Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Inchiesta su Gramsci

Un rivoluzionario comunista

Salvatore Tinè

Texte intégral

11. Le “leggende” che hanno riguardato Gramsci negli ultimi decenni, soprattutto nel periodo successivo alla caduta del Muro di Berlino e al crollo dell’URSS, sono state certamente tante. La più ricorrente e diffusa mi pare tuttavia quella secondo cui sia i sovietici, sia il Partito italiano, ovvero Palmiro Togliatti, avrebbero agito per impedire che Gramsci uscisse dal carcere considerandolo ormai addirittura un “eretico”, estraneo al movimento comunista. In realtà, al di là degli stessi gravi sospetti di Gramsci di essere stato “tradito” dal suo partito, appare ormai assodato che la celebre lettera di Grieco del febbraio ’28 al segretario del PCd’I rinchiuso a San Vittore, tradizionalmente utilizzata come la principale base documentaria di tale tesi, non condizionò per niente l’esito del processo a Gramsci, destinato, per una precisa volontà politica di Mussolini, a concludersi con una condanna severissima. Né si può dire che quella lettera abbia in qualche modo ostacolato le possibilità o i tentativi di liberazione di Gramsci. Anche per questo l’ipotesi che possa essere stato addirittura Togliatti a sabotare tali tentativi è da considerarsi del tutto infondata. In realtà le condizioni oggettive per la liberazione di Gramsci non sarebbero mai maturate. Le enormi speculazioni fiorite attorno alla lettera di Grieco e al supposto “tradimento” che con essa si sarebbe consumato, sono state costruite con uno scopo politico-ideologico ben preciso, per quanto manifestamente assurdo, ovvero quello di affermare l’idea della sostanziale estraneità dell’opera politica e della ricerca teorica di Gramsci alla ideologia e alla cultura politica del Partito comunista sovietico e del movimento comunista internazionale. Come era inevitabile tale operazione ha portato molto spesso a negare l’appartenenza di Gramsci alla stessa tradizione del cosiddetto “comunismo italiano”.

2Particolarmente emblematici ci paiono in questo senso i recenti lavori di Lo Piparo (2012 e 2013) su Gramsci, tesi a mostrare addirittura una piena conversione o “ritorno” del dirigente comunista in carcere alle premesse teoriche e alle posizioni politiche del liberalismo. Direi quindi che la leggenda che ha più gravato nel dibattito sul dirigente sardo in questi anni è quella di un Gramsci “antisovietico” e “anticomunista”. Non è chi non veda l’“organicità”, per usare una categoria gramsciana, di tale intepretazione a un disegno politico-ideologico che ha nell’anticomunismo il suo nucleo più vero e profondo: un anticomunismo che ha rappresentato, è bene ricordarlo, uno dei pilastri dell’egemonia culturale del berlusconismo negli ultimi vent’anni e che la sinistra italiana si è sempre ben guardata dal contrastare quando non lo ha addirittura sposato.

3Anche l’idea di un Gramsci comunista ma “eterodosso”, ovvero “eretico”, ci appare appare del tutto “leggendaria” e fuorviante. L’intera storia del movimento comunista è stata segnata da contrasti aspri e lacerazioni perfino tragiche. In taluni momenti della sua biografia politica, Gramsci ha dissentito anche nettamente da alcune scelte o indirizzi politici del Partito sovietico o del Comintern, sapendo benissimo che avrebbe potuto anche pagare un prezzo molto alto, data la durezza della lotta politica all’epoca in cui si costruiva il primo Stato operaio della storia e in Europa si preparava un’altra guerra mondiale. Ma ciò non ne fa in alcun modo un “eretico”, come se la cultura e l’ideologia del comunismo internazionale fossero assimilabili a una “ortodossia” comunista, ovvero a una dottrina “marxista-leninista” statica e fissata per sempre. In questo senso, ritengo che i lavori di Togliatti del ’57 e del ’58 sul «leninismo di Gramsci» siano ancora oggi fondamentali non solo per comprendere l’elaborazione teorica e strategica togliattiana dopo la crisi drammatica del ’56 e la sua continuità profonda con il pensiero gramsciano, ma anche per capire la matrice leninista e “terzinternazionalista” della fondamentale teoria dell’egemonia del dirigente sardo. Più in generale se ci paiono giustificati i tentativi di collegare più strettamente le vicende politiche di Gramsci in carcere e la sua riflessione teorica consegnata nei Quaderni, crediamo tuttavia che il nesso tra la sua la vita e il suo pensiero, certo non interrottosi neanche in carcere, non vada colto in termini immediatistici, quasi che dietro ogni articolazione o sviluppo originale del pensiero di Gramsci in carcere si possa o si debba scorgere sempre la giustificazione di una posizione politica immediata sulle varie “svolte” più o meno “tattiche” del Partito italiano o del movimento comunista. In realtà anche per una «filosofia della prassi» la teoria non coincide immediatamente con la sfera dell’agire politico.

