Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Inchiesta su Gramsci

Una ricerca senza pregiudizi

Marzio Zanantoni

Texte intégral

11. Tra le leggende che vorrei divenissero il più possibilmente certezze, due mi sembrano le questioni da definire:

  1. l’accertamento dell’effettivo deposito dei Quaderni nei giorni immediatamente successivi la morte di Gramsci: Ambasciata sovietica o sede romana (o milanese) della Banca Commerciale di Mattioli? La dimostrazione certa di una delle due ipotesi rivelerebbe molto dell’atteggiamento personale di Tania, o delle direttive eventualmente ricevute da altri (Sraffa o la famiglia di Giulia);

  2. l’accertamento o la smentita che Togliatti nell’estate del ’38, a Mosca, ha la possibilità di vedere i Quaderni. Il che vorrebbe dire ovviamente che già in quel periodo i Quaderni erano in URSS, ben prima che venissero consegnati a Giulia alla fine del ’38-inizio del ’39.

 

25. Credo che in linea di principio nulla sia da escludere. Porsi il problema sul numero dei Quaderni mi sembra una operazione filologicamente e storicamente legittima, alla luce delle imprecisioni numeriche già presenti subito dopo la morte di Gramsci e tanto più ora di fronte a ulteriori indizi.

3Il problema è che ammettere l’esistenza di un Quaderno poi sottratto, significa ammettere la pericolosità di quel Quaderno (che altri motivi possono esserci per nasconderlo?). Ora: mentre gli altri Quaderni venivano organizzati da Gramsci in funzione di una possibile futura revisione e pubblicazione, che senso avrebbe avuto dedicare un Quaderno a argomenti eretici e pericolosi come l’abiura del suo comunismo, la discussione negativa del socialismo in URSS e cose simili? Per promemoria personale? Per una futura pubblicazione? Ogni giustificazione mi sembra priva di senso e proprio l’insensatezza di tali ragioni dovrebbe far parte scientificamente e filologicamente di quella ricerca: insomma, se non vi è un movente, per quale ragione dovremmo sostenere che per forza vi è stato un “reato?

 

411. La storia sacra ha avuto sempre una sua utilità e in quanto tale, è legittima. È servita a costruire una identità, una memoria collettiva, una unità di intenti. Da parte degli intellettuali comunisti poi, questo tipo di “storia” ha avuto il pregio di essere condotta da studiosi seri e competenti le cui opere hanno per decenni rappresentato delle punte fondamentali della cultura italiana del Novecento.

5Ora, a mio giudizio, cambiato il contesto storico, è assolutamente legittimo che nuove generazioni di studiosi si accingano, pezzo per pezzo, a rivedere quella storia, ma, e questa è secondo me la questione fondamentale, lo facciano sui documenti, cioè attraverso una rilettura o una riscoperta, o addirittura nuove scoperte della documentazione disponibile e su tale documentazione esercitino poi quella riflessione critica che nella “storia sacra” a volte inevitabilmente mancava.

 

612. Credo che le condizioni circa la “liceità” di una storia indiziaria e del suo valore scientifico, siano ancora quelle indicate e praticate da Carlo Ginzburg, il quale, della storia indiziaria, a iniziare da Il formaggio e i vermi (1976) sino alle Indagini su Piero (1981) e alle decifrazione del sabba in Storia notturna (1989), ha dato ampia ed elevatissima dimostrazione, giungendo a risultati storiografici e epistemologici di grandissima rilevanza.

7In un suo celebre saggio del 1979, Spie. Radici di un paradigma indiziario (Gargani 1979), Ginzburg si poneva una domanda centrale: «Ma può un paradigma indiziario essere rigoroso?». Questo saggio fu tra l’altro l’occasione di un pubblico dibattito a Milano organizzato da Luciano Canfora, i cui atti vennero da lui pubblicati in un numero della sua rivista «Quaderni di Storia». Il problema, ulteriormente sviluppato negli anni successivi dallo stesso Ginzburg, ruotava intorno a tre direzioni connesse tra loro: la prova, la serie, il caso. Potremmo dire che, di fronte alle ultime ricerche gramsciane di Canfora e Lo Piparo, si è aggiunto un ulteriore elemento del paradigma: la testimonianza. Ma pur muniti di una serie di strumenti piuttosto rigorosi, nel tipo di conoscenze derivate da una ricerca indiziaria entrano in gioco elementi imponderabili: fiuto, colpo d’occhio, intuizione. In sostanza la domanda di prima posta da Ginzburg, «Ma può un paradigma indiziario essere rigoroso?», equivale alla domanda posta qui nell’Inchiesta: «A quali condizioni è lecita una storia indiziaria»? Sono convinto che anche da uno statuto scientifico debole possono arrivare risultati rilevanti, a una condizione: che le radici concettuali del paradigma – prove, testimonianze, intuizioni, fiuto –, non contengano, in modo palese o nascosto, dei pre-giudizi. Il valore scientifico della storia indiziaria sta nel suo farsi e nei risultati, all’inizio sconosciuti, che essa può raggiungere. Se tali risultati sono già nella mente del ricercatore e le ricerche sono finalizzate a dimostrare qualcosa di pre-concetto, non c’è statuto che tenga, debole o forte che sia.

Auteur

Editore, Milano.