Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Introduzione all’etica medica

 | 
Paola Premoli De Marchi

11. Le responsabilità del medico verso la società e verso il paziente

Texte intégral

1Nel capitolo precedente si sono elencati, oltre alla responsabilità personale, altri quattro aspetti essenziali dell’etica della professione: la responsabilità verso la collettività, la responsabilità nelle relazioni interpersonali, la capacità di lavorare in squadra e la competenza professionale. Dedichiamo questo capitolo a considerare le responsabilità del medico verso la società e verso il paziente.

Le responsabilità del medico verso la collettività

2Il medico opera sempre con due punti di riferimento: il paziente e la società. La sua professione, come già si è avuto modo di ripetere, riveste una particolare rilevanza a livello sociale. Da ciò deriva anche che a questa figura professionale siano demandati diversi compiti che riguardano la collettività. Il Codice di deontologia medica dedica diversi articoli a questo proposito: oltre agli obblighi già citati di intervenire in caso di emergenza o calamità e di svolgere una funzione di controllo e assistenza rispetto ai minori, agli anziani e ai disabili, vanno ricordati anche gli obblighi di operare a favore della tutela dell’ambiente e della salute pubblica, e di svolgere una corretta azione di informazione sanitaria e divulgazione scientifica.

a) La tutela della salute pubblica

  • 1 Cfr. anche il parere del CNB del 18 giugno 2004.

3Il medico ha l’obbligo di vegliare sulle condizioni ambientali che possono pregiudicare la salute dei cittadini e di partecipare a iniziative di prevenzione o promozione della salute pubblica. L’ambiente è rilevante per il medico nella misura in cui può influire sulla salute. La responsabilità del medico consiste allora nel promuovere una cultura favorevole a un utilizzo equilibrato delle risorse naturali, nell’appoggiare le iniziative di prevenzione, e nel verificare le condizioni degli ambienti di lavoro. Nell’articolo 5 Codice di deontologia si accenna anche alle «generazioni future»: è un’acquisizione della riflessione più recente la consapevolezza dei danni che un comportamento irresponsabile riguardo all’utilizzo delle nuove scoperte scientifiche e tecnologiche può avere anche a lungo termine. Anche se le generazioni future non potranno rivalersi contro quelle attuali per gli errori fatti, esiste una responsabilità verso quelli che verranno dopo. Su questo punto sono importanti le riflessioni già citate di Hans Jonas1.

4Come espresso nell’art. 6, il medico ha inoltre il dovere di tenere in conto anche dell’uso appropriato delle risorse e di rimuovere ogni forma di discriminazione (ossia di differenziazione arbitraria) dei cittadini riguardo all’accesso alle cure sanitarie. I criteri in base ai quali deve decidere sono: (a) le risorse a disposizione, sia quanto alle conoscenze scientifiche sia quanto alle strutture sanitarie disponibili, (b) la volontà espressa dal paziente, (c) le norme di giustizia.

5Nell’art. 74 si cita il dovere del medico di rispettare la legge riguardo ai trattamenti sanitari obbligatori, mentre nell’art. 75 si spiega il ruolo richiesto al medico riguardo alla prevenzione e la cura dei fenomeni, ormai di rilevanza sociale, di dipendenza da sostanze da abuso.

b) L’informazione sanitaria e la divulgazione scientifica

6È chiaro che l’oggetto dell’informazione sanitaria ha una particolare rilevanza morale a causa dei rischi gravi che una scorretta informazione può comportare sui singoli e sulla collettività. Al dovere del medico di offrire informazioni con prudenza, competenza e onestà intellettuale, sono dedicati tre articoli del Codice di deontologia medica, dal 55 al 57. La scorretta informazione è moralmente riprovevole quanto al suo oggetto, perché consiste in un attentato alla verità, quanto alle sue motivazioni, che in genere sono dovute a superficialità, lucro, o vanità, e quanto alle conseguenze, quali l’indurre altri a comportamenti che danneggiano la salute, al consumo di farmaci inutili, all’autodiagnosi, ecc.

