Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Inchiesta su Gramsci

Una offensiva politico-culturale

Alexander Höbel

Texte intégral

11. Credo vi siano pochi dubbi sul fatto che la campagna in corso ormai da anni sul rapporto tra Gramsci e il suo partito sia parte di un’offensiva politico-culturale più complessiva. Nel mirino c’è Gramsci, ma l’obiettivo più vasto è quello che Bobbio definiva il “comunismo storico”, la vicenda del movimento comunista novecentesco, della quale Gramsci, la sua elaborazione e la sua figura sono parte integrante. La principale leggenda, quindi, è proprio quella di una sopravvenuta “estraneità” del rivoluzionario sardo nei confronti della sua parte politica; un paradosso piuttosto antipatico, per una figura che aveva fatto proprio dell’“essere partigiano” la sua prima ragione di vita e il carattere principale della sua personalità. Al contrario, a me pare che gli stessi momenti di dissenso e di conflitto tra Gramsci e la maggioranza del PCd’I, ormai ampiamente documentati dalla storiografia, confermino la profonda internità, il radicato senso di appartenenza del dirigente detenuto rispetto al suo partito e più in generale all’Internazionale comunista.

2L’altra fondamentale leggenda riguarda invece Togliatti, anche qui spesso con un vero e proprio ribaltamento dei fatti. Colui che è stato il principale custode e divulgatore dell’elaborazione di Gramsci, oltre che il maggiore prosecutore della sua opera, viene presentato come un accanito avversario, un traditore, occultatore del pensiero e magari complice della morte del compagno di lotte. Si tratta appunto di un rovesciamento della realtà effettuale delle cose, la cui motivazione credo stia in questo: poiché sarebbe troppo difficile demolire la figura di Gramsci – non solo per il suo essere stato un martire del fascismo, morto in carcere per le sue idee, ma anche perché si tratta ormai dell’autore italiano novecentesco più letto e studiato nel mondo – si preferisce puntare il fuoco su Togliatti, sul quale esiste già una consolidata “leggenda nera”, che può essere agevolmente utilizzata. In questo tipo di ricostruzione, dunque, Togliatti è il “vero comunista”, sempre allineato ai dettami di Stalin e del Comintern, tutto chiuso nella sua ortodossia e capace per questo anche di sacrificare l’amico; Gramsci è invece il “comunista atipico”, magari l’ex comunista, che seppe ravvedersi in tempo, anche se non ci sono prove documentarie che possano testimoniarlo (e quindi bisogna magari supporne l’esistenza). Creare una cesura netta tra Gramsci e Togliatti, tra Gramsci e la storia del PCI, serve dunque a estraniarlo dal movimento comunista e dalla vicenda storica cui Gramsci appartenne. Rimane allora solo un’icona, un grande pensatore più che un rivoluzionario, che a questo punto può essere utilizzato anche in contrapposizione alla parte politica di cui fu un protagonista di primo piano.

3Salvare la figura di Gramsci per contrapporlo al movimento comunista: tale mi pare insomma l’obiettivo di parte consistente delle polemiche e degli scoop gramsciani di questi ultimi anni.

 

42. A mio parere il contrasto dell’autunno 1926 tra Gramsci e Togliatti è pienamente inserito nel dibattito del movimento comunista internazionale, mentre molto meno rilevanti appaiono le dinamiche interne al PCd’I. Si tratta di uno dei momenti più significativi del confronto tra due importanti esponenti del comunismo internazionale, che dibattono sul modo migliore di affrontare le divergenze insorte nel gruppo dirigente sovietico. Ne emerge una indubbia differenziazione, che mi pare riconducibile in parte ai diversi contesti nei quali i due dirigenti si trovavano (Gramsci in Italia, Togliatti a Mosca, a stretto contatto coi protagonisti della querelle e in grado di seguire lo sviluppo degli avvenimenti in tempo reale e di poter percepire l’evolversi del clima politico nel Comintern), in parte ai diversi temperamenti dei due rivoluzionari e ai diversi approcci coi quali affrontarono questo e altri passaggi decisivi. Come è noto, Gramsci condivide, come Togliatti, le posizioni della maggioranza del PCR facente capo a Stalin e Bucharin; tuttavia si differenzia da questi ultimi sul modo di gestire il rapporto con la minoranza, e da Togliatti sul grado di ufficialità da dare a tali rilievi critici. I suggerimenti di Gramsci non sortirono grandi effetti, ma rimangono un’espressione significativa di quell’approccio più aperto, laico e dialettico che si andava affermando, pur nelle difficili condizioni della clandestinità e dell’esilio, nel partito italiano, e che rimarrà una costante nella sua evoluzione successiva. Non è un caso, evidentemente, se lo stesso Togliatti, di lì a poco, esprimerà le sue riserve nei confronti degli schematismi del “socialfascismo”, e molti anni dopo si differenzierà dai sovietici sul «modo migliore per combattere le posizioni cinesi».

