Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Inchiesta su Gramsci

Questionario

Texte intégral

  1. Quali sono le “leggende” che gravano su Gramsci? Ossia le affermazioni circolanti prive di elementi di verità, ma che nondimeno continuano a riaffacciarsi nel dibattito pubblico? Ritiene che in questo, e in certe “polemiche” gramsciane, nelle quali accanto a specialisti sono intervenuti giornalisti e comunicatori privi di requisiti scientifici, si possa cogliere un disegno di tipo politico-culturale? Con quale finalità?

  2. Il contrasto Gramsci-Togliatti dell’ottobre 1926 per quanta parte è interno al Pcd’I, e per quanta altra si colloca in un quadro sovranazionale? Quanto davvero ha pesato nella storia successiva del comunismo? E come ha condizionato la storia del Partito italiano e della diffusione dell’opera gramsciana? Esiste opposizione radicale tra i due, o si tratta di un rapporto più complesso?

  3. L’arresto di Gramsci, nel novembre 1926, avrebbe potuto essere evitato? Vi fu dolo in qualche settore del Pcd’I o soltanto disorganizzazione e dilettantismo? E in seno al Partito vi sono stati, in seguito, dirigenti ostili a Gramsci?

  4. Quale fu il ruolo della famiglia Schucht? V’erano in essa agenti dei Servizi sovietici in qualche modo addette al controllo di Antonio?

  5. Sussistono elementi di carattere materiale, filologico e documentario che possano far ritenere legittimo il sospetto di un 34° quaderno, poi scomparso? E nel caso ritenga plausibile l’ipotesi del 34° Quaderno, le sembra possibile che esso contenesse un’abiura del marxismo e del comunismo?

  6. Quale è stato il ruolo di Piero Sraffa? Plausibile il sospetto che fosse un agente coperto del Comintern e che abbiasottratto il 34° Quaderno, consegnandolo a Togliatti?

  7. Ci sono elementi di carattere teorico, relativi al pensiero gramsciano, e storici, ossia concernenti fatti accertati, che lascino intravedere una conversione politica, o una evoluzione verso la democrazia liberale?

  8. Come giudica l’interpretazione in chiave politico-metaforica delle lettere dal carcere divenuta corrente negli ultimi tempi?

  9. Quale peso oggettivo ebbero, a suo giudizio, le “censure” e i tagli operati nella prima edizione delle Lettere e nell’edizione tematica dei Quaderni ?

  10. Ritiene d’altro canto che la contrapposizione recentemente riproposta fra Gramsci e Turati abbia senso sul piano storico?

  11. Ritiene che la storiografia che si è occupata finora del PCI e di Gramsci si possa prevalentemente collocare nei ranghi della “storia sacra”? Ritiene che la storia sacra, e un suo uso pubblico, abbia comunque una sua legittimità? Da quale punto di vista?

  12. A quali condizioni è lecita una “storia indiziaria”?