7I criteri etici ai quali il medico si deve attenere sono: (a) l’obiettività e la veridicità del contenuto delle informazioni; (b) la correttezza, la chiarezza e l’efficacia del modo di comunicarle; (c) la prudenza nel divulgare risultati scientifici non ancora sufficientemente provati, soprattutto se possono ingenerare speranze infondate; (d) il divieto di patrocinio di operazioni pubblicitarie o promozionali di prodotti sanitari o commerciali.

Le responsabilità del medico verso il paziente

8Dedichiamo una maggiore attenzione alla questione del rapporto tra medico e paziente, perché essa è cruciale nell’esercizio della professione medica. L’acquisizione delle competenze necessarie per instaurare e mantenere nel modo più efficace questa relazione coinvolge molteplici discipline. Nostro compito è offrire qualche contributo riguardo agli aspetti filosofico-antropologico ed etico.

9Eccettuati rari casi, il medico ha sempre a che fare con pazienti che si trovano in una situazione di sofferenza fisica, psicologica e spirituale. Una riflessione non solo sulle dimensioni psicofisiche, ma anche sul significato filosofico del dolore, come esperienza che l’uomo subisce, e sulla sofferenza che scaturisce dalla consapevolezza e dalla presa di posizione della persona rispetto al dolore, è assai importante per comprendere in pieno il senso della professione medica e per impostare adeguatamente il rapporto tra medico e paziente.

10Il medico è dunque chiamato a rispettare il paziente proprio per il significato letterale del termine, in quanto è una persona che patisce, che soffre, e come tale la sua sofferenza sempre trascende il dolore momentaneo e ha ripercussioni globali sulla persona, sulla sua scala di valori, sul suo progetto di vita, sulla sua vita di relazione, sulla sua capacità lavorativa, ecc. Il più grande filosofo antico, Platone, nel Fedone già sembra aver colto l’effetto dirompente del dolore sull’uomo, che egli assimila a quello dei grandi piaceri:

Ogni piacere e ogni dolore, come se avesse un chiodo, inchioda e fissa l’anima nel corpo, la fa diventare quasi corporea e le fa credere che sia vero ciò che il corpo dice essere vero. (81 d-e)

11Platone poi aggiunge che questo «essere inchiodato» dell’anima al corpo rende l’anima incapace di giungere nell’Ade, nel regno dei morti e quindi la condanna a reincarnarsi in altri corpi. Al di là dell’immagine mitologica, qui Platone ha un’intuizione geniale. In primo luogo, afferma che il piacere può rendere schiavi. Fin qui non si tratta di niente di nuovo. Tranne alcune eccezioni, il pensiero filosofico è sempre stato abbastanza concorde nel sostenere che i piaceri non sono mali in sé, anzi hanno una componente positiva, però possono essere un pericolo, perché esercitano una forza di attrazione tale da poter soppiantare la volontà nel governare l’uomo, dunque a eliminarne la libertà e a renderlo schiavo. In fondo l’abuso di sostanze quali alcool e droga fa sperimentare proprio questo. Ma l’aspetto geniale del passo di Platone è di mettere in luce l’altro lato della questione: anche il dolore può rendere schiavi. Può schiacciare l’anima – la dimensione spirituale, dunque libera dell’uomo – sul corpo sofferente, fino a renderla incapace di agire come le è proprio. Così come nel caso dei piaceri, anche nell’esperienza del dolore c’è il rischio che l’anima venga «fissata con un chiodo» al corpo. Questa è la conseguenza più grave della sofferenza intensa sulla persona: quando è insopportabile, essa spodesta l’uomo dal ruolo di signore di se stesso.

  • 2 Melzak 1976.