 

42. Non v’è dubbio che nell’ottobre ’26 tra Gramsci e Togliatti vi sia stato un grave dissenso su questioni di assoluta rilevanza politica e strategica, che riguardavano il presente, ma anche il futuro dell’URSS e di tutto il movimento comunista internazionale. Mi pare tuttavia che tale contrasto per quanto grave e importante, sia stato, perfino da parte di interpreti e studiosi seri e autorevoli della vita e del pensiero gramsciani, oltre misura enfatizzato. Non va mai dimenticato che Gramsci aderisce in termini che non potrebbero essere più chiari e netti alla linea politica della maggioranza del Partito russo, raccolta attorno a Stalin e Bucharin, ovvero alla strategia del “socialismo in un solo paese”, cogliendo in quella strategia l’unica prospettiva in grado di mantenere e rafforzare le basi dell’alleanza tra operai e contadini, fondamento dell’esistenza dello Stato sovietico. La stessa lettera dell’Ufficio politico del PCd’I al Comitato centrale del PCR del 14 ottobre ’26, viene definita da Gramsci, nel corso della sua polemica con Togliatti, «tutta una requisitoria contro le opposizioni». L’idea di un Gramsci simpatizzante di Trockij e del trockismo costituisce in questo senso una delle “leggende” di una certa “storiografia”, ovvero uno di quei “falsi” che più hanno contributo a deformare o a negare la verità storica su Gramsci e sul PCI. Certo, l’insistenza, espressa in termini anche duri e fortemente polemici, di Gramsci sul valore dell’unità del gruppo dirigente del PCR, sulla sua importanza per il ruolo di guida della “rivoluzione mondiale” oggettivamente assunto dallo Stato sovietico e dal partito che lo dirigeva, scaturiva anche dalla preoccupazione che la strategia del “socialismo in un solo paese” avrebbe potuto favorire spinte a una chiusura dell’URSS su se stessa e quindi un indebolimento del nesso tra la costruzione del socialismo in quel paese e il processo della rivoluzione mondiale.

5In questo senso il tema dell’egemonia, destinato a diventare uno dei nuclei della riflessione carceraria è, sia pure implicitamente, al centro anche della discussione con Togliatti e con i comunisti sovietici dell’ottobre ’26. E tuttavia, restava ferma in Gramsci l’idea “staliniana” secondo cui in una fase di stabilizzazione, sebbene relativa, del capitalismo, la rivoluzione mondiale non potesse che procedere per tappe e sulla base della difesa e del rafforzamento dell’URSS come potenza mondiale. Non a caso nei Quaderni del carcere le critiche di Gramsci a Trockij e alla strategia della “rivoluzione permanente” saranno addirittura feroci.

