Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Esposizione del processo della natura

 | 
Friedrich W.J. Schelling

Postfazione

La filosofia della natura come filosofia positiva

Emilio Carlo Corriero

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

1. Introduzione

La Darstellung des Naturprocesses del 1844 costituisce a tutta prima un problema di ordine filologico per la storiografia schellinghiana. La classica distinzione in fasi, solitamente applicata alla parabola filosofica di Schelling, secondo la quale si identifica la sua filosofia della natura come un momento che precede la filosofia dell’identità e che, pur intrecciandosi ad essa, si esaurisce sostanzialmente con le premesse per la sua filosofia della libertà, non è in grado di spiegare adeguatamente le ragioni per le quali Schelling nel pieno della sua filosofia positiva si ponga dinanzi alla stesura di uno scritto esplicitamente e interamente dedicato ai problemi classici della sua filosofia della natura, ai quali, secondo quella scansione in fasi del suo pensiero, avrebbe dovuto smettere di interessarsi più di trent’anni prima.

Ma il fatto che Schelling ancora agli inizi degli anni Quaranta abbia a cuore tali problematiche non dimostra semplicemente una costante atte...

Auteur

Ricercatore dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, attualmente si occupa in particolare della rilevanza dell’Idealismo della Natura di Schelling nel dibattito filosofico contemporaneo. Ha conseguito il Dottorato di Ricerca nel 2008 con una tesi su Schelling e Nietzsche, presso l’Università di Torino, dove è stato assegnista di ricerca dal 2009/2010 al 2012/2013 sul tema ‘Volontà e Libertà tra Idealismo e Nichilismo’. Cultore della materia in Filosofia Morale presso il Dipartimento di Filosofia di Torino dal 2008 e Collaboratore scientifico dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli dal 2009, è stato borsista DAAD presso il Philosophisches Seminar di Tubinga dove ha svolto, nel 2009, un progetto di ricerca sull’attualità filosofica di Schelling sotto la guida di Manfred Frank. Dal 2010 è direttore della collana Schellings Philosophie della Accademia University Press di Torino.