Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Inchiesta su Gramsci

Sraffa e dintorni tra falsificazioni e verità

Nerio Naldi

Texte intégral

11. Ritengo vi siano “leggende” di questo tipo. Ad esempio: l’idea che Gramsci in carcere abbia goduto di un trattamento di favore o che, addirittura, il regime fascista gli abbia concesso di vivere una sorta di lunga villeggiatura; oppure, che il suo arresto sia stato voluto dal suo stesso partito; che abbia presentato una domanda di grazia o un simile atto di sottomissione; o che, poco prima di morire, sia stato costretto a chiedere di potersi trasferire in URSS. In generale, ritengo che affermazioni prive di elementi di verità vengano proposte, consapevolmente o inconsapevolmente, per demolire la figura di Gramsci e l’immagine della sua resistenza al fascismo e della sua autonomia di pensiero, che hanno ancora oggi un grande valore, e per attaccare la parte politica che lo riconosce come punto di riferimento fondamentale.

 

  • 1 Ciò risulta evidente se si considerano le testimonianze e i documenti indicati da Canfora 2012b, ch (...)
  • 2 LJ, p. 139.
  • 3 LJ, p. 139.
  • 4 Considerando il resoconto di Tatiana Schucht (lettera di Tatiana Schucht ai familiari presumibilmen (...)

23. Una riflessione sulle circostanze in cui avvenne l’arresto di Gramsci deve essere articolata distinguendo almeno due fasi: prima e dopo l’attentato a Mussolini del 31 ottobre 1926. Sembra ragionevole affermare che Gramsci non abbia accettato di espatriare quando forse sarebbe stato possibile farlo con relativa facilità, cioè prima dell’attentato a Mussolini. Molto più arduo è esprimersi sugli avvenimenti della fase successiva: le informazioni disponibili sono per diversi aspetti lacunose e contraddittorie1. Per questo motivo, per descrivere la situazione e inquadrare le circostanze del suo arresto nel contesto del viaggio che da Roma lo doveva portare a Genova per partecipare alla riunione del Comitato centrale del PCd’I prevista per i primi giorni di novembre a Valpolcevera, può essere opportuno dare il maggior rilievo alle parole usate direttamente da Gramsci. In una lettera alla moglie il 27 ottobre egli scriveva di prepararsi a lasciare Roma il giorno 30, sperando di poter di lì a poco uscire dall’Italia2. Scrivendole di nuovo il 4 novembre affermava di essere dovuto rientrare a Roma «per un incidente» e di contare comunque di poter procedere all’espatrio3. A mio parere il riferimento a un incidente potrebbe indicare un intervento di funzionari di polizia collegato all’avvenuto attentato a Mussolini o un altro fatto che, nell’imprevedibile concomitanza con l’attentato, aveva avuto la conseguenza – forse per carenze della struttura organizzzativa predisposta dal PCd’I – di vanificare i piani per il tentativo di espatrio previsto per l’inizio di novembre. Accogliendo l’ipotesi proposta da Canfora, ma certamente non definitiva, secondo cui Gramsci, ritardando una partenza prevista per alcune ore prima, sarebbe giunto a Milano, da Roma, con il treno diretto n. 38, atteso a Milano alle ore 15.10 del 31 ottobre4, l’incidente potrebbe essere stato un qualsiasi avvenimento (ad esempio, un ritardo in arrivo dello stesso diretto n. 38) che aveva fatto sì che egli si trovasse alla stazione di Milano dopo lo scoppio delle violenze conseguenti all’attentato a Mussolini. Tale situazione potrebbe non essere stata gestita in modo adeguato dalle persone incaricate del passaggio di Gramsci da Milano a Genova, con l’effetto di vanificare i piani per il tentativo di espatrio previsto per i primi giorni di novembre. Ma la relativa fiducia con cui egli si esprimeva il 4 novembre (apparentemente non inferiore a quella che lo animava il 27 ottobre), lascia intendere che – per quanto Tatiana Schucht scriva che si era preparato sia a perquisizioni sia all’arresto – egli fosse a conoscenza di un ulteriore piano per il suo espatrio e comunque non considerasse né certo l’arresto, né irrealizzabile quel piano.

  • 5 Ma si veda anche Canfora 2012b, pp. 89-140.
  • 6 Cfr. Canali 2013, pp. 243-250.