12Se il medico comprende questo effetto esistenziale dirompente del dolore sulla persona, può comprendere anche perché il suo compito di curare il paziente e di alleviarne la sofferenza va ben oltre l’esecuzione di atti materiali nei suoi confronti. E capisce perché uno studioso ha scritto che «ci sono pochi problemi più degni dell’umana dedizione che il sollievo dal dolore e dalla sofferenza»2.

13Una seconda premessa per comprendere la relazione tra medico e paziente può essere la riflessione sulla relazione interpersonale in generale del filosofo Martin Buber (Vienna, 1878 - Gerusalemme, 1965), uno dei principali esponenti della filosofia dialogica.

14Così come Martin Heidegger, Buber distingue tra due tipi di relazioni: le relazioni Io-tu e le relazioni Io-esso. Le relazioni Io-esso implicano trattare le cose solo come oggetti, rispetto ai quali io agisco come soggetto, ma non come persona. Un esso è contemplato in modo neutrale, da spettatore, non si parla direttamente a lui. Ne sono esempio tutte le relazioni puramente strumentali con le persone e le cose. Io-tu, invece, si pronuncia come persona. In questo tipo di relazioni, chi le pone c’è con tutto il proprio essere e riconosce l’altro per ciò che è, dunque le persone come tali. Per esempio, posso trattare il bigliettaio della stazione secondo una relazione Io-tu, se nel rivolgermi a lui lo considero come persona e non solo come essere che esercita una funzione, oppure lo posso trattare secondo una relazione Io-esso, se mi rivolgo a lui esattamente come farei con la macchinetta automatica che fornisce i biglietti. La mia relazione potrà rispettare le esigenze della giustizia solo nel primo caso, nel quale è presente il riconoscimento della dignità di essere personale dell’altro.

15Questa distinzione si può applicare anche alle relazioni interpersonali della professione medica. In generale, se ha di fronte una persona, il medico non può limitarsi a trattarla come una cosa. Nello stesso tempo, tuttavia, il medico è chiamato a svolgere un compito nei confronti del paziente che gli richiede anche un atteggiamento «oggettivo», scientifico, perché si tratta di una prestazione professionale, che ha per oggetto la salute del paziente stesso. Si può allora dire che la relazione tra medico e paziente deve essere improntata a un equilibrio tra l’atteggiamento «Io-tu», nel quale si riconosce e si rispetta la dignità personale del destinatario dall’attività diagnostica e terapeutica, e l’atteggiamento «Io-esso», nel quale si mettono in atto le proprie competenze professionali per risolvere il problema concreto riguardante la salute del paziente, mantenendo un ragionevole distacco dalle ansie e dalle incertezze del malato e senza interferire con le sue convinzioni personali, politiche, religiose o di altro tipo.

a) I diritti del paziente

16Anche il Codice di deontologia medica italiano riflette il dibattito etico attuale sul rapporto tra medico e paziente che, come si è accennato nel capitolo 9, verte soprattutto sulla contrapposizione tra due concezioni, quella del paternalismo del medico (che si intende superare) e quella dell’autonomia del paziente (che si vuole affermare). Ciò emerge già dal fatto che in esso il termine «paziente» è stato sostituito dal termine «cittadino». In questo modo si vuole sottolineare la volontà di non intendere più il malato come un essere passivo e si intende richiamare di conseguenza il dovere del medico di instaurare una relazione in cui il malato è protagonista.

17Come si è già in parte visto, lo sforzo di valorizzare la volontà del paziente può essere inteso in modi diversi. Per alcuni va infatti interpretata (a) come il diritto del paziente ad avere voce in capitolo nelle decisioni che riguardano la propria salute, e dunque a essere informato e interpellato a consentire riguardo alle scelte diagnostico-terapeutiche. Per altri, invece va inteso come (b) come il diritto del paziente a diventare l’unico e vero responsabile del processo decisionale, fino alla pretesa che il medico soddisfi sempre e comunque le richieste del paziente, fatto salvo il diritto di quest’ultimo all’obiezione di coscienza. Nella sua accezione più radicale, il medico dovrebbe limitarsi ad accogliere le richieste del paziente ed eseguirle.