 

63. Come è noto lo stesso Gramsci in una splendida nota del Quaderno 15 si interroga sulle circostanze non del tutto chiare che avrebbero portato il suo arresto e sembra non escludere che una qualche “volontà perversa” possa avere favorito la sua caduta. Anche secondo una testimonianza di Gustavo Trombetti, “piantone” di Gramsci nel carcere di Turi di Bari, il leader comunista avrebbe avuto l’intenzione di chiarire, una volta liberato, le circostanze del suo arresto per individuare eventuali responsabilità dell’apparato organizzativo del Partito. Non v’è dubbio che alcune testimonianze o ricostruzioni dell’arresto presentino elementi contraddittori tra loro, o non sempre chiari: penso in particolare alle ricostruzioni che possiamo leggere nella relazione di Camilla Ravera del 16 novembre e nella nota informativa del 30 novembre di Ruggero Grieco, entrambe inviate a Togliatti a Mosca. Sappiamo dell’esistenza di un piano per il suo espatrio. Ma se esso non fu realizzato per tempo fu anche per volontà dello stesso dirigente sardo, convinto che l’espatrio dovesse avvenire solo quando le circostanze lo avessero imposto in modo assoluto. Secondo la testimonianza di Trombetti, egli sarebbe andato a Milano anche per espatriare dopo la riunione del Comitato centrale a Valpocevera, durante la quale avrebbe dovuto discutere dello scontro interno al Partito russo, tema del carteggio con Togliatti dell’ottobre ’26, e alla quale, com’è noto, non poté partecipare. Secondo una nota di “Ugo”, cioè Carlo Codevilla, responsabile dell’apparato clandestino del Partito, l’espatrio di Gramsci era previsto per l’11 novembre, mentre nella nota della Ravera leggiamo che Gramsci sarebbe dovuto partire per la Svizzera subito dopo la riunione del Comitato centrale, che si concluse il 3 novembre. Dalla relazione della Ravera apprendiamo che, giunto a Milano Gramsci sarebbe stato indotto da agenti di polizia, presenti sul treno, a far ritorno a Roma, dove successivamente per due volte sarebbe stata inviata una persona per tentare di prelevarlo e metterlo in salvo. Nella sua nota, Grieco sottolinea il ritardo di Gramsci il quale non arrivando alla data prevista, finì per subire le conseguenze drammatiche dell’attentato Zamboni avvenuto il giorno prima. Nel medesimo documento, egli accenna in termini poco chiari a «ostacoli» che avrebbe opposto alla persona inviata a Roma da Milano per prelevare dalla sua abitazione Gramsci e metterlo quindi in salvo. Disponiamo inoltre di una testimonianza molto importante di Tania, contenuta in una lettera ai familiari, in cui leggiamo che nei giorni immediatamente precedenti l’arresto, Gramsci uscì spesso di casa: un’informazione almeno parzialmente contrastante con le note informative secondo cui l’abitazione sarebbe stata sottoposta a una «stretta sorveglianza». Non possiamo escludere che talune versioni dell’arresto siano condizionate dalla volontà di alcuni dirigenti del Partito di coprire loro eventuali responsabilità o manchevolezze. In conclusione, direi che l’insieme dei dati e delle informazioni talvolta contraddittorie, non ci consente in alcun modo di affermare che l’arresto di Gramsci fu determinato da una «volontà perversa» e non, invece, soltanto da errori e negligenze anche gravi dell’apparato organizzativo.

 

74. La recente biografia di Giuseppe Vacca (2012) ha ricostruito la vicenda dei rapporti tra Gramsci e la famiglia Schucht in tutta la sua complessità e anche nei suoi aspetti apparentemente più oscuri e, in parte, ancora da chiarire. All’interno della famiglia, Giulia, la moglie di Antonio, è la figura più fragile. Dal 1919 ella lavora per il PCR e dal 1924 per l’OGPU, la Direzione politica statale unificata, un organo del Governo sovietico. I momenti di collaborazione politica tra Giulia e Antonio che sembrano non essere mancati nel primo periodo della relazione si intrecciano strettamente con le vicende sentimentali di un rapporto che appare tanto intenso, quanto periodicamente scandito dai disturbi depressivi di Giulia. In questo senso i lunghi silenzi della moglie nel periodo carcerario di Antonio potrebbero non aver avuto alcun rapporto con le complesse vicende politiche del rapporto tra Gramsci in carcere e il Partito. Per tutto il periodo carcerario, la cognata Tatiana Schucht fu, insieme con Piero Sraffa, l’intermediaria nei rapporti tra Gramsci e il Partito. Quando nel ’26 cominciava a occuparsi di Gramsci, lavorava già da un anno all’ambasciata sovietica a Roma, dove svolgeva attività di traduttrice nel dipartimento del rappresentante della NKVD. Non v’è dubbio, peraltro, che dopo la sentenza di rinvio a giudizio, il ruolo di Tania si fece anche politico. Dal complesso delle lettere di Gramsci emerge non solo un rapporto di fiducia e di grande affetto nei confronti di Tania ma anche un forte apprezzamento della personalità per molti versi straordinaria della cognata, la quale per tutto il periodo carcerario non soltanto lo assistette e lo accudì, ma partecipò ai vari tentativi di liberazione che videro protagonisti i dirigenti del PCd’I e dello Stato sovietico. Non abbiamo elementi per sostenere che i rapporti tra Gramsci e la famiglia Schucht a Mosca, così come i problemi e le contraddizioni di tali rapporti, negli anni Venti e Trenta abbiano subito particolari condizionamenti politici o siano stati motivati da ragioni prevalentemente politiche. L’ipotesi che le sorelle Schucht fossero delle spie dei servizi segreti sovietici è dunque del tutto fantasiosa. Tania, Giulia ed Eugenia sono tre militanti comuniste, e non degli agenti segreti.