3Per valutare la possibilità che dirigenti del PCd’I abbiano compiuto azioni ostili a Gramsci negli anni della sua reclusione è ovviamente essenziale considerare la lettera che Ruggero Grieco gli inviò nel febbraio del 1928. Anche esprimere un’opinione su tale lettera e sulle vicende ad essa collegate richiede un’analisi estremamente articolata. I documenti emersi fino a oggi mostrano che il giudizio di Gramsci fu fin dal primo momento decisamente negativo e con il trascorrere degli anni, nel corso dei quali egli lo ribadì più volte e con toni sempre più forti, questo giudizio venne associato al fallimento di un tentativo da parte sovietica di ottenere la sua liberazione e fu fonte di timori per il possibile ripetersi di simili interventi anche a fronte di ulteriori tentativi di porre fine alla reclusione. Al momento, la ricostruzione più ampia e dettagliata di questo complesso di fatti può essere trovata nel volume di Giuseppe Vacca (2012)5. Tuttavia, i documenti conservati presso archivi vaticani e della Compagnia di Gesù pubblicati di recente6 inducono a ritenere che il fallimento delle trattative che l’URSS cercò di avviare nell’ottobre del 1927 non possa essere attribuito alla lettera di Grieco – o non solo a quella – ma (tralasciando una valutazione delle autonome intenzioni di Mussolini) anche al modo in cui la trattativa stessa era stata impostata da parte sovietica e al modo in cui i rappresentanti del Vaticano trasmisero le informazioni al governo italiano.

  • 7 Si noti che è stato dimostrato che non poteva essere Sraffa la persona che nel 1928 aveva giudicato (...)

4Ancora a proposito della lettera di Grieco, può essere opportuno richiamare come le posizioni assunte da Piero Sraffa abbiano sempre sottolineato l’inopportunità di quella lettera, ma mai la convinzione che fosse stata scritta con l’intenzione di arrecare danno a Gramsci7. Inoltre si può sostenere che, fra il 1937 e i primi anni Quaranta, le sue posizioni siano state orientate dall’intenzione di evitare che indagini sulla lettera portassero a drammatici processi, in Unione Sovietica, contro dirigenti del PCd’I. In questo modo può essere letto quanto Sraffa scrisse a Tatiana Schucht il 18 settembre 1937, consigliandole di recarsi a Parigi e affrontare la questione incontrando direttamente Ruggero Grieco – ovvero mantenendola all’interno del PCd’I. Sia per questi che per altri temi toccati in queste pagine è comunque evidente che la documentazione disponibile è scarsa e l’accesso a documentazione ancora ignota, conservata specialmente in archivi russi, potrebbe arricchire e modificare in modo significativo le nostre conoscenze.

 

  • 8 Cfr. Lo Piparo 2013, p. 124.

54. Non credo che allo stato attuale delle conoscenze si possa affermare che alcuni componenti della famiglia Schucht fossero agenti dei servizi di informazione o di sicurezza sovietici. Non credo che svolgere lavori più o meno continuativi di segreteria o di traduzione per tali servizi – che è ciò che possiamo ritenere provato dai documenti disponibili – possa essere considerato essere agenti o avere ricevuto un addestramento specifico8. Non sono noti neppure documenti tali da provare che componenti della famiglia Schucht abbiano svolto un ruolo di controllo nei confronti di Gramsci, e ciò, in particolare, negli anni della sua reclusione.

 

65. Non credo che a tutt’oggi vi siano elementi tali da confermare l’ipotesi della scomparsa di un quaderno. Ritengo invece vi siano elementi che inducono a considerare non-lineare il percorso che, fra il 1937 e il 1945, ha portato i Quaderni di Gramsci da Roma a Mosca e di nuovo a Roma. Tale percorso dovrebbe essere ricostruito con maggior precisione, o quantomeno se ne dovrebbero mettere in luce in modo più dettagliato i punti in cui le nostre conoscenze appaiono più lacunose. In particolare, merita di essere considerata con attenzione la discrepanza fra un documento che attesta la consegna di 34 quaderni avvenuta a Roma il 3 marzo 1945 e documenti precedenti che indicano per i quaderni un numero variabile da 30 a 329. Le recenti perizie commissionate dalla Fondazione Istituto Gramsci10 più che indicare la possibile sparizione di uno o due quaderni, mettono in luce l’opportunità di riflettere sui modi in cui avvenne la loro numerazione (considerando, in particolare, che il “salto” di due numeri evidenziato da tali perizie si associa all’esistenza di due quaderni non numerati).