18Tra queste due posizioni c’è una differenza sostanziale che si ripercuote sul modo di intendere la relazione tra me-dico e paziente. Da un lato, infatti, tale relazione viene intesa come (a) come un’alleanza terapeutica, nella quale medico e paziente operano insieme a definire il bene del paziente. Nell’altro caso (b), invece, la relazione è intesa come un rapporto contrattuale nel quale entrambe le parti si devono tutelare, il paziente dalle ingerenze indebite del medico, il medico dalle pretese del paziente e dal rischio di azioni legali. La relazione è dunque considerata come uno scontro tra interessi – dunque potenzialmente conflittuale –, in cui il malato deve essere tutelato, come parte debole. Entrambe le posizioni contengono degli elementi di verità e presentano dei rischi. L’alleanza terapeutica è certamente la forma ideale di relazione tra medico e paziente, ma presuppone la disponibilità a collaborare e il rispetto delle norme etiche da entrambe le parti. Quando ciò non si realizza, è evidente che diventa difficile arrivare a concordare una strategia comune di intervento. La concezione conflittuale allora risponde ai casi in cui tale alleanza non può realizzarsi, ma deve fare i conti con due problemi: da una parte, nella maggioranza dei casi il paziente non ha la competenza per decidere da solo sulla propria salute, dall’altra, il medico che si pone sempre come antagonista dei suoi pazienti tende ad assumersi sempre meno le responsabilità che gli competono, e può addirittura arrivare ad abbandonare il paziente a se stesso.

19La tutela dell’autonomia del paziente è presente nel Codice di deontologia medica sia nell’art. 33, laddove si afferma che «la documentata volontà della persona assistita di non essere informata o di delegare ad altro soggetto l’informazione deve essere rispettata», sia nell’art. 38, che collega l’autonomia del cittadino alle dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT).

Art. 38 Autonomia del cittadino e direttive anticipate – Il medico deve attenersi, nell’ambito dell’autonomia e indipendenza che caratterizza la professione, alla volontà liberamente espressa dalla persona di curarsi e deve agire nel rispetto della dignità, della libertà e autonomia della stessa. Il medico, compatibilmente con l’età, con la capacità di comprensione e con la maturità del soggetto, ha l’obbligo di dare adeguate informazioni al minore e di tenere conto della sua volontà. In caso di divergenze insanabili rispetto alle richieste del legale rappresentante deve segnalare il caso all’autorità giudiziaria; analogamente deve comportarsi di fronte a un maggiorenne infermo di mente.

20Per impostare correttamente la questione delle dichiarazioni anticipate di trattamento è importante tenere presente la «terna» di criteri da noi indicati per commentare l’art. 6 del codice: il medico deve conciliare la volontà del paziente, della quale ha il dovere di tener conto, con le norme di giustizia (le leggi, ma anche i diritti degli altri cittadini) e con le conoscenze e le risorse disponibili. Il diritto del paziente a esprimere le proprie volontà riguardo agli interventi che riguardano la propria salute, infatti, deve essere coniugato sia con le esigenze della comunità in cui si vive sia con il contributo che solo il medico con la propria competenza può dare.

21Il diritto all’autonomia del cittadino ha come limite il diritto all’obiezione di coscienza del medico, di cui si è parlato nel capitolo 8 (art. 22; cfr. anche l’art. 13). Il paziente ha comunque diritto a essere adeguatamente informato, ma anche a non essere informato, come appena visto, a scegliere il medico e il luogo di cura (art. 27); a cambiare medico in caso di venir meno del rapporto di fiducia (art. 28); a decidere chi può essere informato delle sue condizioni (art. 34); a rifiutare di nutrirsi (art. 53).