  • 1 Cfr. G. Vacca, Gramsci a Roma, Togliatti a Mosca, in GPT, pp. 7-8.

5Ho parlato di differenziazione tra Gramsci e Togliatti sul modo di rendere pubblici suggerimenti e preoccupazioni dell’Ufficio politico del PCd’I. Ma proprio a tale riguardo va ricordato che fu l’Up nel suo complesso, attraverso Camilla Ravera, a esprimere il suo assenso alla «non avvenuta trasmissione della lettera al C.C. del PCR», e in tal senso – come ha osservato Giuseppe Vacca – «non si può attribuire a una decisione di Togliatti la sospensione dell’inoltro della lettera. Essa fu presa dallo stesso organismo a nome del quale Gramsci l’aveva scritta», sebbene quest’ultimo rimanesse convinto delle sue argomentazioni1.

  • 2 Daniele 2005, pp. 61-64.

6Quanto alle influenze di quel contrasto sulla storia del PCI, non pare inutile ricordare che lo scambio di lettere tra i due dirigenti fu pubblicato sulla rivista del partito («Rinascita», 30 maggio 1964), per decisione dello stesso Togliatti e con una sua opportuna contestualizzazione (approfondita nel fascicolo del 13 giugno). È evidente che se quello scambio avesse avuto il senso di una rottura radicale mai più ricomposta, difficilmente la relativa documentazione (poi arricchita da Franco Ferri, sempre su «Rinascita», del 24 aprile 1970) avrebbe avuto tale pubblicità. Né certo la diffusione dell’opera gramsciana appare bloccata o limitata dallo scontro tra Gramsci e Togliatti che si produsse in quella occasione, dal momento che proprio “il Migliore” sarà il principale artefice della diffusione del pensiero del rivoluzionario sardo; e questo non solo nel Secondo dopoguerra, poiché già all’indomani della morte di Gramsci lo scambio epistolare tra Togliatti, Montagnana e il Centro estero del PCd’I evidenzia la volontà di dare il massimo rilievo e la massima diffusione all’elaborazione del dirigente scomparso. Fin da allora si trattava, come scrisse Montagnana a Ercoli, di «fare il massimo possibile per far conoscere meglio Antonio al P[artito] ed al mondo»2.

7Il rapporto tra Gramsci e Togliatti, dunque, non mi pare certo leggibile con la formula della “opposizione radicale”, ma piuttosto con quella di un confronto dialettico nel quadro di una ispirazione strategica sostanzialmente condivisa, sia pure con le differenze delle rispettive personalità e dei contesti in cui i due rivoluzionari si trovarono a operare.

 

  • 3 Cfr. G. Cospito, Verso l’edizione critica e integrale dei “Quaderni del carcere”, in «Studi Storici (...)
  • 4 D. Biocca, La liberazione di Gramsci e gli altri detenuti politici, in «la Repubblica», 19 marzo 20 (...)
  • 5 Stralci si leggono nel fasc. mon. cit. di «Studi Storici».

87. È noto che Gramsci interruppe la stesura dei Quaderni nel 1935, quasi due anni prima della sua morte3, e ciò in primo luogo – come ha riconosciuto anche Dario Biocca – «per l’aggravarsi delle sue condizioni fisiche»4. Tuttavia, anche per il periodo successivo non mancano documenti e testimonianze, a partire dalle lettere tra le sorelle Schucht (a diposizione degli studiosi presso la Fondazione Istituto Gramsci)5.