  • 11 Sraffa 1991, p. 185.
  • 12 Cfr. Lo Piparo 2013, p. 86.
  • 13 Cfr. Vacca 2012, p. 334.

7Si noti anche che l’ipotesi secondo cui la specificazione («tutti quanti») con cui Tatiana Schucht il 7 luglio 1937 comunicava a Sraffa la consegna dei quaderni di Gramsci («Ieri ho consegnato i quaderni (tutti quanti)»)11 fosse un modo per sottolineare che aveva consegnato i quaderni che le erano rimasti dopo che Sraffa – fra il 30 giugno e l’1 luglio – gliene aveva sottratti alcuni12 non regge al confronto con le parole che Tatiana Schucht aveva usato due giorni prima – il 5 luglio – per annunciare alla sorella Giulia il prossimo invio di tutti i manoscritti di Antonio13. Non sembra vi sia motivo per supporre che Tatiana, rivolgendosi a Giulia, scrivesse «tutti» per adombrare un significato nascosto, e lo stesso, di conseguenza, si può ritenere valga per l’analoga comunicazione inviata a Sraffa.

 

  • 14 Nonostante la denominazione, tale serie non contiene soltanto fascicoli relativi a quadri dell’IC o (...)

86. Non credo che i documenti disponibili consentano di affermare che Piero Sraffa sia stato un «agente coperto del Comintern». Non consentono di affermarlo i documenti a noi noti conservati in archivi italiani e inglesi e neppure i documenti accessibili presso archivi russi. In particolare, ciò vale per il fascicolo intestato a Piero Sraffa attualmente conservato a Mosca presso il rgaspi nella serie della sezione Quadri degli archivi dell’Internazionale Comunista14. Tale fascicolo contiene un solo documento (databile ai mesi in cui, nel 1930, Sraffa compì un viaggio in Unione Sovietica) e, per il suo contenuto, per la sua collocazione archivistica e per quanto ci è noto della storia della formazione dell’archivio in cui è conservato e della sua serie Quadri, non offre neppure elementi per sostenere l’ipotesi secondo cui il fascicolo stesso sarebbe stato svuotato delle parti compromettenti.

  • 15 Ciò lo stesso Sraffa volle metterlo in evidenza nel colloquio con Paolo Spriano pubblicato su Rinas (...)
  • 16 Si veda la lettera di Camilla Ravera a R. Grieco e P. Togliatti del 29.1.1927: Sraffa 1991, p. li, (...)

9Alla luce delle informazioni di cui disponiamo mi pare plausibile delineare il seguente profilo degli avvenimenti e della figura di Piero Sraffa. Questi, che aveva avuto rapporti particolarmente stretti con il gruppo dell’Ordine Nuovo già prima della fondazione del PCd’I, mantenne una posizione che forse solo fino alla metà degli anni Venti fu di comunista indisciplinato (come egli stesso si era definito nel 1924 in una lettera a Gramsci pubblicata sull’Ordine Nuovo), ma che rimase sempre di non iscritto.15 Tuttavia, considerando il contesto dell’arresto e della detenzione di Gramsci, non pare improbabile che gli organismi dirigenti del PCd’I e dell’IC abbiano accettato che un comunista indisciplinato e non iscritto svolgesse un ruolo particolarmente delicato e chiaramente inserito nella struttura gerarchica del partito come quello di assistere e tenere contati fra Gramsci e il Centro estero del PCd’I. La mia opinione è che nelle circostanze seguite all’arresto di Gramsci, e soprattutto al suo trasferimento da Ustica a Milano, il gruppo dirigente del PCd’I abbia potuto constatare come fosse fondata la fiducia che Gramsci riponeva in Sraffa16 e come fosse utile accettare la sua disponibilità ad essere inserito nella rete attraverso cui assisterlo, e ciò in particolar modo dopo che Sraffa ebbe la possibilità di compiere regolarmente viaggi fra l’Inghilterra e l’Italia. Si noti che Sraffa assunse la sua posizione di tramite fra Gramsci e il Centro estero del PCd’I nello svolgersi dei fatti – ovvero nel passaggio da una situazione relativamente favorevole (il confino a Ustica) a una situazione più complessa (i primi mesi della fase istruttoria e della reclusione a Milano, quando ancora si poteva confidare in una relativamente rapida uscita dal carcere), a una situazione decisamente critica, sviluppatasi nel corso della reclusione a Milano (in particolare dopo l’attentato alla Fiera di Milano dell’aprile 1928) e che si tradusse nella condanna e nell’assegnazione al carcere di Turi.