 

85. In una lettera alle sorelle, scritta pochi giorni dopo la morte di Antonio, Tania parla di 30 quaderni: un numero probabilmente approssimativo e che ritroviamo anche in un una lettera di Togliatti a Manuilskij dell’11 giugno 1937. Non a caso, nel corso della complessa vicenda editoriale dei Quaderni, il loro numero è destinato a variare. Ma tale variabilità è agilmente spiegabile non solo con l’esistenza, insieme ai 29 quaderni contenenti note teoriche, di 4 quaderni di traduzioni ma anche con la presenza di un quaderno utilizzato da Tania come indice nonché con l’esistenza di altri due quaderni lasciati bianchi. Non chiarite peraltro risultano le ragioni per le quali nella sua attenta indagine condotta sulle etichette applicate da Tania sui Quaderni per la loro numerazione, Lo Piparo escluda possibili distrazioni o errori commessi dalla cognata di Gramsci. Quanto poi all’ipotesi che il presunto quaderno mancante contenesse addirittura un’abiura del marxismo e del comunismo, non si vede, al di là della sua apparente stravaganza, su quali basi documentarie essa possa essere sostenuta. Proprio dai 29 Quaderni “teorici” conservati nella Fondazione Istituto Gramsci, Gramsci emerge come uno dei più grandi pensatori marxisti e comunisti del xx secolo.

 

96. Piero Sraffa era certamente un militante “coperto” del Partito. Anche in virtù dell’amicizia che lo legava a lui sin dagli anni dell’Università a Torino, Gramsci si fida di Sraffa. Ma quest’ultimo, durante la prigionia del dirigente sardo, è strettamente legato al Centro estero del Partito e a Togliatti, il quale segue personalmente la “questione Gramsci” proprio attraverso Sraffa. Non a caso è lui il tramite della comunicazione politica in “codice” tra Gramsci e Togliatti e uno dei protagonisti più importanti dei vari tentativi di liberazione del prigioniero.

 

107. Ritengo che non vi sia nessun elemento, nel pensiero come nell’opera di Gramsci, che possa far pensare a una conversione politica al liberalismo. Centrale nella sua riflessione è la nozione di «crisi organica», l’idea che il mondo capitalistico sia entrato in una fase di crisi generale e irreversibile, sia dal punto di vista delle sue potenzialità di sviluppo economico, sia da quello della capacità di costruire consenso permanente e quindi egemonia. La stessa riflessione sull’«americanismo» sulla quale da parte di taluni interpreti si è insistito per sostenere la tesi di un Gramsci liberale, ovvero cantore delle virtù della società e della democrazia americane, mira in realtà a rivendicare con forza la centralità della fabbrica, del «processo di produzione immediato» come terreno fondamentale della lotta per il socialismo, per il passaggio cioè a una «economia secondo un piano». Una riflessione analoga la ritroviamo non a caso tra i maggiori teorici del bolscevismo da Trockij a Bucharin, fino allo stesso Stalin, ai quali certo non sfuggirono i caratteri avanzati e le potenzialità egemoniche dell’industrialismo fordista americano.