Art. 53 Rifiuto consapevole di nutrirsi – Quando una persona rifiuta volontariamente di nutrirsi, il medico ha il dovere di informarla sulle gravi conseguenze che un digiuno protratto può comportare sulle sue condizioni di salute. Se la persona è consapevole delle possibili conseguenze della propria decisione, il medico non deve assumere iniziative costrittive né collaborare a manovre coattive di nutrizione artificiale, ma deve continuare ad assisterla.

22All’interno del dovere di rispettare la libertà del paziente di inserisce il dovere di richiedere il suo consenso, dopo averlo informato, prima di intraprendere ogni attività diagnostica e terapeutica. Il consenso dunque è ottenuto in modo corretto se:

  1. il paziente è capace di intendere e di volere oppure è rappresentato da qualcuno che ne ha diritto;
  2. il paziente (o il suo rappresentante) è stato correttamente informato;
  3. non è sottoposto a costrizioni o pressioni esterne che pregiudichino la decisione;
  4. è libero di revocare il consenso, a parte il caso di grave necessità.
  • 3 Israel L. 2007, p. 50.

23Si è già avuto modo di vedere che il concetto di autonomia è autentico e ragionevole quando indica l’espressione della libertà della persona ed è orientata al bene autentico del paziente. È dunque giusto e doveroso che il paziente venga fatto partecipare alle decisioni terapeutiche che lo riguardano e che venga richiesto il suo consenso. Ma ciò, lungi dal deresponsabilizzare il medico, piuttosto carica il medico della responsabilità di aiutare il paziente a cogliere nel modo più completo possibile l’oggetto, le conseguenze e le circostanze dell’atto medico al quale gli è chiesto di acconsentire. E questo compito deve essere svolto sia in rapporto a interventi medici complessi e vitali, sia per atti terapeutici semplici e banali. Il paziente ha sempre il diritto di conoscere per decidere, ma anche a essere tranquillizzato rispetto a timori infondati e ansie ingiustificate. Non si tratta di esercitare una coercizione sul paziente, bensì al contrario, di offrirgli gli elementi per arrivare a una decisione realmente libera. E proprio da qui è possibile porre le basi per quel rapporto di fiducia tra medico e paziente, che permette al paziente di percepire l’intervento del medico come motivato dalla beneficialità, dall’intenzione di operare ciò che è bene per lui. Lucien Israel, il medico francese che abbiamo già citato racconta di un paziente che arrivò da lui in condizioni molto critiche, con diverse metastasi. La cura sarebbe stata molto pesante da sopportare e Israel spiegò al paziente la cosa con chiarezza. La risposta del paziente fu: «Dottore, farò tutto quello che mi dice, perché da quando ho il tumore, lei è il primo medico che mi guarda negli occhi»3.

24Il dibattito che intende superare il paternalismo a favore dell’autonomia del paziente rischia di considerare la relazione unicamente alla luce dei diritti del malato e dei doveri del medico, tralasciando completamente la questione se nella stessa relazione medico-paziente, ci siano dei doveri del malato e dei diritti del medico. La ragione di questo fatto è naturalmente che la relazione tra medico e paziente è per sua natura asimmetrica, perché è tra una persona sofferente e colui o coloro che possono alleviare o risolvere la situazione di sofferenza in virtù di una competenza della quale il malato è privo: è evidente che il paziente è la parte più debole e bisognosa di tutela.