  • 17 Piero Sraffa, che, nel luglio del 1927, poco prima di trasferirsi in Inghilterra, aveva fatto visit (...)
  • 18 Si vedano le note di Tatiana Schucht databili dicembre 1928 (GTS, pp. 1417-1418), la lettera di P. (...)

10A sostegno di questa ricostruzione si può anche osservare che nel periodo di circa diciotto mesi (luglio 1927 – dicembre 1928) in cui Sraffa non riuscì ad avere contatti operativi con Tatiana Schucht, lo stato dei soccorsi portati a Gramsci risultò estremamente carente.17 La persona incaricata di mantenere i rapporti fra Tatiana Schucht e il Centro estero del partito aveva dovuto abbandonare questo compito e Tatiana Schucht non ne era stata neppure avvertita; le lettere di Gramsci che questa persona doveva trasmettere al Centro estero non erano giunte e la consegna a Gramsci dei fondi che gli erano stati assegnati non sembrava avvenire regolarmente18.

  • 19 P. Sraffa a A. Tasca, lettera datata Monaco 28 luglio 1929, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Mil (...)
  • 20 P. Sraffa a A. Tasca, 14 gennaio 1930, 22 gennaio 1930, 1 settembre 1930 e C. Sprigge a A. Tasca de (...)

11Ai fini della valutazione della posizione di Sraffa può anche essere significativo notare come egli, che con Tasca aveva avuto rapporti molto stretti, nel momento in cui questi aveva manifestato il suo contrasto nei confronti della linea assunta dal PCd’I e dall’IC e si apprestava a subire l’espulsione dal PCd’I, gli scrisse una lettera che – pur evitando di prendere parte – lasciava intravedere la sua fermezza nel mantenere indipendenza di giudizio19. Inoltre, nei mesi successivi all’espulsione, Sraffa rimase in contatto con Tasca portandogli notizie dalla famiglia a Torino e aiutandolo a trovare collaborazioni giornalistiche in Gran Bretagna che potevano offrirgli fonti di reddito alternative a quelle che l’allontanamento dal PCd’I aveva interrotto20.

  • 21 Cfr. «Rinascita» n. 4, aprile1946; Sraffa Papers F1/114.
  • 22 Cfr. «l’Unità», 18 aprile 1957; Sraffa Papers F1/29.
  • 23 Cfr. «L’Europa Letteraria», n. 13-14, 2-4.1962; Sraffa Papers F1/45.

12Riassumendo: risolvere il problema della descrizione della posizione occupata da Sraffa nell’assistenza a Gramsci attraverso la semplice ipotesi che Sraffa fosse un agente, o un dirigente coperto, significa a mio avviso non utilizzare tutte le informazioni disponibili e sottovalutare quanto ci è noto sulla dinamica dei fatti. Così come non ritengo vi siano solidi motivi per supporre che un quaderno sia stato sottratto, non vedo neppure motivo per supporre che a sottrarlo sia stato Sraffa. A questo proposito può essere interessante sottolineare come fra le annotazioni di Sraffa a libri o articoli da lui stesso conservati riguardanti Gramsci e la pubblicazione dei suoi scritti non vi sia nulla che si possa collegare ai passi in cui si parla del numero dei Quaderni. Appare invece evidente la sua attenzione verso la pubblicazione integrale delle lettere e degli stessi Quaderni e la corretta datazione dei singoli testi – si vedano ad esempio le annotazioni di Sraffa sulle copie da lui conservate della Relazione sui quaderni del carcere di Felice Platone21, della sintesi della comunicazione di Berti dell’aprile 1957 al Comitato Centrale del PCI sulla pubblicazione degli scritti di Gramsci22 e della tavola rotonda Dibattito per una antologia di Gramsci23.