 

118. Si tratta di un’interpretazione del tutto arbitraria. Per fare un esempio, non si capisce bene sulla quale di quale misterioso criterio “linguistico”, Lo Piparo sia legittimato a sostenere che nella drammatica lettera a Tania del 27 febbraio 1933, il nome di “Julka” significhi in realtà “Unione Sovietica” e che quindi il suo proposito, già rivelato alla cognata nella lettera del 14 novembre 1932, di volersi separare dalla moglie sia in realtà interpretabile come la decisione di uscire dal movimento comunista. L’evidente intreccio tra dimensione pubblica e dimensione privata che caratterizza la vita di Gramsci non autorizza in alcun modo tale ipotesi.

 

129. È vero che dalla prima edizione delle Lettere importanti missive che riguardavano punti delicati e anche oscuri del rapporto tra Gramsci e la famiglia Schucht, e anche i suoi rapporti con Togliatti e il partito, non vennero pubblicate pur essendo disponibili. È chiaro che in tale scelta pesarono motivi di opportunità politica che suggerirono una gestione prudente e accorta dell’eredità di Gramsci. Per quanto riguarda l’edizione tematica dei Quaderni, non ritengo che furono operati tagli o censure tali da stravolgerne o falsarne i contenuti teorici o politici. L’idea di una edizione per temi e non cronologica fu in realtà una straordinaria intuizione togliattiana che consentì l’accesso ai Quaderni di varie generazioni di quadri comunisti. Fu proprio con tale edizione che Gramsci diventò non solo la principale base teorica della “via italiana al socialismo”, ma anche un patrimonio della cultura italiana e mondiale.

 

1310. Si tratta due figure molto distanti tra loro. Sul piano storico, Gramsci è stato un pensatore comunista, il quale per gran parte della sua vita si è battuto per la rivoluzione operaia, mentre Turati è stato uno dei massimi esponenti del socialismo riformista. L’alternativa che si pose nell’epoca storica in cui vissero tra “riforma sociale o rivoluzione”, per riprendere una formulazione di Rosa Luxemburg, ha un senso politico ancora oggi.

 

1411. Trovo addirittura grottesco l’uso della categoria di “storia sacra” per definire l’impostazione culturale e scientifica della storiografia italiana legata al PCI che si è occupata della storia del comunismo italiano e mondiale e di Gramsci. Da Ernesto Ragionieri a Paolo Spriano a Giuliano Procacci, tale storiografia si è sempre distinta per il rigore metodologico e serietà scientifica. Certo, è stata una storiografia di parte, ovvero “di partito”. Ma la grande storiografia non è mai stata neutrale o asettica: il suo “uso pubblico” è sempre stato uno dei modi fondamentali di costruzione di ogni egemonia culturale e politica. Credo che dietro l’uso della categoria di “storia sacra” si celi una visione sostanzialmente ingenua e tutt’altro che scientifica dell’“oggettività” storiografica.

 

1512. A condizione che sia fondata sui documenti e sui loro contesti. Una vera filologia storica legge e interpreta i documenti ed eventualmente avanza delle “congetture” sempre sulla base di una loro rigorosa e attenta contestualizzazione. Si pensi a un recente libro di Luciano Canfora (2012a) su Gramsci in cui l’illustre filologo classico sostiene la tesi secondo cui Ruggero Grieco, uno dei più grandi dirigenti della storia del PCI sia stato in realtà una spia fascista: tale tesi viene sostenuta sulla base di presunti “indizi”, ma prescindendo del tutto dalla biografia politica di un personaggio pure così importante nella storia e nella cultura del comunismo italiano. I testi o i documenti sono leggibili solo entro i loro contesti storici determinati. È in fondo un insegnamento dello stesso Gramsci, contenuto in una nozione forse addirittura centrale del suo “storicismo assoluto”, quella di «filologia vivente».

Auteur

Ricercatore di Storia moderna e docente di Storia economica e sociale dell’età moderna, Università di Catania.