dal 23 al 30 con le ultime sette creazioni del Libre.

  • 21 Ivi, p. 102.

12È proprio a Bruxelles che si consumò la prima vera e propria rottura fra Lugné e Antoine: stando sempre alle memorie del primo, il direttore – in seguito a un litigio con Grand del quale sarebbe stato ovviamente colpevole – per umiliare il suo primo attore, avrebbe ordinato pubblicamente a Lugné, lì in qualità di régisseur, di prendere il suo posto sul palco il giorno successivo, trafugando fra i suoi bagagli i costumi di scena. Lugné si sarebbe ovviamente rifiutato senza prenderlo sul serio, ascrivendo il tutto a un momentaneo scatto d’ira di Antoine, il quale invece avrebbe deciso di vendicarsi della sua mancata ubbidienza affiggendo all’ingresso del Libre, al loro ritorno a Parigi, la seguente comunicazione: «A partir du 1er février 1890, M. Dorval prendra les fonctions de régisseur en remplacement de M. Philipon, empêché par sa nouvelle situation de pensionnaire du Conservatoire»21.

  • 22 Ivi, p. 103.

13A partire da gennaio, Worms aveva effettivamente favorito Lugné, conoscendo la sua situazione economica e probabilmente con l’intento di sgravarlo dalle tante attività che finivano col distrarre l’enfant terrible dalle lezioni, facendogli assegnare una borsa di studio mensile di cinquanta franchi per consentirgli quel po’ d’indipendenza che, a suo parere, Antoine «n’appréciait pas»: «ce fut ma première brouille avec Antoine»22.

  • 23 Ivi, pp. 113 e seguenti. Purtroppo la corrispondenza intercorsa fra Lugné-Poe ed Antoine in questo (...)
  • 24 Ivi, p. 121.

14Ad ogni modo non fu solo la sua frequentazione del Conservatorio a creargli dei problemi al Libre, ma anche il contrario: alla fine dell’anno scolastico precedente (giugno 1889), non era stato ammesso al concorso annuale che si svolgeva abitualmente fra i migliori allievi. Antoine gli si era dimostrato vicino in quel caso: Lugné riporta nella Parade stralci di lettere che gli avrebbe indirizzato quell’estate con tono consolatorio23. Possiamo quindi supporre che il loro rapporto fosse di fatto più sfaccettato e complesso della rivalità, a volte rancorosa, che sembra allontanarli nei loro mémoires. Lo scisma – come Lugné lo definisce – si sarebbe consumato di fatto per ragioni pratiche: l’attore riporta come motivazioni, al di là della questione legata a Grand, le scarse retribuzioni, una certa volgarità nello stile di vita, la mancanza di alcuna «préoccupation de beauté», ma fu certamente una diversità di formazione culturale ad allontanarli, una sempre più evidente divergenza di sensibilità estetica – seppure ancora in fieri nel Nostro – e la difficoltà obiettiva per l’allievo del Conservatorio nel conciliare i due impegni e le due scuole24.

Notes

1 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 91. Matapan era andato in scena al Libre il 27 aprile 1888. Possiamo quindi presumere che l’incontro fra Lugné-Poe e Antoine sia avvenuto di lì a poco. Jasper parla di giugno 1888 (Adventure in the theatre cit., 26), ma non cita la fonte dell’informazione, verosimilmente trasmessa oralmente da Lugné-Poe stesso o Suzanne Desprès.

2 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., pp. 88-89.

3 Il 5 novembre, lo stesso giorno del suo esame di ammissione al Conservatorio, fu in scena nel ruolo di Rabassol nel Rolande di L. de Gramont; il 10 dicembre sarebbe stato il Comandante Harel ne La Mort du Duc d’Enghien di L. Hennique; il 1° maggio 1889 interpretò Pierre ne Les Inséparables di G. Ancey; il 31 maggio Vitalis ne Le Comte Witold di S. Rzewuski, l’ufficiale di polizia ne Le Cœur Révélateur di E. Laumann e Crèvecoeur ne La Casserole di Métenier; 19 e 21 ottobre fu il Marquis d’Estrée in Le Père Lebonnard di J. Aicard; 26 e 27 novembre Villone in Au Temps de la Ballade di G. Bois e una comparsa ne L’Ecole des Veufs; il 10 gennaio 1890 interpretò Eletzski ne Le Pain d’autrui di Tourgueniev; il 25 febbraio un habitué ne Les Frères Zemganno di Alexis e Métenier; il 21 marzo infine A. Veule in Ménages d’Artistes di E. Brieux e Dagneux in Le Maître di J. Jullien.

4 La grafia «Philipon» sostituisce spesso quella di «Philippon» nei quotidiani. Muhlfeld recensisce lo spettacolo sulla «Revue d’art dramatique» del 15 maggio 1889 (Au Théâtre Libre, p. 231), Faguet su «Le Soleil» del 7 maggio 1889 (Cronique Théâtrale, p. 2). In realtà Muhlfeld l’aveva già citato fra gli attori degni di nota l’anno precedente nella recensione dello spettacolo Rolande, sempre sulla «Revue d’art dramatique», ottobre-dicembre 1888, pp. 237-238.

5 E. Faguet, Cronique Théâtrale cit., p. 2.

6 Antoine, Mes souvenirs sur le Théâtre-libre, a cura di P. Besnier, Du Lérot Éditeur, Tusson, Charente, 2009 («D’après nature»), pp. 137-138. Il primo atto aveva ottenuto un vero successo, ma il secondo – meno violento – non era piaciuto né al pubblico né alla critica che, con l’eccezione illustre di Zola, fu negativa.

7 Ivi, p. 133.

8 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., pp. 96 e 91.

9 Ivi, p. 94.

10 Ivi, pp. 96-97. Antoine aveva tentato e fallito l’ammissione al Conservatorio nel 1878.

11 Ivi, p. 105.

12 Ivi, p. 98.

13 Ivi, p. 99.

14 Ibid. L’episodio e, soprattutto, le motivazioni di Antoine sarebbero confermate anche da F. Pruner in Id., Les Luttes d’Antoine, Lettres modernes, Paris 1964, vol. I, p. 318. L’Ancien fu rappresentato il 2 maggio al Libre nel disinteresse generale.

15 Lugné-Poe, Le Sot du Tremplin cit., p. 105.

16 Ivi, p. 106.

17 Ivi, p. 112.

18 Ivi, p. 113.

19 Ivi, p. 101.

20 Ivi, p. 112.

21 Ivi, p. 102.

22 Ivi, p. 103.

23 Ivi, pp. 113 e seguenti. Purtroppo la corrispondenza intercorsa fra Lugné-Poe ed Antoine in questo periodo è andata perduta.

24 Ivi, p. 121.

Acheter

Volume papier

Chargement

Unavailable