 

  • 24 Cfr. Vacca 2012, p. 164.
  • 25 Cfr. GTS, p. 1088.
  • 26 Cfr. Sraffa 1991, p. 29.
  • 27 Anche a questo proposito, si veda Vacca 2012, in particolare i capp. vii e xiii e, come esempio di (...)

138. Si tratta di un approccio interpretativo motivato dalla costatazione della necessità in cui Gramsci si trovava di comunicare superando la censura a cui le sue lettere erano sottoposte dalle autorità carcerarie e forse anche controlli che poteva immaginare venissero esercitati da autorità sovietiche nel momento in cui le sue lettere venivano inviate a sua moglie. Sia Piero Sraffa che Tatiana Schucht sottolineano il ricorso da parte di Gramsci a riferimenti nascosti e l’opportunità di leggere le sue lettere cercando di individuarli, ma anche Gramsci manifesta di avere ben presente questa esigenza. Alcuni esempi li possiamo trovare in una lettera particolarmente significativa di Tatiana Schucht a Piero Sraffa del 6 settembre 193124, in quanto Gramsci scrive a Tatiana Schucht il 3 ottobre 1932 a proposito di una lettera ricevuta da sua moglie25 e nel già citato colloquio di Sraffa con Paolo Spriano. Ovviamente, ogni ipotesi interpretativa deve essere sviluppata tenendo conto del rischio di introdurre codici di lettura inesistenti o sbagliati: rischio amplificato dal fatto che eventuali codici non erano stati concordati in precedenza e vengono individuati dal lettore attraverso una ricerca di corrispondenze fra la realtà testuale delle comunicazioni di Gramsci e ciò che il lettore stesso ritiene possano essere state le informazioni che Gramsci aveva interesse a comunicare. Poiché la seconda serie di dati è creata dal lettore, è ovvio che la cautela deve essere massima. Quanto appena detto riguarda pressoché ogni comunicazione al di là dei fatti più elementari della vita di Gramsci e dei suoi familiari (ma anche il modo in cui Gramsci accennava alle proprie condizioni di salute, in alcune occasioni, doveva necessariamente essere interpretato)26. Quando si propongono letture in chiave politico-metaforica tali da coinvolgere l’elaborazione teorica, politica e culturale, sviluppata da Gramsci nel periodo carcerario (penso alle letture dei passi in cui Gramsci espone sue elaborazioni sul canto X dell’Inferno e sul pensiero di Benedetto Croce proposte da Giuseppe Vacca e Angelo Rossi), o questioni estremamente delicate quali i tentativi di ottenere la liberazione, i termini essenziali del problema interpretativo non mutano, ma risulta ampliata l’esigenza di ricercare riscontri interni ai testi e di calare tale ricerca nel contesto in cui quelle elaborazioni avvenivano, sia in relazione al periodo carcerario che a quello precarcerario, e di individuare i modi in cui tale contesto poteva collegare Gramsci ai membri del partito fuori dal carcere, e in particolare a Togliatti, così da rendere possibile una comunicazione politica in codice27. Non sembra invece giustificato individuare codici interpretativi semplici e meccanici, quale ad esempio l’uso dei nomi Giulia o Julka per indicare la moglie o gli apparati sovietici.

 

  • 28 Si vedano ad esempio GTS, pp. vii-xviii e S. Sechi, Spunti critici sulle «Lettere dal carcere» di G (...)
  • 29 Cfr. E. Grisanzio e A. Lacitignola, Disvelamento del mosaico, in Canfora 2012b, pp. 229-259.

149. Certamente vi furono tagli. Nell’edizione delle Lettere del 1947 non tutte le lettere che si può supporre fossero disponibili furono pubblicate (ciò è segnalato nell’Avvertenza, ma senza indicare in dettaglio quante e quali lettere non venivano pubblicate) e non tutte furono pubblicate integralmente (e questi tagli non sempre venivano segnalati)28. L’edizione tematica dei Quaderni si proponeva, come indicato nella Prefazione, di riprodurre fedelmente i testi originali, raggruppandoli per argomento ed eliminando ripetizioni dovute a riscritture effettuate dallo stesso Gramsci, ma queste riscritture, in realtà, contenevano anche modifiche e non tutti i testi in stesura unica venivano pubblicati29. La questione dei giudizi su tali interventi e sul loro peso deve essere affrontata considerando ciascuno di essi e le sue possibili ragioni – queste possono essere collegate a valutazioni di riservatezza legata a vicende personali e familiari, di non disponibilità dei documenti o di leggibilità dei testi, ma valutazioni di opportunità politica ebbero certamente un rilievo primario. Per illustrare quest’ultimo punto considererò in modo più dettagliato alcuni esempi tratti dall’edizione del 1947 delle Lettere.