25Si può d’altra parte riflettere sulle condizioni di possibilità che sono necessarie, da parte del paziente, perché la relazione col medico sia sana ed efficace. Per esempio, è essenziale che dia informazioni veritiere al medico, che chieda spiegazioni se non comprende le sue indicazioni, che segua le prescrizioni per quanto attiene alle sue possibilità, che rifletta sui pregiudizi ingiustificati che possono influenzare il suo atteggiamento verso il medico, ecc. Una questione importante riguarda, per esempio, se e fino a che punto il desiderio di ottenere risarcimenti economici possa pregiudicare l’obiettività della valutazione che i pazienti danno delle cure ricevute e di riflesso, se il timore di azioni legali da parte dei pazienti influenzi le decisioni dei medici. Il nostro corso non riguarda l’etica del paziente, bensì quella del medico, ma tra le due ci sono, come si vede, delle implicazioni reciproche. Così come, nella relazione tra medico e paziente entrano anche le relazioni di entrambi con i familiari del paziente, che hanno un diritto a essere informati, oltre che un dovere di prendersi cura del loro congiunto, per quanto è loro possibile. L’etica medica nella sua completezza quindi non si riduce ai doveri del medico e ai diritti del paziente, ma include i diritti e i doveri reciproci tra medico, paziente, familiari e società.

b) Riflessioni filosofiche sulla relazione medico-paziente

26Per comprendere in che modo il medico può entrare nella relazione col paziente, rispettando la sua dignità personale, può essere utile richiamare una riflessione di Emmanuel Mounier, uno dei maggiori rappresentanti del personalismo contemporaneo, corrente della filosofia che intende porre, come indica già il termine, la persona al centro.

  • 4 Mounier 1999.

27Nell’opera il personalismo, egli afferma che la caratteristica fondamentale dell’essere umano è la comunicazione4 Per comunicazione egli intende in senso ampio tutte le relazioni umane, dunque non solo lo scambio di informazioni, ma anche ciò che riguarda il condividere, l’amare, l’avere legami affettivi. Anche se la dimensione relazionale è cruciale per la realizzazione della persona, Mounier riconosce che il mondo dei rapporti umani è spesso ben lontano dall’essere il regno della concordia e della comunicazione. Più di frequente, è intessuto di lotte, competizioni, prevaricazioni, chiusure, degradazioni dell’umanità di ogni genere. Mounier elenca una serie di ostacoli che rendono difficile l’instaurarsi della relazione, che si possono applicare alla relazione tra medico e paziente.

28In primo luogo, c’è il bisogno di possedere e sottomettere. Si può osservare che questo è all’origine della maggior parte delle guerre, ma è anche una sottile tentazione nei rapporti interpersonali. L’atteggiamento paternalistico del medico che ignora i desideri e le preferenze del paziente, imponendo le proprie decisioni senza informarlo o consultarsi con lui, è frutto di questa tendenza.

29In secondo luogo, Mounier indica la difesa della propria intimità. Questa entra soprattutto quando le relazioni implicano un coinvolgimento affettivo. È evidente che nell’ambito della professione esiste una difesa della propria intimità del tutto legittima, alla quale la nozione di privacy vuole garantire una tutela legale e che emerge nella distinzione tra vita privata e vita professionale. Tuttavia, esiste un rischio insito nella tendenza a difendere la propria interiorità al punto da escludere qualsiasi coinvolgimento personale nella vita professionale, perché ciò rende impossibile ogni rapporto. Anche nel medico, la necessità di mantenere un atteggiamento distaccato e obiettivo deve conciliarsi con l’esigenza di entrare in una vera relazione con il paziente, senza la quale è impossibile comunicare davvero con lui.

30In terzo luogo, Mounier fa riferimento ai limiti che l’altro impone alla nostra libertà. Il fatto che ogni rapporto interpersonale includa dei limiti alle proprie azioni crea una resistenza a creare rapporti, e soprattutto nei confronti dei legami che ogni rapporto porta con sé. In ambito medico, ciò si può osservare nella difficoltà di affrontare con equilibrio situazioni come patologie dal decorso molto lungo, diagnosi infauste, insuccessi, ecc. Diventa allora necessario per il medico trovare delle vie per «staccare» dalla pressione psicologica che la professione esercita sulla sua vita. Si può dire che il riposo è per lui un dovere morale in senso più forte che in altre professioni, perché è una condizione necessaria per mantenere l’equilibrio psichico necessario a svolgere il suo lavoro. Dall’altra parte, però, egli ha scelto una professione che oggettivamente implica una peculiare dipendenza dagli altri e ciò gli impone dei doveri morali di disponibilità, ascolto e compassione, assai più gravi che in altri tipi di professioni.