  • 6 Cfr. C. Daniele, L’epistolario dal carcere di Antonio Gramsci, in «Studi Storici» cit., pp. 791-835 (...)
  • 7 Ivi, p. 829.
  • 8 Ivi, p. 835.

9Tale corrispondenza conferma innanzitutto che il rapporto di Gramsci con Piero Sraffa rimase vivo e fraterno fino alle ultime ore di vita del detenuto, il quale sapeva bene che il suo amico e sodale era legato al PCd’I6. Una lettera di Tatiana a Giulia del dicembre 1934 ribadisce poi che, se fosse andata a buon fine la pratica per la libertà condizionale, il «desiderio più forte» di Gramsci e della stessa Tania era quello di andare a Mosca «il più presto possibile», poiché Antonio sperava di poter ancora «lottare e lavorare come si deve»7. La meta che Gramsci sembra preferire è dunque sempre l’Unione Sovietica, sebbene tale idea si alterni a quella del ritorno in Sardegna. Nel marzo 1937 la volontà di recarsi in URSS torna a prevalere: ne scrive Tatiana a Eugenia, e del resto già Spriano aveva pubblicato la bozza della domanda per l’espatrio in Unione Sovietica preparata da Sraffa su indicazione di Gramsci8.

  • 9 Cfr. G. Vacca, Sraffa come fonte di notizie per la biografia di Gramsci, in «Studi Storici», XL, 19 (...)

10È evidente che un Gramsci in rottura con la sua parte e col suo mondo ben difficilmente, nonostante le motivazioni familiari e affettive, avrebbe privilegiato come meta l’URSS, essendo peraltro a conoscenza dei processi che lì si stavano svolgendo poiché di essi aveva parlato con Sraffa9. È davvero arduo, insomma, pensare che un Gramsci approdato alla democrazia liberale progettasse di raggiungere l’Unione Sovietica staliniana per proseguire lì la sua vita e il suo impegno politico.

  • 10 Cfr. Spriano 1988, pp. 90-91.

11Né egli si disinteressa delle dinamiche interne al partito italiano, che continua a seguire fino agli ultimi giorni di vita. È del 21 aprile 1937 la lettera di Montagnana a Togliatti, che riferisce di un colloquio tra Gramsci e Sraffa, in cui il dirigente comunista ha messo in relazione la politica dei Fronti Popolari promossa dall’Internazionale con la sua vecchia idea di Assemblea costituente. È l’«ultimo messaggio politico di Gramsci» diretto ancora una volta, tramite Sraffa, al partito10. Non c’è alcuna interruzione di rapporti: sia pure con la mediazione dell’amico economista, il legame rimane vivo fino alla fine da entrambe le parti; né Gramsci approda a lidi liberaldemocratici, rimanendo impegnato a riflettere sulla strategia più adeguata che i comunisti italiani devono adottare e a leggere in chiave nazionale i nuovi sviluppi della politica del Comintern.

 

1211. Come ho avuto modo di accennare e come peraltro è ben noto, non solo la tutela e la diffusione dell’opera di Gramsci sono state in larghissima parte opera di Togliatti e del Partito comunista italiano, ma la stessa ricerca storica successiva su Gramsci e sul PCI ha potuto ampiamente giovarsi della documentazione messa a disposizione dai protagonisti di quelle vicende, che hanno avuto cura di verbalizzare, conservare, archiviare e poi rendere pubblici i dibattiti e le decisioni degli organismi dirigenti, e dunque i passaggi più significativi della storia del partito, compresi gli anni della clandestinità: un caso più unico che raro nella storia dei partiti politici a livello internazionale.