  • 30 Cfr. LC, pp. 129-130.

15Un caso in cui parlare di censura appare giustificato è il modo in cui veniva trattata la cosiddetta questione dei «fili strappati», ovvero, dei legami fra Gramsci e il mondo esterno al carcere. L’edizione del 1947, alle pagine 119-120, contiene il testo di una lettera in cui tale tema viene forse anticipato (7 aprile 1931), ma non è presente la lettera, che pure era a disposizione dei curatori, in cui il tema viene proposto nel modo più netto (13 luglio 1931). Della lettera del 3 agosto 1931, in cui la stessa questione viene ripresa, non vengono pubblicate (per quanto segnalando l’omissione di una parte del testo) le parti che vi si ricollegano nel modo più esplicito30. In questo caso si può parlare di un taglio che elimina in misura parziale, ma mirata e significativa un riferimento importante: è ragionevole ritenere si trattasse di un intervento che ostacolava consapevolmente la comprensione delle vicende di Gramsci in carcere e dello sviluppo delle sue riflessioni e percezioni in una direzione che non era scontato – anzi, sembra ovvio il contrario – intendere solo come personale e privata e non politica. In altri casi i tagli non possono essere interpretati nello stesso modo né si può attribuire loro lo stesso peso. Si consideri ancora la lettera di Gramsci a Tatiana Schucht del 3 agosto 1931: in essa venivano omessi un riferimento alla lettura di articoli del Principe Mirschi e delle Prospettive economiche di Giorgio Mortara e un riferimento allo svolgersi del proprio lavoro di lettura e riflessione. Ma altri riferimenti agli stessi testi di Mortara comparivano in altre lettere, da cui non venivano omessi; un riferimento a Mirski compariva alle pagine 13 e 20 dell’edizione del 1948 de Il Materialismo storico e la filosofia di Benedetto Croce; riferimenti allo svolgersi dei propri studi in carcere comparivano in altre lettere da cui non venivano omessi. In questi casi sarebbe fuorviante parlare di censura.

  • 31 Cfr. Maitron 1998, pp. 337-338.
  • 32 MS, p. 212; pp. 80, 84, 93.

16Ma le ultime righe della stessa lettera contengono non solo un taglio, ma una falsificazione: nell’edizione del 1947 si legge: «ti indico un volume che desidero leggere»; ma dall’edizione del 1965 (nell’edizione del 1964 l’intera lettera compariva nella stessa forma del 1947) sappiamo che il passo recita: «ti indico due volumi che desidero leggere». Il secondo volume, precedentemente omesso, è Lucien Laurat, L’accumulation du capital d’après R.Luxembourg (Paris, Rivière). Laurat si era staccato dal fronte dell’Internazionale Comunista e aveva assunto una posizione critica, arrivando poi a firmare articoli su periodici della stampa francese collaborazionista31. La motivazione della censura poteva anche risiedere nel nome stesso di Rosa Luxemburg, o nella pubblicazione di quello stesso volume, in italiano, nel 1946, da parte della casa editrice Minuziano, fondata da Luigi Rognoni, che pure esprimeva posizioni critiche nei confronti dell’URSS, di Stalin e dello stesso PCI. Tuttavia, riferimenti a Lucien Laurat e a Rosa Luxemburg compaiono nel primo volume dell’edizione tematica dei Quaderni32.

17Nel complesso, la mia impressione è che i tagli e le censure risultino più pesanti e sistematici in relazione ad aspetti drammatici della vicenda carceraria di Gramsci, in particolare nei suoi rapporti con il Partito, che allo sviluppo della sua elaborazione teorica.