31Infine, Mounier indica come quarto ostacolo lo spirito di competizione. Questo si può presentare in ambito medico, nella tendenza a considerare il paziente unicamente come «caso», grazie al quale dimostrare le proprie capacità professionali, oppure come oggetto di rivalità e gelosia tra colleghi.

  • 5 Con riferimento esplicito a Buber, Mounier ricorda che il tu e il noi sono esperienze più originar (...)

32Mounier elenca anche quattro conseguenze che derivano da questi ostacoli, che sono reazioni ingenerate nell’uomo dalle situazioni descritte. Queste sono: gli atteggiamenti di autodifesa, il rifiuto di qualsiasi contatto, l’accettazione del ruolo di vittima, o al contrario di riduzione degli altri a immagine riflessa di se stessi. Tutte queste sono forme di depersonalizzazione che costituiscono un pericolo particolarissimo nella professione medica. La risposta di Mounier a queste degenerazioni della capacità relazionale umana è la necessità che l’individuo impari a decentrarsi, a distogliere la sua attenzione da se stesso e ad aprirlo all’esterno5. L’autentica comunicazione, dunque, implica cinque passi:

  1. Uscire da sé: solo chi diventa «disponibile per gli altri», vincendo l’egocentrismo, può entrare in una relazione comunicativa.
  2. Comprendere: significa sapersi mettere dal punto di vista degli altri, senza considerarli in modo generico o solo come alter ego. Comprende chi coglie la singolarità dell’altro.
  3. Prendere su di sé: significa farsi carico degli altri, «assumere il destino, la gioia, il dovere degli altri, sentir male al proprio petto».
  4. Dare: proprio della persona non è rivendicare o lottare, ma è donare gratuitamente, con generosità. Mounier afferma che «l’economia della persona è un’economia di offerta, non di compensazione o di calcolo». E subito dopo aggiunge che «la generosità annulla la solitudine […] anche quando non trova risposta», cioè anche quando non è ricambiata.
  5. Essere fedele: la persona non è solo capace di agire nell’istante. Ma sa anche essere fedele. Questo non significa stare immobili, bensì continuare ad agire, impegnarsi. La continuità è tutt’altro che passività; è segno della capacità di perdurare e continuare dell’uomo.

33La risposta al rischio del paternalismo da parte del medico va dunque ricercata non nell’abbandono del paziente a se stesso, ma nella ricerca di una relazione interpersonale pro-fonda con il paziente, fondata sulla stima e la fiducia reciproca. Questa riflessione può servire come sfondo per leggere le parti del Codice di deontologia medica che riguardano il rapporto tra medico e paziente.

c) Il Codice e il rapporto medico-paziente

34L’ambito del rapporto tra medico e paziente trova il suo primo principio di riferimento negli articoli 3 e 20, nei quali si afferma il dovere del medico di rispettare i diritti fondamentali della persona, qualunque sia la sua condizione.

Art. 3 Doveri del medico – Dovere del medico è la tutela della vita, della salute fisica e psichica dell’Uomo e il sollievo dalla sofferenza nel rispetto della libertà e della dignità della persona umana, senza discriminazioni di età, di sesso, di etnia, di religione, di nazionalità, di condizione sociale, di ideologia, in tempo di pace e in tempo di guerra, quali che siano le condizioni istituzionali o sociali nelle quali opera.

Art. 20 Rispetto dei diritti della persona – Il medico deve improntare la propria attività professionale al rispetto dei diritti fondamentali della persona.