13Molti storici si sono giovati di questa documentazione, che in vari casi veniva pubblicata in volumi, oltre a essere sempre più largamente accessibile presso gli archivi dell’Istituto Gramsci. Naturalmente di questi materiali si sono serviti in prima battuta gli studiosi più interessati a tali vicende e quelli più legati o vicini al PCI. Anche nel caso di questi ultimi, però, non mi pare sussistano gli elementi per definire il loro lavoro in termini di “storia sacra”. Se rileggiamo la Storia del PCI di Paolo Spriano, vediamo che nella maggior parte dei casi, i momenti di scontro e di conflitto interno, gli errori, le fratture non sono stati taciuti; i protagonisti più “scomodi” (si pensi a Bordiga o, sul fronte opposto, a Tasca) non sono stati certo cancellati o demonizzati; gli esponenti maggiormente in vista del partito (in molti casi allora ancora viventi) non sono stati ipostatizzati, ma i loro percorsi sono stati analizzati senza tacerne limiti, contraddizioni e scelte sbagliate. Ovviamente nessuna storiografia è, a sua volta, priva di lacune, omissioni ed errori. Ma da qui alla definizione di “storia sacra” mi pare che vi sia una distanza molto ampia.

14Tra Gramsci e Togliatti, tra Gramsci e il suo partito vi fu sempre identità di vedute? Non vi furono mai scontri, conflitti e polemiche? Ovviamente no! Solo se avessimo una concezione monolitica del movimento comunista – questa sì, da “storia sacra” – potremmo pensare che dissensi e scontri non fossero all’ordine del giorno, senza per questo dover necessariamente sfociare in rotture insanabili, scomuniche, abiure. Il Partito comunista italiano, anche negli anni della clandestinità, non era un monolite, e al suo interno il dibattito politico, anche aspro, non era certo un tabù. Si deve in particolare alla lungimiranza e allo stile di direzione di Togliatti se tale metodo di lavoro (se si eccettuano rari momenti, come quello in cui le redini del PCd’I passano nelle mani di Giuseppe Berti) sia rimasto una costante e un carattere peculiare del partito italiano. Gli scontri tra Togliatti e Grieco, da un lato, e “i giovani” Longo e Secchia, dall’altro, nel 1927-29, sono molto aspri, ma non impediscono al gruppo dirigente di rimanere unito, giungere alla “svolta” e affidare agli stessi “contestatori” della vecchia linea responsabilità di primo piano.

15Una visione dialettica della storia del movimento comunista dovrebbe dunque consentire di studiare tranquillamente i momenti di differenziazione e di scontro, senza ricavarne conclusioni eccessive. Il fatto che in questi ultimi anni su Gramsci si siano potute sostenere interpretazioni totalmente contraddittorie – dal neofita della liberaldemocrazia al comunista trinariciuto contrapposto a un Turati angelicato – conferma quanto portino fuori strada letture unilaterali e forzate del pensiero e dell’opera del rivoluzionario sardo. Gramsci era un comunista, uno dei massimi esponenti del comunismo novecentesco, che non ha mai rinunciato a portare avanti le sue idee e ha delineato elementi di una teoria della transizione che servivano allora, ma per certi versi sono preziosi anche oggi, ponendo le basi – con tutte le differenziazioni, le contraddizioni e gli “scarti” che si andranno a determinare – del successivo percorso dei comunisti italiani. Forse è da queste “ovvietà” che bisognerebbe ripartire, valorizzando la nuova documentazione disponibile, se non vogliamo tradirne o equivocarne il lascito.

Notes

1 Cfr. G. Vacca, Gramsci a Roma, Togliatti a Mosca, in GPT, pp. 7-8.

2 Daniele 2005, pp. 61-64.

3 Cfr. G. Cospito, Verso l’edizione critica e integrale dei “Quaderni del carcere”, in «Studi Storici», LII, 2011, n. 4, pp. 881-904, spec. pp. 896 sgg. (fasc. mon. “L’Edizione nazionale e gli studi gramsciani”).

4 D. Biocca, La liberazione di Gramsci e gli altri detenuti politici, in «la Repubblica», 19 marzo 2012.

5 Stralci si leggono nel fasc. mon. cit. di «Studi Storici».

6 Cfr. C. Daniele, L’epistolario dal carcere di Antonio Gramsci, in «Studi Storici» cit., pp. 791-835 (806-807).

7 Ivi, p. 829.

8 Ivi, p. 835.

9 Cfr. G. Vacca, Sraffa come fonte di notizie per la biografia di Gramsci, in «Studi Storici», XL, 1999, pp. 5-37 (29).

10 Cfr. Spriano 1988, pp. 90-91.

Auteur

Dottore di ricerca in Storia, Università di Napoli “Federico II”.