Notes

1 Ciò risulta evidente se si considerano le testimonianze e i documenti indicati da Canfora 2012b, che nonostante alcune incoerenze e incompletezze offre la trattazione più dettagliata attualmente disponibile. A titolo di esempio si può notare come Gustavo Trombetti, che fu a stretto contatto con Gramsci nel carcere di Turi, sembri ignorare che Gramsci non si era recato a Milano per procedere direttamente all’espatrio, ma per proseguire per Genova e là partecipare a una riunione clandestina del Comitato centrale del PCd’I. Analogamente, Trombetti è chiaramente in errore quando scrive che Gramsci, rientrato a Roma, di lì a poche ore fu arrestato, cfr., Paulesu Quercioli 1977, p. 235. Inoltre, mentre lo stesso Trombetti riferisce del desiderio di Gramsci di appurare se per il suo arresto vi fossero state responsabilità interne al suo partito, Umberto Clementi, che pure incontrò Gramsci a Turi, ricorda che questi affermava di aver affrontato l’arresto per rimanere, insieme agli altri parlamentari, fino all’ultimo alla guida del partito e indicare ai giovani la strada della lotta, cfr. Paulesu Quercioli 1977, p. 198.

2 LJ, p. 139.

3 LJ, p. 139.

4 Considerando il resoconto di Tatiana Schucht (lettera di Tatiana Schucht ai familiari presumibilmente di alcuni giorni successiva all’arresto di Gramsci, pubblicata in «l’Unità», 7 novembre 2008 e in Canfora 2012b, pp. 54-56) più affidabile di quanto Canfora mostri di ritenere, si potrebbe ipotizzare che Gramsci fosse partito da Roma la sera del 31 ottobre con il treno direttissimo n. 16 delle ore 20.45 (linea Pisa - Fornovo - Piacenza) in arrivo a Milano alle 8.30 dell’1 novembre (Orario generale ufficiale per le ferrovie italiane dello stato. Settembre 1926, Fratelli Pozzo Editori, Torino, consultabile presso la biblioteca della Fondazione FS, Roma).

5 Ma si veda anche Canfora 2012b, pp. 89-140.

6 Cfr. Canali 2013, pp. 243-250.

7 Si noti che è stato dimostrato che non poteva essere Sraffa la persona che nel 1928 aveva giudicato come criminale la lettera di Grieco (G. De Vivo, Gramsci, Sraffa e la «famigerata lettera» di Grieco, in «Passato e presente», vol. 27, n. 77, 2009, pp. 79-91) e che non è corretto sostenere che su quella stessa lettera Sraffa abbia espresso due opinioni contrastanti, nel corso del 1937, nella sua corrispondenza con Tatiana Schucht, cfr. Canali 2013, p. 168; N. Naldi, Gramsci, Togliatti e il PCI: ricerca storica e preconcetti, «Critica marxista», anno 22 n.s., n. 6, 2013, p. 64.

8 Cfr. Lo Piparo 2013, p. 124.

9 Le trascrizioni di questi documenti sono state ripubblicate in Lo Piparo 2013, pp. 88-97.

10 Consultabili sul sito web della stessa: http://www.fondazionegramsci.org/index.html.

11 Sraffa 1991, p. 185.

12 Cfr. Lo Piparo 2013, p. 86.

13 Cfr. Vacca 2012, p. 334.

14 Nonostante la denominazione, tale serie non contiene soltanto fascicoli relativi a quadri dell’IC o dei partiti comunisti dei diversi paesi; nel caso italiano vi sono compresi fascicoli relativi a personaggi quali, ad esempio, Pietro Nenni e Alcide de Gasperi.

15 Ciò lo stesso Sraffa volle metterlo in evidenza nel colloquio con Paolo Spriano pubblicato su Rinascita nell’aprile 1967 (Gli ultimi anni di Gramsci in un colloquio con Piero Sraffa, «Rinascita», n. 15, 1967, pp. 14-15 [14]; Sraffa Papers C115/11/3). Lo stesso punto Sraffa lo sottolineò anche nel gennaio 1974 rispondendo a una lettera di Helmut Goetz. In quell’occasione, ricordando i suoi “frequenti rapporti con i comunisti italiani di Parigi”, Sraffa precisava: “per quanto non sia mai stato iscritto al P.C.” (lettera di P. Sraffa a H.Goetz del 22.1.1974, citata in N. Naldi, Two notes on Piero Sraffa and Antonio Gramsci, «Cambridge Journal of Economics», vol. 36, n. 4, 2012, p. 1411).