35Il secondo principio fondamentale che deve regolare il rapporto tra medico e paziente scaturisce da quanto affermato sulla relazione tra intelligenza e volontà, quando si è detto che solo chi è capace di intendere è capace di volere: il rispetto dell’altro come soggetto richiede che lo si ponga nelle condizioni di partecipare con consapevolezza al proprio iter diagnostico e terapeutico. Da qui il dovere del medico di informare adeguatamente il paziente (art. 33). Tale dovere è vincolato alla volontà del paziente di conoscere la verità e assume una rilevanza particolare a seconda dell’oggetto dell’informazione, per esempio in caso di diagnosi infausta, di patologia invalidante o cronica, etc, e del destinatario, del suo temperamento, del rapporto col medico, ecc. Dietrich von Engelhardt – da non confondere con l’omonimo che abbiamo citato in riferimento al relativismo etico – parla di «offerta differenziata» nel modo di informare il paziente sulla sua malattia mortale: si tratta di comunicare in parte la diagnosi e di osservare se il paziente desidera conoscere tutta la verità o no, lasciando a lui la decisione di quanto sapere.

36L’obbligo al rispetto del segreto professionale (artt. 1012) è un’applicazione del diritto alla riservatezza che ogni persona possiede, riguardo a ciò che attiene alla sua intimità, alla sua vita privata, la sua famiglia, la sua reputazione, la sua salute. La condizione di fragilità nella quale il malato si trova, fa sì che questo diritto meriti nel suo caso un particolare rispetto. La violazione del dovere di mantenere il segreto professionale comporta un attentato al rapporto di fiducia tra medico e paziente e alla ragionevole aspettativa da parte del medico a ricevere informazioni veritiere da parte del paziente stesso. È punita anche dal Codice penale, a eccezione dei casi in cui sia fatta per adempiere un dovere imposto dalla legge o a un ordine legittimo dell’autorità pubblica, per esempio laddove vi è un obbligo di denuncia sanitaria, di certificazione, di referto, ecc.

37Riguardano poi i doveri del medico rispetto al paziente, quello di garantire la continuità delle cure (art. 23), e dunque di trovare un sostituto nel caso sia impossibilitato a seguire il paziente, o anche non sia capace di farlo, così come il dovere di assistere il paziente inguaribile. Ha poi un dovere di tutela dei soggetti fragili (art. 32), di lasciare libertà di scelta quanto al medico e al luogo di cura (art. 27), la correttezza in caso di venir meno del rapporto di fiducia (art. 28), il divieto di mettersi in situazioni che possono costituire per lui un conflitto di interessi (artt. 30-31), l’assistenza al malato inguaribile (art. 39).

38In breve, l’etica della professione riguardo al rapporto medico-paziente si basa sull’assunto che, per un buon esito dell’intervento del medico, sono necessarie, accanto alle competenze tecniche, anche molte qualità umane che coinvolgono aspetti della psicologia, della pedagogia, ma anche etico-antropologici.

Notes

1 Cfr. anche il parere del CNB del 18 giugno 2004.

2 Melzak 1976.

3 Israel L. 2007, p. 50.

4 Mounier 1999.

5 Con riferimento esplicito a Buber, Mounier ricorda che il tu e il noi sono esperienze più originarie dell’io, e che il bambino impara a dire tu prima di dire io, infatti «la prima esperienza della persona è l’esperienza della seconda persona: il tu, e quindi il noi, viene prima dell’io, o perlomeno lo accompagna. È nella natura materiale (alla quale parzialmente noi siamo sottomessi) che regna l’esclusione, in quanto uno spazio non può essere occupato due volte; la persona, invece, attraverso il movimento che la fa esistere, si espone, cosicché è per natura comunicabile, ed è anzi la sola ad esserlo. […] Quando la comunicazione si allenta e si corrompe, io perdo profondamente me stesso: ogni follia è uno scacco al rapporto con gli altri: l’alter diventa alienus, ed io a mia volta divento estraneo a me stesso, alienato. Si potrebbe quasi dire che io esisto soltanto nella misura in cui esisto per gli altri, e, al limite, che essere significa amare» (Mounier 1999, p. 46).