16 Si veda la lettera di Camilla Ravera a R. Grieco e P. Togliatti del 29.1.1927: Sraffa 1991, p. li, n. 20.

17 Piero Sraffa, che, nel luglio del 1927, poco prima di trasferirsi in Inghilterra, aveva fatto visita a Gramsci a San Vittore, fino alla primavera del 1928 non rientrò in Italia per il giustificato timore di essere arrestato, cfr. N. Naldi, Some notes on Piero Sraffa’s biography, 1917-1927, in «Review of Political Economy», vol. X, n. 4, 1998, pp. 493-515, e Id., Piero Sraffa: emigrazione, attività scientifica e rapporti di amicizia fra gli anni Venti e gli anni Quaranta (Convegno internazionale Piero Sraffa, Roma, 11-12 febbraio 2003), in «Atti dei Convegni Lincei», n. 200, Accademia Nazionale dei Lincei, pp. 81-121, Roma 2004. Quando rientrò è probabile abbia cercato di mettersi in contatto con Tatiana Schucht, ma che – come si può dedurre da una segnalazione della stessa – non sia stato coadiuvato in tal senso dall’avvocato difensore di Gramsci (la cognata di Gramsci, che in quel periodo per molti mesi fu ricoverata in ospedale, lamentò di essersi scontrata anche personalmente con la stessa mancanza di collaborazione da parte dell’avvocato – GTS 1997, p. 1426). Sraffa e Tatiana Schucht riuscirono a entrare in contatto soltanto a fine settembre 1928.

18 Si vedano le note di Tatiana Schucht databili dicembre 1928 (GTS, pp. 1417-1418), la lettera di P. Sraffa a P. Togliatti del 26 dicembre 1928 (Sraffa 1991, pp. 203-205) e la lettera di C. Ravera a Giulia Schucht del 7 gennaio 1929 (Sraffa 1991, pp. 206-208). La possibilità che un tale ruolo – per quanto politicamente delicato – fosse coperto da un non iscritto al partito trova sostegno nell’ipotesi di recente avanzata da Mauro Canali che il Lombardi che fra il 1928 e il 1929 aveva tenuto i contatti fra Tatiana Schucht e il Centro estero fosse Riccardo Lombardi, che pure non fu mai iscritto al partito comunista (Canali 2013, pp. 111-126).

19 P. Sraffa a A. Tasca, lettera datata Monaco 28 luglio 1929, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Milano, citata in N. Naldi, Two notes on Piero Sraffa and Antonio Gramsci cit., p. 1409 (lo scritto a cui Sraffa fa riferimento in questa lettera è possibile fosse il rapporto difensivo che Tasca aveva preparato all’inizio del 1929).

20 P. Sraffa a A. Tasca, 14 gennaio 1930, 22 gennaio 1930, 1 settembre 1930 e C. Sprigge a A. Tasca del 30 maggio 1930 (Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Milano).

21 Cfr. «Rinascita» n. 4, aprile1946; Sraffa Papers F1/114.

22 Cfr. «l’Unità», 18 aprile 1957; Sraffa Papers F1/29.

23 Cfr. «L’Europa Letteraria», n. 13-14, 2-4.1962; Sraffa Papers F1/45.

24 Cfr. Vacca 2012, p. 164.

25 Cfr. GTS, p. 1088.

26 Cfr. Sraffa 1991, p. 29.

27 Anche a questo proposito, si veda Vacca 2012, in particolare i capp. vii e xiii e, come esempio di interpretazione di lettere che affrontavano temi estremamente delicati, le pagine 251-253.

28 Si vedano ad esempio GTS, pp. vii-xviii e S. Sechi, Spunti critici sulle «Lettere dal carcere» di Gramsci, in «Quaderni Piacentini», n. 29, 1967, pp. 100-126, che propone il primo confronto – non sempre preciso – fra le edizioni delle Lettere del 1947 e del 1965.

29 Cfr. E. Grisanzio e A. Lacitignola, Disvelamento del mosaico, in Canfora 2012b, pp. 229-259.

30 Cfr. LC, pp. 129-130.

31 Cfr. Maitron 1998, pp. 337-338.

32 MS, p. 212; pp. 80, 84, 93.

Auteur

Associato di Economia politica, Università di Roma Sapienza.